Il Blog delle Stelle
Un governo al lavoro per i diritti sociali degli italiani

Un governo al lavoro per i diritti sociali degli italiani

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 255

Di seguito l'intervista rilasciata da Luigi Di Maio al quotidiano LaVerità

Luigi Di Maio, sabato sembravate un po’ lividi lei e Salvini…

“Forse perché era sabato pomeriggio…”.

Stasera (ieri, ndr) andate a cena: non è che mangiate penne all’arrabbiata?

“Non è meglio una pizza napoletana?”.

Ma cosa è successo nei giorni scorsi? Come mai la comunicazione fra voi non ha funzionato?

“L’accordo politico per escludere il condono c’era. Non ha aiutato il fatto che fossimo ognuno in un posto diverso: Salvini a Mosca, Conte a Bruxelles e io a Roma. Non abbiamo potuto chiarire subito”.

Ma perché ha scelto di andare in Tv da Bruno Vespa? Non era meglio aspettare di chiarire prima di fare quella denuncia mediatica?

“Penso che quando si arriva al punto di trasmettere al Quirinale una copia informale del decreto con dentro il condono tombale penale sia necessario dirlo pubblicamente”.

Però così alla Lega si sono risentiti

“Ma io non ho mai detto che è colpa della Lega”.

A un certo punto, quando ha parlato di problema politico, sembrava lo sospettasse…

“Nei giorni successivi ci sono state incomprensioni.
Sembrava che la Lega volesse quel condono penale, cosa che invece Salvini ha smentito”

Così nel Consiglio dei ministri avete trovato l’intesa…

“Nel Consiglio dei ministri di sabato abbiamo discusso soprattutto della lettera da mandare a Bruxelles. La questione del condono l’abbiamo chiusa in mezz’ora”

Ma non resteranno gli strascichi? In questa occasione, in fondo, sono venute fuori le grandi differenze che restano fra voi

“Sicuramente questo è un governo inaspettato. Se me l’avesse chiesto dieci mesi fa, avrei ritenuto impossibile un accordo tra le nostre due forze politiche. Però le cose inaspettate a volte meravigliano”.

Che cosa l’ha meravigliata?

“Quando Conte, Salvini e io ci parliamo ci capiamo al volo. E il rapporto resta saldo, non è venuta meno la fiducia”

Quindi niente crisi di governo dopo le europee?

“Ci tengo a dirlo ai lettori della Verità: il governo andrà avanti per cinque anni”.

Comunque quello di questi giorni non è stato uno spettacolo esaltante.

“I cittadini però devono sapere che da noi avranno sempre sincerità. Anche quando non siamo d’accordo”.

Qualcuno dice che tutto questo è nato perché ci sono difficoltà nei Cinque Stelle a reggere quest’alleanza che lei stesso ha definito “inaspettata”.

“Se penso a un anno fa, c’era molta più discussione all’interno del Movimento…”

Le esternazioni del presidente della Camera Roberto Fico fanno pensare il contrario.

“Fico ha svolto un ruolo fondamentale nel far nascere questo governo. Ed è convinto come me nel portarlo avanti”.

Non si direbbe dalle sue parole….

“Le idee di Roberto erano note, quando è stato votato. Non fa altro che continuare a esprimerle”

A Natale ritorna Alessandro Di Battista. La preoccupa?

“Non solo sono contento che torni. Vorrei trovare il modo di non farlo ripartire, perché so che lui è uno spirito libero. Ma a me piacerebbe averlo al fianco nella campagna elettorale per le europee”.

Ma è sicuro che tra i suoi non ci sia nessuno che tifa contro il governo?

“Nessuno. Sappiamo che questo governo è l’ultimo argine per difendere diritti sociali degli italiani. Altrimenti arrivano di nuovo quelli pro banche e pro austerity”.

Ma dopo due giorni di Italia a Cinque Stelle non ha la sensazione che sia più difficile scaldare i cuori dei militanti stando al governo?

“Al Circo Massimo abbiamo fatto il record di iscritti di tutte le edizioni di Italia a Cinque Stelle. Ci sono state oltre 50mila persone. Mai tante così. E nemmeno una contestazione”.

Sui giornali ho letto pareri diversi.

“A me dispiace. Alla Leopolda di Renzi c’era meno gente di quella che stava alla nostra reception ed è stata celebrata come evento dell’anno. Al Circo Massimo, invece, girava solo qualche telecamera per sbaglio…”

Si sta lamentando per l’ostilità dell’informazione?

“Le ha viste le stime delle presenze nei Tg della Rai? Siamo l’unico governo che si ricordi che in Rai è presente la metà del tempo dell’opposizione”.

Passiamo alla vostra risposta all’Europa. Siete pronti a cambiare qualcosa della manovra per andare incontro alle richieste di Bruxelles?

“Siamo pronti a riconoscere l’Unione Europea come istituzione e a spiegare loro le nostre ragioni”.

Quali sono i margini di trattativa?

“Il punto non sono i margini di trattativa. Noi abbiamo messo in conto che ci possa essere bocciatura. Avvieremo un dialogo, ma resterà agli atti dell’Unione europea che c’è un governo che è convinto delle sue ragioni e perciò va avanti per la sua strada”

Dove sta il dialogo allora?

“Nel fatto che noi riconosciamo le istituzioni europee. A differenza di quel che lascia intendere qualche commissario di Bruxelles”

La manovra però non si tocca.

“Siamo convinti di essere sulla strada giusta. Nessuno ne parla ma abbiamo preso 4 miliardi a banche e assicurazioni. Ricorda quando dicevamo tassiamo banche e assicurazioni per dare qualcosa di più ai cittadini? L’abbiamo fatto”

Non c’è il rischio che banche e assicurazioni scarichino tutto sui cittadini?

“Da incontri che abbiamo avuto con gli istituti interessati, non mi pare. E sono sicuro che non abbiamo fatto azioni da irresponsabili”

Nella lettera spedita in Europa si dice anche che se i risultati della manovra non saranno quelli sperati si prenderanno “le necessarie misure”. Qualcuno teme che le “necessarie misure” siano un modo per dire patrimoniale…

“Guardi non ci sono i numeri in Parlamento per approvare la patrimoniale”.

Perché?

“Perché il Movimento 5 Stelle non voterà mai una patrimoniale. Anzi, non passerà nemmeno in Consiglio dei ministri perché abbiamo la maggioranza anche lì.”

È un impegno?

“Sì. E mi fa piacere dirlo ai lettori della Verità in modo che l’impegno possa essere pubblico: non ci sarà nessuna patrimoniale perché le patrimoniali sono illiberali. E io non voglio un governo illiberale”

Il Reddito di cittadinanza agli stranieri non rischia di creare altri problemi con la Lega?

“Non ci sarà. Ci rivolgeremo solo agli italiani”.

Come?

“Il meccanismo lo metteremo a punto nella normativa che entro fine anno diventerà legge”.

Ritirerete gli 81 emendamenti sul decreto sicurezza?

“Sono stati presentati 81 emendamenti soltanto perché non essendoci Salvini qui, in questi giorni, abbiamo rinviato la fase di trattativa. Ma in aula arriveranno solo quelli concordati. L’obiettivo è migliorare il testo, non creare problemi al governo”

E sul condono edilizio a Ischia su cui Salvini ha sollevato dei dubbi?

“Avremo modo di parlarne a cena”.

Con la pizza napoletana in effetti l’argomento s’intona.

“Non scherzi. Questo decreto, che poi è il decreto Genova, accelera le sanatorie sulle case - solo quelle terremotate e nel cratere - cui si applicano condoni del 2003, del 1995 e del 1987. Ricorderà che il condono del 2003 l’ha votato la Lega, mica io…”

Che fa? Riapre la polemica?

“No, lo dico con ironia”.

E io lo dico sul serio: non c’è il rischio che ricominciate con le ripicche?

“No, gliel’ho detto: quando ci parliamo di persona, senza intermediari, noi ci capiamo”.

Neppure l’affermazione elettorale della Lega in Trentino e Alto Adige, a fronte di un calo del M5S, rischiano di minare l’alleanza?

“No”.

Perché?

“Perché noi abbiamo regole ferree, per esempio la lista unica. Chi ha vinto lì si presenta con dieci liste”.

Pentito?

“No, siamo orgogliosi delle nostre regole”

Torniamo all’Europa: ci dobbiamo preparare allo scontro?

“A maggio cambierà tutto”

Ma intanto lei pensa che ci siano pregiudizi contro di noi?

“Più che un pregiudizio, c’è concorrenza. Chi sta oggi in Commissione appartiene infatti a partiti che corrono contro di noi. Quelli della famiglia Ppe e Pse, per intenderci, che in Italia sono rappresentati dall’opposizione di Pd e Forza Italia”.

Quindi che fate?

“Dovremo difendere la manovra in modo compatto. E spiegarla ancora. Mi lasci dire che sto apprezzando molto il comportamento della Germania che non entra in questa questione”.

E i mercati?

“Sono convinti che l’Italia voglia uscire dall’euro, per una narrazione di alcuni intellettuali e della sinistra che vanno diffondendo questa leggenda metropolitana”

E non è così?

“No, non solo perché non c’è nel contratto ma perché il Movimento 5 Stelle non voterà mai per uscire dall’euro”

Renzi come presentatore Tv come lo vede?

“Non ce l’ho fatta a vederlo, nemmeno alla Leopolda”

Ma la debolezza dell’opposizione non è un problema?

“Sopperiamo noi. Siamo bravi a farci l’opposizione anche da soli”.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

23 Ott 2018, 13:00 | Scrivi | Commenti (255) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 255


Commenti

 

CIAO buongiorno a tutti cari amici oggi ho visto la7 accipicchia ho commesso un reato , vogliono che la gente consumi cosa... che si producono solo cancri plastica petrolio legna cancerogena cosa devo consumare telefoni con la scadenza aria sporca vino al pesticida cosaaaa .. la decrescita è fisiologica in un paese che invecchia e decrescità sarà ,non perchè lo dico io ma perche lo dice la matematica le imprese falliscono al 95 per cento entro 5 anni non perchè lo dico io ma perchè il sistema capitalistico a debito è fatto per farle fallire si perche l' uomo è cannibale finanziario l uomo distrugge il proprio simile fianziariamente e gode nel distruggerlo, la finanza è demoniaca e basata su cartine colorate false su schiavitù servilismo e debito , ho sentito e visto un presunto economista parlare di patrimoniale , anzi per la verità è il secondo, con il sorriso sulle labbra come per dire tanto io li ho a malta o in svizzera che mi frega di te poveraccio di un piccolo risparmiatore, io detesto la lega da sempre perchè prendendo la tangente enimont mi ha azzerato i risparmi di duro lavoro , renzi si è fottuto quando ha detto che la RENDITA è sicura ed ha aumentato la tassazione del RISPARMIO ocio è chiunque voi siate mettere patrimoniali tasse sul piccolo risparmio onesto si muore politicamente caro renzi non cè più niente da fare anche perchè dopo la tua sparata son fallite 7 banche sei morto perche rubare soldi sul conto mettere patrimoniali inique come quella sul deposito titoli sono furti primordiali vi ricordate amato e i conti correnti qualsiasi politichetto calato dalla padronanza mondiale che fa questo si suicida politicamente e come rubare in casa di un povero l' unico pezzo di pane la sicurezza per la vecchiaia e che cavolo prendete i 120 miliardi di evasione i 60 miliardi di corruzuione lasciateci vivere lasciateci invecchiare in pace ciao w5s

Mario ., Padova Commentatore certificato 26.10.18 10:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Credo sia opportuno evitare molti dei talk show dove I conduttori ventriloqui del PD scaricano il loro livore sugli ospiti del M5s, interrompendoli, non lasciando spazio per argomentare i fatti, cambiando di punto in bianco discorso.

Andare da Floris o dalla Annunziata fa solo il loro gioco e da visibilità a programmi e conduttori bolliti,che non guarderebbe nessuno se voi non andaste.

Voi andate a fare audience per questa gente e per il PD. Lasciate che vada la gente del PD in questi talk show cosi perdono ancora più voti.

State al lavoro. Fate i fatti, informateci via web e dirette su youtube.

Non ci serve ne Floris, ne l'Annunziata ne altri di questi.

Ciro M., Brussels Commentatore certificato 26.10.18 04:12| 
 |
Rispondi al commento

Sapelli parla e quelli non capiscono un CAZZO

FABIO B., bologna 25.10.18 23:11| 
 |
Rispondi al commento

Ma chi è questo Draghi,che minaccia?Come si permette di offendere l'intero popolo italiano;lui sarà pure un bildenberghiano transnazionale ma non si deve permettere minimamente di intromettersi,cercando si elidere la volontà della NAZIONE Italia,azzittitelo immediatamente e ricordategli chi è e chi rappresenta!!

vincenzo Rina, Nova Siri Commentatore certificato 25.10.18 16:35| 
 |
Rispondi al commento

scusate sono fuori tema, due anni fa o ricevuto una cartella dove mi viene chiesto di pagare una somma pari a 41,000 euro per gli anni 1987 fono ai giorni nostri,premetto che sono uscito dal lavoro nel lontano 2002,o dato la cartella a un mio amico avvocato,lui mi a detto di aspettare altre cartelle e poi vedere.Premetto che sono un pensionato a mille e 20 euro al mese. O sentito che c'è in cantiere un legge che annulla queste cartelle assurde.Non So a chi chiedere.da non pubblicare se e possibile una risposta alla mia email

gaetano raffa 25.10.18 12:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutte lee esigenzee di prestito personale o un finanziamento, si prega di contattare questa signora che può aiutarti mail...... silvia19manecchi75@gmail.com
whatsapp.......+33 756 830 507 !!!

cinzia 24.10.18 23:58| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto il comunicato dei RIDER che si sentono abbandonati dal m5s.
Spero che il ministro Di Maio non li abbandoni sennò il m5s sarebbe solo la brutta copia del PD

Paolo Graziosi, Roma Commentatore certificato 24.10.18 21:16| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto il comunicato dei ridere che si sentono abbandonati dal m5s.
Spero il ministro Di Maio non.li abbandoni perche' il m5s diventerebbe la brutta copia del PD .

Paolo Graziosi, Roma Commentatore certificato 24.10.18 21:12| 
 |
Rispondi al commento

Gli euro burocrati della macrofinanza elitaria e delle banche d'affari,unitamente ai loro fidi e servili esecutori politici e amministrativi,rappresentano un mondo al tramonto,non dovete combatterli,dovete semplicemente ignorarli,saranno travolti dalle loro stesse nefandezze e dai loro atteggiamenti preistorici:non hanno alcuna cultura,se non l'avido pensiero di arricchimento personale:
detto col Poeta non ti curar di loro ma guarda e passa;il loro pensiero non conta,semplicemente perchè non è un pensiero:il loro mondo sparirà a breve,epperò nel contempo i loro prezzolati e interessati esecutori editoriali,televisivi e della carta stampata,non possono continuare a mentire al popolo italiano:li si che dovete intervenire.la tracotanza e l'impunità di questi signori,che sono comunque all'alba della loro fine,vanno rimosse,immediatamente e senza remora alcuna:impossibile pagare il canone e continuare a guardare questa putredine semolente e infidi e scadenti trasmissioni televisive o giornali con titoli editoriali falsi e roboanti,che conseguono soltanto ad ordini di scuderia.
In conclusione andiamo avanti nel percorso intrapreso,perchè è la forza della ragione che ci sostiene,ignoriamo i falsi dettami europei e facciamo intendere una volta per sempre che i giornalisti del pensiero unico,malinteso e manipolato,rischiano molto,continuando a mentire al popolo italiano:l'ordine dei giornalisti non interviene:bene,venga immediatamente sciolto!!

vincenzo Rina, Nova Siri Commentatore certificato 24.10.18 20:06| 
 |
Rispondi al commento

UNA BELLA PULITA LA DAREI ANCHE PER I SENATORI A VITA --SE HANNO UN PESO POLITICO PER LE DECISIONI DEL SENATO LA COSA NON MI VA'- IL SENATORE A VITA DOVREBBE ESSERE SOLO UNA CARICA ONORIFICA E SENZA REMUNERAZIONE ---SCUSANDOMI CON CHI VERAMENTE MERITA DI AVERE QUELLA NOMINA VEDI RUBIA ED ALTRI NOMI CHE VERAMENTE SONO DELLE ECCELLENZE ITALIANE-MA UN MONTI E UN NAPOLITANO -NO NO NO NO --FATE QUALCOSA -- GRAZIE

arturo carli 24.10.18 15:46| 
 |
Rispondi al commento

Sempre più convinto che la strada intrapresa è quella giusta. Spero resisterete alle pressioni dei burocrati al servizio della schifosa finanza.
La maggioranza della gente è con voi.
E la maggioranza della gente non ha proprio nulla da perdere, qualsiasi cosa facciano quegli orridi figuri che in Europa sblaterano vendette e ricatti. Tra questi, in primis, quelli che hanno governato l'Italia fino a Marzo con i pessimi risultati a tutti noti. Ciò nonostante hanno ancora la faccia (non dico di che!) di spacciarsi per i salvatori della patria tornando a fare le vecchie proposte che hanno solo peggiorato la vita alla maggioranza della gente comune. Grazie a Di Maio, ma grazie anche a Salvini. Andate dritti come fusi. Fico non me ne voglia, ma non saranno certo quelli con cui lui è più in sintonia a risollevare le sorti di questo paese, visti i pessimi precedenti!

paolob Ferrara Commentatore certificato 24.10.18 14:04| 
 |
Rispondi al commento

Considerato che molti cittadini e altrettanti sostenitori del M5S sono allergici alle parole "condono,sanatoria" e anzi di queste non ne avrebbero voluto proprio sentirne parlare dal cosiddetto governo del cambiamento e in particolare dal movimento 5S che il nuovo rappresenta, si chiede maggiore chiarezza e trasparenza nell' elargire contributi per la ricostruzione ai terremotati di Ischia, escludendo per onestà intellettuale tali sussidi ai possessori di abitazioni abusive che molti danni hanno arrecato al territorio isolano, deturpando la bellezza paesaggistica e naturalistica, facendo altresì scempio delle risorse di un territorio con la cementificazione selvaggia e illegale. Paolo (PALERMO)

PAOLO CARUSO 24.10.18 13:12| 
 |
Rispondi al commento

Ci sarebbe da dire che se Commissione Europea, BCE, FMI e banche sono contro la manovra economica italiana, forse abbiamo preso la direzione giusta che almeno una volta va a favore del popolo!
Io ho i miei dubbi solo sul condono fiscale: già ormai noi che paghiamo le tasse siamo in minoranza, così convinci anche altri a non pagarle più (non è piacevole sentirsi fessi). Inoltre è economicamente svantaggioso sia per lo Stato che comunque accetta un decimo di quello che gli spetta e le persone che aderiscono saranno sempre di meno, essendo più vantaggioso rimanere nascosti, tanto non ti prendono, sia per i singoli che aderiscono che a lungo andare hanno costi da pagare ben superiori a quelli previsti, confermando la teoria di schiacciare solo gli onesti o chi vuole rientrare nell'onestà.

Saluti,
STEFANO

Stefano 24.10.18 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Leggete qui la storia dei trattati che hanno bloccato la crescita.... (solo per alcuni stati naturalmente i più poveri)

https://www.giuseppeguarino.it/interviste/

BRUNO 24.10.18 11:25| 
 |
Rispondi al commento

....."I francesi non volevano che l’Italia rimanesse padrona della sua moneta, libera da vincoli di rigore e forte dei suoi prodotti nei mercati internazionale. Era un pericoloso concorrente per la Francia e la Germania stessa. Mitterand disse a Kohl: “Se non c’è L’Italia non si fa l’Unione Europea”.

BRUNO 24.10.18 11:16| 
 |
Rispondi al commento

L'Europa non siamo noi l'Europa è e sarà sempre FRANCIA e
GERMANIA. Questi
2 paesi imperialisti si sono accordati per sottomettere
"legalmente" per
mezzo di trattati e non di guerre sanguinose il resto dei paesi Europei. Mi
fanno ridere quegli economisti che vogliono un grande ed unico stato
europeo per meglio competere economicamente nel panorama internazionale con
Asia ed America.
Come farà la Svizzera a sopravvivere sola e piccolina e con la propria
moneta? Probabilmente la invaderanno militarmente per farla rientrare agli
ordini di Francia e Germania. La gran Bretagna lo ha capito in anticipo il
gioco di queste 2 nazioni e se ne sta tirando fuori sebbene la
controinformazione delle lobbies finanziare stia mettendo in campo tutte le
armi più becere per convincere i sui cittadini del contrario.
Io sono che uscire dall'euro sarà inizialmente un bagmo di sangue ma non
vedo alternative per liberaci dal giogo di Francia e Germania che vogliono
paesi poveri nell'euro-zona solo per rendere più competitive le loro
merci.

BRUNO 24.10.18 10:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

UN'ALTRA FAKE
Non so perché i giornaloni insistano a dire che è la prima volta che Bruxelles boccia una Finanziaria.
il 15 novembre 2013, col governo Letta, IFQ scriveva: L'Unione europea boccia la Legge di Stabilità. Chiede al premier e al ministro Fabrizio Saccomanni di accelerare "i progressi" e dubita che il debito verrà ridotto nel 2014. La mannaia di Bruxelles cala sul governo Letta. Non sarà concessa alcuna flessibilità sugli investimenti, il cosiddetto “bonus Ue” che aveva chiesto l’Italia, perché il debito italiano è troppo alto. La Commissione Ue dopo aver analizzato (e bocciato) la Legge di Stabilità ha infatti deciso che “l’Italia non ha accesso alla clausola per gli investimenti perché il debito non si è evoluto in modo favorevole”. La notizia ha subito suscitato le reazioni dei mercati con i titoli di Stato italiani che hanno ricominciato a salire portando lo spread con il Bund tedesco a 240 punti base.
Il ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni, spiegava che “con le linee che abbiamo già programmato raggiungeremo il risultato” di ridurre il deficit 2014 al 2,5% ed essere in linea con i parametri. La Commissione Ue “non tiene conto di importanti provvedimenti annunciati dal governo, anche se non formalmente inseriti nella Legge di stabilità, e già in fase di attuazione per contrastare eventuali rischi su disavanzo e debito 2014”,

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 24.10.18 09:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ieri sera ho avuto la conferma dal grande floris.... sapete chi ci tiene a galla in europa per il rispamio?
Noooo, non lo sapete?
Ieri sera il grande conduttore della sette ci ha detto,grande scoperta economica,che l'economia reale è costruita in italia dal poveri,quelli che risparmiano e non arrivano a fine mese con la pensione di fame e quelli che frugano nei cassonetti nella speranza di mettere qualcosa sotto la dentiera.
Sono quelli che licenziati,non hanno ne un tetto ne una pensione e vivono sotto i ponti o nelle vetture.
Insomma la povertà porta il risparmio ecco perchè giusta la presenza della legge fornero e le pensioni minime a 450 €.
Floris fatti vedere da un buon medico e piantala di fare le domande con il tuo solito sorrisino da d....!

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 24.10.18 09:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi congratulo con Davide Casaleggio perché il blog è diventato una scheggia
spero anche che sia più funzionale al momento delle votazioni e non abbia le disfunzioni di un tempo

E ora si potrebbe ripristinare le funzioni del vota commento, per favore?

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 24.10.18 09:42| 
 |
Rispondi al commento

Pochi lo ricordano, ma quando a Palazzo Chigi c'era Enrico Letta e non Giuseppe Conte, la Ue bocciò la manovra italiana, giudicandola inadeguata. Alla fine il governo accettò di riemettere mano ai conti, piegando la testa.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 24.10.18 09:39| 
 |
Rispondi al commento

Floris : "Se uno è in povertà è costretto a vendere i titoli di stato"
??????😱
Ma chi cazzo è quel povero che ha i titoli di stato??????
A Floris, cambia spacciatore!!

#dimartedi

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 24.10.18 09:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL VERO PROBLEMA
DI QUESTO GOVERNO
E' IL CONSENSO CHE HA

BUM BUM 24.10.18 09:33| 
 |
Rispondi al commento

Franco Bechis
“Renzi e i suoi alla Leopolda sono tornati 4 amici al bar”
Non fosse stato per quei 3 ragazzini(scelti come i cartigli dei baci Perugina:un maschietto e due femmine,una di colore),quelli che secondo Renzi hanno fatto saltare sulla sedia un suo amico, «Ma dove siete,su Disney Channel?», la Leopolda 9 poteva sembrare un’ assemblea affollata dell’associazione combattenti e reduci.Avevano il complesso dei reduci gli ultimi colonnelli di Matteo, e fin dal primo giorno non l’ hanno nemmeno nascosto.
Davide Faraone, renziano siciliano: «Credo che questa Leopolda9 sia più partecipata rispetto al passato perché ripulita da opportunisti e voltagabbana. Ne facciamo a meno di quelli che sono leopoldini solo quando si governa». Stessa frase sui voltagabbana sfuggita ieri a Teresa Bellanova, la grintosa regina dei reduci. E anche lo stesso Renzi non l’ ha celata: «Quando si perde, ti giri e la stragrande maggioranza di chi ti stava intorno dice “Renzi? Mai visto prima”. È la sindrome del beneficiato rancoroso che caratterizza un po’ del gruppo dirigente, gente che fino al giorno prima è lì e poi dice oh, io lo dicevo che sbagliava».
E in un altro passaggio del suo discorso di chiusura di ieri l’ex premier del Pd ha ironizzato sulle critiche che alti dirigenti del suo partito hanno fatto più volte al suo carattere: «Ma finché avevano la poltrona da ministro quel mio carattere non era un problema per nessuno».
Certo la kermesse fiorentina della corrente renziana ha visto lunghe code fuori dalla stazione Leopolda, che assai piccina e tiene poco più del pubblico di un grande teatro (700 persone)...
L’immagine dei fan di Renzi si può vendere bene grazie alla sala-bomboniera, ma la realtà dei numeri è quella e i numeri reali pesano sul mercato della politica. Per quanto più viva, vivace e ben confezionata di quel che resta fuori di lì del Partito democratico (poco, senza fantasia e assai sbrindellato)

SEGUE SOTTO

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 24.10.18 09:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Avanti con le riforme per dare potere al popolo.... sono populista e ne sono orgoglioso!
Avanti con il referendum propositivo senza quorum!
Avanti con le proposte dei cittadini.
Avanti con la lotta ai ladri e ai corrotti.
Avanti con la lotta agli sprechi.
Avanti con la lotta ai privilegi.
Avanti tutta...siamo nel giusto..e sia rispettato il volere della maggioranza degli Italiani.
In una Repubblica Parlamentare è il parlamento che decide ,non gli "stranieri"!

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 24.10.18 09:09| 
 |
Rispondi al commento

Face book mi domanda a cosa stai pensando.Penso che la manovra economica bollata dall'Europa infiamma ogni giorno sempre di più gli scontri politici.Ormai la questione politica del governo non si discute più in parlamento ma la scena propone nuovi soloni della politica che rilevano le loro fonti di origine da :storici, filosofi, scrittori ,direttori di testate giornalistiche ,che hanno radice nei partiti disciolti dal voto del 4 marzo scorso.A tutti questi si aggiungono le voci battagliere provenienti dai social net work. Insomma penso che l'Italia è ingovernabile e lo sarà fino a quando esisterà la libertà di parola che non tiene conto degli insulti,delle offese,spesso della volgarità del linguaggio che si usa per esprimere le idee personali.Ci vuole a mio avviso prima una legge che punisca sul serio il modo di fare comunicazione fuori dalle forme civili di etica e del buon senso.I giornalisti ,i filosofi. deve attenersi ai fatti che raccontano e non sostituirsi alla politica come di fatto avviene alla luce del sole.Tutti argomentano soluzioni in danno di Salvini prima e di Di Maio dopo. Domando a voi dei social amici di tutti i giorni, credete che delegando i giornalisti opinionisti e politici al contempo, a scrivere la manovra economica sia la soluzione che porrà fine al delirio giornaliero di una campagna elettorale che la Tv alimenta per fare ascolti ?

alfredo razzino, Agropoli Commentatore certificato 24.10.18 09:08| 
 |
Rispondi al commento

Il Capo Economista della Deutsche Bank ,

durate un convegno ha preso posizione contro l'UE a favore dell'Italia, un Tedesco di Germania un esponente autorevole, che difende la manovra Italiana ?

Mario Giordano su Rete 4 , ha diffuso questa notizia durante la trasmissione "Fuori dal Coro".

Può il Movimento approfondire , grazie.
Ecco il link.

https://www.mediasetplay.mediaset.it/video/fuoridalcoro/martedi-23-ottobre_F309319101002201

W M 5 * * * * *

Vincenzino A., Verona Commentatore certificato 24.10.18 09:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A questo punto aspettiamo i risultati europei e poi se dovessero comandare i soliti con alleanze da inciucio,proponiamo un referendum italiano senza quorum per l'uscita dall'UE!

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 24.10.18 09:03| 
 |
Rispondi al commento

IL VENTO DEL CAMBIAMENTO-Tommaso Merlo.
Continua ad imperversare il vento del cambiamento, perfino tre le miti genti dolomitiche. E che sia verde o giallo o qualche altra sfumatura non importa, si cambia, si va avanti. Lo vuole il popolo e nulla potrà fermarlo. Per decenni l’Italia ha dondolato tra destra e sinistra. Ha oscillato tra due blocchi senza che cambiasse nulla. Alternanza, non cambiamento. A cambiare era il boss di turno, la confezione dei partiti, gli slogan, ma la sostanza politica era sempre la stessa come ha suggellato l’abbraccio fatale tra Pd e Forza Italia. Tra quei due gruppi di lobby che hanno fatto finta di litigare per anni e una volta finiti in disgrazia hanno tentato un disperato inciucio pur di sopravvivere. Un’operazione rivelatrice seppellita il 4 marzo. Oggi è tutto molto diverso. Invece che dondolare tra destra e sinistra, l’Italia sta cercando di andare avanti. Sta cercando di liberarsi definitivamente da certi paraocchi ideologici e schemi partitici, per sperimentare nuove vie, nuovi panorami politici all’altezza dei tempi, dei suoi problemi e delle sue aspirazioni. Il vento del cambiamento sta spingendo la nostra società verso un qualcosa di inedito. Ed è proprio una bella notizia perché è quello che dovrebbe succedere in una democrazia in salute. La società è in continua evoluzione e con essa le sue istanze. E la politica deve assecondare, rappresentare e guidare il cambiamento. Se invece non riesce a tenere il ritmo, diventa una cappa, un ostacolo, una zavorra. Come successo in Italia dove la politica invece che risolvere i problemi era diventata il problema principale da risolvere. Oggi le vecchie caste politiche, burocratiche e dei giornali cercano pateticamente di fermare il vento del cambiamento con le mani. Cercano disperatamente di tenersi le parrucche sulla testa. Una classica scena da fine regime tristemente comprensibile. Più una democrazia è ferma, più si formano incrostazioni elitarie ai suoi vertici.

segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 24.10.18 08:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sempre le stesse domande, ma questi giornalisti/ parolai/capere non ascoltano/leggono mai le interviste dei loro colleghi?

Maria P., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 24.10.18 08:57| 
 |
Rispondi al commento

Avete visto le motivazioni della bocciatura europea?

1) riforma pensioni. Dicono che non si deve toccare la Fornero

2) dicono che il condono favorisce ed incentiva evasione fiscale. Come se in Italia non si fossero mai fatti condoni......

Sulla Fornero si deve mettere in risalto l'abolizione vera dei privilegi.
Bisogna dire che con la proposta del Governo la spesa pensionistica diminuisce ed è vero. Perché chi lascia prima il lavoro prenderà una pensione ridotta per sempre. Quindi due tre anni prima ma con riduzione significativa dell'assegno mensile.

In prospettiva genera risparmi superiori al sistema attuale.

In più, crea spazi per far lavorare e contribuire i giovani

Ciro M., Brussels Commentatore certificato 24.10.18 08:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Al suicidio di Renzi ci mancava giusto la candidatura europea di Rula Jebreal
Bella non si discute
Moderata non direi. E' proprio la cima che ci mancava per il 'partito dell'odio'.
E' quella che si passa per giornalista ma non è iscritta a nessun ordine dei giornalisti
Si passa per donna di sx ma è stata sposata a un miliardario
E' palestinese e musulmana ma difende il neoliberismo assatanato di quei magnati americani che la Palestina non la difendono certo
Se la contrasti dice che sei sessista e ti accusa di femminicidio
Ha detto di voler abbandonare l'Italia perché è razzista ma intanto si fa pagare per rappresentarla in Europa
Chi si permette di obiettare, è un nazista («Vogliono la purezza della razza come fascismo e nazismo negli anni '20»)
A Nicola Porro ha rinfacciato l'aggravante di essere un «uomo bianco» («Non fare così col dito perché questa si chiama violenza!», «Sei un uomo bianco che urla addosso a una donna come me!»), ma è un copione consolidato che si ripete: alla minima difficoltà, scatta il vittimismo, con tutto l'armamentario basic del progressismo chic.
"ome analista politica non è che ci prenda molto, del resto è diplomata in fisioterapia. Era convinta che avrebbe vinto la Clinton, purtroppo ha vinto Trump, che ovviamente «ha le stesse idee di Hitler». Scoperta che dobbiamo a Gad Lerner, che la lanciò a La7, e poi a Santoro, che la rilanciò in Rai perché in quel momento gli faceva comodo una valletta araba. Fu proprio lì che uno degli ospiti - per giunta uomo bianco - si fece scappare, in un fuorionda, un micidiale «è una gnocca senza testa». Un altro sessista, razzista e nazista.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 24.10.18 08:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

RENZI CHI?
Alessandro Giuli – Libero quotidiano
La Leopolda numero nove? Una prova tecnica di riesumazione della salma celebrata da una coppia scoppiata parecchi anni fa: Matteo Renzi e Pier Carlo Padoan, ex premier ed ex ministro dell’ Economia che ieri sera si sono dati convegno nella stazione simbolo del principato renziano quando era al culmine della sua potenza e fighetteria.
I due, che pure non si sono mai piaciuti, hanno presentato assieme un palinsesto per salvare l’ Italia, nientemeno, rappresentandolo come un «servizio civile» per la nazione intera...
«Ove venisse accolta la nostra proposta – dice Renzi – avremmo un dimezzamento dello spread e un calo delle tasse». Scravattati e seri, i due leopoldiani hanno fantasticato su piccoli sforamenti plausibili (2,1 di deficit nominale nel 2019; 1,8 nel 2020; 1,5 nel 2021) e robuste sforbiciate sulle tasse alle imprese; vagheggiando poi il ripristino delle loro vecchie promesse in materia d’infrastrutture e manutenzione. Eccolo, dunque, il piatto forte del fine settimana renziano: un’ operazione nostalgia travestita d’ idealità a basso costo, perché vuoi mettere la comodità di sognare la cosa giusta standosene all’opposizione?
Mal sopportando la sopraggiunta impresentabilità, Renzi fa il Renzi a casa propria e sbruffoneggia come sempre, gioca d’astuzia fiutando il refolo nuovo e verdeggiante che spira dalla Germania, dove i Grünen hanno appena sbancato le urne bavaresi. Il programma della Leopolda è infatti centrato su «ambiente, valori, innovazione, sostenibilità, tutte cose che la politica cancella» e Renzi si accinge appunto a riesumare.
È «la prova del nove», come sottotitola l’ ex segretario del Partito democratico, quasi a suggerire che questa sarà davvero l’ ultima spiaggia, la seduta spiritica conclusiva per verificare se la leadership democratica possa o meno reincarnarsi in qualcosa di somigliante al renzismo. Si chiuderà domani con un presumibile certificato di ritorno alle origini

segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 24.10.18 08:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

AIUTATECI A CAPIRE!
Aiutatemi a capire. La ricchezza degli italiani è di circa 4300 miliardi di euro. Non si può attingere a questa grande risorsa per coprire le spese occorrenti per la manovra di governo? Basterebbe 1% dei 4300 miliardi per avere immediatamente disponibili 43 miliardi senza ricorrere a prestiti stranieri che ci strozzano e ci ricattano con lo spauracchio dello spread tanto strombazzato da giornali di opposizione e in televisione.
Si parla di Cir da parte di un esponente della lega Armando Siri per risolvere questo problema. Guido Grossi, Micaletti, Malvezzi ed altri studiosi di economia erudiscono gli italiani ad intraprendere decisamente la strada di pagare le iniziative di governo, ben delineate da Paolo Savona e Tria, con le nostre risorse interne.
Mi chiedo: ci sono problemi a intervenire in questo senso?
Aiutatemi a capire, voglio capire e, penso, non solo io ma milioni di italiani. Grazie.

PIER LUIGI SASSO 24.10.18 08:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Floris anche ieri sera ho avuto la conferma del tuo modo di condurre l'interrogatorio al capo politico del M5s.
Sono arrivato alla conclusione che se anche qualche portavoce del m5s sarà presente alla tua trasmissione,spegnerò la TV!
Boicottate la 7.....

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 24.10.18 08:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Abbiamo visto a Bolzano come hanno gradito la candidatura della Boschi!!! Ma sarebbe stato lo stesso ovunque. La mania di Renzi di ripresentare i peggiori (vd Padoan) ha qualcosa di diabolico. Del resto, se non ripresentasse i peggiori, come farebbe a ripresentare se stesso?

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 24.10.18 08:23| 
 |
Rispondi al commento

Ci dovrebbero essere pene pecuniarie pesanti per l'intervistatore che impedisce sistematicamente all'intervistato di parlare, interrompendolo continuamente in modo villano e insopportabile. E lo vincerebbe Floris.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 24.10.18 08:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Carlo Pisaniello

Rula Jebreal candidata PD alle prossime Europee 2019.
Ex moglie del banchiere Arthur G Altschul Jr, figlio di Arthur G Altschul, ex socio di GoldmanSachs e bisnipote di Mayer Lehman, co-fondatore di LehmanbBrothers.
Ecco chi sono i sinistrorzi.. sempre dalla parte del popol

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 24.10.18 08:02| 
 |
Rispondi al commento

3
per i condannati a quasi tutti i reati,fiscali inclusi.Dopo la crisi del 2009,persino Tremonti abbassò un po’ le soglie.Nel 2014 arrivò Renzi e le rialzò a dismisura,rendendo praticamente impossibile non solo la galera,ma persino le indagini e i processi agli evasori.Da allora anche chi s’impegna allo spasimo per finire indagato, imputato e arrestato,non ci riesce.Per commettere il reato di omessa dichiarazione bisogna nascondere al fisco almeno 50 mila euro all’anno (prima era 30 mila).Per quelli di omessi versamenti e dichiarazione infedele,bisogna evadere più di 150 mila euro(prima era 50 mila) Per quello di evasione dell’Iva,bisogna occultare addirittura oltre 250 mila euro.In pratica,chi fa ogni anno 300 mila euro di fondi neri(pari a 150 mila di mancate imposte)non commette alcun reato e non rischia nulla.Invece chi ruba un portafoglio con 100 euro rischia fino a 6 anni di carcere
In Germania non esistono soglie,ma pene modulate sulla gravità dell’evasione:carcere vero sopra i 100 mila euro,fino a 10 anni per i casi più gravi In Francia la pena massima è 5 anni,ma veri,non farlocchi come da noi.Negli Usa si rischiano fino a 30 anni,e non in teoria:esistono grandi evasori condannati a 27-28 anni.I controlli,a opera di 2300 agenti speciali e specializzati,sono a tappeto:ogni anno un americano ricco su 7 viene ispezionato e il 90% di chi viene indagato viene poi condannato e sconta la pena dietro le sbarre per un periodo medio di 2 anni e 8 mesi,che diventano 3 anni e mezzo per i manager di società (carcere vero,non domiciliari o servizi sociali) In Italia il 98% degli evasori denunciati la galera non la vedono nemmeno in cartolina.E allora,se il rischio è quasi zero e il vantaggio è un mare di fondi neri,perché chi può non dovrebbe evadere?Con una seria legge antievasione e anticorruzione,il governo non avrebbe evitato la bocciatura europea.Ma almeno potrebbe dire ciò che ora non può dire:di aver fatto tutto il possibile

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 24.10.18 07:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

2
e posticipare l’eventuale “pace fiscale” (così ciascuno avrebbe potuto leggere e capire quel che scrivevano i tecnici del Mef). Perché una normativa severa e dunque dissuasiva contro l’evasione e la corruzione (3-400 miliardi l’anno) porterebbe una montagna di soldi in più del condonino. Quanto basterebbe a finanziare tutti i redditi di cittadinanza, le riforme della Fornero e persino un primo taglio delle tasse (a chi le ha sempre pagate). E qual è l’unico deterrente conosciuto al mondo per quegli imprenditori che preferiscono la scorciatoia della mazzetta ai rischi del libero mercato degli appalti e per quei ricchi che le tasse non le pagano in toto o in parte, nell’assoluta certezza dell’impunità? La certezza della galera. Che oggi è prevista sulla carta, ma nei fatti remotissima, quasi fiabesca.

Per tre motivi.
1) La prescrizione scatta dopo 5 anni o al massimo 7 anni e mezzo (da quando è stato commesso il reato), insufficienti per le verifiche fiscali (che arrivano dopo 2 o 3 anni), avviare le indagini, inoltrare rogatorie, commissionare perizie contabili e ricevere le risposte, celebrare l’udienza preliminare e i tre gradi di giudizio.
2) Le pene sono troppo basse (per i reati fiscali, da 3 a 6 anni massimi), anche perché sono finte: fino a 4 anni non si va in carcere.
3) Le soglie di non punibilità sono troppo alte. Sulla prescrizione, Bonafede ha in mente di bloccarla dopo la condanna di primo grado, ma non basta: deve decorrere da quando il reato viene scoperto.
Sulle pene e sulle soglie, nulla ancora si sa. Ma basterebbe copiare uno a caso fra i sistemi penal-tributari dei Paesi più evoluti del nostro, che riescono a mandare davvero in galera molti colletti bianchi, come gli Usa e la Germania (da noi sono poche decine su 50 mila detenuti).
La modica quantità consentita di evasione e frode la inventò il centrosinistra a fine anni 90. Poi, nel 2006, il governo Prodi approvò pure un indulto di 3 anni per i condannati a quasi tutti i reati,

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 24.10.18 07:36| 
 |
Rispondi al commento

1
Più manette, più soldi
di Marco Travaglio - 24 ottobre 2018

Siccome siamo notoriamente servi della maggioranza giallo-verde, ieri abbiamo denunciato la scomparsa dai radar di una promessa che avrebbe rafforzato di parecchio le coperture ballerine alla manovra finanziaria. Cito testualmente dalla pagina 21 del Contratto per il governo del cambiamento: “L’azione è volta a inasprire l’esistente quadro sanzionatorio, amministrativo e penale, per assicurare il ‘carcere vero’ per i grandi evasori”. Ma anche dalle parole di Matteo Salvini a Porta a Porta il 18 gennaio: “Sono d’accordo per la galera per chi evade: se io riduco le tasse e tu non paghi, io butto la chiave, sul modello americano”. Persino B., il 22 gennaio, a Non è l’Arena, ebbe un attacco di masochismo: “Pensiamo di aumentare le pene per l’evasione come negli Stati Uniti”. Poi per fortuna non tornò al governo. Ma il vicepremier 5Stelle Luigi Di Maio, ancora il 24 settembre, giurava al Fatto: “A fine settembre nel decreto fiscale verrà previsto il carcere per chi evade”. Invece nel dl fiscale il carcere per gli evasori non c’è: c’è invece il condonino, così “ino” e poco conveniente che ne profitteranno in pochissimi. E meno male, intendiamoci: ma allora non si capisce perché venga fatto, visto porta all’erario un gettito (180 milioni, per il Mef) del tutto sproporzionato al discredito che costa ai suoi autori, almeno presso i contribuenti onesti. Ora Di Maio annuncia che il carcere per gli evasori verrà infilato -Lega permettendo – in corsa nella “Spazza-corrotti” del ministro Alfonso Bonafede, che però non è un decreto, ma un disegno di legge, sottoposto agli emendamenti e ai tempi biblici del Parlamento. Campa cavallo.
Invece un governo non dico onesto, ma almeno interessato a fare cassa, avrebbe dovuto fare l’opposto: inserire l’Anticorruzione e l’Antievasione nel decreto fiscale e posticipare l’eventuale “pace fiscale”

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 24.10.18 07:35| 
 |
Rispondi al commento

CERCATE DI ESSERE CONCRETI:

CON L'AVVENTO DELL'EURO I PREZZI SONO RADDOPPIATI IN UNA NOTTE!

SEMPLICEMENTE succederà lo stesso e
il ceto medio/basso s'impoverirà a dismisura
se l'attuale governo non impedirà l'aumento dei prezzi di
merce importata dall'estero,
di carburanti,
dei trasporti,
di alimenti,
di tutti i beni primari.
Unicredit sta progressivamente eliminando gli sportelli alle casse!
Bisognerebbe che l'Italia prendesse opportuni provvedimenti
a propria difesa e protezione da un possibile blocco dell'erogazione di denaro ai bancomat!
Bisognerebbe impedire un'eventuale RINEGOZIAZIONE UNILATERALE DEI SERVIZI BANCARI
ordinati dai poteri forti extranazionali!

Se fossi in voi erigerei immediatamente un maxi decreto alla bisogna!

Non dormiamo! - Good Morning Italia

Paro Paro 24.10.18 07:22| 
 |
Rispondi al commento

https://www.youtube.com/watch?v=I3h8-GFITaY

FABIO B., bologna 24.10.18 06:29| 
 |
Rispondi al commento

pur di non dare nulla a chi ne ha di bisogno,

disporrebbero la fine del mondo occidentale.


Ecce Homo

FABIO B., bologna 24.10.18 06:10| 
 |
Rispondi al commento

questa televisione

è MARCIA_

non da oggi,
ma, oggi raggiunge un punto di non ritorno_

una CALAMITA'

le eccezioni,
sempre più fragili ed indebolite non possono che perire-
assieme al progresso.

Non può esserci speranza
tutto è metastasi.

FABIO B., bologna 24.10.18 05:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro m5s,
1) un grande bravo a tutto il m5s e soprattutto a luigi di Maio molto forte e capace di resistere e di opporsi a tante bugie e nefandezze di Berlusconi e di Renzi renzusconi!!!
2) bisogna riportare in vita con molta sollecitudine la famosa legge "manette agli evasori" come avviene negli usa ed in tutti gli stati civili del mondo!!!
3) oggi in Italia ci vuole ordine disciplina sicurezza legalità no ladroni no corrotti no corruttori no mafiosi no frodatori ed evasori fiscali!!!
4) Berlusconi truffatore fiscale ha rubato molti soldi agli italiani, deve restituire subito tutto il malloppo rubato e poi lo buttiamo subito in galera al carcere duro per tutta la vita!!!
5) bisogna pulire subito la Rai cacciando via tutti gli infami lecconi incapaci imboscati dei passati regimi come i vermi bruno vespa e Fabio fazio e mettiamo gente capace ed onesta e ce ne sono parecchie in giro!!!
6) viva Palestina libera viva!!!
Grazie e cordiali saluti.
Franco venezia

franco rina Commentatore certificato 24.10.18 04:03| 
 |
Rispondi al commento

1/5 degli Italiani, 10 Milioni di Italiani, sono in povertà assoluta......ma questi in UE ma di caxxo parlano??????
ma veramente pensano che siamo scemi????????
a guigno cianno fatto approvare un accordo sul bilancio, quando ancora non avevamo stabilito la nostra Manovra........quindi quell'accordo, non ha senso....
10 milioni di Italiani in povertà assoluta...si sono 10 milioni perche anchese alcuni tra questi, ha un reddito, è talmente basso che oggi sopravvive....e fa un fatica tremenda, aiutato da genitori e parenti......
ma per quale ragione, la UE, ci impone di rimanere con la crescita allo szro virgola?????
solo perche' con la crescita dell'Italia, tornano indietro le economie tedesche e soprattutto francesi........
ma questi cianno preso tutti pe fessi??????
a Roma se dice:"Nun se ne parla proprio".......
cara UE, fate pure le vostre multe.....CHISSENEFREGA.......pagheremo, ma poi voi quando venite a sciare e al mare, poi vedete
che salasso.........
e pagare una multa, sarà sempre meno costoso di continuare a regalare aziende italiane a loro...

fabio S., roma Commentatore certificato 24.10.18 00:36| 
 |
Rispondi al commento

Io invece, Renzi alla leopolda l'ho visto.
Non tutto, certo, ma quel che ho visto mi ha fatto rabbrividire.
Le movenze ed il suo tono di voce ad arringare la folla, palese che abbia appreso da uno molto bravo in questo: Adolf Hitler.
Se l'è studiato proprio bene ma non ha mica capito che gli Italiani non sono tutti fessi!!?

Serafino 24.10.18 00:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

QUANDO UNA BANCA O E' SULL'ORLO DEL FALLIMENTO SI FA UNA BAD BANK IN CUI...

rifilare tutta la merda.

Perché non infilare il debito italiano in un "bad debito"?

No, vero?

Max Stirner Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 24.10.18 00:23| 
 |
Rispondi al commento

per me le chiacchiere stanno a zero:

questo governo durera' 5 anni, cosi' ci sono altri 4 anni e mezzo per fare le cose.

quindi, non c'e' bisogno di fare tutte le proposte che costano tutte in una volta.

si fa quello che si riesce, dove c'e' copertura, e intanto si fanno quelle leggi a costo 0 con cui si incamerano altri soldi.

mano a mano che entrano i soldi si fa il resto.

sarebbe bello fare tutto e subito, ma non si puo'. non ci sono i soldi. ora come ora non li abbiamo.
si puo' fare tutto subito per le leggi a costo 0. si facciano quelle, altrettanto importanti. anzi, per me lo sono ancora di piu' di quelle che costano. perche' sono quelle che possono fare svoltare l'italia. e possono rendere reali senza tanti psicodrammi, da veri indipendenti che non chiedono niente a nessuno e non vogliono niente da nessuno, quelle che hanno un costo.

vogliamo essere indipendenti? diventiamolo. ma non lo diventeremo digrignando i denti.

carlo 23.10.18 23:59| 
 |
Rispondi al commento

secondo me si continua a fare confusione tra la nostra situazione interna, dove l'opposizione alla manovra economica e' senz'altro politica, se andasse in porto e ottenesse i risultati che si spera sarebbe la fine di pdl e pd per sempre, con tutti i suoi parlamentari tanto grande sarebbe il loro sputtanamento per quello che hanno fatto e disfatto quando erano al governo, e quella europea, dove il niet e' solo di matrice economica.

non credo che in europa sentano la mancanza di renzi o di berlusconi. pero' questo non vuol dire automaticamente che chi arriva al governo italiano, se prima era all'opposizione meriti fiducia incondizionata.

ricordo anche che uno degli alleati europei di salvini, il cancelliere austriaco kurz, e' contro la manovra italiana. sarei curioso di sapere cosa dice il capo di governo ungherese.

capisco che e' difficile seguire il solco dei predecessori, soprattutto se questi, come nel nostro caso, sono gentaglia. ma purtroppo funziona cosi'. cioe', il passato governo aveva stabilito con l'europa una certa scaletta di deficit, che per quest'anno prevedeva l'1,6, e bisogna essere bravi e contrattare.
una capacita' di un politico e' la sua capacita' di contrattare.

altro qui pro quo', e' perche' contrattare.

tanti pensano che l'europa per noi sia solo una palla al piede, cosi' perche' contrattare? per impiccarci ancora di piu'? dove sta il problema? si fa come si vuole e va bene cosi'.

invece sembra che l'europa in questo momento sia quella che ci sostiene, non riuscendo a stare in piedi da soli, cioe' indipendenti, ma, se da soli, in balia dei mercati.

per non essere in balia dei mercati e essere veramente indipendenti, o si riporta il debito oppure non andava fatto. purtroppo e' altissimo ed e' stato fatto.

le nazioni con il debito piu' alto del nostro sono usa e giappone, tutte e due con situazioni completamente diverse dalle nostre e quindi non sovrapponibili o paragonabili.

purtroppo abbiamo quel debito li'.

carlo 23.10.18 23:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OT

dopo tanto, troppo tempo

buona notte ai monelli del blog

dino ., genova Commentatore certificato 23.10.18 23:47| 
 |
Rispondi al commento

IL VOSTRO CAPOLAVORO VE LO SCORDATE PER L’ITALIA, COSTI QUEL CHE COSTI.

Certo che lo scontro è politico tra UE e Governo Italiano.

Se hanno potuto dire che in Grecia hanno fatto un capolavoro, come possono approvare una manovra che smonta la loro volontà di replicare tale capolavoro in Italia? In Grecia è mancato solo il ripristino ufficiale del Monte Taigeto a Sparta (a Roma la Rupe Tarpea) nella sua truculenta accezione storica perché :

" le persone non vengono più fatte rotolare dalla Rupe Tarpa o abbandonate sul monte Taigeto, ma in una discarica sociale".

Qui il link da cui ho riportato lo stralcio.
http://www.agoravox.it/La-rupe-tarpea.html

P.S. Comunque, la Gendarmerie della bella e "non vomitevole" Francia sta già abbandonando anche minori sulle montagne italiane…Claviere.


maria s., ancona Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 23.10.18 23:31| 
 |
Rispondi al commento

si tutto molto bello, ma stasera c'era uno a Bruxelles gridava: "Associazioni Alcolisti Europei, uniteviiii"......era Juncker che bocciava la manovra italiana al 2,4%.......
ora , cari burocrati pieni di certezze, ma sbagliate......tenetevi pure le vostre convinzioni, lecite...ci mancherebbe.....ma LO STATO ITALIANO non intende continuare a svendersi verso la Francia e verso la Germania..........
ORA BASTA cari amici Europei...........
ora avete mangiato, statevene buoni, nun rompete li coj.....i...come dicono alcuni........
l'Italia è un Paese fondatore e SOVRANO.........
non potete nemmeno lontanamente pensare ad un Europa Unita, senza l'Italia.......
quindi cambiate VOI IDEA........perchè in Italia, è giunto il momento di ridare un po di dignità a tanti .....che ne avevano perso il senso......
quindi aspettate cari amici UE.....siate fiduciosi....noi seguiremo il consiglio di un Comico, che domenica dal nostro palco ci gridava una sola cosa.....: "NON ABBIATE PAURA!"
a buon intenditor, poche parole..........

fabio S., roma Commentatore certificato 23.10.18 22:33| 
 |
Rispondi al commento

Ancora Grazie Luigi.

1) Mentre mi ripasso in padella i miei broccoletti e li salto, li salto…e li risalto, con aio, oio e peperoncino, tutto comprato a chilometro zero dal contadino, nel mercatino vicino casa, sono sereno, calmo e mi sento assai felice. E quando sono felice penso sempre al MoVimento.

Mi sono chiesto: - Qual è il segreto della nostra comunità? -. E mi sono subito tornate alla memoria le prime battaglie, gli “amici di Beppe Grillo”, la Carta di Firenze, il nostro splendido Programma…Ma se dovessi sintetizzare fino all'osso, arrivando alla quintessenza, sono due le cose straordinarie, come Beppe e Gianroberto, da cui scaturiscono tutte le altre e che le comprendono mirabilmente.

Una è che siamo una comunità di cittadini. Cittadini onesti. E da troppo tempo umiliati e abbandonati, con il cuore che trabocca del desiderio infinito di Giustizia.

L’altra è la nostra totale mancanza dei mezzi di Potere, mancanza consapevole e voluta:

nessuna televisione, nessun giornale, nessun rotocalco;

nessun finanziamento pubblico o privato, nulla da quel Sistema che vogliamo trasformare o dalle lobby che hanno sfigurato noi e trasformato l’Italia in una banca privata a beneficio dei pochi.

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 23.10.18 22:29| 
 |
Rispondi al commento

2) Credo che proprio questa debolezza ed umiltà di base, questa estraneità al Sistema, che da sempre ci ha fatti un tutto unico con tutti gli altri cittadini, sia il grande segreto che ci ha ricolmato di forza e di benedizioni.

Poveri e senza alcun finanziamento, eppure più ricchi di tutti grazie alla generosità di tutti i cittadini, che scelgono di autofinanziarsi elargendo spontanee donazioni.

Piccoli, soli, senza alcun mezzo di comunicazione del Potere, eppure i più grandi nel comunicare e nel condividere e gli unici che non sono mai soli grazie alla Rete e alla nostra piattaforma Rousseau.

Proprio questa debolezza e impotenza della nostra esistenza, di fronte ad un Potere che ogni giorno fa sfoggio di tutto il suo dominio, ne costituisce la forza e la potenza irresistibile.

Anche il servizio può pervertirsi sottilmente in dominio. Soltanto rimanendo in questa nostra “povertà”, in questa “piccolezza”, in questa benedetta “solitudine” e “debolezza”, che ci conserva alternativi al Sistema, il nostro servizio resterà integralmente disinteressato acquistando in tal modo una potenza duratura e invincibile.

Un MoVimento di cittadini, una comunità alternativa al Sistema di Potere, che non fugge su un cucuzzolo di una montagna ma che resta radicata nei suoi cittadini, dentro la società, fino in Parlamento.

Fino a quando il MoVimento rimarrà alternativo, una società alternativa dentro la società seppur presente nel cuore vitale delle istituzioni, sempre fedele alle sue poche regole originali, inamovibili e fondanti, forte della sua “debolezza” e “povertà”, allora la sua sola presenza sarà Rivoluzione, la nostra “sarà una Lunga Marcia”, e nessuno potrà mai fermarci.

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 23.10.18 22:28| 
 |
Rispondi al commento

Valentina.
Non è che all'UE non piace la manovra del governo (l'avevano bocciata rima di leggerla)
Non piace che non accettiamo più di chinare il capo ad ogni schiocco di dita.
Se vogliono dare ordini si comprino dei cani.
E non è detto che gli obbediscano pure loro.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 21:59| 
 |
Rispondi al commento

Matteo Brandi.
Mattarella si schiera immediatamente a fianco di Bruxelles. In un momento in cui il suo paese è sotto attacco, minacciato e ricattato, il Presidente della Repubblica si dimostra ancora una volta per quello che è: un vile collaborazionista.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 21:56| 
 |
Rispondi al commento

Intanto il condono ad Ischia è diventato un cavallo di battaglia di Di Maio; forse ho capito male io, ma quando ho dato il mio voto, pensavo ad un movimento che tutelasse la legalità ed il territorio. O forse ho sognato e mi sono risvegliato di nuovo nella prima repubblica.

Lucio L 23.10.18 21:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

eplebiscito
eplebiscito
Tutti sanno che il limite imposto dal Patto di stabilità è il 3% del rapporto deficit Pil (un numero peraltro senza nessuna base scientifico/economica), non tutti sanno, però, che nel:
- 2009: la Francia ha fatto un deficit del 7,2% e l’Olanda del 5,4 ... la UE muta;
- 2010: Irlanda ha fatto un deficit del 32% ... la UE muta;
- 2012: Spagna ha fatto un deficit del 10,5 e l’Olanda de 3,9 .... la UE muta;
- 2016: sempre la Francia ha fatto un deficit del 3,4% e la Spagna del 4,5% .... la UE sempre muta.
Oggi l’Italia propone di fare un deficit al 2,4 %, quindi ampiamente entro il previsto limite del 3% (al contrario degli altri Stati membri che oggi si stracciano le vesti) e la Commissione Europea blatera che si tratta di una “deviazione senza precedenti nella storia del patto di stabilità”...
Ma a voi sembra normale?

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 21:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro luigi se non facciamo subito qualcosa il movimento non cresce! Dite che avete preso soldi alle banche ma il problema è che la banca continua a prendere alla gente con i suoi costi! Le società petrolifere tirano petrolio dall Adriatico e pagano delle briciole allo stato!!! Siete ambigui sull immigrazione ma non possiamo accogliere tutti...anzi per meglio non ci. Sono rimpatri... Onorato succhia il sangue ai sardi con la Tirrenia che non ha nemmeno pagato e voi non intervenite.... dovreste abolire i notai e istituire un in sistema come quello anglosassone ma non vi interessa... le multinazionali del farmaco impongono prezzi allucinanti al servizio sanitario con notevoli esborsi per lo stato ed il ministro della salute non ha ancora fatto nulla...forse è ora che diate un accelerata o Salvini ci mangia.....

Giuseppe . Commentatore certificato 23.10.18 21:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

quel rincoxlionito di scalfari parla della resurrezione del pd; va solo compatito, non è più capace di intendere.

daniele p., cortona Commentatore certificato 23.10.18 21:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Set..

D. Pavan Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 23.10.18 21:35| 
 |
Rispondi al commento

..da ricordare....


https://bit.ly/2yz51HX

https://bit.ly/2CBN0LN

https://bit.ly/2ScSbXZ

https://bit.ly/2EzWYQF

Tony 23.10.18 21:35| 
 |
Rispondi al commento

gc82
Qui citano sempre il mercato. La UE fa dichiarazioni e i mercati - al soldo - reagiscono. Quindi, contentiamo tutti i collaborazionisti di chi vuole vedere l'Italia distrutta (collaborazionista è la parola giusta in quanto si tratta di nemici) e assogettiamoci al MERCATO. Che decida come si deve vivere, come si deve distribuire ricchezza (anzi tenerla per pochi), chi e come si può istruire o curare, come si deve votare, chi deve governare, come e perchè si possono fare debiti. A proposito. I debiti fatti da berlusconi e la scimmietta renzi sono stati enormi, ma i collaborazionisti non li nominano mai agitandosi a fare gne gne .

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 21:33| 
 |
Rispondi al commento

Iula Piero
Con questo "respingimento" si è reso palese, anche per i più distratti, quanto sia distante l'attuale
"spirito comunitario" da quello che i padri fondatori Adenauer, De Gasperi e Shuman avrebbero
voluto infondere nel loro (e nostro!) sogno di un'Europa dei popoli solidale e democratica.
Quattro squallidi burocrati, servi del potere finanziario, non eletti da nessuno ma nominati nei
bui caveau delle banche, si arrogano il diritto di MINACCIARE gravi ritorsioni verso un governo,
democraticamente eletto se questo non si assoggetterà ai loro diktat.
Noi non dobbiamo USCIRE dall'Europa... dobbiamo lavorare per distruggere questo squallido
e feroce simulacro.
I posteri e la Storia ci ringrazieranno nei secoli a venire se veramente riuscissimo nell'impresa.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 21:30| 
 |
Rispondi al commento

Se Moody's,la società di rating americana avesse letto attentamente le prospettive programmatiche del Governo pentastellato,a quest'ora lo spread sarebbe...sottozero!Chi scrive,non parla a vanvera come fanno certi politici che dovrebbero solo vergognarsi di occupare ancora un posto in Parlamento!Ho ascoltato Casini che attaccava questa sera su rete 4 un esponente pentastellato,riconoscendo che i centri dell'impiego non funzionano.Orbene questo senatore che è sul libro paga degli italiani dal...1983,cosa ha fatto per migliorarli? ZERO!In un Paese normale questo senatore sarebbe già a casa!Quanto a Moody's,questa società non si è resa conto che il giudizio severo espresso sulla manovra finanziario di questo Governo,si poggia sulla...sabbia!Infatti,se avesse letto attentamente le strategie governative,avrebbe CAPITO che con la lotta alla corruzione e agli sprechi oltre alla riforma del processo civile ed altri provvedimenti in materia di snellimento dell'azione amministrativa,riforme impensabili con i politici corrotti del passato, fatte sempre le debite eccezioni,l'Italia,questo grandissimo Paese la cui cultura viene studiata da tutti i Presidenti degli Stati Uniti d'America,avrebbe meritato...la tripla A! Se poi si considera che questo Governo ha tutti contro perché ha tolto ad una grandissima parte di loro...la mangiatoia,allora bisognerebbe inventarsi un'altra sigla superiore per magnificarne le gesta!Questa mattina laTRENORDprocedeva..normalmente.Dopo il mio precedente intervento che plaudiva l'attività dei pentastellati,si è sfrenata con i rumori assordanti nei pressi di Camerlata.Chiedo ancora al Ministro Toninelli di intervenire non per ottenere un privilegio che detesto ma solo per il ripristino della legalità scandalosamente violata ogni giorno e per ogni corsa da macchinisti della TRENORD probabilmente senza neppure rendersi conto dei reati che potrebbero essere configurati da un Procuratore che dovesse intervenire su questa assurda e incivilissima vicenda.

Gennaro Borrelli 23.10.18 21:29| 
 |
Rispondi al commento

Iula Piero
Economia?
Cosa c'entra l'economia?
Quello in atto è uno scontro politico,
Chi detiene un certo tipo di potere (Commissione UE... il Parlamento conta meno di zero!) non tollera che qualcuno tenti di sminuirlo e, per ora, sta "ammassando truppe
alla frontiera" sperando che il "nemico" si spaventi ed accetti di "chinare la testa ed alzare le terga".
Se il governo italiano, come fece quello greco, accetta l'intimidazione, allora non ci sarà
nemmeno bisogno di combattere: avremo perso su tutta la linea e torneremo prigionieri
senza futuro e senza più dignità.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 21:29| 
 |
Rispondi al commento

Max Sic
Stessa faccenda della Brexit, vogliono che si chini il capo.
Ora credo che ci sia solo da scegliere tra stare con l'Italia e gli italiani o stare con una manica di prepotenti, arroganti burocrati.
Io sto con l'Italia.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 21:28| 
 |
Rispondi al commento

Stefano Lanci
Se non si possono fare politiche economiche cosa andiamo a votare a fare?
Se il mercato decide per la politica cosa andiamo a votare a fare?
Sarebbe questa l'Europa? Un sodalizio dei paesi "virtuosi" supportato dalla finanza e dal mercato finalizzato a bloccare lo sviluppo dell'Italia per portarla al default ed infine comprarsela?
A questo punto usciamone!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 21:27| 
 |
Rispondi al commento

Stefano di Marco
" Ritiratevi, dimostratevi uomini e tra tre settimane la manovra rinascerà più bella e più superba che Tria " .
Gli euroburocrati , o euroburini che dir si voglia, hanno fatto la loro mossa .
L'inevitabile braccio di ferro è iniziato formalmente .
Mi auguro che la manovra venga rimandata esattamente come è ora .
Se a loro non sta bene , vuol dire che è buona cosa .

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 21:25| 
 |
Rispondi al commento

Vladimiro Caioli
Vedo un problema democratico enorme. Questo governo è legittimato da una maggioranza popolare forse mai riscontrata prima, addirittura ha più consenso nel paese che in parlamento. Vogliono obbligarci con la forza (finanziaria) a cambiare una manovra che tenta, per la prima volta, di restituire qualcosa ai cittadini italiani. Le precedenti finanziarie che hanno accettato i commissari UE, non hanno portato ne alla riduzione del debito, ne all'aumento del PIL, ma soprattutto hanno fatto aumentare i poveri in maniera esponenziale. Quindi, per tutti i fanatici di questa Europa: a cosa ci ha portato fare le politiche dettate dai burocrati europei? Non so se questa manovra economica porterà dei benefici, non ho gli strumenti per saperlo a differenza di alcuni commentatori che vedo su questo giornale online (ma sono tutti ministri delle finanze i lettori di questo giornale?), so solo che è la manovra voluta dai cittadini che si sono liberamente espressi e respingerla con questa veemenza è una cosa orribile e antidemocratica e porterà solo ad odiare sempre di più unione europea. L'Italia ha il diritto di cambiare politica, ha il diritto almeno di provarci.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 21:21| 
 |
Rispondi al commento

Ad uno come l’archistar Fuksas non commissionerei nemmeno il progetto della capanna del Presepe

Fiorenzo Posocco 23.10.18 21:19| 
 |
Rispondi al commento

Alexin0
A furia di austerità e regressione questo paese ha stracciato la classe media.
Ormai sono più i poveri e i disoccupati degli investitori. Non si aspetti una grande opposizione al governo.
Il sistema si avviterà sempre di più fino a quando faranno quello che si doveva già fare da un pezzo. Riprenderci la sovranità monetaria.
Fa parte della natura delle cose. Non si possono mettere le braghe alla storia, neanche contabilmente.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 21:15| 
 |
Rispondi al commento

Big Grim
Come si faccia a stare dalla parte di chi vuole il nostro male, non lo potrò mai capire.
Infatti l'UE (ossia l'Unione franco-tedesca) sta giocando la ''partita della vita''.
Giacchè o riescono a schiacchiare l'Italia e fare in modo che essa continui a soccombere ai diktat europoidi dell'austerità, oppure per loro è morte certa.
L'unione franco-tedesca può continuare a vivere solo sfruttando e sottomettendo economicamente i Paesi Mediterranei.
Ma se l'Italia si ribella, e mette in discussione le INDISCUTIBILI (finora) regole, ecco che rappresenta un problema (per loro).
Ed allora faranno tutto il possibile per ricondurci all'ordine.
Nella fattispecie è verosimile pensare che procederanno in questo modo:
- bocciatura della manovra italiana;
- tentativo di destabilizzare l'Italia con lo spread, cercando di creare in tal modo quanti più problemi possibili;
- vendita di quanti più titoli pubblici italiani possibili, in modo che l'Italia abbia difficoltà a finanziarsi sul mercato dei capitali;
- a questo punto il governo giallo-verde dovrebbe traballare e l'UE inizierebbe a caldeggiare la sua sostituzione con un altro a guida Cottarelli, che sarebbe il ''nuovo Monti''.
Essere EURO-ENTUSIASTI in queste condizioni è come prendersi a martellate sulle dita volontariamente.
Ma fa molto più male; perchè se ci si prende a martellate, si produce dolore solo a se stessi.
Invece essendo europeisti, si fa del male a tutti.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 21:14| 
 |
Rispondi al commento

Resistenza contro il nuovo ordine mondiale
"Il debito si avvicina al punto in cui diventa troppo pesante e si finisce per non avere più libertà del tutto”.
Ce lo dicono chiaramente ed è per questo che hanno creato la truffa del debito, per toglierci tutte le libertà. Se hanno deciso che devono saccheggiare Italia e rubare il futuro dei nostri figli, così dev'essere! Non dobbiamo arretrare di un millimetro, i traditori ci hanno svenduto in passato, ma noi possiamo riprenderci la nostra libertà, se rimaniamo compatti e supportiamo il nostro governo in questo momento. Il piano B esiste e si può attuare. Loro puntano sul terrore, ci vogliono dividere, pensano che l'Italia e gli Italiani gli appartengano, che noi dobbiamo sudare sangue per farli arricchire, per far star bene un Europa mentre tutti noi stiamo male. Non facciamoci intimorire, restiamo uniti.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 21:11| 
 |
Rispondi al commento

Adolfo
La deviazione, giuridicamente parlando, e' rispetto agli accordi intergovernativi, che non hanno valore di un trattato ( si parla infatti di "raccomandazioni" ).
A parte il fatto che mr Trump si "ritira" da trattati veri a seconda di come si sveglia al mattino e per par condicio, se le regole internazionali hanno un senso, significa che puo' farlo anche l'italia; visto poi che di carri armati pare che a Bruxelles non ne abbiano.
Il trattato di Maastrict parlava infatti di un 3%... gia' sforato da Germania e Francia in passato senza conseguenze, peraltro.
Legalmente quindi siamo in una botte di ferro.
Dal punto di vista dell'andamento strutturale, l'esborso previsto non altera sostanzialmente la struttura del debito e non determina certo un rallentamento del PIL, che sarebbe il vero problema.
Ai mercati non interessano le opinioni di parte della UE.
Eventualmente l'Italia potrebbe anche rvedere i paramenti, per ragioni geopolitiche con uno sforzo non sovrumano; non con questo governo, certo.
Questo per dire che non vi sono disastri all'orizzonte.
Se poi la BCE raccogliesse la palla e decidesse di condizionare i mercati per un downgrade immotivato, allora sarebbe guerra finanziaria vera e allora spalle al muro dovremmo uscire.
Se accadesse, vinceremmo la partita.
Se non accadesse, le regole salterebbero e quindi si aprirebbe una nuova stagione di rapporti con la UE, dopo primavera.
La strategia del governo italiano e' una mossa ben giocata, del tipo win/win.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 21:09| 
 |
Rispondi al commento

L'Italia s'è desta! Questi euroburocrati hanno i giorni contati...
Il futuro è per i popoli europei non per i tecnocrati.
L'Europa cambierà e ci sono gli estremi per una class action di risarcimento dei danni. Tutti i trattati e lo statuto Bce vanno rivisti. Sto aspettano anche qualche Banca pubblica italiana, alcune ormai sono a prezzo di saldo...Che aspettiamo?

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 23.10.18 21:08| 
 |
Rispondi al commento

r.strauss
Allora riportiamo la questione alla sua naturale dimensione ... il governo vuole spendere 1 punto di pil in più facendo debito che andrebbe al 2.4%, quando il limite è il 3%. E questo è un fatto.
Diversi paesi sforano il 3% ma nessuno nemmeno accenna a dare semplicemente un'informazione.

Il punto speso in più è a beneficio degli italiani, i provvedimenti lo dimostrano ... poi se funzionerà non lo sappiamo e non potremo saperlo almeno per il prossimo anno ... quello che sappiamo invece è che le politiche che piacciono all'Europa ci hanno portato alla situazione attuale e per questo il 4 marzo il voto è cambiato. Non rispettare qeusto voto farebbe diventare l'attuale governo come i predecessori, che, ribadisco, ci hanno massacrato negli ultimi 20 anni. Continuare su questa strada non poteva fare altro che peggiorare la situazione.

Io mi sarei aspettato uno spread a 400, invece è rimasto intorno ai 300/310 quindi la catastrofe prospettata per ora non si è verificata : i mercati sanno benissimo che il governo non può cambiare la manovra perchè andrebbe contro il voto, sanno bene che all'Europa non frega nulla dei 20 miliardi e del 2.4% e sanno altrettanto bene che tutti questi personaggi sono in campagna elettorale in vista di maggio 2019. Hanno fiutato il cambiamento che aleggia e stanno cercando di correre ai ripari ... ma questa volta ci sono buone possibilità che non possano fare nulla per evitare l'ecatombe.
Ricordiamocelo in Maggio.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 21:07| 
 |
Rispondi al commento

Big Grim.
L'UE è un mostro che è servito esclusivamente a RAFFORZARE la Germania (post-unificazione) e a consentire alla Francia di vivere al di sopra delle sue possibilità.
Ma ciò è stato possibile solo drenando immense risorse dalla periferia (Paesi mediterranei) verso il centro (unione franco-tedesca e loro stretti alleati).
Questo è il primo tentativo di mettere in discussione i POSTULATI dell'UE e che sostituisce l'austerità con il fare spesa (al fine di incrementare il PIL). Se il progetto giallo-verde dovesse funzionare, per l'UE sarebbe la fine. In quanto vorrebbe dire che, si sono persi inultimente dieci anni di errate politiche ecomiche europoidi.
Dunque, per evitare di finire schiacciati da un eventuale successo della manovra italiana, l'UE è costretta a METTERE IN ATTO UN GOLPE contro il nostro Paese, per fare cadere il governo e sostituirlo con uno più allineato, verosimilmente guidato da Cottarelli.
Consiglio vivamente la lettura di questi articoli per capire :
http://www.qelsi.it/2018/attenzione-leuropa-e-obbligata-ad-istigare-un-golpe-in-italia-entro-fine-2018-ecco-come-e-perche/
http://blog.ilgiornale.it/puglisi/2018/10/23/un-golpe-finanziario-contro-litalia-per-portare-cottarelli-al-governo/
E' in atto una ''guerra'' come quella che ha defenestrato il governo Berlusconi nel 2011 (mettendoci poi Monti).
Ora l'UE vorrebbe fare altrettanto con il governo giallo-verde.
Occorre resistere per non soccombere. In quanto l'alternativa è fare la fine della Grecia.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 21:04| 
 |
Rispondi al commento

John Green
Nessuna parola dall'Europa quando gli "esperti" di regime trovarono migliaia di miliardi da regalare a MPS e alle banche venete truffaldine in bancarotta? Idem gli 80 euro pre-elettorali, miliardi al vento per clientelismo? Idem per il mancato utilizzo dei miliardi stanziati per l'Italia dalla EU? Inutile notarlo, è arcinoto. Servono invece azioni strutturali.
Essenziale cogliere questa inedita, quanto strabiliante, opportunità offertaci dai "bacchici" tecnocrati della filiale europea del gruppo Bilderberg: "rivedere il contenimento delle spese" per tagliare in tempi brevi le catene della schiavitù del debito.
Una riscossa possibile.
Operare tagli immediati nel DEF quali l'abolizione immediata degli enti inutili. Quindi incrementare strutturalmente le entrate con l'imposizione delle tasse alle immense proprietà della chiesa; abolire l'8 per mille già dal 2019; utilizzo immediato delle risorse della EU già stanziati per l'Italia; solo da questi provvedimenti si ricavano svariate decine di miliardi sufficienti a coprire gli impegni elettorali.
Poi iniziare lo smantellamento della dittatura in atto esercitata mediante l'uso della leva sul debito, creato in 70 anni dagli "esperti" politici per privatizzare. Abolizione graduale delle costosissime Regioni doppioni dello stato; idem per le provincie; tagliare almeno metà dei medioevali comuni ridondanti accorpando ed automatizzando i servizi. L'economia di scala applicata per il sociale con tagli enormi sui costi.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 21:02| 
 |
Rispondi al commento

Zampirone
E' tutta fuffa.
Fanno bene a tirare dritto come ha tirato dritto in passato chiunque abbia voluto sforare qualsiasi limite di questa UE che ancora non ha le carte per essere considerata un Unione.
E' solo uno strumento della finanza per fare i suoi giochi, da cui certamente dipendiamo ma da cui potremmo benissimo non dipendere.
Basterebbe separare nuovamente le banche d'affari da quelle commerciali e i nostri c/c rimarrebbero intoccati dalle cadute e dalle crisi dei vari giochetti che si inventano per arricchirsi.
Purtroppo non è il sovranismo monetario e neanche quello politico. L'UE dovrebbe diventare una federazione vera e propria con tutti i poteri e gli Stati diventare regioni impossibilitate a e demotivate dal farsi le scarpe a vicenda.
Nel frattempo, vedrete che a parte la procedura di infrazione (ne abbiamo 20843 per cose molto più stupide e/o "private") non succederà niente di grave.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 21:00| 
 |
Rispondi al commento

questa bocciatura è solo politica, è una vergogna!
se dobbiamo stare ai diktat dell'europa meglio mandare tutti affanculo e riprenderci la nostra autonomia politica e monetaria!
dieci anni di austerità hanno prodotto oltre cinque milioni di cittadini sotto la soglia di povertà,hanno impoverito la classe media ed hanno arricchito a dismisura un numero ristretto di persone, basta!!!!!!!!

daniele p., cortona Commentatore certificato 23.10.18 20:55| 
 |
Rispondi al commento

governo unito e avanti tutta!!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 23.10.18 20:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Theremino.
I toni che usano dimostrano la loro paura. L'economia il DEF e il Bilancio, non c'entrano nulla. Questa è una lotta all'ultimo sangue per il potere. Se l'Italia riesce a disobbedire, diventa un esempio per le altre nazioni e tutto il meccanismo di potere che li sostiene si sgretola. Si tratta di potere e di interessi politici, da parte di persone come Junker, Moscovici e Kurz, non dei veri interessi delle istituzioni europee e dei cittadini europei.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 20:50| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra che si sta manipolando la realtà.

1 Il PD,FORZA ITALIA e i vecchi padri di questi partiti hanno creato 2.327 miliardi di euro, sono i veri responsabili di quello che accade oggi.

2 Il governo e il movimento 5 stelle ZERO debiti e ZERO sprechi da quando governa, non può essere responsabile di questa crisi.

3 l'italia negli ultimi anni e i prossimi anni non potrà mai mettere in pratica l'articolo 2 e il 3 se rispetta le regole del mercato e dell'eurocrazia.

4 l'eurocrazia con i suoi rappresentanti al contrario dei nostri vecchi governi favoriscono i loro governi, l'Austria lo ha detto chiaramente affondiamo questo governo.

5 Le opposizione devono pentirsi e stare dalla parte di questo governo e dell'italia se non vogliono essere processati dalla storia.

gennaro a., carrara Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 23.10.18 20:50| 
 |
Rispondi al commento

@ Anna

:*

Smilzo 23.10.18 20:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

NecEng80
Un paese (la Germania) fa surplus commerciale, distruggendo le imprese dei paesi intra UE e NESSUNO pensa a sanzioni La Francia sfora da anni il 3% e nessuno dice niente. Sempre la Francia respinge i migranti a manganellate ai confini e li riporta indietro con metodi da Gestapo. E nessun consiglio UE si riunisce. Ma il problema è l'Italia che sta cercando solo di rilanciare l'economia. E tanti trollonzi pidduisti sono (come al solito) con l'invasore eurista e non col proprio paese.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 20:46| 
 |
Rispondi al commento

LUIGI DI MAIO
"È la prima manovra italiana che non piace alla #UE. Non mi meraviglio: è la prima manovra italiana che viene scritta a Roma e non a Bruxelles!"

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 20:38| 
 |
Rispondi al commento

Giuseppe Conte:
“Io vi sfido a trovare un altro paese in Europa che dal 2013 abbia ricevuto 688 mila persone, accoglienza indiscriminata, e poi mi dite cosa succede con gli sbarchi.”

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 20:36| 
 |
Rispondi al commento

oggi ho visto "una" che ha preso un mucchio di soldi...con un pappagallo!
hahahha... evvaiiii, chissà gli animalisti cosa diranno!
Aooo...tutto a spese nostre è chiaro!

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 23.10.18 20:31| 
 |
Rispondi al commento

a Di Martedi ...luigi!

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 23.10.18 20:29| 
 |
Rispondi al commento

Grazie a questo governo sono stati aboliti i vitalizi, lotta dura agli spreghi.

Come mai i vari Fazio si vedono ancora nelle TV di Stato e, soprattutto, perchè continuano a percepire vergognosi e grassi stipendi provenienti dal canone e quindi dai soldi pubblici?

Cosa si aspetta a dare un taglio anche a queste vergogne tutte italiane?

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 23.10.18 20:25| 
 |
Rispondi al commento

Ita di Phoenix.
Ai tempi la Germania aveva debiti di guerra più alti di quanto potevano ripagare. E hanno stralciato il 75% dei loro debiti per averli dentro la UE. Adesso rompono all’Italia. Secondo me devono solo andarsene, dove vogliono ma lontano.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 20:18| 
 |
Rispondi al commento

Roberto Labonia.
... ma guarda come è buffo il destino. Pensate alla sorte inversa di Beppe e di Matteo. Grillo era un cabarettista ed è finito come fondatore del partito di maggioranza e di governo e Matteo Renzi era presidente del consiglio e del Pd ed è finito come cabarettista alla Leopolda... "

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 20:11| 
 |
Rispondi al commento

Questi signori della Commissione che chiamiamo d'Europa ma che sarebbe meglio chiamare della Finanza del Mondo debbono essere mandati assolutamente a casa, altro che censori del Governo degli italiani. Tutto deve essere riformato e tornare ai popoli. E poi, a me, questo euro non mi piace.

Raimondo M., Corigliano Calabro Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 23.10.18 20:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Balle spaziali.
Il 19 ottobre, Crozza su la nove si è scagliato contro il Decreto Genova, riportando una fake news. Per dirla tutta, più che fake news è stata un’informazione parziale e superficiale diffusa da alcuni giornali e svariati canali mediatici.
A rispondere alle accuse è stato il Deputato della Repubblica Gianluca Rospi (M5S):

“Il decreto Emergenze non prevede alcun nuovo condono edilizio. Su questo punto è necessario fare chiarezza: non abbiamo introdotto alcun condono né riapriamo i termini di quello precedente. Diciamo soltanto ai Comuni di Ischia che i fondi per la ricostruzione post-terremoto saranno assegnati ai cittadini solo se entro sei mesi verrà completata l’istruttoria per il riconoscimento dell’istanza di condono già avviata”. Lo afferma Gianluca Rospi, deputato M5S e relatore del decreto Emergenze, in questi giorni all’esame delle commissioni congiunte Ambiente e Trasporti per la conversione in legge.
“Queste persone -aggiunge- hanno presentato un’istanza e aspettano dal 2003 –anno in cui fu approvato il condono proposto da Berlusconi– che qualcuno dica loro se l’abuso è condonato o meno. Ecco, il decreto stabilisce che questa risposta, positiva o negativa che sia, debba arrivare entro sei mesi”

(Ovviamente quegli idioti dei renzioti sono tutti sui social a ripetere questa balla)

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 20:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho sempre pensato che i tifosi di calcio fossero molto dannosi, per se e per gli altri. Crollo scala mobile Metro a Roma.

maria s., ancona Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 23.10.18 20:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho appena letto che l'UE ha bocciato la manovra italiana. Certo, bisogna ammetterlo, ce la mettono proprio tutta per rendersi simpatici. E noi dovremmo ubbidire alle loro imposizioni ammazza Italia. beh se posso dire la mia.... il popolo italiano, grazie al governo votato dagli italiani, ha rialzato la testa e mai più l'abbasserà. Coraggio....

Nicoletta 23.10.18 19:57| 
 |
Rispondi al commento

Il sottosegretario al MEF Alessio Villarosa intervistato a SkyTg24, da una...lezioncina sull'accumulo del debito in Italia, al solito intervistatore...deficiente!

https://it-it.facebook.com/432710136804455/videos/253437805340164/UzpfSTE3NDQ1NzE4MDgxMjoxMDE1NjQ3MTAwNjMzNTgxMw/

Roberto ., Roma Commentatore certificato 23.10.18 19:57| 
 |
Rispondi al commento

Dichiarazioni del Premier Conte da Mosca

https://www.facebook.com/GiuseppeConte64/videos/2124107394518686/?hc_ref=ARQinTEEdHaN1Y3UYo52C43on5KfLcQjQAJLqzd8DnRRruqCjUg65Fui20Ekph1lT4w

Roberto ., Roma Commentatore certificato 23.10.18 19:39| 
 |
Rispondi al commento


Il ministro Di Maio su Facebook:

Continuiamo a lavorare a testa alta per il bene dei cittadini e...

https://www.facebook.com/LuigiDiMaio/photos/a.522465337790017/1950211988348671/?type=3&theater

Roberto ., Roma Commentatore certificato 23.10.18 19:35| 
 |
Rispondi al commento

L'Europa deve stare attenta con gli Italiani e a bocciare l'Italia, non hanno capito che siamo noi Italiani per primi a BOCCIARE questa europa dello spread, del dio denaro della manina manipolatrice, della sostituzione di un popolo , dei tagli alla sovranità e dei nostri diritti.
A COSA SERVE votare se poi comandano loro a priori.
L'Africa invece deve disfarsi della moneta chiamata FCA se vuole un futuro, cari immigrati perché non vi battete per i vostri paesi colonie FCA????


Ho scoperto gli aforismi di MICHELE FARADAY
(un grande M5S ante litteram)

. NIENTE È TROPPO BELLO PER ESSERE VERO.

. La scienza ci insegna a non trascurare niente, a non disdegnare gli inizi modesti, in quanto nel piccolo sono sempre presenti i principi del grande, come nel grande è contenuto il piccolo.

. Il conferenziere dovrebbe dare alla platea pienamente ragione che tutte le sue forze sono state impiegate per il loro piacere e la loro istruzione.

. Lavora. Finisci. Pubblica.

maria s., ancona Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 23.10.18 18:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cari Amici, se continua così la fine di tutto si avvicina. Lo spread è un dato di fatto. Anche trasferendoci tutti su Marte con nuova moneta senza un centesimo di debito pubblico lo spread sarà presente e continuerà ad oscillare a seconda di come gli altri extraterrestri vedranno il rischio di investire in Italia. Se appariremo affidabili lo spread si abbasserà, vedi i terrestri tedeschi, altrimenti schizzerà oltre le stelle come potremmo avere l'ebbrezza di vedere nei prossimi tempi se continua così. Qualcuno (Einstein) ebbe a dire che se continuiamo a fare quello che abbiamo fatto otterremo i risultati che abbiamo ottenuto. Quindi se lo spread aumenta, quindi se dovremmo pagare più interessi sul debito, quindi se dovremmo imporre nuove tasse, quindi se dovremmo far volatilizzare tutte le buone intenzioni per la lotta alla povertà la fine sarà prossima ed inesorabile. Ci potrà essere un consenso bulgaro del 90 % di elettori ma sarà un consenso sulle rovine fumanti d'Italia. In principio il movimento si era imposto il silenzio ed è andata bene, adesso il ciarlare è eccessivo, contraddittorio, puerile, insensato. Nasconde un vuoto di fatti e di idee? Si sta esaurendo la spinta propulsiva? Si dovrà attingere alla propaganda furibonda ed autoreferenziata dei regimi totalitari in disfacimento? Ricordiamo sempre le folle osannanti di derelitti come si sono comportate nelle avversità dall'epoca dell'impero romano in poi. Se alle prossime elezioni europee dovessero prevalere le forze euroscettiche, come probabile, cosa ci auguriamo? Che per difendere i confini dai migranti blocchiamo le frontiere con le merci e le persone? Allora rimaniamo a casa coltiviamo quattro pomodori reintroduciamo il baratto e ci vediamo coi vicini dalle finestre perché senza energia la tecnologia non funziona e nelle strade i criminali spadroneggeranno. L'unica salvezza è un'Europa sempre più forte per evitare la spartizione fra Russia e USA. Che ne dite di una Polizia e di un Esercito unici UE?

massimo m. alosi 23.10.18 18:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PERSONAGGI FAMOSI BOCCIATI: I GENI CHE ANDAVANO MALE A SCUOLA e facevano male i "compitini"


Albert Einstein..
Charles Darwin. ...
Margherita Hack. ...
Thomas Edison. ...
Bill Gates. ...
Peter Higgs. ...
Rita Levi Montalcini…
John Gurdon…
Mozart…
Stephen Hawking…
Alessandro Manzoni…
Michael Faraday…
Lev Tolstoj…
Alda Merini…
Luigi Pirandello…
Alberto Sordi…

maria s., ancona Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 23.10.18 18:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravo Luigi, sei il numero 1.

Pasquale M., Airola Commentatore certificato 23.10.18 18:24| 
 |
Rispondi al commento

Se è lo stesso Di Maio che in televisione diceva che avrebbe votato si ad un referendum sull'uscita dall'euro allora possiamo sperare che prima o poi una bella patrimoniale si faccia. Relativamente facile fare una manovra economica " a buffo " ; più difficile ma più serio farla con i soldi degli arricchiti più o meno lecitamente, tipo evasori fiscali, corrotti e mafiosi. Altro che condoni!

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 23.10.18 17:56| 
 |
Rispondi al commento

Dichiarazine di un italiano nella commissione (Tajani):

“Non si risolvono i problemi con le dichiarazioni di guerra a destra e a manca, anche perché l’ultima dichiarazione di guerra dell’Italia non ha portato molta fortuna ai cittadini”, ha fatto sapere il presidente del Pe Antonio Tajani sulla manovra.

Vergogna! Finche saremo uno contro l'altro armati questo paese rimarra lo zimbello d'Europa!

BRUNO 23.10.18 17:53| 
 |
Rispondi al commento

D.F.M.
Ennesima prova che i coglioni vanno sempre in coppia. #renzi #bonolis

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 17:38| 
 |
Rispondi al commento

Bellissima intervista Luigi avanti tutta con la manovra e sempre grande stima al Premier Conte.

patrizia v., cagliari Commentatore certificato 23.10.18 17:35| 
 |
Rispondi al commento

lin bo
Bonolis deve aver pensato: "Non sto sul cazzo ad abbastanza persone: proviamo a insolentire contemporaneamente i laureati costretti ad emigrare, i disoccupati poco qualificati e gli immigrati che lavorano in semischiavitù".

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 17:33| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera, ma nessuno ha mai pensato o detto che il caso Antonio Tajani è un lampante conflitto di interessi? Quando questo signore esterna le proprie opinioni, non si capisce bene se lo faccia come vice di Forza Italia o a nome del Parlamento Europeo. Detrattore in patria e anche in Europa. E' lecito ciò? Ma i nostri rappresentanti all'UE non dovrebbero sostenere il Paese? Invece, sembra traggano godimento dal causare danni e vedere lo spread alzarsi...... Mah ..... Cosa strana assai!
Va bene e sacrosanta sia l'opposizione, ma fare gli interessi del Paese mai?

Marina M. 23.10.18 17:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@Sabbry: ho letto l'articolo relativo (pubblicato da "Repubblica", of course), e devo dire che ad una prima lettura, la cosa mi è sembrata sconveniente e meritevole di censura; peccato però che si tratti di vendita all'incanto di un bene costruito decenni fa con regolare licenza edilizia e messo semplicemente all'asta per fallimento, un'asta a cui chiunque, persino il direttore di "Repubblica", od il Codacons, poteva partecipare; a questo punto, dato che la "cordata" M5S che ha rilevato l"ecomostro" (giudizio puramente estetico, dato che la costruzione è perfettamente legittima), se l'ha fatto, l'avrà fatto con una motivazione ben precisa, e probabilmente assai meno oscura e riprovevole di quella adombrata nell'articolo (magari, l'intento poteva essere quello di strapparlo alla mafia od a qualche suo prestanome e farne un'iniziativa economica per i giovani disoccupati locali); sarebbe bastato chiedere agli interessati, invece di fare velenose ed interessate illazioni; certamente, finchè saranno pubblici amministratori, non potranno ovviamente esercitare alcun diritto su quell'immobile se non quello di proprietà, ma questa, è un'altra storia, tutta ancora da vedere e da scrivere.....

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 23.10.18 17:31| 
 |
Rispondi al commento

bravissimi continuate cosi !!!!!!

roberto paolucci 23.10.18 17:31| 
 |
Rispondi al commento

Continuare a ripetere che il M5S non voterà mai per l'Italexit, non serve a niente. Come si può vedere l'Unione Eurocratica se ne frega dei giuramenti di fedeltà; vuole il sangue.
Nelle società criminali i patti fra gli affiliati si suggellano con riti sanguinosi, non bastano i giuramenti.
Soltanto continuando nella politica dell'Austerità, delle privatizzazioni, dei tagli allo Stato Sociale, alle pensioni, della compressione di diritti dei lavoratori, della cessione di sovranità alla piovra eurocratica, soltanto così l'Italia verrà perdonata.
E sarà credibile agli occhi dei suoi persecutori, i quali possono tornare a fidarsi a patto che essa stringa da sé il cappio della forca che essi le hanno preparato.
Italexit subito, SUBITO!

Alberto O. 23.10.18 17:29| 
 |
Rispondi al commento

Mentre abbiamo l'ufficialità che la commissione Europea boccia il DEF del Governo leggo su Repubblica.it oltre alla solita "manfrina" del Governo irresponsabile e incapace che ci porterà al default, la "bella" notizia che l'Istat certifica che nel 2016, quindi sicuramente oggi i dati sono ancora peggiori, 9.4 milioni di Italiani non riescono a pagare le bollette di luce e gas, e quando va bene sono costretti a limitare i consumi (in pratica stare al buio e al freddo).
Vogliono darci per cortesia i signori della Commissione Europea la ricetta per fare fronte ad un "disastro" sociale che è sotto gli occhi di tutti nei numeri della povertà, e della disoccupazione? Fino a qui ci siamo arrivati con le politiche a guida Monti, Forza Italia e Pd e "suggerite" dalla UE, il Governo M5S-Lega non va bene e va nella direzione sbagliata, ma quale è la vostra soluzione, farci fare la fine della Grecia? Attenzione perchè poi il popolo, prima o poi......si incazza!

stefanodd 23.10.18 17:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bonolis alla Leopolda
“Nella commedia all’italiana abbiamo avuto grandi coppie comiche come Totò e Peppino o Franco e Ciccio.Ora abbiamo Salvini e Di Maio.Anche loro hanno il tormentone come le grandi coppie comiche: per loro sono sempre i migranti“.(Stefano: Veramente i migranti sono il pallino del Pd.Anzi sembra l'unico tema di cui occuparsi in Italia) (Fabio: Quindi...quello che stanno facendo di Maio e Salvini per questo soggetto è come raccontare una barzelletta,dal reddito al ponte alle autostrade).(Viviana:E il prossimo duo comico sarà Renzi-Bonolis?)

“Salvini e Di Maio usano il decreto in maniera definitiva perché per decreto la povertà non esiste più,proprio come le buche a Roma“

“Fortissimo era anche il trio composto da te, D’Alema e da Bersani.Ve lo ricordate il pezzo che facevano sulla rottamazione?Ammazza,quanto faceva ride,aoh.I bambini miei hanno voluto anche il dvd”
.
Cave canem: La "sx" da Marx a Bonolis:un percorso lungo e tortuoso,ma succede anche questo.
Del resto questo protagonista assoluto della TV spazzatura di matrice berlusconiana,insieme all'altro saltimbanco che gli funge da degna spalla,alla Leopolda è naturalmente di casa.
Dispiace che si permetta di nominare Totò e Peppino,due giganti della comicità e della moralità rispetto ai lillipuziani che popolano l'etere politico/evasivo attuale
.
Malian6:Guarda,con tutto il rispetto,Bonolis ha smesso di far ridere almeno da una quindicina d'anni
Se qualcuno trova ancora divertente questo re del trash,direi che ha qualche serio problema
.
Nobita77:Paolo,dopo quasi 30 anni,di nuovo a parlare con un pupazzo?
.
C.m.95:Se Berlinguer potesse lo prenderebbe a randellate (Viviana:anzi,prenderebbe a randellate tutti e due!)
.
Far away:Dannosi entrambi(oltre che antipatici)
Il Bomba ha reso gli Italiani più precari(e poveri).Bonolis li ha resi più cafoni
Bella coppia,un trombato e un trombone
.
Ladroniditalia: "Che tristezza infinita!"

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 17:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

https://it-it.facebook.com/C.Serraglia1950/videos/2272501422790532/

Sabrina 23.10.18 16:36| 
 |
Rispondi al commento

La condanna per diffamazione a Travaglio, per le ridicole motivazioni addotte dal Giudice, pare solo una delle tante intimidazioni messe in atto per tacitare il governo e chiunque lo difenda, od almeno non ne faccia il bersaglio quotidiano di accuse ingiuste od inventate; nel curioso Paese rovesciato, infatti è il governo ad essere minacciato dall'opposizione, ed è sempre nel medesimo stranissimo Paese, che tutti i media fanno coro unico contro il Governo: invierò il mio contributo perchè il Fatto possa riuscire a pagare l'innominabile padre bancarottiere dell'innominabile imbelle show-man, sperando che possano servire per comprare delle medicine destinate ad alleviare qualche eventuale e perniciosa malattìa.....

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 23.10.18 16:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ot...forse :)

la commissione ue ha suonato le sue trombe...

ad agnone* aspettano... :)

* agnone..."Antica città sannita, è sede del più antico stabilimento al mondo per la fabbricazione delle campane"


pabblo 23.10.18 16:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mettersi a fianco una persona volgare e guitta come Bonolis dice tutta la cialtroneria di Renzi. Ora gli manca solo di partecipare al Grande Fratello.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 15:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Renzi: CIAONEEEEEEEEEEEEEEE

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 23.10.18 15:12| 
 |
Rispondi al commento

2
o a condizionare benché all’opposizione(o meglio: perché all’opposizione)la politica sociale ed economica

3)Gli attacchi contro Salvini sono ben diversi; somigliano a quelli contro Trump,condotti(la cosa non vi insospettisce?)dagli stessi miliardari che stanno arricchendosi oscenamente grazie alle sue politiche.In sostanza sono attacchi contro la gente ordinaria,disprezzata perché provinciale, bigotta,sessista,volgare e xenofoba,allo scopo di spingerla all’apatia e all’assenteismo oppure fra le braccia di una dx fintamente nazionalista e falsamente populista

4) B è morto,e da un pezzo;di conseguenza Fi si sta dissolvendo.Come mai allora i giornali e tg,e non solo quelli direttamente sotto il suo controllo,dedicano tanta attenzione a qualsiasi sua esternazione?La Rai,per es.,che continua a dargli più spazio che al governo.Non è semplicemente che ricatta i mezzi d’informazione con la pubblicità;è che la classe dirigente italiana è bloccata e autoreferenziale,composta in buona parte di squallidi personaggi che hanno approfittato dalla deriva morale e culturale voluta dal liberismo per accedere a posizioni di potere o prestigio che mai,in tempi normali, avrebbero ottenuto e tanto meno meritato;e proprio non capiscono,né gli importa,che il paese attorno a loro soffra e stia cambiando.Ancora del resto leggono La Repubblica e i sermoni di Scalfari:per loro B resterà sempre rilevante

5) Renzi invece è vivo e pienamente in controllo del Pd;al quale ogni volta che va in tv,ossia ogni dì,fa perdere voti;ma ai piddini non importa,non è al consenso popolare che puntano bensì ai favori e al denaro dei poteri forti.O anche solo ad assicurare una poltrona agli amichetti,costi quel che costi.Come a Bolzano,collegio blindato per via della lunga alleanza con la SVP e ideale quindi per assicurare una conferma in Parlamento alla Boschi;obiettivo raggiunto in marzo e pagato ieri alle provinciali da entrambi i partiti:il Pd con la perdita secca di metà degli elettori

segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 15:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

1
FRANCESCO ERSPAMER (prof a Hanward)- Perché in Trentino ha vinto la Lega.

1) La retorica integralista della sinistra sulle migrazioni (nessun controllo, ingressi illimitati, santificazione di chi se ne frega della legge e della volontà popolare, accuse di razzismo e fascismo a chiunque dissenta e chieda un po’ di programmazione) sta ottenendo il risultato auspicato: radicalizzare l’elettorato, spostando verso la Lega il voto di coloro che questo sottoproletariato d’importazione non lo vogliono e arroccando invece intorno al Pd e alle sue innumerevoli stampelle di area liberal o democristiana quella parte della popolazione che vuole la crescita (economica e demografica) anche se drogata da lavoratori senza radici e disposti ad accettare compensi da fame. Al potere finanziario e mediatico la Lega non fa paura; pensano che quando diventasse il primo partito italiano romperebbe l’alleanza con i pentastellati e tornerebbe a fare gli interessi dei ricchi, delle lobby e soprattutto dei tantissimi furbi e furbetti che commettono abusi, evadono il fisco o aggirano le norme, e non per sopravvivere ma per comprare al figlio diciottenne l’indispensabile BMW. Non è detto che accada però è il loro piano. (Un secolo fa il capitalismo si sbagliò con il fascismo, che credette di poter usare per fermare il comunismo ma anche per fare i propri interessi, e invece dovette scatenare una guerra mondiale per fermarlo).

2) Attualmente il vero nemico del sistema è il M5S, l’unico partito italiano che pur non essendo bolscevico o rivoluzionario (come lo vorrebbe la sinistra dura e pura, incapace di esserlo lei stessa) sia in aperto contrasto con la casta e le grandi banche e corporation straniere. Ovvio che questi gruppi abbiano scatenato contro di esso una campagna mediatica senza precedenti per intensità e malafede; anzi no, un precedente c’è, quello dell’immediato dopoguerra e degli attacchi della DC e degli americani contro il PCI (i comunisti che mangiavano i bambini

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 15:03| 
 |
Rispondi al commento

Grande Luigi. Tu assieme a Conte siete fantastici. Finalmente orgoglioso di essere italiano!
A riveder le stelle
Grazie Elevato!!!

Giuseppe V. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 23.10.18 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Bravissimi !!!

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 23.10.18 14:57| 
 |
Rispondi al commento

2
Hanno illustrato le cose fatte e i prossimi passi da compire. Come se fossero sotto esame. Come se dovessero rispondere ai cittadini presenti sul prato sia del lavoro svolto che del loro comportamento nelle istituzioni, della serietà e sobrietà, dell’onestà, della determinazione e coerenza verso una rivoluzione che non è solo politica ma anche culturale.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 14:56| 
 |
Rispondi al commento

Oggi sono rimasta a casa, avevo da stirare e rassettare.
Ho tenuto la TV accesa.
Sono indignata.
Qua non si tratta solo della percentuale minima di tempo dedicato al governo rispetto a quello dell'opposizione, qua si tratta soprattutto della qualità e dell'oggettività dell'informazione pubblica televisiva. Nella Rai non c'è c'è informazione, ma soltanto attacchi violenti, livorosi, denigratori e opinioni spacciate per fatti.
L'opposizione, saldamente dentro la Ra (che dovrebbe essere servizio pubblico), sta disinformazando e sta tifando con tutte le sue forze contro il Paese.

antonella g. Commentatore certificato 23.10.18 14:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

1
CIRCO MASSIMO- Tommaso Merlo.
Per imbrattare il successo di “Italia a 5 Stelle” i giornali questa volta hanno scelto le frasi di Beppe Grillo sul vilipendio e il Presidente della Repubblica. La solita mossa per parlar d’altro e spruzzare fango. E così due giorni di festa a 5 stelle, sulla stampa vengono coperti da due battute. E invece di raccontare la festa, giornali e televisioni si ergono a difesa del Quirinale attaccato da chissà quali disegni eversivi di Beppe Grillo e fesserie del genere. La solita cagnara anti Movimento. La solita cagnara per nascondere il cambiamento ai cittadini che ancora non lo hanno capito. Ma anche a se stessi. Il cambiamento fa paura e la fa soprattutto a chi ha molto da perdere come i parrucconi dei vecchi partiti e della stampa da terzo mondo che inquina il dibattito pubblico della nostra democrazia. Sanno che il cambiamento in corso li sommergerà sotto il peso delle proprie ipocrisie e non hanno il coraggio di guardarlo in faccia. Al Circo Massimo è andata in scena una rappresentazione plastica di quel cambiamento. A riunirsi a Roma non era un partito qualsiasi e neanche la claque di qualche egopoldo che delira di tornare al futuro. Ma era la prima forza politica italiana emersa dalle urne e che oggi governa il paese nonostante tutto e tutti. Un momento importante perché era la prima “prova della piazza”, la prima volta che i portavoce si presentavano davanti ai cittadini da governanti e con alle spalle quattro mesi di lavoro. Dal primo intervento fino all’ultimo, ministri e deputati si sono presentati con umiltà. Hanno illustrato le cose fatte e i prossimi passi da compire. Come se fossero sotto esame. Come se dovessero rispondere ai cittadini presenti sul prato sia del lavoro svolto che del loro comportamento nelle istituzioni, della serietà e sobrietà, dell’onestà, della determinazione e coerenza verso una rivoluzione che non è solo politica ma anche culturale.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.18 14:55| 
 |
Rispondi al commento

1) Forza Marco.

Marco Travaglio
sul Fatto Quotidiano del 23 ottobre 2018

"Quando un Tribunale ti dà torto e sai di avere ragione, impugni la sentenza e speri che i giudici di secondo grado in appello te la riconoscano.
Così ci siamo sempre comportati, senza fare tante storie.

Ora però la sentenza del Tribunale civile di Firenze che dà torto al Fatto (cioè al sottoscritto e a una brava collega), imponendoci di versare lo spropositato risarcimento di 95 mila euro a Tiziano Renzi e creando un precedente che mette a rischio la sopravvivenza del nostro giornale, ci costringe a rivolgerci subito a voi lettori. Perché abbiamo bisogno di voi.

Fermo restando che, se l’esecutività del verdetto non sarà sospeso, pagheremo il dovuto e ci appelleremo per farci restituire i soldi fino all'ultimo centesimo e la nostra onorabilità. Che comunque non può essere messa alla berlina da manigoldi che si fanno scudo dell’impunità parlamentare e che, se le bugie fossero reato, sarebbero all'ergastolo.

Cari lettori, sapete bene di essere l’unica nostra fonte di sostentamento e il nostro unico scudo contro le aggressioni dei potenti: non incassiamo soldi dallo Stato, abbiamo pochissima pubblicità, non siamo sponsorizzati da società o concessionarie pubbliche né da aziende private. Viviamo delle copie vendute in edicola e degli abbonamenti, due voci che sono addirittura aumentate negli ultimi mesi, in controtendenza con il mercato sempre più in crisi della carta stampata.

E finora questo bastava e avanzava a garantirci di lavorare sereni, forti del vostro sostegno e dei nostri bilanci attivi. Ma purtroppo, in Italia, fare un buon giornale, libero e indipendente, che incontri il favore dei lettori, non basta più. Il bombardamento delle cause civili e delle querele penali “a strascico” sta diventando insostenibile, perché rende il nostro mestiere più pericoloso di quello degli stuntman o dei kamikaze.

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 23.10.18 14:43| 
 |
Rispondi al commento

2) Anche perché oggi - come dice Davigo - buona parte della magistratura è stata “genuflessa” dal potere politico come nei suoi anni più bui, dai 50 agli 80, fino a Tangentopoli e a Mafiopoli.

Non siamo qui a gridare al complotto né a piagnucolare per la persecuzione giudiziaria. Anzi, se avessimo scritto qualcosa di falso e/o diffamatorio, come può sempre capitare in un quotidiano, avremmo già rettificato da un pezzo, senz’attendere che Renzi ci facesse causa. Ma non è questo il caso. Il signore in questione ci aveva intentato una causa da 300mila euro per sei articoli usciti fra il 2015 e il 2016: il giudice gli ha dato torto per quattro articoli e ragione per un titolo (a un articolo ritenuto corretto) e due parole contenute in due miei commenti (per il resto ritenuti corretti).

E ha stabilito che il titolo e le mie due parole valgono 30 mila euro ciascuno, più 5 mila di riparazione pecuniaria. Il titolo da 30 mila euro è “Banca Etruria, papà Renzi e Rosi. La coop degli affari adesso è nel mirino dei pm”. Riguarda le indagini (vere) sulla coop Castelnuovese, che ovviamente faceva affari, era stata appena perquisita e faceva capo all’ex presidente di Etruria Lorenzo Rosi, in affari con Luigi Dagostino, a sua volta in affari con papà Renzi (che non era indagato, e infatti il titolo si guardava bene dall’affermarlo).

Tutto vero, eppure ci tocca pagare 30 mila euro. Le mie due paroline da 30 mila euro ciascuna sono “bancarotta” e “affarucci”. In quel momento Tiziano Renzi era indagato a Genova per la bancarotta di una sua società poi fallita, la Chil Post. Che la società fosse fallita non era in discussione (il crac è del 2013), mentre si trattava di stabilire se Renzi padre avesse commesso il reato di bancarotta (in seguito avrebbe ottenuto l’archiviazione, che naturalmente non riportò in vita la società fallita, anche perché altri coimputati sono a processo per quella bancarotta).

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 23.10.18 14:42| 
 |
Rispondi al commento

2 bis) Il crac c’era, la condanna di Renzi sr per bancarotta no: e infatti non ho mai scritto che avesse commesso quel reato, ma semplicemente che era coinvolto nella bancarotta di una società di cui era stato proprietario (e dove aveva assunto Matteo).

Si potrà dire che il termine era “atecnico”, come si conviene a un articolo di pura satira (il titolo era “I babboccioni”, per dire il tono), non a una sentenza o a una cronaca giudiziaria. Invece il giudice ci vede una diffamazione da 30 mila euro.

L’altra costosissima parola proibita è “affarucci”. Anche qui tutto vero, e pure preciso: come avevamo scritto spesso nelle pagine di cronaca, insieme a gran parte della stampa italiana, il massone Valeriano Mureddu e babbo Tiziano sono vicini di casa a Rignano sull’Arno e il primo acquistò un terreno dal secondo. Un affaruccio, appunto.

Che c’è di diffamatorio? Che – scrive la giudice – “in nessuna parte dell’articolo sia spiegato quali sarebbero tali ‘affarucci’”. Cioè: i due hanno concluso un affaruccio, raccontato più volte sul Fatto e dimostrato per tabulas alla giudice. Ma è diffamazione lo stesso, perché lei avrebbe scritto l’articolo diversamente da come l’ho scritto io: altri 30 mila euro. Totale: 90+5 e un bacio sopra.

Per un titolo e due articoli che non contengono fatti falsi e che riscriverei uguali altre cento volte.

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 23.10.18 14:41| 
 |
Rispondi al commento

3) E sapete il perché di quella cifra spropositata? Per “la posizione sociale del soggetto diffamato (padre del Presidente del Consiglio, politico e imprenditore)”. Perbacco. Così la regola aurea che vuole i potenti più esposti alle critiche viene ribaltata: più conti e meno puoi essere criticato. Una specie di immunità contagiosa per via parentale.

E ci è andata pure bene. La giudice spiega di averci fatto lo sconto perché siamo il Fatto, e non il Corriere della Sera che vende il sestuplo di noi: sennò ci avrebbe appioppato 600 mila euro, lira più lira meno (con tanti auguri ai colleghi di via Solferino). La sentenza fa il paio con quella del Tribunale penale di Roma che ci ha condannati a pagare la cifra astronomica di 150 mila euro (per fortuna non ancora esecutiva) ai giudici di Palermo che avevano assolto Mori per la mancata cattura di Provenzano.

Avevo osato scrivere che erano andati fuori tema, invadendo il campo dei processi Trattativa e Borsellino-ter e negando il patto Stato-mafia e l’accelerazione della strage di via D’Amelio. Condannato. Poi le sentenze dei due processi han demolito quella su Mori, giungendo alle stesse mie conclusioni di 3 anni prima.

Ora, a botte di sentenze come queste, un piccolo giornale libero come il Fatto non può reggere: ancora un paio di mazzate come queste e si chiude. Perché non c’è alcun’arma di difesa.
Possiamo prestare tutte le attenzioni del mondo a non scrivere cose false o inesatte.

Ma se poi veniamo condannati per aver scritto cose vere o per aver esercitato il nostro sacrosanto diritto di critica, allora dovremmo preoccuparci anche di non disturbare certi manovratori, specie se hanno appena agguantato la vicepresidenza del Csm e fanno il bello e il cattivo tempo nella città del tribunale che ci giudica.

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 23.10.18 14:40| 
 |
Rispondi al commento

4) E allora delle due l’una. O la classe politica mette finalmente mano a una seria riforma della diffamazione a mezzo stampa, dando valore alle rettifiche e alle smentite, imponendo cauzioni contro le liti temerarie, levando la competenza ai tribunali dove risiedono i denuncianti e soprattutto distinguendo i fatti falsi e gli insulti (che, senza rettifiche e scuse date con evidenza, vanno sanzionati) dalle opinioni critiche e dalle battute satiriche (che devono essere sempre legittime).

Oppure noi smettiamo di scrivere cose vere e di criticare chi lo merita. Ma in questo caso verrebbe meno la ragione stessa del nostro mestiere, almeno per come lo intendiamo noi: quella che nove anni fa ci ha spinti a rischiare i nostri soldi e carriere per fondare un giornale libero, critico e veritiero.

Di certo, visto che i soldi non ce li regala nessuno né li troviamo sotto le mattonelle, non possiamo scrivere ogni giorno con la spada di Damocle di risarcimenti pesantissimi sul capo, l’ufficiale giudiziario dietro la porta, la quotidiana busta verde nella buca delle lettere e l’avvocato tascabile che ci controlla le virgole.

Certo, potremmo evitare tutto questo facendo come tanti altri: usando la lingua al posto della tastiera. O facendoci scrivere gli articoli da qualche giudice, per dire che chi fa fallire le sue società è un grande imprenditore un po’ sfortunato e chi compra terreni con un socio lo fa a sua insaputa.

Ma non ne siamo proprio capaci.
Piuttosto, preferiamo cambiare mestiere".

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 23.10.18 14:39| 
 |
Rispondi al commento

Due misure urgenti per unire il paese:
1. Legge su mobbing sul lavoro, in modo da dare protezione e dignità ai lavoratori.
2. Introduzione di una legge sul "razzismo geografico", in modo da tutelare chi viene discriminato per la sua provenienza geografica all'interno dell'Italia. Ad esempio, meridionali che vanno al nord a lavorare.
Grazie, vivissimi saluti.

Gianluca S. Commentatore certificato 23.10.18 14:34| 
 |
Rispondi al commento

OT

Il ministro Di Maio su Facebook:

" Quelle di oggi non sono solo tre firme. Sono tre volontà, tre impegni, tre primi mattoni per un progetto di più ampio respiro, che guarda al futuro di tre zone industriali abbandonate, ma che meritano di essere rilanciate.
A Frosinone, Gela e Venezia il ministero dello Sviluppo Economico sta tendendo una mano che vale, nel suo complesso, 45 milioni di euro. Soldi sì, ma soltanto per ora. Presto saranno più di 2000 posti di lavoro. Oltre 2000 famiglie che torneranno ad avere un reddito, ma prima di tutto la dignità di potersi dire realmente cittadini italiani grazie a un lavoro che le sostiene. "

Roberto ., Roma Commentatore certificato 23.10.18 14:14| 
 |
Rispondi al commento

Bellissima la chiusura:
"Ma la debolezza dell’opposizione non è un problema?

“Sopperiamo noi. Siamo bravi a farci l’opposizione anche da soli”.
^^^^
grande Luigi...anche qui sul blog!
Ciaoooo!

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 23.10.18 13:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

AVANTI COSI' LUIGI DI MAIO!

ROSSANA I., ROMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 23.10.18 13:23| 
 |
Rispondi al commento


OT

Il ministro Di Maio su Facebook:

" Dichiarazioni del Ministro Luigi Di Maio a margine della firma degli accordi di programma per la #riqualificazione industriale aree di #Frosinone #Gela e #Venezia con Invitalia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare "

https://it-it.facebook.com/MinisteroSviluppoEconomico/videos/348114909290635/UzpfSTUyMjM5MTAyNzc5NzQ0ODoxOTQ5Nzc1MzA4MzkyMzM5/

Roberto ., Roma Commentatore certificato 23.10.18 13:14| 
 |
Rispondi al commento

Il figlio Alessandro, in viaggio in Sudamerica, sarà letteralmente sbiancato nel leggere le cronache dei giornali di oggi che riportano e dichiarazioni di suo padre, noto ex militante missino e “fascista” dichiarato. Stavolta, al Circo Massimo, al raduno del Movimento Cinque stelle Vittorio Di Battista, imprenditore romano, si è presentato con i cartelli di protesta contro la Tav, il Tap e perfino i Benetton, quelli di Autostrade e del ponte Morandi di Genova. Il Messaggero riporta questo stralcio di conversazione: «Sono Vitto Dibba, so’ scojonato, ma se mi danno il potere assoluto per sei mesi, risolvo io tutti i problemi d’Italia». Il giornalista lo interroga sul M5S: «Ci credo ancora, sì, però…». E l’alleato Salvini? «Non so se è di destra. Io certamente no: sono fascista!. Di Maio? È un bravo ragazzo». Poi arriva la richiesta economicca: «Non vedo perché Renzi debba pendere 20.000 euro per un discorso e io niente. Per me 1.500 euro a intervista sarebbe il prezzo giusto». Certo, rispetto a Renzi, non è davvero una richiesta eccessiva…

Odal 23.10.18 13:11| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori