Il Blog delle Stelle
La Silicon Valley studia il reddito di cittadinanza

La Silicon Valley studia il reddito di cittadinanza

Author di MoVimento 5 Stelle
ore 17:00
Dona
  • 18

fonte: HuffingtonPost

Non c'è solo il Movimento Cinque Stelle tra gli estimatori del reddito di cittadinanza. Anche la Silicon Valley sta studiando una forma di "Universal Basic Income" , come risposta al rischio che le innovazioni tecnologiche "rubino" posti di lavoro. Un primo esperimento, su 3mila persone, riporta il sito del Mit Technology Review, verrà iniziato l'anno prossimo da Y Combinator, uno dei principali incubatori di start up della zona.

Il progetto, in collaborazione con l'università del Michigan, prevede che mille persone ricevano uno stipendio di 1000 dollari al mese (860 euro) per tre o cinque anni, mentre alle altre duemila verrà dato un contributo di 50 dollari, per un costo totale di 60 milioni di dollari. Sono ancora da definire sia i due stati in cui sarà attuato che le tipologie di persone coinvolte. L'intenzione, spiega il direttore della compagnia Sam Altman in un post sul blog della compagnia, è di verificare quali sarebbero gli effetti 'sociali' dell'iniziativa. "Sono abbastanza sicuro che ad un certo punto nel futuro, con la tecnologia che continua a eliminare i lavori tradizionali, vedremo qualcosa del genere su scala nazionale. Quindi sarebbe una buona cosa rispondere ad alcune questioni teoriche ora. Le persone starebbero a casa a giocare ai videogiochi o creerebbero nuove cose? Si sentirebbero comunque felici e realizzate? Non avendo il problema di non riuscire a mantenersi sarebbero più utili per la società? Chi riceve il sussidio creerebbe più valore economico di quello ricevuto?".

Altri esperimenti del genere in Canada e in Finlandia, fa notare il sito, sono stati interrotti prematuramente, ma la questione è ancora dibattuta anche a livello politico. Dibattito che, come si sa, è apertissimo anche in Italia, dove il reddito di cittadinanza è uno dei cavalli di battaglia del contratto di governo. Una proposta un po' diversa da quella statunitense, tutta costruita attorno ad un numero: quei 780 euro che secondo l'Istat rappresentano la soglia di povertà nel nostro paese, che i Cinque stelle vorrebbero garantire a tutti, integralmente o attraverso un'integrazione, a seconda della condizione economica del soggetto. Un aiuto di Stato che comunque sarebbe legato a doppio filo ad alcune condizioni, come le 8 ore settimanali di lavori socialmente utili gratuiti, la frequenza di corsi di qualifica professionale e il si ad una delle prime tre proposte di lavoro fatte dallo Stato.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

29 Ago 2018, 17:00 | Scrivi | Commenti (18) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 18


Tags: finlandia, reddito, reddito di cittadinanza, silicon valley, usa

Commenti

 

REDDITO DI CITTADINANZA E AMBIENTE SONO LE PRIORITA' DELLE PRIORITA'

NON C'E' SCUSA ALCUNA,TANTOMENO ECONOMICA ,che metta in secondo piano questi argomenti.
AD ORA NON S'E' FATTO NULLA,aspettiamo,ma la PAZIENZA SI TROVA SOLO SE CI STATE LAVORANDO COME PRIORITA'.
CORAGGIO..CORAGGIO..CORAGGIO!

Luca Fini 02.09.18 18:01| 
 |
Rispondi al commento

Si dovrebbero creare uffici specializzati per giovani che vorrebbero cambiare lavoro e lasciare il posto a chi lo sta cercando,dando a loro la possibilità (dopo una fase di ricollocamento)di imparare che la flessibilità può e deve essere un vantaggio.Certo spiegato così potrebbe sembrare una favoletta,ma pensandoci bene.....

osvaldo g., vigevano Commentatore certificato 30.08.18 17:16| 
 |
Rispondi al commento

Prima di tutto reddito universale agli invalidi100%!!! carcere vero per i falsi invalidi. Vergogna!!!

Claudio 30.08.18 14:09| 
 |
Rispondi al commento

per forza la silicon valley propone il reddito di cittadinanza....la California sta collassando ....le tende per le strade di San francisco e di los angeles....le file di roulotte delle persone che perdono la casa si ingrossa ogni mese....oltre la siepe, i giardini, ristoranti, palestre, yoga...ecc..eccc....dei privilegiati della silicon, appunto.....cè il disastro, i senza tetto crescono in maniere impressionante....o i colossi, google, facebook, amazon....insomma....o si decidono a dividere in qualche modo i loro mostruoso guadagni o ci aspettano tempi molto bui....mai mi sarei aspettata un disastro simile in California....in una decina d'anni oltre tutto

silvana 30.08.18 14:01| 
 |
Rispondi al commento

ragazzi,una volta le medie e grandi imprese producevano con decine o migliaia di operarai,oggi non estono più,ci sono i robot compiuterizati che fanno il loro lavoro.Dicono che si tratta di progresso invece e il solito motivo fare piu soldi,mi chiedo,se le persone non lavora più le porcherie che producono chi le comprerà,allora il reddito di cittadinanza forse potra salvare questo povero mondo dove tutti noi e loro viviamo.il solito abbraccio gaetano raffa

gaetano raffa 30.08.18 11:04| 
 |
Rispondi al commento

È bene studiarlo bene, ma ancor più sono importanti i controlli! In Italia ci sono tante leggi, ma è il controllo che manca!l Italiano purtroppo in questi anni ha imparato che può farla franca a qualsiasi costo, quindi il senso dello stato e della legge ormai è perduto. Tanti proclami ...guida senza cellulare, cartacce gettate in strada, lavoratori in nero, paghe da fame, ma i controlli dello stato dove sono? È qui che dobbiamo farlo sentire lo stato!!!

Carla Gobbi 30.08.18 06:01| 
 |
Rispondi al commento

si parla tanto di tanto ma alla fine il debito pubblico è terrorismo psicologico (quindi un invenzione) lo spread,l' istat etc. etc. è tutto un falso, noi esseri umani siamo i rapporti, siamo il lavoro ma siamo soprattutto siamo la MONETA (l' euro è una moneta privata e non del popolo, guardatele bene le banconote vedrete che appare la c di copyright)..quindi con una coalizione mondiale possiamo fare la moneta del popolo ma nessuno la fa e nessuna la propone...chissà come mai..

Gian Luca Puddu Commentatore certificato 29.08.18 22:02| 
 |
Rispondi al commento

Il reddito universale é una buona cosa, non c'è dubbio. E un buon passo avanti. Ma non basta.
Se si vuole veramente fare qualcosa di concreto, occorre andare più in là.
Fino a quando siamo legati alle banche e al loro strozzinaggio non ne usciremo.
Fintanto che sono solo le banche che possono creare denaro, non ce la faremo. Se si vuole veramente uscirne dobbiamo fare in modo che tutti, dico tutti, possano creare denaro, ovviamente tramite le dovute cautele.
Esiste un modo che si chiama sistema monetario equilibrato. Non posso mettere qui tutta la descrizione. Vi rinvio dunque al sito :
https://confederal.ch/alternatives/système-monétaire-équilibré
E in francese, mi dispiace. Troverete in fondo alla pagina tutta la documentazione per le dovute spiegazioni.

Carlo Ravedoni 29.08.18 21:33| 
 |
Rispondi al commento

oltre a carcere garantito e perdita di tutti i diritti sociali per gli imbroglioni ..aggiungo che pure a molinari ( la stampa ) è " sfuggito " di bocca l esempio sopacitato ...dico sfuggito perchè nei vari interventi " normali" il bla bla è sempre il solito

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 29.08.18 20:32| 
 |
Rispondi al commento

E'quello che Alcuni Sociologi sostengono. la necessita' di un reddito unniversale. Ed i Governi dovrebbero trovare un giusto equilibrio nella gestoone.

Roberto Maccione Commentatore certificato 29.08.18 19:17| 
 |
Rispondi al commento

Per me è uno sbaglio accreditare una fonte d'informazione così fortemente sbilanciata (nella redazione e nel target dei lettori che pubblicano i commenti) come l'Huffington del Gruppo Gedi/De Benedetti solo perchè si pensa che possa essere utile con un'unità di notizia a favore. Bastava scavalcarla cercando le fonti originali originali delle agenzie stampa (l'Ansa). Si disperde il valore d'avere una notizia favorevole alla narrazione..con la promozione di un canale che prospetare quotidianamente denigrando i principi e l'azione del movimento...

massimo dazi 29.08.18 17:49| 
 |
Rispondi al commento

Certo è una novità il reddito di cittadinanza ed e giusto provare anche perché bisogna dare una risposta alla povertà. C'è già nel mondo si chiama adozione a distanza e sta facendo grandi cose.

Massimiliano Conti 29.08.18 17:23| 
 |
Rispondi al commento

Prima del Reddito di Cittadinanza sarebbe opportuno fare una legge sulla informazione.Siamo stanchi di vedere tutti i giorni nei TG e programmi vari i soliti MARTINA,BOLDRINI,TAJANI,GELMINI e quaqquaraquà vari a distorcere la verità dei fatti. Muovetevi o vi inodano di sterco...

Giuseppe Pasquali 29.08.18 17:06| 
 |
Rispondi al commento

Tutto bello però la realtà Italiana è molto meno edulcorata. Prima di far partire il reddito di cittadinanza oltre a riformare i centri per l'impiego occorre urgentemente prevedere dei sistemi di controllo infallibili per evitare che la solita mentalità truffaldina prevalga a scapito di una iniziativa di per sé lodevole e necessaria

Filippo B., Cesena Commentatore certificato 29.08.18 17:05| 
 |
Rispondi al commento

Le 8 ore settimanali, socialmente utili, hanno un valore ancora più dei soldi. E come per altre iniziative tutto si può migliorare dopo una fase di verifica sul campo. Saranno le stesse persone interessate che potranno suggerire ad un centro di ascolto specializzato in coordinamento e gestione di progetti sociali come migliorare o aggiungere nuovi interventi. Il reddito di cittadinanza non è ricevere un assegno e basta. Si parte da qui per arrivare al lavoro che genera reddito.

davide di noia, Torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 29.08.18 15:19| 
 |
Rispondi al commento

Dopo le elezioni i soliti noti(tranquilli semmai della propria posizione economica) se la ridevano che alcuni poveri disoccupati si fossero recati presso i propri CAF per sapere se fosse stato approvato il reddito di Cittadinanza ;non si trattava di confusione ma di disperazione.

Giovanni . Commentatore certificato 29.08.18 14:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori