Il Blog delle Stelle
Reddito di cittadinanza e centri per l'impiego: una politica attiva del lavoro

Reddito di cittadinanza e centri per l'impiego: una politica attiva del lavoro

Author di Luigi Di Maio
ore 15:20
Dona
  • 48

di Luigi Di Maio

"Ritengo il reddito di cittadinanza una manovra che può avere un valore positivo e siamo pronti a supportare i centri per l'impiego con una proposta di formazione. Siamo pronti anche a garantire delle borse di studio a chi parteciperà alla formazione attraverso i Centri per l'impiego." Queste parole sono di Carlo Messina, amministratore delegato di Intesa San Paolo, la principale banca italiana, uno che di economia reale se ne intende e che ha chiari i benefici che ci possono essere da questa misura.

Quando le banche si occupano di economia reale svolgono un ruolo fondamentale per lo sviluppo delle nostre piccole e medie imprese, per la nascita di nuove e per la creazione di posti di lavoro. Il Reddito di Cittadinanza è una politica attiva del lavoro, ma è anche una vera e propria manovra economica che finalmente farà circolare un po' di soldi perché aumenta il potere d’acquisto di chi che ne ha più bisogno e ha una maggiore propensione al consumo, innescando un virtuoso processo di crescita di cui beneficeranno anche commercianti e artigiani.

Ringrazio Messina per la disponibilità a supportare i centri per l'impiego che saranno il fulcro della rivoluzione per il lavoro: abbiamo stanziato un miliardo per rifarli da cima a fondo. Mi auguro che anche altre imprese partecipino a questo percorso. Abbiamo bisogno di sapere dagli imprenditori le competenze di cui hanno bisogno per poter intervenire nel processo di formazione al lavoro e andare incontro alle loro esigenze. Ci sono tanti nuovi lavori, tante nuove competenze richieste e tanti giovani che non vedono l'ora di dare il proprio supporto al Paese. Se camminiamo insieme con l'obbiettivo di dare un futuro all'Italia otterremo tanti successi!



bannerdoni5s2018.jpg

5 Ott 2018, 15:20 | Scrivi | Commenti (48) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 48


Tags: Carlo Messina, lavoro, MoVimento 5 Stelle, Reddito di cittadinanza

Commenti

 

Perché non avete eliminato gli 80 euro e i 500 euro ai diciottenni, dopo averli giustamente definiti per anni mance elettorali? Perché il reddito di cittadinanza prevede la risibile condizione di 8 ore settimanali di lavori socialmente utili lasciando un così largo margine a comportamenti irregolari e furbeschi e in definitiva non comportando il minimo vantaggio per la comunità? almeno 4 ore al giorno non sarebbero state meglio? Perché poi, dal momento che sappiamo in quale vergognoso spreco si sfocino normalmente i corsi di formazione, questi ultimi non sono organizzati (se le informazioni in mio possesso sono corrette) in modo da tradursi in periodi di apprendistato preso le aziende che hanno interesse ad assumere? Esiste o è prevista una comunicazione diretta tra i centri per l'impiego e le imprese destinate ad assumere?

Eugenio Bitetti 09.10.18 12:18| 
 |
Rispondi al commento

IN GERMANIA,chi TROVA un lavoro SOTTOPAGATO,ha il SUPPORTO DALLO STATO per RAGGIUNGERE UNA CIFRA DIGNITOSA.

Lavoro SOTTOPAGATO NON E' LAVORO ,E' SCHIAVITU'.

SONO CERTO che NON SARANNO CENTRI DI RE-SCHIAVITU'!

O NO?

Luca Fini 08.10.18 09:10| 
 |
Rispondi al commento

Dalle notizie lette, Io ipoteticamente non avrò diritto al reddito di cittadinanza...eh già...perché avere (fortunatamente) una tetto sulla testa significa avere un reddito...eh già, perché non lavorando da più di 2 anni, mi sono sfamata con i soldi che crescono nei muri di casa mia e non grazie alla generosità di famiglia e amici.
Grazie anche a Lei

Molly6 08.10.18 09:01| 
 |
Rispondi al commento

Gli 80 € con cui il pinocchio seriale si è comprato i voti per vincere le scorse europee, non servono a chi li ha dati ! Perché chi li ha avuti un lavoro già ce l'aveva, seppur con medio basso reddito, non aveva bisogno della mancetta per risollevare la propria economia e ricominciare a investirli nell'economia reale del burattino di pontassieve! Il beneficiario a cui erano destinati non ha fatto né più né meno di quello che faceva prima della mancetta , tutt'altro che le chiacchiere strutturali del burattino-figlio di papà. Invece, tutt'altra cosa è far uscire dalla soglia di povertà un individuo, o meglio una famiglia! Lo capiscono anche i polli (non quelli sazi come pinocchio di papà)! Ergo, la mancetta vale quasi 10miliardi a livello di finanziaria, e adesso cozza maledettamente con ideali e politica 5*......usiamoli! Della mancetta del partito per comprare gagliardetto, tessera, colazione a sacco e biglietto d'autobus, per andare a far numero sotto i palchi dei pinocchi seriali, gli italiani non ne hanno bisogno! E se la dignità non c'è l'hanno nel buco.......come chi glieli ha dati, non se ne accorgeranno nemmeno di non averli più!

Alberto R. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 07.10.18 08:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I corsi di riqualificazione fateli tenere a laureati in fisica, ingegneria, informatica. Bisogna alzare l'asticella per ottenere dei risultati

MauraBo 07.10.18 07:01| 
 |
Rispondi al commento

Così come sono i centri per l'impiego e le agenzie interinali servono solo per dare lavoro a chi opera dentro a questi centri. Quindi una riorganizzazione è necessaria. È quello che avrebbe dovuto fare il jobs act. Mi preoccupa però la mancanza di lavoro, in particolare il lavoro di qualità. L'offerta di lavoro spesso riguarda attività di bassa manovalanza. Così un laureato viene escluso perchè possiede un profilo alto. Mi auguro inoltre che per riqualificare le persone, non si tengano corsi fasulli, come si è fatto fino ad ora. Corsi inutili e non attinenti alle necessità del mercato del lavoro.

MauraBo 06.10.18 22:13| 
 |
Rispondi al commento

peter1943@alice.it
**Reddito di Cittadinanza e Centri per l’Impiego**
*Soprattutto Centri per l’Impiego. Sappiamo come in realtà fossero diventati solo uffici per “timbrare il cartellino”, sappiamo come non fossero in alcun modo adeguati a reintrodurre od introdurre chicchessia nel mondo del lavoro; uffici aperti per stipendiare i dipendenti, a loro volta demotivati. Quanto precede in primo luogo poiché normative farraginose ed antiquate lanciavano un messaggio agli imprenditori: “se vi serve un lavoratore dovete prendere il primo della fila e non dovete fare gli schizzinosi. Inoltre le competenze sono sullo star del credere dichiarato dai soggetti medesimi”. Esiste anche una seconda motivazione, infatti nel nostro Paese è stata emanata una legislazione che ha fatto proliferare una marea di Agenzie Interinali, accompagnate da Corsi di Formazione” indegni di tale appellativo. Cui prodest? Non certo a coloro che il lavoro lo cercano davvero, insomma intermediazione sul lavoro altrui(nelle campagne si chiama caporalato spicciolo). Alla fine, con il pensionamento dei dipendenti, anche molti uffici sono stati chiusi. Ora il Governo del cambiamento, con l’introduzione a regime del RdC e conseguente ripristino dei Centri per l’Impiego, con Formazione vera e monitorata(basta furbate!),intende riportare il lavoro e la ricerca dello stesso su quel piano di legalità che non avrebbe mai dovuto abbandonare. Questo Governo darà inizio ad un Piano di Investimenti che si rifletteranno sull’Economia del Paese per farlo uscire dalla statica crisi in cui si trova. Nel frattempo appare evidente come i giovani ed i meno giovani in cerca di lavoro debbano adeguarsi al meno peggio tuttavia dignitoso. Ricordo ad esempio come abbiano funzionato abbastanza positivamente i Piani di LSU, che sono serviti a decine di migliaia di persone come viatico per riprendere un cammino lavorativo interrotto. Come laureati in Archivi Mus

Pietro Marini, GENOVA Commentatore certificato 06.10.18 20:00| 
 |
Rispondi al commento

Ma gli uffici di collocamento hanno dipendenti che tengono al loro lavoro o solo alla paga? Se è il primo caso sarebbe meglio recuperassero il lavoro mal fatto o non fatto fino ad ora dandosi da fare ad acquisire nuovi metodi e a implementarli da ieri. Oppure fuori provino a vivere con 780 € e ringrazino la bontà di questo governo. Oppure consideriamo anche abbiano tradito il loro posto favorendo le agenzie private.

Luigi Cosivi 06.10.18 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Credo sia giunto il momento di darsi una regolata e tornare ad essere il movimento di qualche mese fa . Visto i sondaggi ultimi con la continua ascesa della Lega sarebbe il caso di distinguerci .Fermo restante il contratto di governo ma noi non dobbiamo dimenticare chi siamo e da dove veniamo , o no? Non abbiamo detto una parola sul furto dei 46 ml di euro della Lega e della rateizzazione decennale del rimborso , non diciamo più niente sugli indagati e condannati che fanno parte del sottobosco governativo della Lega, non diciamo niente sulle sparate fuori luogo del cazzaro verde che fa il tuttologo e si presenta come il capo del governo ,piano piano stiamo stravolgendo il reddito di cittadinanza ,abbiamo dimenticato il noTav il noTap e mi fermo qui. Fra pochi mesi ci aspetta una scoppola terribile se non reagissimo con forza e ,sicuramente, la Lega romperà il patto di governo e andremo a nuove votazioni nazionali : riuscite a immaginare quale potrebbe essere il risultato? Se si allora è il momento di svegliarsi e che tutti dai ministri ai sotto e i rappresentanti nel parlamento si diano una mossa . Non dimenticate mai che la Lega è il partito più vecchio oggi sulla scena e amministra regioni e città da decenni con la destra. Sveglia ed a riveder le stelle.

mimmo f., policoro Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 06.10.18 15:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il reddito di cittadinanza, giusto nella sostanza, puo' creare diversi problemi in una societa' in cui i furbi sono sempre pronti ad approfittarne. Non sarebbe meglio che, dietro sgravi fiscali, le aziende si impegnassero ad assumere qualche dipendente in piu'. Ovvero, il centro impiego ti colloca in una azienda, ti do i 780 euro per un tot periodo e ti avvii al lavoro. Cosi non puoi fare lavoro in nero o "stare sulla poltrona". Per fare cio' ci vorrebbe un serio patto tra datori di lavoro e governo. I giovani avrebbero cosi la possibilita' di entrare nel mondo del lavoro. Logicamente chi assume, visto che e' agevolato fiscalmente, dovra' integrare lo stipendio.

undefined 06.10.18 15:43| 
 |
Rispondi al commento

Nessuno ne parla o quanto meno mi è sfuggito,ma per il fatto che uno non sarà più in condizioni disperate, gli sciacalli del lavoro festivo e notturno per un boccon di pane, avranno grande difficoltà a trovar schiavi e, volenti o nolenti saranno costretti a migliorare le loro offerte di lavoro. Lo stesso con la legge "sicurezza" gli schiavisti l'avranno dura. Le porcherie dei governi pd sono in parte vanificate, credo ben che siano così lividi e rabbiosi, ma vedono poverini solo l'odio in noi, no signori non odio e neppure compassione, solo schifo.

Luigi Cosivi 06.10.18 15:26| 
 |
Rispondi al commento

fanpage è giornalismo....

Fabio Bagnoli 06.10.18 14:43| 
 |
Rispondi al commento

Io direi che, anzichè attendere il miracolo su uffici che sono stati abituati da sempre a fare i passacarte a vuoto (i centri p l i ex uffici di collocamento), Visto che gli elettori non hanno pazienza ne costanza di attenzione e inoltre il meglio è sempre nemico del bene, sia pure per realizzare subito, mi servirei di agenzie private tipo MANPOWER che esistono da tanto tempo e che in Italia erano fuorilegge (il divieto assoluto di intermediazione del lavoro) e sicuramente sanno già cosa fare per offrire il lavoro giusto per ciascuno. Nel frattempo si lavora per tornare alla mano pubblica. Ma non credo si possa dire che la ricerca di un posto di lavoro fosse (quando lo era per legge) ne sia ora un monopolio naturale da statalizzare completamente!!

marco 06.10.18 14:29| 
 |
Rispondi al commento

Intanto vorrei dire che non mi piace la modalità degli annunci poi corretti o smentiti dai provvedimenti compiuti. Preferirei conferenze stampa solo DOPO i testi definitivi, evitando smentite e correzioni in corso d'opera. Pessimo modo di comunicare!
Secondariamente vorrei suggerire, per i centri d'impiego, la creazione di una banca dati centrale (nazionale) nella quale inserire domande e offerte di lavoro cui riferirsi da parte dei fruitori del RdC. Tale banca dati nazionale, tuttavia, dovrebbe avere sottostrutture regionali e provinciali di riferimento per essere utilizzate anche dagli Enti Locali (Regioni, Province, Comuni). Per dare un'idea, un po' come avviene per i dati elettorali pubblicati informaticamente (nazionali, regionali/collegi, comunali). Ovviamente tutti i centri d'impiego potrebbero così operare telematicamente. Agganciati a una simile organizzazione potrebbero esservi i corsi di formazione, per cui se in Puglia c'è domanda di saldatori specializzati, ad esempio, lì si potrebbe organizzare un corso di formazione specifico per i fruitori del RdC interessati all'offerta del posto di lavoro. E così di seguito. Il tutto mi pare potrebbe servire a razionalizzare l'intera organizzazione e consentire anche di controllare se i fruitori del RdC si attivano da sé per la ricerca del lavoro.
Per la flat tax, mi starebbe anche bene, ma andrebbero elevate le pene detentive (senza condizionale) per evasioni oltre una certa soglia (100.000?), lasciando pene meno rigide o solo sanzioni amministrative per importi inferiori o semplici errori documentabili e credibili.
Per snellire i processi (penali e civili) occorre modificare il sistema delle notifiche cartacee. Per i processi penali inoltre, salvo gli incidenti probatori, tutto il dibattimento non dovrebbe subire interruzioni e rinvii: documentazione, testi e quant'altro si dovrebbero assumere durante il dibattimento che durerebbe i giorni necessari ad esaurirlo fino a sentenza.

Giuseppe D. Commentatore certificato 06.10.18 14:10| 
 |
Rispondi al commento

Caro Luigi,
secondo quanto si sente e si legge c'è ancora poca chiarezza sul Reddito di Cittadinanza e Pensione di Cittadinanza , credo che bisognerebbe indicare che i beneficiari di questi due interventi "salvagente" (in parte agganciati al REI e alle pensioni INPS minime) sono tutti coloro che si trovano nella condizione di aver perso il LAVORO e che tramite i CPI, supportati dallo Stato, vengono reinseriti nel circuito lavorativo con le possibili riqualificazioni professionali. (8000 CPI per i 7850 Comuni) . Bene la modifica della durata del provvedimento portata a 18 mesi anche se , a mio parere, l'importo mensile del Reddito, indipendentemente dal nucleo familiare e per evitare convenienti autolicenziamenti, non deve superare la paga salariale minima attualmente vigente in Italia. Le spese immorali potrebbero essere : il gioco d'azzardo,tabacco e venere. Bene la Pensione di Cittadinanza (integrazione sino a €780) in attesa di reintrodurre il calcolo pensionistico MISTO (RETRIBUTIVO+CONTRIBUTIVO) che consentirebbe una pensione più dignitosa e nel contempo una graduale diminuzione del ricorso alla pensione di Cittadinanza che rimarrebbe a coloro che per gravi handicap non possono svolgere un'attività lavorativa.

luciano m., sassari Commentatore certificato 06.10.18 13:51| 
 |
Rispondi al commento

State molto attenti a scrivere bene le regole sul reddito di cittadinanza, poichè se dovesse essere fatto alla carlona sarebbe la fine dei 5 Stelle e con l'unica alternativa possibile che sarebbe Salvini, il quale con la sua politica attuale pia ce a moltissimi di noi.
Tre devono essere i punti cardini, l'iscrizione ai centri per l'impiego, lo stato di disoccupazione o inoccupazione, al quale si potrà applicare un minimo di anni d'iscrizione ed il reddito personale, non quello familiare,( ISEE), con la penalità che una famiglia di 4 persone, con i coniugi che lavorano entrambi ed hanno due figli disoccupati e con reddito di 40.000 euro,i figli non hanno diritto al reddito di cittadinanza. questa e' la vera equità sociale.

Vincenzo Sando (kammamuri), Lamezia Terme Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 06.10.18 13:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutto dovra' passare per i centri per l'impiego e chiudere definitivamente le agenzie interinali, le quali sappiamo benissimo a chi sono servite e perchè sono servite. Spero che questa sia l'intenzione del ministro Di Maio.

Vincenzo Sando (kammamuri), Lamezia Terme Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 06.10.18 13:19| 
 |
Rispondi al commento

Ma non abbiamo gia' centinaia di centri interinali che smistano richieste di lavoro , e che non riescono ad abbassare significativamente la % dei disoccupati ? Allora forse e' propio il lavoro che manca, perche' sono pochi i prodotti vincenti e competitivi che fabbrichiamo, pochi i lavoratori impiegabili con adeguata preparazione.
Gli investimenti maggiori dovrebbero andare alla scuola e alla ricerca, poi riduzione significativa del costo del lavoro, e nel contempo pugno duro contro gli evasori seriali.
Ma sappiamo tutti che il 54,2 % di questi ultimi sono propio le partite IVA , a cui si vuole dare prioritariamente la flat tax al 15% ( Lettera 43 del 26 Giugno 2018 ) ??
Se poi ostinatamente si vogliono creare o rimodulare i centri dell'impiego, cosa faranno costoro ? Magari pagare dei consulenti che ti tengono in aula e ti trasmettono slides ? E chi decide cosa insegnare e con quali ausili didattici ? Allora meglio affidare l'operazione reinpiego ai comuni ,che possono sul loro territorio smistare i disoccupati nelle varie realta' produttive con il compito di addestramento , e ripagando questo impegno con misure fiscali e ulteriori bonus se avviene l'assunzione a tempo indeterminato.

Francesco De Rita 06.10.18 12:42| 
 |
Rispondi al commento

Per rendere operativi i centri per l'impiego, basta fare una legge che obblighi tutte le aziende ad assumere, dai centri stessi.
Niente piu' assunzioni a chiamata!!
Tutto deve passare per i centri.

flavio pavanello 06.10.18 12:09| 
 |
Rispondi al commento

SUL REDDITO DI CITTADINANZA SI STANNO DICENDO UN SACCO DI CAZZATE, COME QUELLE DELLE SPESE MORALI ED IMMORALI…...INTANTO COME SI FA A STABILIRE COSA E' MORALE E COSA NON L'HO E'…. MA POI LO SCOPO NON ERA QUELLO DI AUTARE I GIOVANI E I MENO GIOVANI AD INSERIRLI NEL MONDO DEL LAVORO E NEL FRATTEMPO CHE CIO AVVENGA SI DAVA UN REDDITO PER NON FARLI MORIRE DI FAME???? E ALLORA CHE C'ENTRANO LE SPESE IMMORALI, SE OGGI MI VA UN PANINO, PER RISPARMIARE SULL'ACQUISTO DI UN ALTRO BENE, SONO PROBLEMI MIEI OPPURE NO, INOLTRE LO SCOPO è ANCHE QUELLO DI METTERE IN CIRCOLO I SOLDI RICEVUTI E QUINDI O VANNO AL SALUNIERE O VANNO AD UN ALTRO CHE PROBLEMA E'====???????

ENZO GRILLO, san tammaro Commentatore certificato 06.10.18 11:26| 
 |
Rispondi al commento

AVREI DELLE RIFLESSIONI DA FARE SUL RDC, E' PUR VERO CHE NON SI SA ANCORA NIENTE DI CONCRETO, MA IL FATTO DI DESTINARE 8 ORE A SETTIMANA PER IL PROPRIO COMUNE DI RESIDENZA, LA TROVO UNA SOLUZIONE DEBOLE E INSUFFICIENTE…… IO CREDO CHE INVECE SIA OPPORTUNO DESTINARNE ALMENO 4 ORE AL GIORNO, AD ESEMPIO DALLE 8 ALLE 12, E IN POMERIGGIO SEGUIRE UN PAIO D'ORE DI CORSI DI FORMAZIONE, .. ALMENO SI E' DISPONIBILI PER LAVORI SOCIALMENTE UTILI ALLA COMUNITA'.

ENZO GRILLO, san tammaro Commentatore certificato 06.10.18 11:16| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei solo dire due parole in merito al RDC che dalle voci che trapelano lasciano intendere che non sia per niente il RDC tanto sbandierato negli anni passati e nell'ultima campagna elettorale grazie alla quale il M5S ha preso così tanti voti.
Del RDC attualmente si dice: che avrà una durata di 18 mesi, che chi è proprietario di casa(1°casa anche se di una camera) gli venga dimezzato, che non si potrà prelevare nulla in contanti dalla disponibilità, che ci saranno beni ben precisi che si potranno acquistare ecc ecc ecc);
mi chiedo quindi come si pensa di mettere in circolo dei soldi se ci saranno delle limitazioni?
Faccio degli esempi: Se un Cittadino che beneficerebbe del RDC proprio perchè in ristrettezze economiche ma proprietario di una casa anche se di una topaia, che negli anni prima della crisi lavorando è riuscito a comprarla pagandola con sacrifici, oggi si vedesse accreditato un importo di 300/400 euro(quando va bene) se gli si proponesse un lavoro, così come previsto dal RDC e che pur volendolo accettare non potrebbe perchè avrebbe bisogno di un mezzo di trasporto(considerando che i mezzi pubblici non è che siano sempre disponibili) come anche di un semplice motorino, per non dire di una macchinetta, ma non può acquistare perchè non rientra nei beni acquistabili, come fa?; e ancora non puoi comprarti un portatilino per poter accedere in internet alle offerte di lavoro online; e come questi esempi ce ne sono molti altri..
Allora mi chiedo che senso ha tutto ciò? Inoltre dove sono finite le tabelle di RDC per i nuclei familiari (sulla base delle quali si stabilisce l'importo spettante di RDC)?
Forse non era meglio che rimaneva la REI (visto che almeno con quella si poteva prelevare fino a €.240,00 per i piccoli acquisti come 1€ di pane e varie piccolezze) paghi poi con la card due panini? E la privacy dov'è? Da sostenitore del M5S mi auguro che tutto ciò sia solo ipotesi e non certezza. Se dovesse essere poi così allora penso che rivedrò il mio voto.

Alberto C., Aci Sant'Antonio Commentatore certificato 06.10.18 11:16| 
 |
Rispondi al commento

Sul decreto "sicurezza e immigrazione", vedo un po' di fibrillazione tra i parlamentari 5S, attenzione a rilasciare certe dichiarazioni perché a causa loro il movimento ritorna a perdere consensi riacquistati con fatica.

mzee.carlo 06.10.18 11:02| 
 |
Rispondi al commento

Anche i sassi hanno capito che il reddito di cittadinanza com'è stato strutturato non è una misura assistenziale i giornali e in TV pero' continuano a dire il contrario nonostante i nostri rappresentanti spiegano fino alla nausea come funzionerà ma mi chiedo questi giornalai e rappresentanti dell'opposizione sono stupidi o hanno paura che la cosa funzioni ? Tanto a loro cosa vuoi che gli freghi dei poveri !

Rosanna Cimenti 06.10.18 11:02| 
 |
Rispondi al commento

La guerra pacifica del popolo italiano è iniziata il 4 marzo, data che diventerà "FESTA NAZIONALE" come 2° RISORGIMENTO del paese!
Il governo di cambiamento "CONTE", M5*-LEGA, sta ridando dignità, onore, giustizia e democrazia ai cittadini onesti che, vergognandosene fino al 4 marzo, ora si sentono ORGOGLIOSI di essere italiani!
I vermi e vigliacchi dei governi mafiosi e massoni PD/DC/FI dei berlusconi, napoletano, monti, letta, renzi, gentiloni, d'alema, prodi e tutta la merdaccia della vecchia politica corrotta, sono ormai all'estinzione con i loro partiti e il loro sistema tutto a vantaggio delle caste, banche, amici e famiglie a delinquere, ecc.., ma contro i cittadini onesti (operai, famiglie, pensionati, ammalati, scuole, disoccupati, esodati, ecc..ecc..)
E' iniziata una nuova "ERA" per il BENE del POPOLO contro le caste politiche PD/DC/FI, serve dei POTERI OCCULTI del "NUOVO ORDINE MONDIALE!
Il futuro è dei GIOVANI e sono loro che, più di tutti, hanno deciso la loro sorte il 4 marzo, dando il voto ai "POPULISTI" M5*-Lega che stanno ONORANDO le speranze e la fiducia in loro riposta col concretizzare il contratto di governo che ha la priorità di FAR RINASCERE il paese e gli italiani!
Il RDC è uno dei pilastri per la formazione ed il reinserimento dei giovani nel mondo del lavoro!
Lo ha riconosciuto anche quel babbione di PADOAN che ha dichiarato di NON essere stati, LORO VERMI, ABBASTANZA CORAGGIOSI per farlo!
Ecco ministro Di Maio, con il PDC CONTE, con Salvini e tutti del governo di cambiamento, avete formato una "SQUADRA FORMIDABILE" che, avendo oggi sicuramente il 70% di consenso degli Italiani, farete quello che vi è stato chiesto:
"SALVARE L'ITALIA E GLI ITALIANI ONESTI"!
GRAZIE e AD MAIORA!

giuseppe r. Commentatore certificato 06.10.18 10:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Luigi vorrei che qualcuno ricordasse nei dibattiti televisivi che il primo articolo della nostra Costituzione riguardante il diritto al lavoro esiste da circa 70 anni anche per noi che abitiamo al Sud . Nessuno di questi Professori che oggi criticano il Reddito di Cittadinanza lo ha mai rispettato ne ha cercato di risolvere il problema. Mio padre per lavorare si e'recato all'estero ed e'deceduto in Corsica senza alcun diritto. CONTINUATE COSI'.

Rocco Assunto Antonio Aquilano 06.10.18 08:54| 
 |
Rispondi al commento

Occorre fare una chiamata all'impegno dei cittadini, che non sono i residenti e basta ma hanno un compito in democrazia che va oltre il voto. I cittadini non devono mollare e farsi intortare ma continuare ad agire! Dopo il reddito di cittadinanza occorre attaccare con la riforma della Pubblica Amministrazione per renderla efficiente e togliere le rendite di polsizione a tutti i livelli. Non basta colpire i furbi del cartellino! Bisogna alzare il tiro ai livelli più alti con una riforma complessiva della PA

Dino Barrera 06.10.18 02:34| 
 |
Rispondi al commento

Assolutamente comprensibili le condoglianze di Giuseppe. Ma che ci vuole a copiare alla perfezione la tecnica applicativa di una politica sociale estera di un paese in cui ha funzionato? E gli esempi in Europa non mancano. Abbiamo bisogno di consulenti per copiare?! L'Isee cosi' come e' stato ingegniato dai predecessori (burocrati di partito) e' un mero strumento a delinquere nelle mani dello Stato. Si fa finta di non sapere negli alti ranghi politici che l'Inps dall'inizio di quest'anno ha pagato si' e no 300 milioni di Rei e questo grazie all'ingegno dei 4 criteri congiunti Isee (ingegniati appunto da menti malate). Attenti a non rimanerne contagiati cadendo nella stessa assurdita' perche' qualcuno e qualcuna mi pare sulla buona strada. Chi sarebbero questi ragazzi italiani che dovrebbero tornare da Berlino, Londra, New York? Ma quando mai!? Non sono mica fessi..
Per quanto riguarda la formazione aziendale, sono d'accordo con alcuni commenti precedenti: basta con tutti questi soldi a fiume e da tutte le direzioni per le aziende piccole, medie e grandi, fateglieli spendere questi soldi che li hanno e ne hanno anche tanti che voi non potete vedere! Lasciate che spendano questi soldi NON in nuovi macchinari (abbiamo i macchinari piu' moderni d'Europa, le aziende italiane li hanno sempre comprati i macchinari e le tecnologie piu' moderne del mondo, malgrado questo la produttivita' ha sempre arrancato). Le piccole e medie imprese prima o poi finiranno nella pancia di qualche grossa societa' competitiva che con buona probabilita' non sara' Italiana

Sara Paravizzini 06.10.18 00:03| 
 |
Rispondi al commento

A mio giudizio il reddito di cittadinanza deve essere erogato al soggetto da formare direttamente dallo stato. Il formatore però deve essere o uno studio professionale o un artigiano oppure una azienda che direttamente formano per 24 ore settimanali il soggetto. In questoi alla scadenza il soggetto è formato e probabilmente assunto dal formatore. Ad esempio in Sicilia è stato emanato un bando che consente agli studi professionali di impiegare in tirocini formativi giovani laureati con spesa a carico della Regione erogata direttamente al tirocinante. Cosi non si dovrà aspettare la chiamata del centro per l'impiego e viene raggiunto l'obiettivo.

Gaetano saitta 05.10.18 23:15| 
 |
Rispondi al commento

Fatemi capire, dopo anni di propaganda certificata da tabelle e numeri e promesse, scopro che: Se hai lavorato nel 2017 anche discontinuo, ma sei disoccupato e senza reddito da tutto il 2018, non hai diritto al RdC.
Complimenti, ma potevate dirlo prima, avrei evitato di andare alle urne. Condoglianze per le prossime votazioni.

Giuseppe Cucurnia 05.10.18 21:54| 
 |
Rispondi al commento

Pienamente d'accordo con il suggerimento di Giambattista che condivido. Perché utilizzare inutili e costosi intermediari quando si può formare il personale direttamente in Azienda magari sgravando le stesse in caso di assunzione? Si risparmierebbero un bel po' di soldi! I centri per l'impiego, le agenzie interinali e gli Enti formativi direi di ridimensionarli con una bella sforbiciata. Troppi servizi quando manca la domanda! Spending Review 5 STELLE, Coraggio!!!!

Carol 05.10.18 21:22| 
 |
Rispondi al commento

"So che non c'entra con l'articolo, ma sento l'urgenza di dirlo...
Attenzione, stanno buttando l'attenzione della opinione pubblica
sull'aborto, per creare divisione all'interno della maggioranza e impedire
i diritti sociali per i quali ci battiamo... attenzione: non cadiamo nella
trappola"

Giuseppe Sardo 05.10.18 20:34| 
 |
Rispondi al commento

So che non c'entra con l'articolo, ma sento l'urgenza di dirlo... Attenzione, stanno buttando l'attenzione della opinione pubblica sull'aborto, per creare divisione all'interno della maggioranza e impedire i diritti sociali per i quali ci battiamo... attenzione: non cadiamo nella trappola

Giuseppe Sardo 05.10.18 20:29| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo in tutto, avanti tutta.

patrizia v., cagliari Commentatore certificato 05.10.18 17:52| 
 |
Rispondi al commento

Nel RdC tenere presente anche di chi ha l ' unica casa pignorata o soggetta ad esecuzione forzata. Con l' occasione è giunto il momento di evitare la vergognosa azione esecutiva immobiliare sulle prime case evitando la gogna delle aste agli italiani.

Lorenzo Ricci 05.10.18 17:40| 
 |
Rispondi al commento

Infatti si sta facendo un caos sul rdc.solo per far stare buona la parte avversa? Gli squali?che non hanno fatto mai niente per i cittadini e hanno preso un sacco di soldi vitalizi etc.i poveri esistono vanno aiutati e rispettati senza se e senza ma!!!

Sandy***** S., Sandonaci Commentatore certificato 05.10.18 17:31| 
 |
Rispondi al commento

Sì ma mi domando come possibile che qui nel Sud barese Vi è una gara spietata per far inserire gente in corsi pagati per apprendere lavori. Associazione Sofocle.. Sono iniziative per farsi riconoscere come politici che l'argomento non è del movimento ma bensì loro.. Oppure mentre voi continuate a tergiversare in parole questo reddito di cittadinanza.Questi vecchi Volponi politici di destra e sinistra portano avanti il tutto. Mm... Riesco a capire che non riusciva neanche a rispondermi ma io cerco il modo di tenere informati che pagano €6 Allora solo per fare questi concorsi

Angelo lillo 05.10.18 17:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nello stabilire i requisiti di accesso al rdc, non trascurate chi ha una casa ma anche un mutuo sulla stessa che senza un'entrata non può pagare.

Organizzate concorsi per lavorare nei centri per l'impiego a cui possano accedere i cinquantenni che non hanno la laurea ma tanta tanta esperienza sul campo.

Grazie.

Anna Rita Casali 05.10.18 16:50| 
 |
Rispondi al commento

Non dovete cedere! Troppi correttivi e troppi diversivi dell'ultima ora finiscono per disorientare e scoraggiare il nostro elettorato! Fanno di tutto per portarvi nel caos con dichiarazioni contraddittorie e confusionarie
ATTENZIONE NON DOVETE CEDERE SU NULLA GIÀ ALCUNE MODIFICHE AL REDDITO DI CITTADINANZA RISULTANO TANTO ASSURDE QUANTO INQUIETANTI

Mario Bulgarelli 05.10.18 16:47| 
 |
Rispondi al commento

Penso che si debba "localmente" dare alle imprese denaro per poter inserire e formare direttamente il lavoratore e dopo 6 mesi di questo percorso assunzione a tempo indeterminato. Max 1/2 mesi per capire se è il lavoratore giusto e poi assunzione stabile. Altrimenti diventerebbe un ennesimo modo per rubare i soldi allo stato e cambiare persona ogni 6 mesi.

Giambattista Stigliano 05.10.18 16:45| 
 |
Rispondi al commento

Luigi per la FORMAZIONE è importante trovare e coinvolgere NUOVI "ATTORI" professionisti. Non cadere nella trappola Delle agenzie interinali e negli Enti di formazione regionali!!!! Stravolgere il sistema formativo, creandolo da ZERO. Sino ad oggi i soggetti sopra citati hanno solo incassato denaro e nulla hanno prodotto concretamente che possa definirsi "Formazione". Non finanziare i soliti sistemi improduttivi e truffaldini. Nuova linfa per una seria ed efficace Formazione accessibile a tutti

Carol 05.10.18 16:25| 
 |
Rispondi al commento

Grande di maio!!!avanti tutta!!!wm5s!!!!

Sandy***** S., Sandonaci Commentatore certificato 05.10.18 16:00| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori