Riparte la nostra economia grazie ai risultati del Patto per l’Export

I dati ISTAT sul 2020, annus horribilis per l’economia globale, ci consegnano due analisi molto importanti per il nostro Paese.

La prima è che l’export è ripartito. Da un -16.9% della prima metà dell’anno, condizionata dai lockdown, si è chiuso l’anno con un -9,7% rispetto al 2019, ma con un dicembre 2020 che ci consegna addirittura un +3,3% tendenziale, quindi sul dicembre 2019. Un dato incredibile.

La seconda è che il nostro Sistema ha una resilienza che altri non hanno. Questo è testimoniato da una cifra record della bilancia commerciale che segna +63.6 miliardi di euro (+13% sul 2019!!!).

E i nostri competitor? Anche nel raffronto con loro i dati sono eccellenti, infatti rispetto al nostro -9.7%, sostanzialmente identico a Germania (-9.3%) e Spagna (-10%), hanno fatto nettamente peggio Regno Unito, Francia, Stati Uniti e Giappone con perdite fino al 17%.

Tutto questo ve lo dico a riprova del fatto che le mie parole in questo anno non fossero “immotivatamente ottimistiche” bensì fondate sulla consapevolezza di star lavorando su strumenti utili ben oltre la logica di contenimento della crisi.

La visione è sempre stata di lungo periodo e oggi, a chiusura 2020, i dati ce lo dimostrano.

Avanti così.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr