Il Blog delle Stelle
Per un'ONU dei popoli

Per un'ONU dei popoli

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 59

di Manlio Di Stefano, Sottosegretario di Stato agli Affari Esteri

In un’epoca di riforme, in cui tutto viene finalmente messo in discussione, non poteva esimersi da questa esigenza l’organismo internazionale e multilaterale per eccellenza: le Nazioni Unite.
Ho trascorso l’ultima settimana a New York proprio per partecipare alla 73esima Assemblea Generale ed è stata un’occasione d’oro per osservarne i meccanismi, i pregi e i difetti da un’angolazione differente.

L’ONU è certamente il miglior esperimento di multilateralismo mai fatto, ma non sbaglia chi, come il Presidente Trump, sostiene che se non raggiunge il suo obiettivo in svariati scenari di intervento allora c’è qualcosa che non va. E siccome tutta questa enorme macchina ha un costo immane, è tempo che questo qualcosa vada cambiato.

I fiori all’occhiello dell’organizzazione sono certamente il peacebulding e il peacekeeping ovvero le operazioni di stabilizzazione delle crisi e mantenimento della pace. Per capire meglio il loro funzionamento ho incontrato Oscar Fernandez Taranco, Segretario generale aggiunto per il sostegno al Peacebuilding, Atul Khare, Sottosegretario generale per il Dipartimento di supporto sul campo e Jean-Pierre Lacroix, Sottosegretario generale per le operazioni di Peacekeeping.

Grazie al loro contributo ho individuato alcuni grandi margini di miglioramento:
sostenibilità ambientale e finanziaria dei progetti;
razionalizzazione logistica;
visione strategica e prevenzione delle crisi;
copertura politico-economica;
gestione virtuosa;
riforma del Consiglio di Sicurezza.

La logica dell’accontentare tutti distribuendo funzioni e uffici in giro per il mondo è un limite evidente sia alla funzionalità che al controllo dei costi. È assolutamente necessario puntare ad una razionalizzazione che accentri l’intera macchina in pochi centri d’eccellenza. Un esempio concreto è lo United Nations Global Service Centre di Brindisi specializzato in supporto logistico, information technology e assistenza alle operazioni di terra per tutte le missioni ONU. È importantissimo avere dei benchmarks ponderabili sul rapporto costi/benefici di ogni missione, che siano essi economici o politici, onde evitare che la missione stessa diventi il fine invece che il mezzo.

È il momento di considerare come prioritaria la riduzione dell’impatto ambientale delle missioni in modo da lasciare un ambiente vivibile ai popoli che assistiamo. anno analizzati ed elaborati centralmente gli scenari di instabilità possibili per poter quindi anticipare le crisi e prevenire, ad esempio, genocidi e conseguenti sfollamenti. In questo modo potremmo agire sulle cause e non sulle conseguenze con un evidente risparmio di energie e risorse.

A tutto questo va aggiunto un preciso, completo e approfondito training alle truppe ONU, i cosiddetti caschi blu, troppo spesso artefici di violazioni di ogni genere dagli stupri ai saccheggi passando per la connivenza con le mafie locali e lo sfruttamento delle risorse. Dobbiamo garantire che le truppe agiscano sotto un precisa responsabilità etica e morale. In ultimo, ma in testa come priorità, è la riforma del Consiglio di Sicurezza sul modello “Uniting for Consensus” che preveda quindi l’estensione del numero dei membri non permanenti per ciascun gruppo regionale così da espanderne la rappresentanza globale e limitare il predominio delle grandi potenze, concetto ormai anacronistico. Le Nazioni Unite restano l’unico foro globale di dialogo e intesa e vanno quindi protette con una riforma profonda.

Tutto questo è stato già attenzionato dal Segretario Generale Guterres ma ora è tempo di fare sul serio e attuare questo cambiamento. L’Italia c’è, con tutta la sua forza Paese ma anche e soprattutto con la sua rete di amici. Rendiamo il mondo un posto migliore con un’Organizzazione delle Nazioni Unite al passo coi tempi e centrata su un sincero multilateralismo.
Avanti così.



bannerdoni5s2018.jpg

30 Set 2018, 11:00 | Scrivi | Commenti (59) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 59


Tags: manlio di stefano, multilateralismo, onu, politica estera

Commenti

 

L'ONU COSI COME E' ORA ,E' UN GROSSO BARACCONE,dai COSTI ESORBITANTI,popolato da migliaia di persone sedute a guardare gli avvenimenti,IMPOTENTI per IL SOLITO SOGGIOGO dei PAESI DOMINANTI che hanno TUTTO L'INTERESSE A RENDERLO INUTILE.
Perche' non facciamo saltare il tappo?
RITIRIAMOCI E FACCIAMO PARTIRE UNA DISCUSSIONE..finche' si sta' li',ad occupsre seggioline,IN FONDO COMODE..NON SERVE A NULLA.

Luca Fini 01.10.18 20:49| 
 |
Rispondi al commento

Ciao!!!
per tutta la vostra domanda di prestito personale o di finanziameento di progetto volete contattare signora MANECCHI che la ha aiutare con un prestito di 31.000 € e questo volete contattar la su sono indirizzo mail o per telefono
mail...........silvia19manecchi75@gmail.com /
whatsapp.........+33756830507 ..

cinzia 30.09.18 22:06| 
 |
Rispondi al commento

Mi sa che questo organismo non conti più tanto dato che non ha fermato nessuna guerra e nessun genocidio inutile elencare le varie nazioni dove questi massacri avvengono per cui è brutto dirlo e pensarlo ma così come ora i soldi si spendono e tanti per mantenere dei burocrati di tutte le nazioni.
A pensar male si fa presto ma leggere a tutto quello che succede in quelle nazioni con sporchi giochi economici e politici, mantenere dittatori che affamano i loro popoli e dividersi i loro ingenti capitali nelle loro banche.
Guardate che figura sta facendo con i loro Caschi Blu in Congo non servono a niente, pieno di ruberie scandali e anche stupri.

FRANCO GIACOMUCCI, ANCONA Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 30.09.18 18:44| 
 |
Rispondi al commento

L'ONU come organizzazione mondiale di colloquio tra stati è senza dubbio una cosa grande. Meno funzionali sono gli 'osservatori ONU' che hanno più volte permesso stragi ignominose, vedi durante il conflitto nella ex jugoslavia e nella assenza completa in altri luoghi di guerra dove non si parli di petrolio.
Se sommiamo a queste inefficienze i costi che subiscono gli stati e la grandissima limitazione del 'potere di veto' esercitato dalle grandi potenze atomiche, va da se che la struttura vada auspicabilmente rivista e democratizzata per quanto possibile.
Resta comunque una platea mondiale che fa opinione, sempre che i mass- media lo permettano e non siano omologati come sembra oggi....

giovanni garzotto 30.09.18 17:25| 
 |
Rispondi al commento

L'ostacolo principale al buon funzionamento delle N.U. sono gli Stati Uniti d'America che da sempre hanno avuto una pretesa egemonica ignorando e spesso umiliando le competenze della Organizzazione. Segue la composizione del Consiglio di Sicurezza dove il diritto di veto dei membri permanenti impedisce la maggior parte delle decisioni importanti. Tutto ciò perché l'ONU è stata fondata dai vincitori della seconda guerra mondiale, attenti più ai loro interessi geopolitici che al benessere dell'umanità, che sono poi i membri permanenti. Cambiarla è praticamente impossibile se non con una nuova guerra mondiale. Meglio perciò lasciarla così com'è limitandosi a misure di efficienza e di organizzazione.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 30.09.18 17:11| 
 |
Rispondi al commento

Caro Di Stefano,
l'ONU fa sicuramente parte di un programma che NON ha niente a vedere con la pace nel mondo!
ANZI!

giuseppe r. Commentatore certificato 30.09.18 16:33| 
 |
Rispondi al commento

O.t.
Che fine ha fatto il "panino" nei TG?
Articolo dei tempi dei governi Berlusconi e finta sinistra; dal web

"Siamo sicuri che le notizie che leggiamo o i servizi televisivi che i TG ci propinano siano sempre oggettivi? Nessuno è così ingenuo dal crederlo. Ma quali sono le tecniche utilizzate? Vediamone un paio.
Il “panino televisivo” viene quasi sempre servito nei telegiornali o nei servizi a corredo dei talk show, e pare sia stato inventato da Clemente Mimun, ai tempi del primo Governo Berlusconi (ma a onor del vero, il panino è piaciuto a tutti, Governo e opposizione, nel loro alternarsi).
Il concetto è semplice: le due fette di pane spettano al Governo, la farcitura all’opposizione.
In occasione di una notizia “calda” per la politica, la prima fetta di pane (un’intervista ampia, solitamente) spetta a un rappresentante dela maggioranza, la farcitura spetta all’opposizione (un’altra intervista di 5 sec. del capo dell’opposizione o altri della stessa). Chiude il servizio l’altra fetta di pane, ossia un’ampio intervento di un altro esponente del Governo, o meglio ancora, del Presidente del Consiglio (all'epoca Berlusconi ndr). L’effetto sul pubblico è assicurato: ci si ricorda solo delle PRIME e delle ULTIME parole pronunciate. La tesi dell’opposizione sparisce nel pastone della notizia.
E la struttura è sempre la stessa e ciò che rimane in mente a chi ascolta è solo quello che si vuole che rimanga in mente".

Ora che al governo ci sono 5stelle e lega il PANINO È SPARITO.
Suo TG Rai e Mediaset ora L'ULTIMA PAROLA (quella che resta nella mente dei telespettatori!) è sempre o quasi di Forza Italia o Pd.

Per la Rai si prega FOA di ripristinare il panino o quantomeno dare l'ultima parola al Governo.

Per i privati sanzioni o una legge ad hoc.

Non ci sarà mai VERA DEMOCRAZIA senza UN'INFORMAZIONE CORRETTA.
L'INFORMAZIONE E LA DISINFORMAZIONE spostano MILIONI DI VOTI TRA I TELELOBITOMIZZATI

Dino Colombo. Commentatore certificato 30.09.18 14:11| 
 |
Rispondi al commento

Perché abbiamo svenduto la nostra industria pubblica e abbiamo schiavizzato il lavoro?

Prof.Sapelli:
"Non abbiamo deciso noi, ma una casta rappresentata dai suoi intellettuali cosmopoliti e da una destra, quella berlusconiana, che si sono unite. Noi siamo entrati nella globalizzazione in modo subalterno, non autonomo. Ricordi sempre che chi ha provocato i drammi della liberalizzazione sregolata sono stati Blair e Clinton, è stata la sinistra che ha tradito il suo popolo. Perché governata dalla finanza. Thatcher e Reagan rispetto ai primi due erano delle mammolette. Non hanno fatto i danni che hanno fatto quei due cavalieri dell'apocalisse. Soprattutto sul mercato del lavoro, con le teorie del neoschiavismo. Come si fa a parlare di capitale umano quando tieni uno sei mesi e poi lo mandi via? O adesso danno i voucher, è la prima volta che il capitalismo incorpora dei meccanismi di formazione economica e sociali come lo schiavismo. Qui non si comprano le ore di lavoro, ma la vita delle persone. Questo l'ha fatta gente di sinistra o presunta tale. In Italia i vari giuslavoristi, complimenti".

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.09.18 13:32| 
 |
Rispondi al commento

L'ONU
ahahahahahahah
Ma mi faccia il piacere! Direbbe Totò

Dino Colombo. Commentatore certificato 30.09.18 13:25| 
 |
Rispondi al commento

Prevenire è meglio che curare. Accentrare più le risorse con meno sprechi e disincentivare le multinazionali nello sfruttamento dei popoli che hanno le materie prime. Questo per migliorare il loro tenore di vita lontano dalle guerre e dalle mafie locali. Questo deve essere l'obiettivo principale dell'Onu. Non un parassita di pura rappresentanza.

Sabrina P. 30.09.18 13:20| 
 |
Rispondi al commento

O.t.
Arrestate le belve di Lanciano. I tre romeni stavano per scappare

Credo sia valida la mia tesi
Molti stati SI LIBERANO dei loro DELINQUENTI spedendoli in Italia.
Tanto sanno che qui si accolgono,senza tante formalità, CANI E PORCI.



Ciao Paolo Crocetta non ti conosco ma mi fai tanta tenerezza. Io ho subito la morte di due genitori una separazione e un cancro. Non per questo incanalo la mia rabbia del mio vissuto contro gli altri ma anzi, grazie alla mia esperienza e al mio vissuto cerco di aiutare chi ha problemi. Cerco di aiutare il prossimo facendo qualcosa di costruttivo. Ho portato per 10 anni diritti alle mamme che avevano bambini sotto i dodici anni. Non è poco visto che è un azienda privata. Cerco di aiutare come posso le persone. Io fossi in te cercherei una strada per fare altrettanto. Purtroppo nessuno può risolvere il tuo problema dovrai imparare a conviverci. Il blog serve per dare un aiuto costruttivo. Non per offendere il prossimo. A meno che tu non sia pagato da qualcuno per sprecare il tuo tempo. Un caro abbraccio


PROF. SAPELLI-ASSENZA DI DEMOCRAZIA IN EUROPA

"L'Europa sbaglia se pensa di poter influenzare il voto popolare. Non ha alcuna legittimazione democratica, i membri del Consiglio sono i capi di Stato mentre la Commissione europea è nominata dagli organi governativi, e che io sappia non c'è stata alcuna costituente europea. E' il Parlamento europeo che dovrebbe avere legittimità politica, in quanto organo eletto"... non la Troika. E' l'europarlamento che dovrebbe fare le leggi europee e infatti si parla di direttive europee o regolamenti.
Ma giuridicamente si possono abbandonare, ad eccezione del Trattato di Maastricht. Ma si dovrebbero abbandonare regolamenti come il 3% o il Fiscal Compact, che è una follia. . Sono frutti dell'ordoliberismo anche se la gente non lo sa.
Se ci fosse una democrazia, ci sarebbe una Costituzione europea fatta dai popoli. Quello che è stato fatto, invece, nega ogni democrazia. Una minoranza non eletta governa la maggioranza. Addirittura poteri stranieri come la Bm o il Fm, cioè istituzioni mai elette da nessuno, danno ordini all'Europa. Bersani e Berlusconi hanno messo in Costituzione il pareggio del bilancio, seguendo la Costituzione tedesca che è antidemocratica e antiliberale per eccellenza: divieto di fare debito pubblico."
E non ha protestato nessuno. E nemmeno quelli che hanno fatto questo scempio riescono oggi a capire la loro enormità e a pentirsene.
"Cosa c'importa del deficit, il Giappone ha il 250% del debito pubblico ma il 3% di disoccupazione, io mi tengo il secondo dato. Certo che una volta persa la sovranità monetaria, se non mi comprano i titoli di Stato vado in default. Ma se posso stampare moneta o se funzionasse una forma simile a quella degli Stati Uniti tutto cambia: moneta unica ma libertà di default o libertà di aiuto".
Eppure il Pd renziano continua imperterrito a votare nel Parlamento europeo per l'austerità come se non volesse vedere lo scempio che ha provocato.


SEGUE SOTTO

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.09.18 13:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Di Maio: «Taglieremo 345 parlamentari entro maggio»
https://video.ilgazzettino.it/primopiano/di_maio_taglieremo_parlamentari-4005824.html
Ma bisogna vedere entro quale anno...
Il numero dei deputati / senatori è costituzionale ( art 56 / 57 ).
Modificare la costituzione implica minimo 1 anno, e il referendum ( vedi Renzi ), se non ci sono due terzi dei votanti al parlamento che approvano la modifica , art. 138 https://www.senato.it/documenti/repository/istituzione/costituzione.pdf
Ditemi che sbaglio....
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 30.09.18 12:55| 
 |
Rispondi al commento

L FISCAL COMPACT E I TRATTATI EUROPEI

(Bersani e Berlusconi non solo si sono asserviti all'austerità imposta dalla Troika, ma addirittura hanno votato per mettere in Costituzione-unici un Europa- il Fiscal Compact che impedisce che lo Stato faccia qualsiasi spesa per investimenti-non potrebbe nemmeno ricostruire le case distrutte dal terremoto o il ponte di Genova-se prima non realizza il pareggio del bilancio. Cosa assurda che vieta qualsiasi ripresa economica).

Secondo il prof. Giulio Sapelli (economista) il Fiscal Compact è un vero attentato alla sovranità nazionale e non dovrebbe comparire in nessun trattato europeo perché ci mette immediatamente in una situazione di svantaggio di fronte all'asse franco-tedesco, proseguendo quella situazione di noncurante acquiescenza dei governi degli ultimi 20 anni. Oggi la situazione sta cambiando perché varie forze in Parlamento hanno cominciato a dire che il Fiscal Compact deve essere tolto dai Trattati europei, perché fissa una misura di contenimento del debito che non ha nessuna base scientifica, aggravando le divergenze che si creano tra nazioni a diversi livelli di produttività del lavoro e crescita potenziale. Non si dovrebbe fissare nessun limite al debito, ma far sì che il suo contenimento avvenisse attraverso strategie differenti in grado di riflettere la diversità storica, economica e culturale dell'Europa".
"Io credo che la moneta unica sia stata un errore. La parola sovranismo, non vuol dire niente! Questa è una politica economica disastrosa che deriva da una teoria precisa che si chiama ORDOLIBERISMO, che i tedeschi hanno imposto a tutti gli Stati europei".

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.09.18 12:47| 
 |
Rispondi al commento

LA VECCHIA BORGHESIA E LA NUOVA. IL POPOLO DEGLI ABISSI
Prof Sapelli (economista)
Sono anni che in Italia ci dimentichiamo che i Governi si costruiscono secondo la volontà popolare. Napolitano in questo senso è stato la punta questa sottrazione di potere al parlamento. Ma anche i discorsi drammatici di Mattarella sono gravissimi e creano il panico allarmando i mercati.
Ormai in Italia è normale che che quando si parla di politica e governo si tenga un occhio sempre alla Borsa, visto il tipo di classi dominanti in Italia. Ci sono una vecchia borghesia compradora (una classe senza autonomia materiale e soggiogata agli interessi del capitale esterno) e una nuova borghesia nazionale che rappresenta le piccole medie imprese. I secondi non vivono facendo favori all'estero contrariamente ai primi. Lo scontro avverrà tra questi due gruppi di potere che si confrontano oggi in Italia. È questa la dialettica cui assisteremo nei prossimi anni. Questo nuovo Governo segna, per ora, la vittoria di questa borghesia nazionale e il popolo degli abissi.
Il popolo degli abissi è rappresentato dalle classe più povere, i diseredati, gli arrabbiati. Quelli che erroneamente vengono definiti populisti. E sono invece il popolo. Una platea che prima faceva riferimento ai grandi partiti socialisti e oggi invece vota in parte a destra e parte 5S"

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.09.18 12:35| 
 |
Rispondi al commento

GIULIO SAPELLI è un economista italiano molto noto in Italia e all'estero.
A uno stupefatto Calenda, accanto a un servile Formigli, dichiara:
"Il problema vero è che in Europa c'è una politica che si chiama ORDOLIBERISMO, fondata su questo assunto catastrofico che non deve esistere debito pubblico, e ovunque si applica, questo principio distrugge gli Stati e le economie e distrugge la coesione sociale. Questa politica dell'austerità è una catastrofe e, se continua, la deflazione ci distruggerà tutti. Il problema è la politica economica ma i poteri europei rendono inutile il nostro voto perché la politica economica è sempre la stessa. Le imprese si sono ridotte a produrre solo per esportare mentre c'è bisogno di mercato interno. Chi ha governato finora la deve finire con questa storia che stiamo finendo in un abisso perché è la classe dominante che abbiamo avuto finora che ci porta al default".

https://twitter.com/i/status/1046139635573948416

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.09.18 12:28| 
 |
Rispondi al commento

Ma non sono quelli che hanno voluto sperimentare in Grecia la povertà del popolo e in Italia pretendono la sperimentazione razziale della sostituzione di popolo? Che non criticano il FMI e nulla dicono sul trasferimento della ricchezza. Ma mi sbaglio o non solo dello sforamento vive il popolo ma anche di fame di giustizia e di pensiero: I processi ed il diritto alla giustizia costa enormemente ma costerà anche la perdita del gusto della vita: Inquinamento/petrolio, TAP, TAV, Grandi navi, Commercio Internazionale. Riflette cari Ministri, riflettete! Portavoce del popolo sì ma con moderazione?

Raimondo M., Corigliano Calabro Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 30.09.18 12:22| 
 |
Rispondi al commento

COME NO! ci arriverà la cartolina per tornare al servizio militare e fare la guerra alla Francia?

vittorio h., torino Commentatore certificato 30.09.18 12:07| 
 |
Rispondi al commento

Dal FATTO Quotidiano pag. 2 titolo:
“Così il reddito di cittadinanza verrà speso con il bancomat”
“Per ora c’è una certezza: sarà erogato sotto forma di carta acquisti che i beneficiari potranno spendere per i beni necessari a una vita dignitosa....il viceministro all' Economia dei 5
stelle, Laura Castelli...spiega... .

Mi ha detto Toni Fracca, evasore, puttaniere e giocatore di Sfrunz o Strembo o... ( Trento o...), che si farà amico il fornaio e il rigattiere, così si farà dare gli €780 in contanti, in cambio del 7/10%, e potrà andare a mignotte, farsi canne, e, perchè no, fare una capatina alle slot machine.
M'ha detto
“W M5S :-))”
Sono perplesso..
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 30.09.18 11:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

questi signori si sono resi conto della fame non solo nel terzo mondo ma in europa? ho fanno finta di niente? se non la pagano in questa vita si ricordino che c*e dio e non fa sconti a nessuno,la sua giustizia non concede repliche. io sono testimone di questo
stefano
un cittadino

stefano viola 30.09.18 11:42| 
 |
Rispondi al commento

L'ONU?
Ma se non è capace nemmeno di controllare un campo "profughi" in Libia figuriamoci fermare le guerre decise dai Potenti!

Dino Colombo. Commentatore certificato 30.09.18 11:28| 
 |
Rispondi al commento

e che dicono le Nazioni unite in Siria,Iran,Iraq,Afganistan,Nigeria,in genere in Africa(libia)... che dicono che dicono...eppure hanno strumenti(satelliti spia,che ti vedono i peli nel... mentre sei in bagno.

Sicuro Di Stefano,ammiro il tuo entusiasmo e forse anche un pò di ingenuità perchè sei giovane,ma sicuro
che i"peacebulding e il peacekeeping " siano il fiore all'occhiello,visto che le situazioni segnalate ,sono in permanente guerra?
Che siano invece il contrario di ciò che si sono promessi istituzionalmente?
Anche le Nazioni unite soccombono al potere del pertolio o no?

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 30.09.18 11:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

O.T. (solo per chi sa riconoscere le parabole)
La madre sa che la figlia ormai maggiorenne si prostituisce. E sa pure che sta per mettersi a convivere con un riccone che permetterà a lei e anche alla sua famiglia introiti non indifferenti. E la cosa non le dispiace affatto. Ma si vergogna di quello che potrebbe dire il vicinato sapendola d'accordo con la figlia.
Pertanto qualche giorno prima dell'evento, dal balcone della sua casa urla ai quattro venti, in modo che tutti la sentano:
"Non è corretto che una figlia si prostituisca per soldi!" Così che un domani, venendosi a sapere che invece proprio sua figlia è una p****a del genere ,nessuno possa dire che la madre fosse già d'accordo con lei.
Così almeno l'onore della madre e del resto della famiglia è salvo"
Anche se poi alla fine la sostanza non cambia.

Dino Colombo. Commentatore certificato 30.09.18 11:17| 
 |
Rispondi al commento

l'italia non cambia, anzi, al peggio non c'è mai fine!

vittorio h., torino Commentatore certificato 30.09.18 11:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi sembra che l'ONU sia diventato, da un po' di tempo, il classico "ente inutile". Dalla guerra (americana e NATO) in Iraq non è stato in grado di evitare una sola guerra, un solo genocodio.
Iraq, Yugoslavia, Afganistan, Somalia, Libia, Sitia, Yemen e questi sono solo quelli che mi ricordo. Tutte guerre (e genocidi) USA, allora dove stà il problema?
Sta nel fatto che i funzionari ONU hanno da difendere, prima della vita della gente, i loro stipendi.
Il maggior contribuente alle casse ONU sono gli Stati Uniti. Come si fa a denunciare chi ti paga lo stipendio? Se lo denunci non vedi più il becco di un quattrino.

giorgio peruffo Commentatore certificato 30.09.18 11:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ot

visto che tutti dormono approfitto e pubblico un altro commento :)

""Il governo ha ereditato 5 milioni di poveri i cui bisogni di sopravvivenza sono impellenti già da ieri; tra questi vi sono parte del 10 per cento dei lavoratori disoccupati, di cui un numero socialmente inaccettabile di giovani. Il reddito e la pensione di cittadinanza, nonché il pensionamento anticipato perseguono l’obiettivo di attenuare le difficoltà di questa parte della popolazione, come impongono le regole della convivenza di una nazione civile. ""

parole di paolo savona sul ffatto di oggi.

puro buonsenso come direbbe tex willer...

e chi si oppone a queste parole?

il piddì ...ca va sans dire

mah

pabblo 30.09.18 11:14| 
 |
Rispondi al commento

ot

"Reddito di cittadinanza a 6,5 milioni di persone? Ecco perché l’importo potrebbe essere meno della metà del Rei""

no non è il glorioso "il male" ma è il sole 24ore..

giuro :)

https://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2018-09-28/reddito-cittadinanza-65-milioni-persone-ecco-perche-l-importo-potrebbe-essere-meno-meta-rei-133509.shtml?uuid=AEyRQpAG


pabblo 30.09.18 10:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Abbiamo conquistato l'Italia,
deriso l'Europa,

ora parte l'attacco all'ONU!

Avanti 30.09.18 10:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori