Il Blog delle Stelle
Lo spread ecologico è la prima emergenza

Lo spread ecologico è la prima emergenza

Author di MoVimento 5 Stelle
ore 10:38
Dona
  • 21

di Dario Tamburrano, Efdd - Movimento 5 Stelle Europa

Di spread ecologico ho parlato a Rimini all'interno della fiera Ecomondo, illustrando e premiando le dieci migliori eco-innovazioni scelte dal comitato scientifico di Ecofuturo. Le eco innovazioni tecnologiche sono e saranno sempre più fondamentali per ripristinare un corretto rapporto tra l'uomo e l'ambiente.

In cosa consiste esattamente lo spread ecologico?

Ogni anno, la Terra è in grado di produrre una determinata quantità di cibo, di legname, di acqua potabile e così via. Ogni anno, le foreste possono assorbire una determinata quantità di anidride carbonica, il principale responsabile dei cambiamenti climatici, un gas che immettiamo nell'atmosfera bruciando i combustibili fossili. Ma il genere umano consuma in soli sette mesi, o poco più, ciò che il pianeta può rigenerare nel corso di un intero anno. Lo spread ecologico è appunto questo.

Il giorno in cui i nostri consumi esauriscono le risorse dell'anno si chiama Earth Overshoot Day ("giorno del sovrasfruttamento della Terra"). Quest'anno è caduto il primo agosto e ogni anno arriva un po' prima. La data viene calcolata da una rete di associazioni chiamata Global Footprint Network in base all'impronta ecologica del genere umano.

Se immaginiamo la Terra come un bancomat, dal giorno dell'Earth Overshoot Day al 31 dicembre il genere umano continua ad effettuare prelievi attingendo da un conto in rosso: i consumi avvengono a spese della capacità che le risorse naturali hanno di rigenerarsi e si crea un debito ecologico che i nostri figli e nipoti riceveranno in eredità.

Ogni Paese ed ogni persona prelevano dal bancomat terrestre con una diversa intensità. Essa dipende - ovviamente - dal tipo e dal livello dei consumi. Se tutti si comportassero come il Qatar, le risorse che la Terra genera in un anno intero finirebbero già il 9 febbraio. L'Italia esaurisce il budget annuale il 24 maggio. Il Vietnam, il più parco, lo fa durare fino al 13 dicembre. Ognuno può calcolare il suo personale spread ecologico tramite il "footprint calculator", ma complessivamente il genere umano utilizza le risorse naturali 1,7 volte più velocemente rispetto al ritmo con cui gli ecosistemi le rigenerano.

Detto in altre parole, lo spread ecologico discende dal fatto che ci comportiamo come se avessimo a disposizione le risorse naturali di 1,7 Terre: però la nostra Terra è una sola e non ne abbiamo un'altra di riserva.

Le misure per ridurre lo spread ecologico sono suggerite dal comunicato stampa del 2017: se dimezzassimo gli sprechi alimentari e la componente dell'impronta ecologica globale legata all'assorbimento di anidride carbonica, l'Earth Overshoot Day arriverebbe - rispettivamente - 11 e 89 giorni più tardi; nel 2050 l'Earth Overshoot Day potrebbe coincidere con il 31 dicembre (andando quindi in pareggio) se solo riusciremo ogni anno a posticiparlo di 4,5 giorni.

9 Nov 2018, 10:38 | Scrivi | Commenti (21) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 21


Commenti

 

Fare subito una legge per rendere ecocompatibili tutti gli imballaggi. Rendere obbligatorio l'uso di materiali naturali. Vietare il più possibile la plastica.

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 11.11.18 16:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho fatto nella mia vita scelte radicali per essere più eco-compatibile.......spero che moltissime coscienze si risveglino e rispettino sempre più Madre Terra!!

barbara carpini 10.11.18 19:51| 
 |
Rispondi al commento

ICI ALLA CHIESA QUANDO LA FARETE PAGARE???????

danilo predieri, reggio emilia Commentatore certificato 10.11.18 09:13| 
 |
Rispondi al commento

Sono favorevole a cambiare le Stelle da Gialle a Verdi, per dare un segnale all’Italia ed all’Europa di un cambio di passo. Abbiamo bisogno di recuperare seria cultura di rispetto e collaborazione con la natura. Se c’è vita significa che tuttio è vivo, e quindi rispettiamo la vita, custodiamola, proteggiamola. Inauguriamo un’educazione che sia consapevole che viviamo inseriti in un tutto che ha bisogno che ognuno di noi metta a disposizione dell’altro il meglio di se. Il tutto senza che questo diventi una nuova religione od un nuovo fondamentalismo

Enrica T. Commentatore certificato 10.11.18 09:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie Dario!

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 09.11.18 22:09| 
 |
Rispondi al commento

In germania ed altri paesi europei, i VERDI stanno andando alla grande, PREVALENDO sui vecchi partiti delle caste bancarie, delle lobbies mafiose e massone, dei papponi dei cittadini onesti, ecc..
La culettona merkel e tutti i governi pro-banche suoi complici (vedi i PD/DC/FI in Italia) stanno prendendo batoste e sconfitte pesanti, la UK se ne è uscita, l'italia col governo di cambiamento sta mettendo in difficoltà la politica dei burocrati servi dei poteri occulti, in francia sta sfondando tanto la Le Pen, ecc..!
Il M5*, anche se ha nel programma la difesa del territorio e la salvaguardia dell'ecosistema, secondo il mio parere, dovrebbe cambiare, nel logo del movimento, il COLORE DELLE STELLE da giallo a "VERDE", aggiungendo sotto le 5 stelle la scritta "VERDE", sempre di colore verde!
Penso di proporla su rousseau per essere votata dagli iscritti!
Anche papà BEPPEGRILLO dovrebbe dare il suo OK!
Nel frattempo chiedo il parere del blog.
Il governo attuale è giallo-verde ma dobbiamo dare un'impronta VERDE proprio al M5***** per avere un ampio consenso anche dai cittadini onesti e verdi!

giuseppe r. Commentatore certificato 09.11.18 18:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Argomenti da affrontare nei G7, G20, G30.... altrimenti e' solo perdita di tempo.

Roberto Maccione Commentatore certificato 09.11.18 18:33| 
 |
Rispondi al commento

Argomento da affrontare nei G7 G20 G30.....ed in modo determinante. Se no sono solo perdite di tempo.

Roberto Maccione Commentatore certificato 09.11.18 18:25| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Dario Tamburrano per le tue parole. Ma, a tal proposito, si possono riportare in sede europea? Perché qualcuno poi ci dovrebbe spiegare perché nell'A.D. 2018 si continuano ad installare mega tubi di gas (TAP) in nome dello spread-ecologico.
Però ricordo che qualche tempo fa' andava di moda che: il gas ti dà una mano....
A riveder le stelle!

glauco teofilato 09.11.18 17:41| 
 |
Rispondi al commento

A quando qualche legge seria sul consumo di suolo, sistemazione e tutela del territorio, ecc,ecc ?
Questo programma e' importante non solo per il suo contenuto morale ( visto che non e' il clima ad essere assassino, ma noi umani vs il nostro ambiente ). Diamoci da fare e facciamo si che sia il movimento ad essere paladino verde.

Francesco De Rita 09.11.18 17:28| 
 |
Rispondi al commento

La Comunità Europea è l'Europa dei banchieri e non dei cittadini europei, come falsamente ci hanno fatto credere;
Il fine di questa unione è solo il profitto, non il benessere dei suoi abitanti;
Ecco perchè non ci sarà mai condivisione di intenti tra il M5S che ha sempre agito per i cittadini italiani e gli altri partiti, compresa la Lega, che sono invece parte del sistema che
ha governato precedentemente e che è cieco rispetto all'ecologia ed a tutti i fabbisogni umani, ma solo il profitto ad ogni costo.
Bene ha fatto, comunque, il M5S ad accettare di fare un governo con la Lega o chiunque altro fosse stato, pur di cominciare a correggere la rotta, cosa che sta ora facendo eroicamente, pur se nelle enormi difficoltà poste da tutti gli altri, partiti ed istituzioni europee. E' una lotta impari non contro un soggetto, ma contro un sistema, quindi dovunque. Ed è appena cominciata.
Non facciamo mancare l'appoggio al M5S o torneremo sulla brace da cui il M5S sta cercando di toglierci.

Carlo Pettinato 09.11.18 12:24| 
 |
Rispondi al commento

Si chiama impronta ecologica. Si sa da decenni... quand'è che facciamo qualcosa??

Barbara Peretto 09.11.18 12:05| 
 |
Rispondi al commento

VISTO CHE PARLIAMO DI AMBIENTE in questo articolo molto interessante, non penso di andare fuori tema se esprimo il mio disappunto su un articolo inserito dal Governo nel decreto Genova che autorizza a spandere fanghi con
idrocarburi cancerogeni nei campi!

A me sembra pazzesco! C'è qualcuno esperto in materia che può esprimere un
commento? Grazie

PS
Prima il limite di questa "cosa assurda" era pari a 50 mg/kg. Il governo invece nel decreto legge su Genova, art.41, ha portato tale valore a 1000 mg/kg.


GIANNI GAVA 09.11.18 11:57| 
 |
Rispondi al commento

Le ditte fornitrici di energia elettrica sembrano voler disincentivare il risparmio energetico. Alzando sempre piu i costi fissi (oneri di sistema ecc.).Ho investito parecchio in azienda per ridurre i consumi elettrici ,ma le bollette non diminuiscono affatto. ultima bolletta 78 euro di consumo elettrico 318 euro totale bolletta. Non ha senso investire ancora perchè ciò va ad incidere solo su una piccola parte dei costi. Non rientrerò mai dei costi sostenuti.

giovanni consol 09.11.18 11:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Siete per adesso l'unico partito che veramente sta avendo un po' a cuore la questione ambiente con i fatti ........bravi e continuate cosi ..........a ognuno di noi spetta la sua parte di sacrificio, ma abbiamo il DOVERE di fare queste scelte , non possiamo e NON vorrei più sentire notizie su sprechi alimentari e inquinamento in genere, perché ne sono sensibilmente toccato .
Quindi grazie ancora e AVANTI TUTTA .🌲🌲🌲🌲🌲🌳🍁🍂🌴🌿🌏🌍🌎

Rossano parente 09.11.18 11:46| 
 |
Rispondi al commento

Su questo tema i comportamenti dei singoli impattano moltissimo, le scelte consapevoli di consumo e stili di vita potrebbero invertire la tendenza e guidare effettivamente anche le scelte dei soggetti produttivi e la stessa struttura dell'economia, un potere di cui dovremmo essere più consapevoli.
L'esempio è fondamentale, come hanno fatto i parlamentari M5S, che si sono tagliati lo stipendio senza attendere un preciso intervento legislativo.

roberto sabbatini, torino Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 09.11.18 11:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori