Il Blog delle Stelle
Inquinamento, fermiamo la strage padana

Inquinamento, fermiamo la strage padana

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 95

di MoVimento 5 Stelle

Una strage. E’ ora che l’Italia prenda consapevolezza ed agisca immediatamente per fermare una emergenza sanitaria enorme. Una emergenza che riguarda l’area più industrialmente avanzata d’Italia: la Pianura padana. Gli ultimi dati diffusi hanno confermato che questa zona dove abitano oltre 20 milioni di cittadini è la più inquinata d’Europa.

La stragrande maggioranza (95%) degli europei che vivono in zone in cui vengono superati tutti e tre i limiti Ue riguardanti le polveri sottili, il biossido di azoto e l'ozono abita nel Nord Italia. L’aspettativa di vita è ridotta di 3 anni.
La conferma dell'elevato livello di inquinamento atmosferico della Val Padana arriva da un rapporto sulla qualità dell'aria diffuso dalla European Environment Agency, l'Agenzia Europea per l'Ambiente, con sede a Copenhagen, che stima in circa 84.000 le morti prematuri attribuibili all'inquinamento nel nostro Paese.

I tre standard europei più spesso superati
, spiega l'Agenzia, "sono il limite giornaliero per il Pm10, il limite annuale per il biossido di azoto e l'obiettivo per l'ozono. Mettendo insieme le mappe europee relative ai tre standard, si ottiene che, su una popolazione totale di 536 mln di persone, l'8,9% (47,5 mln) vive in aree in cui due o tre standard vengono superati e che, di questi, circa 3,9 mln vivono in zone in cui tutti e tre vengono oltrepassati. Va notato che la maggioranza (3,7 mln) vive nell’Italia del Nord".

MORTI INFANTILI - Come se non bastasse a questi dati si aggiungono quelli dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che confermano il triste ‘primato’ italiano di malattie infantili a causa dell’inquinamento.

L'inquinamento atmosferico causa la morte nel Mondo di 600mila bambini di età inferiore ai 15 anni ogni anno a causa di infezioni respiratorie acute. L’Oms parla dell’inquinamento come "il nuovo tabacco". L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato un rapporto che rivela che ogni giorno, circa il 93% dei bambini sotto i 15 anni (1,8 miliardi di bambini) respira aria così inquinata da minare seriamente la loro salute e il loro sviluppo. Secondo l'Oms, circa il 91% degli abitanti del mondo respira aria inquinata: questo porta a 7 milioni di morti ogni anno. Nel 2016 lo smog ha provocato la morte di 543.000 bambini sotto i 5 e di 52.000 bambini tra i 5 e i 15 anni. Il rapporto spiega anche che le donne incinte esposte all'aria inquinata hanno maggiori probabilità di partorire prematuramente e di avere bambini con basso peso alla nascita.
L'Italia fa parte dei paesi con la qualità dell'aria peggiore, tanto che il 98% dei bambini e' esposto a livelli troppo alti di polveri ultrasottili.

CONTRATTO DI GOVERNO – Il Contratto di Governo prevede misure importanti in difesa dell’ambiente e per una riconversione industriale innovativa basata sulla sostenibilità ambientale che non può più attendere . Nel Contratto è previsto che ‘azioni prioritarie contro i cambiamenti climatici ed inquinamento andranno avviate con piani specifici per le aree più colpite del nostro Paese. Pensiamo ad esempio al bacino della Pianura Padana dove va migliorato ed implementato il piano di bacino e tutte le aree metropolitane”.

E infatti fin da subito il ministro dell'Ambiente Sergio Costa ha avviato un'interlocuzione con le Regioni della Pianura Padana per poter avviare un piano straordinario antismog. Gli strumenti, impopolari ma necessari, messi in campo dalle Regioni nelle scorse settimane, hanno il sapore dell'intervento tampone, ma non possiamo più permettercelo.
Servono interventi strutturali. Ecco perché stiamo lavorando a un grande piano di rivoluzione della mobilità, della riforestazione urbana, dell'incentivo al tpl elettrico.
Insieme con il Ministero dei Trasporti stiamo lavorando su questo. E il 21 novembre, giornata internazionale degli alberi, proprio il ministro Costa sarà a Torino, tra le più inquinate città padane, per piantumare alberi con il messaggio, forte, che è necessario dotare le città di "bombe di ossigeno" contro lo smog killer. Non c’è più tempo da perdere.

Fermiamo la strage padana. Liberiamo la pianura padana dallo smog.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

30 Ott 2018, 13:26 | Scrivi | Commenti (95) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 95


Tags: inquinamento, italia, morti infantili, pianura padana, pm10

Commenti

 

luca da Caserta

facciamo sparire la norma sui fanghi dal provvedimento per Genova.... è un suicidio !!!

luca C. Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 01.11.18 11:30| 
 |
Rispondi al commento

Belle parole, ma come la mettiamo con questo decreto?
Fioccano le polemiche per una norma inserita nel Decreto Genova, contenente le misure urgenti per la città colpita dal tragico crollo del viadotto autostradale sul Polcevera. Tra i paragrafi del decreto se ne trova uno che aumenta di 20 volte la quantità di idrocarburi ammessi nei fanghi di depurazione da spargere sui terreni. Come rivelato nei giorni scorsi da Angelo Bonelli, segretario dei Verdi, i valori consentiti per gli idrocarburi con catene di carbonio comprese tra C10 e C40 sono stati alzati da 50 mg/kg a 1.000 mg/kg. Le critiche sono piovute da più parti, sollevando allarmi per i rischi ambientali, le falde acquifere e la sicurezza alimentare.

ennio rossi Commentatore certificato 01.11.18 11:08| 
 |
Rispondi al commento

Avrei qualcosa da discutere : il problema della mobilità inquinante è reale OK , ma perché si permette alla FIAT (ora FCA ) di fare pubblicità per la vendita delle auto a DIESEL a prezzo più basso del benzina se è certificato che sono inquinanti e molte città stanno bloccando la loro circolazione? non credete che è un furto ai cittadini? credo che la cosa migliore che potrebbe fare il governo è quello di imporre alle case costruttrici di autovetture di convertire a proprie spese o al costo di una revisione ( ovviamente controllata dalle associazioni consumatori per evitare ulteriori furti )la conversione delle auto a DIESEL in auto elettriche o a gas . Non è possibile che nessuno si sia accorto di questa pubblicità della FIAT , signori cari è un furto autorizzato/legalizzato.
Cerchiamo di far avere più rispetto nel popolo italiano , chi ha creato inquinamento fino ad oggi creando danni all'ambiente , ai cittadini,a tutti , è ora che inizino a pagare seriamente : bisogna anche avere la certezza , in merito alle auto elettriche , le batterie con che materiale vengono costruite e come vengono smaltite a fine vita : verranno mica sotterrate sotto un cumulo di terra?

Marco D'Isanto, Aosta Commentatore certificato 31.10.18 20:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao cari amici lo sapete che la qualità dell aria è il mio argomento preferito anche se ho scoperto oggi che il governo Gentiloni è stato uno dei peggiori della storia d' Italia per rapporto debito pubblico giorni di governo altro che percepito, governavano male Gentiloni e Padoan sfondavano giorno dopo giorno mentre il governo Renzi è solo decimo mentre i termini assoluti Berlusconi ha fatto un bucone di 500 mila miliardi nei 3000 e passa giorni che ha governato ihihi i peggiori in termini relativi invece sono i tecnici Amato Monti Dini questi credo che proprio non ci sanno fare coi conti o fanno apposta bho.. mentre ne escono benino i governi Prodi molto meno danni di Berlusconi e D'Alema governi quasi virtuosi o congiuntura favorevole bho .. quanto all aria tutti i motori diesel sono cancerogeni OMS 2013 anche gli euro 18 euro 19 euro 24 euro87 dai capitela se esce biosssido di azoto e si attacca a particelle di metalli pesanti si forma particolato dai fatevelo entrare in testa i diesel sono tuti cancerogeni basta stop ok anche gli euro200 quanto alle masse legnose legna e pellets stessa cosa potete metterci 4 7 25 stellette alle vostre assasine di stufette stuufone caldaie caldaione sempre pm10 e pm 2,5 esce da quei mostri e sempre OMS dice e bene non esser esposti a non più di di 10 migrogrammi di pm2,5 la UE invece dice 25 ugr la OMS allora ribatte se esposti a 25 ug le propabilità di cancro si alzano da 40 per cento con 10ug a 88 per cento con 25ug , dalle stufe a legna escono 400 ug dalle stufe a pellets 80 ug intanto che si mettono d' accordo se ne vanno 84000 mila persone eppoi dicono che governano bene basta masse legnose sempre mv5s ciao

Mario ., Padova Commentatore certificato 31.10.18 16:25| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna prevedere un sistema di monitoraggio efficiente che si traduca in un"applicazione ferrea, ad esempio dei blocchi auto diesel, di sanzioni e multe.
E quando le multe vengono realmente applicate sono il miglior deterrente per l'osservanza delle regole.
Saluti a tutti.

Gianluca S. Commentatore certificato 31.10.18 12:46| 
 |
Rispondi al commento

a proposito di libertà di stampa di informazione e di libertà personali o di opinione.

dopo quella legge l'Italia nelle classifiche.. viaggiava pari passo con certi paesi non definibili nei contesti civili e di civiltà occidentale..

una vergogna.

willy e 31.10.18 11:43| 
 |
Rispondi al commento

Si infatti.. fermiamo l'inquinamento in Val Padana..

Ieri sera sentivo al TIGGI' regionale dell'opposizione, all'allargamento della tangenziale bolognese, sarebbe anche crocevia per l'aeroporto.

Dunque se quella rotta resta costipata l'inquinamento sale, proprio perché macchine ferme o semi-ferme, producono molto più inquinamento rispetto siano in corsa.

Diversamente macchine in corsa sostenuta, senza entrare nei dettagli inquinano molto meno.

un'altra cosa:

Non si sprecavano le lettere sul resto del carlino, eppoi alla fine si disse la balla.. delle città che avevano rivisto, mediato, trattato con il governo la legge anti-inquinamento, fermando di fatto il blocco settimanale per le automobili diesel euro 4 (di fatto inesistente) Tale blocco per le euro 4 credo che resterà come evinceva la legge anti-inquinamento.. per il sabato e domenica.
il motore di ricerca riporta questo:
1° ottobre, tornano le misure per migliorare la qualità dell ...
Una riduzione del 60% delle emissioni inquinanti prodotte dal traffico urbano con il blocco dei veicoli diesel fino agli euro 4. È l'effetto atteso dai limiti alla circolazione che partono oggi, 1^ ottobre, e che continueranno fino al 31 marzo 2019.
il sito arpae.it
riporta questo:
La notizia selezionata è inesistente
https://www.arpae.it/dettaglio_notizia.asp?id=9964&idlivello=1504

La legge fatta da una governo anni fa.. e che finanza stampa e telegiornali, è devastante! Parlano di non strumentalizzare, quando utilizzano notizie di cronaca nera per sviare il popolo. Poi non c'è libertà, qualche volta si parte alla mattina nel diffondere notizie false o prive di fondamenti tecnici. Contro un governo votato dal popolo.
https://www.arpae.it/dettaglio_notizia.asp?id=8982&idlivello=1504
rimane chiaro come si riporta da una briciola..

In caso di sforamento dei limiti di Pm10 per 4 giorni consecutivi, le restrizioni alla circolazione, sono estese in modo automatico ai veicoli diesel euro 4.

willy e 31.10.18 11:36| 
 |
Rispondi al commento

Servono incentivi sull’acquisto delle auto e delle moto elettriche, serve togliere le tasse, tutte le tasse ai veicoli elettrici. Poi serve installare colonnine di ricarica rapida come ha fatto e sta facendo Tesla che siano facili da usare e sempre funzionanti. Questo è un passo fondamentale. Forza 5 stelle!! 💪🏼

undefined 31.10.18 11:30| 
 |
Rispondi al commento

Carissimi,l'inquinamento da combustibili fossili è fenomeno non solo padano.
Per accelerare il processo di miglioramento ambientale si potrebbe intanto favorire la conversione da diesel a metano quanti più mezzi "pesanti" possibile (in alcune città gran parte del trasporto persone lo è
già) e privilegiare nel trasporto "leggero" l'ibrido metano-elettrico.
Produzione d'elettricità per via fotovoltaica diffusa su tutto il pianeta è il futuro,anche economico il resto diverrà con-seguente.
Saluti e cordialità dalla Romagna.

enzo bargellini, Santarcangelo di Romagna Commentatore certificato 31.10.18 10:38| 
 |
Rispondi al commento

avete voluto mettere in lista De falco i giornalisti del cazzo ecc gente non iscritta al movimento e ora arrivano i problemi... io sono uno degli iscritti della prima ora e mi state perdendo e come me tanti altri ,un occasione come questa di cambiare le cose e di contrastare le lobby non capiterà mai più,sono tutti voti che vanno alla lega e tornano al PD, ascoltate la base e non i coglioni

gemello scaletti, carrara Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 31.10.18 10:22| 
 |
Rispondi al commento

La strage non è solo nella Padana, ma in tutta l'Italia, divenuta un Paese di merda. Grazie a questo sciagurato sistema economico, peggiorato da un liberismo globalizzante. Necessita un sistema economico misto (privato e pubblico)necessario per creare ricchezza. Recuperare l'Alitalia è una bella ma tardiva iniziativa. In quanto alla Confindustria, grazie al suddetto sistema economico imposto, seguita a fare la voce grossa in un contesto delle grandi imprese sparite dall'Italia. Per quanto concerne le banche, quest'ultime si sono riempite di titoli tossici all'inverosimile facendo così esplodere la bolla edilizia. Queste troie oggi criticano il governo che ha a che fare con i debiti ereditati e la criticità del clima.

Roberto C. Roma 31.10.18 09:44| 
 |
Rispondi al commento

DI VENEZIA C'È NE UNA SOLA AL MONDO

Miliardi spesi, rubati, sprecati e saccheggiati per "MOSÈ " a Venezia per non funzionare.

Shahab Shirakbari, TERNI Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 31.10.18 07:28| 
 |
Rispondi al commento

vivo in una bella cittadina del sud --ieri è stata una giornata infernale per tutta l'Italia-non avevo mai visto la furia del vento scatenarsi in questo modo -ho pensato che anche la NATURA non ce la fa più a reggere i PDIDIOTI ED ALTRI POLITICI . figuratevi che ho visto volare di tutto tronchi di alberi teloni tegole e figuratevi anche un WC con il .R.attaccato-tanto si aggrappa a tutto--TIRATE LO SCARICO COSI LA FINISCONO ---

arturo carli 30.10.18 23:18| 
 |
Rispondi al commento

forse ho capito per chi vuole capirci qualcosa sull' inquinamento da legna e pellets e magari spegnere per sempre stufe e stufette varie ecco quà ;https://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20110124010518AAf1Wpf

Mario ., Padova Commentatore certificato 30.10.18 22:35| 
 |
Rispondi al commento

non mi lasci scrivere la verità sul peggior inquinante che cè al mondo vabbè ti stai solo facendo male ciao

Mario ., Padova Commentatore certificato 30.10.18 22:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fantastico. Stavo per lanciare una petizione, ma siete arrivati prima!
Fate un buon lavoro, confido in voi e nel ministro Costa!

Manu 30.10.18 19:45| 
 |
Rispondi al commento

ciao amici beh lo sapete come la penso su questo argomento anni di ricerche su internet anni con la mascherina per non respirare quelle famigerate polveri sottili PM10 PM 2,5 PM 0,5 si cari amici ci mangiamo anche le 0,5 nisida è un isola ma nessuno lo sa, in veneto la regione più inquinata del mondoo grazie al nostro astuto governatore che grazie all incentivo ci fa respirare quelle polverine magiche che escono da quelle stramaledette masse legnose il tanto evoluto veneto si scalda come l uomo di cromagnon neanderthal siamo degli stronzi, che siano stamaleddette ste cancro masse legnose zaiaa bastaaa togli l' incetivo non si respira più signori il veneto e governato male è marcio inquinato malato e la colpa è del suo governatore che pensa solo a quel vinaccio pestifero e a ste masse schifose cancerogene lista 2A dell airc assieme a glifosato e ddt senza contare infarti , ictus, morte in culla , alzaimer , demenza precoce ,bronchiti ,asma, tutta causate da ste masse maledette e da un popolo ottuso e ignorante perchè mica ci credono che gli fa male basta scardarsi e risparmiare con l incentivo io mi chiedo faresti bere a tuo figlio un bicchiere di glifosato? mah... gli spruzzeresti del DDT per rinfrescagli la cameretta tipo propoli sai un pò di ddt , ma allora perchè lo riscaldi con quelle stramaleddete masse cancerogene ciao sto esplodendo mi sembra di essere Tina M. quando diceva che il VAJONT veniva giu e nessuno le credeva solo che ste masse maledette legna e pelletes sono come 84 vajont all' anno 84000 mila morti , grazie zaia tu si che governi bene . m5s sempre x sempre sempre e wiwa la decrescita felice con l aria pulita sarà sicuramente così ciao

Mario ., Padova Commentatore certificato 30.10.18 18:38| 
 |
Rispondi al commento

dell inquinamento non graga nulla nessuno .o almeno solo bla bla ..sono tutti " concentrati " sul tav ..tutti contro il mov e mi pare anche troppi leghisti ..troppi

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 30.10.18 17:43| 
 |
Rispondi al commento

ieri sera al tg3 regionale del Piemonte,nel corso dell'intervista all'esponente M5s che spiegava il perché della risoluzione NO TAV,l'audio si è IMPROVVISAMENTE eclissato (ma guarda un po'), mentre abbiamo dovuto sorbirci nella loro splendida intierezza gli sproloqui PRO TAV di numerosi insulsi personaggi che apparivano verdastri per il livore e la bile di non poter più
fare i loro interessi in santa pace.Molto bene! Avanti così! NO TAV ORA E SEMPRE!

enrico piccotti 30.10.18 16:25| 
 |
Rispondi al commento

Personalmente non apprezzo gli allarmismi. Gli effetti dell'inquinamento sulla salute sono complicati e richiedono approfondimenti. Prendiamo ad esempio il DDT. Molecola certamente nociva, che si accumula nei grassi e che ha determinato mutazioni in alcuni animali. L'uso era indiscriminato e massiccio. La sua abolizione però ha determinato la ripresa della malaria (216 milioni di casi nel 2017 con 450 mila decessi).
Altro aspetto delicato parlando di inquinamento è il rapporto dose effetto. Alcuni introducono una relazione lineare tra concentrazione ed effetto ed altri estendono questo approccio al concetto precauzionale.
Lo ritengo sbagliato. bisogna stabilire per ogni sostanza le dosi di rischio.
Per due motivi. 1° oggi le tecniche analitiche permettono di rilevare concentrazioni bassissime (microgrammi, nanogrammi ed anche picogrammi) per cui dire quantità zero ha sempre meno senso.
2° non ritengo scientificamente valido il rapporto lineare tra inquinante e tossicità. Le cellule hanno capacità di difesa e di riparazione delle mutazioni molto efficienti che cedono solo oltre certe soglie di concentrazione.
Adottare alcuni principi, se non indispensabili e certi, determina ricadute gigantesche sull'economia e sulla qualità della vita. Vanno maneggiati con cura. Prendiamo la mobilità, la mobilità elettrica è un grave errore. E' meglio utilizzare al meglio le migliori tecnologie mature (il metano è una buona alternativa sia per la mobilità che per il riscaldamento - nei commenti è già stato segnalato il ruolo della legna e della nafta come causa principale delle PM 10 e 2,5).
Ricapitolando:
Investire in formazione scientifica (quanti sono i deputati, i senatori ed i consiglieri regionali laureati in chimica od in fisica?)
Usare al meglio il meglio che c'è
Avviare discussioni e progetti di innovazione a lungo termine e gestire con intelligenza le transizioni

Giulio Bornacin, Venezia Commentatore certificato 30.10.18 16:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per favore, però, non seguiamo l'esempio ipocrita, oltre che devastante per l'economia delle famiglie meno abbienti, della regione Emilia e di alcuni comuni, di vietare le auto più vecchie.
La mia Punto anni '90 con motore fire ha meno emissioni di un nuovo SUV Euro 6, dato che i motori fire sono tra i più efficienti mai sviluppati, e dato che non ho aria condizionata e altri optional.
Se si ha il coraggio di vietare anche le auto di grossa cilindrata nuove, questi provvedimenti sarebbero più accettabili, ma sempre DOPO aver creato una rete di servizi pubblici efficienti.

Sandro S. Commentatore certificato 30.10.18 15:06| 
 |
Rispondi al commento

Gli strumenti messi in campo dalle regioni non solo sono tampone ma inutili e gli interventi di lungo periodo sono tardivi! Ma non c è nessuno competente e connesso con la realtà???
Fermare i diesel euro 3 è inutile. Invece di dare contributi per sostituire la vecchia auto si diano strumenti e contributi per modificarla! (es. Con un impianto che arricchisce il combustibile di ossidrogeno si abbattono notevolmente CO2 MICROPOLVERI E C. ad un costo di circa 500 euro ad auto). Si continua a favorire la grande industria e non l'artigiano che può essere in grado di trasformare le auto in elettriche. Cazz....! E implementiamo l'elettrico ma solo se caricato da elettricità prodotta da fonti rinnovabili!!!!
Si tolgano tutti i contributi per l'acquisto di veicoli nuovi e li si indirizzino per riqualificare gli esistenti. Allora avremmo risultati tangibili......ora solo parole.....

giuseppe fadini 30.10.18 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Quando riusciremo a togliere il TAPpo ed ad intubare il gas proveniente da tutti gli stronzi (pardon: segmenti fecali di forma cilindrica)che ci sono il Italia, potremo fare a meno di tutti i gasdotti.

Antonio Avenza 30.10.18 14:10| 
 |
Rispondi al commento

Infatti proprio per questo inquinamento di cui qui riportate la gravità, sarebbe utile spostare il traffico merci da su gomma a ferrovie. E, proprio per questo, non si capisce perchè il M5S vuole bloccare la TAV TO-Lione che andrebbe in quella direzione. Tanto più che metà dei lavori sono stati già realizzati e il danno all'ambiente ad essi dovuto non ritorna certo indietro. Inoltre costa più fermare i lavori che terminarli. Veramente quella del M5S è oggi una posizione incomprensibile.

Chiara Mente Commentatore certificato 30.10.18 14:05| 
 |
Rispondi al commento

Ecco il bel regalo della mala politica degli ultimi 30 anni all'Italia, una serie di tristissimi primati, inanellati uno dietro l'altro. Il tema tema dell'ambiente dovrebbe essere ai primi posti della comunicazione e dell'agenda politica, ma in realtà si tocca sempre troppo poco, e mai senza azioni concrete. Speriamo in un cambio di passo, perchè siamo vicini al tracollo globale. Le emissioni di CO2 equivalente per settore in Europa sono pari al 26,9% per i trasporti, al 22,9% per l’elettricità, 22,6% per l’industria, 14,66% per le abitazioni, 9,84% per l’agricoltura, 2,9% per i rifiuti. Vediamo la Lombardia: Sui trasporti siamo all'era primitiva: mezzi pubblici mal funzionanti (vogliamo risolvere lo scandalo Trenord da Roma una volta per tutte?), merci tutte su gomma, congestione totale del traffico, mezzi inquinanti mai controllati. Sui rifiuti: vogliamo far si che ogni regione si smaltisce i propri rifiuti? Perchè se chiudiamo solo gli inceneritori lombardi senza fare altro, poi i rifiuti (non smaltiti nè riciclati per davvero!) si accumulano nelle mani della mafia e vanno in fumo liberi senza filtri. Sul suolo: i comuni (io sto a Lissone, occupazione suolo 90%) stanno continuando a costruire a man bassa, e continueranno: vogliamo fare una normativa nazionale che resetta i piani regolatori e obbliga a "cemento zero per davvero" tutti i comuni che abbiano un indice vicino alla irreversibilità del 75% o anche molto pià bassa? E tante altre cose. Ma fatele queste cose, non c'e' piu tempo per parlare.

fabrizio c., lissone Commentatore certificato 30.10.18 13:42| 
 |
Rispondi al commento

Le manipolazioni del mercato da parte dei proclami di questi terroristi della finanza ormai è chiara. Dovrebbero essere denunciati tutti quanti per manipolazione del mercato, delitto che punisce le condotte dolose idonee ad alterare il valore di mercato degli strumenti finanziari. La manipolazione del mercato costituisce, insieme al reato di abuso di informazioni privilegiate, una fra le più rilevanti fattispecie penali finalizzate alla repressione della criminalità finanziaria. Così possiamo dire che Juncker, Oettinger e Moscovici sono dei criminali finanziari, visto che spread e rating dipendono in gran parte dalle loro dichiarazioni criminose contro l'Italia. Ma i media italiani non sono da meno.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.10.18 13:41| 
 |
Rispondi al commento

In Rai non andavano cambiati solo i direttori.

Andava cambiato il Sistema.

Con una profonda RIFORMA.

Invece...niente, tutto come prima, " tu mi dai questo, io ti do quello".

LOTTIZZAZIONE.

Perchè vogliamo farci tanto del male ?

Si, è un governo di coalizione e non si può fare tutto quello che si vorrebbe, ma abbiamo messo in conto quanta credibilità
perdiamo? Quante persone non ci voteranno più?

Rai : ripensiamoci.

Gianni Trazzoni 30.10.18 13:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MA INSOMMA CHI CI GUADAGNA DAL TAP?
Copio DALL'ESPRESSO DEL 2014 http://espresso.repubblica.it/affari/2014/09/19/news/tap-il-gasdotto-che-unisce-l-europa-1.180799

"Snam,la società che gestisce quasi tutti i gasdotti nazionali,dice che l’anno scorso l’Italia ha consumato 70 miliardi di metri cubi di gas, di cui 25 provenienti dalla Russia.Il Tap,almeno inizialmente,ne porterà in Italia 8.Dunque,questo gas potrebbe sostituire al massimo un terzo di quello russo.Potrebbe,appunto.Perché la Strategia energetica nazionale, disegnata nel 2013 dal governo Monti, immagina per l’Italia il ruolo di hub europeo del gas. Vale a dire che il metano proveniente dall’estero non resterà tutto qui, ma servirà in buona parte per scaldare le case di tedeschi, austriaci e olandesi. «Quegli 8 miliardi di metri cubi provenienti dall’Azerbaijan», fa notare Matteo Verda, ricercatore dell’Istituto per gli studi di politica internazionale (Ispi), «sono esattamente la stessa quantità che il nostro governo prevede di esportare nel 2023 in Nord Europa».Certo, in situazione di emergenza - se cioè la Russia dovesse chiudere i rubinetti - potremmo tenerci quel gas. Ma che cosa ci guadagna l’Italia nell’immediato? Le tariffe di transito pagate a Snam. Che è una società a controllo pubblico. E che, secondo Verda, per gli 8 miliardi di metri cubi targati Azerbaijan dovrebbe incassare ogni anno 200 milioni di euro. Il gioco sarebbe a somma positiva, non fosse che per portare verso le Alpi tutto quel gas Snam deve ampliare il tubo che collega Brindisi alla Pianura Padana. Secondo Giuseppe Rebuzzini,analista della società d’investimenti Fidentiis, «il potenziamento della Dorsale Adriatica comporterà un investimento di circa 1 miliardo. Chi paga? Tutti,dato che il costo sostenuto da Snam finirà in bolletta,ma sarà un aumento davvero basso:molto meno di un centesimo di euro per metro cubo di gas»

Nel 2013 Letta disse che il Tap avrebbe fatto ridurre le nostre bolLette del gas di 6 miliardi

segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.10.18 13:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ottimo "PIANTUMARE DUE ALBERI A TORINO"

MA la Ministra dell'Ambiente non sa fare di meglio?

Mi ha dato tanto un'impressione di lieve pena leggere questa notizia. A fronte dei TANTI DANNI AMBIENTALI in cui è immersa L'Italia e non da ora.

Mi ha dato tanto l'impressione di una ciliegina su una torta andata a male.


Perdonate se scrivo tutto maiuscolo perché in effetti VOGLIO GRIDARLO.

CARI PORTAVOCE 5STELLE E CARO CAPO POLITICO DI MAIO;
POTETE FARE E DIRE TUTTE LE COSE PIÙ BELLE DI QUESTO MONDO MA SE NON PASSANO IN TV È COME SE NON LE AVESTE MAI FATTE E DETTE.

PEGGIO SE PASSANO SOLO GLI ATTACCHI FALSI E STRUMENTALI SUL VOSTRO OPERATO.

ORMAI SI E CAPITO. È PASSATO L'ORDINE DI DISTRUGGERE QUESTO GOVERNO E SOPRATTUTTO I 5 STELLE CON OGNI MEZZO. LECITO E ILLECITO CHE SIA.

E FOA NON STA FACENDO NIENTE PER IMPEDIRE QUESTA DERIVA DI DISINFORMAZIONE!

INFATTI NEI TG LASCIA ANCORA CHE "L'ULTIMA PAROLA"(QUELLA CHE PIÙ DEL RESTO ORIENTA POLITICAMENTE I TELESPETTATORI)SIA ANCORA A FORZA ITALIA E PD.

SVEGLIATEVI!!!!!

E PRENDETE DI PETTO E SUBITO LA QUESTIONE "INFORMAZIONE". IN TV E GIORNALI!



Come mai gli ultimi governi dei sapientoni non hanno mai arginato questo fenomeno?
Lo facevano per i nostri figli??
La classica frase del BELIN!
A riveder le stelle
Grazie Elevato

Giuseppe V. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 30.10.18 12:56| 
 |
Rispondi al commento

In Veneto il 70% del pm10 e del pm2,5 viene prodotto dalla combustione di biomassa legnosa per riscaldamento domestico. Bisogna tassare i pellet con un'accisa. Più si inquina più si paga. Invece scaldare una casa con pellet costa meno della metà che a metano. Solo intervenedo sui riscaldamenti domestici si risolverà la questione. L'inquinamento da pm10 e pm2,5 da automobili è marginale e si limita a quello dei motori diesel

michele schiavinato Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau 30.10.18 12:51| 
 |
Rispondi al commento

bene gli alberi ma sono un tampone anche quello, ci vogliono auto eletriche , colonnine di ricariche , pannelli solari, colletori solari,pompe di calore ecc. ecco i provvedimenti impopolari

sergio procopio, musso Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 30.10.18 12:36| 
 |
Rispondi al commento

Giornalisti del caxxo,

invece di cercare di incolpare per tutto quello che vi passa per la testa il Movimento 5 Stelle,

perchè non fate inchieste per smascherare chi inquina, che incendia le discariche, quali sono le amministrazioni colpevoli.

W M 5 * * * * *

Vincenzino A., Verona Commentatore certificato 30.10.18 12:27| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna far circolare l'aria, smantellare le colline sopra Genova e far entrare l'aria che fa circolare quella stagnante in Val Padana.

Bruno De Luise 30.10.18 12:24| 
 |
Rispondi al commento

Per fermare l'inquinamento in Emilia Romagna urge fermare la Regione che nulla fa da tempo, anzi si continua a costruire supermercati, cementificare ed incrementare la solita vecchia economia dell'edilizia ormai obsoleta ed inutile. Risultato: aumento del traffico nei centri urbani, nessuna progettualità in termini di piste ciclabili e mobilità sostenibile. Impedire la circolazione dei deasel euro 4, serve solo a scaricare sul consumatore finale il problema. Vanno create le condizioni vere per spostamenti alternativi alle vetture. Oltre ad abolire le Province che ancora stanno lì, andrebbero riviste le autonomie Regionali...fanno più danni che benefici, oltre a fagocitare denaro pubblico.

Carol 30.10.18 12:10| 
 |
Rispondi al commento

In effetti, come ha detto qualcuno, due giorni di stop alle scuole di Roma, sono stati giorni di ferie in piu' per i docenti............. solo che hanno inguaiato mamme-lavoratrici

Er Caciara............ Commentatore certificato 30.10.18 12:08| 
 |
Rispondi al commento

OT Roma-Raggi:
Stadio della Roma, chiusa l’inchiesta su Parnasi: rischio processo per 20 persone tra cui Luca Lanzalone e alcuni politici

Nell’inchiesta dei pm della Capitale sono coinvolti anche Luca Lanzalone, ex presidente di Acea, e diversi politici tra cui Adriano Palozzi, all’epoca dei fatti vicepresidente del consiglio regionale del Lazio per Forza Italia, Michele Civita, ex assessore regionale e attuale consigliere del Pd, Davide Bordoni, consigliere capitolino di Forza Italia e il soprintendente ai beni culturali di Roma, Francesco Prosperetti

di F. Q. | 30 ottobre 2018

^^^^
ecco questo è veramente colpa della Raggi e del Movimento!
Finalmente!

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 30.10.18 12:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

quest'altra, 2 litri per 100 km., esiste gia' ora, va solo resa pubblica, utilizzata, e non boicottata e nascosta.

le soluzioni ci sono, e solo i 5stelle possono portare avanti certi progetti (come ad esempio lo sblocco e l'uso dei 150 miliardi fermi per troppa burocrazia o perche' "non si sa come spenderli"), in questo caso tutti made in italy.

carlo 30.10.18 11:56| 
 |
Rispondi al commento

sentivo alla radio che da qualche parte in italia e' stato inventato un nuovo sistema di produzione di biogas molto piu' vrloce, si parla di ore, di quello anaerobico dei digestori attualmente in uso dove ci vogliono mesi.

altra cosa che i 5stelle dovrebbero fare e solo loro possono fare, ineressarsi e poi incentivare e usare le tecnologie vecchie e nuove che possano portare benefici ai cittadini.
anche qui' si tratta di un'invenzione made in italy che darebbe grandi benefici.

importante: non andarsi a infognare e perdere tempo e quindi opportunita' puntando il dito a destra e sinistra, casomai anche a sproposito, ma fare.

c'e' tanto da fare e ci sono anche le risorse.

carlo 30.10.18 11:44| 
 |
Rispondi al commento

FRANCESCO ERSPAMER
Mi pare ovvio che dopo gli imbarazzanti insuccessi a Piazza del Popolo,il Pd e le sue stampelle si siano ripiegati su Piazza del Campidoglio,che è piccolina e se quindi ci vanno mille persone,i Tg e La Repubblica(e pure la quinta colonna liberista di IFQ)possono moltiplicarle per 10 o 20 e parlare di folla oceanica.Mi pare anche ovvio che lo abbiano fatto in incognito,inventandosi fantomatici comitati cittadini(ma c’erano tutti,a farsi fotografare e a incontrare gli amici e gli amici degli amici)e che abbiano cinicamente cercato di cavalcare il risentimento popolare per l'assassinio a San Lorenzo,sembra per mano di spacciatori africani,cercando però di far credere che il degrado di Roma non vada imputato alle migrazioni incontrollate,al culto di denaro e successo,alla deregulation morale e culturale,al consumismo compulsivo,alla frammentazione sociale e alla crisi della famiglia e delle comunità,in sostanza al liberismo globalista patrocinato dai precedenti governi e accettato da chi li ha votati,bensì ai partiti populisti che cercano di resistere a liberismo e globalizzazione,e specificamente al M5S
In realtà il degrado è solo una scusa:l'unica ragione dell'accanimento della casta e dei suoi media contro l'amministrazione della Raggi è che ha tolto loro le Olimpiadi,la mangiatoia miliardaria su cui contavano.Detto questo,di sicuro i romani hanno collettivamente una grave colpa e l’hanno sempre avuta:quella di credere che vivere nella città più bella del mondo li esenti dal dovere civico dell’intransigenza,ossia di combattere quotidianamente i troppi furbi e stronzetti che ormai si sono abituati all’impunità,inclusi quelli che hanno manifestato in Campidoglio per tornare agli anni della loro cuccagna,in cui osceni guadagni personali, privilegi di casta e sprechi dovuti a incompetenza e superficialità hanno provocato il decadimento sociale e ambientale che fra enormi difficoltà il M5S sta oggi cercando di contrastare.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.10.18 11:41| 
 |
Rispondi al commento

Sono sicuro che il ministro Costa con un decreto legge, in cinque minuti, sanera' l'aria della pianura padana: elevera' i parametri di legge che regolano le polveri sottili per la felicità dei "prenditori leghisti" e degli ignoranti.

Del resto ha già sistemato i terreni padani e aiutato i "prenditori" delle industrie di depurazione autorizzandoli a spargere con i fanghi: idrocarburi e diossine e altre porcherie che alla lunga finiranno anche nelle falde acquifere e nei polmoni dei lavoratori.

Forse si poteva fare una moratoria obbligando i veri imprenditori ad adeguare gli impianti di depurazione (con aiuti statali?) in un breve arco di tempo a norme più stringenti e salutari.

Se non abbiamo coraggio, cambiamo mestiere.


Giuseppe belotti 30.10.18 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Un particolare normalissimo di inquinamento:mamme, nonne,zii ecc. che nelle grandi città e non solo alla mattina portano i bambini a scuola e li vanno a prendere, rigorosamente in auto! Registriamo il "Record-mondiale" di traffico, di inquinamento! Soluzione elementare da bambini forse 14enni. Spostamento degli Istituti scolastici in periferia all'interno di enormi fabbriche dismesse (ristrutturate a norma), uno scuola-bus elettrico che porta e riconsegna i ragazzini a colpi di 40 per volta (40 auto in meno al mattino e 40 in meno al pomeriggio). PERCHE' non è stato fatto? Chiedetelo ai "Lobbisti" dell'auto a Bruxelles !!!

Dall'Olio Ermes 30.10.18 11:32| 
 |
Rispondi al commento

3
Noi ci siamo battuti contro quest’opera. Se fossimo andati al Governo nel 2013 quest’opera non si sarebbe fatta, ci siamo arrivati nel 2018 dopo che il Pd e i governi precedenti hanno fatto accordi internazionali e firmato accordi con il Tap e questo genera una serie di miliardi di euro da sborsare che oggi lo F20Stato italiano non si può permettere.
Quando abbiamo fatto il contratto di governo abbiamo detto che il Tap sarebbe rientrato in uno studio costi-benefici. Abbiamo considerato che avremmo dovuto sborsare più di 20 miliardi che sono più di reddito cittadinanza e quota 100 messi insieme ed è logico che ai cittadini abbiamo dovuto dire la verità. Dire la verità ai cittadini non significa aver cambiato idea rispetto alla campagna elettorale. Significa arrivare ai ministeri, studiare le carte, studiare gli accordi e fare tutte le proiezioni di rischio per le casse dello Stato. Quelli di prima hanno blindato questa opera che resta non strategica e che si poteva evitare”.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.10.18 11:27| 
 |
Rispondi al commento

un'ottima iniziativa potrebbe essere riesumare rubbia e il suo progetto archimede.

le risorse potrebbero arrivare dai soldi dell'unione europea non spesi per mancanza di progetti (assurdita' a cui non ci crede nessuno). sarebbe cosi' a costo 0.

si fanno 2-3 centrali archimede in sicilia.

dai dati di rubbia il costo sarebbe sui 2-300 euro al metro quadrato (prezzo calcolato per il prototipo, scenderebbe se queste centrali entrassero a regime) e ogni metro quadrato di queste centrali darebbe energia equivalente a un barile di petrolio all'anno per almeno venti anni considerando la sua manutenzione.

3 centrali di 5 miliardi di euro l'una, 15 miliardi, ci sono, li abbiamo, sono li' da spendere, e anche solo se dessero l'energia per le strutture statali (ospedali, caserme, uffici, automezzi etcetc .) ci sarebbero grandi vantaggi in termini economici, volano per nuove tecnologie tutte made in italy, ecologici e occupazionali.

i soldi ci sono, quindi sarebbe a costo 0.

carlo 30.10.18 11:26| 
 |
Rispondi al commento

Il governo deve agire con forti incentivi alla rottamazione dei veicoli diesel è benzina . Puntare su gpl è gas. Pannelli fotovoltaici risparmio energetico stop alla cementificazione del suolo . Mettere fuori legge tutte le caldaie a carbone obbligarli alla riconversione a metano. Tutti i mezzi pubblici devono circolare con impianti a gas , metano , elettrico.

gianluigi f., pandino Commentatore certificato 30.10.18 11:25| 
 |
Rispondi al commento

2
dei cittadini. Le decisioni nel M5S si prendono sempre a maggioranza e per questo devono essere accettate da tutti i singoli componenti. Non possiamo rischiare che reddito di cittadinanza, superamento della Fornero, eliminazione delle pensioni d’oro, investimenti per le imprese, riaffermazione della nostra sovranità come Paese vengano rimessi in discussione perché qualcuno decide di fare un passo indietro di testa sua. In quel caso se ne assumerà le responsabilità. Vogliono dipingerci agli occhi degli italiani come gente che non rispetta le promesse e sminuendo, censurando o stravolgendo il senso di tutti i risultati raggiunti. Quando invece nel giro di 4 mesi e mezzo abbiamo portato a casa metà del programma elettorale votato da un terzo degli italiani. E scusate se è poco, anche se c’è ancora tanto tanto da fare prima di rendere questo Paese all’altezza dei nostri sogni. Questi vili attacchi da tutti i fronti esterni hanno varie conseguenze e state vedendo lo spread che si alza, i commissari Ue che sono uomini di partito che ogni giorno sparano contro l’Italia, le agenzie di rating che o abbassano il rating o parlano di ‘outlook negativo’ perché alla fine tutti sanno benissimo che i fondamentali dell’Italia sono solidissimi e che non abbiamo alcuna intenzione di uscire dall’euro. Questo attacco sconsiderato da parte di nostri concittadini capi di partito, direttori di giornali e burocrati, non sono solo contro il governo e contro il M5S ma contro tutta l’Italia. Anziché stare dalla parte del popolo che rialza la testa, hanno deciso di stare dalla parte delle élite.
Riguardo al Tap il risarcimento che lo Stato potrebbe dover pagare in caso di mancata costruzione è anche più alto di 20 miliardi. Noi ci siamo battuti contro quest’opera. Se fossimo andati al Governo nel 2013 quest’opera non si sarebbe fatta, ci siamo arrivati nel 2018 dopo che il Pd e i governi precedenti hanno fatto accordi internazionali e firmato accordi con il Tap

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.10.18 11:20| 
 |
Rispondi al commento

1
FQ- DI MAIO
“Vili attacchi contro di noi, restiamo compatti come una testuggine romana. Chi attacca M5s attacca l’Italia.
Siamo seduti dalla parte giusta della Storia e se avanzeremo insieme compatti anche la vittoria di questa battaglia sarà nostra ma dobbiamo essere compatti. Molto compatti. Fusi insieme. La questione che scotta di più, al momento, è quella del Tap. Ai cittadini abbiamo detto la verità. Resto contrario, opera non strategica"
I dubbi dell’Europa (e non solo) sulla manovra, la manina che inserisce condoni e scudi nel decreto fiscale, il Tap che s’ha da fare senza tante storie. Mentre il Movimento 5 stelle deve fare i conti con i malumori della base e i “vili attacchi” che provengono dall’esterno, Luigi Di Maio calca l’elmetto e scende in trincea, anche se solo dal punto di vista verbale, per difendere l’operato del governo.
“Oggi nel nostro esercito alcuni stanno dando segni di cedimento e visto che tra di noi siamo in famiglia è bene che queste cose ce le diciamo. Questi cedimenti non ce li possiamo permettere. Non possiamo permetterceli come M5S, non possiamo permetterceli come governo e soprattutto non possiamo permetterceli come Italia. Tutto quello che stiamo facendo rispetta i 20 punti che abbiamo presentato in campagna elettorale,quello che abbiamo votato su Rousseau e i nostri principi. Non permetterei mai che passasse qualcosa contrario ai nostri valori e mi sembra di averlo dimostrato perché appena ho visto la manina sul decreto fiscale,ho fatto il diavolo a quattro e abbiamo rifatto il consiglio dei ministri per sistemare le cose per come dovevano essere.Quindi non passerà mai nulla che vada contro i principi del MoVimento.Qualcuno di noi però si sta prendendo a cuore alcune cose,alcuni dettagli che sollecitano una loro sensibilità individuale,non un nostro valore comune.
Ogni singolo problema va affrontato e anche le sensibilità di ognuno hanno un grande valore,ma mai al punto di mettere in discussione il supremo bene collettivo

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.10.18 11:13| 
 |
Rispondi al commento

Questi sono i risultati di una inciviltà che guarda al "benessere" peronale e non alla qualità della vita di tutti.
I padani rappresentano bene questa inciviltà ..... diciamo che in un certo senso hanno quello che hanno costruito nei decenni.

mzee.carlo 30.10.18 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Io sono drastico, chiudiamo tutte le industrie e ritorniamo tutti a zappare la terra

Massimo Valeri, Perugia Commentatore certificato 30.10.18 11:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I sistemi attualmente usati per il riscaldamento e raffrescamento delle abitazioni partecipano in modo rilevante allo smog inteso come emissione di polveri, CO2, ecc.
Un approccio sicuro oltre che strategico è l'utilizzo della geotermia a bassa entalpia a circuito chiuso che nel caso delle abitazioni datate può venir risolto con pannelli radianti posti al soffitto delle stanze (per irraggiamento).
Il circuito chiuso permette l'assenza di emissioni tanto in aria che nel sottosuolo.
Il sistema prevede una pompa di calore geotermica la cui caratteristica principale è quella di avere un Cop molto favorevole che potrebbe funzionare con l'energia derivante da una modesta serie di pannelli fotovoltaici.
L'argomento è all'attenzione del ministero per l'ambiente, sarebbe prioritario renderlo operativo prima possibile.
Le mancate emissioni ed il risparmio nella bolletta energetica nazionale sarebbero grandemente significativi.

mauro bertoni, Trieste Commentatore certificato 30.10.18 11:05| 
 |
Rispondi al commento

tutt'italia è inquinata,io abito in valle camonica è inquinatissima e poi i rumori di fabbriche e centraline ecc, facciamo schifo

anna quercia, piancogno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 30.10.18 11:03| 
 |
Rispondi al commento

Infatti à Bologna stiamo aspettando la soluzione al passante di mezzo del Ministro Toninelli, se sarà in funzione della salute o delle infrastrutture inquinanti o del l'impotenza della politica di fronte a questi temi,come già ampiamente dimostrato dall'attuale governo della città.
Qui ci si gioca un sacco di voti! Forza e coraggio!

Roberto Montanari 30.10.18 11:01| 
 |
Rispondi al commento

Il Pd vuol candidare Schettino, Lula e Mimmo Lucano. Non c'è che dire che il suo senso di legalità e di pacificazione
è alquanto deficitario. A questo punto, se il criterio con cui sceglie i suoi candidati è il clamore che destano sulla cronaca, possiamo consigliarli le 5 bestie di San Lorenzo.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.10.18 11:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il comportamento controverso di gran parte degli abitanti del nostro Paese è determinato da una conflittualità operante in una democrazia, aggiungo personalmente: ridotta alla funzione di paraninfa in un contesto plutocratico. Credo che ciò sia stato determinato soprattutto da esigenze partitocratiche ove l'accaparramento anche dei facili consensi, trasformati in voti, sono stati la prima necessità delle suddette, con risultati sconcertanti. Tali accaparramenti hanno determinato abitudini di un popolo a comportamenti tali ove ingiustizie e degrado, sotto tutte le varie specie, imperano e dove lo stesso popolo si trasforma in:” chi la vuol cotta e chi la vuol cruda” generando caos a favore del sistema globalizzante. Fare degli esempi comporterebbero lunghi elenchi ad iniziare in parte dai condoni, dall'abusivismo edilizio, dalla corruzione, droga, migranti non regolamentati, criminalità varie, servizi pubblici carenti ecc. Tale Paese, secondo me, difficilmente ne può venire fuori in quanto cronicizzato. Solo leggi più severe ed un vero esecutivo possono modificare determinati comportamenti tali, però creano “scontento necessario”. La questione in Puglia per Trans Adratic Pipeline che deve portare in Europa il gas dell'Azerbaigian ne è l'esempio, così come l'altra questione del Tav di Torino. Infine, le varie colpe sono peraltro del sistema economico che ci è stato imposto in cui economisti, politici, informazione, compresi alcuni organi di stampa, sono al servizio delle suddette plutocrazie. Necessiterebbero per il Paese, enti pubblici economici che purtroppo non sono accetti dal sistema privatistico globalizzato, tanto meno una economia pianificata mista.
Roberto C. Roma

Roberto C. Roma 30.10.18 11:00| 
 |
Rispondi al commento

Giustissimo cambiamo rotta!! Sperando di non aver già superato il tempo massimo
Avanti tutta energie rinnovabili, auto elettriche
NO A CARBONE PETROLIO GAS
Utilizziamo oltre il Sole, il Vento anche il MARE e' una inesauribile fonte di energia

Grazie per l'impegno non arretrate siamo con Voi

Laura F., Terni Commentatore certificato 30.10.18 10:50| 
 |
Rispondi al commento

Il Pd non pone fine ai suoi macelli Dopo aver candidato Lula ora discute se candidare Mimmo Lucano.
Intanto sulle candidature a segretario del partito e sul programma non si sa ancora che pesci prendere.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.10.18 10:47| 
 |
Rispondi al commento

Vento spaventoso e piogge sui tutta Italia. A Roma decime di alberi abbattuti. Ma gli idioti chiedono le dimissioni della Raggi che ha tenuto chiuse le scuole. Se le avesse tenute aperte e fosse successa una disgrazia a uno di questi bambini, cosa avrebbe chiesto? La pena di morte?

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.10.18 10:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ci sono forti probabilità che la famosa xilella, la malattia degli olivi che ha costretto ad abbattere miglia di olivi del Salento sia una bufala diffusa ad arte per preparare il terreno all'abbattimento degli olivi sugli 8 km del Tap.
Svolta nell’inchiesta della Procura di Lecce sulla diffusione del batterio Xylella. Sono dieci i nomi che sono stati iscritti sul registro degli indagati.
c’è anche Giuseppe Silletti, comandante regionale del Corpo Forestale.
Avremo mai la speranza di sapere la verità?
E' colpa dei 5stelle anche questo?

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.10.18 10:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fabio Lari:
Sky tg24:"Calano i rendimenti dei titoli di Stato!"
Dire che lo spread è sceso,faceva brutto..e ne dava un'accezione troppo positiva.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.10.18 10:29| 
 |
Rispondi al commento

Di Maio può dire benissimo che quelle carte , non erano a disposizione dell'opposizione e quindi
la campagna elettorale è stata fatta in base a quello che era il contratto reso pubblico..

di questa merda ce n'è a vagoni e la con la lega che faceva (fa ?)parte del sistema e ci sguazzava ...

è faticoso spalarla

Nello1 R., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 30.10.18 10:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ovviamente, mentre, quando lo spread è salito, i media sono esplosi in terrorismo e allarmismo, ora che è sceso, che i bond a sei mesi sono andati a ruba senza aumenti significativi dei tassi, che Piazza Affari va a gonfie vele e che le quotazioni delle banche italiane in borsa sono salite, i cari media truffaldini sono stati ben zitti.
.
La differenza etica e politica tra noi e gli altri partiti è abissale, tanto gigantesca che mi chiedo quanto gli italiani siano plagiati dai media per non capirlo e attendo con ansia un giro di vite su questa propaganda massiccia e deviante che mi sembra non arrivare mai. La cosa terribile è che mi pare di aver capito che le tre reti Rai saranno divise tra M5S. Lega e Ps. Ma, visto che il Pd ha anche a suo favore le tre reti di Berlusconi e La7 di Cairo e è sceso al 17% mi chiedo che razza di divisione sia. Avremo sempre una prevalenza di voci contro di noi. Ma, malgrado questo, quanto ci mette il M5S a fare questa riforma della Rai? A quel che sento anche il contratto di Fazio è stato rinnovato ed è una vera indecenza.

Arsenale k
"Spread in area 290. Piazza Affari accelera, sprint delle banche".

Lo spread è mobile
qual piuma al vento
muta d'accento
e di pensier.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.10.18 10:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da una parte belle parole, dall'altra i fatti, cioè il via libera ai fanghi di depurazione del decreto Genova.

Paola b. 30.10.18 10:18| 
 |
Rispondi al commento

Può darsi che Di Maio abbia le sue idee nere. E' comprensibile. Già il fatto che resista avendo contro tutti è una specie di miracolo.

Casaleggio disse: "Ve l'avevo detto che non sarebbe stato facile ma resisteremo"

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.10.18 10:13| 
 |
Rispondi al commento

ottimo,la medicina e': favorire la combustione e quindi il gasdotto cosi' ci riempiamo di disponibilita' di gas per 50 anni a costi agevolati per il passaggo verso l'europa; bene andiamo avanti cosi'!

giampaolo gottardo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 30.10.18 10:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

3
Anzitutto, se ha ragione la Procura di Roma che fa esultare la famiglia di Rignano ed è sempre stata additata come seria, giusta, equilibrata al contrario di quella di Napoli, non solo papà Tiziano è un bugiardo. Ma lo è pure suo figlio Matteo, che nelle telefonate private diceva di non credergli (“Non dire bugie, non ti credo”), ma in pubblico giurava sulla sua parola come sul Vangelo. E per quasi due anni ha calunniato il Fatto (nel silenzio delle altre redazioni che ora scoprono la libertà di stampa), chiamandoci “Falso quotidiano” e accusandoci di campagne diffamatorie per far cadere il suo governo (che fra l’altro era già caduto da solo). Bene: le sue erano tutte balle, noi abbiamo scritto solo fatti veri. Ora dovrebbe scusarsi e ringraziarci per avergli sempre spiegato chi erano suo padre e i suoi amici. Ma lui lo sapeva benissimo: poche settimane dopo le soffiate che avevano rovinato l’inchiesta e che i pm “buoni” attribuiscono ai renziani Del Sette, Lotti, Vannoni e Saltalamacchia, Renzi impose la promozione di Lotti da sottosegretario a ministro di Gentiloni e difese a spada tratta Del Sette. Il quale, sebbene indagato, fu rinominato da Mattarella e Gentiloni al vertice dell’Arma che doveva indagare anche su di lui e che lui era accusato di aver tradito per compiacere il Giglio Magico. Anche Vannoni e Saltalamacchia restarono ai loro posti, mentre il Pd chiese e ottenne la testa di Marroni, non indagato, ma reo di un delitto imperdonabile: aveva detto la verità sulle talpe che l’avevano avvertito delle cimici in Consip. I bugiardi e gl’indagati premiati, il testimone attendibile cacciato con ignominia, il Fatto che scriveva la verità calunniato. Questa era, secondo la Procura “buona”, la cricca dei Renzi che si era impossessata del governo. Qualunque cosa accada, nessuno la rimpiangerà.

di Marco Travaglio | 30 ottobre 2018

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.10.18 09:59| 
 |
Rispondi al commento

2
I fatti, a prescindere dalle decisioni del gup e poi dall’esito del processo, son quelli che abbiamo raccontato fin dal primo giorno. Anche nel caso in cui Tiziano Renzi fosse davvero archiviato: gli stessi pm lo descrivono come autore di dichiarazioni “largamente inattendibili”, cioè come un bugiardo matricolato, che mentì loro a verbale giurando di non aver mai incontrato l’imprenditore Romeo, interessato all’appaltone Consip. Invece probabilmente lo incontrò almeno una volta nel luglio 2015, in un bar di Firenze. Risulta incrociando le “celle” degli smartphone dei due. Ed era già chiarissimo dalle telefonate di Romeo (che descriveva a Russo l’abbigliamento e il carattere di papà Renzi).
Ma anche dalla testimonianza dell’ex tesoriere del Pd napoletano Alfredo Mazzei (a cui Romeo aveva raccontato l’incontro, che lui però situò in un’osteria romana anziché nel bar fiorentino). Purtroppo i pm rimuovono quel che accadde subito dopo quel tête-à-tête: Romeo chiamò la sua segretaria per farsi rinfrescare la memoria sull’appalto Consip sulle Grandi Stazioni, probabile oggetto del colloquio. Altrimenti non potrebbero salvarlo e considerare il suo galoppino Russo come un volgare millantatore che spendeva il suo nome a destra e a manca senza esserne autorizzato. Tesi già traballante di suo: prima la stessa Procura ammette che fu proprio papà Tiziano a presentare e raccomandare Russo all’ad di Consip Luigi Marroni; poi però conclude che Russo millantava di poter arrivare a Marroni tramite Renzi sr per favorire Romeo, che si bevve tutto senza verificare nulla e, in cambio, gli promise “5mila euro ogni due mesi e 30mila euro al mese asseritamente destinati a Renzi” padre. Ma di queste e altre incongruenze (vedi pag. 2 – 4), volendo, potrà occuparsi il gup: le richieste di archiviazione si possono anche respingere, ordinando nuove indagini o addirittura l’imputazione coatta.
Qui restano da affrontare gli aspetti politici ed etici dello scandalo.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.10.18 09:58| 
 |
Rispondi al commento

1
ERA TUTTO VERO- 30 ottobre 2018. Marco Travaglio.

Poco più di 20 mesi fa il Fatto svelava, con una serie di scoop di Marco Lillo, lo scandalo Consip: cioè i traffici di vari uomini dell’entourage renziano per pilotare il più grande appalto d’Europa (roba da 2,7 miliardi) presso la centrale unica d’acquisto del Tesoro; e le fughe di notizie istituzionali di chi aveva avvertito i protagonisti dell’affaire su indagini e intercettazioni in corso, rovinando l’inchiesta della Procura di Napoli e del Noe proprio alla vigilia del probabile pagamento di tangenti. Era il 21 dicembre 2016 e si era appena insediato il governo Gentiloni, dopo la rovinosa caduta di Renzi al referendum costituzionale del 4 dicembre. Ora la Procura di Roma, che in quei giorni aveva ereditato per competenza il fascicolo dai pm napoletani Woodcock e Carrano, ha chiuso le indagini. Per Tiziano Renzi, indagato per traffico d’influenze illecite, ha chiesto l’archiviazione. Invece per gli altri inquisiti eccellenti, cioè per l’ex ministro dello Sport Luca Lotti (favoreggiamento), l’ex comandante dei Carabinieri Tullio Del Sette (rivelazione di segreto d’ufficio), il comandante dell’Arma tosco-emiliana Emanuele Saltalamacchia (favoreggiamento), l’imprenditore Carlo Russo (millantato credito) e l’ad di Publiacqua Filippo Vannoni (favoreggiamento), intende chiedere il rinvio a giudizio. Così come per l’ex maggiore del Noe Giampaolo Scafarto (falso, rivelazione di segreto e depistaggio) e l’ex colonnello Alessandro Sessa (depistaggio), indagati il primo per aver passato notizie segrete a Lillo (che l’ha sempre negato) e all’Aise e per alcuni errori in un’informativa (in buona fede secondo la Cassazione, in mala fade secondo i pm) ed entrambi per aver tentato di sviare le indagini.
Noi, in attesa che il Gup decida, possiamo dire nella massima serenità di aver informato correttamente i lettori, con notizie pubbliche e segrete, ma sempre vere.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.10.18 09:57| 
 |
Rispondi al commento

ot

scampoli di tria... il ministro delle finanze eh non un irresponsabile grillino che vuole distruggere il paese

“Da economista avrei chiesto il 2,5 perché credo serva contrastare un rallentamento dell’economia ”. “Per il reddito di cittadinanza è stata stanziata una cifra inferiore che per gli 80 euro, quelli erano 10 miliardi, questi 9”“Lo spread deriva da un’incertezza politica, perché non c’è una manovra di rottura dei conti pubblici che lo giustifica"

insomma tanto rumore per nulla, solo critiche fatte tanto per fare... a prescindere, chissà perchè

pabblo 30.10.18 09:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori