Con il patto per l’export stanziati 4.2 miliardi per piccole e medie imprese

Grazie al “Patto per l’Export” firmato al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, in questi mesi sono già stati stanziati più di 4 miliardi di euro.

Questa è una risposta senza precedenti per sostenere e rilanciare le nostre aziende, motore della nostra economia, che stanno subendo gli effetti della crisi.

Il Patto per l’Export si basa su sei pilastri fondamentali: comunicazione, formazione e informazione, commercio digitale, sistema fieristico, promozione integrata e finanza agevolata.

Tutti questi elementi sono stati messi a disposizione delle piccole e medie imprese italiane per indirizzarle verso un percorso di esportazione del Made in Italy.

Nei prossimi mesi spingeremo sempre più sulla digitalizzazione, per accelerare la transizione online del nostro commercio estero, incoraggiando le PMI ad investire con adeguati incentivi e agevolazioni attraverso un “bonus export digitale”.

Bisogna avere una visione e dare gli strumenti ai nostri imprenditori per ripartire rilanciando le nostre eccellenze e il nostro Made in Italy nel mondo.

Questa è la strada da percorrere, facciamolo con coraggio.


Se vuoi sapere di più su Luigi Di Maio guarda il suo profilo su Rousseau

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr