I risultati ci sono. Ecco i dati che i “Profeti” non vedono, o non vogliono vedere.

Il 20 febbraio l’Istat ci ha fornito un dato importante. Nel 2019 è cresciuto il numero degli italiani che si dichiarano soddisfatti della propria situazione economica. In una scala da 0 a 10, dove 0 indica “per niente soddisfatto” e 10 “molto soddisfatto”, in media le persone hanno espresso un voto pari a 7,1.

In poche parole è tornata a crescere la quota di persone che si dichiarano molto o abbastanza soddisfatte per la propria situazione economica, raggiungendo il 56,5%.

Insomma, ci sono segnali positivi che ci fanno capire quanto sia pretestuosa la narrazione che vorrebbe l’Italia come il malato d’Europa. Ma ci sono altri dati che ci aiutano a capire quanto il Belpaese, grazie alle misure spinte dal MoVimento 5 Stelle, stia recuperando il dinamismo che merita.

Pensiamo al lavoro. I dati più recenti certificano che l’occupazione ha raggiunto il 59,4%, livello record dal 1977. La disoccupazione è calata al 9,7%, il minimo dal 2012.

Lungi dall’essere il partito del No, come qualche logora propaganda si ostina a raccontare, abbiamo dimostrato di saper rilanciare il settore degli appalti. Il Cresme, con dati riportati dal Sole 24 Ore, ha certificato che nel 2019 il valore delle gare d’appalto per lavori e concessioni è arrivato a 40 miliardi di euro, +39,2% rispetto al 2018.

E che dire dell’export? Sempre nel 2019 le nostre esportazioni verso i Paesi extra Ue, nonostante continue schermaglie su commercio estero e dazi, hanno fatto segnare un +3,8% rispetto all’anno precedente.

In più, visto che tra i profeti di sventura ci sono tantissimi estimatori dello spread, da quando la Lega ha aperto la crisi del Governo Conte uno, cioè ad agosto 2019, lo spread è sceso dai 240 agli attuali 135 punti base, con un risparmio di oltre 2 miliardi di euro di interessi sul debito pubblico.

Poi, certo, gli stessi profeti di sventura dicono: eh, ma la produzione industriale cala. Anche qui bisogna fare una bella operazione verità: è vero che cala, ma l’Italia fa meglio dell’Eurozona!

Eurostat, nei giorni scorsi, ha certificato che nel corso del 2019 la produzione industriale dei Paesi dell’Eurozona è calata dell’1,7%. Ebbene, in Italia è calata dell’1,3%. Gli stessi dati dimostrano che nel dicembre 2019 la produzione industriale tedesca è crollata del 7,2% rispetto allo stesso mese del 2018. E anche qui l’Italia, con un -4,3%, è riuscita a limitare i danni, probabilmente inevitabili visto lo storico legame della nostra manifattura con quella tedesca.

Semmai è tutto il Vecchio Continente ad avere il fiato corto. Per questo il MoVimento 5 Stelle, come da ultimo ha dimostrato il dibattuto sul bilancio dell’Unione europea 2021-2027, sta spingendo affinché la Commissione faccia esattamente quello che, per ora a parole, la nuova presidente Ursula von der Leyen ha promesso di fare: ossia spingere sugli investimenti, sul lavoro, sull’uso della massima flessibilità nell’applicazione dei parametri Ue.

L’Italia, dal canto suo, sta ampiamente facendo la sua parte, come questi dati dimostrano.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr