Come si sviluppa un’epidemia. Ecco la simulazione

In questo video realizzato da 3blue1brown vengono riprodotte delle simulazioni che modellano il fenomeno di propagazione di un’epidemia.

E’ un video che cerca di spiegare non solo le ragioni per le quali il distanziamento sociale rallenti la diffusione del virus ma prova a rispondere anche ad altre domande come, ad esempio:

  • cosa succederebbe se nonostante si mantengano le distanze esiste un luogo centrale, dove le persone occasionalmente vanno e si incontrano, come un negozio o una scuola?
  • cosa succederebbe se fossimo capaci di identificare e isolare in tempo i contagiati?
  • cosa succederebbe se alcuni di questi casi, tipo gli asintomatici, non  venissero identificati?
  • che effetto hanno gli spostamenti fra diverse comunità separate fra loro?
  • cosa succederebbe se le persone evitassero il contatto gli uni con gli altri ma, ad un certo punto, si stancassero di farlo?

In queste simulazioni che rappresentano quelli che vengono chiamati “modelli SIR” (modelli nei quali la popolazione è divisa in tre categorie: coloro che sono Suscettibili alla malattia, coloro che sono Infetti, e coloro che si sono Ripresi dall’infezione) si provano ad elaborare delle risposte.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr