Il Blog delle Stelle
Le penali per la rinuncia alla TAV non esistono

Le penali per la rinuncia alla TAV non esistono

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 41

La lettera di Livio Pepino, magistrato, pubblicata ieri sul Fatto Quotidiano

Caro direttore, la mia lettera sulle fake news relative alle penali dovute in caso di rinuncia al Tav Torino-Lione, ha evidentemente toccato un nervo scoperto. Non solo è stata ignorata dai direttori di Stampa e Repubblica ai quali era diretta, ma mi ha meritato un rimbrotto via twitter da parte di un noto giornalista del Corriere della sera (che, colpevolmente, non avevo citato tra i diffusori di bufale). Il rimprovero che mi muove Marco Imarisio è di "aver letto tutte le carte, tranne l’accordo Italia-Francia e i 24 appalti firmati finora, tutti con penali".

Effettivamente non ho letto i 24 contratti di appalto relativi al tunnel di base tra Italia e Francia (con o senza penali) perché, come confermato da tutti i protagonisti, non esistono: sono solo previsti e, per ora, congelati. Se poi Imarisio si riferisce agli appalti già conclusi o in corso per studi, progetti o lavori propedeutici al tunnel di base scopre l’acqua calda. Solo non c’entrano nulla con le asserite penali per la rinuncia all’opera di cui stiamo parlando.

Ma veniamo a quello che il giornalista del Corriere chiama l’accordo Italia-Francia, forse ignorando che di accordi ce ne sono almeno cinque. Una foto allegata al suo cinguettio sembra peraltro chiarire che il riferimento è al Grant Agreement del 25 novembre 2015, sottoscritto da Italia, Francia e Unione europea. Qui l’infortunio si fa clamoroso. L’accordo citato, infatti, dice esattamente il contrario di quanto sostiene Imarisio.

Il testo è di una chiarezza rara nella normativa pattizia internazionale. Nell’allegato II, articoli 14,15 e 16 (da pagina 38 in poi), esso prende in esame le possibili vicende dell’infrastruttura per cui è previsto un finanziamento dell’Unione, considerando le varie possibili evenienze (forza maggiore, sospensione o completamento dei lavori e via elencando), e conclude in modo perentorio (articolo 16.4.3, pagina 45) che “neither part shall be entitled to claim compensation on account of a termination by other party” (ovvero, “nessuna delle parti ha diritto di chiedere un risarcimento in seguito alla risoluzione ad opera di un’altra parte”).

Imarisio lo ignora e passa al successivo articolo 17.1, che si trova nella riga successiva della stessa pagina 45, dedicato alle “sanzioni amministrative e pecuniarie”, in cui si legge: “il beneficiario che abbia commesso errori sostanziali, irregolarità o frodi, abbia reso false attestazioni nel fornire le informazioni richieste o non abbia fornito tali informazioni al momento della presentazione della domanda o durante l’esecuzione della sovvenzione, o sia stato riscontrato in grave violazione degli obblighi derivanti dall’accordo può essere assoggettato: a) a sanzioni amministrative consistenti nell’esclusione da tutti i contratti e le sovvenzioni finanziate dal bilancio dell’Unione per un massimo di cinque anni a decorrere dalla data in cui l’infrazione è accertata in contraddittorio e/o b) a sanzioni pecuniarie dal 2 al 10% del contributo CEF che ha diritto a ricevere (…)”.

Chi tiene comportamenti scorretti, irregolari o fraudolenti per procurarsi dei vantaggi economici è soggetto a sanzioni amministrative e pecuniarie (oltre – aggiungo io – a quelle penali). Ci mancherebbe che così non fosse! Ma cosa c’entra con l’eventuale rinuncia all’opera dell’Italia, della Francia o di altri eventuali partner? Con buona pace di Imarisio il testo dell’accordo e il suo senso sono chiarissimi e ovvi: le scelte politiche non sono soggette a sanzioni (ma solo alle conseguenze stabilite da accordi politici tra gli Stati e le realtà sovranazionali interessate) mentre lo sono le scorrettezze, le irregolarità, le frodi, consumate o tentate.

Grazie per l’ospitalità e prometto di fermarmi qui.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

5 Ago 2018, 10:15 | Scrivi | Commenti (41) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 41


Tags: Corriere della Sera, Imarisio, Livio Pepino, penali, TAV

Commenti

 

Sto seguendo in questi giorni i tg televisivi per verificare cosa viene detto sulla Torino-Lione. Constato sempre e ancora che la propaganda favorevole a questa opera continua a dire che la Tav è importante e strategica e che i 5 stelle sono contro la Tav.
Vogliamo ribadire e chiarire una volta per tutte che il Movimento non è pregiudizialmente contro l'alta velocità. Il Movimento è contro la Torino- Lione (che non è un Tav, ma un Treno ad alta capacità) per il semplice motivo che non serve e che sarebbe soltanto un enorme spreco di soldi.
Perchè il PD e FI e tutti i loro gazzettieri invece continuano a volerla?
Vedetevi cosa diceva il prof. Perotti, ex consigliere economico di Renzi per la revisione della spesa pubblica.
https://www.youtube.com/watch?v=jeDj9XzQJBU

GIANNI E. Commentatore certificato 09.08.18 02:48| 
 |
Rispondi al commento

Quattro imbecilli come stasera ad in onda sulla 7 del Rio Giannini Telese e l altro non mi era mai capitato di vederli! Non è possibile! Del Rio deve essere proprio scemo!vattene fuori dalle palle!
Facciamogli pagare i danni!a lui e a tutti gli altri!devono pagare!!BASTA farcelo vedere! Mandiamoli in Alaska! BASTA,,,,,,,!

giuseppe pasini, Vallermosa Commentatore certificato 06.08.18 21:23| 
 |
Rispondi al commento

Di Maio fatti spiegare da questa classe di grandi imprenditori italiani che sostengono la TAV che fine hanno fatto le migliaia di chilometri di ferrovie che collegavano le periferie alla città fatte sparire negli anni 60 per far posto alle auto della Fiat?
Adesso fanno tutti i conti allora hanno solo obbedito alla FIAT oggi a chi obbediscono? Probabilmente ancora a qualche ideologia tecno finanziaria.

BRUNO 06.08.18 15:08| 
 |
Rispondi al commento

Ho proposto già al Governo Renzi il programma “Baldacchino Salva Italia”, e cioè la copertura fotovoltaica di autostrade e l’elettrificazione di una corsia. Nel frattempo ho scoperto che una rotaia multifunzionale al posto del filo elettrico in uso per filobus acconsente lo sfruttamento dello spazio sopra le vie di comunicazione (fiumi, canali, strade e autostrade) e crea una serie di possibilità sensazionali e rivoluzionarie da concretizzare col programma del nuovo Governo. Faccio un esempio:

1) La copertura fotovoltaica delle autostrade per la protezione di tutta l'infrastruttura, per generare energia elettrica per la mobilità e per collocare linee elettriche e di dati, che supportano contemporaneamente la copertura fotovoltaica e la rotaia multifunzionale del sistema della monorotaia sospesa. Sulla rotaia sopra la prima corsia scorrono trolleys con sollevamento:

a) per il trasporto sospeso di persone e beni con cabine (aerobus), container merci (10 t) ecc.;
b) per trainare e guidare veicoli senza propria trazione (rimorchi) o con motore a combustione spento,
c) per la trasmissione di elettricità ai veicoli elettrici, che possono quindi ricaricare la batteria durante la guida (o nelle aree di sosta),

d) per una monorotaia sospesa ad alta velocità - AV sospesa -Aerobus- sopra la 2a o 3a corsia autostradale https://www.youtube.com/watch?v=vs8VghXjFTQ , che rimane percorribile fino all’altezza di 2,5 m.

L'elettrificazione da sola elimina l'impatto ambientale dei gas di scarico e gran parte dell'inquinamento acustico. La rotaia multifunzionale serve anche per la guida automatizzata, che aumenta notevolmente la sicurezza (nebbia, sonno) e l'efficienza dell’infrastruttura.

La trazione dei veicoli a causa dei numerosi vantaggi dovrebbe essere solo elettrica, indipendentemente dal fatto che l'elettricità sia fornita da energia rinnovabile o fossile. I veicoli pesanti sono dotati di un elettrogeno compatto, che fornisce l'energia sui tratti non elettrificati.

Albert Mairhofer () Commentatore certificato 06.08.18 11:59| 
 |
Rispondi al commento

Tanti anni e ancora non ho capito che cosa impedisca di fare il percorso alternativo passando per il ''corridoio 5''.
Ma poi sta capso di TAV..... tanto casino e miliardi per arrivare a Lione un quarto d'ora prima..... ma invece di andare a Lione se ne vadano a caghé!

Il Barone Zazà 06.08.18 11:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Egr. Dott. Pepino,
complimenti vivissimi, davvero ben fatto, questo si che è quello che, solitamente con terminologia inglese, si chiama un riscontro fattuale! Sono certo che il giornalista, se ha sbagliato in buona fede, sentirà l'impellente obbligo di rettificare ampiamente le sue gravi inesattezze. Spero che non dovremo essere noi a vergognarci per lui. A proposito di grandi opere, sembra evidente che quella più urgente ed importante di cui l'Italia ha estremo bisogno, sia una rete cablata PUBBLICA in fibra, a banda ultralarga. Questa si che costituirebbe un'infrastruttura strategica in grado di dare un enorme impulso all'economia! (ovviamente, un'economia del futuro, del benessere e della conoscenza, non a quella ottocentesca della "produzione" illimitata di "beni" e "servizi"). Purtroppo si oppongono enormi interessi e rendite di posizione (si pensi alle telecom che ti fanno strapagare ogni minimo miglioramento di prestazioni e sono interessate a centellinare, oppure a Mediaset, ma anche sky, che dovrebbero affrontare, finalmente, una vera concorrenza delle tv on demand internazionali).
Cordiali saluti a Lei, Dott. Pepino, e a tutti gli amici del blog.

Enzo Rossi 06.08.18 10:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per ogni fake news divulgata, i giornalisti dovrebbero essere puniti con multa e ritiro del patentino per almeno 6 mesi!

Luca P. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 06.08.18 09:55| 
 |
Rispondi al commento

Scusate, ma... Rimanendo sempre a proposito della TAV, MA DOV'E' CHE VIGILATE?
Poco fa un tal Micalessin, con contorno di Gennario Migliore (tanto per far capire che la malafede è bipartizan), in quella schifezza chiamata Agorà s'è permesso d'insultare Di Battista (con appendagli della solita retorica del "lavoratore") e nessuno di noi era presente a ribattere!
FINO A QUANDO DOVRA' DURARE ANCORA STA COSA? Dov'è questa fmosa "riforma dei media"?

Biagio C. Commentatore certificato 06.08.18 09:45| 
 |
Rispondi al commento

Direi che essendo il nostro governo nato da un compromesso e che la Lega ha posizioni differenti sulle grandi opere conviene agire di conseguenza:
NO TAV e SI TAP ma spostando il corridoio di arrivo per evitare che spiagge e luoghi di straordinaria bellezza naturale possano essere interessati da certe contaminazioni. Oppure il Gas lo compriamo dalla Russia. Con il Tap non è che il Gas ce lo regalano !!!!!

Giovanni Baroso, Torino Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 06.08.18 09:23| 
 |
Rispondi al commento

Mi permetto di chiederle di non fermarsi qui , le voci autorevoli che sentono il dovere morale di esprimersi pubblicamente verso la verità su questioni così piene di interessi , sono più uniche che rare.
Non si fermi qui !!!

Stefano M. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 06.08.18 08:14| 
 |
Rispondi al commento

ATTENZIONE
Laccordo con la Lega ci sta mettendo in gravissima difficoltà! Salvini vuole che la Torino-Lyon venga fatta. Attenzione: se si decide di andare avanti con i lavori Io esco, dopo molti anni,dal Movimento!
Salvini o è superficiale e incompetente oppure è legato/ricattato da poteri che ben conosciamo.
Si vada a vedere la puntata di Exit condotta da I.D'Amico nell'aprile 2010 e la ridicola e penosa intervista all'allora governatore del Piemonte Roberto Cota (mutanda verde). Questi sono i leghisti: ignoranti e quindi facilmente condizionabili dai soliti noti.
L'ho già detto in altre occasioni. Su questa opera (non il TAV in genere) o si fa corretta informazione o ce la prendiamo (gli Italiani) in quel posto. Prendere o lasciare.

GIANNI E. Commentatore certificato 06.08.18 02:00| 
 |
Rispondi al commento

No Tav e No TAP! Si invece a infrastrutture, assetto idrogeologico, scuole sicure, ricostruzione terremoti. Leggere i titoli dei giornaloni di oggi e poi fare il contrario. Solo solo gli ultimi strilli di una casta che sta scomparendo

Luigi De Romanis, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 06.08.18 01:42| 
 |
Rispondi al commento

DI FATTO REPUBBLICA E LA STAMPA HANNO RIFIUTATO DOCUMENTAZIONE DI PERINO ..GUARDA CASO ..E PURE IMARISIO DEL CORRIERE NON CI HA FATTO 1 GRAN FIGURA

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 05.08.18 20:41| 
 |
Rispondi al commento

Abbiamo bisogno di cittadini come Lei, che si espongono in prima persona - carte alla mano - per svelare le false notizie della stampa asservita.

marta 05.08.18 20:12| 
 |
Rispondi al commento

Queste precisazioni devono trovare spazio nei talk anche pretendendo che vdnga letto per una seria Verita' e non quelle di comodo e di parte.

Roberto Maccione Commentatore certificato 05.08.18 18:57| 
 |
Rispondi al commento

Non sono giornalisti, ma il braccio armato del partito anti democratico!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 05.08.18 18:29| 
 |
Rispondi al commento

lasciate in evidenza il lavoro di scavo già fatto, come monumento perenne alla politica perversa, monito per il futuro.

maria l (la stella) Commentatore certificato 05.08.18 17:42| 
 |
Rispondi al commento

I "finti giornalisti" italiani vanno processati e condannati al carcere per "Alto tradimento verso il popolo italiano",essendo loro i principali responsabili della distruzione del Paese! FUORI LA MAFIA DALLA STAMPA!

Gilles 05.08.18 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Chiedo a tutti gli eletti del m5s di divulgare in qualsiasi occasione , trasmissioni televisive, radio, internet ecc ecc questo articolo visto che abbiamo dei media asserviti al potere marcio fracico e corrotto , che invece di informare i cittadini che con le loro tasse pagano questi sprechi e ruberie di denaro pubblico, vengono quotidianamente disinformati. DOVETE RIBALTARE IL TAVOLO . LA CASELLATI CHE CA…. STA ASPETTANDO A RICALCOLARE I VITALIZI ? LA CARROZZA !!!

gianluigi f., pandino Commentatore certificato 05.08.18 17:01| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti a questo magistrato che tiene alto il nome suo LIVIO PEPINO

e di tutti quei MAGISTRATI
Tanti ma sempre in minoranza

che
NON SI SENTONO CASTA
che non fanno l'azzeccagarbugli e ammazzasentenze
Sulla pelle dei cittadini

Mauro Magni 05.08.18 16:52| 
 |
Rispondi al commento

Intanto a prima pagina di RAI3, e non solo , non si e' parlato di questo articolo , scritto in modo esemplare da questo magistrato. Ben si evince come alcuni media siano schierati ...ma non per fornire notizie precise ed esaustive .


si parla sempre di grandi Opere ponte sullo stretto Messina la tav necessaria alla Francia di Macron il quale ci sta'conquistando conappoggio ppe PDForzaItalia la fine di Telecom smembrata con intento di agevolare interessi reconditi vedi TIM diventata Francese Fincantieri ceduti il 50% mentre inespansione e lavoro garantito per oltre3anniinattivo.Abbiamo 130Piattaforme Saipem Eni che hanno traforato la crosta terrestre intorno allanostra Italia e non portera'un bene idroelogico.siamo i piu' grandi produttori del Mediterraneo di gas e petrolio e lo esportiamoovunnque.L'analisi ci sono incongruenze :come mai massimi produttori ed abbiamo i carburanti riscaldamento trazione piu' cari worldwide.Il problema non e' sollo delle Regioni incompetenti con troppo potere Chicontrolla le nostre Societa' omertose ?Mancano competenti in tutti i
campi.Noi della Mesmer University MesmerPwwa abbiamo fondato ovunque nel mondo Franchisor e nulla in Italia dopo Roma Sanremo Genova siamo stati obbligati andare all'Estero portare tecnologia Scienza della Comunicazione scienza dell'Alimentazione Scienze Motorie Scienza multipla della Medicina con almeno cinque Master Biologia Immunollogia fisioterapia FisiologiaTecnologia Ginnastica Passiva Vedi in Italia la Baldan Corperation
avveneristica e non aiutata dallo Stato Cerchiamo urgentemente 100 medicigenerici da preparare al Professorato con cinque masters per aprire daFranchisor ovunque 100 Scienza della Comunicazione E 100 Scienzadell'Allimentazione problema a monte di tutte le malattie e non piu'sostenibile dalla Sanita pubblica curata solo con Farmaci senza valutareAssBiologiUe i quali convergono con nostre ricerche per chi al di la delle
parole ai fatti e' pronto a sostenerci?Conapertura Roma mIlano per inizio
? Asap ? Prof.Dr.Antonio Interdonato sono colui che ha collaborato con lanostra Reteindipendente,vista la lex Elettorale adavere sostenuto DiMaio Salvini Meloni controllate l'elezione di Trump contro tutti media giornali

Antonio Interdonato 05.08.18 14:37| 
 |
Rispondi al commento

oltre a cio che Lei pone a rilievo cioe a dire la scarsa comunicazione degli organi di stampa, si potrebbe anche evidenziare la non capacita dei governi precedenti quale utilita e calcolo poteva avere il ponte sullo stretto di Messina se per le linnee di collegamento ad esso sono obsolete che richiedono un tempo di percorrimento dalle 12 alle 18 ore ? Che benefici potrebbe avere la tratta Torino Lione per le merci se tali merci per raggiungere Torino dal centro e dal meridione dell Italia per essere esportate ed ridimensionare il trasporto su gomma ma si sa i politici quando hanno avuto la prospettiva di qualche proggetto non hanno mai pensato alla utilita a beneficio a a creare societa per la partecipazione a questo proposito si puo anche osservare l incapacita di chi ci ha governato

Antonio L., Anzio Commentatore certificato 05.08.18 13:54| 
 |
Rispondi al commento

che l'Italia sia il regno delle fake news è comprovato leggendo i maggiori quotidiani nazionali.

mzee.carlo 05.08.18 13:44| 
 |
Rispondi al commento

Sono stati forti con i deboli e deboli con i forti, sempre e soltanto nell'esclusivo interesse proprio e dei loro amici di merende.
Come in tanti altri settori della società hanno ingarbugliato le leggi fino all' inverosimile perché sanno che poi diventa tutto incomprensibile per l'opinione pubblica tutta intenta a sbarcare il lunario per riuscire a sopravvivere al quotidiano.
Quante bugie, quante mezze verità e quante omissioni ci siamo dovuti sorbire da tempo immemorabile.
Ora si volta pagina.
Siamo solo all'inizio, a niente serviranno le proteste del PD al Senato, ormai nulla potrà evitare che la Verità si affermi.

Pantomima Rossa Commentatore certificato 05.08.18 13:34| 
 |
Rispondi al commento

Ci sono ancora Italiani che ritengono oro colato ciò che sostengono certi politici della minoranza e la stampa che li ha appoggiati quando erano maggioranza non può ora contraddirli perché chi ancora è convinto che affermano il vero incomincerebbe a dubitare sull'oro colato e si accorgerebbe che il colato è ben altra cosa e molto puzzolente che si vuole gettare sulla maggioranza che governa con il solo intento di screditarla.


E' possibile che uno stato si impegni per un'opera faraonica che, per concretizzarla, occorrono quasi 10 anni?
Siccome l'economia viaggia alla velocità della luce del sole e in tempo reale,quali garanzie può dare tale opera nel decorso degli anni?
Nessuna!
Quindi penali o meno un'opera ti tale dimensioni,con i danni che sta facendo,non serve ad un cazzo.
Oggi si va su Marte e si pretende continuare sul "gommato"!
Bisogna essere stolti o solamente ladri di denaro pubblico!
Economia a km ZERO lo diceva qualche anno fa il buon BEPPE!
Speriamo si possa fare il teletrasporto....così ce lo avremo tutti nel (o)!

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 05.08.18 13:14| 
 |
Rispondi al commento

Grazie della delucidazione Dott. Livio. Mi lasci esprimere un giudizio politico dottore : ricordo che un po' di anni addietro quando il governo Berlusconi era al potere, fece un contratto con una società, non ricordo il nome, per la costruzione del ponte sullo stretto mi Messina per il collegamento con la Sicilia. Dopo pochi mesi subentro' il governo del PD che non diede seguito al progetto della costruzione del ponte. In quella occasione l' Italia pagò la penale alla società, come previsto dal contratto. In quella occasione non ci fu nessun giornalista di Repubblica, né tv di Stato che diede risalto alla notizie dello spreco pubblico per i capricci del PD,

scipione SCAPATI, CERVIGNANO DEL FRIULI Commentatore certificato 05.08.18 13:01| 
 |
Rispondi al commento

E con questo? Importante è stabilire se l'opera è utile, come pare sia, o inutile. I Francesi la ritengono utile. Comunque la sospensione vorrebbe significare aver sprecato il denaro speso finora. Eppoi si vuol ridurre il trasporto su gomma, come predicato da decenni?

Benny 05.08.18 12:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

grandeeeeee

lucy 05.08.18 12:32| 
 |
Rispondi al commento

I servi pidioti dicono una valanga di balle, del resto sanno fare solo quello...

Freeman 05.08.18 12:25| 
 |
Rispondi al commento

Enunciare è bene. Puntualizzare è meglio. Un sentito Grazie al Dott.Livio Pepino.

michele p., Battipaglia Commentatore certificato 05.08.18 11:58| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori