La Lega assolve Salvini sui bond di Arcelor Mittal

Matteo si è risentito, l’ha presa male.

Magari sperava che la notizia dei 300 mila euro in obbligazioni che la Lega ha investito in Arcelor Mittal passasse sotto silenzio. E invece deve avere avuto un brutto risveglio, perché ce ne siamo accorti eccome. Di fronte al da farsi, Salvini non ha avuto esitazioni. Come al solito ha evitato di fornire spiegazioni (ormai tutte le equipe di esperti concordano sul fatto che l’unico modo per farlo stare in silenzio bisogna unire le parole chiave “soldi alla Lega” e “trasparenza”), ma ha deciso di querelare noi e tutti quelli che hanno sollevato questo caso.

Oggi una fonte qualificata (magari con sede in via Bellerio?) spiegava alla stampa che quell’operazione era stata fatta dalla Lega e non da Salvini personalmente. Come se questo lo sgravasse completamente da qualunque responsabilità o attinenza con la questione. Come se Salvini e la Lega fossero due cose ben distinte che ogni tanto si incrociano così, per caso. Tra l’altro l’operazione di dismissione dei titoli di Arcelor Mittal da parte della Lega è avvenuta a gennaio 2015, quando Salvini era già segretario della Lega da un anno. Sembra quasi di assistere alla riedizione in salsa verde della fenomenologia berlusconiana, quando Silvio era allo stesso tempo, ma mai contemporaneamente, capo di Forza Italia, di Fininvest, presidente del Milan e magari anche presidente del Consiglio.

Comunque oggi la notizia più importante ce l’ha fornita proprio la Lega, che ha confermato il fatto che quell’operazione, quell’investimento da 300 mila euro in azioni di Arcelor Mittal, è avvenuta veramente. Da qui una domanda: Perché un partito, che dovrebbe rispondere a criteri etici di altissimo profilo, usa i soldi dei suoi iscritti e sostenitori, per azioni di questo tipo, agendo come una qualunque finanziaria?

Attendiamo fiduciosi che, oltre alle querele arrivino, anche delle spiegazioni.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr