Uno Yuan digitale: la Cina e Jack Ma progettano il futuro finanziario del Paese

Mesi dopo il suo scontro con le autorità di Pechino, che ha fatto fallire la più grande offerta pubblica iniziale della storia, la vera posizione di Jack Ma è stata finalmente verificata: al centro del più audace sforzo di Xi Jinping per modernizzare l’economia cinese.

Letteralmente. Per 25 anni gli economisti hanno parlato del passaggio a una “società senza contanti“. L’ovvia efficienza e i risparmi sui costi che derivano dal bandire la cartamoneta hanno fatto sì che i banchieri centrali degli anni ’90, Alan Greenspan, Hans Tietmeyer e Yasuo Matsushita, si preparassero a far diventare la fantascienza un fatto scientifico.

Poi, niente. Una serie di crisi – nel 1994, 1997, 2000, 2008, 2011, 2013 – ha reso l’innovazione finanziaria un lusso che poche nazioni hanno ritenuto di potersi permettere. Questo fino al 2021, anno in cui la Cina ha deciso di lasciare il segno come prima grande economia a lanciare una moneta digitale. E di entrare nel vuoto innovativo unendo le mani con il top tech distruster cinese, il fondatore di Alibaba Holdings, Ma. Il governo del presidente Xi sta lavorando anche con i giganti Tencent, JD.com e altri. Ma il ruolo centrale di Ma e del suo Ant Group è sia la mossa più logica di Xi che la più significativa in termini di sviluppo della Cina come leader tecnologico globale.

Ma, come è noto, Ma è stato un po’ fuori dalla circolazione dal 24 ottobre scorso. Quel giorno, parlando al Bund Finance Summit di Shanghai, Ma ha fatto quello che la storia potrebbe registrare come il commento più costoso mai fatto da un fondatore di un’azienda. Ma ha sostenuto che le regolamentazioni  stavano bloccando l’innovazione e che le più grandi banche cinesi operavano con una “mentalità da banco dei pegni”. Non solo la massiccia IPO di Ant da 37 miliardi di dollari è stata accantonata, ma Ma sembrava essere scomparso dalla vita pubblica. La trama, però, si infittisce ora che Ma sta dettagliando il ruolo del colosso fintech che ha costruito nell’aiutare la People’s Bank of China a creare uno yuan digitale. Solo Xi e la sua cerchia ristretta conoscono la storia completa dell’ascesa, della caduta e della risalita di Ma. Ma una possibile lettura della notizia che la PBOC sta lavorando con Big Tech sullo yuan digitale è che il partito comunista non è intenzionato a schiacciare gli imprenditori. Vuole solo che giochino per la squadra di casa.

Le banche centrali devono dare risposte

Non solo giocare ma farlo in modo da smuovere la Federal Reserve a Washington, la Banca Centrale Europea a Francoforte e la Banca del Giappone a Tokyo. È impossibile per i governatori Jerome Powell, Christine Lagarde e Haruhiko Kuroda continuare a rimuginare sui passi che la Cina sta trasformando in grandi salti finanziari. Dovranno rispondere.

Questo argomento è spesso visto attraverso la lente dell’intrigo geopolitico. Questa, molti sostengono, è la manovra della Cina per eclissare la fine dell’egemonia del dollaro USA – e la vendetta per la guerra commerciale dell’ex presidente USA Donald Trump.

La notizia che il ruolo del dollaro nelle esportazioni russe è sceso sotto il 50% per la prima volta nell’ultimo trimestre del 2020, insieme all’aumento del debito statunitense, ha fatto tremare i mercati.

Se pensate che gli Stati Uniti abbiano molto potere attraverso le nostre autorità sanzionatorie del Tesoro, non avete ancora visto nulla“, spiega Matt Pottinger, ex vice consigliere per la sicurezza nazionale statunitense nell’amministrazione Trump. “Quella moneta può essere spenta come un interruttore della luce“.

Su basi puramente economiche, però, uno yuan digitale ha un senso eminente. Porrà fine alla necessità di coniare e mantenere montagne di banconote e monete, renderà più difficile nascondere il trasferimento di “denaro nero” alle autorità, ridurrà le tasse per le aziende e i consumatori e darà alla PBOC nuovi strumenti per guidare la più grande economia dell’Asia. Crea anche un’infrastruttura più ampia per portare ordine nel caos del selvaggio West dell’universo delle criptovalute private. 

Uno yuan digitale, tuttavia, non ha bisogno di essere un proprio bene speculativo. Gli 1,4 miliardi di persone in Cina sono già molto più avanti dei loro coetanei americani e giapponesi nei pagamenti tramite telefono cellulare. Si può facilmente viaggiare a Shanghai e Pechino ora senza mai toccare il contante fisico. Le app ti liberano da una sosta da Travelex o Thomas Cook. Questo non è necessariamente uno sviluppo negativo. Troppo spesso la questione dello yuan digitale è inquadrata attraverso il prisma del Bitcoin. Questa è la lente sbagliata. Quello che la PBOC sta facendo, con l’aiuto di Ma, è costruire una sorta di Venmo ufficiale.

Le grandi incognite

Ci sono altre ragioni per preoccuparsi di ciò che il governo di Xi sta costruendo qui. Con la presa di controllo sui prodotti di pagamento privati, Pechino si sta essenzialmente accaparrando il settore fintech – limitando la concorrenza del settore privato in modi problematici.

L’ossessione di Xi per il controllo potrebbe avere effetti collaterali negativi sia per le aziende che per i consumatori. Questo è un momento in cui il governo di Xi deve procedere con cautela e dare la priorità a uno yuan digitale rispetto al desiderio di un lancio veloce.

Da Tokyo a Washington, la preoccupazione è che l’egemonia dello yuan sia solo a pochi passi digitali. Si dice che la Casa Bianca del presidente Joe Biden sia profondamente preoccupata che uno yuan digitale possa soppiantare il dollaro come valuta di riserva indiscussa.

Anche questa preoccupazione sembra esagerata. Anche se Xi sta piantando i semi per lo yuan per rivaleggiare con il dollaro, la competizione non è una buona cosa? Inoltre, l’idea che Xi permetta allo yuan digitale di essere usato nelle grandi transazioni internazionali – il che richiederebbe la piena convertibilità – sembra abbastanza fattibile da un momento all’altro.

Qualunque cosa Putin stia tramando a Mosca, l’inerzia di base suggerisce che il dollaro rimarrà rilevante anche se lo yuan gioca un ruolo sempre più grande. Lo scenario più probabile a medio termine potrebbe essere che lo yuan mangi più la rilevanza dell’euro che quella del dollaro. Per tutti gli eccessi fiscali di Washington, la mancanza di cooperazione fiscale dell’Europa lascia l’euro suscettibile di inciampi improvvisi nell’era Covid-19.

C’è anche un argomento di stabilità. Uno yuan più internazionalizzato significa una valida alternativa al dollaro se il bilancio gonfiato di Washington dovesse innervosire gli investitori. Come minimo, il tentativo di colpo di Stato del 6 gennaio a Capitol Hill suggerisce che i disordini sociali sono un pericolo chiaro e presente per il dollaro. Avere uno yuan veramente globale in cui dirigersi, e da cui uscire, sarebbe tutto a vantaggio della stabilità globale. Ma i caveat di questa storia sono enormi.

Uno è che il governo di Xi non deve essere distratto dal rafforzare il sistema finanziario cinese sottostante, indipendentemente da come gli abitanti del continente interagiscono con lo yuan. Il continuo rischio di default della China Huarong Asset Management Co, dice Michael Pettis dell’Università di Pechino, “dovrebbe ricordarci quanto possa essere instabile il settore finanziario e quanto Pechino sia nervosa per gli effetti potenzialmente destabilizzanti del risolvere i problemi di fondo“.

Se il governo di Xi vede uno yuan digitale semplicemente come un’estensione degli sforzi per ottenere un crescente controllo di un settore privato che dovrebbe liberare, le cose potrebbero ritorcersi contro. Le preoccupazioni sulla privacy dei dati devono essere attentamente bilanciate.

Il ruolo centrale di Ma

La moneta digitale cinese riguarda tanto i dati quanto il denaro“, dice Yaya Fanusie al Center for a New American Security di Washington. Le aziende straniere, anche indirettamente, saranno caute, preoccupate che l’utilizzo dello yuan digitale “potrebbe finire per consegnare al governo cinese un sacco di dati in tempo reale a cui non potrebbe accedere in modo efficiente attraverso la tecnologia bancaria convenzionale“.

Qui, però, la notizia del ruolo centrale di Ma nel processo permette ai riformatori di Xi di mantenere una patina di progresso e di “lungimiranza” finanziaria – e un modo per Xi di tenere vicini i potenziali rivali dello yuan. Xi potrebbe essere in grado di evitare che Alibaba, Baidu o altri giganti tecnologici cerchino di far fluttuare le proprie criptovalute, come Facebook sta cercando di fare negli Stati Uniti.

Il fatto che Ma, Tencent, JD.com e altri si stiano improvvisamente aprendo sul loro ruolo nella preparazione dello yuan digitale non è un caso. Data l’esperienza di Ma dopo il 24 ottobre, non c’è alcuna possibilità che Ma o il management di Ant e Alibaba parlino a sproposito. Ed è saggio lasciare che siano i volti della tecnologia cinese a parlare.

Sullo sfondo dell’azione normativa di Pechino, dice Wang Peng della Renmin University of China, “c’è la scelta migliore per i conglomerati internet cinesi di cooperare con la banca centrale su R&S, prove pilota e lavoro operativo dello yuan digitale“.

Per prima cosa, Ma e i suoi sono i veri esperti. Perfezionare l’onnipresente servizio Alipay ha dato a Ma un’esperienza e una formazione che il team del governatore della PBOC Yi Gang sta sfruttando da allora. Chiunque si chieda quanto bene i politici e i banchieri centrali capiscano la tecnologia dovrebbe guardare un video dei CEO di Google, Facebook e Twitter che testimoniano davanti al Congresso. Semplicemente doloroso.

E per Ma, naturalmente, quale modo migliore per rientrare nel mainstream se non come architetto chiave di una delle più grandi riforme di Xi? Anche se Ant ha ricevuto l’ordine dalla PBOC di ristrutturare le sue operazioni, aiutare a sviluppare il futuro della finanza continentale sembra un modo ideale per rimettere in pista l’IPO di Ant, anche se la società che diventa pubblica è l’ombra dell’originale.

Le banche lasciate indietro?

Eppure c’è ancora da chiedersi fino a che punto Xi si spingerà. L’efficienza transazionale di uno yuan digitale sembra grandiosa. Finché non si considera cosa significa tutto questo per i colossi bancari che hanno a lungo coperto le spalle dei legislatori.

È un enorme fiore all’occhiello di Pechino vedere la Industrial and Commercial Bank of China, China Construction Bank e Agricultural Bank of China nanizzare Deutsche Bank, JPMorgan Chase e Mitsubishi UFJ Financial Group nelle classifiche internazionali. Alla fine dell’anno scorso, i pezzi grossi del partito sono stati solleticati nel vedere la capitalizzazione di mercato pre-IPO di Ant superare Goldman Sachs.

Questo impero è pronto a colpire di nuovo. Questo vale anche per le fazioni di cui Xi ha bisogno per ottenere un terzo mandato come leader del partito. Questo non è solo un problema cinese. Basti pensare CEO di JPMorgan Jamie Dimon che avverte gli azionisti questo mese delle “enormi minacce competitive” che il fintech pone alle banche convenzionali. 

Le startup fintech “stanno facendo grandi passi avanti nella costruzione di prodotti e servizi bancari sia digitali che fisici“, dice Dimon. “Dai prestiti ai sistemi di pagamento agli investimenti, hanno fatto un grande lavoro nello sviluppo di prodotti facili da usare, intuitivi, veloci e intelligenti“. Grazie a PayPal, Robinhood, Stripe, Venmo e simili, dice Dimon, “le banche stanno giocando un ruolo sempre più piccolo nel sistema finanziario“.  Lo stesso vale per i grandi nomi della Silicon Valley – da Amazon, Apple, Facebook, Google e persino Walmart. Come sottolinea Alexis Krivkovich di McKinsey & Company, le aziende fintech stanno “recuperando terreno rispetto alle banche tradizionali in termini di fiducia dei clienti“.

Eppure Dimon potrebbe facilmente parlare del continuum Xi-Ant-Tencent quando osserva che “la capacità del fintech di fondere i social media, usare i dati in modo intelligente e integrarsi con altre piattaforme rapidamente (spesso senza gli svantaggi di essere una banca vera e propria) aiuterà queste aziende a conquistare quote di mercato significative“.

Nel caso di Ma, la banca online MYbank, sostenuta da Ant, è una delle principali istituzioni operative che offriranno lo yuan digitale. Si scopre che dal giugno 2019, l’Istituto di ricerca sulla valuta digitale della PBOC ha utilizzato la piattaforma di sviluppo di app mobili di Ant nota come “mPaaS” per affinare le proprie competenze.

Anche Tencent è stata fondamentale per il progetto e-CNY della PBOC. Huawei Technologies ha offerto standard tecnici, mentre il suo smartphone Mate 40 alla fine dell’anno scorso è diventato il primo ad offrire un portafoglio per uno yuan digitale. All’inizio di quest’anno, il gigante dell’e-commerce JD.com ha iniziato a versare gli stipendi ad alcuni dipendenti in forma digitale.

In altre parole, questo è un momento di grande attenzione per China Inc, con Ma al centro.

 

Articolo tradotto da Asian Times, Jack Ma re-emerges on the digital yuan vanguard, 27 aprile 2021

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr