Il Blog delle Stelle
Anche The Wall Street Journal loda la Direttiva Antiriciclaggio targata MoVimento 5 Stelle

Anche The Wall Street Journal loda la Direttiva Antiriciclaggio targata MoVimento 5 Stelle

Author di MoVimento 5 Stelle
ore 09:50
Dona
  • 12


Di seguito l'editoriale pubblicato su The Wall Street Journal, tradotto in italiano

Questo mercoledì l'Europa ha scagliato un duro attacco al riciclaggio di denaro con una proposta avanzata dalla Commissione Europea che aumenta i poteri conferiti alle autorità di controllo e ai legislatori grazie a un insieme di nuove regole.

Il Presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker ha richiesto il rafforzamento dei poteri di vigilanza dell'Autorità Bancaria Europea (ABE) riguardo la regolamentazione dell'antiriciclaggio. L'ABE, seguendo la proposta avanzata dal Presidente della Commissione Europea Juncker, avrebbe la possibilità di richiedere una serie di investigazioni, attuate dai supervisori impegnati nell'antiriciclaggio proprio sulle banche europee, e convocherebbe a questo punto, una nuova commissione presieduta da questi supervisori.

"L'ABE diventerebbe, così, il supervisore centrale per quanto riguarda le indagini dell'antiriciclaggio europeo" dichiara Josh Berman, socio della Clifford Chance LLP.

Mercoledì il Parlamento Europeo ha approvato queste nuove misure che, a detta dei parlamentari europei, dovrebbero cercare di mettere fine a quelle falle presenti nei regolamenti esistenti così da facilitare l'attività delle autorità nel bloccare trasferimenti illeciti di denaro.

Il nuovo regolamento crea dei parametri ben saldi a livello europeo di quei crimini relativi al riciclaggio, stabilisce delle pene minime nei Paesi che fanno parte dell'Unione Europea e attua il daspo a coloro che sono condannati per questo reato commesso durante il pubblico servizio. Inoltre, diminuisce le soglie dei flussi di cassa e consente confische momentanee da parte delle autorità in caso di sospetta attività criminale.

"Le nuove regole che riguardano il riciclaggio toccano i criminali proprio nel loro tallone di Achille, cioè il denaro" afferma Ignazio Corrao, europarlamentare e membro del partito anticorruzione italiano Movimento Cinque Stelle.

Messe insieme, le ultime proposte potrebbero aumentare il consenso verso l'Europa con un occhio di riguardo sulla battaglia al crimine finanziario. "Questa è una parte di alcune iniziative, che rende ancora più difficile il riciclaggio di profitti criminali e la partecipazione in atti di finanziamenti pericolosi" dichiara Simon Airey, socio dello studio legale Paul Hastings LLP.

Le nuove regole arrivano mentre l'Europa è sotto pressione a causa di un'ondata di scandali che sono avvenuti in tutto il continente, compre esempio quelle inchieste che hanno riguardato le banche di Danimarca, Lettonia, Paesi Bassi, Malta e non solo.
Gli Stati Uniti hanno già applicato, nel corso dell'ultima decennio, un piano di antiriciclaggio strappando miliardi di dollari di multe alla criminalità per casi di non conformità. L'Europa, in questo caso, vuole andare avanti su questa via, sull'onda anche della notizia dell'imposizione di una multa record da €775 milioni imposta scorsa settimana da un Pubblico Ministero olandese nei confronti dell'usuraio ING Groep NV.

All'inizio di quest'anno, l'Unione Europea ha approvato la sua quinta direttiva antiriciclaggio, che richiede gli Stati membri di stabilire un sistema per una migliore cooperazione e condivisione di informazioni entro il 2020 e stabilisce, per di più, i nuovi requisiti di trasparenza. Le regole europee, comunque, sono applicate da ogni Stato membro e questo può portare a falle nel sistema che possono favorire chi vuole approfittarne. Un bollettino della Commissione Europea, pubblicato mercoledì, afferma come il divario fra la supervisione e l'applicazione porti marcatamente dei rischi all'integrità e alla reputazione del settore finanziario europeo, così anche ad una potenziale preoccupazione da parte di alcune banche sulla loro stabilità.

Il bollettino, inoltre, afferma: "Al fine di completare e rafforzare maggiormente l'Unione Bancaria grazie anche alla riduzione del rischio e di condivisione e allo sviluppo dell'Unione dei Mercati dei Capitali, bisogna mettere in atto un'azione per assicurare che il regolamento antiriciclaggio sia effettivamente supervisionato in tutta l'Unione Europea e le diverse autorità devono collaborare strettamente l'una con l'altra".



bannerdoni5s2018.jpg

18 Set 2018, 09:50 | Scrivi | Commenti (12) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 12


Tags: corruzione, daspo, europa, movimento, wall street journal

Commenti

 

Laurence Boone = Bilderberg.

Biagio C. Commentatore certificato 20.09.18 22:46| 
 |
Rispondi al commento

Avanti senza pietà con il cambiamento.

gianluigi f., pandino Commentatore certificato 20.09.18 08:21| 
 |
Rispondi al commento

la maggior parte della gente come me non capisce l'importanza dell'antiriciclaggio, anche perchè non si hanno notizie di grandi arresti e condanne .alla fine sembra che se la cavino tutti, forse perchè i controlli funzionano?

REN ATOLO, altamura Commentatore certificato 19.09.18 18:16| 
 |
Rispondi al commento

La gente comune come me non capisce che cosa sia questo antiriciclaggio.
Non si capisce a che cosa serva tutto questo controllo . La maggior parte della gente non ha soldi da riciclare ovvero da nascondere .Magari..

REN ATOLO, altamura Commentatore certificato 19.09.18 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Stasera ho sentito che la lega dovrà pagare i soldi rubati a rate nell`arco di tempo di 80anni. Perchè il nostro debito pubblico non può essere trattato nello stesso modo e anche con gli interessi, senza usare lo spread e il limite del 3%. Il debito dell`italia e della carne viva degli italiani non dovrebbe essere trattato meglio di un partito politico che ha rubato, al di la delle proporzioni del debito. Forse in Italia si rispetta ancora la politica e la democrazia e in Europa c`è qualcosaltro.

gennaro a., carrara Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 18.09.18 20:46| 
 |
Rispondi al commento

SOLO I 5 STELLE
sono interessati a questo argomento!

giovanni ., Roma Commentatore certificato 18.09.18 18:56| 
 |
Rispondi al commento

SBAGLIERO' ..MA NON HO LETTO NULLA DA NESSNA PARTE SULLA QUESTIONE DI NON POCO CONTO ...MO VEDIAMO

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 18.09.18 17:15| 
 |
Rispondi al commento

BRAVI 5 STELLE!!!!!

VEDIAMO SE I PARTITI LADRI CI DANNO CREDITO... HA HA HA HA

STIAMO FACENDO QUELLO CHE LORO NON HANNO MAI FATTO PROORIO X IL MOTIVO CHE erano super corrotti.

Gli abbiamo sputtanati alla grande.. ora il magna magna è FINITO!!!

Evviva gli onesti!!

Franz M., Here&There Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 18.09.18 15:41| 
 |
Rispondi al commento

Si parla di tagli alle spese. Due direttrici, ad esempio : Enti locali e lavori pubblici. Gli Enti locali ( Comuni, Comunità Montane, Enti Parco, Province, Regioni, ecc. ) sono pozzi senza fondo. un esempio stupido : appalto pulizia neve dato a ditte distanti cento kilometri invece che a ditte in luogo con costi esorbitanti e servizio pessimo. E migliaia di casi simili. e poi consulenze, gettoni, comitati, ecc. E poi nelle Asl, come nel esto degli uffici pubblici: duplicazioni, uffici inutili, servizi, appalti, sub-appalti, ecc. C'è tanto lavoro da fare. Occorrerebbe creare dei gruppi ispettivi esterni, fatti da gente esperta, magari anche affidati ai Carabinieri o alla Guardia di Finanza, che mettono sotto esame tutte le procedure.

FRANCO DELLA CASA 18.09.18 15:13| 
 |
Rispondi al commento

Qualsiasi provvedimento contro usurpatori di ricchezze e' sempre il benvenuto.

Roberto Maccione Commentatore certificato 18.09.18 13:05| 
 |
Rispondi al commento

lucacopioso@virgilio.it

Bisogna innanzitutto insistere sui pagamenti elettronici. Che senso ha una legge sui POS che enunci un obbligo senza imporre una SERIA sanzione ?!? E bgisogna anche ribadire che il rifiuto di emissione di uno scontrino o della fattura legittima l'acquirente a rifiutare il pagamento. Che il cane abbai una volta o due, non importa a nessuno. Questa norma può contribuire a alzare il livello degli imponibili colpendo gli evasori.
Avete presente il sistema adottato per le farmacie che viene usato per preparare il 730 precompilato? Ebbene quel sistema andrebbe esteso a tutti i contribuenti per la dichiarazione precompilata. L'acquirente o consumatore dovrebbe avere la possibilità di poter "dedurre" dal proprio reddito l'imponibile di ogni spesa. La ritenuta alla fonte andrebbe applicata a titolo di acconto. Questo porterebbe ad un innalzamento dei redditi ed alla NON convenienza ad evadere (vista l'impossibilità). Con imponibili così alti nessuna impresa avrebbe più convenienza ad assumere lavoratori in nero. Andrebbero anche rettificate le norme sulla formazione dei redditi:tutti con il regime ordinario, con l'obbligo della contabilità di magazzino e abolizione dei regimi agevolati. Una volta sembrava irrealizzabile, ma oggi ci sono i computers, c'è la rete, c'è la larga banda. Tutto è fattibile. La Lega vuole la flat tax ? Bene, ma controlliamo gli imponibili e facciamoli controllare da chi, al momento dell'operazione, paga il fornitore o il professionista. I consumatori devono sapere che chiedendo il documento fiscale (minacciando di non pagare) se consentono ad altri di evadere poi saranno loro stessi a dover pagare. L'idea mi venne tanti anni fa vedendo il fac simile della scheda carburanti. All'epoca non c'erano gli strumenti per realizzare un sistema del genere, oggi c'è tutto. Manca la volontà politica...!!!

luca C. Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 18.09.18 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Guerra Al Denaro sporco SI ma se c'e qualcosa di piu sporco e' la manipolazione del sistema monetario e finanziario con lo scopo di indebitare sempre di piu chi non ne trae profitto cioe la maggioranza...!!!!!!!!

Davide Strozzi 18.09.18 11:24| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori