L’Economia ai tempi del Coronavirus – 700 interventi contro la crisi a confronto

Per la rubrica del Blog delle Stelle “L’Economia ai tempi del Coronavirus”, abbiamo intervistato Cameron Hepburn professore australiano di Economia ambientale all’Università di Oxford e alla London School of Economics and Political Science. È anche direttore del programma Economics of Sustainability presso l’Institute for New Economic Thinking della Oxford Martin School.


Davide Casaleggio: Grazie per essere con noi oggi. Ho letto il suo rapporto molto interessante su ciò che gli Stati dovrebbero fare oggi per far riprendere l’economia e avere un impatto sull’economia. Può dirci come ha condotto questo studio?

Cameron Hepburn: C’è una rivista meravigliosa a Oxford chiamata Oxford Review of Economic Policy che risponde agli eventi dal vivo, e noi come rivista stiamo producendo un numero sul COVID-19 e sulle conseguenze, sull’impatto economico e così via. Quindi ciò che riguarda commercio, lavoro, migrazione, politica fiscale, politica militare e,naturalmente, anche i cambiamenti climatici. Quindi questo documento è stato commissionato per quella rivista.

Abbiamo iniziato a pensare agli effetti a corto, medio e lungo termine del virus, la pandemia, sul cambiamento climatico.

Gli effetti a breve termine sono abbastanza semplici: l’attività economica è crollata a causa dei lockdown ma la cosa ha ridotto le emissioni di tutti i tipi di inquinanti, compresa la CO2. Ma ha anche avuto un impatto sui prezzi del petrolio che ha avuto un impatto sullo sfruttamento delle energie rinnovabili.

Il pezzo a medio termine è stato il pezzo più interessante e lì, insieme al mio dottorando, Brian O’Callaghan, e i colleghi di Cambridge, Dimitri Zenghelis, LSC, Nick Stern, e Columbia, Joseph Stiglitz, abbiamo trascorso gran parte del nostro tempo a pensare come i governi avrebbero potuto rispondere. L’abbiamo fatto dando un’occhiata ai 700 diversi interventi proposti o attuati dopo la crisi finanziaria, ma anche analizzando circa 230 economisti in enti governativi, tesorerie o banche centrali, che possono essere influenti nella determinare le politiche di recupero. Proprio per avere un senso di ciò che probabilmente succederà. Quindi, ciò è stato abbastanza interessante. Non posso dire di più al riguardo in questo momento,e questa è la parte a medio termine.

E poi, a lungo termine, c’è un grande cambiamento che tutti dobbiamo sopportare. Stiamo facendo questa intervista in modi in cui forse non avremmo potuto fare qualche anno fa.E la domanda è quanto durerà quel cambiamento. Quanto lavoro rimarrà a distanza? Saliremo di nuovo tutti su aerei e macchine una volta che i lockdown saranno stati eliminati? A un livello più grande, cosa succederà alla società internazionale? Cosa succederà all’Organizzazione Mondiale della Sanità? Cosa succederà al rapporto tra la Cina a America ed Europa? Quali saranno le conseguenze sul cambiamento climatico e la diplomazia dei cambiamenti climatici? Quindi, inevitabilmente,quella terza parte è un po più difficile. Quindi, abbiamo elaborato il documento è stato uno dei periodi di lavoro più intensi che abbia avuto negli ultimi anni.

Avevamo un grande team di ricercatori che lavorava con noi a Oxford per realizzarlo. E siamo lieti di essere riusciti a farlo uscire per creare discussione così rapidamente.

DC: Cosa pensa che accadrà nell’economia e nell’ambiente a causa di questo periodo del Coronavirus?

CH: Beh, abbiamo già visto oltre 7 trilioni di dollari statunitensi di denaro statale andare nell’economia solo per mantenere le persone in vita, nutrirle. Con i redditi, mantenere i lavori,e la solvibilità e la liquidità delle imprese.

È una specie di fase uno, questa fase di salvataggio. La grande domanda, per me, è: cosa succede nella fase di recupero? Perché sappiamo che, anche con il salvataggio, abbiamo oltre 30 milioni di disoccupati in America, oltre 100 milioni di disoccupati in India, e un gran numero di disoccupati in tutto il mondo. I governi dovranno creare posti di lavoro su larga scala nel prossimo anno o due. E sappiamo anche che i livelli di debito pubblico aumenteranno in modo significativo con la spesa pubblica per cercare di ripristinare l’attività economica.

Quindi quello che stiamo analizzando è quale tipo di politiche è probabile che abbiano i tipi di funzionalità che si vogliono, economicamente parlando, nei prossimi mesi e anni. Si vogliono politiche che abbiano un grande moltiplicatore economico, quindi per un euro di denaro pubblico, quanti dollari ricevi in termini di reddito nazionale complessivo?

Si vogliono politiche che siano relativamente veloci ad agire. Non ha senso investire ora per una risposta nell’economia fra cinque o dieci anni, quando saremo, si spera, di nuovo a pieno regime. E ci vogliono politiche che non ci lascino in una sorta di altro caos dopo la crisi. 

Si deve pensare a quale tipo di cambiamenti strutturali nell’economia stanno arrivandoNon si tratta solo di cambiamenti climatici, si tratta anche di preparare le nostre forze lavoro per più automazione, più robotica, più intelligenza artificiale.

Ci sono moltissime di queste altre grandi tendenze per cui dobbiamo essere pronti. Ma ovviamente, il cambiamento climatico è una grande di queste. E per questo motivo, mentre guardiamo attraverso la gamma di diverse politiche di stimolo precedenti,ce ne sono alcune che sono rilevanti per il cambiamento climatico e ne abbiamo incluse alcune nel sondaggio che abbiamo proposto agli economisti coinvolti.

DC: Quindi sta parlando di 700 possibili politiche che gli Stati possono utilizzare. Può darci alcuni esempi di politiche che gli Stati non dovrebbero utilizzare, in base al suo studio?

CH: Beh, una delle cose più interessanti per me, in realtà, è la politica meno favorita di tutti i 25 tipi che abbiamo proposto a questi economisti e funzionari del governo: il  salvataggio incondizionato dell’industria aeronautica. Ai funzionari non è piaciuto per il suo moltiplicatore economico, la sua desiderabilità generale. E ovviamente, se [l’aiuto ndr] è incondizionato, non è così eccezionale neanche per il clima.

DC: A quali condizioni pensa quando dice “incondizionato”?

CH: Una volta che prendi denaro pubblico, su larga scala, per salvare un settore, è ragionevole per lo Stato chiedere qualcosa in cambio. In questo caso, l’industria dell’aviazione è già un emettitore crescente di inquinamento e anidride carbonica per i gas serra e per il riscaldamento globale. Ad oggi, l’industria aeronautica è stata, a dire il vero, piuttosto lenta rispetto ad altri settori nel capire come scendere a zero emissioni.

E penso che, se l’industria otterrà una grande quantità di denaro pubblico, è del tutto ragionevole dire che con i soldi arriva l’aspettativa che stai per riformare, che hai un piano su come arrivare a un’industria aeronautica pulita. E dicendo, come siamo al momento, che praticamente continui come al solito e comprerai alcuni offset per coprire qualsiasi aumento delle emissioni da adesso, che è il tipo di piano predefinito, davvero non è sufficiente. Quindi penso che sarà una condizione ragionevole da aggiungere. E un modo per garantire che la condizione abbia seguito è dire che se non si raggiungono gli obiettivi stabiliti, allora il debito può convertirsi a una sorta di insieme di termini, che sono ragionevoli ma favorevoli al contribuente,in una causa di equità nel settore.

DC: Quindi questo è un esempio di cosa non si dovrebbe fare. Ci sono alcuni esempi di cosa si dovrebbe fare e che avrà un impatto positivo sull’economia, sul lavoro, o anche nell’ambiente?

CH: Sì,ci sono alcune buone opzioni per i governi. Molte riconversioni e riqualificazione saranno necessarie mentre la struttura dell’economia cambia. Se sei disoccupato è un buon momento per riqualificarsi. Quindi [bisogna investire in ndr] informazione e istruzione. 

I sistemi sanitari hanno subito un duro colpo. Probabilmente sono già a corto di soldi, e sono degni di investimento. Hanno moltiplicatori abbastanza grandi, perché, se aumenti la salute della tua popolazione, aumenti la produttività. Sai, se aumenti le abilità e l’istruzione di una forza lavoro,aumenti la produttività. Quindi queste sono ottime politiche.

Allo stesso modo, l’infrastruttura che consente alle persone di connettersi tra loro a basse emissioni, in modo non inquinante, come le reti mobili 5G, Internet a banda larga. 

Molti Paesi non hanno la connettività di livello che dovrebbero avere idealmente. Quindi è un ottimo momento per costruire le connessioni. 

Allo stesso modo, c’è molto che possiamo fare per l’ambiente. Sappiamo che gli impatti climatici stanno arrivando. Sappiamo che avranno un aspetto diverso in diversi Paesi. Dove sono ora ad Oxford, abbiamo un problema di inondazioni, per esempio.

E un modo per affrontare il problema delle inondazioni è assicurarsi che tu abbia pensato al bacino e abbia piantato il giusto tipo di specie e alberi, e rigenerato gli ecosistemi in modo che la natura stessa possa contenere la quantità di acqua che viene scaricata sul terreno.Questo richiede molto lavoro. Non comporta alti livelli di abilità. Intendo, ovviamente non il pensiero scientifico dietro il lavoro su un bacino, ma far uscire la gente a farlo. Quindi può creare molto lavoro da mettere a sistema. 

E c’è un intero insieme di categorie come questa efficienza degli edifici, più piste ciclabili, prestazione di servizi per e-bike. Una vecchia battuta [attribuita a Keynes ndr] dice che ti conviene pagare le persone per scavare una buca e poi riempirla di nuovo. Solo per far circolare i soldi attraverso l’economia. Quello che sto dicendo è che se scavano una buca, potrebbero anche piantarci un albero,e poi riempilo di nuovo, così ottieni qualcosa di utile per i soldi che stai spendendo.


Rileggi qui gli altri articoli della rubrica “L’economia ai tempi del Coronavirus”

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr