Voto a distanza, come funziona negli altri Paesi?

🇺🇸 STATI UNITI

Il 20 maggio il presidente della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, ha autorizzato formalmente per un periodo di 45 giorni la possibilità per i membri della Camera di esprimere il proprio voto a distanza, a causa della pandemia di coronavirus.

🇪🇺 PARLAMENTO EUROPEO

Il 20 marzo il Parlamento Europeo ha aperto alla possibilità di procedere a votazioni da remoto, via mail.  Nella sessione plenaria straordinaria del 26 marzo 2020, a Bruxelles, sono stati quindi 687 i membri del Parlamento europeo (su 705) che hanno votato a distanza per la prima volta. In quell’occasione sono state approvate 3 proposte urgenti che contenevano la risposta dell’Unione Europea all’emergenza Covid-19.

  • QUI il video della seduta 

🇬🇧 GRAN BRETAGNA

Il 12 maggio la Camera dei Comuni ha votato per la prima volta da remoto. Una prima apertura sui lavori da remoto era già stata fatta a metà aprile e aveva portato al primo question time in videoconferenza. 

  • QUI la prima seduta col voto da remoto 
  • QUI il primo question time 

🇪🇸 SPAGNA

Dal 12 marzo è ammesso il voto telematico a carattere generale, già previsto in alcuni limitati casi sin dal 2011 dal regolamento.  Questo tipo di voto è utilizzato solo per deliberazioni di carattere alternativo (sì/no) per la convalida dei decreti-legge pendenti e per l’autorizzazione dello stato di allarme proclamato dal Governo.

  • QUI la risoluzione conseguente al regolamento del 2011
  • QUI un paper  sull’esperenza spagnola pubblicato su federalismi.it

🇧🇷 BRASILE

Sia la Camera dei Deputati che il Senato federale hanno avviato una sessione di voto a distanza per esaminare i provvedimenti “anti-corona virus”. Per effettuare le votazioni è stato utilizzato una piattaforma tecnologica ad hoc Remote Deliberation System (SDR).

  • QUI la risoluzione alla Camera 
  • QUI la risoluzione al Senato 

🇦🇷 ARGENTINA

Lo scorso 14 maggio si è tenuta la prima sessione legislativa in forma integralmente telematica. A fine aprile era stato infatti approvato un protocollo per il funzionamento da remoto delle commissioni parlamentari e delle sessioni ordinarie. Il protocollo è limitato a questa pandemia e prevede al momento una durata di 30 giorni. 

  • QUI il video della seduta
  • QUI  l’articolo de Infobae 

Anche in Ecuador e Paraguay le sedute si tengono da remoto.  In Messico un sistema di voto a distanza è in via di definizione. In Europa, il voto a distanza è realtà anche in Belgio, Polonia, Slovenia e Romania.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr