Caso #Whirlpool: lo Stato ora si fa rispettare

Quando si è insediato il Governo, abbiamo detto che avremmo difeso il Made in Italy e questo è il mio obiettivo come Ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro. Questo non significa solo difendere i prodotti, difendere la produzione dei nostri artigiani e delle nostre imprese. Significa difendere anche la manodopera italiana che lavora nella costruzione dei prodotti.

Chi viene in Italia deve rispettare le regole italiane, deve rispettare il Governo italiano e deve rispettare i cittadini italiani, soprattutto gli imprenditori, a cui molto spesso è stato tolto lavoro proprio dalle multinazionali. Chi opera nel nostro Paese deve rispettare chi lavora negli stabilimenti delle grandi, delle medie e delle piccole aziende.

Sono stanco di tutte queste multinazionali che vengono in Italia, firmano accordi col Governo e poi, quando vogliono, chiudono stabilimenti, se ne vanno e mettono in discussione quel che hanno sottoscritto. Non si prendono più gli incentivi, i soldi dello Stato, delle tasse degli italiani, dei lavoratori e degli imprenditori italiani e poi sul più bello: “Ah scusate, ci siamo sbagliati chiudiamo uno stabilimento”. Questa storia è finita ed è finita perché adesso lo Stato si fa rispettare.

È una settimana che ho detto a Whirlpool che, siccome avevano preso un accordo con me, dovevano tenere aperto lo stabilimento di Napoli ed è assurdo e inaccettabile che dopo aver sottoscritto questa intesa, oltre che col Governo italiano, anche con sindacati, presidenti di Regione e sindaci, in cui si impegnavano a tenere aperti tutti gli stabilimenti d’Italia, adesso ci dicano che vogliono disimpegnarsi.

Non è accettabile, hanno preso 50 milioni di euro dal 2014 ad oggi e io inizio a revocargli i fondi. Non sono stati collaborativi.

Ho firmato tre atti di indirizzo con cui dico alle direzioni del Ministero del Lavoro, del Ministero dello Sviluppo Economico e ad Invitalia di revocare i soldi degli italiani che sono stati dati a Whirlpool in questi anni, perché non ha tenuto fede agli accordi.

Verificheremo fino all’ultimo euro che potremo togliere e spero che mercoledì quando verranno al tavolo possano venire a miti consigli. Perché qui non si scherza ed è finita l’epoca del Bengodi in cui si viene in Italia, fai quello che vuoi con i lavoratori italiani, con le imprese italiane e poi te ne vai dopo che hai preso i soldi. Spero veramente che ci possano ripensare, ma io intanto vado avanti perché se credono di avere a che fare con quelli di prima hanno sbagliato governo!

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr