Il Blog delle Stelle
Lettera aperta al direttore di Repubblica

Lettera aperta al direttore di Repubblica

Author di MoVimento 5 Stelle
ore 15:45
Dona
  • 94

di Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio

Gentile Direttore,

lo scorso week-end, sabato 6 ottobre e domenica 7 ottobre, il Suo quotidiano, che sin dal giorno in cui ho ricevuto l’incarico di avviare questa nuova esperienza di governo mi ha riservato astiosi attacchi, sciorinando falsità e diffamazioni del più variopinto tenore, mi ha dedicato due articoli che mirano a persuadere il lettore circa la presunta illegittimità del concorso con cui sarei diventato professore “ordinario”.

I titoli, riportati anche in prima pagina sono di per sé eloquenti: sarei diventato professore ordinario perché “promosso dal mio maestro e socio [di studio]”, e perché “lavoravo … e avevo rapporti di affari con chi dopo pochi mesi fu mio commissario”.

Già in passato ho chiarito che non intendo rispondere alle diffamazioni del Suo giornale promuovendo azioni penali o anche solo civili di risarcimento dei danni fin quando rivestirò l’incarico di Presidente del Consiglio. Considerato questo alto ufficio, infatti, non ritengo opportuno avvalermi degli strumenti di tutela giudiziaria che pure sono posti a disposizione di tutti i cittadini. Sono cresciuto e mi sono formato nel culto del principio della libertà di stampa e anche adesso che ho la possibilità di constatare, sul piano personale, come di esso si possa fare un uso così insistentemente malaccorto, rimango fermo in questa mia convinzione.

All’inizio della mia esperienza di governo sono rimasto sorpreso di scoprire che quando questo giornale mi attaccò sulla mia esperienza di studio alla New York University non si premurò - eppure sarebbe bastato leggere le precisazioni riportate da altri giornali italiani - di pubblicare le complete e inequivoche dichiarazioni della portavoce della medesima Università, che attestavano i miei soggiorni di studio estivi dal 2008 al 2014 (addirittura due anni in più di quanto riportato nel mio curriculum).

Come pure sono rimasto sorpreso, in occasione degli attacchi ricevuti per la mia partecipazione al concorso dell’Università La Sapienza, di leggere sul suo giornale che il concorso sarebbe stato “confezionato a mia misura” senza che nessun elemento fosse fornito a supporto di questa gravissima affermazione. Per tutta risposta il Suo giornale mi ha perfino accusato di essermi ritirato dal concorso tramite una dichiarazione video-registrata diffusa via internet, priva di valore giuridico, fingendo di ignorare o non preoccupandosi di verificare – cosa è più grave? - che lo stesso giorno avevo inviato una comunicazione formale certificata (pec) alla segreteria amministrativa del concorso.

Anche gli articoli pubblicati lo scorso week-end circa la presunta illegittimità del mio concorso da ordinario sono privi di qualsiasi consistenza, e si affidano a consumati espedienti retorici al fine di suggestionare il lettore. Avrei lasciato perdere anche in questo caso, solo che pur di attaccare me, per fatti che risalgono al 2002, finite per scagliarvi contro il professor Alpa, una delle nostre riconosciute eccellenze in campo giuridico, giurista unanimemente apprezzato in Italia e all’estero. E questo non è giusto perché Alpa è fuori dalla contesa politica e in ogni caso non merita attacchi così palesemente strumentali e diffamatorii!

Chiarisco allora che il prof. Alpa non è, propriamente, il mio “maestro”. Sul piano accademico il mio maestro è il prof. Giovanni Battista Ferri, con il quale mi sono laureato alla Sapienza e sotto la cui guida ho iniziato a svolgere attività di ricerca scientifica e di assistente universitario. Il prof. Alpa l’ho conosciuto diversi anni dopo, quando ormai ero ricercatore all’Università di Firenze, derivandone sicuramente grande giovamento per l’affinamento della mia formazione di studioso.

A differenza di quanto riportato, io e il prof. Alpa non abbiamo mai avuto uno studio professionale associato né mai abbiamo costituito un’associazione tra professionisti. Sarebbe bastato ai suoi giornalisti chiedere in giro, senza profondersi in sofisticate investigazioni, per scoprire che Alpa, all’epoca dei fatti, aveva sì uno studio associato, ma a Genova, con altri professionisti. Mentre a Roma siamo stati “coinquilini” utilizzando una segreteria comune, che serviva anche altri studi professionali, tutti collocati nello stesso stabile, come spesso avviene nel mondo professionale, dove è frequente che diversi professionisti si ritrovino a condividere un medesimo indirizzo professionale, anche solo per economia organizzativa, mantenendo tuttavia distinte le rispettive attività professionali. Peraltro, a conferma della distinzione delle attività professionali vi è il fatto che io ho stipulato un contratto di locazione per l’appartamento sito al piano superiore e Alpa per l’appartamento sito al piano inferiore, entrambi a Roma, in piazza Benedetto Cairoli 6.

Nell’articolo di domenica si torna a rimestare sull’argomento tirando fuori un fatto “nuovo”: io e Alpa saremmo stati incaricati dal Garante Privacy, nel 2001, di difenderlo in un giudizio contro la Rai, quindi prima del concorso. Verissimo. Risulta per caso all’eminente articolista e al Suo giornale che nel caso due professionisti vengano incaricati da un cliente (peraltro istituzionale: Garante Privacy) di far parte del medesimo collegio difensivo si produca una qualche forma di conflitto di interessi tra loro in vista di futuri concorsi? Quale sarebbe la ragione di questa incompatibilità visto che sia io che Alpa abbiamo svolto la nostra attività quali professionisti autonomi e fatturato al nostro cliente ciascuno per proprio conto? Nell’articolo si richiama un parere dell’Anac reso in occasione di un recente concorso universitario che, però, non ha nulla a che vedere con le circostanze di cui sopra.

L’ulteriore elemento di conflitto di interessi, per il Suo giornale, sarebbe che alcune mie pubblicazioni presentate per il concorso sarebbero state ospitate in volumi curati dallo stesso Alpa e che avrei realizzato, prima del concorso e sotto la direzione di Alpa, un progetto pilota sull’insegnamento del diritto privato nelle scuole superiori. La tesi non è ardita. E’ talmente risibile che denuncia chiara malafede. Quindi d’ora in poi tutti i giovani studiosi dovrebbero evitare di pubblicare articoli in riviste o in volumi diretti o curati da autorevoli accademici; diversamente si produrrebbe una incompatibilità e dovrebbero ritirarsi dai concorsi in cui sono stati nominati commissari gli autorevoli curatori o direttori di riviste che hanno ospitato i loro scritti…

Una considerazione finale. Stiamo ragionando di un concorso svoltosi nel 2002. Di un concorso pubblico che si è concluso con l’unanime deliberazione favorevole di tutti i commissari. Nonostante la costante attenzione, anche mediatica, che accompagna da tempo lo svolgimento dei concorsi e nonostante anche la notorietà (non certo del candidato quanto) del commissario, nessuno ha mai denunciato alcunché né ha mai sollevato censure. Immagino, tuttavia, che la ragione per cui state svolgendo queste “inchieste” sia l’amore della verità e lo spirito di “servizio pubblico”, senza alcuna volontà di rimestare fatti noti, distorcendoli per mere ragioni “politiche”…

Torno alla considerazione iniziale. La libertà di stampa è un bene di primaria importanza sul piano assiologico, perché costituisce il fondamento di qualsivoglia sistema democratico.

Ma è legittimo suscitare alcuni interrogativi e promuovere una seria riflessione pubblica senza per questo essere accusati di ledere i princìpi democratici?

Si può sollecitare una discussione invitando Lei e i Suoi giornalisti a valutare se Voi stessi siate davvero consapevoli di quanto preziosa sia la libertà di espressione e di quali implicazioni l’amministrazione di questo “bene pubblico” comporti sul piano delle responsabilità ? Siamo sicuri che le difficoltà con cui attualmente si sta confrontando un po’ tutta la carta stampata siano da ricondurre ai nuovi strumenti info-telematici e non anche, quantomeno in parte, alla rinuncia a coltivare più rigorosamente il proprio mestiere, fidando nell’approfondimento critico delle notizie e nella verifica rigorosa delle fonti?

Vi è piena consapevolezza che anche un giornale è un’intrapresa culturale che deve rispondere ai propri stakeholders e deve “stare” sul mercato? Vi è piena consapevolezza che il rapporto di fiducia con i propri lettori, la credibilità di quello che viene scritto sono i “beni intangibili” che un’azienda giornalistica dovrebbe gelosamente preservare nel proprio esclusivo interesse, anche economico?

Nei mesi scorsi molti dei Suoi giornalisti mi hanno sollecitato a concedere interviste e a riferire notizie di “prima mano”.

Quanto alle notizie, mi darà atto che, nel corso delle varie conferenze stampa, ho sempre risposto in modo puntuale e cortese anche ai Suoi giornalisti. Ci mancherebbe altro. Quanto all’intervista confermo il diniego. Il Suo giornale sta esibendo nei miei personali confronti un’ostilità talmente preconcetta e denigratoria che non intendo rilasciarle interviste.

Considerato però il mio incarico e considerato altresì che Lei è il direttore di una testata giornalistica Le ho rivolto, ormai qualche tempo fa, un invito a venire a Palazzo Chigi. L’ho invitata per avere un confronto sul momento attuale che sta vivendo la carta stampata, sullo stato dell’informazione e su altre rilevanti questioni per il nostro sistema democratico. Ero e resto disponibile a riceverLa, come pure ho fatto con altri direttori di altrettante testate giornalistiche.

L’unica condizione che ho posto è che si possa video-registrare il nostro incontro in modo che avvenga in piena trasparenza e che di esso sia reso partecipe il più ampio pubblico. Lei ha sin qui declinato il mio invito. Che sia la volta buona?



bannerdoni5s2018.jpg

8 Ott 2018, 15:45 | Scrivi | Commenti (94) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 94


Tags: calabresi, conte, repubblica

Commenti

 

Presidente, una lezione di questo livello la Repubblica credo non l'abbia mai incassata.
Complimenti ed auguri, li meritate apiene mani.

Gian Paolo Barsi, Serravalle Pistoiese Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 11.10.18 23:15| 
 |
Rispondi al commento

SIGNOR PRESIDENTE LEI HA LA STOFFA DEL CITTADINO ONESTO E COME TUTTI I CITTADINI ONESTI VIENE ATTACCATO DA UN PUGNO DI DISONESTI. CORAGGIO NON MOLLIAMO HO SI VINCE O SI MUORE

francesca Marcellino, roma Commentatore certificato 11.10.18 10:02| 
 |
Rispondi al commento

presidente la repubblica e* un covo di compagnucci a sonagli senza denti se tu presidente avessi infamato loro, gia* stavi in tribunale.
sei un grande
stefano
un cittadino

stefano viola 10.10.18 18:02| 
 |
Rispondi al commento

Credo che in passato una lettera così mai nessuno si sarebbe sognato di scrivere.
Diffondetela al massimo.
Bravo Presidente.

virgilio Rocchi 10.10.18 13:12| 
 |
Rispondi al commento

peter1943@alice.it
**Seminatori di odio**
*Giuseppe Conte,Presidente del Consiglio dei Ministri nel Governo del Cambiamento, è una persona educatamente squisita, forse troppo nei confronti di taluni personaggi. Noi Cinquestelle ben sappiamo come,perchè e cosa scrive La Repubblica. Ritengo pertanto che Conte abbia sprecato il suo tempo e la sua pazienza nel dialogare con Calabresi, che scrive articoli contro contro quelli che ritiene essere suoi nemici e lo fa come se attaccasse all'arma bianca.Noi Cinquestelle ci siamo imposti di condurre una lotta politica con i fatti veri e verificati. L'odio che ci scagliano addosso siffatti personaggi non ci tocca, noi rimaniamo dalla parte della verità e della moderazione, dalla parte del Popolo.Verrà il tempo e tempo dirà chi dovrà vergognarsi. Sempre viva l'Italia!
Cincinnatus da Genova

Pietro Marini, GENOVA Commentatore certificato 10.10.18 12:19| 
 |
Rispondi al commento

Mi viene in mente il gruppo di "Burloni-arrabbiati" che avevano tirato giù la Bandiera Italiana e scoppiò il finimondo-Istituzionale con provvedimenti molto più forti che ai terroristi con bombe alla mano! Adesso siamo agli "Insulti-Legalizzati". Domanda al Pres. del Cons. Conte: "Se alcuni cittadini (10 milioni circa) si sentissero offesi e diffamati dalle parole di certi Depliant-pubblicitari travestiti da Giornali si potrebbe fare come i 3 Moschettieri e sfidare a "singolar tenzone" dietro il convento delle Carmelitane il ceffo che ci ha disonorato? (Visto che le LEGGE non lo fa!!!!)

Dall'Olio Ermes 10.10.18 10:45| 
 |
Rispondi al commento

Grande stima ed affetto per unapersona onesta e di cultura. Finalmente!

Tiziana 09.10.18 22:30| 
 |
Rispondi al commento

Caro Presidente,
chi le scrive è un semplice cittadino, ormai pienamente consapevole del marcio che muove tali testate e teste di .... guidate da prezzolati e lecchini!
Pertanto mi permetto, in quanto urtato da come questi vili possano solo intraprendere una conversazione con una persona così perbene e trasparente , di mostrarle il mio pieno assenzo al suo operato ed a quello dell’intera squadra di governo.
Forza Italia

Fernando Carbonelli 09.10.18 20:09| 
 |
Rispondi al commento

Filosofia significa amor di sapienza, di verità. Così, negli anni 70, mi laureai in filosofia, ma essendo sempre alla ricerca della verità, qualche anno più tardi mi specializzai in "Giornalismo e Radiofonia" ad indirizzo giuridico nel prestigioso Istituto Superiore di Giornalismo dell'Università degli Studi di Palermo. Questo Istituto di Giornalismo, forse il primo in Italia, fondato come Ente Morale nel 1953 e voluto sia dall'Università degli Studi di Palermo che dalla Regione Sicilia, ha avuto tra i suoi docenti pesonaggi di spicco e illustri giornalisti quali Mario Francese ucciso dalla mafia. Purtroppo, a distruggerlo ci hanno pensato i politici dopo averlo spolpato. Dopo la laurea, nello stesso Istituto, divenni prima assistente e poi ordinario. Ho speso intere giornate ad insegnare ai ragazzi, futuri giornalisti, ad amare e diffondere la verità e soprattuto a non vendersi a nessuno. Oggi leggo certi giornali, mi schifo per la loro sporca faziosità e mi chiedo: " Come mai non si vergognano a prostituirsi ai lobbysti loro padroni?". Evidentemente avevo un'altra idea di verità e di onestà intellettuale. (P.S. Non mi sono mai iscritto all'Ordine dei Giornalisti perchè lo ritengo inutile).

Paolo Barone, Palermo Commentatore certificato 09.10.18 19:12| 
 |
Rispondi al commento

bisogna togliere le sovvenzioni a tutti i giornali.Essi devono camminare con le loro gambe.

giuseppe alifuoco, cesena Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 09.10.18 19:00| 
 |
Rispondi al commento

Le scrivo per esprimerLe la mia solidarietà in relazione a questi inqualificabili comportamenti chiaramente strumentali ad ottenere altre cose di cui avrebbero a vergognarsi. Contestualmente incoraggio i giornalisti con la schiena dritta di repubblica ad abbandonare questa vergognosa testata.
Coraggio Presidente avanti sempre a testa alta Lei rappresenta sicuramente la maggior parte degli italiani.
Cordiali saluti.
Lanfranco Rizzo

LANFRANCO RIZZO, PADOVA Commentatore certificato 09.10.18 14:58| 
 |
Rispondi al commento

La stampa teme e attacca questo governo, perchè nel programma del M5S finalmente c'è l'abbolizione dell'ordine dei giornalisti.
L'Ordine dei giornalisti fu istituito nel ventennio fascista per controllare la diffusione delle informazioni e da allora non è cambiato tanto.
Le principali testate giornalistiche (e reti televisive) sono profondamente corrotte e di parte e questo è uno dei principali problemi del nostro paese.

Raffaele . Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2017 09.10.18 13:56| 
 |
Rispondi al commento

quelli di repubblica hanno la faccia come il sedere , chissà nella loro testata quante raccomandazioni , nepotismo , asservimento c'è . il premier conte a me sembra una persona seria , molto credibile e competente cosa veramente rara se non mai vista in un presidente del consiglio italiano . cosa ancora più rara e che è una persona leale al popolo italiano.

Fabio Bagnoli 09.10.18 13:35| 
 |
Rispondi al commento

Mi meraviglio che il figlio del commissario Calabresi direttore del giornale La Repubblica possa cadere così in basso pubblicando notizie false su una persona di così specchiata moralità.
Probabilmente quando arrivano gli ordini si devono eseguire.

Silvano Bovi, Scanzorosciate BG Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2017 09.10.18 13:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La Repubblica un "giornaloide" illeggibile.
Mi ricordo cosa ne ha dette su Raggi.

Sergio ., San Vittore Olona Commentatore certificato 09.10.18 11:52| 
 |
Rispondi al commento

Certo stampa libera e democratica, come volete voi,ma a una condizione che non abbiano soldi di contributi di noi cittadini.
Solo cosi si esercita la vera democrazia.
Aspettiamo che il Governo su questo prenda delle posizioni e che nessuno gridi allo scandalo, noi cittadini capiamo molto bene come funzionano certi meccanismi e non vogliamo compromissioni con nessuno. Solo trasparenza nelle cose pubbliche.

Giuseppe Fadda Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 09.10.18 11:41| 
 |
Rispondi al commento

I giornalai servi dei poteri mafiosi e massoni della setta PD/DC/FI di berlusconi, de benedetti, caltagirone (CASINI è suo genero), ecc..infangano ed offendono il GOVERNO "CONTE", per soddisfare e leccare i loro padroni che sentono mancare il terreno sotto i piedi e stanno per sprofondare nelle fogne!
Ecco chi gestisce l'editoria italiana e come si intrecciano tra di loro i mafiosi e massoni delle banche, economia, politica, P.A., ecc..:

http://www.rivistapaginauno.it/Legami-stampa-industria-finanza.php

La realtà che spaventa è che il direttore di repubblica Mario Calabresi, è figlio di Luigi Calabresi!
Funzionario di polizia, accusato dall'opinione pubblica di sinistra di responsabilità nella morte di Giuseppe Pinelli, fu ucciso in un attentato, i cui esecutori e mandanti vennero individuati solo dopo molti anni nelle persone di Ovidio Bompressi, Leonardo Marino, Giorgio Pietrostefani e Adriano Sofri, tutti esponenti di Lotta Continua.
Cioè oggi suo figlio è servo di de benedetti, il viscido sinistroide PDiota/DC (tessera n. 1 del PD) che è uno dei personaggi più indagati e chiacchierati per le porcate della politica ed economia degli ultimi 40 anni insieme al suo amico/nemico berlusconi!
VERGOGNOSI!

giuseppe r. Commentatore certificato 09.10.18 11:06| 
 |
Rispondi al commento

Vergogna giornale pieno di bugie e falsità!!! Fosse x me chiudereste. Fare informazione? La vostra non lo è: è diffamazione e disinformazione!!!!

Lara Lanzoni 09.10.18 11:05| 
 |
Rispondi al commento

Bene Presidente Conte

Lo sappiamo benissimo; tutta l'Italia è perfettamente consapevole che Repubblica è un quotidiano non libero, un organo politico del PD , uno dei tanti giornali che ha deciso di fare la guerra a questo governo .
E lo fa in tutti i modi proprio perché non è un quotidiano libero . È' espressione di interessi altri ; difende l'indifendibile per partito preso ; anzi per interessi altrui e per contratto .
Li vediamo e. Li sentiamo in TV come sproloquiano e sentenziono convinti di orientare l'opinione pubblica .
Poveri loro .
Personalmente non leggo Repubblica da moltissimi anni in quanto ho sempre ritenuto che i direttori che si sono succeduti, tutti, e i giornalisti non sono liberi di fare e di svolgere il loro mestiere . Insomma è un giornale libero e falsamente democratico. Alla fin fine tende solo a disinformare, ingannare l'opinione pubblica, strumentalizzare i lettori , quei pochi che ancora lo leggono. Questa è la triste verità .

Questo è il quotidiano Repubbica . Prendiamone atto tutti quanti . In Italia l' editoria e' in mano ai potentati economici, agli affaristi, alla finanza. I direttori di giornali ne sanno qualcosa, ma devono pur laborare assieme ai bistrattati giornalisti che non sanno più a chi dare retta! Anzi lo sanno bene, al loro padrone !
Gentile Presidente, ha fatto molto bene a rispondere e a "sputtanare" chi dirige il giornale e i suoi giornalisti .
Non è più tollerabile che la stampa faccia disinformazione, denigri e metta in cattiva luce persone e più ancora figure politiche falsando i fatti e le realtà. Usi la malafede per i propri tornaconti; inganni l'opinione pubblica assumendo ruoli santificatori, nel tentativo di difendere vergognosamente interessi privati, non certo quelli dei cittadini .
Buon lavoro Presidente , andiamo avanti così , gli italiani per bene sanno distinguere e fare le loro riflessioni. Il Paese e' consapevole che occorre cambiare politica e scegliere nuove strade col M5stelle. Grazie

Salvatore Cannatà (salvo niketeras), Mentana Commentatore certificato 09.10.18 10:02| 
 |
Rispondi al commento

Questi soggetti putridi, per troppi anni hanno sguazzato e tenuto "per le palle " la feccia dei politici italici.Adesso che non contano più nulla, cercano con ogni mezzo di uscire dalle loro fogne per rivedere la luce del sole.La guerra dichiarata,al M5S da questi esseri striscianti,rappresenta il corollario degli interessi delle lobby(loro padroni)che, guarda caso, si sono coalizzate, pur essendo "cani e porci", con il solo scopo che nulla cambi "PER LORO",verso il loro vero, unico e perenne nemico, il M5S.

Canzio R. Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 09.10.18 09:02| 
 |
Rispondi al commento

La diffamazione è stata usata dall'avversario quando non ha altri argomenti perché non fanno una
Inchiesta sui concorsi in sanità dove sono i politici che decididono chi vince e non il merito ( Basilicata e toscana dove c'è un direttore sanitario in attesa di processo )

Emanuele Bonadio 09.10.18 08:54| 
 |
Rispondi al commento

Se il Presidente del Consiglio è costretto a scrivere questa lettera aperta, per rispondere ai ripetuti insulti e insolenze, mascherati da informazione, siamo caduti proprio in basso. Un po' di dignità e lavorare tutti uniti per risollevare le sorti del Paese sarebbe la cosa giusta da fare.

undefined 09.10.18 08:12| 
 |
Rispondi al commento

Grande Presidente del Consiglio e gran gentiluomo: un esempio di bella italianita' contro l'imbarbarimento dovuto alla crisi culturale globale creata dal capitalismo dei nuovi barbari.
Forza Conte, ora e sempre, fino alla vittoria!

trisac 09.10.18 03:28| 
 |
Rispondi al commento

Risposta da autentico signore ad un fogliaccio di farabutti e diffamatori, che meglio farebbero a pensare agli intrallazzi bancari speculativi del proprio padrone, i cui SEICENTO MILIONI di debito verso Monte dei Paschi sono stati accollati al contribuente italiano, grazie ai governi PD.

gianfranco d. Commentatore certificato 09.10.18 02:28| 
 |
Rispondi al commento

Se esiste un giornale che non serve ad altro che cercare in tutti i modi di supportare la sinistra Italiana, questo è La Repubblica che è gestita dal potere economico. L'attuale governo potrebbe dimostrare il contrario di quanto sostenuto dal giornale per le gestioni del passato, per cui tutti temono al punto che le reazioni sono FOLLI. Non si era mai registrato un numero di mass media contro qualsiasi governo del passata! Bisogna meditare seriamente perchè tutto questo potrebbe scatenare fatti inconsulti che La Repubblica ascriverebbe alla volontà dell'elettorato Italiano.

Cesare DE PROSPERIS, Terracina Commentatore certificato 09.10.18 01:17| 
 |
Rispondi al commento

Si comprende benissimo che il direttore Calabresi sta difendendo gli interessi del suo vero editore che guadagnava molto di più con le informazioni riservate che gli passava il precedente presidente del Consiglio

pericle seneca () Commentatore certificato 09.10.18 00:34| 
 |
Rispondi al commento

Il direttore pidiota vigliacco del giornale pidiota per eccellenza. Uno schifo totale.

Freeman 08.10.18 23:55| 
 |
Rispondi al commento

Tutta l`informazione direttamente e indirettamente dice che questo governo brucia i soldi degli italiani. però siccome lo spread è il sintomo della malattia e la malattia è il PD e i compari dell`europa e chi ha creato questo meccanismo, il governo se voglimo essere onessi si propone come vaccino di questa malattia se in italia esiste ancora la libertà di govenare.

gennaro a., carrara Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 08.10.18 23:48| 
 |
Rispondi al commento

Dal sito dell'Espresso.
Luigi Di Maio e gli hotel a 5 Stelle: quello che la propaganda M5S non dice.
L'Espresso ha scoperto un altro paradosso del capo politico del M5S.
Dopo il volo in classe economy, Di Maio ha omesso di spiegare ai suoi fan che, atterrato a Pechino, avrebbe smesso i panni del populista pauperista, e si sarebbe diretto in uno degli hotel più lussuosi della città: il Four Season, un cinque stelle extralusso di una delle catena alberghiere più famose del pianeta.
Forse imbarazzati dal lusso sfrenato degli arredi e dei servizi, né Di Maio né il suo fedelissimo Pietro Dettori durante il soggiorno hanno postato video dalla camera extralusso (non sappiamo se hanno dormito in quella più economica, la Deluxe Room che si prenota online per poco più di 200 euro a notte, o se invece siano finiti in quelle più care, come la “Suite Ambassador” da 350 euro a notte), né condiviso foto delle Jacuzzi, della spa da sogno, della piscina con vista spettacolare sui grattacieli pechinesi.
200 o 350 euro a notte! Ma vi rendete conto di quale spreco! Io di solito per una singola in hotel normali non pago meno di 150 euro a notte. Non hanno proprio il senso del ridicolo. Un'inchiesta da premio Pulitzer. E poi si lamentano se li si critica.

maria g. Commentatore certificato 08.10.18 23:13| 
 |
Rispondi al commento

Professor Conte, Presidente......mi perdoni......
ma è sicuro che tutto ciò che lei ha scritto, questi di Repubblica riescano a comprenderlo?????
secondo me, staranno in giro per settimane a farselo tradurre.........sono troppo ignoranti....
mi scusi la franchezza.......

fabio S., roma Commentatore certificato 08.10.18 22:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fantastico. Conte da signore gli ha risposto con molta garbatezza. Conte da bene a rispondere perché questi sono così stupidi da non capire che le risposte che ricevono sono ampolle di veleno per loro e quei pochi miserabili seguaci. Sono degli incapaci in tutto, lo hanno dimostrato in tutti questi anni, basta guardare come hanno ridotto la propria nazione, un letamaio.. ora attaccano coloro che vogliono ripulire la loro merdx. Che schifo di esseri..

Franz M., Here&There Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 08.10.18 22:19| 
 |
Rispondi al commento

Stimatissimo signor Presidente,
Lei ha il compito di rappresentarci e personalmente non accetto che il direttore della Rpupblicachi ci tratti in questo modo.
Penso che fare una domanda è un diritto ma rispondere è una cortesia che il direttore non merita, cordialità Nicola Ciulli.

Nicola Ciulli 08.10.18 22:17| 
 |
Rispondi al commento

se penso che da ventenne compravo l'unità e me ne fregiavo, e se penso che fino a una decina di anni fa Repubblica era leggibile......vedere che fine hanno fatto queste testate giornalistiche mi lascia senza parole. La lettera che ha scritto è ottima come ottimo è l'invito al confronto, ma confronto pubblico.

Paolo 08.10.18 22:14| 
 |
Rispondi al commento

Caro presidente del consiglio, sono uno dei Vs.
Noi Italiani siamo un popolo che con parsimonia cerca di andare avanti nonostante tutto e nonostante tutte le correnti contrarie che remano contro, con spread, con la stampa e con le TV ecc. Noi, nonostante tutto,vuoi per la incertezza, vuoi per la paura del futuro, siamo portati a risparmiare qualche € per il futuro incerto di questi ultimi anni. L'attuale risparmio Italiano verrebbe quantificato in circa il doppio del debito pubblico del ns. paese. Basterebbe una legge che garantisca ai risparmiatori di non mettere a rischio il capitale e di poter avere in disponibilità immediata, in parte o totalmente il capitale investito, in caso di una emergenza che richieda di poter avere la disponibilità del capitale, in parte o complessivo.Con una legge di questo tipo, penso che tanti Italiani metterebbero a a disposizione i propri risparmi.

Giancarlo P., Sestu Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 08.10.18 21:54| 
 |
Rispondi al commento

Tutta la mia stima al Presidente Conte! Una persona solida, coerente e seria, che ha risposto con classe e chiarezza alle false e diffamanti notizie di uno squallido direttore di un altrettanto squallido quotidiano.

donatella davanzo 08.10.18 21:48| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Cresidente Conte con il signor
Calabrese forse si è mostrato molto educato come conviene a un presidente del consiglio ma lui
come si comportano queste testate giornalistiche
bisogna levargli subito le risorse economiche che si prendono dal popolo perchè loro sino adesso ci hanno mentito e distorto le comunicazioni
pertanto la prima cosa e quella da fare.via tutti i sovvenzionamenti a tutti compresso anche ai partiti. la prego faccia questo via le regalie graziedelle sua disponibbilità W il MOVIMENTO 5 stelle buona serata

Donato V., Paderno d'Adda Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 08.10.18 21:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qualcuno mi spiega cosa ha combinato Toninelli con il decreto su Genova, non si può presentarsi con meno soldi e poi dire ai cittadini però è un decreto fatto con il cuore! Quelli giustamente si incazzano!

Alessandra R., Monteriggioni Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 08.10.18 21:35| 
 |
Rispondi al commento

"IL DADO È TRATTO " .
È INPENSABILE CHE UNA RIVOLUZIONE BENCHE PACIFICA E CHE UN GOVERNO DEL CAMBIAMENTO ,DEMOCRATICAMENTE ELETTO ,NON SIANO IL BERSAGLIO DI ATTACCHI (SOTTO TUTTE LE VESTI ! )VENUTI DA TUTTI I DETRONIZZATI . TANTI SONO GLI INTERESSI IN GIOCO CHE VIEN DA CHIEDERSI SE VALE LA PENA ALLE CALUNNIE E ALLA DIFFAMAZIONE ,RISPONDERE CON ARGOMENTI !
MA SIAMO IN BALLO E IL PRESIDENTE CONTE NE E COSCIENTE E AGIRA NEL MIGLIOR MODO AL FINE DI FARE DI OGNI SUBDOLO ATTACCO ,UNA LANCIA SPEZZATA A NOSTRO FAVORE . LA BETTAGLIA NON E SOLO POLITICA ,NE SOLO ISTITUZIONALE E GIURIDICA ; ERA E A MAGGIOR RAGIONE RESTA SOPRATUTTO MEDIATICA . a )LA PIATTAFORMA ROUSSEAU ,IL BLOG DELLE STELLE LO PROVANO .SI TRATTA A MIO VEDERE DE SEMPLIFICARE L'ACCESSO A QUESTI CANALI E DI POPOLARIZZARLI.
b) la comunicazione televisiva , i giornali ,la rete internet non possono restare nelle sole mani dei potentati economici che ne controllano le testate e che istillano quotidianamente il veleno della MALAIN FORMAZIONE . IL MOVIMENTO NON È SUFFICIENTEMENTE SUPPORTATO : O SE AMPLIA LA CASSA ACUSTICA O SI PERISCE SOTTO UM TSUNAMI DI MENZOGNE . AVANTI CON IL GOVERNO CONTE ! SIAMO SULLA STRADA GIUSTA .
ALLE CALUNNIE RISPONDERE SENZA TIMIDEZZE ,..NEI FATTI ..

Giorgio G., Castel Bolognese Ravenna Commentatore certificato 08.10.18 21:30| 
 |
Rispondi al commento

Se su Facebook, con questa lettera il Pemier Conte ha fatto il pieno con migliaia di " stime e solidarietà ", è inutile dire
che pieno di cose...maleodoranti ha fatto quell'indegno uomo, direttore di un giornale che...dopo questo pieno...maleodorante, è sempre di più... la repubblica-cca che piace solo ai...pidioti!

Roberto ., Roma Commentatore certificato 08.10.18 21:12| 
 |
Rispondi al commento

Grande Presidente Conte.

undefined 08.10.18 21:07| 
 |
Rispondi al commento

Aggiungo.....Forse quel direttore di giornale vuole fare il senatore del PD in un futuro prossimo?

Gianluca Petrini (mister g.), Siena Commentatore certificato 08.10.18 21:02| 
 |
Rispondi al commento

Lei, signor Presidente del Consiglio, è un grande.....davvero un grande!
Di Maio e Salvini hanno scelto bene.
Calmo, fermo nei concetti e nelle idee che esprime, retto ed anche ironico perché se io fossi quel direttore di giornale.....andrei a nascondermi!
Complimenti sinceri di cuore da un cittadino.

Gianluca Petrini (mister g.), Siena Commentatore certificato 08.10.18 20:58| 
 |
Rispondi al commento

Perbacco, il Conte mi è piaciuto! Però non confidi troppo che i giornali vogliano seguire la strada dell'obiettività (pur sempre relativa ma non "falsa"). Il fatto è che i lettori (cioè la gente) deve anche odiare qualcosa o qualcuno (Berlusconi, Trump, Merkel, gli immigrati, il Vaticano, eccetera) e quindi il giornale cerca di "dare alcol" ai propri lettori per tenerseli legati contro questo o quello. Contro questo governo anomalo e non loro amico diventa quasi naturale cercare di renderlo renderlo odioso.

giangiul 08.10.18 20:58| 
 |
Rispondi al commento

Bravo presidente non sarò sicuramente colto come lei perché ho la terza media. Ma si capisce e sono informato per la prima volta nella mia vita di cosa sta succedendo nella politica. Si capisce bene che questo governo ama il popolo italiano e vuole cambiare il sistema marcio che si è creato. Grazie ancora signor Presidente

Andrea Macaluso 08.10.18 20:57| 
 |
Rispondi al commento

Giornalisti sempre a caccia del pelo nell'uovo avete scoperto che fine hanno fatto i milioni mancanti dell'aereo del presidente di Rignano ???? Cercate....cercate vi potrebbe servire per conoscere meglio chi si serve e......SE NE VALE LA PENA !!!!

terenzio eleuteri Commentatore certificato 08.10.18 20:47| 
 |
Rispondi al commento

Egregio presidente le assicuro che ormai la gente ha capito tutto di come funzionano i mezzi di comunicazione sono in pochi ancora a farsi soggiocare dai tg e giornali....perciò non se ne preoccupi che la gente saprà come regolarsi....nel caos delle informazioni e disinformazioni ci vorrebbe una legge dove specifichi che tutti possano dire quello che pensano e dire quello che vogliono ma se quello che dicono o scrivano è un falso oppure illudono al falso siano messi in condizione di non farlo più.....si potrebbe anche fare allusioni ma sul vero.....ecco cosa serve e magari a questo punto il m5s si crei un tg informativo vero e proprio per divulgare le notizie e tutto il resto.
Con la presente approfitto di farle i miei auguri per un buon lavoro e spero che fra un anno abbi la stessa idea e sensazione di oggi nei suoi confronti.

Pietro monetta 08.10.18 20:42| 
 |
Rispondi al commento

L'inverecondo panfletucolo ha diffamato, per via di uno dei suoi pennivendoli e con le medesime modalità, una mia stimatissima collega, rovinandole praticamente la carriera.

Alla richiesta di una rettifica, peraltro ben documentata, hanno risposto negando l'evidenza.

Fa bene il Presidente a lasciarli strisciare nella loro sordida nequizia.


Alejandro M., Macerata Commentatore certificato 08.10.18 20:34| 
 |
Rispondi al commento

Caro Giuseppe, dopo aver letto la sua lettera inviata a Repubblica, mi sento di chiamarla così, con il nome di battesimo e sarei onorato di conoscerla, di essere un suo amico. Deve mettere al primo posto dei suoi compiti il tener coese le due forze di governo e il difenderle dai numerosi attacchi che arrivano da più fronti, Europa, Stampa, Magistratura. È UNA FORTUNA CHE LEI SIA ANCHE UN BUON AVVOCATO. Un abbraccio. Maurizio.

Maurizio Rizzi 08.10.18 20:24| 
 |
Rispondi al commento


Vogliamo rimpatriare i clandestini ?!

vincenzo di giorgio 08.10.18 20:14| 
 |
Rispondi al commento

EVVIVA EVVIVA IL NOSTRO CONTE PRESIDENTE :-)))))

Sara Paravizzini 08.10.18 19:54| 
 |
Rispondi al commento

Il cosiddetto direttore di questa carta igenica stampata non ha la faccia di venire a trovarla a palazzo Chigi. E' un ipocrita e' sconnesso dalla realta' vive in un mondo di fandonie!!! Visto le cazzate che scrive!!! E poi non e' degno di vederla caro presidente conte!!! Deve marcire della sua stessa falsita!!! Non serve a niente!!! Ha fatto e sta facendo solo una figura di merda!!! Bravo presidente conte!!! Ha scritto una grande lettera!!!io l'ammiro tantissimo!!! Auguri e grazie di rappresentarci !!! Per noi e' un orgoglio averla come presidente e' la prima volta che abbiamo finalmente come presidente un grande uomo!!!! Buon lavoro e' grazie di cuore!!!❤

Sandy***** S., Sandonaci Commentatore certificato 08.10.18 19:30| 
 |
Rispondi al commento

[19:03, 8/10/2018] Dr. Raffaele Siniscalchi: Ho letto l'articolo qui sopra. Confermo la mia convinzione che il Presidente del Consiglio attuale è un "vero" signore. Oltremodo giurista preparato e, nonostante le illazioni di Repubblica, meritevole della carica che ricopre.
E poi stiamo parlando di "La Repubblica", giornale di De Benedetti! Scalfaro non ha nulla da dire? Enzo Biagi si starà rivoltando nella tomba!

Raffaele Siniscalchi 08.10.18 19:09| 
 |
Rispondi al commento

Una brava persona e un galantuomo, rimangono tali anche sotto i sussulti scomposti di giornalisti lividament perdenti.
Mi ha affascinato l’intelligenza, la precisione e la moderazione della risposta, degna di un Presidente del Consiglio della Repubblica Italiana.
Andiamo a conseguire il 2,4% in Europa, per la rivoluzione culturale del nostro Governo.
Grazie per quello che fai Giuseppe.
Per quel che vale, siamo al tuo fianco.
Gfp

Gianfilippo ., ARESE Commentatore certificato 08.10.18 19:01| 
 |
Rispondi al commento

Bravissimo PRESIDENTE, Lei è un esempio, un insegnamento, una Persona per tutti noi, una occasione che non abbiamo mai avuto e che non vogliamo perdere.
Parlo al plurale perché so di non essere solo ma di condividere il mio pensiero e le mie speranze con la stragrande maggioranza del popolo italiano.
Buon lavoro Presidente.
Grazie.
Paolo Croce

Paolo Croce 08.10.18 18:59| 
 |
Rispondi al commento

GLI AMICI degli AMICI hanno rinnovato il finanziamento all'editoria PRIMA del nuovo governo TANTO PER ESSERE SICURI DI NON PERDERE I SOLDI ma il PROSSIMO ANNO SCADRA' e FINIRA' QUESTO ASSISTENZIALISMO.
COMPLIMENTI PRESIDENTE PER L'EDUCAZIONE NELL'ESPRIMERE IL CONCETTO DELLE LORO INSINUAZIONI. AVRANNO CAPITO QUALCOSA????
LEI E' VERAMENTE UN SIGNORE e SIGNORI SI NASCE, con LEI STIAMO OTTENENDO IL RISPETTO CHE PER COLPA DEI GOVERNI PRECEDENTI AVEVAMO PERSO nonostante RAPPRESENTASSERO SOLO UNA PARTE DEL POPOLO ITALIANO!!!
GRAZIE INFINITE!

ROSSANA I., ROMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 08.10.18 18:58| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna togliere tutti i contributi pubblici ai giornali.

Sebastiano Maugeri, Catania Commentatore certificato 08.10.18 18:57| 
 |
Rispondi al commento

Il presidente dell'ordine dei giornalisti, verna, che abita a...Paperopoli e legge solo...Topolino, ha avuto il coraggio, con la sua faccia da...lato B, di affermare:

"In Italia crescente fastidio di chi governa verso l'informazione"

Ma questo buffone di verna, si è chiesto perchè è crescente il fastidio di chi governa verso l'informazione come è crescente il fastidio agli italiani, perchè questa " Informazione italiana " ha ampiamente rotto le...bip!, per tutte le fake news e le calunnie che sta producendo contro il governo Conte?

Una " informazione seria" ha il "pieno diritto di critica" ma quando si vuole criticare con fake news e calunnie il governo Conte... guardacaso quando per la prima volta si difendono gli interessi dei poveri, dei lavoratori e del Popolo italiano e non gli interessi ad amici e lobby dei precedenti governi italiani, allora questa non è " informazione seria " ma è..." terrorismo mediatico" per stabilizzare il governo Conte, al soldo degli affaristi, dei politici e delle lobby e questo, caro...A-verna è un "amarissimo" e crescente... SCHIFO, verso l'informazione italiana!

Roberto ., Roma Commentatore certificato 08.10.18 18:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

C'E' TUTTA LA DIFFERENZA FRA UN MERCENARIO ED UN SIGNORE !!!!

terenzio eleuteri Commentatore certificato 08.10.18 18:57| 
 |
Rispondi al commento

Quel giornalaio del direttore non è cosciente delle stronzate che dice figuriamoci quelle che scrivono gli altri. Si fà passare i comunicati perchè non è in grado di scrivere di sua responsabilità. E' inutile tanto quanto la carta da gabinetto che usano per stamparle, le "Stronzate".

Antonio S., Bojano Commentatore certificato 08.10.18 18:44| 
 |
Rispondi al commento

Esimie Pres.Conte i miei Complimenti con tutti i membri del M5S il non potere diceva il Pres.Andreotti logora chi lo ha perso e spera di ritornare al potere con combinazioni di super larghe intese.Noi della MesmerUniversity leggiamo tutti i Giornali e seguiamo registrando le tv di stato e private.Per esempio nella UE ci sono Forza Italia e PD e fanno politica anti Governativa.Non solo contro M5S ma anche contro Salvini nostro alleato del programna,il quale fino a quando continuera'a restare insieme Forza Italia.L'incontro con il leader Francese LePen la Rai in toto esclusa informazione La7 qualche minuto in tutto preferivano sentire gli opinionisti al 90% contro il Governo.E che dire di mediaset?sILENZIO ASSOLUTO.Speriamo che eSalvini ne prenda atto per le prossime elezioni nazionali e UE .Proponiamo il ritorno alla ComunitaEuropea piu sociale.Cominciano forse ?A capire il potere e'ovunque per il Popolo VoxPopuliVoxDei In Punti Trianguli Sia al Vertice e alla base poramidale il POPOLO SOVRANO Antonio Interdonato AntoinePrinceLeChastre Mesmer University AssBiologiUe

Antonio Interdonato 08.10.18 18:37| 
 |
Rispondi al commento

CONCORSI UNIVERSITARI: DUE CASI ECLATANTI TACIUTI DAI MEDIA.
UNO. Il caso dello scrittore padovano Canon che fece ricorso al ministero della Pubblica Istruzione perché il Consiglio di Facoltà di Lettere (Bologna) gli aveva negato un incarico d’insegnamento. Lo scrittore aveva esposto le sue ragioni al dirigente del ministero. Il dirigente aveva estratto dal tiretto il verbale del Consiglio di Facoltà a cui si faceva riferimento, ma sembrava tutto regolare: l’incarico era stato assegnato a norma di legge, ad un altro professore. Il Canon aveva controllato il verbale, accorgendosi che quello in suo possesso aveva due righe in più. Fece notare la discrepanza al dirigente che chiese agl’impiegati di uscire subito dalla stanza. Rimasti soli, il dirigente aveva detto al Canon di tacere. Il verbale era stato falsificato, ma avrebbe speso inutilmente i soldi per gli avvocati e sarebbe stato isolato dal contesto. Ecco come vanno le cose. I baroni sono protetti dal ministero, cioè dallo Stato e da alcuni partiti pseudodemocratici.
DUE. La denuncia alla magistratura di una professoressa, con laurea in Lettere e Filosofia, vincitrice della Cattedra d’Ispezione degli alimenti di origine animale presso la Facoltà di Veterinaria di Napoli fu archiviata dal giudice delle indagini preliminari. A suo tempo, nessun quotidiano mise in risalto la notizia. Una medesima falsa moralità accomuna i media in Italia?

Giuseppe C., Sinalunga Commentatore certificato 08.10.18 18:32| 
 |
Rispondi al commento

Bene, se fosse stato ancora necessario, ora è proprio evidente a tutti, che i mezzi di informazione sono utilizzati per condizionarci; chi non se n'era ancora accorto, ora sa che ci trattano da pecore. I media sono così sgangherati nel raccontare le balle da essere ridicoli. Il grottesco è che non devono neppure preoccuparsi di vendere per non fallire perchè ricevono i contributi per l'editoria dallo Stato, cioè i nostri soldi. Gl'italiani pagano per essere imbrogliati. Quando taglierete questi aiuti a distruggerci non sarà mai troppo presto.

pensieridiunitaliano 08.10.18 18:16| 
 |
Rispondi al commento

Con quella gente L'ITALIA dove potrebbe andare se non essere condannata a rimanere dentro la cloaca massima ?? GRAZIE per il suo impegno, da una morale abissalmente diversa !!!

terenzio eleuteri Commentatore certificato 08.10.18 18:12| 
 |
Rispondi al commento

Da decenni abbiamo sperato invocato di avere persone della politica vera e di qualità, le nostre preghiere si sono avverate con l'uomo con tutte le facoltà necessarie, di eccellenza, di correttezza, competenza, signorilità che avevamo perso da lunghissimi anni.Grazie di esistere Sig, Presidente CONTI siamo con Lei è un piacere stare al suo fianco intellettuale, non so se posso, ma Lei sa benissimo cosa disse Virgilio a Dante..... mi dispiace che per la sua innata correttezza debba perdere il suo tempo con chi non merita alcuna attenzione.Auguri auguri e auguri li merita tutti con il suo Staff.

pierluigi di mario 08.10.18 18:11| 
 |
Rispondi al commento

Presidente, i cittadini perbene sono con lei.

ALFREDO C. Commentatore certificato 08.10.18 18:10| 
 |
Rispondi al commento

negli anni passati quando ne ero assiduo lettore, "Repubblica" non era così faziosa..... questa vicenda mi consola del fatto che al presente preferisco leggere altri quotidiani.
sig.Presidente,avanti tutta.

domenico mariani 08.10.18 18:04| 
 |
Rispondi al commento

Caro Presidente, siamo circondati, non c’è nulla da fare.
Stampa e televisioni, inclusa quella pubblica, sono tenacemente unite per denigrare con ogni pretesto il Movimento Cinque Stelle; ma mica da quando il M5S si è insediato alla guida del Paese, macché!
Da sempre. Da che il Movimento è nato.
Certo è che con la nascita del Governo pentastellato…apriti cielo…si è scatenata la guerra termonucleare globale.
Il Movimento Cinque Stelle rappresenta per il Sistema ed i suoi cani da riporto di TV e giornali, l’avverarsi dei peggiori incubi. Trasparenza, rispetto del mandato elettorale, onestà, meritocrazia, lotta alle diseguaglianze, centralità dello Stato, ritorno al Pubblico nella gestione dei servizi essenziali: acqua, autostrade, energia, sanità…Lotta all’evasione fiscale (non sia mai!), alla corruzione, conflitto di interesse, democrazia diretta…
Questi se la fanno sotto, caro Presidente.
Temono di essere messi da parte, come in effetti sta avvenendo; di non contare più nulla, di non venire più interpellati quando vi sono da prendere decisioni importanti, di non fare più alcuna differenza, di essere relegati all’irrilevanza.
Scatenano di conseguenza i loro servi di stampa e TV, ribattezzati Leccachiappe Di Regime, e la consegna è ben chiara: distruggere il M5S con ogni mezzo. Perché con forze politiche di sistema come la Lega, ancora si può ragionare, nel senso dei soliti compromessi spartitori, ma col M5S non si fanno accordi sottobanco.
Al M5S non interessa tirare a campare; il M5S fa politica per il popolo, non per gli amici; il M5S non deve tutelare interessi personali dei suoi capibastone; non è ricattabile; non deve restituire favori; non riceve finanziamenti opachi dai burattinai della finanza apolide; rifiuta i salotti buoni del circo lobbistico internazionale; non prende ordini dai governi ombra dell’imprenditoria chiagni e fotti.
Il M5S è rivoluzionario, cambiare tutto per cambiare tutto, laddove fino ad oggi si è cambiato tutto per non cambiare niente.

Alberto O. 08.10.18 17:58| 
 |
Rispondi al commento

Grandissimo Avvocato Conte, Lei vola altissimo, sappiamo a che livello sono i giornali italiani, quindi non Li consideri neanche ....
Il miglior Premier che l'Italia ha avuto, è Lei!
Grazie per il Suo impegno .
Sempre ConTe
Un abbraccio
A riveder le stelle

Giuseppe V. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 08.10.18 17:40| 
 |
Rispondi al commento

Più ci attaccano più il Movimento 5 Stelle guadagna consensi, siamo al governo, pensiamo al bene del popolo.

Giampaolo 5 Stelle Commentatore certificato 08.10.18 17:37| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti per il compito ed eloquente articolo, per lo stile con cui è scritto e per il perfetto italiano. L'unica correzione, che mi sento di fare, è sulla parola "stakeholders", che in inglese prende la normalmente la "s" del plurale, mentre in italiano la rifiuta, come tutte le parole inglesi usate al plurale.
Ciò significa trovare il pelo nell'uovo? No, è un piccolo ritocco a un intervento da 10 e lode.
Buon lavoro.
Franco Candido

Francesco Candido 08.10.18 17:29| 
 |
Rispondi al commento

Grande, grande, grande è la sua dignità sig. Presidente del Consiglio dei Ministri...e ancora di più appare la sua persona di galantuomo specchiata e luminosa di fronte a omuncoli ormai senza dignità...

Antonio Melis 08.10.18 17:23| 
 |
Rispondi al commento

Buon lavoro Presidente Conte!!!
Lo stile della sua risposta a simili basse insinuazioni denotano il suo grande spessore morale!!!
Avanti sig.Presidente, avanti Luigi,avanti Salvini!!!

gpl3 08.10.18 17:20| 
 |
Rispondi al commento

No Presidente non sara' la volta buona. Sono cosi consapevoli della loro vigliaccheria e malafede che non rischieranno . Hanno seminato vento e raccoglieranno tempesta questo e' quanto.

GAETANO ESERCIZIO (), SETTALA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 08.10.18 17:13| 
 |
Rispondi al commento

ma quando toglierete il finanziamento pubblico ai giornali? a questi pennivendoli da quattro soldi?,così vediamo quanto valgono sul campo.loro che sono per la concorrenza.Il giornale ^la repubblica^ si può chiamare benissimo per me ^la bugiarda^

SERGIO GIUSTI, Massa Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 08.10.18 17:13| 
 |
Rispondi al commento

Sappiamo chi è l'editore di Repubblica e quale' è il suo orientamento politico. Bravissimo Sig. Presidente. W il governo del cambiamento.

scipione SCAPATI, CERVIGNANO DEL FRIULI Commentatore certificato 08.10.18 17:05| 
 |
Rispondi al commento

“Il modo migliore per difendersi da un nemico è di non comportarsi come lui.”

Alessandro Albanese, Trieste Commentatore certificato 08.10.18 17:04| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Presidente Conte, una precisazione sul precedente commento. Riguardo la parola "offendendola" è riferita alla questione mossa dal Giornale "La Repubblica", appunto che ha offeso lei! Spero si sia capito il senso. Ancora, W IL GOVERNO DEL CAMBIAMENTO, W IL M5S.

Massimo M., Messina Commentatore certificato 08.10.18 16:59| 
 |
Rispondi al commento

Ottima lezioncina di stile, complimenti per la signorilità esposta...grazie

rolando c. Commentatore certificato 08.10.18 16:58| 
 |
Rispondi al commento

Grande stima Premier Conte, bellissima lettera, congratulazioni e avanti tutta.

patrizia v., cagliari Commentatore certificato 08.10.18 16:58| 
 |
Rispondi al commento

complimenti presidente per la prima volta volta posso dichiarare di avere un presidente del consiglio; ho 58 anni!

furio frate 08.10.18 16:56| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Presidente Conte, per me come per tanti altri è una gran bella persona con molta educazione e questo fà onore ai suoi genitori. Detto questo, le suggerisco, mi perdoni se mi permetto, di non dare più importanza a questa persona di basso profilo, nonostante sia direttore di un giornale. Perché, in quanto responsabile del giornale che dirige, dovrebbe avere un certo controllo sui suoi sottordini, responsabili di ciò che scrivono a discapito di querele, ma forse ne hanno prese tante, che ormai non gli fa' né caldo né freddo. Cmq, non soffermandomi sulla questione in merito, offendendola, le sono vicino come tanti Italiani, continui come sta' operando ed aventi tutta col Governo del cambiamento. Presidente, non arretrate di un millimetro. W IL GOVERNO GIALLO/VERDE. W IL M5S.

Massimo M., Messina Commentatore certificato 08.10.18 16:55| 
 |
Rispondi al commento

Signor Presidente la gente lo sa bene chi è il proprietario del giornale, con il vostro governo non c'è nessuno che gli può dare qualche dritta per investire in Borsa. WM5S

Umbertoguarino15@gmail.com 08.10.18 16:54| 
 |
Rispondi al commento

I toni garbati della lettera, l' eleganza discorsiva, l'estrema precisione degli elementi richiamati, il più volte proclamato rispetto per la stampa fanno emergere l'alta statura umana, culturale e politica di questo Presidente che, dopo un tale episodio, si pone ad un livello di gran lunga superiore a quello in cui finora lo ponevo e, che comunque, risulta davvero inarrivabile, per molti ! Ad maiora carissimo Presidente !

Giuseppe Satriano 08.10.18 16:54| 
 |
Rispondi al commento

Stimatissimo Primo Ministro della Prima Vera Repubblica Italiana

anche se io scoprissi che lei fosse peggio del peggior malfattore, oggi continuerei a sostenerla!
Gli attacchi proditori e mafiosi della gran parte della stampa italiana - non a caso fra le peggiori corrotte al mondo e per di più MANTENUTA CON I NOSTRI SOLDI - ci stanno rendendo PIU' FORTI E CONSAPEVOLI CHE LA STRADA INTRAPRESA PER ELIMINARE LA DELINQUENZA ISTITUZIONALE ITALIANA E DELLA U.E. SOPRATTUTTO - E' QUELLA GIUSTA. Il maiuscolo solo per dare maggiore forza e non per sbraitare.
Buon lavoro e FINO ALLA FINE!

Gabriele Longo - Foggia!

Gabriele Longo 08.10.18 16:44| 
 |
Rispondi al commento

Bellissima questa lettera, denota l'alta eleganza politica del Prof.Primo Ministro Giuseppe Conte, congratuluzioni.
Noi non facciamo come fanno LORO;
Basta vedere e leggere Basilicata5stelle:
"Gianni Perrino assolto dal tribunale di Matera"

Michele Arcangelo Taddei 08.10.18 16:41| 
 |
Rispondi al commento

Chiedo scusa e correggo, senz'altro si e' capito che volevo scrivere Presidente Conte

Minissimo 08.10.18 16:20| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Sig. Presidente,
la Sua elevata statura di politico nonché sensibilità umana è ancora una volta evidenziata dal fatto che ha speso (perso) del tempo per rispondere ad un direttore di un quotidiano che anziché informare onestamente i suoi lettori fa propaganda di partito in un modo talmente sfacciato da sembrare perfino stupido. La continua perdita di lettori di quel giornale ne è la prova. Certa gente non La merita. Per quello che può contare ha ed avrà tutta la mia stima. Grazie. Un cittadino.

Alessandro D., Genova Commentatore certificato 08.10.18 16:14| 
 |
Rispondi al commento

Presidente Cobte Lei e' il migliore presidente del consiglio da quando esiste una Repubblica, altro migliore presidente della Repubblica fu il presidente Sandro Pertini. Lei sente vivamente la sofferenza del popolo e per questo e' un gran UOMO. Il giornale la repubblica e' degli ominicchi, dei quaqquaraqua come renzi e compagni di merende, vigliacchi al servizio delle banche e loby. Spero vivamente che quanto prima riusciate a togliere il vitalizio a questi traditori e cosi' o cambieranno modo di fare becero giornalismo o chiuderanno con immensa gioia delle persone oneste e corrette.

Minissimo 08.10.18 15:54| 
 |
Rispondi al commento

Massimo rispetto per il Presidente!

Raffaele Casetti 08.10.18 15:52| 
 |
Rispondi al commento

Questa lettera dimostra ancora una volta l'enorme differenza di statura etica e morale tra l'attuale PDC e questo infame giornalaccio.
Mi auguro sinceramente che ben presto nessuno dia più retta a questo mare di... Repubblica...zzate !!!

Roberto R. 08.10.18 15:47| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori