Mafia Capitale, condannato il braccio destro di Zingaretti

L’ex capo di gabinetto della Regione Lazio Maurizio Venafro, già braccio destro del governatore e segretario del PD, Nicola Zingaretti, è stato condannato a un anno in appello per turbativa d’asta con in più il divieto di contrattare con la Pubblica Amministrazione per un anno. Si tratta di un filone dell’inchiesta “Mondo di mezzo”, quella di Buzzi e Carminati e Mafia Capitale tanto per intenderci. Per l’accusa, Venafro “avrebbe concorso a indirizzare l’aggiudicazione dell’appalto in un’ottica di spartizione tra cooperative vicine ad ambienti di destra e di sinistra”.

Destra e sinistra, sempre loro attovagliati quando c’è da dividersi il bottino. La corruzione è un male endemico di questo Paese e solo con il MoVimento 5 Stelle al Governo, come dimostra la legge Spazzacorrotti, le cose possono cambiare. Lo diciamo a tutti, a cominciare proprio da Zingaretti che è indagato per un presunto finanziamento illecito: i corrotti vanno allontanati, su questo non molleremo mai.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr