Il Blog delle Stelle
Gli impatti dei cambiamenti climatici saranno peggiori del previsto

Gli impatti dei cambiamenti climatici saranno peggiori del previsto

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 97

fonte: NationalGeographic

L’impatto e i costi di 1,5 °C di riscaldamento globale saranno maggiori del previsto, secondo l'ultima valutazione complessiva dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) diffusa domenica a Incheon, nella Corea del Sud.

Nell’ultimo decennio abbiamo visto un’impressionante serie di tempeste da record, incendi boschivi, siccità, sbiancamento dei coralli, ondate di calore e inondazioni in tutto il mondo, con appena 1°C di riscaldamento globale. Ma la situazione peggiorerà con un aumento di 1,5°C e lo farà ulteriormente con 2°C, dice lo “Special Report on Global Warming of 1.5°C” dell’IPCC, che ha preso in considerazione oltre seimila studi.

L’IPCC sottolinea che potremmo raggiungere l’aumento di 1,5° in appena 11 anni - e di sicuro entro 20 - se non metteremo in pratica tagli importanti nelle emissioni di anidride carbonica. Agendo ora, riusciremmo comunque solo a ritardare, ma non prevenire, il riscaldamento globale di 1,5°C.

"Conseguenze importanti"

Se un aumento di 0,5°C in una stanza può passare inosservato, riscaldare così tanto il pianeta in modo permanente avrà conseguenze importanti, avverte il report. Gli impatti si sentiranno attraverso gli ecosistemi ma anche su comunità ed economie umane.

“Limitare il riscaldamento globale a 1,5° C, rispetto a 2°C, ridurrà la portata degli impatti su ecosistemi, salute umana e benessere”, dice in un comunicato Priyardarshi Shukla, presidente del Chair Global Centre for Environment and Energy alla Ahmedabad University in India, co-autore dello Special Report. Questi impatti includono tempeste più violente, meteo ancora più incerto, ondate di calore pericolose, aumento del livello del mare, danni su larga scala a infrastrutture e dinamiche migratorie. [Leggi anche lo studio di 350.org : People's Dossier on 1,5° C].

Le scoperte scientifiche nel report principale vengono riassunte in un “Summary for Policy Makers” di 34 pagine, approvato da tutti i rappresentanti di 195 nazioni compresi gli Stati Uniti. In base all’Accordo di Parigi del 2015, tutti i paesi del mondo hanno concordato di mantenere l’aumento delle temperature ben al di sotto dei 2°C, mentre gli stati insulari e altri si sono impegnati su una temperatura ancora inferiore. L’attuale impegno nel taglio delle emissioni di CO2 porterà il riscaldamento globale ad almeno 3°C entro il 2100, con il rischio di raggiungere punti di rottura come lo scioglimento di grosse porzioni di permafrost - il che potrebbe portare le temperature globali ad aumenti incontrollati.

L’amministrazione Trump ha annunciato che ritirerà gli Stati Uniti dall’Accordo di Parigi. Il riscaldamento globale è un po’ come un campo minato che diventa via via più pericoloso, dice Michael Mann, climatologo e direttore dell’Earth System Science Center della Penn State. “Più andiamo avanti, più è probabile provocare esplosioni: 1,5°C è un aumento più sicuro di 2°C, 2°C è più sicuro di 2,5°C, 2,5°C è più sicuro di 3°C e così via”, dice Mann, non coinvolto direttamente nella stesura del report.

“Stabilizzare il riscaldamento globale a 1,5°C sarà estremamente difficile se non impossibile, a questo punto”, ha aggiunto via mail.

In cerca di grandi soluzioni

Lo Special Report IPCC delinea varie opzioni per stabilizzare il riscaldamento globale a 1,5°C. Tutte richiedono sforzi senza precedenti per tagliare l’utilizzo di combustibili fossili del 50% entro 15 anni ed eliminarli quasi del tutto in 30. Questo significa niente case, imprese o industrie scaldate con gas o petrolio; nessun veicolo alimentato a diesel o gasolio; tutte le centrali elettriche a carbone e gas chiuse; l’industria petrolchimica interamente convertita a chimica verde; l’industria pesante, come quella per la produzione di acciaio e alluminio, convertita all’utilizzo di fonti senza emissioni di carbonio o all’impiego di tecnologie che catturano e accumulano in modo permanente le emissioni di CO2.

In base a quanto rapidamente si riuscirà a tagliare le emissioni, tra uno e sette milioni di chilometri quadrati di territorio dovrebbero essere convertiti alla produzione di bioenergia e bisognerà piantare fino a 10 milioni di chilometri quadrati di foreste. Tutto questo non sarà comunque abbastanza, avverte il report. Tutta la CO2 emessa nell’ultimo secolo continuerà a intrappolare calore nell’atmosfera per migliaia di anni a venire. Arrivati al 2045 o al 2050 ci sarà ancora troppa CO2 nell’atmosfera. Più foreste - o una qualche forma di cattura diretta che prelevi la CO2 dall’atmosfera - saranno fondamentali per stabilizzare l’aumento delle temperature globali a 1,5°C, dice il report.

Leggere lo Special Report è come ricevere una diagnosi preoccupante da parte del proprio dottore, dice Katharine Hayhoe, climatologa alla Texas Tech University. “Sono stati fatti tutti i test possibili e le notizie non sono positive”, ha spiegato Hayhoe in un’intervista. “Il dottore, in questo caso l’IPCC, spiega alcuni possibili trattamenti per garantire la nostra salute in futuro. Noi (il pubblico) decideremo quale strada seguire”.

La sfida di rimanere al di sotto dei 2°C è immensa e richiederà l’abbandono di tutte le infrastrutture basate sull’uso di combustibili fossili, l’implementazione di fonti di energia rinnovabili e la rimozione del carbonio dall’atmosfera su larga scala, aggiunge Glen Peters, Direttore della Ricerca al Norway’s Center for International Climate Research. “Restare al di sotto di 1,5°C richiede una trasformazione più rapida e profonda rispetto ai 2°C”.

Ora stiamo andando nella direzione sbagliata, con le emissioni globali in aumento dell’1,5% nel 2017 e un probabile aumento anche quest’anno, prosegue Peters. “Se le dimensioni tecnica, sociale e politica non saranno completamente coinvolte e allineate, non riusciremo nel traguardo di 1,5°C ma nemmeno di 2°C”.

Questo significa che 1,5°C è un grosso risultato rispetto all’attuale direzione, concorda Kelly Levin, socio anziano del World Resources Institute’s Global Climate Program. Detto questo, i modelli usati per programmare il percorso IPCC verso 1,5°C non includono tutti i modi in cui potremmo ridurre le emissioni ma danno la priorità a quelli più economici, ha aggiunto Levin in un’intervista.

Un diffuso cambio di paradigma nella dieta, riducendo il consumo di carne e l’utilizzo di materie prime, porterebbe a un significativo calo delle emissioni. I modelli hanno anche un approccio conservativo quando si tratta di impiegare nuove tecnologie e, secondo Levin, hanno sottostimato il successo di pannelli solari e veicoli elettrici. A settembre l’elettrica Model 3 di Tesla era al quarto posto tra le auto vendute negli Stati Uniti, nonostante costi oltre il doppio rispetto ad auto a benzina comparabili (e preveda spesso importanti liste di attesa).

Il ruolo cruciale delle foreste

Le foreste potrebbero avere un ruolo ben più ampio nel taglio delle emissioni, ha aggiunto in un’intervista Deborah Lawrence, esperta forestale della University of Virginia. “Le foreste forniscono un servizio estremamente importante all’umanità rimuovendo, oggi, circa il 25% dell’anidride carbonica”.

La riforestazione, insieme a un miglioramento della gestione forestale, potrebbe rimuovere la CO2 dall’atmosfera fino al 18% delle riduzioni che dobbiamo raggiungere entro il 2030. Brasile, Cina, India, Messico, Australia, Stati Uniti, Russia e Unione Europea potrebbero aumentare sensibilmente la propria copertura forestale con vantaggi economici e senza impattare la produzione alimentare, spiega Lawrence - con il potenziale, allo stesso tempo, di rimuovere miliardi di tonnellate di CO2 dall’atmosfera, come mostrerà uno studio in arrivo -.
Proteggere e aumentare le foreste tropicali è particolarmente importante perché raffreddano l’aria e sono cruciali per la creazione di piogge regionali che fanno crescere il cibo.

Quando il legno delle foreste mature viene convertito in mobili o edifici, la CO2 può essere accumulata sul lungo periodo. Ed è uno dei motivi per i quali a Portland nel 2019 verrà completata la costruzione di un edificio di 12 piani interamente fatto di legno, mentre a Vienna, in Austria, è in via di costruzione uno di 24 piani.

Le foreste vanno protette per evitare pericolosi cambiamenti climatici, avverte u n gruppo di scienziati esperti in gestione forestale. Contengono più carbonio di tutti i depositi sfruttabili di petrolio, gas e carbone. “Il futuro del clima del nostro pianeta è legato indissolubilmente al futuro delle sue foreste”, avvertono gli esperti.

7 Nov 2018, 08:53 | Scrivi | Commenti (97) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 97


Commenti

 


Boh...3a volta che scrivo e non vedo nulla. Ora provo a scrivere senza la mia "certificazione"...

VISTO CHE PARLIAMO DI INQUINAMENTO non ho capito xché il Governo ha inserito nel decreto Genova un articolo che autorizza a spandere fanghi con idrocarburi cancerogeni nei campi!

A me sembra pazzesco! C'è qualcuno esperto in materia che può esprimere un commento? Grazie

GIANNI GAVA 09.11.18 11:34| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera a Tutti,

Cittadini la mega bufala sul riscaldamento globale no!!!!
Non ci facciamo infinocchiare da questa alchimia targata Al Gore, vi prego!! Pensiamo ad inquinare meno ok piu' che giusto ma non inventiamo castronerie anti CO2 assolutamente idiote!!!

Pensino ai prossimi cicli solari paurosamente bassi piuttosto!!!

Salute!!

Gabriele T. 08.11.18 18:34| 
 |
Rispondi al commento

"saranno"

quante volte ce l'hanno ripetuto, per decenni e ancora continuano a raccontarcela.

Invito a non prendere per oro colato un rapporto che sembra fotocopiato da quelli di 20 anni fa e che azzarda previsioni meteorologiche non per i prossimi giorni ma per anni senza alcuna base scientifica.

p.s. persino i piddini hanno abbandonato la bufala dell'inesistente riscaldamento globale per sostituirla con il cambiamento climatico (che vuol dire tutto e niente).

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 08.11.18 13:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Attenzione che questo Governo sta caratterizzandosi come quello dei condoni, sia fiscali che edilizi. No TAP, no TAV e poi sì ai condoni ad Ischia e ad altre parti d'Italia, come sembra stia avvenendo, sono linne politiche che cozzano tra di loro. Almeno che i condoni producano gettiti adeguati se accompagnati ad inasprimenti delle sanzioni, ma non sembra proprio che sia così ... fossero clientelari?

Chiara Mente Commentatore certificato 08.11.18 09:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gia' in funzione il primo treno ad idrogeno in Germania ed e' velocissimo.

Chiara Pg 08.11.18 08:11| 
 |
Rispondi al commento

forse conviene investire sul sole artificiale

la fusione nucleare è un'opportunità o un pericolo

buona notte ai monelli del blog
✩✩✩✩✩✩✩✩✩✩✩✩✩✩✩✩✩

dino ., genova Commentatore certificato 07.11.18 23:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la Natura insegna....ma è l'essere umano a non volerla ascoltare.....
l'Eco Sistema Terrestre è in pericolo già da molti anni, ma con l'aumentare della popolazione e il conseguente inquinamento che questa crea, ha iniziato il percorso dei default.....
senza voler spaventare nessuno....vedremo sempre più velocemente i cambiamenti climatici,
danneggiare il Pianeta.....
ma quando i Capi di tutti gli Stati si riuniscono ,per parlare del tema,trovano accordi di facciata , ma che costantemente quasi nessuno Stato rispetta....
ad oggi, sono pochissimi gli Stati che hanno veramente invertito la rotta , diminuendo gli inquinamenti....è questo il punto, o questo lo cominciano a fare veramente TUTTI gli Stati, oppure la prossima generazione, dovrà adattarsi a vivere in un Pianeta completamente diverso....

fabio S., roma Commentatore certificato 07.11.18 23:02| 
 |
Rispondi al commento

il M5S e', o per lo meno era, un movimento inquanto a fronte di un problema di livello Comunita'segue una metodologia decisionale che prevede: analisi per identificarne la oggettivita' e quindi una soluzione per via solo logica sulla base del concetto di non favorire il regresso della vita sul territorio; esempio il gasdotto: cosa fare?! il metodo M5S non puo' che concludere con il rifiuto al fare transitare la TAP sul territorio; cosa ci costa: 30 miliardi non c'e' problema: si porta il problema a livello Europeo (come si sta facendo per gli Extra Comunitari): se i paesi del Nord che dovrebbero fruire del gas (le politiche di tali paesi infatti sono per la non combustione nel periodo di circa 10 anni) decidessero di non usarne allora verrebbore coinvolti nella divisione del costo all' italia per abrogarne il contratto con le imprese che si sono date da fare per tale transito di tubi sul nostro paese; diamoci da fare M5S: non servono convegni con parole a fiumi ma azioni ed e' il momento per disdire la TAP con i contributi Europei.

giampaolo gottardo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 07.11.18 22:57| 
 |
Rispondi al commento

perfetto e noi Italiani andiamo in controtendenza: sosteniamo il gasdotto TAP per portare gas in una Europa che si appresta all' energia Verde: noi saremo pagati in gas mentre gli Europei del nord useranno energia solare: quanto siamo mal ridotti!

giampaolo gottardo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 07.11.18 22:30| 
 |
Rispondi al commento

IL CO2 con il riscaldamento del pianeta centra per il 5%.

Quando avremo abbattuto il il CO2 al 100 %, continueremo a riscaldare il pianeta con
50.000 miliardi di KWh.
Nopn avremo fatto nulla.
Solo i miei motori possono eliminare il riscaldamento del pianeta, e il poco di fotovoltaico che si riuscirà a produrre.
Renzo Pozzetti

Renzo Pozzetti 07.11.18 18:42| 
 |
Rispondi al commento

Chi non sposa integralmente la tesi del riscaldamento globale è un "negazionista". Non ha diritto di parola e viene censurato. Questo modo di affrontare le cose andrebbe valutato, perchè è grave e svuota il concetto di democrazia. E' un idea manichea (da una parte il bene dall'altra il male) del mondo a mio avviso pericolosissima.
E' fondamentale, per chi vuole un paese libero e democratico, un confronto aperto tra le idee.Non apprezzo il modo spesso netto ed assoluto con cui i 5 stelle affrontano le tematiche ambientali, e non solo queste, cosi come mi sembra inacettabile bruciare le bandiere dei 5 stelle per la questione TAP. Ci può essere disaccordo ed anche amarezza ma non disprezzo e bisogna capire che i compromessi non sono tradimenti.
Venendo al clima, non è vero che tutto il mondo scientifico è concorde con un riscaldamento globale determinato dalle attività umane (gas serra). Direi anzi che il mondo accademico è spaccato su questa questione. Primo se siamo in presenza di un riscaldamento globale (i dati permettono molti dubbi) secondo se sia di origine antropica (emissioni di CO2). Dal 2008 al 2016 non c'è stato alcun innalzamento di temperatura pur con una crescita lineare delle concentrazioni di CO2.
Affrontare male il problema di quale futuro può portare il nostro paese in una situazione di deindustrializzazione e di recessione con un peggioramento complessivo delle condizioni di vità.La povertà assoluta diminuisce l'aspettativa di vita molto di più dei cambiamenti climatici.
Propongo ancora prudenza e pragmatismo.
Per prima cosa investimenti nel riassetto del territorio. Ciò porta occupazione (molta) e risultati tangibili sulla sicurezza delle persone.
Proseguire con la metanizzazione del trasporto pubblico e privato con risultati evidenti sul piano dell'inquinamento (polveri sottili).
Avviare un piano pluriennale per la mobilità (inizialmente) pubblica ad idrogeno. In Giappone sono in attività i primi bus ed in Germania i primi treni.

Giulio Bornacin, Venezia Commentatore certificato 07.11.18 16:25| 
 |
Rispondi al commento

Ciao ci sono tanti modi per produrre energia ho letto una ricerca tempo fà che metteva in scala le energie dalle meno inquinanti alle più inquinanti 1 elettrico-fotovoltaico 2 elettrico-eolico- 3 idrolelettrico, 4 gas-metano a cogenerazione 5 gasolio 6 kerosene 7 carbone 8 (bio) cancromasse legnose 9 deiezioni di animali 10 scarti agricoli come vedete le care masse legnose van tenute vive non vanno tagliate ne tanto meno bruciate leggetevi i numeri sulle malattie una intensa ma breve esposizione a pm 2,5 può essere letale anche dopo anni tipo l' amianto per capirci basta una fibra in bocca al governatore di turno e zac la pm 2,5 colpisce quasi allo stesso modo ma con un numero di morti premature mooolto più grande vai vai salvini per campi rom che ti fa bene e tu zaia brucia i tuoi panevin sti stramaledetti panevin di m...a se la capite bene se no andate tutti aff.. in c. sono stanco di dire sempre la stessa cosa e basta anche con la pizza cotta a legna a feste paesane con cucina a legna basta bruciare quel veleno avete sentito cosa ha detto l' esperto il legno caduto va lasciato là solo così la foresta si rigenera e rinasce wiwa le foreste abbasso chi brucia masse legnose ciao

Mario ., Padova Commentatore certificato 07.11.18 16:16| 
 |
Rispondi al commento

C'è una ricetta semplice semplice....
L'energia ricevuta deve essere uguale all'energia che si spende.
Riceviamo una tot quantità di energia dal Sole.
Dobbiamo spendere la stessa tot quantità di energia per i nostri bisogni.
Risultato, tot ricevuta meno tot spesa risultato zero e pianeta salvo.
Dove ricavare l'energia che ci da il Sole?
Energia eolica, energia fotocellule solari, energia da combustione di legna, residui vegetali, alghe, energia da specchi solari, energia da animali da tiro, energia delle maree e cosi via....
Per questo non servono premi nobel,ma solo una cosa, BUONA VOLONTA' e nessun petroliere a romperci le .... palle.

GRILLO GIUSEPPE 07.11.18 15:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusate se ritorno su argomento non in tema con il post, ma quando si va a contrattazione, visto che il governo si fonda su un contratto fra forze politiche diverse ed alternative, il M5S avrebbe dovuto proporre emendamento con abolizione della prescrizione o sua sospensione dopo richiesta di rinvio a giudizio. Dopo confronto con la Lega si poteva arrivare ad una mediazione, cioè sospensione della prescrizione dopo sentenza di primo grado : chiedere cioè il massimo per ottenere quello che già avevo preventivato di ottenere! Questo avrebbe permesso alla Lega di approvare un emendamento non imposto dal M5S ma elaborato dopo un confronto serio che trova la soluzione migliore nell' accordo fra le parti, ed il movimento avrebbe comunque portato a casa il risultato! Se si deve sollevare un polverone per il minimo sindacale, il blocco della prescrizione dopo sentenza di primo grado, allora metto sul piatto quello che avrei voluto se avessi governato da solo : abolizione della prescrizione o sospensione al momento della richiesta di rinvio a giudizio, depenalizzazione di alcuni reati, modifica dell' appello per cui si può rischiare una pena maggiore e non come ora quando non si rischia nulla se non una pena cambiata in meglio, abolizione del terzo grado di giudizio! Poi siccome non governo da solo costruisco una mediazione che accontenti comunque gli elettori di ambedue le parti!

Alessandrasofia M., Siena Commentatore certificato 07.11.18 15:20| 
 |
Rispondi al commento

Ma perchè volete raggiungere il ridicolo a tutti i costi. ?
Vi siete accorti che tale traguardo l'avete raggiunto?
Abbiamo sempre lottato per questi problemi, sul blog, in passato; Di maio dove stavi con la testa?

Di maio ieri hai esultato per il trasporto degli agrumi in Cina.... un trasporto antiecologico come antiecologico è importarli dall'America del Sud....
Ti sei accorto che importiamo frutta e ortaggi da mezzo mondo?
Vai in un supermercato, e te ne accorgerai!
Già ti sei imborghesito a PALAZZO a quanto pare, e non solo tu.

Grillo Giuseppe OMONIMO 07.11.18 15:19| 
 |
Rispondi al commento

Per quanto riguarda il normalissimo "cambio dei modi di vivere" che ha accompagnato l'uomo attraverso i secoli è cosa facile, si è passati dalla "Clava" alla pistola "Laser" con tempo e tranquillità, l'unico problema di oggi è che una volta il cambiamento era condizionato dal "Capo Tribù" che dava gli ordini ai 150 abitanti del suo villaggio, OGGI bisogna mettere d'accordo centinaia di Nazioni con milioni di cervelli. Credo sia giunta l'ora, visti i successi di uniformarsi ad Austria, Svizzera ecc. Chi si rifiuta, in automatico viene tagliato fuori, anche se è grande e grosso!n Si studierà come.

Dall'Olio Ermes 07.11.18 14:58| 
 |
Rispondi al commento

E allora perchè in bilancio non avete previsto nulla ? Nulla per fermare almeno in Italia le brutte abitudini come le emissioni delle auto e del riscaldamento domestico, nulla per fermare l'eccessiva quantità di immondizia, nulla per dire che il boom demografico è altamente inquinante?

REN ATOLO, altamura Commentatore certificato 07.11.18 14:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Marione.
La vera lotta nel paese non è tra destra e sinistra come vorrebbero farvi credere, ma tra chi ha capito che la UE e l’euro ci stanno mortificando e chi invece è un servo sciocco degli euroburocrati.
Sintetizzando al massimo la lotta è tra gli #italiani e gli #eurocoglioni.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 07.11.18 14:08| 
 |
Rispondi al commento

E' un contratto ma non era stato dettagliato quindi i 5 che hanno mantenuto il filo con il nostro passato VANNO RINGRAZIATI e non puniti.

Flavia Donati 07.11.18 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Ot ma non troppo

cambiamenti climatici e cambiamenti razziali

x la prima volta negli USA è stata eletta una nativa americana

e se l'indomani dell'insediamento il suo primo discorso fosse

fuori gli immigrati da questa nazione?

allora tutti gli europei rimpatriati

è solo una provocazione...

saluti ai monelli del blog

dino ., genova Commentatore certificato 07.11.18 13:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il più importante e efficace modo per controllare il clima è la limitazione delle nascite . Senza dubbio 7 miliardi di persone producono troppo inquinamento , ridurre l'umanità attraverso il controllo delle nascite ridurrà proporzionalmente anche l'inquinamento . Gli ostacoli maggiori che ha questa iniziativa è l'ignoranza e le religioni che , in genere , sono contrarie al controllo delle nascite . La Cina ci ha provato con ottimi risultati per un quarantennio , limitando a un solo figlio la procreazione . Dal miliardo e 700 milioni previsti per i primi decenni del ventunesimo secolo si è ottenuta una forte diminuzione di 400 milioni . Ma il problema è irrisolvibile in Africa che vanta una popolazione di un miliardo e 200 milioni di individui con un costante aumento che la porterà ai 2 miliardi entro pochi decenni ! La non c'è un governo centrale ne una sensibilità generale per questa problematica , quindi avremo grossissimi guai con l'inevitabile invasione che seguirà .

vincenzo di giorgio 07.11.18 13:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OT. Attualità

LA MORTE TI FA BELLA. Remake: protagonista LA REPUBBLICA.

Ricordate il film? Commedia satirica e anche un pò macabra. Divertentissimo. La scena finale con Meryl Streep che si sgretola e rotola a pezzi dalla scala? Ecco, oggi La Repubblica precipita a pezzi
in fondo alla scala, persa definitivamente la testa sotto un camion di fanatiche faziosità. E anche lei
fa molto ridere.

A pag. 10 attacca Di Maio per la casa dei genitori “condonata”.
Di Maio dalla Merlino. Purtroppo costretto per replicare a comprare La Repubblica (risate in studio).
Costruita dal nonno nel 66 su una legge Regia del 44, condonata dal padre nell’ 86 perché non si trovavano i documenti del nonno e quindi bisognava conferirle legittimità documentale.

Ditemi voi se la morte non la fa bella!

maria s., ancona Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 07.11.18 13:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Si fanno piu' chiacchiere che fatti. Questo e' un problema che ci travolgera' con l'indifferenza dei politici del Mondo.

Roberto Maccione Commentatore certificato 07.11.18 13:33| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me bisogna cominciare dall'EDUCAZIONE AMBIENTALE a scuola LA METTEREI COME MATERIA INSIEME ALL'EDUCAZIONE CIVICA e i genitori dare l'ESEMPIO CON I COMPORTAMENTI.
I BAMBINI da piccoli imparano a leggere a scrivere e allo stesso modo POSSONO IMPARARE A CONOSCERE E RISPETTARE L'AMBIENTE saranno loro in FUTURO gli ABITANTI DI QUESTO PIANETA e quello che IMPARI DA PICCOLO LO RICORDI PER TUTTA LA VITA.

ROSSANA I., ROMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 07.11.18 13:25| 
 |
Rispondi al commento

Strano nessuno citi l'aumento incontrollato delle popolazioni che è alla base di tutti i problemi. Aumento che vuol dire maggiore richiesta di cibi, energia, costruzioni, ecc. e quindi maggiore inquinamento, maggiore uso di combustibili, aumento degli allevamenti e così via.

Benny 07.11.18 13:13| 
 |
Rispondi al commento

A me pare che noi (il pubblico) abbiamo già deciso da tempo,(vorrei dire anche dapprima che io nascessi), quale strada seguire: non ci garba "poveri ma belli" (e possibilmente sani più a lungo possibile) e relativa "dieta". Preferiamo morire (di morte anticipata) ma da stipendiati, possibilmente benestanti, molto più benestanti, che da vivi. Ed infatti, a leggere bene, non mi pare che l'IPCC indichi la "riforestazione" come sanacea del cambiamento climatico in atto, ormai inevitabile (almeno che non siate già centenari..). Ma piuttosto come ultimo espediente, praticabile, per mitigarne le manifestazioni estreme che ne conseguiranno con sempre maggior frequenza.
Però mi chiedo: quante piantine "mitigatrici" vanno messe a dimora per "riforestare" un albero d'alto fusto decennale? Ci sarebbero gli spazi necessari nelle affollate metropoli di oggi? domani?
Mi viene in mente solo il sarcastico (ma pragmatico) titolo di un film.
TAKE SHELTER

biagio salvati SALVATI Commentatore certificato 07.11.18 13:04| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di alberi, dalle immagini televisive, sembra che molti degli abeti caduti in Veneto abbiano diametri piccoli rispetto all'altezza. A uno malizioso (come me) viene il sospetto che Zaia, anche in questo caso abbia voluto raschiare il fondo del barile ambientale per accontentare le sue clientele, dando il permesso di tagliare abeti secolari da rimboschire con esemplari giovani. Questo è un vecchio trucco usato in tutta Italia per dimostrare che la superficie boschiva è in aumento: si, in aumento con alberelli di pochi anni che vanno a rimpiazzare alberi pluricentenari, salvo la solita riservetta indiana degli "alberi monumentali". Che problema c'è, basta avere pazienza, qualche secolo e tutto torna come prima, nel frattempo facciamo crescere il PIL e l'occupazione, sperando che le forze della natura non se ne accorgano, in tal caso si chiedono quattrini ai contribuenti italiani e all'Europa, che ha sempre colpa, ma va benissimo per "prenderne" i contributi e distribuirli agli amici. Evviva!

Enzo Rossi 07.11.18 12:59| 
 |
Rispondi al commento

Ma una LEGGE che obbliga i proprietari dei tetti italici di installare PANNELLI SOLARI quando????????

Le chiacchiere stanno a ZERO. tappezzare i tetti italiani con pannelli solari. Il prezzo é scesi del 70% negli ultimi 2 anni. Wake up!!!!! Stop sleeping!!!!

Franz M., Here&There Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 07.11.18 12:43| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti!!
Il mondo dei media vecchi ce l'ha con il movimento.

difficoltà commento 07.11.18 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Il decreto sicurezza è passato al Senato con 163 sì, 59 no e 19 astenuti. Ora andrà alla Camera.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 07.11.18 12:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Al Senato approvato il DL 113 a legge: 163 a favore!

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 07.11.18 12:21| 
 |
Rispondi al commento

OT votazione Senato sul DL Sicurezza:
Il Pd diviso tra chi vuole abbandonare l’Aula e chi vuole votare contro.
hahaha... qual'e il problema perchè al senato se sei assente ..."è voto contro"!!!

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 07.11.18 12:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Floris, la Merlino, la Gruber, Severgnini, Fazio, Giannini sono pagati per aumentare il cumulo di menzogne e calunnie contro il M5S. Non possono nemmeno farsi passare per giornalisti. Lo scempio che fanno della verità e le loro insinuazioni malevoli e acide non stanno né in cielo né in terra con un tale accanimento morboso e anti italiano che dovrebbero destinati alla morte sociale. E sarebbe un bene per il Paese se sparissero da ogni visibilità. Quello che possiamo notare è che, per quanto il loro martellamento sia costante e ossessivo, sempre più italiani si discostano con ribrezzo dal loro messaggio antidemocratico e fazioso per cui alla fine ottengono il risultato contrario a quello per cui sono pagati.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 07.11.18 11:50| 
 |
Rispondi al commento

Imbarcare capre e cavoli porta alle conseguenze che già conosciamo!!!!

X quanto riguarda la tutela dell' AMBIENTE, nulla, proprio nulla è stato fatto in passato, sono proprio curiosa di conoscere "i fatti" di questo governo... (se ci saranno)

Denunciare e... non FARE
è davvero da scartare!!!!!


AD MAIORA
Paola Zito

Paola Zito 07.11.18 11:46| 
 |
Rispondi al commento

I cambiamenti climatici non dipendono solo da noi italiani ma da tutto il mondo.
A cosa serve non consumare più idrocarburi se nel Mondo USA,Russia e Cina ne consumo a iosa?
A cosa serve piantare alberi in Italia se nel mondo le Multinazionali abbattono le foreste?
Un granello di sabbia nel mare immenso del "Profitto"!

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 07.11.18 11:31| 
 |
Rispondi al commento

un buon sistema per salvare l'ambiente e' diventare l'avanguardia per le energie alternavive e le nuove tecnologie.

il m5s puo' diventare il capofila mondiale per usare le energie alternativa visto che praticamente tutte le nazioni, anche le piu' evolute, o dipendono o hanno legami dificili da eliminare con le lobbies (quelle che una volta erano le "sette sorelle") dell'energia delle fonti fossili. legame che invece il m5s non ha.

potremmo fare quante centrali "archimede" vogliamo, progetto del premio nobel rubbia. potremmo riempire la sicilia di queste centrali.
riempire la sardegna, le sue zone piu' interne, di pale eoliche. abbiamo migliaia di km di costa, e fare tutti gli impianti offshore che ci servono.

potremmo diventare in poco tempo autonomi energeticamente. fare meglio di paesi come danimarca e norvegia, attualmente le piu' evolute in questo campo, facendo diventare la nostra tecnologia per le energie alternative leader nel mondo, creando posti di lavoro e ricchezza.

e le altre nazioni non potranno che imitarci in un percorso virtuoso che fara' il bene di tutte le nazioni e del mondo intero sotto tutti i termini, ecologici, politici, militari, economici etcetc.

carlo 07.11.18 11:26| 
 |
Rispondi al commento

qual e' il problema sul decreto sicurezza di salvinj? non mi sembra il diavolo.

carlo 07.11.18 11:13| 
 |
Rispondi al commento

L’UOMO:UNICO ANIMALE DA ESTINGUERE

L’unico animale in cima alla catena alimentare e per questo più intelligente dovrebbe essere l’uomo ma in realtà è il più stupido ed il più egoista visto che rispetto alle altre razze non preserva ne il suo territorio ne la sua salute lasciando ai figli distruzione e catastrofi,cioè un mondo peggiore di come lo ha trovato.
Le api quando si ammalano non entrano nell’arnia per non contaminare l’intero alveare,l’uomo fa esattamente il contrario spinto da un istinto omicida assai diverso da quello delle belve che lo fanno per proteggere il territorio o procurarsi il cibo. Noi lo facciamo semplicemente per danaro,mangiamo anche quando non abbiamo fame,sprechiamo senza alcun bisogno,riempiamo le case di cose che utilizziamo poche volte o per niente,compriamo auto che sono più status symbol che mezzi di trasporto e soprattutto cementifichiamo scelleratamente come se il territorio fosse infinito e indistruttibile.
E’ vero che la popolazione mondiale è aumentata esponenzialmente ma parallelamente si sono allargati i vizi e i consumi ridondanti ,le differenze sociali sono esplose e si sfruttano enormi territori per accontentare l’opulenza di pochi che stanno diventando sempre più energivori.
L’essere più intelligente della Terra non ha capito che è un semplice ospite e non il padrone di tutto quello che abbiamo a portata di mano e fin quando perseguirà questa presunzione non ha nessuna speranza di sopravvivere alla natura.
Insisto,solo la riduzione dei consumi ed una decrescita ci può salvare tutto il resto sono palliativi per malati terminali.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 07.11.18 11:12| 
 |
Rispondi al commento

voi siete bravi a riportare le notizie e a dire la verità allarmando la gente, ma c'è un'altra cosa che non dite. L'italia non ha nessun strumento per salvare l'ambiente...mancano soldi tecnologia e capacità politiche e imprenditoriali...non ci sono metropolitane mezzi pubblici le ditte sotterrano i rifiuti perchè non hanno soldi per smaltirli e non sono aiutati dalla politica che non crea le strutture per gestire i rifiuti con i costi più bassi possibili...perchè la salvezza della gente dovrebbe essere fatta a tutti i costi ma tanto se si ammala il vicino o muore un paretne di inquinamento chi se ne frega...i politici non hanno famiglia hanno 2 3 4 compagne 10 figli da donne divere ma cosa ragionano

Manuele L. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 07.11.18 11:00| 
 |
Rispondi al commento

Oggi voto al Senato sul decreto sicurezza. Se salta la prescrizione al primo grado di giudizio, va in buca tutto. Probabilmente Fi e Fratelli d'Italia non voteranno. Il Pd è contro, diviso tra chi vota contro e chi esce. La soglia di maggioranza è 161.
I senatori 5stelle sono 109 (ma 4 sono contro).
I senatori leghisti sono 68.
Fi: senatori 61
Fratelli d'Italia: 18
Pd: 54

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 07.11.18 10:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non ci siamo. Il Movimento coi vari Fico, De Falco e tutta la ciurma vicina al PD farà perdere sicuramente consensi

Federica B. Commentatore certificato 07.11.18 10:18| 
 |
Rispondi al commento

Sulla base della giusta analisi del National Geografic, noi dovremmo essere molto esigenti in tema di Politica estera. Come si può essere consonanti con un Trump che nega il problema " sconvolgimento climatico" prodotto dall' uomo ?? E si deve osteggiare fortemente spregiudicati politici di destra come il nuovo presidente del Brasile che intende riprendere la criminale deforestazione dell'Amazzonia, il più grande "polmone" del pianeta !!!

Rinaldo A., Roma Commentatore certificato 07.11.18 10:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mah! Però qualcuno mi deve spiegare il perché dell'alluvione del Po nel 51 e dei disastri a Firenze e Venezia nel 1966 solo per parlare di due eventi in Italia quando di certo le emissioni di anidride carbonica erano sicuramente minime !
Insomma catastrofi cicliche sino successe nella storia quando non vi era alcun impatto umano sul clima
TUTTAVIA È CERTO CHE PER TANTI MOTIVI E PROBLEMATICHE BISOGNA CAMBIARE MARCIA !

Mario Bulgarelli 07.11.18 10:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Temo che quando il reddito minimo di cittadinanza entrerà in vigore, ci saranno molti malumori e molte contestazioni.
Per esempio il possesso di una casa in sé non è significativo
L'Istat ci dice che l’80% degli italiani vive in una casa di proprietà, ma spesso è piccola e da ristrutturare
Penso a tutti quelli che vivono in piccole e disastrate case di montagna
La casa di per sé non è sinonimo di ricchezza, per cui la tabelle dell'Isee sono da rivedere così come i requisiti per poter accedere al reddito minimo di cittadinanza

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 07.11.18 10:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Stiamo sull'argomento del giorno e che puo' determinare la fine del governo, la prescrizione.
Premesso che sarebbe logico che venisse interrotta dal momento del rinvio a giudizio e non dopo il primo grado, cosa cambierebbe per i processi che vengono celebrati?
NULLA!!! Esattamente come prima ci sarebbero i tre gradi di giudizio, se e quando una parte del processo fa appello.
Ma il vero problema che allarma magistrati e soprattutto avvocati (vedi la Bongiorno) e' che verrebbe a mancare loro il lavoro.

Anzitutto, nessun colpevole in primo grado farebbe appello e men che meno ricorrerebbe in Cassazione con l'obiettivo di giungere alla prescrizione (un enorme numero di processi di secondo e terzo grado attualmente hanno solo questo obiettivo).
Ma molto probabilmente molti lunghi processi non verrebbero proprio celebrati nemmeno in primo grado non potendo puntare sulla prescrizione, e molti reati verrebbero sanati con ammissione di colpa e procedura semplificata (per avere lo sconto di pena) o non verrebbero commessi per nulla, sapendo che non la si puo' fare franca.

Molto lavoro in meno per gli avvocati e magistrati, ma grazie alla riduzione del loro numero, processi molto piu' veloci per i cittadini comuni e soprattutto per gli onesti: questo per lega e forza italia e' a quanto pare intollerabile.

Nicola da Mantova 07.11.18 10:02| 
 |
Rispondi al commento

Iran si è creato una sua commissione di inchiesta composta da una squadra di scienziati per verificare la causa del cambiamento climatico del suo paese ne ultimi 5 anni, Iran sofre di siccità che non finisce piu da un bell po di tempo. Italia non ha piu scienziati? Sono tutti dipendenti delle multinationali??

Nico G. 07.11.18 09:59| 
 |
Rispondi al commento

Molte cose non riesco a capirle

Non capisco perché abbiano azzerato le due funzioni che si spettano di diritto di dare un voto ai post o di bannare chi molesta il blog

Non capisco perché mai una volta si parli delle notizie del giorno (e oggi c'erano la votazione di mezzo termine di Trump, l'ordine della Corte di Giustizia all'Italia, pena sanzioni, di farsi pagare l'ICI dalla Chiesa, l'apparizione di Conte a dimartedì, la questione delle prescrizione..)
Ma lo staff se ne frega.

Non capisco poi perché non di deve essere data una cosa che abbiamo chiesto mille volte:
che ogni giorni ci dicano su quali canali e in programmi ci saranno dei 5stelle in tv e magari che ci mettano il link dell'intervento quando è stato fatto

Non sono cose difficili
Ma bisogna fare le barricate per averle?

Infine non capisco perché debba essere sempre qualche privato e mai da parte del Movimento una denuncia alla Corte di Giustizia europea per contestare anche a livello europeo le iniquità che avvengono in Italia

Esiste una Corte di Giustizia che addirittura dà ordini agli Stati? Ebbene, USIAMOLA !!!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 07.11.18 09:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

3
Quanto alla Camera, sai che perdita!... non ce l'ha mai avuto il controllo. Il presidente repubblicano della Camera era Paul Ryan, un "RINO", Republican In Name Only, Repubblicano solo di nome. Cambiare Paul Ryan con Nancy Pelosi è come cambiare la sprite con la gazzosa. Non cambia niente perché il partito Repubblicano era già pappa e ciccia con i dem.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 07.11.18 09:53| 
 |
Rispondi al commento

2
E per la verità, già dal 2014 l'onda rossa dei Repubblicani aveva rallentato per continuare a frenare con l'elezione di Trump. Il guadagno pronosticato di 24-30 seggi per i Dem rientra nella media dei tanti cambi di maggioranza parlamentare negli stati Uniti. Niente di eccezionale. La vera notizia sarebbe se vincesse il partito del Presidente. Cosa abbastanza rara.
..
Poi, alla fine, non c'è stato nessun spostamento significativo, i democratici avanzano alla Camera, i repubblicani rimangono al Senato..Restano significativi i trionfi di Trump: la disoccupazione statunitense è al 2%, il che vuol dire piena occupazione (la nostra è sopra il 10%), l'economia va benissimo, il PIl cresce del 4,1% (il nostro è fermo), le esportazioni sono rialzate del 9,3%, a dispetto dei temuti effetti di dazi e guerra commerciale tra Usa e resto del mondo, sono aumentati gli investimenti, sono state tagliate le tasse...

Stefano Ragusa.
L'onda blu, la "blue wave" democratica che avrebbe travolto Trump, non c'è stata. Come da tradizione, il partito del Presidente perde le midterm, da sempre, per un banale motivo: gli oppositori, sentendosi meno rappresentati sono più motivati a recarsi al voto. Non è una novità negli Stati Uniti. È successo a Obama, a Bush e a molti predecessori. D'altronde si fanno a metà mandato proprio per contrappeso al potere del Presidente. In questa elezione, si favoleggiava di un'ondata democratica così potente e nuova... ma de che? Hanno vinto la Camera e perso il Senato. Al Senato i repubblicani si sono persino rafforzati strappando dei seggi ai Democratici. I dem hanno perso nelle elezioni Statali (c'erano anche quelle per i governatori) Tutti i candidati dem del Senato fortemente sostenuti dalla Tv come Beto in Texas, hanno perso. Trump, preventivando già da tempo una sconfitta alla Camera, si era fatto la campagna concentrandosi proprio su Senato e Governatori e con buona ragione oggi festeggia per queste elezioni un risultato migliore del 2016.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 07.11.18 09:52| 
 |
Rispondi al commento

1
Mi chiedo quanti ieri sera abbiano seguito la superflua maratona di Mentana sulle elezioni americane di metà mandato, che hanno dato pure una informazione distorta sul peso (in verità molto scarso) che queste hanno negli USA.

Molto più intelligentemente Stefano Ragusa postava:

Da qualche giorno si fa un gran parlare delle elezioni di Midterm in America. Come se dall'esito dipendesse il futuro politico di Trump. In realtà, il giorno dopo non succederà assolutamente nulla, perché gli Stati Uniti sono una Repubblica Presidenziale e il Presidente non dipende dal Parlamento, non esiste un voto di sfiducia qualora perda la maggioranza. La Costituzione Americana, un gioiello per come ha progettato le istituzioni federali, volle il Parlamento come contrappeso al potere del Presidente. Dunque è perfettamente normale che le maggioranze ad ogni tornata elettorale cambino, tanto più a metà del mandato del Presidente. I deputati rimangono in carica appena due anni, uno dei mandati più corto al mondo. Spesso vince il partito avversario a quello del Presidente perché sentendosi meno rappresentato, è più motivato a recarsi al voto. Nelle prime midterm di Obama, il suo partito perse ben 63 seggi alla Camera, la più grande perdita di un partito dal 1938. Nelle successive tornate, non solo Obama non riconquistò la Camera, ma perse anche il Senato. Eppure niente gli impedì di continuare a governare e addirittura di essere rieletto. Il suo partito riuscì a perdere in Parlamento anche nell'anno della sua rielezione. Tranne nel periodo di Reagan (che riuscì a far eleggere un repubblicano per la terza volta consecutiva) il partito di opposizione al Presidente, segue un'onda crescente nei consensi per poi decrescere poco prima dell'elezione del proprio Presidente. La cosiddetta 'blue wave" democratica, è un banale fenomeno statistico che si ripete ciclicamente da secoli negli Stati Uniti: onda blu e onda rossa. Ora è il turno del partito di Trump decrescere.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 07.11.18 09:51| 
 |
Rispondi al commento

Salve, è chiaro che con l'aumento della temperatura ci saranno sempre più fenomeni di grande sconvolgimento dell' ecosistema anche a causa di masse di aria sempre più calda che incontrandosi con quelle di aria fredda provocando tempeste, fortissimi venti che hanno provocato numerosi morti e distrutto una parte del nostro ecosistema. Una cosa è certa che la colpa è dell' uomo che contribuendo a rafforzare l'aumento della temperatura del pianeta, peggiorerà Qst fenomeni. Certo è che voglia che ciò non avvenga bisogna ridurre l' emissioni di gas serra e le sostanze che inquinano l'atmosfera ma soprattutto l'aumento del calore al pianeta. La natura ci dimostra che quando si inCCCzzz... si rivolta contro tutto ciò che gli arriva davanti senza pietà x nessuno. In sintesi sta all' umanità fare un'ulteriore sforzo per diminuire qst evolversi di calamità immane di devastazione affinché si renda a tornare verso una migliore è più adeguata temperatura della Terra dati che viviamo in qst piccolo pianeta.

Saluti

FC

Francesco Corrao 07.11.18 09:48| 
 |
Rispondi al commento

Solo un dubbio: perché questa pervicace volonta' della lega di garantire il condono per il rientro dei capitali illecitamente detenuti all'estero? Non avra' qualcosa a che vedere col rientro dei soldi rubati dal "cerchio magico"? E perché questa pervicace volonta' di garantire la prescrizione? Non avra' qualcosa a che vedere con l'impunita' da garantire al "cerchio magico" una volta che i soldi sono rientrati?

Solo un dubbio, eh…

Nicola da Mantova 07.11.18 09:41| 
 |
Rispondi al commento

Ecco il nostro meraviglioso Presidente tartassato da quel cialtrone di Floris che ha fatto la solita figura da cafone intollerabile, fazioso e ultrapagato.

https://www.facebook.com/450564835053485/videos/967788816744160/

E' di questo che questo blog oggi doveva parlare
Ma mai una volta che stia sul pezzo del giorno
Anzi la notizia di giornata proprio non se la fila mai

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 07.11.18 09:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi spiace, ma il M5S perderà milioni di voti quando partirà il finto reddito di cittadinanza, che praticamente esclude o quasi i "fessi" che hanno un'appartamento che è costato sacrifici.

Ad esempio una donna vedova e disoccupata, che vive in un appartamento di proprietà che è costato anni di sacrifici, in base all'isee prenderebbe poco o niente di RdC. Dovrebbe regalare il suo appartamento per prendere i 780 euro di rdc.

A conti fatti è il REI del PD, con la differenza che passa da 6.000 a 9.000 di isee.

E' vero che non paghi l'affitto, ma le spese per i lavori di manutenzione e restauro, soprattutto per gli immobili più vecchi, sono frequenti.

In un condominio, chi non ha i soldi per pagare tali lavori rischia di vedersi portare via l'appartamento che viene messo all'asta.

Una coppia di disoccupati potrebbe avere dei genitori ricchi che gli pagano l'affitto. Vi sembra giusto che questa coppia meriti il RdC più di qualcuno che ha una casa di proprietà ma ha il frigo vuoto???

Ricordo che il VERO Reddito di Cittadinanza, quello promesso dalla proposta di legge 2013, era completamente diverso:

" La nostra proposta nazionale, diversamente da quanto falsamente asserito da Borghi, non indica l’ISEE come un requisito. Utilizza il solo reddito irpef ponendo 9360 euro annui (soglia di povertà relativa) come obiettivo della misura. L’ISEE è richiesto, nella proposta nazionale, solo a titolo di verifica, ma senza porre dei tetti. "
http://www.movimento5stelletoscana.it/7-balle-un-comunicato-solo-borghi-si-rivolga-ad-uno-bravo-legga-almeno-giornali/

Filippo Astori 07.11.18 09:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non vedo risposta da parte della Chiesa di Roma alla sentenza della Corte europea che ordina che lo Stato italiano si faccia pagare le insolvenze dell'ICI sugli edifici non adibiti al culto, somma che sembra molto ingente e che ha sui giornali una oscillazione tra i 4 e i 14 miliardi, che in questo momento sarebbero molto utili per realizzare il programma di governo, specialmente quel reddito minimo di cittadinanza che darebbe aiuto a tanti italiani poveri.
Mi auguro che la Chiesa non costringa lo Stato italiano ad entrare in un contenzioso imbarazzante, tanto più che la ricchezza della Chiesa può ben permetterle di pagare quanto deve a norma di legge.
La Chiesa cattolica viene considerata la multinazionale più ricca del mondo. La Banca Vaticana dovrebbe avere 20 miliardi di euro, dico 'dovrebbe' perché contiene molte zone d'ombra ed è stata messa nella bad list delle banche dagli affari poco chiari. Poi c'è lo Ior. Infine le molte proprietà immobiliari. Per es. solo la Curia di Roma gestisce un miliardo di euro. La Chiesa Cattolica è la prima multinazionale del pianeta con 2 mila miliardi di dollari di patrimonio immobiliare (nel mondo ne ha per 2.000 miliardi) di cui circa il 22% del patrimonio immobiliare in Italia, riserve d’oro di oltre 60.000 tonnellate sparse tra la US Federal Reserve Bank e banche elvetiche e britanniche (le riserve d'oro italiane sono 2.451,80 tonnellate), per non parlare dei capitali depositati presso lo IOR, istituto opere religiose, la banca vaticana più volte coinvolta in scandali e anche da omicidi, finti suicidi e sparizioni (cura 15.000 clienti per 6 miliardi di euro). E non ha solo oro e immobili ma azioni e obbligazioni detenute dal Vaticano in varie società sparse in tutto il mondo.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 07.11.18 09:29| 
 |
Rispondi al commento

Il premier Conte a Floris:
"Lei sembra un europeo che parla male degli italiani!"
GRANDIOSO!!
Lo sentite, Floris e cani ululanti al seguito, questo boato che è salito dall'Italia? E' stato l'urlo di soddisfazione di chi ne ha piene le palle di questi scagnozzi ululanti del grande capitale che non lasciano nemmeno parlare e poi sanno solo scannare chi cerca di risollevare questa disgraziata amatissima Italia!
BASTA FLORIS!!!
BASTA FORNERO!!!
BASTA CAZZOLA !!!!
BASTA GENTE COME GIANNINI O ZUCCONI O GRUBER O MERLINO O SCALFARI, BUONI SOLO A DEMOLIRE E A FARE I BECCHINI TETRI DI QUESTO PAESE!!!
QUESTA GENTE DEVE SPARIRE!!!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 07.11.18 09:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma che centra oggi questo post, oggi si deve approvare la prescrizione e basta. Siamo la forza di maggioranza e quindi le nostre proposte vanno approvate prima di quelle dei legaioli mafiosi del nord.

Non facciamoci fregare, il nostro voto alle prossime elezioni non sarà scontato.
abolizione delle pensioni d'oro, redditto di cittadinanza, lotta con 20 anni di galera ai corrotti e ai corruttori nella pubblica amministrazione , riduzione dei parlamentari, eliminare il finanziamento pubblico ai partiti e ai giornali, leggi sul conflitto di interessi nei media ( berlusca è ancora li) impedire che 14 giudici della corte costituzionale abbiano più potere di milioni di persone che vogliono cambiare le cose, introduzione del referendum propositivo, ecc.
Di Maio fatti sentire o lascia il posto ad altri più grintosi.
saluti blog

aldo c., assemini Commentatore certificato 07.11.18 09:20| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori