Il Blog delle Stelle
Produzione e gestione dei rifiuti in plastica: un'emergenza che fa paura

Produzione e gestione dei rifiuti in plastica: un'emergenza che fa paura

Author di Davide Bono
ore 16:36
Dona
  • 18

di Davide Bono, Referente lex regioni Rousseau

La produzione e gestione dei rifiuti in plastica è diventata rapidamente una emergenza mondiale, dopo la scoperta che nel mondo, le materie plastiche rappresentano l'85 % dei rifiuti marini, che si sono costituite intere “isole” di plastica nell’Oceano Pacifico, che circa 100 mila esemplari marini muoiono ogni anno per via dell’ingestione di pezzi di plastiche scambiate per prede oltre alla diffusione globale di microplastiche nelle acque potabili e nel sistema acquifero superficiale, laghi e corsi d’acqua, fino all’aria rendendole di fatto ubiquitarie con rischi per la salute animale e in ultimo umana non ancora stimabili.

La Commissione Europea nel Gennaio 2018 ha adottato la prima Strategia sulle Plastiche a livello mondiale e nel maggio 2018 ha presentato una proposta di Direttiva sulla riduzione dell’impatto di 10 plastiche monouso che rappresentano il 70% dei rifiuti marini. Saranno messi al bando i prodotti per i quali sono facilmente disponibili soluzioni alternative (bastoncini cotonati, posate, piatti, cannucce, mescolatori per bevande e aste per palloncini), mentre si limiterà l'uso di quelli di cui non esistono valide alternative (contenitori per alimenti e tazze per bevande); i produttori dovranno poi rispettare requisiti di progettazione ed etichettatura e sottostare a obblighi di gestione e bonifica dei rifiuti per contenitori per alimenti, pacchetti e involucri (ad esempio, per patatine e dolciumi), prodotti del tabacco con filtro (come i mozziconi di sigaretta), salviette umidificate, palloncini e borse di plastica in materiale leggero; sono anche previsti incentivi al settore industriale per lo sviluppo di alternative meno inquinanti). Obiettivi: evitare 3,4 milioni tons CO2 eq; danni ambientali per 22 mld € entro il 2030; risparmi per i consumatori 6,5 mld €.

Il neo Ministro dell’Ambiente, Generale Sergio Costa, il 12 giugno 2018, nell'ambito della campagna #loSonoAmbiente, ha lanciato la sfida “PLASTIC FREE CHALLENGE”, ponendo come primo obiettivo quello di liberare interamente il Ministero dell'Ambiente dalla plastica entro il 4 ottobre, a partire dal monouso. Ha poi esteso l’appello agli altri Ministeri e tutte le Istituzioni di qualsiasi livello governativo, le Regioni, le Province, le Città Metropolitane, i Comuni e tutti gli Enti pubblici; il messaggio lanciato dal Ministro è che “ognuno di noi deve dare qualcosa a questo Paese”: le Istituzioni devono dare il buon esempio ma ogni individuo deve fare la propria piccola parte per migliorare le condizioni del Paese e del Pianeta.

Inoltre, com’è noto la plastica deriva dal petrolio, combustibile estratto in alcune limitate zone del Pianeta, sottoposte a guerre continue per il suo controllo, emblema di un modello di sviluppo da superarsi in quanto basato su risorse finite, inquinanti e che minano l’integrazione e la pace mondiale.

Tutto ciò porta il consenso internazionale a chiedere che vengano eliminati in brevissimo tempo tutti i prodotti usa e getta in plastica e venga riciclato il 100% di rifiuti urbani riciclabili ed in particolare le plastiche (in Piemonte ad esempio siamo al 50% e al 34% rispettivamente), per evitare il ricorso ad un altro pericoloso strumento di gestione dei rifiuti, l’incenerimento che produce inquinanti di dimensioni nanoscopiche, non filtrabili che raggiungono direttamente le parti più profonde dei polmoni umani, e da lì il sangue e gli organi.

Per questo nei consigli regionali il Movimento 5 stelle si è impegnato a presentare mozioni, emendamenti e proposte di legge in questa direzione. Ricordiamo gli ordini del giorno di Antonio Trevisi (Puglia) e di Piergiorgio Fabbri (Marche) in attesa di discussione, quelli approvati di Andrea Bertani (Emilia Romagna) e Marco De Ferrari (Liguria) e le proposte di legge presenti sul Lex Regioni, ancora in attesa di essere discusse, di Roberto Cenci “Divieto del monouso non biodegradabile o non riciclabile” (Lombardia) e di Giorgio Bertola (Piemonte) “Divieto del monouso non biodegradabile o non riciclabile per la somministrazione di cibi e bevande negli uffici pubblici, nelle mense pubbliche ed in occasione di feste pubbliche e sagre".



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

5 Set 2018, 16:36 | Scrivi | Commenti (18) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 18


Tags: davide bono, lex regioni, m5s, plastica, rousseau

Commenti

 

W Movimento 5Stelle W!

Marta Buscioni 07.09.18 01:49| 
 |
Rispondi al commento

Ho vissuto all’estero per lavoro dal 1996 fino ad oggi ed in diversi paesi ho trovato punti di raccolta “return and earn “
Sono macchine self service che raccolgono le bottiglie di plastica, vetro ed anche cartoni per liquidi alimentari in cambio di un piccolo rimborso per ogni item consegnato
Attualmente sono in Australia dove rendono $0.10 per ogni bottiglia
Per favore studiate un simile approccio anche in Italia e rendetelo disponibile ovunque sul territorio
Grazie

Vanni Donagemma 07.09.18 01:35| 
 |
Rispondi al commento

Ci siamo troppo abituati ai contenitori in plastica e penso che non gliene frega niente ( purtroppo ) a tanta gente del danno che questa robaccia sta facendo all'ambiente e a noi.
Somministro da più di un anno delle gocce al mio cane; erano in una boccettina in vetro. Ieri il nuovo flacone comprato è in plastica. Che te lo dico affà !

Silverio Mazzella (pacchiarotto), Ponza Commentatore certificato 06.09.18 15:45| 
 |
Rispondi al commento

c'è anche questo, temporaneamente, ma già lo sapete:
http://www.beppegrillo.it/ad-amsterdam-le-prime-navi-alimentate-da-rifiuti-in-plastica/

renato r., roma Commentatore certificato 06.09.18 11:08| 
 |
Rispondi al commento

si potrebbero incentivare queste iniziative (per ora ho trovato questo, ma non penso che sia l'unica ditta che la produce):
https://romanobiosolution.com/prodotti-biologici/piatti-biodegradabili-e-compostabili/

renato r., roma Commentatore certificato 06.09.18 11:01| 
 |
Rispondi al commento

Va bene dare incentivi per il vuoto a rendere, così si incentiva soprattutto l'uso del vetro che è il materiale più riciclabile che esiste.

In questo modo quasi azzeriamo l'utilizzo di plastica per Bottiglie Acqua Minerale , Coca Cola latte , inballaggi degli stessi , ecc

Aggiungiamo anche la possibilità di Utilizzare contenitori bio-degradabili per i detersivi alla spina , e senza aver fatto nessuna rivoluzione ci troviamo in un circolo virtuoso anche dal punto di vista culturale che si autoalimenta da solo su tutto il restante.

Il governo giallo verde deve attuare una politica fiscale che che incentivi questa dinamica.

La rivoluzione hard la mettiamo da parte per eliminare i parassiti che sino a ieri era la classe dirigente del nostro Paese.

Renato Russo, Napoli Commentatore certificato 06.09.18 10:11| 
 |
Rispondi al commento

A Beppe con simpatia:
E ' iportante ripulire le spiagge e restituirle agli enti pubblici cioe' al popolo e non ai provati che ci speculano e spesso e non pagano le tasse perche' abusivi, tuttavia e' ancora piu importante ripulire il parlamento ed altri enti pubblici da indagati e corrotti,iportante sono il reddito di cittadinanza ed anche l'abbassamento delle tasse quando non c'e' alcun ritorno, ma più importante ancora e creare posti di lavoro l'italia ha fame di alvoro, e mandiamo a casa chi racconta solo storie per giustificare le propri icapacita e incompetenze non lasciomoci condizionare da chi quando era al governo non ha saèputo fare lìinteresse della popolazione ed adesso vorrebbe dare lezioni di governabilita democratica.
con simpatia
Roberto

Roberto Masi Masi, Sesto Fiorentino (FI) Commentatore certificato 06.09.18 09:52| 
 |
Rispondi al commento

E nelle scuole? Qui a Milano,nelle superiori,non esiste quasi l'educazione alla raccolta differenziata. Si vedono ragazzini buttare di tutto nei contenitori di plastica e carta o questi ultimi nell'indifferenziata. E docenti che se ne fottono altamente e dirigenti che non organizzano nulla per far comprendere i danni che provoca la strafottenza del proprio personale e degli alunni. Situazione che ho incontrato in almeno 3 scuole negli ultimi 3 anni!

Gilles 05.09.18 22:57| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna essere più semplici possibili, tornare ad utilizzare materiali come: carta, cartone, vetro ecc..., puntare sul riciclo, vuoto a rendere, premiare chi restituisce i materiali inquinanti, mettere una tassa del 100% sui prodotti di plastica superflui ed investire quei soldi, con altri ancora, per la ricerca utile ad eliminare gli inquinanti dell'acqua e dell'aria.

Infine dite al ministro Costa di usare termini della lingua italiana diversamente sembrerà il solito politico snob che vuole vendere fumo ai cittadini.

Grazie.

giuseppe belotti, ranica -bg- Commentatore certificato 05.09.18 22:50| 
 |
Rispondi al commento

Dato che le lobby della plastica continueranno a produrre a livello mondiale, L'unico modo per limitarne una ulteriore diffusione e' di incentivare(PAGARE) la raccolta ed il RICICLO.

Roberto Maccione Commentatore certificato 05.09.18 22:19| 
 |
Rispondi al commento

Un grazie infinito da noi e dal Pianeta Davide Bono.

Tassare chi inquina ed è colpevole due volte: non usando le energie e le risorse rinnovabili a rifiuti zero.

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 05.09.18 21:38| 
 |
Rispondi al commento

Ineliminabile la plastica (pensiamo ai contenitori di detersivi e detergenti vari) ma riciclabile. Non conosco la fine della plastica dopo la raccolta con la differenziata: l'impressione è che finisca in discariche insieme all'indifferenziata. Il ciclo dei rifiuti va controllato, non si può affidare con gare d'appalto il lavoro di raccolta e smistamento dei rifiuti, per poi assistere ai ripetuti roghi di natura dolosa accaduti nei depositi.

Mara 05.09.18 19:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ormai la produzione della plastica non si puo' eliminare, quindi l'unico modo per cercare di limitare i danni e' il riciclo. Fare la differenziata al 100 per 100 e' difficile da realizzare se non si crea una mentalita' ecologica nei cittadini. Il governo dovrebbe creare dei centri di raccolta ad hoc per i rifiuti riciclabili. Quando c'era solo il vetro esisteva il vuoto a rendere, quindi si era incentivati a non gettare la bottiglia. Se il cittadino viene ricompensato riportando indietro il suo contenitore di plastica, anche in buoni acquisto, si puo' essere certi che si eliminerebbe gran parte della plastica che ora viene gettata indiscriminatamente. Questa, anche per gli altri riciclabili, mi sembra l'unica via che puo' dare risultati concreti.

Luciano C. 05.09.18 19:21| 
 |
Rispondi al commento

Un intervento utile e immediata può essere l'eliminazione delle bottiglie di plastica sostituendole con quelle di vetro da gestire col sistema del "vuoto a rendere". In alternativa anche le bottiglie di plastica si possono gestire con lo stesso sistema. Questi metodi sono già in uso nella GB, Svezia, ecc. Non c'è da inventare nulla. All'occorrenza posso fornire altre notizie perché mi occupo di detti problemi da molti decenni.

Benny 05.09.18 18:59| 
 |
Rispondi al commento

Noooo....bisogna chiudere le fabbriche di plastica che operano sopratutto nel settore alimentare.... usare carta,cartone e vetro!
Proibire gli imballaggi di polistiloro e plastica...
altrimenti saremmo sempre in emergenza e ripulire una spiaggia,a parte la maleducazione di alcuni cittadini,non risolveremo il problema.

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 05.09.18 18:53| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna fare campagna di sensibiliazione a partire dalle scuole elementari i bambini sono più ricettivi e intelligenti degli adulti . cambiare la società il modo di comportarsi parte tutto da loro con le generazioni prossime

Massimiliano Conti 05.09.18 17:45| 
 |
Rispondi al commento

#energyfood2030
Esistono molti modi di trasformare i rifiuti plastici in materie prime per tanti settori e la nostra società ha pronto un progetto per uso in edilizia edil,ecosostenibile@libero.it

Mynyr Nazaj , Treviso Commentatore certificato 05.09.18 17:42| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori