Il Blog delle Stelle
Risultato storico: stabilizzati 2.000 ricercatori precari!

Risultato storico: stabilizzati 2.000 ricercatori precari!

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 38

di Lorenzo Fioramonti, sottosegretario al Ministero della Pubblica Istruzione

Negli ultimi giorni abbiamo approvato un decreto qui al Ministero della Pubblica Istruzione, dell’Università e della Ricerca, che ci consente per la prima volta in molti anni di stabilizzare oltre 2.000 ricercatori precari negli enti pubblici di ricerca in Italia. Questo è un risultato storico che abbiamo ottenuto a poche settimane dell’insediamento del nuovo Governo. Negli ultimi giorni, alcuni esponenti del Governo precedente hanno sostenuto che in fondo questa non fosse altro che un’attività già decisa da parte loro.

Ma questo non è vero, ma lo sapete perché? Perchè gli stanziamenti previsti dal Governo precedente prevedevano un co-finanziamento e delle risorse aggiuntive, che gli enti pubblici di ricerca non avevano. Noi oggi, stanziando €68 milioni, consentiamo non solo di portare a termine un processo iniziato ma mai concluso dal Governo precedente, ma addittura di fare molto di più: e cioè superare di oltre 2.000 unità la platea di coloro che beneficeranno di questa stabilizzazione. Quindi è un risultato importante, un risultato che non sarebbe stato possibile senza il nostro intervento. Una cosa in più voglio dire: noi oggi scommettiamo sulla ricerca in Italia come volano di una nuova economia in questo Paese.

E’ fondamentale che si capisca che non è possibile creare innovazione quando chi fa ricerca è costretto a vivere di contratti a tempo determinato per troppo tempo. Va bene all’inizio della carriera accademica e scientifica, ma non è possibile, come nel caso di molti enti, che persone dopo 10-15 anni ancora siano con contratti a tempo determinato. Non solo perchè non è giusto, ma anche perché, come molti altri settori di lavoro, il ricercatore deve essere creativo ed innovativo e l’innovazione si può fare soltanto quando si ha la certezza di un orizzonte temporale almeno di medio / lungo termine. Quindi, investire sulla ricerca non è un costo: è un investimento.

Noi diciamo che la ricerca sarà il cuore dell’innovazione in Italia. Che l’investimento che noi stiamo facendo in questi giorni, e che porteremo a termine nel corso dei prossimi mesi, sarà davvero quella spinta in più, quella marcia in più che metterà l’Italia nelle condizioni di competere davvero e bene con gli altri grandi paesi del mondo. Io quello che chiedo a tutti i ricercatori che in questi mesi verranno stabilizzati dagli enti di ricerca è semplicemente di unirsi a noi, di aiutarci a far diventare l’Italia un esempio per il resto del mondo, di fare in modo che queste stabilizzazioni divengano davvero un’apertura verso la meritocrazia e l’innovazione e che gli investimenti che faremo in ricerca e sviluppo saranno il motore di una nuova economia.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

2 Ago 2018, 10:00 | Scrivi | Commenti (38) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 38


Tags: istruzione, Lorenzo Fioramonti, ricerca, ricercatori, ricercatori precari, università

Commenti

 

Bravissimo, avanti tutta

patrizia v., cagliari Commentatore certificato 05.08.18 17:27| 
 |
Rispondi al commento

sulla doverosa stabilizzazione dei ricercatori farei molti distinguo. é stata sempre un nicchia per raccomandati non sempre preparati e produttivi -trattandosi di ricerca non so se la valutazione dei titoli sia prevista e chi li dovrà valutare

carmine f., napoli Commentatore certificato 05.08.18 13:22| 
 |
Rispondi al commento

Non ci vuole una gran testa (vedi renzi) a capire che i ricercatori sono fonte essenziale di un paese. Doveva essere così da 50 anni, ora siamo in ritardo; speriamo di recuperare tutto il tempo perso.

Mario V., Solarolo Commentatore certificato 04.08.18 20:41| 
 |
Rispondi al commento

la ricerca è la vera forza che uno stato deve avere,pertanto va non solo rispettata ,ma sopratutto preotetta in maniera prioritaria

franco bazzani (), seregno Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 04.08.18 11:29| 
 |
Rispondi al commento

Ok. Bene. Meglio di niente. Ma attenzione è solo una goccia d'acqua nel deserto. 2000 ricercatori sono una ventina per ogni università ovvero non più di uno per facoltà. Era fumo negli occhi del governo precedente. Occorre fare molto di più. Ascoltate le richieste dell'ANDU.

Benny 04.08.18 09:26| 
 |
Rispondi al commento

Ma non è un filino in conflitto di interessi avere Foa figlio nel proprio staff e candidare Foa padre a presidente della RAI? Cioè avere il padre che dovrebbe fare le pulci a qualcuno la cui immagine è tutelata dal figlio? (perchè il giornalismo deve fare le pulci a chi governa no?)
Ma che senso ha seguire Salvini su questo e non smarcarsene? Cosa deve fare Salvini perchè ne prendiamo le distanze, qualche reato? Aprite gli occhi!!

Marco S. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau 03.08.18 17:16| 
 |
Rispondi al commento

Salve. dove si può trovare il decreto?

cesario ratano 03.08.18 09:46| 
 |
Rispondi al commento

UN CONTRATTO DI 6 GIORNI PER MORIRE DI PRECARIATO A 40 ANNI NON FA NOTIZIA

L'operaio aveva un contratto firmato il 6 luglio, 40 anni, Luca Savio ma aveva iniziato a lavorare il 9 luglio. Un giovane lavoratore ha perso la vita per un "LAVORETTO" ma molto pericoloso.

Non fa notizia, era solo un lavoratore. Di quella classe massacrata e umiliata, a cui i signori del globalismo, promotori dei lavori precari e dei contratti senza diritti con il silenzio dei sindacati, dei partiti sinistroidi, dei difensori dei confini aperti e dei loro cani da guardia intellettuali, hanno portato via la dignità: dove sono quelli delle magliette rosse?

Occorre invece ripartire di qui, dal lavoro e dalla classe lavoratrice e ceto medio che sono i bersagli del capitalismo finanziario destinati a impoverimento permanente. Ripartire da qui per difendere i deboli contro i forti, per tutti quelli come Luca e la sua piccola bambina.

ANDIAMO AVANTI CON IL DECRETO DIGNITÀ BASATA COCOCO, COCOPRO E JOBS ACT DI RENSì

Shir akbari 03.08.18 07:04| 
 |
Rispondi al commento

benissimo, basta con il precariato perché lavorare con tranquillità ed applicazione si possono raggiungere mete impensabili.

mzee.carlo 03.08.18 06:41| 
 |
Rispondi al commento

Andiamo avanti col cambiamento!

Giuseppe Gatto, Galatone (Lecce) Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 03.08.18 00:24| 
 |
Rispondi al commento

eccellente risultato complimenti, condivido in toto quanto esplicitato la ricerca in questo paese deve essere un punto di forza un volano per il paese . Dobbiamo portarla ai massimi livelli le menti non ci mancano , avanti cosi , quanto sento queste cose penso al dove siamo finiti con anni di politiche nefaste per il sistema paese.

francesco bruschi 02.08.18 22:01| 
 |
Rispondi al commento

Come hanno potuto i"comunisti" tollerare il precariato nella PA non mi è dato proprio di capire. Se c'è una esigenza particolare ti assumo per il tempo necessario a superare quell'emergenza. Ma se l'emergenza persiste nel tempo è immorale non stabilizzare quel contratto. La verità è che i "comunisti" hanno campato sempre alle spalle dei lavoratori tenendoli sempre sotto continuo ricatto. E già, le assunzioni a breve termine hanno aggirato l'ostacolo dei concorsi e il rinnovo dell'incarico è tutto discrezionale. Resta amico mio e continuerai a lavorare. È una storia che deve finire.Dulcis in fundo a quel lavoratore gli hanno tolto anche la reintegrazione per giusta causa. I comunisti. Vi prego. La GIUSTA CAUSA è essa stessa rispetto e dignità per ogni lavoratore.

Giuseppe Borretti, Villaricca Commentatore certificato 02.08.18 19:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie Lorenzo.

E credo fermamente che, in questo modo, torneremo ad essere i primi al mondo in questo campo, come lo saremmo sempre potuti essere se non fosse che, da un po' di tempo, i governi succedutisi hanno dimostrato una palese riluttanza verso ricerca e innovazione, come accadrebbe a dei dinosauri, in via d'estinzione dinanzi al loro futuro.
Anzi, non come...

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 02.08.18 19:31| 
 |
Rispondi al commento

Stiamo aspettando l'abolizione della legge 107. Bisogna abolirla tutta e no solo alcune parti. La legge é scritta male e sta creando un contenzioso continuo tra insegnanti e MIUR. Dove i vari A.T. provinciali sono tutti soccombenti con notevoli perdite di soldi per le cause perse. Si sta creando inoltre un esubero su varie classi di concorso con insegnanti trasferiti con 10 punti su alcune province x le cause vinte mentre altri con 200 punti non verranno mai trasferiti perché la classe di concorso é diventata in esubero.
Ci sono numerose incongruenza tra la legge ed il contratto di mobilità e tra la legge ed altre leggi della scuola; questo crea contenzioso con ricorso continuo ai tribunali.

Roberto Aita 02.08.18 16:22| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente un governo che fa il GOVERNO. Se non altro rispetta gli Art. 1-3 della Codtituzione.

Roberto Maccione Commentatore certificato 02.08.18 16:05| 
 |
Rispondi al commento

Mi spiace, ma l'attribuzione del merito è falsa:

i posti a concorso vengono decisi in base ad una legge finanziaria, e quelli in oggetto sono stati decisi dalla finanziaria precedente, quindi dal governo precedente.
In particolare, si veda la "Circolare" del "Ministro per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione" del 23 novembre 2017, numero 3, in "materia di indirizzi operativi per la valorizzazione della esperienza professionale del personale con contratto di lavoro flessibile e per il superamento del precariato", a cui va aggiunta la Circolare del 18 dicembre 2017, numero di protocollo 6138, con la quale la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Funzione Pubblica, Ufficio per la Organizzazione ed il Lavoro Pubblico, di concerto con il Ministero della Economia e delle Finanze, Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato, ha definito, ai sensi dell’articolo 9, comma 6, del Decreto Legislativo 25 novembre 2016, numero 218, il costo medio annuo del personale degli Enti di Ricerca, distinto per profili e livelli professionali.

Insomma, questi sono posti del governo Renzie, su cui si cerca maldestramente di mettere il cappello.

Massimo Dall'Ora 02.08.18 16:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusate ma ai Ricercatori precari dell'Università non ci pensa nessuno? Per quale motivo ad oggi non si parla dei precari dell'Università? Forse è considerata ricerca di serie B. Il Decreto Madia prevedeva la stabilizzazione di tutti i precari della Pubblica Amministrazione.
Aspetto notizie dal Movimento 5 Stelle

Laura Ricciotti 02.08.18 15:58| 
 |
Rispondi al commento

Bravissimi avanti così è buon lavoro.

gianluigi f., pandino Commentatore certificato 02.08.18 15:54| 
 |
Rispondi al commento

Bravi bravi bravi non smetterò mai di seguirvi e divulgare le notizie del Movimento nei social e nei gruppi che ho . Continuate così siete la strada Maestra del Futuro

Massimiliano conti 02.08.18 15:28| 
 |
Rispondi al commento

Bene. Ora , e' ora di togliere il precariato dalla sanita' e scuola, dove malati e ragazzi hanno diritto di avere addetti di qualita'stabile.

Francesco De Rita 02.08.18 15:01| 
 |
Rispondi al commento

68 milioni di € per 2000 ricercatori ovvero €34.000,00 lordo, a testa.
Ovvero la paga di un anno, e non tanto alta; sarà €22.000,00 netto.
Poco tempo fa, su http://www.lescienze.it/ ho letto che per fare la ricerca servono le paghette degli studiosi, ma anche qualche spesuccia; dalla carta igienica, strutture da fare manutenzione, strumenti...

Una ditta meccanica, se ha da assumere un tornitore, preventiva circa €34.000,00 ( tornitore molto scarso ) per la paghetta, e dopo per tornio, corrente, tetto, carta igienica... €300.000 / 600.000.

Per i ricercatori del CNR, si prevede che ci sia qualche attrezzatura, magari più sofisticata di un metalmeccanico?
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 02.08.18 14:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bene gate qualcosa anche per gli ex ricercatori facciata dal sistema che sono stati buttati fuori dal sistema universitario solo perché non c'è mai stato per loro un concorso fatto ad hoc! Io sono uno di loro.....

Cristian Randieri, Siracusa Commentatore certificato 02.08.18 13:31| 
 |
Rispondi al commento

ll JOBS ACT IN SOSTANZA NON E’ ALTRO CHE L’ARTICOLO 18 SENZA DI ESSO LA RIFORMA DI DI MAIO SERVE A poco I LAVORATORI RIMARRANNO DELUSI E’ HANNO RAGIONE POVERETTI SONO SCHIAVI DEI DATORE DI LAVORO. VE LO DICE UNA CHE AMA IL MOVIMENTO 5 STELLE.A distanza di circa tre anni dall’entrata in vigore dei primi decreti attuativi del Jobs Act (Legge n. 183/2014), La stabilità del rapporto di lavoro non esiste più. La precarietà dilaga e con essa la guerra tra poveri. La Legge 20 maggio 1970, n. 300 Articolo 18 Tutelava il lavoratore in caso di licenziamento illegittimo è fondamentale L’Articolo 18 senza il suo ripristino VINCE RENZI E’ TUTTO IL PD COMPRESA FORZA ITALIA.

francesca Marcellino, roma Commentatore certificato 02.08.18 13:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Articolo 18 Tutelava il lavoratore in caso di licenziamento illegittimo è fondamentale L’Articolo 18 senza il suo ripristino VINCE RENZI E BERLUSCONO I LAVORATORI RIMANGONO SCHIAVI I VERI VINCITORI SONO LE GRANDI AZIENDE

francesca Marcellino, roma Commentatore certificato 02.08.18 13:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fioramonti sei in gamba e determinato e sei una ulteriore prova che le persone che valgono si trovano tra la società civile piuttosto che tra i politici di professione. Ci aspettiamo molte cose da questo governo. Grazie

mario m. Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2017 02.08.18 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Che meraviglia. Mi sembra un sogno!!!!!

Monica Gregnanin 02.08.18 11:27| 
 |
Rispondi al commento

L'emendamento al Decreto Dignità fatto da LEU che chiedeva la reintroduzione dell'art.18 è stato chiaramente una provocazione che tendeva ad evidenziare che ne il contratto con la Lega ne il decreto toccavano uno degli aspetti più importanti e dirimenti del Jobs Act e della sua revisione! E' stato corretto per la maggioranza votare NO all'emendamento ma è OBBLIGATORIO RIPRISTINARE L'ART.18 IN FASI SUCCESSIVE COMPRESA LA REVISIONE DELLA PARTE DEL JOBS ACT CHE MIRA AL CONTROLLO ELETTRONICO DEI LAVORATORI!!! SENZA QUESTO NON CI SARA' DIGNITA'!!! Il Decreto di oggi deve essere solo un primo passetto

Giovanni Baroso, Torino Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 02.08.18 11:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lorenzo Fioramonti:Sembri molto deciso e una brava persona sui giornali verrà ignorata (probabilmente) la notizia.Ma il tempo è galantuomo.Con queste azioni faremo il famoso salto di qualità.Saluti

m.m 02.08.18 10:24| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori