Ecco la differenza tra chi lavora e chi chiacchiera

Matteo Salvini ha scelto come bersaglio più volte la Ministra Lucia Azzolina. L’ha definita “una persona con problemi” e ha messo in discussione le sue capacità nella gestione dell’emergenza, spesso sfociando nel sessismo.

Al di là delle chiacchiere, però, ci sono i fatti: Lucia Azzolina ha sempre messo al centro della sua attività l’interesse degli studenti, tanto da essere stata inserita dal Corriere della Sera nella lista delle 110 donne più importanti di quest’anno.

Per Lucia Azzolina la priorità è sempre stata quella di riportare il maggior numero di studenti tra i banchi e per il 7 gennaio anche il Comitato tecnico scientifico si è pronunciato a favore del ritorno della didattica in presenza per i ragazzi delle scuole superiori. Un punto per il quale la Ministra si batte da mesi.

Insomma, Matteo Salvini fa fatica a riconoscere chi lavora davvero bene e per l’intera comunità scolastica. È lui che dovrebbe parlare di meno e lavorare di più.


Se vuoi sapere di più su Stefano Buffagni guarda il suo profilo su Rousseau

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr