Quando è nata internet?

Continua, come ogni mercoledì, il ciclo di approfondimenti e interviste della rubrica “Educazione Digitale” del Blog delle Stelle. Questa settimana proponiamo un estratto dell’articolo di Biagio Simonetta, pubblicato su Il Sole 24 Ore


Era il 29 ottobre del 1969 quando fu effettuata la trasmissione di un primo pacchetto di dati tra due computer: uno posto all’università di Los Angeles, l’altro al Research Institute di Stanford.

1969 – L’anno di Arpanet

La rete si chiamava Arpanet, e fu progettata dal Dipartimento di Difesa americano. Per questo secondo alcuni non può essere considerato il giorno di Internet, che invece arriverà – col suo protocollo TCP/IP – solo più avanti. Ma è la tecnologia che conta. E quel giorno, per la prima volta, due computer distanti si scambiarono dei dati. Arpanet era l’acronimo di Advanced Research Project Agency, agenzia per i progetti di ricerca avanzata per il Dipartimento della Difesa.

La velocità di connessione che consentì lo scambio di dati fu di 50 kbps (che è circa 2700 volte più lento rispetto alle connessioni a banda larga che abbiamo oggi). La prima trasmissione doveva veicolare la parola “Login”, ma il sistema riuscì a trasmettere solo le prime due lettere, e quel “Lo” divento famoso con gli anni. Il messaggio completo fu poi inviato con successo circa un’ora più tardi.

1974 – L’arrivo dei protocolli

Col passare del tempo, Arpanet diventò sempre più diffusa. I nodi che collegavano in principio solo Los Angelese e Santa Clara, si allargarono a macchia d’olio. E qualche anno dopo era arrivato il momento di darsi delle regole. Era necessario un linguaggio comune. Così, nel 1974, gli informatici Vint Cerf e Bob Kahn, presentarono al mondo il Transmission Control Protocol (TCP) e l’Internet Protocol (IP). Grazie a questi protocolli venne definito lo standard che serviva per trasferire pacchetti di dati.

1989 – Nasce il World Wide Web

Devono passare ancora molti anni, però, affinché Internet diventi qualcosa di più che un sistema di interscambio fra accademici. Un’altra tappa fondamentale la si registra nel 1989, quando nei laboratori del CERN, a Ginevra, nasce il World Wide Web (WWW). È uno scienziato britannico a tirar fuori dal cilindro questa invenzione, Tim Berners-Lee. L’idea vincente è quella di formare una rete formata da collegamenti ed ipertesti (cioè link). Ci vorrà il 1991 per vedere i primi frutti: Internet comincia ad essere qualcosa di simile a quello che conosciamo. Dal browser agli indirizzi (url), fino ai link. La rivoluzione entra nel vivo e diventa più vicina a tutti. Nel 1993, poi, il Cern decide di rendere disponibile il protocollo del World Wide Web in maniera gratuita.

Oggi

A distanza di 50 anni da quel primo collegamento fra due computer, Internet è diventata la più grande scoperta degli ultimi secoli dopo l’energia elettrica. Oggi il web ha cambiato le nostre abitudini, i nostri lavori, i rapporti con le altre persone, i nostri spostamenti. Più semplicemente, le nostre vite. Quella in cui viviamo è a tutti gli effetti una società connessa.


Leggi i precedenti articoli della rubrica “Educazione Digitale”

• L’EDUCAZIONE DIGITALE E IL MONDO DELLA SCUOLA • 

• EDUCAZIONE DIGITALE: PARTE LA RUBRICA PER NAVIGARE SUL WEB IN MODO SICURO E CONSAPEVOLE – di Barbara Floridia
• NELLE SCUOLE DEL 2020 NON SI IGNORI L’ALFABETO DIGITALE – Intervista al Ministro Lucia Azzolina
• LA ROBOTICA EDUCATIVA E LE NUOVE FRONTIERE DELL’ISTRUZIONE – Intervista a Francesco Paolicelli
• SCUOLA 4.0: INTERNET RISORSA O PERICOLO PER I NOSTRI RAGAZZI? – Intervista a Daniele Grassucci di Skuola.net
• SCRIVIAMO INSIEME IL PIANO DIGITALE EUROPEO PER LA SCUOLA DEL FUTURO – l’intervento di Isabella Adinolfi

 

• SICUREZZA SUL WEB •

• I QUARTIERI BUI DEL WEB: QUALI RISCHI PER I MINORI? – Intervista al Prof. Uberto Zuccardi Merli
• COME IMPOSTARE UN COMPUTER PER NAVIGARE IN SICUREZZA – Intervista a Riccardo Meggiato

 

• IL CORONAVIRUS E LA DEMOCRAZIA 2.0 • 

• PERCHÈ IL CORONAVIRUS CAMBIERÀ PER SEMPRE LA SCUOLA CHE CONOSCIAMO – di Enrica Sabatini
• COME REALIZZARE UN CONSIGLIO COMUNALE ONLINE – di Ignazio Corrao
• UN’EMERGENZA ANCHE PSICOLOGICA. L’INIZIATIVA DI #PSICOLOGIONLINE – Intervista a David Lazzari
• DALL’EMERGENZA ALL’ECCELLENZA: LA NUOVA SFIDA PER I COMUNI – di Domenico Surdi

 

• EDUCAZIONE DIGITALE: LE INIZIATIVE DEI PRINCIPALI PLAYER DEL WEB •

• GOOGLE, INFORMAZIONI E STRUMENTI UTILI PER L’EMERGENZA CORONAVIRUS 
• MICROSOFT, INFORMAZIONI E STRUMENTI UTILI PER L’EMERGENZA CORONAVIRUS
• L’OPEN SOURCE AL SERVIZIO DELL’EMERGENZA – Intervista agli ideatori di iorestoacasa.work  
• I SOCIAL AI TEMPI DEL CORONAVIRUS – Intervista all’esperto di Facebook Italia

 

• LA LIBERTÀ NELLA RETE, LA LIBERTÀ DELLA RETE •

• IL PAESE DIGITALE – Intervista all’ambasciatrice dell’Estonia
• SCONTRO TRUMP – TWITTER: IN GIOCO C’È IL FUTURO DEL WEB – L’intervento di Guido Scorza
• TRUMP, TWITTER E I SOCIAL: PERCHÉ BISOGNA MODERNIZZARE LE REGOLE DELL’INTERNET – L’intervento di Innocenzo Genna  
• SE LA POLITICA USA INTERNET CONTRO LA DEMOCRAZIA 


• APPROFONDIMENTI •

• L’EDUCAZIONE DIGITALE FA RIMA CON EDUCAZIONE AMBIENTALE – Intervista a Massimo Di Felice
FIGLI DEL LIBRO NELL’EPOCA DEI NATIVI DIGITALI: EDUCAZIONE DIGITALE DEGLI ADULTIIntervista a Paolo Ferri
• É POSSIBILE GARANTIRE IL PLURALISMO DELL’INFORMAZIONE SU INTERNET? – Intervista ad Antonio Vecce

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr