Roma, una città sempre più a misura di ogni cittadino

Oggi è la Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità. Un tema su cui è necessario riflettere. È fondamentale intraprendere un percorso di collaborazione che coinvolga tutte le forze politiche e le realtà che si occupano di disabilità. Dobbiamo fare rete.

Rendere una città più accessibile non vuol dire soltanto abbattere le barriere architettoniche e fisiche, ma anche quelle mentali. Dobbiamo tutti imparare ad avvicinarci a questo tema con maggiore consapevolezza.

Per esempio, proprio recentemente, abbiamo attivato un corso di formazione sulla disabilità per i dipendenti capitolini. L’obiettivo è quello di ampliare le loro competenze quando si tratta di accogliere cittadini con disabilità negli uffici comunali, o di interagire con colleghi che si trovano in una condizione di disabilità temporanea o permanente.

È essenziale sensibilizzare sul tema, anche per evitare comportamenti scorretti. A Roma, solo nel 2020, la Polizia Locale ha effettuato oltre 14mila multe per sosta vietata: si trattava di macchine che, senza averne titolo, erano parcheggiate nei posti auto riservati alle persone con disabilità. E voglio dare un altro numero: 100. Sono i pass per disabili che quest’anno sono stati ritirati perché contraffatti o scaduti.

Occupare un posto auto, oppure utilizzare permessi falsi, scaduti o assegnati a persone decedute è indecente. Sono comportamenti che devono essere arginati: possiamo farlo da una parte con controlli sempre più stringenti della Polizia Locale, dall’altra con una forte azione di sensibilizzazione e con un lavoro portato avanti in modo sinergico.

Rendere una città più accessibile e inclusiva è una priorità: ogni cittadino, con o senza disabilità, dovrebbe avere la possibilità di muoversi per la città, di entrare e uscire da negozi, uffici, edifici senza problemi.

A Roma abbiamo investito 2 milioni di euro per gli interventi urgenti per abbattere le barriere architettoniche in strade e piazze della città. Per esempio nei quartieri dell’Eur e San Lorenzo, o a Piazza Venezia, dove gli interventi sono in fase conclusiva.

A Roma abbiamo lavorato molto su questo, anche grazie alla collaborazione del delegato all’Accessibilità Universale di Roma Capitale. Vogliamo che la città sia sempre di più a misura di cittadino. Di ogni cittadino.

Nessuno deve rimanere indietro. Nessuno deve rimanere escluso.


Se vuoi sapere di più su Virginia Raggi guarda il suo profilo su Rousseau

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr