Il Blog delle Stelle
Con le norme sui fanghi in agricoltura rendiamo più sicuro il nostro cibo

Con le norme sui fanghi in agricoltura rendiamo più sicuro il nostro cibo

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 81

Storicamente in agricoltura si è utilizzato il concime derivante dalle deiezioni umane ed animali. Anche oggi come fertilizzante si usano i fanghi che derivano dalla depurazione degli scarichi fognari delle nostre case e dell’industria agroalimentari. Niente di chimico o di fortemente impattante dunque. Fino a qualche mese fa nessuno si preoccupava del contenuto potenzialmente inquinante di questi fanghi: non esisteva un limite normativo alla concentrazione di idrocarburi.

Il Governo del cambiamento, intervenendo a seguito di una sentenza del Tar Lombardia che bocciava i limiti troppo poco stringenti posti dalla giunta regionale, è intervenuto per superare l’emergenza che tale pronuncia aveva creato. Nel decreto Emergenze in discussione alla Camera è stato previsto un limite alla concentrazione agli idrocarburi e a molte altre sostanze inquinanti tenendo conto dei pareri espressi dall’Istituto Superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) e dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss). D’ora in poi, dunque, l’uso di questi fanghi sarà sicuro e sottoposto a controlli rigorosi.

di Sergio Costa, ministro dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare

In questi giorni c’è un gran parlare di fanghi. Leggo informazioni confuse e alcune non corrispondenti al vero. È necessario, quindi, fare chiarezza. Non parliamo di fanghi industriali! Parliamo solo ed esclusivamente di fanghi provenienti dalla depurazione delle acque reflue derivanti da scarichi civili e da insediamenti produttivi dell’agroalimentare.
È necessario normare questi fanghi, in quanto fino ad oggi non sono mai stati adeguatamente controllati, e nelle maglie larghe di questa normativa non completamente aggiornata con le attuali conoscenze scientifiche, nei campi potevano finire anche sostanze inquinanti.

Data la loro composizione, gli idrocarburi presenti nei fanghi non sono necessariamente pericolosi, basti pensare, ma solo ad esempio, che quelli naturali sono contenuti nel burro, nel grasso delle carni o nell’olio d’oliva, tutti prodotti di uso alimentare quotidiano.
A essere pericolosi sono solo determinati idrocarburi di origine minerale, come ad esempio gli IPA, abbreviazione di idrocarburi policiclici aromatici. Questi sì che vanno individuati e misurati proprio per evitare che criminali senza scrupoli possano spandere qualunque cosa nei campi, come potenzialmente poteva avvenire prima, senza che nessuno avesse mai gridato allo scandalo.

Nell’articolo 41 del decreto “Genova e altre emergenze” sono stati attribuiti dei parametri agli idrocarburi e nel successivo lavoro parlamentare di questi giorni il testo è stato migliorato inserendo altre sostanze specifiche come diossine, furani, selenio, berillio, cromo, arsenico e altri microinquinanti pericolosi come toluene e Pcb.
Tutte queste sostanze servono a “marcare” la qualità del fango, e a capire se la sua provenienza è dubbia. Infatti questi parametri servono come riferimento perché, qualora fossero individuati dai controlli delle agenzie ambientali regionali, le Arpa, dall’Ispra o dalle forze di polizia, permetteranno di scoprire l’esistenza di un inquinamento e ad individuarne il colpevole.

Ecco che la norma serve a proteggere il cittadino e non, come troppe volte si è scritto, ad avvelenarlo.

Non è l’autorizzazione ad inquinare, ma l’esatto contrario. L’articolo 41 e le successive integrazioni parlamentari servono a bloccare chi fino ad oggi ha sparso veleni nei campi.
Il valore individuato per gli idrocarburi (naturali o minerali) è pari a 1000 mg/kg. Basti pensare che quello proposto dalla regione Lombardia in un decreto, poi bloccato dal Tar, era 10.000. Quindi anche in questo caso parliamo di un miglioramento.
C’è chi critica la norma nuova paragonando il valore fissato ai 50 mg/kg indicati per i terreni dalla Corte di Cassazione. Ma è come mischiare le pere con le mele. Stiamo parlando di due cose diverse!
Da una parte c’è il fango, dall’altra il campo. E il fango non va sparso così com’è nel terreno quindi quel valore riscontrato nel rifiuti trasformato in fertilizzante non si ritroverà mai una volta sparso, nei campi.

Anche perché ci sono dei paletti allo spandimento stabiliti per legge: secondo il decreto legislativo 99/92 l’agricoltore può cospargere fanghi per un massimo di 15 tonnellate per ettaro in tre anni, cosa accettata da 26 anni da tutti, perché ragionevole, e gli stessi agricoltori non se ne sono mai lamentati. Altri divieti riguardano terreni soggetti a esondazioni, con falda affiorante, destinati al pascolo o a colture foraggere nelle 5 settimane antecedenti il pascolo o la raccolta. Tutti questi limiti servono solo a proteggere e a tutelare. Altro che avvelenare, altro che esperimenti chimici su tutti noi!
Questi fanghi sono ricchi di sostanze organiche e vengono usati come ammendanti: è lo stesso concetto del compost che anche a casa possiamo realizzare. Chi mischia i valori dei fanghi con quelli del suolo o ignora completamente ciò di cui parla o è in cattiva fede.
Al centro della nostra azione di governo c’è il benessere dell’ambiente e del cittadino: è il nostro - e il mio - faro e mai potremmo perderlo di vista.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

24 Ott 2018, 14:58 | Scrivi | Commenti (81) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 81


Commenti

 

Per quanto possa valere, vi consiglio di non partecipare più ad alcuna trasmissione televisiva della Rai, Mediaset e soprattutto La7. Smettetela di essere interrotti, vessati, maltrattati da gente prezzolata e intellettualmente disonesta. Voglio vederli quando se la canteranno tra loro, quanti ascoltatori avranno.
Cari saluti.
Orietta e Silvestro Pampolini

SILVESTRO PAMPOLINI, BORGHETTO SANTO SPIRITO Commentatore certificato 01.11.18 11:35| 
 |
Rispondi al commento

Per quanto possa valere vi consiglio di non partecipare più ad alcuna trasmissione televisiva(La7, Mediaset, Rai). E' sotto gli occhi di tutti quanto siete maltrattati, vessati, bloccati nelle risposte ecc. da presentatori prezzolati, in malafede e intellettualmente disonesti.
Non fateci più soffrire.
Cari saluti.
Orietta e Silvestro PAMPOLINI

SILVESTRO PAMPOLINI 01.11.18 11:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Più sicuro il nostro cibo con la diossina ??????

Paolo Barbagli, Riva del Garda Commentatore certificato 31.10.18 00:10| 
 |
Rispondi al commento

Se non impedite di avvelenare la terra sarà difficile per me e per tutti quelli che ho convinto della bontà del vostro programma, a rivotarvi. Nemmeno il PD o gli ex-centristi avrebbero fatto una cosa del genere.

Gianluca F. Commentatore certificato 29.10.18 16:01| 
 |
Rispondi al commento

Il cibo . con il consenso delle autorità europee, è diventato sempre più pieno di additivi e ingredienti di dubbia qualità, provenienti dalle agricolture e allevamenti intensivi sopratutto, guarda caso, nordeuropei e nordamericani. Carni che non sanno più di nulla, farine del tutto insapori e inodori con cui si fa pane e pasta che non sanno di nulla e probabilmente non contengono quei nutrienti fondamentali che dovrebbero contenere. Nelle ultime settimane, essendomi accorto che il thè che usavo non sapeva di nulla (il sapore ce lo mette l'aspettativa e la fantasia di chi beve), ho provato vari altri tipi, anche costosi, con le loro belle confezioni studiate per farti credere quel che non è, ma non ho trovato nulla che si avvicinasse alle incredibili fragranze dei soli due the disponibili nella mia infanzia: the Star e the Ati (oggi anche loro non sono un granché, ma almeno costano poco). Chissà se qualche grande multinazionale si è inventata che, prima di confezionarlo in bustine, si possa estrarre gran parte delle essenze per usarle nei the in bottiglia. Draghi stampa soldi come un volgare falsario per darli alle banche e, a cascata, al grande business internazionale, e loro ci ricambiano con prodotti fake.
Buona fortuna a tutti noi.
Forza Ministro Costa, c'è tanto da fare!

Enzo Rossi 28.10.18 12:26| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo sarebbe anche lodevole provare a "gestire" la situazione, che a molti di noi appare ogni giorno di più fuori controllo. E' evidente che i depuratori o gli inceneritori sono una risposta tecnico-scientista che NON risolve il problema, ma lo sposta soltanto, magari lo concentra (come nel caso dei fanghi o delle ceneri). Se io potessi scegliere, non mangerei MAI cibo cresciuto su quei campi "concimati" con quella roba da decenni! Non si tratta del buon vecchio letame dalla piccola stalla di famiglia! Il discorso che si fa si basa sui limiti di legge (che servono a far entrare nel cibo sostanze estranee) e sul principio della diluizione (tanto l'universo è infinito...): è come ammettere che si metta una puntina di cucchiaino di cacca in un pentolone di polenta, che vuoi che faccia, tanto chi se ne accorge?. La razionalità tecnico-scientifica applicata al cibo ha prodotto questo: grandi quantità di cibo di bassa qualita (per carità, supercontrollato e sicuro che in pochi mesi o anni non ti uccide...), pieno di robacce di ogni tipo (diluite), che in pratica sembra avere la funzione di riciclare immondizia attraverso noi che lo mangiamo. Buon appetito a chi piace questa roba, ma io non sarò mai della partita.

Enzo Rossi 28.10.18 11:54| 
 |
Rispondi al commento

Siccome non avevo letto bene l'articolo , allora dico agli scienziati dell' Ispra e dell' Iss. oltre che al Ministro Sergio Costa, ministro dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare, che siete invitati, a mie spese, ad assistere al lavoro di spargimento e, DOVETE stare li per almeno due minuti.

Antonio Longobucco Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 27.10.18 17:33| 
 |
Rispondi al commento

Non avevo visto ancora questo argomento e ne sono molto contento.AMMETTERE QUESTI FANGHI COME CONCIME , DEVONO SOLTANTO VERGOGNARSI. VENITE NELLA PIANURA PADANA NEL TRIANGOLO PAVIA-CREMONA-LODI. MI MERAVIGLIO DI TONINELLI CHE ABITA A CREMONA (penso che Crozza abbia ragione su di lui). Per tutti gli altri che non abitano nella pianura e che non sanno cosa sono questi fanghi , vi invito a fare un giro, e senza eufemismi portatevi dietro una maschera antigas. MI MERAVIGLIO DEL MOVIMENTO CHE ACCETTA QUESTO SCHIFO.

Antonio Longobucco Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 27.10.18 17:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io nn sono molto felice che il concime utilizzato in agricoltura contenga deiezioni UMANE, completo di batteri e virus UMANI. Non si tratta tanto di metalli pesanti e idrocarburi,ma agenti potenzialmente infettivi ....

Marina 26.10.18 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Spiegazione per nulla convincente (dal punto di vista chimico e non solo). Fischi per fiaschi. Mi spiace che pensiate che gli Italiani siano così sciocchi da crederci.

Giovanni Salis 26.10.18 10:53| 
 |
Rispondi al commento

Informazione/disinformazione...la faccenda si chiarirà un po' alla volta, e intanto l'opinione pubblica ha preso coscienza di un problema (l'inquinamento dei suoli) che dipende dall'opinione pubblica stessa.
I limiti fissati per me sono alti, per un imprenditore agroalimentare con un depuratore obsoleto sono pazzescamente bassi, e gli causeranno danni economici.

Per voi come sono?

Quando in città c'è il blocco dei veicoli inquinanti come vi comportate?

Se vedete qualcuno che abbandona rifiuti (anche pericolosi) in campagna che fate?

Dove mettere gli oli esausti o bruciati e i resti di solventi o vernici?

Sapete che il blocco degli inceneritori sta allargando la strada allo smaltimento illegale organizzato?

Alessandro Albanese, Trieste Commentatore certificato 26.10.18 10:25| 
 |
Rispondi al commento

Quando ho sentito raccontare la notizia ero incredulo, mi sembrava un paradosso rispetto alle idee per cui avevo riposto una delle l'ultime speranze nel Mov......
Benissimo Ministro per la spiegazione sul blog e, ora bisogna andarlo a spiegare anche a crozza di persona, che come satirico mi sembrava "onesto" ma, come al solito, la fonte a ordine sparso da cui attinge l'emerito comico è sempre la stessa, carta st...faccia.
Comunque mi auguro almeno che abbiamo iniziato un opera di sensibilizzazione dei produttori di cartaccia a informare meglio i cittadini e fare le pulci ai politici su tutti i commi delle loro sempre intricatissime legiferazioni :-)

Alberto R. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 26.10.18 07:12| 
 |
Rispondi al commento

Non vi scappa nulla le avete pensate tutte complimenti !!! Io darei anche più incentivi ai coltivatori x la produzione di piantagioni utili è adatti a debellare la plastica ed altri componenti inquinanti che si possono sostituire in natura incentivare la ricerca x avere il nostro pianete pulito.

rosaria marsano Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 25.10.18 21:37| 
 |
Rispondi al commento

Insomma come la mettiamo con questa storia degli idrocarburi?? Non si capisce un tubo
In questo blog c è solo tanta gente che spara notizie prese qua e là, prima una cosa è vera poi falsa..cosa dobbiamo pensare? La confusione crea maggiore incertezza.


Sono vostro sostenitore ma questa volta siete fuori strada. A fronte di un problema enorme di cui nessuno parla, emerge la totale inadeguatezza del nostro paese a trovare una collocazione dei fanghi di depurazione. Pensare che i fangi provenienti dal trattamento degli scarichi civili siano esenti da pericoli è una pia illusione basti pensare a tutti i composti chimici che vengono impiegati per uso domestico, ai farmaci, agli ormoni anticoncezzionali, agli antibiotici a tutte quelle sostanze che fanno parte del nostro stile di vita sconsiderato e consumista. Tali sostanze si fissano sui fanghi e dopo spandimento sui terreni vanno a contaminare le colture e le falde acquifere. La realtà è che non si sa più dove smaltire questi rifiuti, gli impianti di incenerimento sono insufficienti, le discariche sono sature e quindi lunica solluzione per non far collassare gli impianti di depurazione è quella di spanderli sui terreni attribuendogli caratteristiche di ammenanti agricoli attraverso una normativa modellata su alcune caratteristiche inquinanti ed omettendone deliberatamente altre. La Svizzera dal 2003 ha proibito in modo assoluto lo spandimento dei fanghi sui terreni cioè da quando ha ipotizzato la possibile veicolazione sui terreni del prione dell'encelopatia spongiforme. Da allora i fanghi vengono inviati sistematicamente all''incenerimento ed altri paesi hanno seguito questo esempio ma litalia purtoppo non ha saputo adeguarsi per temo.

Armando Buttini 25.10.18 20:40| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Ministro.
Adesso estendiamo la tutela del territorio nei luoghi dove si coltiva utilizzando sostanze pericolose : nel mio Veneto moltissimi produttori di Prosecco utilizzano sostanze pericolose, tanto che si sono formati tanti comitati di donne che lottano per la salute dei loro bambini, messa in pericolo da questi spargimenti sconsiderati. Oltretutto, questa gente, che pensa solo al profitto senza regole, rovina i pochi e bravi produttori che producono vino in maniera biologica, visto che la schifezza va dappertutto.
Questo, purtroppo è solo un caso dei centomila che si potrebbero citare.
Roberto C.

ROBERTO C., VENEZIA Commentatore certificato 25.10.18 14:59| 
 |
Rispondi al commento

Caro ministro 1000mg/kg non è poco. Il valore concesso da Regione Lombardia era criminale? Da considerare che manca il controllo della singola partita di fanghi che esce dai depuratori, quantità, analisi, destinazione; e quindi non si sa cosa viene sparso nei campi e in che concentrazione. Come è possibile tutta questa attività non sia sotto controllo?
Non diciamo più i prodotti agricoli italiani sono più sicuri perchè più controllati.
Non parliamo poi delle carni provenienti dal sud Italia, vedi scandalo bestie con TBC.

Paolo Tasinato, CESANO MADERNO Commentatore certificato 25.10.18 14:47| 
 |
Rispondi al commento


Moglie di ammiraglio si finge cieca e ruba 200.000 euro. Viene condannata a 16 mesi, pena ridicola che non sconterà grazie a Renzi che ha depenalizzato i reati sotto i 4 anni di pena. Ma è giustizia questa?

AL MINISTRO BONAFEDE
Quando uno ruba, la restituzione dovrebbe essere il primo obbligo, comprendendo il sequestro dei beni o il lavoro coatto; la pena poi dovrebbe essere tale da fargli perdere la voglia per sempre di delinquere e da essere monito e deterrente per chiunque voglia imitarlo.
Tra Berlusconi, Renzi e Gentiloni hanno fatto di tutto per togliere certezza alla pena, ma questo è un fatto gravissimo perché ciò facendo hanno incentivato il reato e abbassato la soglia di civiltà di questo Paese.
Questa maledetta e criminosa classe politica ha danneggiato la giustizia italiana rendendola una burletta. Per sfuggire loro stessi alla pena per i loro reati, hanno aperto la strada al peggio del crimine.
Il lavoro da fare in questo campo è enorme ma io spero che i 5stelle riescano a farne gran parte.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.10.18 12:25| 
 |
Rispondi al commento

PER ''IO MIO''
Benché Crozza faccia prevalentemente della comicità e poca satira, concordo con lei che la gente può credere a quello che dice.
Se però comincia a riportare le cose che legge sui giornali senza prima verificare che non siano fakenews, allora si rende complice della disinformazione di regime e col tempo, perderà credibilità. Deve stare attento a non cascare per primo lui alle stronzate che girano contro il governo.
Insomma deve assumersi la responsabilità ''morale'' di quello che diceperché ne va della sua credibilità. Dovrebbe sapere che contro questo governo ci sono tutti i poteri forti e la propaganda mediatica rischia di mietere vittime tra i creduloni.... spero per lui che impari presto a munirsi di una sana diffidenza nei confronti dei media come abbiamo imparato a fare noi!

Il Barone Zazà 25.10.18 10:18| 
 |
Rispondi al commento

Mi sono perso l'intervista di Di Maio su 24 mattino. C'è modo di risentirla su qualche link ?

Alessandro L., Milano Commentatore certificato 25.10.18 09:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Ministro la ringrazio per i chiarimenti.
Evidente ancora una volta che stiamo lavorando sulle deiezioni passate per migliorare e non per inquinare.
Ma cosa vuole i migliori se ne sono andati....fortunatamente.

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 25.10.18 09:19| 
 |
Rispondi al commento

Un articolo del New York Times,

Esprime apprezzamento per le scelte del Governo Italiano.

I nostri media in silenzio, zitti, non dite nulla.
Se invece il New York Times avesse criticato,
fiumi di inchiostro, interpellanze parlamentari, dibattiti e tutto quello che gli veniva in mente.

Opposizione , TV , giornali ,
andate aff.....lo.

Vincenzino A., Verona Commentatore certificato 25.10.18 09:02| 
 |
Rispondi al commento

“La lettera che abbiamo ricevuto ieri mi ha lasciato perplesso e un po’ sorpreso per alcune valutazioni superficiali. Credo non sia stata molto meditata perché sono stati valutati degli interventi che nella manovra non ci sono e che forse hanno letto sui giornali"
— Giovanni Tria

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.10.18 08:34| 
 |
Rispondi al commento

Grillo.
"Siete sordi alle grida dei poveri" (Grillo ha attaccato i sordi! FALSO)

"Siete ciechi dinanzi alle persone che soffrono" (Grillo ha attaccato i ciechi! FALSO)

"Siete chiusi in voi stessi come degli autistici" (Grillo ha attaccato gli autistici! FALSO)

"VI appiccicate alle singole parole di Grillo come dei cretini" (Grillo ha attaccato i cretini! VERO!!)

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.10.18 08:30| 
 |
Rispondi al commento

essendo Crozza un comico come Beppe Grillo, non ci vedo niente di strano se la gente ci crede a quello che dice....


-3
Poi c’è chi milita nel partito sbagliato, tipo Grillo. In una pubblica piazza, da libero cittadino e comico tornato in servizio a tempo pieno, dice quel che pensa dei poteri del capo dello Stato, quelli ufficiali e soprattutto quelli ufficiosi, che ne fanno (da Re Giorgio in poi, non prima) una specie di monarca assoluto redivivo, infallibile, intoccabile, innominabile, ineffabile.
Ancora protetto da anticaglie polverose come il vilipendio (tant’è che Bossi rischia la galera non per i 49 milioni rubati dal suo entourage, ma per aver dato del “terùn” a Napolitano). Apriti cielo! I parrucconi di ogni ordine e grado strillano come vergini violate: “Grillo attacca Mattarella”, “Nessuno tocchi Mattarella”, (peraltro mai nominato: il discorso di Grillo riguardava la carica, non la persona).
Compresi quelli che, con la controriforma Renzi&Boschi&Verdini volevano stravolgere l’equilibrio dei poteri, inclusi quelli del Colle, con una legge costituzionale, non con un discorso in piazza. Poi Grillo sbeffeggia gli intellettuali e i politici da talk show che, dice, sembrano malati di autismo o psicopatici perché parlano tra sé e sé o a pochi intimi in idiomi incomprensibili ai più.
Riapriti cielo! “Grillo insulta gli autistici”, “Grillo offende i malati”, “Giù le mani dalla sindrome di Asperger”. Nessuna protesta invece dagli psicopatici, sempreché non fossero quelli che non avevano capito la frase di Grillo: che non era un insulto ai malati, ma a certi politici e intellettuali.
L’ha spiegato ieri Massimo Fini: se dico che i politici sono sordi e ciechi sui bisogni dei poveri, dubito che si offenderebbero le associazioni dei non vedenti e dei non udenti. A meno che non ne facciano parte anche i deficienti. Per capire chi ha offeso chi, basterebbe una famosa barzelletta di Gigi Proietti. “Tutti i laziali sono stronzi”. “Come si permette?”. “Perché, lei è laziale?”. “No, sono stronzo”.

Marco Travaglio FQ 25 ottobre

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.10.18 08:22| 
 |
Rispondi al commento

.2
perché votano come pare a loro.
In Italia invece, a parte i soliti populisti sovranisti, non protesta nessuno. I giornaloni sono tutti schierati col galletto francese: lui sì che sa far di conto, mica come i nostri peracottari (quando Moscovici era ministro delle Finanze ai tempi di Hollande, la Corte dei conti bocciava regolarmente le sue finanziarie e persino il suo collega del Lavoro lo accusava di trascinare il Paese “alla bancarotta”, infatti per anni la Francia sforò pure il 3%, ma questi sono dettagli).
Ieri, per esempio, Repubblica dedicava un puntuto editoriale alla denuncia del “populismo della scarpa” (quella di Ciocca). Come se l’unico antidoto al sovranismo fosse il gallicanesimo.
Quindi: la scarpa sul testo di Moscovici è fascismo, ergo ha ragione Moscovici a darci dei fascisti perché abbiamo un europarlamentare un po’ svitato che si leva la scarpa.
Se viceversa qualche populista o sovranista italiano s’azzardasse a dare del fascista a Moscovici, diventerebbe automaticamente fascista, scagionando – per il principio di non contraddizione – Moscovici. Tanto varrebbe stabilire che Moscovici è come Virna Lisi nel vecchio carosello della Chlorodont: con quella bocca può dire ciò che vuole. E gli altri no.
Sono fortune che capitano a chi milita dalla parte giusta, cioè nei partiti giusti (quelli in via di estinzione). Un po’ come Renzi, che nella stessa frase riesce a dare dei “cialtroni” a tutti i ministri del governo Conte e a piagnucolare contro le “campagne d’odio” di chi critica lui. Perché cialtrone non è odio: è amore (erano amore anche le minacce di ripulire il Pd “col lanciafiamme”, di “rottamare” gli avversari interni e di “asfaltare” quelli esterni).
Se invece, puta caso, il babbo fa affarucci col vicino di casa vendendogli un terreno, e uno lo scrive, è odio. E se la Boschi indossa stivali a mezza coscia e una cronista lo scrive, è sessismo (d’ora in poi, al ristorante, niente cosce di pollo, parlando con pardon: solo ali e petti).


segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.10.18 08:21| 
 |
Rispondi al commento

-1
CHI PUO' E CHI NON PUO'- Marco Travaglio- 25 ottobre 2018

Per semplificarci la vita, le sentinelle del Nuovo Galateo del Perfetto Democratico appostate nei giornaloni dovrebbero stilare un breve elenco delle parole che si possono usare, di quelle che non si possono usare e soprattutto di coloro che possono usare tutte le parole che vogliono.
Così, per saperci regolare.
Ieri, per esempio, monsieur Pierre Moscovici, nostro nuovo maestro di vita, dopo averci dato degli “xenofobi” e accusati di eleggere “piccoli Mussolini” solo perché non votiamo come vorrebbe lui, ci spiega che tirare fuori una scarpa e poggiarla sui suoi sacri testi è l’anticamera del fascismo. Ce l’ha con un eurodeputato leghista, tal Ciocca, in vena di dannunzianesimo all’amatriciana, anzi alla cassoela, reo di aver simbolicamente calpestato i fogli della sua relazione che bocciava la manovra economica del governo Conte: “All’inizio si sorride e si banalizza perché è ridicolo, poi ci si abitua a una sorda violenza simbolica e un giorno ci si risveglia con il fascismo. Restiamo vigili. La democrazia è un tesoro fragile”.
Così fragile da consentire a una salma ambulante, rappresentante di un partito (quello socialista francese) che vale il 5% di continuare a dare lezioni a un intero continente, di anticipare verdetti su leggi non ancora né lette né scritte, di farsi campagna elettorale alzando il nostro spread. E naturalmente di tacere sul governo del suo Paese che viola i diritti umani e le leggi internazionali perseguitando donne straniere incinte e mandando nottetempo la Gendarmerie a Claviere a scaricarci i migranti indesiderati (anche minorenni, ma con l’età taroccata sui documenti ufficiali).
Se il Paese cornuto e mazziato dai Moscovici fosse un altro, le autorità competenti protesterebbero, magari ritirerebbero l’ambasciatore, cose così, e i relativi giornali scriverebbero due righe a nome dei cittadini che si sentono lievemente offesi dalle accuse di fascismo e di razzismo perché

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.10.18 08:20| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno, Crozza nel suo show la scorsa settimana affermava l’esatto contrario.
Attraverso un pezzo di satira, con tanto di pubblico che se la rideva, denunciava che il governo avrebbe consentito l’uso di fanghi con alte dosi di policarburi, creando ulteriore disinformazione!
Crozza ha un enorme seguito di pubblico e mi chiedo quanta gente sia convinta che ciò che dice sia la verità.
La TV e la radio rimangono il primo mezzo di informazione/disinformazione che il popolo utilizza. È difficile riuscire a batterle...


1
CHI PUO' E CHI NON PUO'- Marco Travaglio- 25 ottobre 2018

Per semplificarci la vita, le sentinelle del Nuovo Galateo del Perfetto Democratico appostate nei giornaloni dovrebbero stilare un breve elenco delle parole che si possono usare, di quelle che non si possono usare e soprattutto di coloro che possono usare tutte le parole che vogliono.
Così, per saperci regolare.
Ieri, per esempio, monsieur Pierre Moscovici, nostro nuovo maestro di vita, dopo averci dato degli “xenofobi” e accusati di eleggere “piccoli Mussolini” solo perché non votiamo come vorrebbe lui, ci spiega che tirare fuori una scarpa e poggiarla sui suoi sacri testi è l’anticamera del fascismo. Ce l’ha con un eurodeputato leghista, tal Ciocca, in vena di dannunzianesimo all’amatriciana, anzi alla cassoela, reo di aver simbolicamente calpestato i fogli della sua relazione che bocciava la manovra economica del governo Conte: “All’inizio si sorride e si banalizza perché è ridicolo, poi ci si abitua a una sorda violenza simbolica e un giorno ci si risveglia con il fascismo. Restiamo vigili. La democrazia è un tesoro fragile”.
Così fragile da consentire a una salma ambulante, rappresentante di un partito (quello socialista francese) che vale il 5% di continuare a dare lezioni a un intero continente, di anticipare verdetti su leggi non ancora né lette né scritte, di farsi campagna elettorale alzando il nostro spread. E naturalmente di tacere sul governo del suo Paese che viola i diritti umani e le leggi internazionali perseguitando donne straniere incinte e mandando nottetempo la Gendarmerie a Claviere a scaricarci i migranti indesiderati (anche minorenni, ma con l’età taroccata sui documenti ufficiali).
Se il Paese cornuto e mazziato dai Moscovici fosse un altro, le autorità competenti protesterebbero, magari ritirerebbero l’ambasciatore, cose così, e i relativi giornali scriverebbero due righe a nome dei cittadini che si sentono lievemente offesi dalle accuse di fascismo e di razzismo

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.10.18 08:18| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi e tutta la sua banda dell'utri sgarbi Renzi ecc. Ladri ladroni corrotti corruttori mafiosi frodatori evasori fiscali hanno distrutto l'Italia.
Ora devono restituire tutto il malloppo rubato e poi li buttiamo tutti in galera al carcere duro per tutta la vita!!!
Cosi dobbiamo fare subito se vogliamo salvare l'Italia!!!
Grazie e cordiali saluti.
Franco Venezia

franco rina Commentatore certificato 25.10.18 07:14| 
 |
Rispondi al commento

Sul decreto fiscale.
Vediamo come finirà l'iter, però per adesso pare che con la dichiarazione integrativa non saranno puniti "i reati di dichiarazione fraudolenta mediante utilizzo di falsi documenti e con altri artifici", mentre sono punibili gli altri tipi di reato collegati.
In sostanza, il contratto diceva niente condoni e si è fatto un minicondono (e onestamente andrebbe riconosciuto, la dichiarazione integrativa ordinaria non comporta sconti). Si è annunciato che erano stati eliminati gli scudi penali (inseriti da manine verdi) ma ne è rimasto uno, sempre per accontentare i leghisti che nel frattempo in Parlamento stanno bruciando le tappe pure sulla legittima difesa grazie anche ai nostri voti, perché noi ai patti teniamo fede.

Questi "rospi", secondo me, l'elettore medio cinquestelle può anche ingoiarli, malgrado stridano con i principi del contratto dg, ma ad una condizione: non si vada oltre nel favorire i disonesti e, anzi, si acceleri al più PRESTO sui contrappesi legalitari riconducibili alla nostra linea politica, anche perché - tra spread e doppi forni di Salvini - non possiamo sapere quanto durerà realmente la maggioranza.
L'inasprimento delle sanzioni contro gli evasori va attuato alla prima occasione utile, non solo invertendo la rotta rispetto alle modifiche fatte dal Pd ma andando molto oltre (al bando ritocchi all'acqua di rosa).
Lo stesso sulla riforma della prescrizione. Nel contratto non c'è scritto come sarà attuata. Non andrebbe accettato nulla al di sotto dell'interruzione con la condanna di 1° grado, altrimenti è inutile. Salvini deve starci.
Ancora, la spazzacorrotti è un passo avanti ma non c'è “l’aumento delle pene per TUTTI i reati contro la p.a. di tipo corruttivo” (pag.30 cdg).
Inutile illudersi che, senza queste ed altre modifiche, l'Italia possa cambiare davvero. Sarebbe anche un buon modo per reperire strutturalmente le risorse che mancano. Non rinviamo troppo. Se non venissero fatte, politicamente non ci sarebbero scusanti.

Gaetano C. Commentatore certificato 25.10.18 00:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bene per i limiti delle sostanze inquinanti nei fanghi di risulta ma lasciatemi sognare: arriverà un giorno in cui lo spargimento di questi fanghi sarà vietato in toto (come d'altronde hanno fatto in Ticino già da un po'),lasciatemi sognare....'


OT

Il ministro Toninelli su Facebook :

" Interessante il servizio de "Le Iene" sulla gestione delle autostrade A24-A25. Abbiamo fatto bene a preoccuparci, fino a spingere il concessionario a limitare il traffico. Ora aspettiamo gli esiti del monitoraggio da noi richiesto a Strada dei Parchi, mentre abbiamo sbloccato i fondi per la manutenzione dei viadotti. Certo, se tutti i contenuti emersi ieri sera in trasmissione fossero confermati, si tratterebbe di notizie che non potranno non entrare nella discussione di merito sul Piano finanziario, scaduto dal 2013."

Quello che mi lascia perplesso, dopo il filmato delle "Iene", è che non ci sia ancora una denuncia penale ne un intervento della Procura sulla gestione di queste autostrade, fatta da società di Toto o si aspetta che ci sia prima un...ponte Morandi bis?

https://www.facebook.com/danilotoninelli.m5s/videos/2170574793230629/


Roberto ., Roma Commentatore certificato 24.10.18 23:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ot

visto che c'è poco traffico, tutti amanti del calcio?, approfitto..

ancora sull'europa


""Il leader della sinistra radicale francese Jean-Luc Mélenchon difende il governo Lega-M5s: "Per la prima volta la Commissione se la prende con il budget votato dal Parlamento di uno Stato che rispetta i trattati". L'eurodeputata tedesca Zimmer: "Se il compito è sbagliato, la colpa non è di chi lo scrive". Il corrispondente di Libération: "Orribile sospetto, e se governo italiano fosse stato del Ppe?". Critiche a Tusk per i pochi risultati del Consiglio europeo""

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/10/24/manovra-malumori-nel-parlamento-ue-dopo-la-bocciatura-sinistra-interviene-in-favore-dellitalia-sovranita-espropriata/4716833/

questa europa non ha un futuro...

pabblo 24.10.18 22:11| 
 |
Rispondi al commento

ot

"ho scritto "europa" sulla sabbia.. e il vento
a poco a poco se l'e' portata via con se"

libero adattamento di

https://www.youtube.com/watch?v=uDTibYS2aI0

:)

questa europa va rifatta perchè l'è tutta sbagliata l'è...

pabblo 24.10.18 21:26| 
 |
Rispondi al commento

PICCOLA RIFLESSIONE

PERCHE' IL REDDITO DI CITTADINANZA E' ANCHE LA PRIMA VERA, REALE ED ATTIVA MANOVRA CONTRO IL LAVORO NERO E L'EVASIONE FISCALE

PROVO A SPIEGARLO:
Immaginate Tizio che lavora in nero (probabilmente per 800/900/1000 euro al mese) presso l'officina (o lo studio, o il bar, o la salumeria, etc) di CAIO
Ebbene, con l'istituzione del RdC avverrebbe che a TIZIO NON CONVERREBBE più lavorare in nero per CAIO e quindi CAIO sarà costretto o A RINUNCIARCI o a REGOLARIZZARE LA SUA POSIZIONE LAVORATIVA (sempre se tiene al lavoro di TIZIO).
E questo anche perché sa che tutti gli altri "TIZIO" farebbero la medesima scelta.
E diventa ovvio che se CAIO regolarizza il lavoro di TIZIO dovrà necessariamente far venir fuori il fatturato corrispondente che finora teneva altrettanto in nero.

Possibili obiezioni:
1) "ma TIZIO continuera' a lavorare in nero pur percependo il RdC"
- non avrebbe il tempo materiale per farlo se non per residui minimi difficili da organizzare; residui minimi a cui corrisponderebbero vantaggi altrettanto minimi con l'esposizione a rischi "penali" per intero;


2) "ma CAIO potrebbe aumentare a 1.500 euro lo stipendio a TIZIO, così tutto resta immutato"
- beh, non sarebbe da "aquila dei conti" perché la regolarizzazione di un dipendente che prende 800/900/1000 euro netti costa all'incirca proprio i 1.500 anzidetti"

Immaginate quindi quanto lavoro nero scomparirebbe (soprattutto al sud) e di quanto diminuirebbe pure l'evasione fiscale?


A riveder le stelle


PS: CAPITE PERCHE' IL SISTEMA TREMA AL PENSIERO CHE "GLI INCOMPETENTI" possano davvero far diminuire di molto i poveri e l'evasione fiscale?

giovanni d., avellino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 24.10.18 20:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

gentile Ministro prima di prendere qualsiasi decisione, un governo del cambiamento che si rispetti, dovrebbe sempre ridiscutere i parametri esistenti senza adeguarsi ad essi. In riferimento ai fanghi da sversare sui terreni agricoli la cosa di buon senso da fare sarebbe quella di analizzare i composti e pubblicarli. I cittadini desiderano che l'agricoltura in Italia vada in direzione del Biologico. saluti e buon lavoro

Paola F. Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 24.10.18 19:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MI DISPIACE MA LE SUE ARGOMENTAZIONI NON MI CONVINCONO AFFATTO...

IL SOLO PENSIERO CHE DEGLI IDROCARBURI VENGONO BUTTATI SUL TERRENO IN CUI NASCERANNO FRUTTA E VERDURA, MI FA ACCAPPONARE LA PELLE !

LEI NON DICE CHE CI GIURA SULLA BIBBIA,
SUI SUOI FIGLI E SU SUA MADRE CHE GLI IDROCARBURI NON SONO AFFATTO PERICOLOSI MA DICE CHE GLI IDROCARBURI NON DEVONO ESSERE NECESSARIAMENTE PERICOLOSI E QUESTO LAPSUS FREUDIANO SIGNIFICA CHE POTREBBERO ESSERLO!

QUINDI.... MA A CHI VOLETE PRENDERE PER I FONDELLI (PER NON USARE UN'ALTRA PAROLA CHE RENDEREBBE MEGLIO L'IDEA) ???

MI DISPIACE MA IN QUESTO CASO AVETE PROPRIO TOPPATO!!!

Fabiana Arrichiello 24.10.18 19:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Manovra, malumori nel Parlamento Ue dopo la bocciatura. Sinistra interviene in favore dell’Italia: “Sovranità espropriata”


https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/10/24/manovra-malumori-nel-parlamento-ue-dopo-la-bocciatura-sinistra-interviene-in-favore-dellitalia-sovranita-espropriata/4716833/

maria s., ancona Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 24.10.18 18:41| 
 |
Rispondi al commento

ne abbiamo sentite di tutti i colori ...come se il ministro costa fosse improvvisamente impazzito ..robe dell altro mondo ...bisognerebbe pero' chiedere qualche rettifica A QUALCUNO ..grazie e buon lavoro

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 24.10.18 18:07| 
 |
Rispondi al commento

Anche i Verdi di Bonelli attaccano il M5S accusandoli di voler spargere diossina sui campi
Come reagite a queste accuse?
Scrivere sul blog a 5stelle non basta!
La parola diossina è esplosa come una bomba
e il M5S è apparso come l'avvelenatore d'Italia
Spiegare non basta. Dovete querelare!

http://verdi.it/la-scandalosa-sanatoria-delle-diossine-sui-campi-agricoli-nel-ddl-genova/

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 24.10.18 17:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Che cosa dite a Il fatto Quotidiano che ha la faccia di titolare "Decreto Genova, dopo gli idrocarburi anche la diossina nei fanghi sui terreni agricoli"?

E poi Travaglio chiede anche il nostro aiuto contro la sentenza di condanna per aver parlato contro il babbo di Renzi???
Cominciasse lui a dire la verità!

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/10/22/decreto-genova-dopo-gli-idrocarburi-anche-la-diossina-nei-fanghi-sui-terreni-agricoli/4710491/

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 24.10.18 17:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Benissimo queste precisazioni, ma non si dica che le acque reflue dell'industria agroalimentare non contengono inquinanti, perchè possono comprendere anche le acque di lavaggio degli impianti.
Anche molte sostanze derivate dalla fermentazione naturale sono inquinanti e l'industria agroalimentare fa ampiamente uso di prodotti chimici.

Il fatto che la Regione Lombardia abbia poi tentato di stabilire un limite molto alto su alcune tipologie di idrocarburi deve suonare come un campanello d'allarme, perchè sottointende che qualcuno ha accumulato e deve smaltire fanghi con concentrazioni quantomeno anomale di certe sostanze.

Alessandro Albanese, Trieste Commentatore certificato 24.10.18 17:24| 
 |
Rispondi al commento

OT MAFIA

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/10/24/voto-di-scambio-via-libera-del-senato-a-favore-lega-m5s-e-fratelli-ditalia-opposizioni-occasione-sprecata/4715902/

.. crampi mafiosi.

Franz M., Here&There Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 24.10.18 16:53| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori