Il Blog delle Stelle
Genova: è ora di presentare il conto a chi ha truffato gli italiani

Genova: è ora di presentare il conto a chi ha truffato gli italiani

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 404

di Luigi Di Maio

Oggi sono a Genova con il ministro dei trasporti Danilo Toninelli e gli uomini che si occupano dei soccorsi e della sicurezza. Le responsabilità di questa tragedia si perdono negli anni.

La società Autostrade per l'Italia è sicuramente responsabile per non aver fatto manutenzione, ma i partiti e i giornali che da decenni gli fanno da palo sono altrettanto colpevoli. Come è possibile che nessun governo abbia mai messo in discussione la concessione delle autostrade alla famiglia Benetton? Come è possibile che nessun giornale abbia mai fatto un'inchiesta sulla loro società, per esempio sul fatto che i contratti di Autostrade sono secretati?

Forse perché la loro holding di famiglia ha quote di alcuni dei principali gruppi editoriali italiani? Edizione srl controllata dai Benetton detiene il 5,1% di Rcs MediaGroup (Corriere della Sera), il 2,24% di Caltagirone Editore (il Messaggero, il Gazzettino, il Mattino, Leggo) e il 2,00% di Il Sole 24 Ore SpA. Sarà per questo che oggi i giornali anziché parlare delle responsabilità della società Autostrade vanno a ripescare in modo infimo e ignobile un articolo del 2013 pubblicato da un ex portavoce espulso dal MoVimento e che non rappresentava la nostra linea ufficiale, ma solo la posizione di un comitato di cittadini che si erano fidati delle dichiarazioni ufficiali di Autostrade?

Perché nessun giornale ricorda che la famiglia Benetton ha finanziato dei partiti con centinaia di migliaia di euro? Forse perché gli editori dei giornaloni non sono editori puri, ma fanno parte della stessa cricca di prenditori e politicanti che fanno il bello e il cattivo tempo in Italia da anni, fregandosene dei bisogni dei cittadini e pensando solo ai loro interessi privati, nonostante abbiano ricoperto ruoli di governo o di amministratori di società pubbliche o partecipate.

Stiamo scoperchiando tanti vasi di Pandora. Quello delle concessioni autostradali è il primo di una lunga serie. Chi pensa di poter continuare a lucrare sulla pelle degli italiani ha sbagliato governo. Non siamo come i nostri predecessori compiacenti con i potenti. Siamo totalmente e fermamente dalla parte del popolo italiano. È ora di presentare il conto a chi ha truffato gli italiani.

Glielo presenteremo noi così finalmente impareranno la lezione.

15 Ago 2018, 13:33 | Scrivi | Commenti (404) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 404


Tags: crollo, di maio, Genova, Morandi, ponte

Commenti

 

Ho dovuto lasciare il mio paese (Torre del Greco )all'età' di quattro anni seguendo i miei genitori
a genova, dalla nascita della repubblica 1947 ad oggi il Meridione italiano ha subito una discriminazione studiata e portata a cumplimento
da tutti i governanti e politici e rispaldata dai politichesi meridionali.
Da nove anni vivo in Ecuador sono dovuto emigrare per scappare via dalla discriminazione.
I pittori e scultori del Nord non pagano tasse gli scultori meridionali Si. Tutta la economia meridionale e stata discriminata oltre allo studio, la sanita', i trasporti e le infrastrutture. Sogno di poter morire nella mia terra.

Ciro Renghini 18.09.18 18:37| 
 |
Rispondi al commento

Oggi i Benetton parlano di un monito perenne per loro, quello che è accaduto a Genova; credo che in effetti sia davvero per loro un monito perenne e per tutti gli Imprenditori che si inebriano dei guadagni e tralasciano beni egualmente importanti, la sicurezza in questo caso, delle persone, visto che si occupavano di Autostrade.

L'ho già scritto da qualche parte, bravi bravissimi, super...loro ed i loro grandi manager...Fabio Cerchiai...Giovanni Castellucci...però vadano da qualche altra parte a dimostrarlo, a noi ci basta la dimostrazione di Genova...se uno in auto investe una persona, anche se questa non muore, la prima cosa che fanno è di ritirargli la patente; qui, è crollato un ponte importantissimo punto di collegamento, è venuto giù come briciole di pane...ci sono solo i renziani a dire che si è trattato di una fatalità...e te vuoi dirmi che sei un imprenditore con i fiocchi e che questo sarà per te un monito perenne, dopo 43 morti e tutte le famiglie devastate?.

Il monito perenne deve valere anche peri i dirigenti dei Ministeri, per molte persone; purtroppo in Italia si arrestano le maestre degli asili e dopo un mese altre maestre che picchiano i bambini...se ai Benetton rimanesse la concessione sarebbe un monito perenne che si rimane sempre e comunque liberi di fare tutto quello che si vuole..se crolla un ponte...poi si ricostruisce...magari in 5 mesi...dov'è il problema?.

Invito a firmare tutte le petizioni, compresa la mia, per riportare un bene primario come le Autostrade, costruite con i soldi degli Italiani, allo Stato e che lo Stato attraverso questo percorso dia prova di corretta trasparenza, quale esempio perenne di grande volontà e di grande consapevolezza. Basta con gli accordi secretati, basta con il menefreghismo ela corruzione che ci uccidono.

Ornella Guidi 11.09.18 07:18| 
 |
Rispondi al commento

Caro Luigi,ti ho visto in tv mi piace il tono delle critiche senza tanti fronzoli, chiaro forte
senza possibilita' di equivoci. tenete duro anche qua in trentino alle votazioni di ottobre vi premieranno siamo in tanti e con molte aspettative.ti auguro buon lavoro non mollate!!!!.
Di Lorenzo Nicola

Nicola Di Lorenzo 21.08.18 09:31| 
 |
Rispondi al commento

Scusate amici,
ma com'è possibile SECRETARE Contratti di Concessioni Givernative?
E' assolutamente inconstituzionale, se Le Concessioni hanno origine dallo Srato!
Grazie della vostra risposta, cordiali saluti,
Alessandro Corsi


Mi domando come è possibile che siano state svendute società diamante italiane con la compiacenza di politici compiacenti e malgrado ora, siamo venute a galla scottanti verità questi continuino impuniti sulle loro poltrone a ingrassare con i soldi della povera gente.

Luigi Betti 19.08.18 17:59| 
 |
Rispondi al commento

Il popolo deve sapere basta segreti, noi cittadini paghiamo le tasse abbiamo diritti e doveri ora tocca a noi sapere la verità chi ha sbagliato deve pagare, la legge è uguale per tutti, così è riportato in tutti i tribunali e ora di metterla in opera, giustizia per le vittime di Genova e i loro famigliari che paghino con la carcerazione, basta sconti e ora di finirla il metro deve essere uguale per tutti

undefined 19.08.18 15:15| 
 |
Rispondi al commento

A Beppe con simpatia
Il popolo Italiano ed in particolare i ciitadini di Genova non vuole più essere preso in giro; si dia seguito all'accertamento delle responsabilità nel piu breve tempo possibile cominciando dalla revoca delle concessioni dei contratti senza avere indugi e incertezze dettate da timori e ricatti di chi ha governato facendo gli interessi dei poteri forti.
Con simpatia
Roberto

Roberto Masi Masi, Sesto Fiorentino (FI) Commentatore certificato 19.08.18 13:16| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti!
La Torre Eiffel fu inaugurata 128 anni fa, e con tutte le tonnellate di peso aggiunti ogni giorno con i turisti, resterà ancora per altri 500 anni! Alla faccia del acciaio rinforzato e recente tecnologia architettonica che costruisce appartamenti costruiti sotto i ponti. Amici, prima di M5S e Governo Conte nessuno sapeva niente in Italia. Eravamo ad oscuro di tutto, e pur tropo senza sapere tutti noi abbiamo votato per 40 anni sinistra, destra o centro destra, cioè in povere parole società private che hanno preso possesso del governo prendendo decisioni sul pubblico, obbligati e costretti a favorire caprici di alcuni egoisti azionisti, e per loro business in tutti i settori dove porta profitto e potere con leggi "AD PERSONAM" e decreti a loro favore per essere giuridicamente non perseguitabili, loro ed i loro beni. Spero tanto di sbagliarmi, ma giuridicamente le leggi come sono dettate sono a loro favore: 1) Hanno 15 giorni di tempo per ingannare con documenti falsi. Se in caso non riuscissero a dimostrare la manutenzione ordinaria e straordinaria, scaricheranno le loro colpe ovviamente ad un povero lavoratore innocente. 2) Se per "esame di coscienza " la società autostradale dopo i 60 giorni acetasse la proposta di revoca del governo Conte, dato che nel 2016 hanno firmato di notte al buio un contrato fino 2027 che da comunque alla società autostradale il diritto giuridico di chiedere allo stato attuale un risarcimento di 20 miliardi. Certamente oggi a M5S e al governo Conte hanno una grande responsabilità storica, sulle loro spalle c'è il peso di 35 anni di governi al servizio della mafia. La lotta per la giustizia sociale e la legalità non sarà facile, ma per questo ho votato M5S spero nella grazia di Dio per un futuro migliore per tutti!
Auguri di cuore al M5S e al governo Conte, forza e coraggio e il Signore Dio vi benedica grandemente tutti voi che servite a Dio, al Paese, al prossimo e al bene comune! Pace e Bene.

Fabio Thika, BG Commentatore certificato 19.08.18 10:34| 
 |
Rispondi al commento

e un a tragedi orribile pero penso che si debba andare a cercare responsabili oltre ad autostrade anche a chi ingiustamente ha dato e non controllato in tutti questi anni. MI PIACEREBBE SAPERE SE AL GOVERNO C'ERA RENZI O BERLUSCONI COME AVREBBERO GESTITO LA TRGEDIA. E ORA DI AGIRE ANCHE A RITROSO VORREI UNA LEGGE DOVE IO CITTADINO O PIU CITTADINI TI DENUNCIANO .CARI GOVERNI DAL 1999 IN POI .. TU MI RISPONDI . NON VOGLIO GUFARE O PORTARE MALE MA ..CI SONO ALTRE COSE NON CONTROLLATE DAI NOSTRI GOVERNI NON FINIRANNO BENE DISSESTI IDRO. POLVERI ACQUA PRODUZIONI AGRICOLE.
QUANTI MORTI ANCORA? SENZA NESSUN
RESPONSABILE
PAOLO CEREGINI

paolo ceregini 18.08.18 19:52| 
 |
Rispondi al commento

Credo che per ottenere giustizia e segnare una significativa inversione di rotta a favore del popolo e della giustizia stessa, sia necessario che si apportino delle modifiche determinanti alle attuali leggi. Infatti i malavitosi che hanno redatto e approvato certe leggi sono stati molto attenti a rendere impunibili i reati commessi da loro e dai loro amici.
Per tanto come minimo occorre:

-dividere le carriere dei magistrati

-rendere pienamente responsabili delle proprie azioni gli stessi magistrati e tutti i rappresentanti politici (in particolare per l'approvazione di atti che vanno a favore dei privati e a discapito della collettività)

-potenziare la corte costituzionale affinché emetta pareri immediati ed eventualmente preventivi sulle leggi più importati e delicate

-nel caso di sospetti brogli elettorali di qualsiasi natura processi per direttissima che possano prevenire nomine irregolari

-abolire la prescrizione dei reati (se qualcuno si arricchisce, anche se ragazzo, a seguito di un delitto perpetrato a danno di chi che sia e tanto più della comunità, deve vivere tutta la vita con la paura che, una volta scoperto, oltre a scontare la giusta pena, dovrà risarcire il danno economico maggiorato della penale calcolata secondo la gravità dell'azione commessa, sequestrando eventualmente anche beni ceduti a familiari o presta nomi. Qualora si volesse lasciare la prescrizione, solo nel caso di privati, può essere mantenuta nel caso di una persona che subisce un danno e da quando scopre il/i responsabile non agisce entro i 5 anni. Naturalmente la lunghezza del procedimento penale è ininfluente ai fini del calcolo dei termini della prescrizione.

Qui mi fermo, sebbene ci siano ancora tante cose da fare. Realizzare quanto ho scritto sarebbe una rivoluzione che, forse, permetterebbe, di vedere qualche potente e qualche politico corrotto sul banco degli imputati.

Spero che questa epoca senza principi e senza morale finisca grazie a questo Movimento: unica speranza.

aldo lanza 18.08.18 19:41| 
 |
Rispondi al commento

Ora a maggior ragione è necessario che lo Stato si procuri con la max velocità possibile un aumento delle entrate:
- diminuzione rapida dei 14,5 miliardi dati annualmente alle attività che utilizzano risorse non rinnovabili (carbone, petrolio etc) come mai non è nei programmi e comunque non si avvia.
- diminuzione rapida dei circa 130 miliardi/anno
dievasione fiscale. Si potrebbe eliminare l'uso della moneta di carta o qualcosa di similare.
- vendita dei beni rapidamente vendibili sequestrati alle mafie e similari (le comprano loro? gliele ritogliamo)
- Verifica sui grandi appalti che il prezzo finale sia in linea con quelli similari appaltati in Europa così come le regole sulle variazioni di costo

- eliminare l'idea che la flat tax sia utile se non per i ricchi quando si tratta di reddito IRPEF.

Ottima l'idea che i monopoli debbano essere pubblici ma per non raddoppiarne i costi e renderli efficienti sarà assolutamente necessario mettere le mani a tutte quelle regole burocratiche che non permettono efficienza e velocità e gestire in maniera completamente diversa il personale pubblico selezionando i migliori e non i raccomandati(basta modificare le regole di selezione o no?

giuseppe brizzi 18.08.18 18:58| 
 |
Rispondi al commento

Sono assolutamente favorevole alla revoca della concessione ad "Autostrade" come affermato da Giuseppe Conte, confermato da Luigi Di Maio e (pare) anche da Matteo Salvini. Penso che la scelta delle privatizzazioni (per entrare nell'Unione Europea?)completata nel 1999 (Presidente del Consiglio M. D'Alema) sia stata veramente deleteria e di certo non classificabile come operazione "di sinistra". I beni di pubblica utilità o di interesse pubblico dovrebbero essere di proprietà dello Stato e gestiti dallo Stato, con prezzi di Stato, come ho visto in alcuni Paesi viaggiando per il mondo. Qui da noi acqua, luce, gas, sono servizi tutti in mano a privati che, puntualmente, applicano rincari delle tariffe e persino l'iva sulle imposte!! Risultato: la gente lavora (se lavora) per pagare le bollette!! E' ora di rivedere tutto. Tutto e a difesa dei cittadini, non delle lobbyes!! Se non ci riesce questo governo chi potrà mai riuscirci? Forza Presidente, Forza Luigi: siamo con voi e in voi poniamo la fiducia!

m.rita nucci Commentatore certificato 18.08.18 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Ho molto apprezzato il comportamento responsabile e sobrio del Primo Ministro, del Viceministro Di Maio e del Ministro Toninelli tenuto in questo tragico frangente. Dopo tanti anni ho avuto la sensazione che la cosa pubblica e il popolo italiano siano finalmente in buone mani. Apprezzo un governo che fa squadra e che si impegna congiuntamente a risolvere annosi problemi che ostacolano la vita dei cittadini. Siete sulla buona strada e dovete continuare ad agire con ogni azione utile ad invertire la rotta che i precedenti governi avevano tracciato, mediante trasparenza, leggi congrue, tempestività e coraggio. Solo così potrete sconfiggere i “poteri forti” italiani ed europei.

Lucia Malavolti, Alghero Commentatore certificato 18.08.18 17:43| 
 |
Rispondi al commento

Ottimo Signori, è un onore essere rappresentati da Voi.

Cataldo Marroccoli 18.08.18 10:11| 
 |
Rispondi al commento

o scritto tante volte all'ANAS di Roma....Napoli dal 2014...SS85 venafrana ...passano tir oltre il peso indicato dalla strada ..l abitazione dei miei genitori è lesionata...ieri ho rikiamato all anas crolla ...voglio i responsabili papà usa l'ossigeno..si sposta quando con velocità indescrivibile...poi prendete posizione al M5S MOLISE... scoprite le ingiustizie....grazie....io nn ho parole...

alessandraamoroso 17.08.18 23:00| 
 |
Rispondi al commento

Questo che è accaduto a Genova anzi in Italia e il primo campanello di allarme che ci fa capire chi ha governato negli ultimi 25 -30 anni ha pensato al profitto e costituendo una forma di dittatura propagante per manovrare attraverso l informazione il falso ideologico per ingannare la gente comune quasi come una droga mettendoci l uno contro l altro e non sapendo più distinguere la realtà dalla bugia.
Da parte mia questa gente va isolata espulsa dalla società civile perché non degni di esserci

Pasquale Gravante 17.08.18 22:38| 
 |
Rispondi al commento

Ecco, per i vasi di pandora scoperchiati e l'inversione di rotta si, che è il caso di dire che la festa è finita (per loro). Aspettiamoci attacchi di ogni genere, l'establishment serrerà le fila e tenterà di disarcionare il governo dei cittadini, ma noi siamo milioni e siamo italiani: quando il gioco si fa duro...ergo, "noi suoneremo le nostre campane" (i vecchi spieghino ai giovani che significa, visto che a scuola oggigiorno Pier Capponi è un emerito sconosciuto. Al giovin lettore curioso, ricordo che basta googlare pier capponi per scoprirlo :-)

barbara b. Commentatore certificato 17.08.18 22:34| 
 |
Rispondi al commento

...A questo punto proviamo a leggere i termini del contratto di concessione della rete autostradale. Mi dispiace cari amici. Non si può. Sono stati coperti da segreto di Stato manco si trattasse di una riservatissima operazione militare.
Ma com’è stato svolto in questi anni il servizio di manutenzione ordinaria da parte dei concessionari di Autostrade per l’Italia ?
La macabra risposta è descritta nei tragici eventi di Genova e non solo.
Leggendo quanto emerge dalla relazione annuale (2017) sull’attività del settore autostradale in concessione pubblicata sul sito del Ministero e dei trasporti si evince una crescita esponenziale del fatturato (quasi 7 miliardi) e dei pedaggi. In calo solo gli investimenti (calati addirittura del 20%) e la spesa per manutenzioni in controtendenza rispetto alla logica che dovrebbe prevedere un aumento dei costi della manutenzione contestualmente all’aumento del traffico. Ma la sicurezza degli automobilisti è stata messa in secondo piano rispetto alla massimizzazione dei profitti già di per se abnormi.
E com’è andata invece con gli interventi straordinari ad opera dei Ministeri preposti ?
Non c’erano soldi da destinare ad interventi straordinari seppur richiesti dagli esperti a causa dei vincoli di bilancio da rispettare e imposti dal pareggio di bilancio.
Quali vincoli ? Quelli europei. E da chi sono stati imposti questi vincoli ? dal Trattato di Maastricht del 1992, da quello di Lisbona del 2007 e dal pareggio di bilancio in costituzione del 2011. E chi li ha voluti ? Indovinate ? Nell'ordine Romano Podi, Massimo D’alema, Mario Monti, con l’appoggio esterno di Mario Draghi.Torna la cricca al completo.
Ma non erano quelli che insieme partecipavano alle organizzazioni del Cartello finanziario speculativo che voleva far crollare il nostro paese ?
Esattamente. Il cerchio si chiude.
Solidarietà alle vittime di Genova. Per il crollo del ponte autostradale.
Solidarietà agli italiani per il crollo annunciato e pianificato del loro paese

barbara b. Commentatore certificato 17.08.18 22:27| 
 |
Rispondi al commento

...Invece il Cartello finanziario speculativo lo conosceva bene e nel 2001 lo convocò alla riunione del Bilderberg in Svezia, indovinate insieme a chi ? Insieme a Mario Draghi e ad un certo Mario Monti entrambi saranno ampiamente ripagati dal Cartello stesso che in futuro riuscì a piazzare Draghi alla Banca d’Italia e poi alla BCE e Mario Monti dalla Goldman Sachs alla Commissione Europea e poi a capo del Governo (non eletto) in Italia.

E che cosa ne è stato di Gian Maria Gros Pietro ? qui viene il bello. Qui arriviamo al tema di questo post.
Gian Maria Gros-Pietro, che già nel fatidico 1992 era Presidente della Commissione per le Strategie industriali nelle privatizzazioni del Ministero dell’Industria, nel 1994 diviene membro della Commissione per le Privatizzazioni istituita indovinate da chi ? da Mario Draghi. Ora capite come lavora il Cartello finanziario speculativo per mettere tentacoli ovunque e per far si che ci sia sempre un proprio esponente nei ruoli chiave. Ma non finisce qui. Come abbiamo visto nel 1997 Gros Pietro è Presidente dell’Iri mentre viene organizzata la cessione a prezzi di saldo di Autostrade per l'italia che avverrà nel 1999 col passaggio al Gruppo Atlantia s.p.a, controllata da Edizione srl, la holding di famiglia dei Benetton.
Gros-Pietro firma la cessione, la famiglia Benetton gli strizza l’occhio.
Cosa voleva dire metaforicamente quella strizzatina d’occhio ?

Ora immaginate l’inimmaginabile.
Cosa accade nel 2002 ? Gian Maria Gros-Pietro, dopo aver gestito la privatizzazione dell'Eni andrà a presiedere per quasi 10 anni indovinate che cosa?… proprio la Atlantia S.p.a, la società alla quale solo tre anni prima, come dipendente pubblico, aveva svenduto la gestione dei servizi autostradali italiani.
Le jeux sont fait.

A questo punto proviamo a leggere i termini del contratto di concessione della rete autostradale. Mi dispiace cari amici. Non si può. Sono stati coperti da segreto di Stato (segue)

barbara b. Commentatore certificato 17.08.18 22:26| 
 |
Rispondi al commento

...Per farlo vengono privatizzati gli istituti di credito e gli enti pubblici compresi quelli azionisti della Banca D’Italia, è l’anno in cui viene impedito al Ministero del Tesoro di concordare con la Banca d’Italia il tasso ufficiale di sconto (costo del denaro alla sua emissione) che viene quindi ceduto a privati. E’ l’anno della firma del Trattato di Maastricht e l’adesione ai vincoli europei. In pratica è l’anno in cui un manipolo di uomini palesemente al servizio del Cartello finanziario internazionale ha ceduto ogni nostra sovranità.
Bisognava passare alle aziende di Stato, l’attacco speculativo di Soros che aveva deprezzato la lira di quasi il 30% permetteva l’acquisto dei nostri gioielli di Stato a prezzi di saldo e così arrivarono gli avvoltoi.
La maggior parte delle nostre aziende statali strategiche passò in mano straniera o comunque fu privatizzata. Ma la cosa più eclatante fu che l’IRI (istituto di ricostruzione industriale) che nella pancia alla fine degli anni ’80 aveva circa 1000 società, fiore all’occhiello del nostro paese fu smembrata e svenduta con la complicità del suo Presidente storico Romano Prodi (dal 1982 al 1989 e durante un periodo tra il 1993 ed il 1994) che fu premiato dal Cartello che favorì la sua ascesa alla Presidenza del Consiglio in Italia e poi alla Commissione Europea. A sostituirlo come Presidente del Consiglio in Italia e a continuare il suo lavoro di smembramento delle aziende di Stato ci penserà Massimo D’Alema che nel 1999 favorirà la cessione, tra le altre, di Autostrade per l’Italia e Autogrill alla famiglia Benetton, che di fatto hanno, così, assunto il monopolio assoluto nel settore del pedaggio e della ristorazione autostradale. Una operazione che farà perdere allo Stato italiano miliardi di fatturato ogni anno.

Le carte ci dicono che in quegli anni il Presidente dell’IRI era tale Gian Maria Gros-Pietro.
Lo conoscevate ? Io credo di no. Invece il Cartello finanziario speculativo lo conosceva bene e nel 2001 (segue)

barbara b. Commentatore certificato 17.08.18 22:25| 
 |
Rispondi al commento

Il giornalismo d’inchiesta (quello che dá fastidio e che viene offuscato dai media) svela importanti retroscena su Autostrade per l’italia:

Partiamo dall'inizio. Perché una società strategica per gli italiani, con un fatturato annuo di oltre 6 miliardi di euro e introiti certi - che sono aumentati vertiginosamente negli anni com’era prevedibile - sia stata ceduta ad imprenditori privati ?

Facciamo un passo indietro: e’ il 1992 il Cartello finanziario internazionale mette gli occhi e le mani sul nostro paese con la complicità e la sudditanza di una nuova classe politica imposta dal Cartello stesso. Il loro compito è quello di cedere le banche ed i gioielli di Stato italiani ai potentati finanziari internazionali anche attraverso il filtro di imprenditori nostrani.
E’ l’anno della riunione sul Britannia quando il gotha della finanza internazionale attracca a Civitavecchia con uno yacht della Corona inglese. Sono venuti a ridisegnare il capitalismo in italia a danno degli italiani, a fare incetta delle nostre migliori aziende e ad arruolare quelli che saranno i loro fedeli servitori al Governo del paese a cui garantiranno incarichi di prestigio: il maggior beneficiario sarà Mario Draghi ma tra i più servili Prodi, Andreatta, Ciampi, Amato, D’alema. I primi 3 erano già entrati a pieno titolo nel Club Bilderberg, nella Commissione Trilaterale ed in altre organizzazioni del capitalismo speculativo anglo/americano che aveva deciso di attaccare e conquistare il nostro paese con l’appoggio di spietate banche d’affari come la Goldman Sachs che favorirà gli incredibili scatti di carriera dei suoi ex dipendenti: Prodi e Draghi prima e Mario Monti dopo.

E’ l’anno in cui in soli 7 giorni cambiano il sistema monetario italiano che viene sottratto dal controllo del Governo e messo nelle mani della finanza speculativa. (segue)

barbara b. Commentatore certificato 17.08.18 22:23| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente si sente di nuovo forte la vocedel Movimento e, poichè lo "strano" alleato Salvini sembra essere d'accordo, è il momento di picchiare duro e smascherare tutte le magagne del passato, desecretando documenti, regolando le fondazioni dei partiti e quelle bancarie per una maggione trasparenza (lo ha detto anche l'Anac).
Fra l'altro così si possono realizzare bei risparmi per le tante riforme da fare. Bravissimi!

Luigi De Romanis, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 17.08.18 19:11| 
 |
Rispondi al commento

Forza Luigi, non lasciarti intimidire da quei buffoni dell'opposizione che Ti danno del bugiardo. Sono loro i veri bugiardi e truffatori che hanno rovinato l'Italia. Sono loro, quelli del nazareno, che hanno devastato l'Italia e continuano a devastarla. Ma la pacchia, grazie al nostro Movimento, è, finalmente, finita. Il 4 marzo li ha condannati questi luridi buffoni e ladri. Brunetta si è, inoltre, permesso di dire che questa è una deriva golpista. Come al solito Brunetta dice cose più grandi di lui. Luigi siamo con Te. Un'ultima cosa: occorre fare attenzione alle telefonate che le lobby berlusconiane fanno a Salvini in merito alla revoca delle concessioni autostrdali. Non dimentichiamoci che Salvini, che io stimo, è pur sempre un alleato di Berlusconi e spero che lo sia ancora per poco.

Paolo Barone, Palermo Commentatore certificato 17.08.18 18:15| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Luigi
Continuo la mia prima parte già inviata pocanzi nella quale chiedo semplicemente ma con fermezza di portare avanti il Programma di ristrutturazione del Ponte Morandi e delle case di tutti gli sfrattati di Genova.
Non dimenticate poi di quantizzare un alto indennizzo per le 39 vittime aggravato dalla fatalità di essersi trovati ad attraversare il ponte in quel momento.
Sempre dopo il primo sgomento e il dolore subentrano i problemi economici della vita reale di tutti i giorni e chi ha lasciato una famiglia nei guai ha diritto a riposare tranquillo nell’eternita’.
Concludo chiedendoti di pensare a breve di fare realizzare da ANAS e non da società esterne e non affidabili dal punto di vista credibilità e continuità , un Software di Censimento per la Registrazione e il controllo di tutti i ponti e cavalcavia realizzati in Italia con le indicazioni di data di realizzaZione progetto con relativo deposito calcoli e materiali e collaudo, durata della struttura secondo i solleciti del traffico al tempo della realizzazione e ai tempi attuali(traffico e mezzi pesanti);Ciò al fine di non eseguire semplici controlli preventivi o manutenzioni conservative ma sapere con certezza quando c’e Da abbattere e ricostruire per prevenire il cedimento strutturale (collasso).
Naturalmente se ciò è previsto nel Contratto con Autostrade spa , allora che siano attuate
Tutte le procedure con la supervisione di una Commissione tecnica del ministero che dovrà essere cambiata ogni anno Ciò per evitare eventuali inciuci.
Scusami non sono presuntuoso ne voglio essere il messia ma , facendo l’imprenditore da 38 anni in questo paese bellissimo ma condizionato dalla Burocrazia e dall’inciucio,
Ho creduto utile scrivere questo pensiero.
Concludo dicendo che quando avrete un po’ di Tempo e di Disponibilità, bisognerebbe affrontare la questio DL50/2016 e Consip seriamente :tutte e due sono degli imbuti enormi che limitano la libera concorrenza e la microeconomia a favore della Globalizzazione


Mi dispiace veramente tanto per le persone decedute, ci poteva essere qualsiasi di noi su quel ponte o su altri che faranno la stessa fine. L ITALIA e un colabrodo ogni governo che si.e succeduto gli ultimi 20 anni ha provveduto a creare il suo buco. Caro luigi prendi la palla in balzo e revoca le concessioni a questi ladri assassini nemici degli italiani. Le autostrade sono galline che producono oro. invece di arricchire questa gentaglia usiamo i soldi per risolvere qualche problema italiano. Dai che siamo tt con voi. Per le penali !! Pensino prima a risarcire i 40 morti e tt gli sfollati e dopo di che andassero a fanculo da un altra parte.
Siamo pronti alla battaglia.

Nello de luca 17.08.18 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Ha proprio ragione, portavoce Luigi Di Maio: la classe politica estremamente corrotta di questi ultimi decenni ha svenduto ai privati la gestione delle autostrade, con la sostanziale “copertura” dei mezzi di informazione di massa Italiani, ha alzato in maniera vergognosa i pedaggi ed ha spudoratamente chiamato questa rapina “privatizzazioni”.
Ora moltissimi automezzi (io credo siano milioni) sono costretti, nei loro tragitti, a perdere molto più tempo, percorrendo in alternativa le strade normali, perché la tariffa autostradale è troppo cara.
In realtà i pedaggi autostradali sono un’imposizione fiscale aumentata del guadagno delle società concessionarie, e, come pure i caselli autostradali, non dovrebbero esistere, perché i costi di costruzione e manutenzione delle autostrade dovrebbero essere sostenuti direttamente dalla fiscalità generale dello Stato, come per esempio in Germania.

Santo Mazzotti, Remedello Commentatore certificato 17.08.18 16:59| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Luigi e Danilo semplicemente per dirvi di utilizzare tutti Gli strumenti Legali disponibibili perche’ i 38/39 morti e relativi feriti disagiati dispersi e sfollati ,abbiano Giustizia in tempi credibili ed accettabili e naturalmente tutti i costi di ricostruzione con la garanzia di esecuzione di un Cronoprogramma certificato e con un collaudo tecnico avallato da esperti del Settore nominati dal Dipartimento Infrastrutture sia realizzato entro prima possibile!!!
Contattate anche industrie e costruttori della Danimarca e della Norvegia per avere delle comparative di tecniche , di materiali e di tempi di realizzazione!
Passando poi alla Concessione , validità, contratto, clausole di rescissione etc....
È certo che il Clan Olimpia, Autostrade Edizione srl ,holding in capo ai Benetton che come srl ha un fatturato anno 2016 di 11,6miliardi di Euro e con un utile Lordo di soli 0,4 miliardi !!
Certamente hanno un mare di contratti blindati e avvalorati da scadenze abnormi dai normali contratti Appaltati e stipulati tra Pubblico e Privato. A monte c’e Un lavoro di anni e anni di interessi trasversi tra Poteri Forti (banche e Media) e Potere Politico che viene veicolato e guidato dalle varie opportunità di mercato e del momento!
Basti pensare che l’allora ministro Di Pietro da poco nominato alle Infrastrutture gridò allo scandalo per la Concessione Autostrada spa ma dopo avere accesso il fuoco 🔥 dopo circa tre mesi non se n’è più parlato.
Risultato: Tutto è continuato come prima.
Concludo ricordandovi che è vostro preciso dovere Politico e di cittadino riequilibrare questa situazione di monopolio delle gare e dei Servizi ad alta redditività gestiti dalle pubbliche amministrazioni: Infrastrutture, prima di lasciare il mandato l’ex ministro Del Rio Accorpò Anas con Ferrovie dello Stato???
Chissà perché e parlava di Appalti mega per 19miliardi.
È chiaro che in questo modo si vuole garantire il monopolio delle Global che a loro volta sono gestite dai soliti Benetto

Michele 17.08.18 16:45| 
 |
Rispondi al commento

Apprezzo moltissimo il Ministro Di Maio che finalmente ha il coraggio di denunciare pubblicamente misfatti sui quali si è taciuto per troppo tempo. Ora è importante che i responsabili paghino, non solo sul piano della giustizia che dovrà fare il suo lungo (ahimè) corso, ma anche perché possano essere obbligati a dimettersi, vista la loro irresponsabilità e incapacità. Fare una legge in proposito sarebbe l'ideale. Sosteniamo i politici del nostro M5S a scoperchiare sempre più Vasi di Pandora e a ridare fiducia a credere in un sistema di trasparenza, onestà e competenza.

ANTONIO PELAGGI 17.08.18 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti! Con cuore pieno di dolore mi unisco a tutti voi alla preghiera della Madre Chiesa per tutte le Persone che hanno perso la vita.Il Buon Dio doni alle Famiglie delle vittime, schiacciati dal peso del dolore, il suo Conforto,la forza e il coraggio. Amen. Spero tanto di sbagliarmi, ma in Italia i pedaggi sono troppo cari! In Svizzera costa per un anno circa euro 38,00,in Germania nulla e per fino in Albania. Pur tropo i pedaggi in aumento in Italia sono un mistero ingiusto dei padroni delle autostrade in suolo pubblico. Se le autostrade fossero statali e cadesse un pezzettino di cemento, calce struzzo oggi lo stato e tutti li enti pubblici delle strade sarebbero condannati e decapitati. Eventi disastroso possono sempre succedere anche se fossero statali, ma pagare per morire, e costruire palazzi sotto i ponti è il colmo! L'aria, l'acqua, e autostrade devono essere gratuite. Pur tropo da 35 anni i governi passati ci hanno lasciati in eredità solo debiti e probabili disastri in tutti i settori. Sarebbe tropo bello revoca della concessione autostradali ai tutti privati da parte di Onorevole di Maio e M5S.Combattere un esercito di egoisti spietati e loro lecca piedi in cravatta, schiavi di tangenti e infiltrati in tutti i settori, che sono la causa principale delle morti, disastri e malessere di questo Grande Paese, è praticamente anche il mio sogno da sempre, sta diventando davvero realtà con gli onesti M5S.Forza, coraggio e avanti per la giusta causa. Complimenti! Il Signore Dio vi benedica grandemente tutti. Pace!

Fatos Thika 17.08.18 15:13| 
 |
Rispondi al commento

caro Di Maio
subito un Decreto sulla desecretazione dei contratti pubblici che hanno forte rilevanza sull'attività economica dei cittadini
(fissare una soglia di rilevanza minima/bassa per esempio 5000 pagamenti (quando cioè 5000 cittadini pagano per un servizio hanno diritto di conoscere tutte le condizioni contrattuali - nel bene e nel male),
pena l'annullamento del contratto, che andrà a scadenza entro sei mesi!
un'azienda come Atlantia, che specula sulla sicurezza degli Italiani e che paga le tasse in Spagna dei profitti fatti in Italia è meglio perderla. Fate presto!
Avanti così!


MARCO GIULIANI 17.08.18 15:00| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Luigi Di Maio,
hai tutta la nostra stima, la nostra fiducia, il nostro rispetto, il nostro amore perché sei un uomo giusto, un politico validissimo, lucido, intelligente, lungimirante, umile, con i piedi per terra, impavido e di gran cuore.
Sei benedetto da Dio e nessuno può nulla contro di te! Sii saldo e vai avanti così!


Anna Langella 17.08.18 14:50| 
 |
Rispondi al commento

È ora di mettere le cose a posto.
Sono fiducioso del nostro Ministro Di Maio
Saluti Domenico

Domenico Valastro 17.08.18 13:57| 
 |
Rispondi al commento

Sono d’accordo con te ma farei affermazioni certe quando si è riunito l’eseculivo, togliamo la concessione poi forse. Così non va.

Domenico Cuciniello , Sirignano Commentatore certificato 17.08.18 13:57| 
 |
Rispondi al commento

Pienamente d'accordo con Di Maio.
Chiederei solo di pazientare per prepare con cura le carte e le azioni da compiere.
Io minaccerei, ad esempio, una class action ma prima ci vorrebbe la legge.
Dopodichè una domanda: non è applicabile il concetto di clausola vessatoria in questo caso?
Loro possono non fare le manutenzioni dovute, risparmiando soldi, e poi se lo stato revoca di conseguenza la concessione, hanno diritto all'indennizzo per tutti gli anni a venire. Ma allora tanto vale non fare le manutenzioni ed intascare subito....ma che clausola è???

ALESSANDRO GAZZANI 17.08.18 13:31| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno,
ritengo che Autostrade per l'Italia sia responsabile di questa tragedia annunciata, dove hanno perso la vita tante persone, sono responsabili di non aver fatto la manutenzione al ponte e di non aver preso le giuste misure di sicurezza per tempo.
Grazie.

Barbara Negusanti 17.08.18 12:18| 
 |
Rispondi al commento

Relativamente alla revoca della concessione alla società autostrade ,come giurista , ritengo che sussistendo una giusta causa derivante dalla mancata manutenzione ,sia perfettamente lecita la revoca senza penalità.
Un giudicato penale potrebbe essere alla base di risarcimento danni come lucro cessante e danno emergente.
Prof G Vitale

Gaetano vitale 17.08.18 12:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Si......non solo il conto...ma assicurare i responsabili alla giustizia. Lo stato tutela ......garantisce.......il nostro movimento .....muove le coscienze

Salvatore Barrea 17.08.18 11:32| 
 |
Rispondi al commento

Forza ragazzi togliamo il giocattolo a questi personaggi. Attenzione però a sostituire la gestione con persone oneste e capaci. Sarà la cartina tornasole del movimento, la riprova della onesta' di questo governo.

stefano zanchi 17.08.18 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Che paghino subito questi radical chic Benetton del made in China e tanta truffa

Carlo 17.08.18 10:47| 
 |
Rispondi al commento

E’ giunto il momento di cambiare queste scellerate regole che hanno negli anni distrutto questo paese!

Antimo Flagiello 17.08.18 10:45| 
 |
Rispondi al commento

basta con ruberie così basta tragedie. i responsabili di ogni parte e reparto devono essere licenziati e processati .

gennaro avolio 17.08.18 10:38| 
 |
Rispondi al commento

Sentirvi parlare facendo nomi e cognomi, parlando onestamente senza usare il politichese di circostanza, è un cardiotonico per noi che vi abbiamo votato ed anche per quelli che vi daranno fiducia in futuro, una speranza che il popolo da anni si aspettava ed era oramai convinto che non avremmo mai avuto democrazia e giustizia. Non ho mai sentito nessun politico negli ultimi 50 anni di rappresentazioni teatrali in tv affrontare in modo così veritiero onesto e determinato problemi di questo tipo. Vorrei che ora che avete scoperto un altro disgustoso " Vaso di Pandora" portaste attraverso l'informazione pubblica questi risultati al popolo ribadendo le colpe dei responsabili ed identificandoli pubblicando le loro foto in modo che i loro conoscenti amici e non amici quando li vedano per strada sappiano chi sono, non un nome senza volto o mascherato da un logo di una società. Così si dovranno vergognare per i loro delitti contro le persone, non bastano i soldi per risarcire la morte di una persona, non è una carrozzeria ammaccata di un auto......................................SIAMO CON VOI ANDATE AVANTI COSì

Marco Fabbricat, La Spezia Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 17.08.18 10:01| 
 |
Rispondi al commento

Se si potesse dare anche un'occhiata a quello che combina l'Anas in Sicilia sarebbe una cosa grande. Abbiamo autostrade distrutte...ponti vacillanti ( soprattutto uno dei ponti Morandi che collega Agrigento con Porto Empedocle ,) autostrade interrotte e deviazioni pericolose. E paghiamo anche il pedaggio . La cosa triste è che dobbiamo sempre aspettare il morto per accorgerci di come siamo messi in Italia. Grazie

Mimi Volpe 17.08.18 09:59| 
 |
Rispondi al commento

Grazie ministro Di Maio per la sua determinazione e il suo desiderio di fare chiarezza su vicende molto ambigue

Milo Gianluca 17.08.18 09:57| 
 |
Rispondi al commento

È ora di dare il colpo di grazia a questo sistema corrotto ed incapace.

fabio belletti 17.08.18 09:49| 
 |
Rispondi al commento

Bravissimi ma ora ce bisogno di un sopraluogo a tutti i ponti italiani per un controllo di sicurezza, a tutela dei viaggiatori un esempio a Taranto ce un ponte chiamato ponte di punta penna,molto lungo con pilastri che finiscono in mare, magari ci fosse un controllo a norma di legge.

Domenico Rocci 17.08.18 09:43| 
 |
Rispondi al commento

Sono orgoglioso e onorato di essermi iscritto al Movimento a 5 stelle perché in perfetta linea con i miei principii di legalità e di giustizia.
Complimenti!!!

LETTERIO CAMPOLO 17.08.18 09:27| 
 |
Rispondi al commento

Sono certo che ha ragione Riccardo Barenghi (Jena) che sulla Stampa del 15/08/2018 ha scritto: "Alla fine delle inchieste e dei processi si scoprirà
che l’unico colpevole è il ponte."

Pier Livio Marabotto 17.08.18 09:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bisogna cercare di cambiare l'approccio metodologico. Siamo gonfi di persone che lucrano sulla pelle degli italiani. In questo caso ci sono stati i morti. Bisogna aprire un'inchiesta per verificare le colpe ma temo che la giustizia si possa perdere nei meandri delle diverse storture strutturali che ci sono state a partire dalla realizzazione. E' molto piu' importante censire le opere di questo tipo, note ai piu', evitando altre catastrofi.

Antonio Molino 17.08.18 09:08| 
 |
Rispondi al commento

Vi seguo da diversi anni e sono convinto che riuscirete veramente a cambiare questo paese è mi auguro anche l’europa E saremo un esempio per il mondo intero non mollate mai vi adoro ragazzi!!

Francesco Gabola 17.08.18 09:08| 
 |
Rispondi al commento

È una vergogna che in tutti i canali e in tutti i telegiornali ci siano giornalisti che con quel sorriso alla c..o continuino a far battute contro il nostro VERO governo.... per cortesia mettiamo un organo di controllo anche lì ... dovrebbero essere sterile non campagna elettorale la notizia.

Giuseppe Paolo Milani 17.08.18 08:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

si facile strombazzare 'si revoca le concessioni' ( è qui che pecchiamo di ingenuità dimenticando che siamo in uno stato di diritto e ci sono le leggi.
(che di base sarei d'accordo , non sarebbero mai dovute essere date , come del resto tutti i beni primari )
Furono fatte leggi a favore di questi , o si cambiano , retroattive, (immagina i ricorsi /tribunali e che avvocati !) oppure si rischia il boomerang ( dentro c'è anche un azionarato diffuso , incluso una parte dello stato ( noi )
guardate l intervista Di Pietro Sky , c'è il verso di riprendere il tutto con gli interessi.
ma non certo con i proclami, leggendo bene i contratti , e seguendo le leggi attuali.
e un campo minato , facile prenderlo , quindi calma e gesso se vogliamo risarcire le vittime , far ricostruire il ponte , e forse mandare in galera qualcuno .. anche se è un ponte che ha resistito 40 anni , e chi l ha costruito non c'è più

spartaco viti 17.08.18 08:55| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti.Non ho mai visto un Governo del genere! Adesso posso dire che sono fiero di essere italiano. Ho paura per loro perché stanno scoperchiando il marcio del paese.Che Dio benedica il loro operato e dia pace alle anime delle persone che sono morte in questa tragedia del ponte Morandi,forza alle loro famiglie.

Michele Papa 17.08.18 08:54| 
 |
Rispondi al commento

Dopo il crollo del ponte a Genova ed i conseguenti morti, sono assolutamente d'accordo con la posizione di Luigi Di Maio, nel revocare la concessione ad Autostrade d'Italia, costi quel che costi; la vita umana, non ha costi.

Renato Sardo V. 17.08.18 08:40| 
 |
Rispondi al commento

È la solita vergogna italiana! Sono fiera di voi e sono certa che farete pagare i responsabili prima di tutto i manager di questa azienda che se cacciati non dovranno
Percepire un euro perché hanno causato tanta morte e dolore .
Approfitto dell’occasione per segnalarvi una cosa già da me segnalata in qualche altro commento : la rassegna stampa della Rai al mattino( rassegna che ascoltiamo in tanti
Mentre ci prepariamo per andare al lavoro) è , a mio parere, di una faziosità sconcertante ! Lo speacker non perde occasione per
Inserire commenti
Propri sempre critici e
Malevoli nei confronti del movimento e dei politici. Veramente insopportabile , molte volte esprime propri pareri nel merito
E sempre contro il Movimento.
Secondo me urge liberare il nostro servizio pubblico dai soliti spalleggiato ti nostri vecchi politici corrottti che non accettano di avere perso e sputano veleno in ogni occasione .
Grazie

Marina Aita 17.08.18 08:35| 
 |
Rispondi al commento

Buon ferragosto! piantumando siepi di vetiver ad arco, a valle dei piloni, si consolidano le fondazioni. Durante il tifone Michigan le strutture stradali protette col vetiver si sono salvate! Col vetiver si risolvono problemi a basso costo, si crea lavoro, si salvano vite umane. Genova docet!

benito castorina, Aprilia Commentatore certificato 17.08.18 07:54| 
 |
Rispondi al commento

Mio marito ha un Telepass e riceve sempre la fattura DOPO che la Società autostrade ha già prelevato il denaro dal conto bancario. Nessun altro Ente fa questo....Non mi sembra una bella cosa.

VERA G., ROMA Commentatore certificato 17.08.18 07:21| 
 |
Rispondi al commento

Molte volte per recarmi a Genova da Roma ho to quel ponte! Che trazio vedere quanto accaduto! Vedo che anche per morire si paga un biglietto! Aggiungo anche che la Società Autostrade prima di inviare la fattura Telepass...ha già prelevato il denaro dovuto. E' l'unica società che fa questo.

VERA G., ROMA Commentatore certificato 17.08.18 07:15| 
 |
Rispondi al commento

Con molto piacere do atto a Luigi Di Maio di aver sgomberato il campo dagli equivoci sorti sulla revoca della concessione nel corso di una partecipazione all'edizione odierna de "In Onda" su La 7. Ha confermato con nettezza la revoca della Concessione.

Bravo Luigi ! Hai messo le palle sul tavolo !!!!

Rinaldo A., Roma Commentatore certificato 16.08.18 21:18| 
 |
Rispondi al commento

NON FACCIAMO SCHERZI !!!!

Dopo che Salvini ha auspicato indennizzi alle vittime e risarcimenti allo Stato, i media stanno esultando per il "realismo" che sta prevalendo verso i criminali responsabili della strage di Genova, allontanando la revoca della Concessione.
Analoga prudenza pare rilevarsi nelle parole di Toninelli, che parla di "eventuale" revoca.

Sia chiaro, con il popolo M5S non si gioca come con gli altri elettorati! Abbiamo condiviso la misura della revoca ad un potentato economico che ha sempre spadroneggiato con i governi precedenti; adesso non possiamo farci condizionare da una Lega che è sempre ricattata dalla imprenditoria del nord e segnatamente veneta.
Se Di Maio, Toninelli e il M5S cedono su questa revoca annunciata con squilli di tromba, comincerà un declino di consenso popolare, perché si sarà dimostrato che ha lasciato l'egemonia nelle ambigue mani di Salvini e della Lega !

Occhio, ragazzi, il consenso conquistato per coerenza di comportamenti si può perdere in poco tempo se si constata che questa coerenza è di carta !!!!

POPOLO M5S, FATTI SENTIRE A GRAN VOCE !!!!

Rinaldo A., Roma Commentatore certificato 16.08.18 20:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho appena sentito che state facendo marcia indietro sulla revoca della concessione a autostrade. Lo sapete che se vi rimangiate tutto fate una figura di m...a vero?

massimo unali 16.08.18 19:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

siampo passati da immediata revoca ad >" Mica ci stiamo tirando indietro? a parte la revoca per pubblico interesse che comporterebbe (la si) un risarcimento contrattuale,le soluzioni ci sono e sono la risoluzione per grave inadempimento (addirittura dovrebbero risarcile loro a noi) c'è la nazionalizzazione che è la più veloce, c'è il dolo c'è tutto per togliere un pezzo azienda d'italia che fa profitto a questi signori senza scrupoli che con quattro soldi a prestito si sono pappati autostrade, cosi come per Enel, la Sip, Iri ecc. Se è cambiamento che sia, diversamente....

Bonsanto Giuseppe, Peschici Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 16.08.18 19:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mica ci stiamo tirando indietro? a parte la revoca c'è la nazionalizzazione, c'è il dolo c'è tutto per togliere un pezzo azienda d'italia che fa profitto da questi signori senza scrupoli che con quattro soldi a prestito si sono pappati autostrade, cosi come per Enel, la Sip, Iri ecc. Se è cambiamento che sia, diversamente....

Bonsanto Giuseppe, Peschici Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 16.08.18 19:24| 
 |
Rispondi al commento

((2
Far diventare i cittadini che pagano il canone Rai azionisti a tutti gli effetti di una “public company”, con il potere di eleggere il Presidente (quindi autogestione di un potere oggi abusivamente in mano ai partiti), ricorso più agevole e senza “quorum” a referendum sia abrogativi che propositivi, obbligo di discussione in aula di leggi di iniziativa popolare, anche con l’aiuto dalle nuove tecnologie che rendono possibile, consultazioni rapide e senza rischi di brogli, significa avviare un processo di crescita e di partecipazione (e di controllo) nella vita politica dei cittadini sempre meno sudditi, che porta sicuramente a forme di democrazia più avanzata.


viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.08.18 18:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il ponte progettato dall' architetto Riccardo Morandi e realizzato da Dante Rossi negli anni Sessanta sul viadotto Polcevera dell'autostrada di Genova fu considerato a rischio da chi gestiva l'infrastruttura nel lontanissimo 1994. Fu la società Autostrade per l' Italia che ancora oggi gestisce la tratta, ma all'epoca era di proprietà pubblica, a lanciare l'allarme: il ponte era stato immaginato per un transito di 20 mila autovetture al giorno, e già all'epoca ne passavano più di 60 mila, il triplo di quello per cui era stato pensato. Si stanziarono subito 40 miliardi di vecchie lire per un intervento di emergenza e fu approvato il piano di quello che all'epoca si chiamava il «passante di Genova»: un progetto di alternativa viaria a quel ponte, in modo da distribuire il traffico su più varianti.
Fu approvato dal governo dell' epoca (quello di Silvio Berlusconi), furono fatti i bandi di gara, assegnate le commesse alle aziende vincitrici, e se tutto fosse andato come doveva, questo 14 agosto non avremmo assistito alla spaventosa tragedia del ponte che si piega in due e trascina nell' inferno chiunque fosse sopra e sotto. Ma arrivò un altro governo, quello di Romano Prodi e un ministro dei Trasporti sensibilissimo alle proteste liguri contro i nuovi lavori: Claudio Burlando. All' epoca non esistevano i comitati no Tav e no Tap, e nemmeno chi all' interno del M5S dava loro corda: nessuno era ancora nato. Ma la loro funzione era egregiamente svolta dalla sinistra radicale, guidata da Rifondazione comunista che era un pilastro essenziale del governo Prodi
Non si sa se per convinzione sua o per salvare il governo, Burlando bloccò il passante che si stava costruendo. Alla società Autostrade non restò che obbedire al proprio azionista, bloccare i lavori e pagare pure le penali alle imprese che avevano iniziato inutilmente i lavori dopo avere vinto regolare gara.NON SO SE QUESTE COSE SIANO VERE MA QUELLO CHE PENSO CHE L ITALIA SI MERITI UNA ALTRA DITTATATURA X FARE QUALCOSA

aldo simoncelli 16.08.18 18:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buongiorno,

La misura è colma.

Gli ultimi eventi dimostrano, purtroppo, i giochi di potere verso l'onnipotenza conquistata con truffe e sotterfugi, tesi sempre a premiare l'egoismo e la sete di potere.
Chiedo, con che faccia i signori che hanno gestito il nostro paese nell'ultimo quarto di secolo si possano ancora permettere di presentarsi davanti al Popolo?

Alessio Giampaolo 16.08.18 18:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

come sempre tutte le porcherie mediatiche che fanno i lacchè del bollito e del delinquente abituale alla fine diventano un boomerang che gli ritorna amplificato dietro la capoccia . La verità raccontata da F. Bechis , se la gronda si farà nel 2019 è solo merito di Grillo ed i 5S , fosse stato per il PD non si sarebbe mai fatta : https://www.liberoquotidiano.it/news/opinioni/13367404/genova-franco-bechis-ponte-morandi-era-ancora-aperto-per-colpa-della-sinistra.html

ciro r., napoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 16.08.18 17:51| 
 |
Rispondi al commento

Forse è una domanda scema : come ha fatto una famiglia che faceva golfini a poco prezzo a diventare così potente?

Tullia C., Milano Commentatore certificato 16.08.18 17:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cosa dite Italiani onesti davanti a queste tragedie sempre più frequenti?
Ammettete che la colpa è anche un pò nostra che negli ultimi 50 anni abbiamo votato sempre gli stessi mafiosi e massoni dei PD/dc-FI e vermi al seguito! (o si votava per loro o NON SI VOTAVA)!
Il 4 Marzo i cittadini onesti, al limite della sopportazione e della pazienza e stanchi di essere governati da questi CIALTRONI PD/dc-FI, hanno stravolto e affossato il PROGETTO DEL DUO DEL NAZARENO (la mummia mafiosa di arcore ed il babbeo toscorignanese con giglio massone a carico), IMPONENDO alle caste politiche delle ISTITUZIONI ed ORGANI DI STATO corrotte, di dare finalmente all'Italia un GOVERNO DEMOCRATICO di CAMBIAMENTO che ora abbiamo e che ci sta onorando e ridando DIGNITA'!
Dopo questa tremenda tragedia genovese, ed altre dimenticate volutamente dalla magistratura collusa e corrotta dai vigliacchi politici ed industriali mafiosi e massoni, ci rendiamo conto che il 4 marzo è successo il GRANDE MIRACOLO POLITICO ITALIANO che speriamo possa SALVARE e FAR RINASCERE la DEMOCRAZIA in Italia, eliminando i MALI OSCURI PD/DC-FI che hanno avuto il potere di distruggere i poveri cittadini onesti ed arricchire loro, le loro famiglie, gli amici, caste, mafiosi, massoni e tutte le bande a delinquere corrotte italiane!
Abbiamo ancora la speranza di poter salvare il SALVABILE e ridare al paese la dignità che si merita, persa per colpa dei Berlusconi, Renzi, Prodi, Napoletano, D'alema, Monti, Fornero, Letta, ecc.. e tutti i PRENDITORI INDUSTRIALI e LADRI che hanno spolpato le ricchezze ed i gioielli italiani, portandoli all'estero, con perdita di posti di lavoro ed ingigantendo la terribile crisi italiana!
Ma col GOVERNO DI CAMBIAMENTO M5*-Lega ce la faremo a riprenderci e mandare all'inferno la casta politica PD/DC-FI e vermi al seguito della 1a e 2a repubblica che ha fatto a pezzi l'italia e gli italiani!
Aspettiamo con ansia le prossime votazioni per
completare il RISANAMENTO e la salvezza del bel paese.

giova31 16.08.18 17:37| 
 |
Rispondi al commento

Controllate e verificate tutti i contratti e i cavilli giudiziari e se si può andate diritti per la vostra strada e se non si può agire nel toglierle spiegarlo alla gente a chiare parole e non solo sul blog.social. perchè molte persone non sanno neanche che cosa siano.
Per quel buffone di corte non si deve permettere di dare del Bugiardo e dello sciacallo per reagire in questa maniera mi sa che si è colpito nel punto giusto.

Pensate da quale pulpito si devono sentire queste parole anche perchè lui è un buon maestro in BUGIE e aggiungo CIALTRONERIE

FRANCO GIACOMUCCI, ANCONA Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 16.08.18 17:14| 
 |
Rispondi al commento

lLa irresistile ascesa della famiglia Benetton e delle loro società'.
c'e da interrogarsi su come imprenditori del TESSILE, siano riusciti ad avere quote di controllo minime ma determinanti in una serie di ex societa pubbliche privatizzate nella:
1) Ristorazione su scala nazionale (Autogrill);
2) INFRASTRUTTURE viarie ,e non ( Autostrade, presenza in Aereoporti di Roma, Grandi Stazioni ) determinante o in compartecipazione.
3) ecc,ecc
Quale fosse la loro competenza specifica....un mistero.
ma forse la spiegazione c' e' :
1) Aver puntato fishes (sodi su partecipazioni azionarie) nei gruppi editoriali che contano con conseguente simpatia o silenzio;
2) Aver puntato fishes ( minoritarie ) nelle compagini azionarie di primarie Banche nazionali ( lasciapassare x finanziamenti e occhio di riguardo);
3) forse anche un po' di capacita' ( se confrontata ai disastri di De Benedetti)
MA penso una componente fondamentale , e' stata ed e' il RAPPORTO con la POLITICA ( non ostentato) e che gli,ha permesso tanto nella partita delle privatizzazioni....e sicuramente in una logica di DO UT DES....su cui ...se ci fosse stato un interesse ,di qualche magistrato ad approfondirne i risvolti...da i media quasi nulla e' trapelato!
facciamo capire alla Nazione in che modo m......sono state gestite le privatizzazioni dell' apparato produttivo e infrastrutturale italiano che sono costate a tutti soldi : o in tasse ,o pedaggi....o debito pubblico!!!!

Antonio Rizzi 16.08.18 17:13| 
 |
Rispondi al commento

E' fondamentale che il movimento 5 stelle arrivi a togliere la concessione alla società Atlantia. La popolazione non è stupida (anche se molti, giornalisti o politici, cercano di condizionarla in tutte le maniere possibili, sicuramente con scopi reconditi che alla fine diventano evidenti). Ma, alla fin della fiera, la popolazione vota e sempre più spesso vota senza condizionamenti, come si è visto a marzo. Contro tutti colori che invece hanno sempre cercato di condizionarla attraverso promesse false e facendo leva sulle paure di perdere il poco che la maggior parte della popolazione ha. Questo cercare di sentire i veri bisogni e sentimenti della popolazione è stata la forza finora del movimento 5 stelle e soltanto se otterrà in pratica quello che vuole ottenere (in questo caso la revoca della concessione ad Atlantia), a tutti i costi, soltanto in questo caso potrà mantenere il forte seguito che ha oggi.
Com'è triste vedere, invece, personaggi come Di Pietro (su cui grande parte della polazione aveva riposto speranze di pulizia morale e materiale più o meno 25 anni fa) ridursi ad essere esponente dell'establishment. E' come vedere in lui quello che allora erano personaggi che si schieravano più o meno velatamente in favore dei politici della prima repubblica di quegli anni.

Roberto Caporali 16.08.18 16:02| 
 |
Rispondi al commento

#Avantitutta Siamo in rotta e dobbiamo mantenerla. Buon lavoro Ministro, grazie.
Paolo Croce

Paolo Croce 16.08.18 14:31| 
 |
Rispondi al commento

SEMPRE ACCANTO A LUIGI ED A DANILO, AVANTI A TUTTA VELOCITA'….CAMBIATE...FATE PAGARE FINALMENTE AI POTENTI I LORO ABUSI...E ...NOI SIAMO VICINI E SOLIDALI CON VOI, SIATE FORTI, DEETRMINATI, AGGRESSIVI,AGGUERRITI , CON STIMA

simona porta 16.08.18 13:40| 
 |
Rispondi al commento

nsaziabili questi Benetton. Con una redditività del 25% decidono di tagliare le spese di manutenzione. Per loro le Autostrade ex Iri sono una miniera d'oro inesauribile. Aumma aumma nel 2016 ottengono una proroga quarantennale con un emendamento aggiunto all'ultimo minuto dal governo alla Finanziaria. Una vergogna. La banda Renzi è capace di tutto. I predecessori non sono stati da meno. I contratti che riguardano i concessionari delle autostrade vengono secretati.
E la trasparenza del mercato, la concorrenza, le terzietà della politica, l'occhiuta vigilanza del commissario per la concorrenza di Bruxelles? Tutto fumo, chiacchiere e distintivo.
Questa banda di malavitosi merita un decreto del governo che spazzi via la benevolenza di TAR e magistratura civile corrotta.
E che faccia capire a opposizioni e potere mediatico che "la fortuna" sta abbandonando i Benetton, e quelli come loro.

Ubaldo Nappi, Pescara Commentatore certificato 16.08.18 13:12| 
 |
Rispondi al commento

Insaziabili questi Benetton, più guadagnavano meno spendevano per la manutenzione delle autostrade che avevano avuto in regalo dal centrosinistra.
Fortunati questi Benetton. In pieno delirio privatizzatore comprano dall'IRI la catena Gs. La comprano con i soldi delle banche e subito la rivendono, guadagnandoci 4500 miliardi di lire. In euro sarebbero due miliardi e 250 milioni.
Fantasiosi questi Benetton. Prodi, Ciampi e Giuliano Amato s'erano impegnati con Bruxelles e soprattutto con francesi e tedeschi a smantellare l'Iri. Massimo D'Alema li prende in parola e nel 1999 decide di privatizzare la rete autostradale di proprietà dell'Iri e quindi dello Stato. Ancora una volta i Benetton non si perdono d'animo. Una lira delle loro non la rischiano, non sia mai. Bussano a Banca Intesa e gli viene aperto. Chiedono un piccolo prestito che in euro è di 8 miliardi e l'ottengono. Con questi soldi comprano dall'Iri Autostrade. Per due, tre anni la manutenzione della rete è quasi inesistente. Con i soldi rastrellati ai caselli e l'aumento delle tariffe restituiscono i soldi a Intesa.
Le Autostrade sono una Zecca che produce moneta sonante. I Benetton semifalliti come imprenditori del tessile-abbigliamento hanno diversificato e incassano tanti di quei soldi da diventare investitori globali.
Grandi investitori, questi Benetton. Con i soldi guadagnati con una gestione finanziaria e non industriale della rete autostradale ex Iri i Benetton diventano soci degli spagnoli di Albertis e comprano il 50% della rete. Vito Gamberale si dimette dalla societa Autostrade perché non ne condivide la politica. Si pensa solo a incassare soldi ma si bada poco alla manutenzione e alla modernizzazione di un asset così importante.
Insaziabili questi Benetton. Con una redditività del 25% decidono di tagliare le spese di manutenzione. Per loro le Autostrade ex Iri sono una miniera d'oro inesauribile. Aumma aumma nel 2016 ottengono una proroga quarantennale con un emendamento aggiunto all'ultimo minut

Ubaldo Nappi, Pescara Commentatore certificato 16.08.18 13:05| 
 |
Rispondi al commento

FALLIMENTO DELLA PRIVATIZZAZIONE E LO SCIACALLAGGIO DEI PRIVATI

Occorre;
1- Lo Stato deve revocare la concessione ad Autostrade per l'Italia.

2- Nazionalizzare le Autostrade

3- Spese di ricostruzione e il risarcimento alle famiglia delle vittime e 632 sfollati devono pagare la società privata che ha spremuto soldi del pedaggio fino al crollo e la morte.

4- I responsabili devono essere processati e multati.

5- Nella agenda del governo l'interventi urgenti per il consolidamento di altri ponti in stato di degrado.

6- Dal 1994 sono stati svenduti i gioielli dell'industria italiana i veri responsabili sono i politici e i governi di Forza Italia e dall'Ulivo al Partito Democratico.

ARCH. Shir akbari 16.08.18 10:56| 
 |
Rispondi al commento

A Beppe con Simpatia:
Con quale coraggio la Societa Autostrade sostiene di aver fatto tutti i controlli necessari: anche se fosse, evidentemente non sono stati fatti in maniera accurata, i responsabili devono essere consapevoli e non devono addurre giustificazioni alle loro incapacità e inadempienze: ci sono decine di migliaia di sovastrutture da controllare : Strade ,autostrade,ponti, gallerie e quantaltro di vecchia costruzione, cosa aspettano a fare i controlli ed a prevenire disastri, forse non interessa la vita delle persone ma solo il profitto che ne deriva dalle sopvrastrutture , senza doverllo reinvestire in sicurezza: A queste società deve essere tolto ogni tipo di appalto dei lavori ed occorre aumentare i controlli per quelle società che si propongono di acquisirli, non vogliamo che a svolgere lavori di importanza
come quelli suddetti siano organizzaziioni mafiose o comunque prive di scrupoli che se ne fregano della salute dei cittadini.
Con simpatia
Roberto

Roberto Masi Masi, Sesto Fiorentino (FI) Commentatore certificato 16.08.18 10:17| 
 |
Rispondi al commento

La politica non può dare la concessione a un privato fino al 2048 la politica non ha il diritto di decidere per un bene che appartiene alle prossime generazione.

gennaro a., carrara Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 16.08.18 10:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dovrebbero pagare in tanti,penso che in questo caso,non si salvi neanche lo "scemo del villaggio".I maialoni italici,complici del disastro,intanto, blaterano, tirando in ballo la gronda associandolo al M5S .Con la speranza(vana) di nascondere ,le tonnellate di corna calcificate, che hanno in testa dopo venticinque anni di "ruminamento a novanta gradi"

Canzio R. Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 16.08.18 09:58| 
 |
Rispondi al commento

Leggo già dei commenti da "pompieri" nei confronti degli spregiudicati azionisti di autostrade. Come sta affermando DiMaio, nessuna penale è dovuta dopo una strage compiuta da chi intascava gran parte dei carissimi pedaggi imposti con la giustificazione di finanziare manutenzioni. Anzi, c'è da valutare non solo una revoca ma anche la richiesta di danni alle vittime e allo Stato e la rinazionalizzazione come anticipato anche da DiBattista. E si dovrebbe indagare se la medesima politica ( massimizzo i dividendi e minimizzo i costi di gestione) non sia seguita dai medesimi azionisti sulle altre infrastrutture date in concessione: gli aeroporti !!!

Rinaldo A., Roma Commentatore certificato 16.08.18 09:55| 
 |
Rispondi al commento

Di fronte ad una tragedia di questa immane portata, assistere alla consueta opera di disinformazione e propaganda dei soliti Leccachiappe Di Regime, fa venire il voltastomaco.
Le penali da venti miliardi (ma perché non trenta o cinquanta, visto che ci siamo?), la Gronda che Grillo osteggiava, l'impreparazione di Toninelli e dei Cinque Stelle in generale...io davvero non capisco per quale motivo la prima forza politica in Italia, debba accettare supinamente tutto ciò.
Ma possibile che non ci sia uno tra i nostri portavoce, che abbia due etti di palle e porti avanti ciò che si è sempre detto di voler realizzare, ad iniziare dall'abrogazione di ogni contributo all'editoria e dalla privatizzazione della RAI con relativa abolizione del Canone, il quale è ancora in bolletta ENEL e lì resterà per chissà quanto?
Non vi abbiamo eletti per essere l'ombra della Lega (ladrona), cari signori, altrimenti avremmo votato direttamente Salvini (il quale naturalmente, anche in questo tragico caso, ne esce indenne e da grande statista)!

Alberto O. 16.08.18 09:50| 
 |
Rispondi al commento

La concessione alla Società Autostrade fu data nel 2002 dal governo LEGA-Berlusconi col famigerato Min. Lunardi. Il vicemin. era Giorgetti!
Se Grillo al suo tempo attaccò la Gronda fu perché il costo era stratosferico e l'opera sembrava inutile,sbagliò perché prese per buono il report di Società Autostrade che disse, barando,che il Ponte Morandi sarebbe durato 100 anni per cui costruire la bretella sembrò allora a molti uno sperpero di danaro.In ogni caso,il parere dei 5stelle non produsse nulla perché c'erano solo 4 consiglieri 5stelle e il Governo Pd della città programmò che la Gronda fosse fatta a partire dal 2019,per cui Grillo o non Grillo,il ponte Morandi sarebbe crollato lo stesso ed è demenziale scaricare ora le colpe su Grillo.Lui sbagliò per essersi fidato di gente che mentiva ma il Pd di Genova non ha nessuna scusa come non ne ha chi secretò i contratti pubblici per non farne sapere le condizioni ai cittadini e che ora nega le sue collusioni, amicizie protette e tangenti,scaricando la rabbia degli italiani su un Grillo che con questi orrori non c'entra niente.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.08.18 09:50| 
 |
Rispondi al commento

Come si fa a dire meglio di quanto ha detto Di Maio?
Il disastro di Genova è esemplare nella sua dinamica. Una classe intellettuale (i giornalisti) che se c'era dormiva, ed un apparato imprenditoriale e finanziario privo di controllo reale perché tanto se qualcosa va male tanto paga pantalone.


Alessandro Caliari

ALESSANDRO CALIARI 16.08.18 09:49| 
 |
Rispondi al commento

Sono contrario ai proclami dettati dalla fretta e dalla volontà del Popolo giustizialista. Mi riferisco all'annuncio riguardo la revoca della concessione.
A parte che lo trovo poco serio con i corpi delle vittime ancora calde fare annunci del genere, mi chiedo dove stava la fretta visto che sembra Speriamo non sia vero che comunque sia prevista una penale molto elevata da pagare da parte dello stato in caso di revoca.
Semmai più che i Benetton che fanno il loro lavoro spregiudicato di imprenditori i danni li chiederei a chi ha permesso la firma di quella concessione in quei termini


Fotografaro toscani, se ci sei batti un colpo.
Siamo tutti in trepidante attesa di ascoltare il tuo verbo!

Giovanni ,Russo Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 16.08.18 09:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

quando pensate lì al governo di eliminare una volta per tutte il finanziamento pubblico all'editoria?
quella è la radice di tanta propaganda pro partiti e lobbies.
Mandiamo questi valvassini - pseudo giornalisti - finalmente a lavorare i campi.

Paolo R., Padova Commentatore certificato 16.08.18 09:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bene!

Giovanni ,Russo Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 16.08.18 09:30| 
 |
Rispondi al commento

(2
Alla maggioranza di noi elettori non frega niente sapere se sono quattromila o seimila i binari morti, se mille paesi stanno per morire, se le frane incombono sulle nostre stesse teste.
Chi è stato al governo vi conosce meglio di ciò che pensate. E quando, non molti anni fa, si propose la vergogna del ponte sullo Stretto, un’opera faraonica che avrebbe unito due coste bucate, scellerate, infragilite dalle lesioni o solo incompiute, ricordate il risultato elettorale? Quanti di voi hanno votato quel governo, quanti hanno chiesto anche condizionando il proprio voto di completare prima tutte le opere incomplete, cadenti o solo pericolose? Quanti?
E quanti a Genova sanno che si stanno spendendo 5 miliardi, che arriveranno ad 8, per bucare le spalle della città con il cosiddetto terzo valico mentre il piano inclinato verso il mare è un susseguirsi di superfetazioni edilizie, di palazzi che si affacciano sulle strade, di strade che arrivano in salotto.
Nessuno pagherà semplicemente perché in molti dovremmo pagare.
E se ci sarà qualcuno, che per sventura o per pura statistica, verrà condannato, beh sappiate che quella condanna non ci farà divenire innocenti.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.08.18 09:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

(1
Crollo Ponte Morandi, nessuno pagherà. L’Italia crolla, ma gli italiani dove sono?

Antonello Caporale.
Nessuno pagherà per quel che è successo a Genova e per quel che accade, o è già accaduto o ancora accadrà nel resto d’Italia.
Nessuno pagherà perché se dovesse esserci un conto da pagare un buon numero di governanti e un altrettanto cospicuo numero di elettori dovrebbero essere messi in fila per chiedere conto delle proprie responsabilità.
Nessuno pagherà perché è solo una minoranza, e nemmeno tanto cospicua, a vedere la realtà che è: abbiamo costruito tanto e male. Abbiamo sporcato ogni pezzetto possibile di terra, tombato ogni crosta visibile, tagliato ogni albero che si frapponesse a noi.
Sbancare, e poi sbancare e poi sbancare.
L’Italia sta crollando ma gli italiani dove sono? Perché se è vero che i ponti sono marci, le strade bucate, i costoni infragiliti dalle frane, tutto l’altro costruito, un grande dente cariato, di qualcuno sarà.
Siamo giunti alla soglia di quasi tre vani a testa e ancora non ci fermiamo col cemento. Abbiamo milioni di metri quadrati di abitazioni disabitate e ogni giorno sorgono nuovi cantieri per erigere nuove brutture e allineare l’orribile al vecchio cadente.
La prova che il nostro amore per la conservazione e la manutenzione, per il rispetto del bello, per la tutela del paesaggio per la cura dell’aria è pari a quella di chi, governando, ipotizza sempre nuove opere lasciando le vecchie incomplete, storte, sbriciolate, è tra queste macerie e ci porta il conto.
Noi elettori siamo il motore irresponsabile, la spinta che fa dire a chi conquista il potere di continuare sulla strada storta. Quanti di voi sanno se la propria città ha un piano urbanistico vigente? Uno su mille, e manco pure. E quanti di voi sanno quanto cemento l’amministrazione comunale ha previsto per tacitare le tante coscienze sporche? Uno su un milione. La prova?
Io e voi, tanti di voi, ce ne fottiamo, semplicemente.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.08.18 09:28| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo e sostengo pienamente l'azione di bonifica politica, economica e sociale di questo governo, contro le mafie ed il malaffare.

Salvatore Mancuso, Palermo Commentatore certificato 16.08.18 09:26| 
 |
Rispondi al commento

Stamane apprendo dal telegiornale che, qualora lo stato dovesse subentrare in anticipo sulla scadenza contrattuale anche per giusta causa al concessionario Atlantia di Autostrade per l'Italia, questo dovrebbe essere risarcito con 20 miliardi di euro.
Tutto sempre fatto a scapito del popolo che è l'ultimo ad avere voce in capitolo.
Comunque è tutta da verificare la validità legale e costituzionale di un atto capestro come questo, capace di mettere in ginocchio l'economia di una nazione. Poi nulla vieterebbe per un Paese di considerarlo nullo per questioni di sicurezza e stabilità nazionale, mettendo tra l'altro sotto accusa per alto tradimento e gravissimo attentato alla economia del paese tutti gli attori della incredibile e criminale vicenda.
Le pene comminate dovrebbero essere non esemplari, ma pesantissime, compreso l'esproprio immediato di tutti i beni e l'eventuale ergastolo.
Antonio Rossi


E ti pareva, i giornaloni incolpano Grillo di essere la causa della caduta del ponte a Genova.

newmail ***** Commentatore certificato 16.08.18 09:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

____

vedi se mangi questi e quante parti di glifosato di Monsanto ti mangi a colazione

https://www.greenme.it/immagini/mangiare/alimentazione-salute/cereali/glifosato_cereali.JPG


https://www.greenme.it/mangiare/alimentazione-a-salute/22035-cereali-colazione-glifosato-pesticidi

John Buatti 16.08.18 09:10| 
 |
Rispondi al commento

Il cuore mi si stringe...vivo a Roma dal '72 ma sono nata e cresciuta a Genova dove ho lasciato i ricordi più belli della mia vita e un pezzo del mio cuore. Vorrei tanto poterci tornare ma...Non posso per diversi motivi. Che pianto guardare quel triste spettacolo!

VERA G., ROMA Commentatore certificato 16.08.18 09:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ve lo ricordate? "Ce lo chiede l'Europa". Così ci veniva venduta anche per gli immigrati, poi si scopre che erano stati Renzi e i suoi precedenti, a far arrivate tutti gli africani in Italia.
Sembra sia successo la stessa cosa per il famigerato pareggio di bilancio che addirittura è stato messo in costituzione.
Infatti parrebbe che il programma del blocco degli investimenti non sia rivolto a impedire il rialzo del debito pubblico ma al progetto di programmazione industriale, per favorire l'investimento privato, nella gestione dei beni pubblici.
Questo trova conferma nel contratto che Renzi e del Rio, hanno stipulato con i Benetton, alla vigilia della dipartita del governo Gentiloni.
In sintesi l’accordo prevedeva che: “la società Autostrade per l’Italia (Aspi) realizzasse, tra il 2020 e il 2028, il passante di Genova a un costo stimato di 4,3 miliardi, più altri investimenti non specificati, per un totale di 7,8 miliardi entro il 2038, termine dell’attuale concessione. In cambio, la società avrebbe ottenuto una proroga della concessione per quattro anni, dal 2038 al 2042, e il diritto ad avere un indennizzo di subentro di 5,7 miliardi a fine concessione”. Questo accordo, sottoscritto alla vigilia delle elezioni dal governo Renzi, garantiva un rinnovo della concessione ben 20 anni prima della scadenza ed in pratica l’impossibilità di altre società di esserne gestori, compreso lo Stato stesso! "

Allora se fosse così, Onorevoli Deputati Di Maio e Toninelli, il pareggio di bilancio sarebbe stato chiesto e voluto dall'Italia, quindi va scardinato e buttato alle ortiche insieme ai trattati di Dublino e Triton.

newmail ***** Commentatore certificato 16.08.18 09:07| 
 |
Rispondi al commento

_________

Cereali da colazione: tracce di glifosato e pesticidi, dai Cheerios al Muesli

https://www.greenme.it/mangiare/alimentazione-a-salute/22035-cereali-colazione-glifosato-pesticidi

Test indipendenti condotti su cereali per la colazione, biscotti, cracker e altri prodotti alimentari in vendita negli Usa hanno rivelato al presenza di tracce di glifosato, il potente erbicida che lo scorso anno è stato inserito dallo IARC tra le sostanze probabilmente cancerogene per l’uomo.

John Buatti 16.08.18 09:02| 
 |
Rispondi al commento

Oggi si tuona contro la privatizzazione delle autostrade.
Ma il neoliberismo che imperversa in Europa esige la privatizzazione di tutto l'esistente, la sanità come la scuola, le ferrovie come le autostrade, dunque ordina l'arricchimento continuato di pochi contro la distruzione dei diritti e delle tutele dei più. Era il motto velato di Prodi e dopo è stato il programma esplicito di Renzi che già alla prima Leopolda disse chiaramente che voleva privatizzare tutto lo Stato eliminando lo stato sociale. E c'è chi nemmeno ora lo ha capito!!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.08.18 08:58| 
 |
Rispondi al commento

Bancor.
Di certo ci hanno guadagnato e continuano a guadagnarci, e tanto, sulle autostrade, i signori Benetton.
Chiariamo però che, su quel ponte, sono almeno trent'anni che ci sono continui lavori di manutenzione, anche molto impegnativi ed estremamente costosi, sia per la natura del viadotto che per il fatto che non era praticamente possibile chiuderlo al traffico in modo completo per lavorarci.
E questo, alla fine, addirittura faceva costare la manutenzione molto di più di quanto sarebbe stato giusto.
La responsabilità di Autostrade per l'Italia (ma non meno quella del suo predecessore, la Società Autostrade IRI e la connessa ANAS) non è stata tanto la mancata manutenzione, ma la scelta di non demolire quel ponte che già quasi trent'anni fa (1990/1992) ha subito opere di consolidamento degli stralli della prima pila con la complicatissima aggiunta di cavi esterni inguainati che praticamente hanno sostituito quelli degli stralli in precompresso che erano ormai usurati dopo soli vent'anni di esercizio.
Insomma, una progettazione ardita e probabilmente tarata già all'origine, un'accettazione delle spinte politiche (da tutte le aree) a non decidere la demolizione, le complessità di un'opera mastodontica calata in mezzo ai palazzi (vedere le pile a confronto con i palazzi di sette piani): tutto ha contribuito al disastro attuale.
Non per assolvere Autostrade, ma per allargare un po' lo sguardo sennò ce la prendiamo sempre e solo con chi vediamo per primo.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.08.18 08:53| 
 |
Rispondi al commento

LOnzar
Nel 2017 per Autostrade per l’Italia le tariffe hanno corso di più dell’incremento da volumi di traffico. Ed è proprio Autostrade per l’Italia l’asset più redditizio per l’intera Atlantia. La sola Autostrade ha fatto ricavi per 3,94 miliardi sui 6 miliardi di tutta Atlantia. Pagati costi operativi e del lavoro, Autostrade ha una redditività industriale stratosferica: su 3,94 miliardi di fatturato il margine operativo lordo è di ben 2,45 miliardi. Un livello del 62%. Livelli che pochi raggiungono. Così invece di fare una buona manutenzione per la sicurezza di utenti paganti per di più, si sono distribuiti lauti dividendi e pagato le tasse in Lussemburgo. Sarà ora che siano ritenuti responsabili non solo penalmente ma soprattutto economicamente per il disastro, visto che i soldi (guadagnati con un monopolio odioso) non gli mancano!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.08.18 08:52| 
 |
Rispondi al commento

Secretare vuol dire fare le cose di nascosto... come i carbonari.
La grande trasparenza dei "capaci"... il popolo non deve sapere,e la magistratura che fa?
Sssssss..... moriremo in silenzio!
Che cazzo di paese!

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 16.08.18 08:52| 
 |
Rispondi al commento

John Green.
Il Ponte fu realizzato dall'IRI, cioè dallo Stato, che scelse progettista e imprese e fece i collaudi.
Subito furono segnalati inconvenienti. Poi seguì il resto e sembra che si siano sommate incuria, imprevidenza, clausole molto favorevoli ai concessionari. Sembra anche che la situazione sia diffusa in tutta Italia.
L'IRI, come tutte le strutture chiave di allora, era nelle mani della DC e fu svenduta/regalata ai privati da Prodi, un DC doc. Il clientelismo e le connivenze con cosche e logge era il cardine di quel sistema di appalti, poi perfezionato dal PD-FI-PDL. Privatizzare tutto era l'ordine impartito ai maggiordomi al potere ed eccoci a piangere i risultati: le vittime di oggi. Miliardi regalati alle élite finanziarie che hanno pure spostato le loro sedi fiscali all'estero, delocalizzato, chiuso fabbriche, eliminando ogni rappresentanza dei cittadini, facendone dei sudditi con la connivenza dolosa dei media.
In Italia restano i ponti che crollano, i pedaggi salatissimi, le tangenti, la corruzione elevata a sistema e soprattutto la disinformazione dei media di regime tipo la costosissima RAI imposta manu militari. Dobbiamo porre fine a questa repubblica delle banane!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.08.18 08:51| 
 |
Rispondi al commento

A fare impresa così son bono pure io:

1) Mi dai la concessione (senza gara e in cambio di mazzette)
2) Incasso il 43% dei pedaggi
3) Metto macchinette al posto delle persone
(Mi intasco parte dei pedaggi)
(Prendo la residenza fiscale in Lussemburgo così non ti pago nemmeno le tasse)
4) Vendo in monopolio prodotti al doppio del prezzo
5) Polstrada mi fa la vigilanza
6) Non faccio manutenzione
(E se ammazzo qualcuno e lo Stato mi leva la concessione, mi becco 20 miliardi mentre una banda di troll dà la colpa a chi con tutto questo non c'entrava per niente)

#Autostrade

[@sempreciro]

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.08.18 08:45| 
 |
Rispondi al commento

_____

Monsanto weedkiller that can ‘probably’ cause cancer found in children’s breakfasts

https://www.rt.com/usa/436069-monsanto-weedkiller-cancer-cereal/

John Buatti 16.08.18 08:33| 
 |
Rispondi al commento

Cesare Sacchetti
Nel 1999 il centrosinistra regala le autostrade ai Benetton. Negli anni successivi viene apposto il segreto di Stato sulle concessioni. Ora emerge che se l'Anas vuole revocare le concessioni deve pagare 20 miliardi di euro ai Benetton. La sinistra è un'associazione a delinquere.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.08.18 08:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I MALEDETTI PONTI DI MORANDI
Annalisa Grandi
Ferro e cemento.Da Genova ad Agrigento a Maracaibo,sono tanti i ponti che portano la firma di Riccardo Morandi che nel 1948 ebbe il brevetto per il calcestruzzo armato precompresso. E col calcestruzzo sono stati realizzati i numerosi ponti da lui progettati
Alcuni,già prima della tragedia di Genova,sono finiti al centro di polemiche.Come quello di Agrigento:collegata a Villaseta e Monserrato dalla statale 115,nota come viadotto Morandi o Akragas.Quasi 4 km di lunghezza,sorretto da piloni,progettato da Morandi nel 1970,è stato chiuso nel marzo del 2015 dall’Anas perché doveva essere messo in sicurezza.Riaperto per i soli mezzi leggeri,nel 2017 il nuovo allarme, la denuncia dell’associazione Mareamico che in un video mostrava il degrado dei piloni che lo sostengono.Il viadotto è stato chiuso, sono in corso lavori di ristrutturazione che dovrebbero terminare nel 2021 e che hanno un costo di circa 30 milioni di euro
Dall’altra parte dell’Oceano,progettato da Morandi,il General Rafael Urdaneta, gemello di quello di Genova,sulla baia di Maracaibo.Lungo 8,7 km,con 135 campate di cui le 6 centrali con lo stesso schema statico di quello di Genova,è crollato nell’aprile del 1964 quando la petroliera Exxon Maracaibo,che pesava 36mila t,a causa di un guasto finì contro 2 pile della struttura,a oltre 600 m dalle campate progettate per il passaggio del traffico navale.L’urto fu così violento che fece crollare completamente le 2 pile trascinando in mare 3 campate del ponte
Ma l’elenco non finisce qui:è del 1954 il ponte San Nicola,di Benevento e il Ponte Amerigo Vespucci sull'Arno a Firenze.E anche il Viadotto Bisantis di Catanzaro,conosciuto anche lui come ponte Morandi e completato nel 1962.E ancora il ponte sull’Arno tra Empoli e Spicchio di Vinci, inaugurato nel 1954:danneggiato dall’alluvione el 1966, che fece accasciare uno dei pilastri, è stato demolito nel 2011 per la costruzione dell’attuale struttura

segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.08.18 08:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Improvvisamente, sotto l'urto dell'opinione pubblica giustamente spaventata, i giornalisti si sono risvegliati e si sono accorti che in Italia le grandi opere pubbliche pericolanti e a rischio di catastrofe sono tante,sono dappertutto. Negli anni '60 Morandi brevettò questa miscela di sabbia (avrebbe dovuto essere cemento) e ferro (e spesso difettava anche il ferro) che poteva essere usata per i grandi ponti, che erano però terminali, cioè destinati a crollo certo dopo 50 o 60 anni. Ci fu una specie di febbre per cui alla pietra o all'acciaio si preferì questa miscela, il calcestruzzo, dimenticandosi subito dopo che non sarebbe durata 100 anni come spergiuravano i tecnici di Autostrade, ingannando anche Beppe Grillo, ma aveva una durata molto più breve. Il resto del danno lo fece la furbizia italiana, quella che triplica i costi in fase d'opera, quella che diminuisce la dose di cemento armato per speculare anche sul materiale, quella che arriva a fare costruzioni che crollano prima di essere aperte, quella che per lucro personale 'dimentica' la manutenzione fino al disastro, quella che leggi compiacenti assolvono sempre o prescrivono o archiviano,perché ladro aiuta ladro, e in carcere alla fine ci vanno solo i poveracci, quelli che rubano un pezzo di parmigiano mentre i grandi ladri di Stato e i loro dannati amici se la cavano sempre e anzi vengono 'risarciti' per i mancati' guadagni sputando un'ultima volta sui morti e sulle vittime. Tanto si trova sempre qualche imbecille che darà la colpa a Beppe Grillo che si opponeva agli sprechi o ai 5stelle che chiedono trasparenza e onestà.
L'Italia è un Paese fondato sul lucro e sulle tangenti. E queste tangenti si fondano spesso non solo sulla giustizia calpestata, ma sul sangue dei morti.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.08.18 08:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

.... meglio allora che il Ministro Bonafede si attivi.... VISTI I TEMPI DELLA GIUSTIZIA! Speriamo che questo Governo duri! Verrà detto e fatto di tutto perchè cada... e prepariamoci all’autunno...

Grazia C., Romans d'Isonzo Commentatore certificato 16.08.18 08:00| 
 |
Rispondi al commento

Non si sa che razza di patti criminali il Pd abbia fatto con Società Autostrade (Benetton), perché, come fa il gatto con le sue porcheriole che le sotterra per non farle vedere, li hanno nascosti sotto contratti coperti dal segreto di Stato (B e Pd insieme. E bravi!). Ma appena Conte ha penalizzato la Società Autostrade togliendole la concessione per la mancata manutenzione del Ponte Morandi, è saltato fuori che lo Stato avrebbe dovuto pagare ai Benetton 20 miliardi come risarcimento per i mancati guadagni. Insomma, uno viene meno dolosamente ai suoi impegni, si arricchisce indebitamente alle spese di cittadini, ammazza 39 persone, fa danni incalcolabili e blocca una intera città e gli danno pure un premio di 20 miliardi, perché il Pd aveva messo in sicurezza non la vota dei cittadini ma i profitti dei suoi amici! E allora, visto che gli altri Paesi i contratti pubblici e le concessioni li mettono in chiaro su internet, mentre i nostri criminali politici li nascondono sotto il segreto di Stato, e visto che Di Maio ha promesso di aprire i maledetti segreti di Stato, apriamoli questi contratti! E guardiamo bene in faccia chi li ha firmato, chi si è approfittato del popolo italiano, chi si è arricchiscono sul sangue dei morti, chi ha rispettato solo multinazionali, costruttori perversi, banche e mafie, calpestando i diritti e la vita della gente, chi è stato pappa e ciccia con complici della peggior risma per spartirsi il malloppo! E vediamo di che colore ce le dobbiamo mettere le magliette, dopo, continuando la sagra dell'ipocrisia e della calunnia!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.08.18 07:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutte le persone che avario titolo sono state interessate dal crollo del ponte, dovrebbero costituirsi parte civile e richiedere i danni alla società Autostrade.
Poi, le responsabilità si accerteranno, ma per prima cosa bisogna "fermare le bocce".
Che non vada a finire come per i lavoratori della Tissen, dove i titolari non hanno risarcito quello che dovevano.

VINCENZO ANTONA, Vercelli Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 16.08.18 07:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I troll piddioti non fanno che ripetere che i 5stelle non volevano la Gronda. Se non la volevano a quel tempo è stato perché tutti i tecnici del Pd dicevano che il ponte Morandi sarebbe resistito altri 100 anni, e comunque il M5S aveva solo 4 consiglieri comunali per cui poteva fare poco contro la realizzazione di una bretella che sin dall'ìnizio si presentava come una grande mangiatoia con uno spreco immane di miliardi e sembrava un'opera inutile mentre Genova aveva ben altri problemi da affrontare come la messa in sicurezza di quei 4 torrentelli che ogni autunno alluvionavano uscendo dagli argini e devastando la città. Comunque sia, il M5S al tempo poté fare poco e il Pd decise di fare la Gronda, solo che i lavori furono rimandati al 2019, sempre credendo ai tecnici di Autostrade che spergiuravano sulla durata e sulla solidità del ponte. Per cui, Gronda o non Gronda, il disastro sarebbe accaduto lo stesso. E ora, col senno del poi, rifarsela con i 5stelle che avevano creduto alle predizioni false di Autostrade mi sembra la carognata di chi non sa proprio a cosa aggrapparsi per negare il proprio malgoverno e quei favori agli amici supergratificati e superaarricchiti che sulle disgrazie di oggi ci hanno fatto la fortuna di ieri.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.08.18 07:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ora bisognerebbe togliere il segreto al contratto di concessione con Autostrade per l'Italia e con la società Holding.

Eppoi perché contratti di quel genere, di quella portata, che interessano la vita di milioni di persone e lo stesso Stato italiano
SONO SECRETATI ???

Giuseppe Flavio, vicenza Commentatore certificato 16.08.18 06:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LO SCANDALO DELLE AUTOSTRADE
DA UN REPORT DEL 2004, e ora è anche peggio

https://www.youtube.com/watch?v=ZgMnb1zwGWc

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.08.18 06:52| 
 |
Rispondi al commento

Chiudete Rai news 24!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Chi è il direttore?
Parlano di sciacallaggio del governo circa il ponte Morandi.

Giuseppe Flavio, vicenza Commentatore certificato 16.08.18 06:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Troppo precipitoso il discorso revoca concessione.

Puo' anche essere sensato, ma non è il momento.
Non siamo ancora a mente fredda.

Un governo non può essere impulsive.

precipitosi 16.08.18 06:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Con il crollo del ponte si è scoperchiato un verminaio tutto italiano.

I partiti che hanno preso i soldi dai Benetton, non si sentono almeno, un poco, moralmente responsabili dell'accaduto?
Forse dovrebbero restituire ai Benetton, i contributi che hanno ricevuto per fare una politica, in questo caso, non certo garantista degli interessi dei cittadini.

giuseppe belotti, ranica -bg- Commentatore certificato 16.08.18 06:05| 
 |
Rispondi al commento

i Benetton fanno fatica a pagare quando fanno disastri, lo sanno bene i parenti dei 1132 morti nella fabbrica in bangladesh nel 2013....in Patagonia poi, dove cercano di annientare il popolo dei Mapuche che resistono....ed i bambini sfruttati in Turchia...che sarà maiiiii.....bisogna far profitto!!!!!....importante è il profitto....LA NOSTRA STAMPA DOVè.....perlamiseria!!!!.....tutto il mondo parla di queste cose....noi niente...quanti sanno cosa fanno questi padroni delle vite delle persone???? UNICO CREDO I SOLDI

silvana 16.08.18 05:57| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi e' stato dichiarato un delinquente naturale ed abituale ha rubato pubblicità. Alla Rai ha corrotto parlamentari e' amico di mafiosi è considerato il responsabile trattativa stato mafia ha frodato il fisco ed ha così rovinato l'Italia e Rubato molti soldi agli italiani.
Ora deve restituire tutto il malloppo con gli interessi e poi va buttato nel carcere duro per tutta la vita!!!
Grazie e cordiali saluti.
Rinaldin

franco rina Commentatore certificato 16.08.18 03:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

da una tragedia gravissima, da cui avranno a Genova ricadute molto concrete sulle possibilità di lavoro e sulla qualità della vita quotidiana, fare la somma dei danni è quasi impossibile. Non esiste polizza assicurativa che possa comprendere il danno indotto da un sinistro di questo tipo
le vittime, il blocco del traffico, quello che accadrà dopo,
è un danno che può valere una legge finanziaria dello stato
io temo che nemmeno lo stato non abbia più le competenze e risorse necessarie per poter affrontare le sue responsabilità


la cosa piu Comica di tutto e che questi sinistri
hanno prima fatto fare il PONTE MORANDI
sopra le case, e poi volevano fare PURE LA GRONDA
poi hanno pure tombato il fiume e giu ALLUVIONI
IL CAZZARO nell'ultimo periodo nei suoi deliri
ha perfino resuscitato il PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA,
INSOMMA MANGIATOIE A RIPETIZIONE E SENZA FINE,
COME LA TAV.....del resto basta andare a vedere
come la CMC DI RAVENNA STA GESTENDO I LAVORI
DELLO SCORRIMENTO VELOCE PALERMO AGRIGENTO
DOVE IL PONTE E' CADUTO IL GIORNO DELL'INAUGURAZIONE, E SOLO PER UN CASO SI E' EVITATA UNA TRAGEDIA.
Questi pappa hanno scambiato il popolo italiano
per una prostituta,...ma la bella vita è finita
franco rosso
p.s. penso che lo sapete che RAINEWS 24 HA TENUTO
quella porcata del risarcimento sullo schermo per
più di mezz'ora....cominciate da li
LICENZIATE QUEI GIORNALISTI

franco rosso 16.08.18 01:34| 
 |
Rispondi al commento

se rappresenti lo stato lo devi essere, non puoi essere stato e rappresentare i cittadini che sono quelli che pagano sempre il conto, se vuoi cambiare rispetto al passato ti devi assumere le tue responsabilità come rappresentante dello stato
poi il privato che fa profitti si adeguerà

Alex Scantalmassi 16.08.18 01:20| 
 |
Rispondi al commento

Antonio Tajani in una intervista sui rai 1 , verso le ore 24 , ha schifosamente insinuato in modo subdolo che sul fatto di Genova gravano responsabilità politiche , passate e presenti e non solo responsabilità tecniche , nominando più volte Toninelli, Di Maio e m5s . Associando così artatamente questi nomi al concetto di responsabilità politica ha cercato di influenzare con parole ingannevoli e in maniera subdola l opinione pubblica .....ma , poveretto, si è reso conto che la gente ha cominciato a capire ?

donatella davanzo 16.08.18 01:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vergogna. Tirate via concessioni a questi mangioni... è uno schifo

Andrea B 16.08.18 01:14| 
 |
Rispondi al commento

diciamola tutta, ha fatto comodo delegare al privato, cedendo profitti, la sorveglianza sulla sicurezza delle autostrade cosi nei ministeri hanno veramente nulla da fare
fanno cosi un po' su tutto delegano ai privati qualsiasi tipo di controllo, spesso gratis, in cambio di profitti
paga il cittadino, pedaggi e altro, tutto quanto
arriva l'errore ? lo stato sanziona, responsabilità non ne vuole

Alex Scantalmassi 16.08.18 01:10| 
 |
Rispondi al commento

Genova è un terminal importante, c'è La Spezia che può sopportare anche il loro traffico ma deve risolversi in fretta, crollano anche posti di lavoro...

Alex Scantalmassi 16.08.18 00:59| 
 |
Rispondi al commento

e se anche fosse che salta fuori qualche documento che dice che la manutenzione e' stata fatta per loro secondo le regole, evidentemente (la prova schiacciante e' la caduta del ponte, cioe' la realta' dei fatti) la societa' autostrade e' incapace di gestire le autostrade.

le vanno quindi tolte le concessioni. e siccome assumendole si e' presa anche il carico delle responsabilita', anche se per incapacita' e non per incuria deve comunque pagare i danni.

carlo 16.08.18 00:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

GIUSTIZIA!!!IL M5S FARA' CHIAREZZA SU QUANTO E' ACCADUTO!!! W DI MAIO!!! I RESPONSABILI LA PAGHERANNO A CARO PREZZO!!!

Sandy***** S., Sandonaci Commentatore certificato 16.08.18 00:56| 
 |
Rispondi al commento

ok ma quel ponte glielo fai rifare a loro spese in 5 mesi oppure no ? o aspettiamo che si metta in moto la macchina dei ministeri ?

Alex Scantalmassi 16.08.18 00:49| 
 |
Rispondi al commento

mi dispiace, ma chi ha colpe per la tragedia di Genova dovrà essere punito senza alcuno sconto

Case Catania, catania Commentatore certificato 16.08.18 00:28| 
 |
Rispondi al commento

Smascherateli aduno ad uno sti mangia soldi a tradimento.

Immobiliari Catania, Viagrande Commentatore certificato 16.08.18 00:26| 
 |
Rispondi al commento

Risarcire le vittime, non le farà ritornare indietro, ma è un segno importante che il governo deve fare.

Immobiliari Catania, Viagrande Commentatore certificato 16.08.18 00:23| 
 |
Rispondi al commento

Vedere repubblica scrivere che se si ritirano le concessioni dobbiamo pagare le penali è una cosa che merita solo un commento...... Basta soldi pubblici a questa editoria !!!!! Altro che risarcimento, a questa gente va confiscato tutto e subito, dopo un foglio di espulsione dall'Italia a chi si divideva i profitti e l'ergastolo per i responsabili, perché ricordiamoci che c'è gente che prende stipendi faraonici per poi negare le proprie responsabilità a disastro avvenuto. Basta con l'italico garantismo che l'unica cosa che rende certo è l'immunità dei criminali potenti !Volete cambiare ? Bene cominciamo da questo e che i responsabili paghino di tasca loro tutti i danni fatti e le vite che hanno cinicamente e ingordamente distrutto .

DA 16.08.18 00:20| 
 |
Rispondi al commento

Togliere le concessioni a Autostrade e' la prova del nove del governo. Se non ci riesce vuol dire che siamo in una spirale senza via d'uscita. Risarcire subito le vittime, anche se purtroppo non e' possibile ridare la vita a quei poveretti. Conoscendo la giustizia in Italia i risarcimenti avranno tempi lunghi. Il governo faccia qualcosa e subito dimostrando che il vento e' cambiato.

Luciano C. 16.08.18 00:20| 
 |
Rispondi al commento

Luigi Di Maio...sputtana in tv la...casta politica, Autostrade per l'Italia, i benetton e la loro squallida stampa, per questo crollo del Ponte Morandi a Genova :


https://it-it.facebook.com/LuigiDiMaio/videos/444730996027754/


Roberto ., Roma Commentatore certificato 16.08.18 00:02| 
 |
Rispondi al commento

Il Premier Conte poco fa su Facebook ha postato questo messaggio:

" Il Governo è con Genova e i genovesi. In queste ore difficili per la città, questo è il messaggio che vogliamo lanciare alle Istituzioni locali e alla popolazione colpita dalla tragedia del crollo di parte del ponte Morandi.
In un Consiglio dei ministri straordinario, svolto questo pomeriggio nella sede della Prefettura del capoluogo ligure, abbiamo deciso di adottare immediatamente alcuni primi importanti provvedimenti per fronteggiare l'emergenza e garantire nel più breve tempo possibile la messa in sicurezza dell'area e l'assistenza alle persone coinvolte. Abbiamo dichiarato lo stato di emergenza per 12 mesi, previsto lo stanziamento di 5 milioni di euro per i primi interventi urgenti. Nomineremo un commissario ad hoc per la ricostruzione.
È chiaro che ci sono responsabilità e la giustizia dovrà fare il proprio corso per accertarle. Ma il nostro Governo non può rimanere ad aspettare. Per questo abbiamo deciso di avviare le procedure di revoca della concessione alla società Autostrade, sulla quale incombeva l'obbligo e l'onere di curare la manutenzione del viadotto. Dovere del Governo è di fare viaggiare i cittadini in sicurezza. Tragedie simili non devono ripetersi. Mai più. Il nostro pensiero va ai feriti, a cui questa mattina ho voluto far visita in ospedale e portare la vicinanza del Governo. E va soprattutto ai familiari delle vittime. Abbiamo deciso di proclamare una giornata di lutto nazionale, sabato 18 agosto, in occasione della celebrazione dei funerali.
Sia chiaro, inoltre, che non ci dimenticheremo degli sfollati e non mi stancherò mai di ringraziare tutta la macchina dei soccorsi, al lavoro senza sosta giorno e notte.
In questi giorni continuerò a tenervi aggiornati il più possibile sull'operato del Governo in merito a questa vicenda."

Roberto ., Roma Commentatore certificato 15.08.18 23:43| 
 |
Rispondi al commento

..... mantenuto sulla base dell'incremento di valore per gli azionisti....

Rinaldo A., Roma Commentatore certificato 15.08.18 23:42| 
 |
Rispondi al commento

Bene il Procuratore di Genova che ha esplicitamente escluso che si sia trattato di una fatalità. È evidente che si è arrabbiato ricerca di responsabili. Se è doveroso lasciare individuare i responsabili alla magistratura, è probabile che nel frattempo la Società concessionaria tenterà di consegnare al Governo e alla pubblica opinione qualche dirigente interno. Il Governo ha il dovere di ricordarsi che il management (anche di Top Management!) viene scelto e mantenuto sulla base dell'umorismo di calore per gli azionisti. Sono questi ultimi, quindi, i "mandanti" dell'uso spregiudicato di risorse per massimizzare i profitti. Come è successo in questi anni da parte degli azionisti di autostrade e verosimilmente anche nella gestione degli aeroporti. Bisogna quindi procedere a togliere le mani dei privati nella gestione del patrimonio pubblico come le infrastrutture.

Rinaldo A., Roma Commentatore certificato 15.08.18 23:40| 
 |
Rispondi al commento

La caduta di quel pilone è preceduta da brillamenti!!! Potrebbe essere che lo hanno fatto cadere con delle cariche di esplosivo. Pioveva, c'erano fulmini... questo è il video che ho trovato sul messaggero...https://video.ilmessaggero.it/cronaca/genova_cade_ponte_oh_mio_dio_14_agosto_2018-3913847.html

Iaia Stella 15.08.18 23:28| 
 |
Rispondi al commento

Cerco anch'io di dire la mia. Fin dai primi anni settanta conosco quel ponte e in diverse tornate ho visto fare dei lavori .per esempio sostituire tratti di banchina cementizia e lamierata con dei grossi blocchi di cemento che gli operai chiamavano nevgelsi il cui peso sempre da loro detto era da 2 a 2,5 tonnellate. Mi sono anche preso la briga di contarli e
anche se mi fossi sbagliato di un dieci percento tre file di blocchi per 1100 m lunghezza del ponte, fanno la bellezza di 380- -blocchi .domanda? Quante tonnellate gravano sul ponte anche quando non transita una mezza. ?e vero o non è vero che anche il carico statico danneggia le strutture? E se fosse vero che all'origine tutto quel carico non c'era? Meditate gente e se vi riesce smettetela di dire che per liquidare questi ceffi bisogna darli anche dei soldi.

andrea a44, genova Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 15.08.18 23:09| 
 |
Rispondi al commento

Ci vuole una legge sulla classe action con danni punitivi illimitati

Ap 15.08.18 23:08| 
 |
Rispondi al commento

Ormai per i piddini provo soltanto ribrezzo umano, non penso di riuscire più ad avere un rapporto umano con loro.
Serracchiani tappati quel cesso di bocca prima di dire che Grillo ha delle responsabilità.
Si discute da decine di anni di quel ponte.
Si sono succeduti politici di tutti i colori.

Ministri infrastrutture

Antonio Di Pietro / IDV / Governo Prodi II / 2006 / 2008
Altero Matteoli / PDL / Governo Berlusconi IV / 2008 / 2011
Corrado Passera / Ind. / Governo Monti / 2011 / 2013
Maurizio Lupi PDL / Governo Letta / 2013 / 2015
Matteo Renzi / PD / Matteo Renzi / 2015 / 2015
Graziano Delrio / PD / Governo Gentiloni / 2015 / 2018

Regione Liguria - Presidenti

Sandro Biasotti : Forza Italia 2000/2005
Claudio Burlando: DS/PD 2005/2015
Giovanni Toti : Forza Italia 2015/oggi

Provincia di Genova - Presidenti

1997 2002 Marta Vincenzi L'Ulivo
2002 2007 Alessandro Repetto L'Ulivo
2007 2012 Alessandro Repetto La Margherita, poi PD
2012 2014 Piero Fossati (ex-vicecapogruppo DS in regione) Commissario straordinario

Sindaci di Genova

Giuseppe Pericu 1997 / 2002 PDS/DS
Marta Vincenzi 2007 / 2012 PD
Marco Doria 2012 / 2017 Indip. di sinistra (PD-IdV-SEL-FdS-PSI)
Marco Bucci 2017 / oggi Indip. di centro-destra (FI-LN-FdI-DI)

Danila R., Porto San Giorgio Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 15.08.18 23:01| 
 |
Rispondi al commento

Scandaloso: a "In Onda" sono stati forniti dati di un EBITDA di Autostrade per l'Italia pari al 6O % e con utili miliardari. La spesa per le manutenzioni è meno di 300 milioni !!! Che si aspetta a revocare le concessioni senza indennizzi e magari chiedendo i danni ?? Attenzione a chi nel Ministero ha fatto da "quinta colonna" agevolando pedaggi sempre più esosi e omettendo qualsiasi controllo. Un focus anche sugli Aeroporti, dove i privati hanno fatto il bello e cattivo tempo...

Rinaldo A., Roma Commentatore certificato 15.08.18 22:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Di Maio è Toninelli due sprovveduti.Leggete le carte prima di parlare.ora non è più tempo della propaganda.

Fatti e non parole 15.08.18 22:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ELEMORUTA SI RIPETE QUALE CASSANDRA.
Cadranno come birilli, ponte e dighe, viadotti e gallerie. La manutenzione sta sulla carta ed è fatta di carta, atti, documenti e firme specialmente di tenici ad un passo dalla pensione ETERNA.
Non stare tranquillo sulla tangenziale di Napoli e sulla Napoli Pompei. Rabbrividisci sulla Salerno Reggio Calabria. Il ponte della Tangenziale Est Ovest Napoli, sulla via Campana, già semidistrutto dall'incendio di una fabbrica di cassette in legno per l'imballaggio della frutta, preoccupa ma tanto.
Sulla carta e con la carta hanno manutentato, fiumi, lagni, ferrovie e linee elettriche ad alta tensione.
Questa gente, volevano fare pure le cenrali atomiche.... brividi su brividi....
Nazionalizzate e responsabilizzate questa è la strada maestra e fatela pagare .... a chi ha ordito e tradito contro la nazione. Andrebbero fucilati alle spalle ma haimè siamo gente cristiana. Ma almeno buttateli in una cella e saldate la serratura.

elemoruta 15.08.18 22:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Date sotto nessuna pietà x chi è colpevole .

rosaria marsano Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 15.08.18 22:41| 
 |
Rispondi al commento

Alcune osservazioni di Antonio Brencich, professore associato di Costruzioni in cemento armato all’Università di Genova.
>
https://bit.ly/2KVIUPg

Z 15.08.18 22:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La tragedia ci ricorda che NON si deve attribuire a privati la gestione del patrimonio pubblico !!

Rinaldo A., Roma Commentatore certificato 15.08.18 22:37| 
 |
Rispondi al commento

Giusta la procedura per la revoca della concessione alla società Autostrade se dicono di non sapere perché il ponte è caduto vuol dire che bene che sia non sono in grado di gestire le nostre autostrade.Comunque tutte le concessioni vanno revoca te se il concessionario non rispetta le regole. Compreso le Cave le spiagge e le televisioni

Antonio D., CARRARA Commentatore certificato 15.08.18 22:22| 
 |
Rispondi al commento

VOGLIAMO LO SCALPO DEI RESPONSABILI CRIMINALI ASSASSINI. TOGLIETEGLI ANCHE LE MUTANDE SE POTETE. DOVETE FARLO PER I MORTI INNOCENTI SACRIFICATI PER IL PROFITTO. ADESSO QUESTO PAESE VA RIVOLTATO COME UN CALZINO.

gianluigi f., pandino Commentatore certificato 15.08.18 22:20| 
 |
Rispondi al commento

Nella speranza che non accada mai piu'... Nel rispetto delle vittime e necessario far massima chiarezza per permettere alle famiglie di fare il proprio lutto..

Massimiliano Avitabile 15.08.18 22:10| 
 |
Rispondi al commento

se si toglie ila direzione delle autostrade ai benetton sembra ci siano delle penali da pagare.

ma questo in situazioni e momenti "normali". cioe' da un giorno all'altro una licenza viene revocata senza motivi importanti.
ma quando hanno firmato il contratto ci sara' una clausola che dice che i benetton "devono" farsi carico della manutenzione. per forza ci deve essere.

chiaro che questo caso dimostra che i benetton non hanno adempiuto ai loro doveri. quindi, possbilie che la revoca della licenza possa avvenire senza pagare penali.
se tu affidi un bene a un privato, bene su cui fa profitti, il privato dovra' anche farsi caricco della sua manutenzione. mi sembra lapalissiano. a meno che il contratto sia stato secretato proprio perche' mancano le clausole che possono creare problemi ai benetton.


per favore mettete in chiaro il contratto sulle autostrade, desecretatelo. vogliamo sapere.

carlo 15.08.18 22:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro DI MAIO un pizzico di responsabilità la vedo anche in chi non ha voluto ascoltare CONFINDUSTRIA
(Associazione poco simpatica al popolo comune) ma sempre stata contraria alla lobby delle autostrade
Già nel 2012 aveva denunciato la pericolosità dell'opera!

Perchè all'epoca i 5stelle presero per buone le "garanzie" della società autostrade ignorando totalmente tale denuncia???

Franco T., S.Vito Romano Commentatore certificato 15.08.18 21:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

essere Populisti vuol dire ascoltare la gente.....
essere Populisti vuol dire lavorare in favore della salute del popolo......
il cattivo esempio che abbiamo sempre avuto dalla vecchia politica Italiana, porta a queste drammatiche conseguenze....cose che possono accadere a chiunque, perche' probabilmente in pochi non sono passati negli anni su quel ponte...
quando si parla di cattiva politica, ci si riferisce proprio a questo......all'incuria verso il popolo, dando concessioni in cambio di favori e Euro, fregandosene di come verranno utilizzate queste concessioni........
ho ancora il ricordo di un cinema che andò a fuoco a Torino tantissimi anni fa....molta gente rimase intrappolata per scappare......nelle settimane successive, vennero introdotte per legge le "uscite di sicurezza"........
ora finalmente questo metodo politico "del dare/avere" è finalmente finito........
ci vorranno mesi, anni....ma vedremo la differenza tra la vecchia classe dirigente, che andrebbe ARRESTATA...e questo nuovo modo di "fare politica POPULISTA".........
e tutti quelle pseudo persone che ci insultano,
che insultano " i Populisti"... oggi dovrebbero vergognarsi di uscire di casa, dovrebbero vergognarsi di guardare negli occhi i loro figli......
VERGOGNATEVI!

fabio S., roma Commentatore certificato 15.08.18 21:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SI DOBBIAMO REVOCARE TUTTE LE CONCESSIONI AUTOSTRADALI AI BENETON ANCHE PERCHE' SI SONO DIMOSTRATI DEI GRANDI SFRUTTATORI!!!!

Gianni s. 15.08.18 21:33| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Luigi. Avanti tutta

scipione SCAPATI, CERVIGNANO DEL FRIULI Commentatore certificato 15.08.18 21:30| 
 |
Rispondi al commento

Putin, in un anno, ha costruito il ponte di Kerch, lungo 19 kilometri e l'ha inaugurato lui con 6 mesi di anticipo, guidando personalmente il primo di una colonna di autotreni
San Putin, salvaci tu,

Antoniò D., Carrara Commentatore certificato 15.08.18 21:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho appena sentito che la revoca sarà fatta solo per quel pezzo crollato. Ma è emergenza in tutta Italia. I ponti sono crollati ovunque e questi hanno pure la società in Lussemburgo.
Bisogna revocare la concessione IN TUTTA ITALIA!!!

Ingrid P. 15.08.18 21:17| 
 |
Rispondi al commento

I lobbisti maiali di società autostrade si stanno già preparando con i loro migliori avvocati. Scamperanno la galera anche questa volta? Spero di no. Vorrei tanto vedere quei maiali ed altri in galera ma mi ricordo anche che vivo in Italia e la P2 e le logge massoniche la fanno da padrona mentre la mafia li sorregge. Allora tifo Di Maio perché spero che sia il vero paladino della Giustizia.

Fabrizio Perrero 15.08.18 20:58| 
 |
Rispondi al commento

Grazie....
Gianpaolo Gamba

Gianpaolo Gamba 15.08.18 20:55| 
 |
Rispondi al commento

Dall'Euro non si può uscire perchè ci sarà un costo, la Tav si deve per forza fare perchè se non si farà ci sarà un costo, stasera ho sentito al tg la7 che le concessione dell'autostrade non si possono revocare perchè ci sarà un costo, su tutto questo ci sarà un cazzo di colpevole che ha messo il popolo italiano in queste trappole? Spero che questo governo sarà colpevole come i governi precedenti per aver restituito i beni e la sovranità ai cittadini italiani.

gennaro a., carrara Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 15.08.18 20:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il capitalismo finanziario, la chiama "obsolescenza programmata" ovverosia, le cose, non devono durare più di un tot di anni.
Ripetita juvant:
A Carrara, abbiamo i Ponti di Vara.
Costruiti attorno al 1870, per 100 anni, su questi ponti, passava il treno (si chiamava Marmifera) composto da una locomotiva a vapore ed una decina di vagoni.
La Marmifera, pesava 50 tonnellate, i 10 vagoni, pesano 10 tonnellate cadauno ed su ognuno di questi vagoni, ci caricavamo da 20 a 30 tonnellate di blocchi di marmo (totale 450/500 TONNELLATE)
Ah, dimenticavo, su questi ponti, passano ancora un centinaio di camion al giorno da 40/ 50 tonnellate l'uno.
Se volete, vi do l'indirizzo del costruttore.

Antoniò D., Carrara Commentatore certificato 15.08.18 20:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ennesima prova del corrierino della ser-v-a, con il loro porsi a 90° al... servizio della neo...famiglia Addams che ci sta facendo vedere..." tutti i coloracci del mondo...loro" per gli affarucci fatti con la casta politica italiana e supportati dall'infame stampa devota!

Adesso questo corrierino della serva si "preoccupa" della penala da pagare se il governo Conte vuole revocare la concessione delle Autostrade per l'Italia ad una famigliola... indigente, quando un giudice potrebbe condannare al risarcimento allo Stato il... doppio o triplo di questa penale, la Società se la riterrà colpevole di questa sciagura!

Roberto ., Roma Commentatore certificato 15.08.18 20:53| 
 |
Rispondi al commento

Fa bene al cuore sentire finalmente un politico al massimo livello parlare con contenuti così veritieri... Grazie!

Troll-400.001 15.08.18 20:42| 
 |
Rispondi al commento

I Benetton avevano comprato le autostrade dando alle banche come garanzia autostrade, 7.5 miliardi di euro ...un affare per Prodi ... con le Autostrade che incassano 4 miliardi di pedaggi annui ...
Nelle clausole della concessione una manino ha messo che hanno diritto a un indennizzo per il tempo che va dalla revoca della concessione alla scadenza della concessione
Siccome i governi precedenti gliel'hanno prorogata fino al 2038 il rimborso " in ogni caso " previsto dal contratto di concessione , sarebbe di 20 miliardi di euro ...
Ora come si fa a dare 20 miliardi di euro a chi e' oggettivamente colpevole di nn aver fatto la adeguata manutenzione al ponte Morandi e nn essersi accorti che il ponte sarebbe collassato, mentre tutti se ne erano accorti? Anche parlamentari di scelta civica che facevano le interrogazioni a Del Rio perché erano saltati i giunti al ponte ?

Queste clausole che danno il rimborso a chi poi e' responsabile in ultima analisi del crollo di un ponte che nn può essere una fatalità ... nn possono essere costituzionali
Perché la costituzione nn può garantire chi e' inadempiente e provoca queste tragedie annunciate

Alessio. Santi., Vernio Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 15.08.18 20:40| 
 |
Rispondi al commento

Autostrade altro affare bipartisan. Concessione governo D'Alema del 1999, proroga da 30 a 50 anni governo Berlusconi.
Italiani, lungimiranti, hanno posto fine a questa spartizione bipartisan lo scorso marzo. Scandaloso é il controllo della holding Lussemburgo con tasse pagate nel paradiso fiscale.
Scandaloso fu l'affare Telecom comprata a debito della stessa Telecom attraverso la Tecnost.
Il risultato è sotto gli occhi di tutti, infrastrutture obsolete e pericolose. É stato un saccheggio. Non é giusto che a pagarne le conseguenze siano l'Italia e i cittadini italiani.
I giornali sono armi di distrazione di massa utili solo a creare polveroni tipo quello sui vaccini di questi giorni. La loro funzione finisce lì, e non é poco.

Pantomima Rossa Commentatore certificato 15.08.18 20:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dove posso inviare un video che dimostra inequivocabilmente lo stato di degrado del ponte prima del crollo così da zittire tutti i bla bla bla?
Grazie


"Bah può darsi che si possa prevedere (in teoria). Ma non un collasso del genere. Che era un ponte "critico" lo si sapeva da decenni"


-------------------------------------------------------------------

lo stai dicendo tu stesso che aveav delle criticita', e che lo si sapeva addirittura da decenni.

stiamo parlando di un ponte alto 90 metri, sopra un quartiere e boh, iosperiamochemelacavo...

certo che se lo "controlli" a dieci metrri di distanza, non ci capisci niente o capisci molto poco, ma li' c'erano da fare carotaggi nel cemento per vedere com'era messo, e altri studi. la ruggine per le parti in acciaio e ferro, etcetc.

ripeto, non stiamo parlando di una cantina.

basta controllare e se sono da fare, bisogna fare i lavori che vanno fatti, senza paura o chissa' quale masturbazione mentale paranoide.

carlo 15.08.18 20:01| 
 |
Rispondi al commento

"Io spero che il maledetto crollo di questo ponte ci faccia riflettere e ci faccia uscire dall'oscurantismo culturale del 'secondo me si fa così'. Per esempio con la termografia possiamo determinare lo stato di salute di un muro senza neppure bucarlo, proprio come avviene con il corpo umano: si comincia col misurare le temperature delle sue varie parti" [...] "Io credo che la manutenzione non sia mai mancata. Quel ponte l'ho sempre visto sotto controllo. Ma Genova è una città fragile, divisa in due, ed è lunga 20 chilometri. Il ponte è stato sollecitato all'inverosimile".

Renzo Piano

Z 15.08.18 19:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un ferragosto tristissimo col pensiero rivolto alle tante persone che da ieri soffrono tutto il dolore che nessuna parola può descrivere, che nessun gesto può attenuare.
Un' occasione mestissima , ma unica per la Politica di dimostrare che questo è il Governo del vero cambiamento.
La città di Genova, la Liguria, l' Italia tutta meritano tutto il bene possibile, non tutto il male sinora fatto.
Alle parole vigorose di oggi seguiranno fatti vigorosi. E' la missione del Governo.
Non deve, non può essere diversamente.
Siete sinora magnifici !

Maria Luisa Vargiu, Cagliari Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 15.08.18 19:49| 
 |
Rispondi al commento

un terzo delle terre dell'olanda sono state strappate al mare del nord (che non e' tanto biondo) con delle dighe che non so da quanti anni sono li' a fare il loro lavoro, e noi stiamo qui' a lamentarci che abbiamo dei ponti da controllare.

carlo 15.08.18 19:49| 
 |
Rispondi al commento

l'ingengeria e' una scienza, non e' magia. non e' un iosperiamochemelacavo.

il fato lasciamolo al mago otelma.

carlo 15.08.18 19:38| 
 |
Rispondi al commento

Come dice Beppe nel suo post gli sciacalli sono dietro l'angolo, io dirò di più gli sciacalli sono quelli che stanno in mezzo a noi e sembrano persone oneste perchè gli è stato inculcato la cultura del berlusconismo, del Renzismo e piddino e non dimentichiamo mai i disastri che ci ha lasciato la prima repubblica in prima fila la Democrazia Cristiana.
Questa è stata la nostra cultura, prima il fascismo poi questa merda, adesso bisogna cambiare.

gennaro a., carrara Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 15.08.18 19:37| 
 |
Rispondi al commento

W DI MAIO

Mileto Riccardi, Bolzano Commentatore certificato 15.08.18 19:37| 
 |
Rispondi al commento

"Si, ok, ma col crollo non c'entrano un tubo: le manutanzioni le hanno fatte e nemmeno gesù bambino poteva prevedere un collasso del genere. Don't sciacall please!"

-------------------------------------------------------------------

chi te l'ha detta la cagata che non si puo' prevedere il cedimento di una infrastgruttura? che ad es un ponte, come in questo caso, ha delle criticita' ed e' a rischio cedimento?

da dove ti arriva questa notizia?

carlo 15.08.18 19:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La rete autostradale italiana è di 6.926 km.
Autostrade per l'Italia ha in concessione 3.000 km di autostrade,cioè la metà. Il resto è in mano a gruppi privati come Gavio e Toto... Benetton e Gavio si spartiscono il 70% della rete in regime di monopolio.
Le autostrade pubbliche sono poche. Quando il sistema è stato privatizzato, non c'è stato un riordino del settore, gli amici degli amici hanno preso il bottino e poi i vari Ministri come Delrio hanno allungato i tempi delle concessioni mentre i concessionari si arricchivano in modo spropositato senza nemmeno dare allo Stato quanto dovevano per i pedaggi o alle casse del Tesoro quanto dovevano pagare in tasse.
L'anno scorso la sola Autostrade per l'Italia ci ha ripreso al netto quasi 2 miliardi e mezzo.
Il controllo è in mano ai Benetton che non ci pagano nemmeno le tasse visto che si sono messi nel paradiso fiscale del Lussemburgo.
In cambio di questa cifra enorme danno strutture di basso livello e scarsa manutenzione in un Paese dove il 90% delle merci viaggia su strada ma si pensa solo alla Tav in Valsusa dove c'è già una ferrovia carica solo al 30%.
I Benetton appartengono a quelle lobby che sono sempre state pappa e ciccia coi governi di Berlusconi o del Pd, quelli che hanno hanno affidato lavori, servizi e forniture ai cari amici senza gare europee, spesso con contratti segreti, il che dà l'idea della sporcizia che ci sta sotto e che i cittadini non devono conoscere. Ovviamente, visto che i Benetton
Nel tempo i guadagni dei concessionari sono aumentati ma gli investimenti in manutenzione sono diminuiti, mentre sono spariti i casellanti e si è persa per strada la manutenzione. E i Ministro che dovevano controllare come Delrio non hanno controllato e hanno dilazionato di tre anni i tempi di scadenza delle concessioni 'aggratis.
A fronte di 2 miliardi e mezzo di profitti, nel 2017 si sono investiti 800 milioni di euro in manutenzione contro i 2 miliardi e 4 del periodo 2008-2015.

segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 15.08.18 19:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

le autostrade le abbiamo pagate noi e i nostri genitori, e ci guadagna un'azienda privata? e' uno scandalo. praticamente i cittadini italiani derubati di un loro bene alla luce del sole e senza dire una parola cui lucrano e fanno speculazione imprenditori chechicazzosonostiqui', autentiche piattole.

basta con 'sta roba.

carlo 15.08.18 19:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la rai fa schifo,da notizie false e manipolate, adesso l'AD può nominare i direttori di rete e di tg e lo deve fare subito, voi giocate pulito,ma loro stanno facendo solo mafia o così, oppure vendetela, ma vendere vuol dire che manco un cent pubblico si beccano,lavorano e se rendono prendono i soldi,altrimenti chiudono, basta farsi prendere per il culo,aprite gli armadi in rai che ne scoprirete delle belle

anna quercia, piancogno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 15.08.18 19:26| 
 |
Rispondi al commento

Devono pagare galera/denaro cominciando a toglire le concessioni e sequestrando preventivamente i patrimoni.

antonino p. Commentatore certificato 15.08.18 19:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vai Luigi.
Bene l'atto politico, istantaneo , inerente la revoca della concessione autostradale , con penale risarcitoria, con annessa costituzione della Presidenza del Consiglio, come parte civile nel futuro procedimento penale / amministrativo.

Facciamo capire a questo ladri parassiti , che non se ne può più.

Hanno avuto in dote la concessione autostradale , realizzata con i soldi di tutti gli Italiani , hanno lucrato privatamente su un bene pubblico ( perchè è questo l'unico fine delle privatizzazioni Italiane , vedi telecom , ecc ) e adesso ci dobbiamo riprendere per non MORIRE, una rete da rimodernare ,perchè questi luridi ladri non hanno fatto la dovuta manutenzione, perchè signori la manutenzione costa, e non coincide con il fine delle società che devono massimizzare ....i guadagni di poche lobby a svantaggio di tutti noi.

Volendo noi del M5S rappresentare il nuovo, con nuove idee, sarebbe auspicabile, che l'intera rete stradale e austostradale , venga nazionalizzata , con abbattimento di tutti i pedaggi. Il finanziamento della gestione e della manutenzione avverrebbe con il pagamento di un bollo di circolazione , che ogni auto, anche quelle non italiane o targhe dubbie..... , dovrebbero pagare per accedere e circolare sulla rete viaria Italiana.
Normale che il bollo , integra anche la celeberrima tassa di circolazione o di possesso .... odierna.

Renato Russo, Napoli Commentatore certificato 15.08.18 19:10| 
 |
Rispondi al commento

Conte ha stanziato €5 miliardi come emergenza x il ponte.
Dato che ogni 6/7 anni c'è un discreto terremoto, ditegli di ripristinare il fondo delle emergenze.
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 15.08.18 18:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ministro, mi perdoni: ma non sarebbe meglio aspettare la conclusione delle indagini della magistratura? La fretta è cattiva maestra.
Se vi interessa, Di Pietro è disposto ad aiutarvi, vista la sua esperienza. Vi consiglio di accettare. Le lascio il link dell'intervista e l'ipotesi di un ingegnere, che preferisce rimanere anonimo.
https://notizie.tiscali.it/cronaca/articoli/cavi-in-acciaio-hanno-ceduto-crollato-ponte-Morandi/
https://notizie.tiscali.it/cronaca/articoli/manutenzione-non-porta-voti/

Francesca O., francesca.ortu@tiscali.it Commentatore certificato 15.08.18 18:47| 
 |
Rispondi al commento

Dichiarazioni del Premier Conte sulle decisioni attuate nel CdM straordinaro, effettuato a Genova sul crollo del Ponte Morandi :


https://it-it.facebook.com/LuigiDiMaio/videos/2043022282630167/

Roberto ., Roma Commentatore certificato 15.08.18 18:44| 
 |
Rispondi al commento

Sara Sarli.
Cialtronate!
Il Pd ha governato per 30 anni la regione Liguria, le province e comuni come Genova senza mettere in sicurezza ponti, strade, torrenti ...
Dopo aver fatto più danni della guerra ora vogliono scaricare le colpe su Danilo Toninelli e sul M5S
Sciacalli!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 15.08.18 18:41| 
 |
Rispondi al commento

Vergognoso quanto scrive Repubblica a proposito di questa tragedia e preoccupante di quanti stolti "ripetitori" trovi sui social. La colpa di questa catastrofe sarebbe del M5S. Se non ci fossero vittime e dolore, ci sarebbe da ridere. Pur di difendere l'indifendibile spalano fango a piene mani sul Movimento, distorcendo e alterando i fatti! Basta con queste fake news! Allego un collegamento al sito di Autostrade che dimostra come i "no-gronda" non abbiano avuto voce in capitolo (https://www.autostrade.it/it/la-nostra-rete/piano-investimenti-interventi-in-corso/gronda-di-genova)

alessandro del grande Commentatore certificato 15.08.18 18:36| 
 |
Rispondi al commento

Daje Luigi, mena più forte che puoi, gli italiani sono con voi! Questi prenditori nostrani si fanno depredare dalle grandi banche d'affari internazionali (ma, probabilmente, loro sono solo dei prestanome), che gli collocano i bond e le azioni, gli fanno le "consulenze" su come depredare meglio, gli curano tutti i movimenti finanziari in cambio di esose provvigioni, poi tanto si rifanno con gli utenti e col popolo italiano tutto, che ha messo i capitali per costruire la rete autostradale, pagando politicanti e giornalisti corrotti. Ora la pacchia deve finire, forza Luigi!

Enzo Rossi 15.08.18 18:28| 
 |
Rispondi al commento

trasparenza sulle concessioni, è fondamentale!
il cemento armato ha una durata limitata nel tempo e dopo alcune decine di anni, se esposto a grosse sollecitazioni e ad agenti atmosferici, si degrada (carbonatazione) e può collassare. naturalmente la durata dipende molto dall'uso appropriato dei materiali (sezione tondini di ferro e qualità del calcestruzzo) nonché da una corretta progettazione della struttura. evidentemente il ponte di morandi di genova aveva delle pecche sulla progettazione tanto è vero che aveva bisogno di una continua manutenzione e monitoraggio, cose che alla luce di quanto è avvenuto non sono state fatte correttamente dal gestore.
spero che d'ora in avanti certe opere vengano fatte utilizzando solo acciaio, degradabile anch'esso ma in misura sensibilmente inferiore al cemento armato e molto più facilmente controllabile.
mi auguro che la magistratura accerti le responsabilità e che gli eventuali colpevoli vengano puniti severamente.

daniele p., cortona Commentatore certificato 15.08.18 18:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

lanzettaaldo@gmail.com finalmente tirate fuori Tutti i contratti segretati e fateci sapere tutto e i legami societari tra Autostrade Italia e altri industriali e TV e Gionalisti nomi e cognomi grazie

Aldo Lanzetta (pasena), Sarno Commentatore certificato 15.08.18 18:22| 
 |
Rispondi al commento

BENETTON LE TASSE LE PAGA IN LUSSEMBURGO
COMINCIAMO INTANTO COL NON DARE COMMISSIONI, LAVORI O APPALTI PUBBLICI A CHI LE TASSE LE PAGA FUORI DALL'ITALIA !!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 15.08.18 18:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Incredibili dichiarazioni che testimoniano quale sia la "preparazione"...scolastica del direttore Autostrade del Tronco genovese, Stefano Marigliani che...brancolando nel buio sulle cause del crollo ma per...pararsi quel qualcosa che sappiamo, l'ha sparata grossa dicendo di non escludere dalle cause del crollo del pilone del Ponte Morandi possa essere stato: "...un evento eccezionale di questo...fulmine"!

E' allucinate considerare che un fulmine, tra l'altro definito da questo espertone "... evento eccezionale" che nemmeno un bambino dell'asilo direbbe, possa far crollare un pilone considerando che la propagazione avviene su strutture "esterne" metalliche come p.e, le corde metalliche che sostengono i piani stradali ma queste esternazioni...dilettantistiche di questo direttore possono essere anche...una zappa che si è dato sui piedi, perchè c'è da chiedergli se questo Ponte Morandi aveva la...messa a terra delle strutture metalliche esterne e colpibili da un fulmine?

Roberto ., Roma Commentatore certificato 15.08.18 18:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ragazzi immagino sappiate che i giornaloni stanno ricamando sul M5S facendo gli sciacalli per coprire del Rio e autostrade.

Condividete il più possibile facciamo emergere l'ennesima "balla di regime"

https://www.youtube.com/watch?v=0g7rciExF2s.

grzie

Bruno C., Brescia Commentatore certificato 15.08.18 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Eh si! Negli ultimi 25 anni (guarda caso con l'ascesa in politica di un delinquente naturale) il giro era: Potere Economico > che comprava Potere Editoriale > che nascondeva Potere Politico (che usava anche le Mafie con trattative bilaterali sia nazionali che locali) in cambio di: non solo finanziamenti ai partiti ma soprattutto di ENORMI mazzette su conti bancari ESTERI, pagate per evitare controlli tecnici e fiscali!
ECCO perché all'improvviso spuntano soldi dal nulla per comprare VILLE milionarie!... Tanto per fare un esempio...

Dar T., dartes Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 15.08.18 18:12| 
 |
Rispondi al commento

E' una vergogna infinita!!!

Adelaide C., Crema Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 15.08.18 18:07| 
 |
Rispondi al commento

prova... prova.

maria s., ancona Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 15.08.18 18:05| 
 |
Rispondi al commento

Sono degli schifosi! Un regime antipopolare e fallimentare di ladri, ignoranti e meschini!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 15.08.18 18:00| 
 |
Rispondi al commento

... e sia Berlusconi e sia Renzi volevano costruire il Ponte sullo Stretto di Messina...


Se il contratto della concessione e' secretato, la prima cosa da fare e' metterne al corrente i cittadini e subito. Altra cosa e' ristatalizzare le autostrade se non cambia il criterio di gestione avuto in tempi remoti.
Gia' sarebbe doveroso capire dove e come sono impiegati i proventi della tassa di circolazione , visto lo stato di degrado delle strade comunali,provinciali e statali.

Francesco De Rita 15.08.18 17:55| 
 |
Rispondi al commento

Sono parole di fuoco giuste chi ha sbagliato chi ha lucrato deve pagare la legge deve tornare uguale per tutti.la galera sicura serve e risarcire quello che hanno rubato. Non mancheremo il supporto

Massimiliano conti 15.08.18 17:55| 
 |
Rispondi al commento

Siamo arrivati al nodo dove la forza del popolo dovrà misurarsi con il potere corrotto di una democrazia banditesca che da sempre fa gli interessi delle mafie e delle lobby che ormai da troppo tempo la rappresentano.
Io non ho dubbi perche ogni giorno che passa rende palese quello che hanno fatto i partiti e le forze politiche corrotte e colluse al nostro paese.
Ma abbiate fiducia perche questo "terremoto" una volta tracimato tutte le nefandezze che queste classi politiche ci hanno lasciato passerà e allora ricostruiremo tutti insieme il nostro paese per noi e per i nostri figli
A riveder le stelle

giancarlo ratti 15.08.18 17:51| 
 |
Rispondi al commento

....ottimo Luigi!....adesso non ci sono + i collusi e compiacenti Governi del Pd + o - L...finalmente col M5S al Governo la musica é cambiata...adesso sono i colpevoli Benetton a pagare (quelli dei dividendi miliardari e della manutenzione zero) insieme alla servile stampa di regime...hehehe...

Giovanni Invernizzi di Pontirolo 15.08.18 17:51| 
 |
Rispondi al commento

Oggi , dopo la tragedia di Genova, il M5S con Di Maio e Toninelli è chiamato ad un doveroso ed impegnatissimo compito: COMBATTERE CONTRO LE MAFIE POLITICHE ED IMPRENDITORIALI DI QUESTO PAESE che lo tengono stretto in una morsa fatale!!
Non è il solito slogan, ma un' amara e se vogliamo scontata costatazione che si ripresenta ogni qualvolta accade una tragedia.Se questo governo veramente riuscirà a sciogliere questi nodi, non ultimo anche quello di Ilva che è stata divorata da politici ed imprenditori farabutti, allora vorrà dire che il nostro voto è stato veramente di cambiamento!!Quindi un grande augurio di riuscire in questa titanica impresa .Solo così potremo onorare le vittime di queste immani tragedie e ridare all' Italia la dignità di un paese civile!!!!!!!!!!

Raffaele R., 70020 BITRITTO ( BA) Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 15.08.18 17:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

posto nuovamente perche ho messo il video dove non si vedeva il lampo e le due parti delle colonne cedere.

..ho individuato la posizione da dove ha filmato cioè da
una finestra di questo palazzo https://goo.gl/maps/RcmWtFkhzvq

dove si vede il tetto di Ansaldo verso la colonna https://goo.gl/maps/erqdxYzXQbp

dal quale si vede che la colonna centrale è stata l'ultima a cedere o la parte piu alta

è stata l'ultima a cedere poi i lampi chiamati fulmini mentre crolla non è altro

che i cavi della linea elettrica della ferrovia sotto che va in cortocircuito.

Perciò se la colonna centrale è stata l'ultima a cedere a me indica

uno dei tratti sospesi tra le colonne si è rotto sulla giuntura ed è caduto

sbilanciando la colonna che poi cede anche per poco cemento armato nel suo interno

da quello che vedo sui TG. Tirante che si è rotto improbabile !

Vedi qui la colonna o le due parti di essa che cedono per ultimo e la posizione da

dove filmava cioè una finestra del palazzo adiacente ad Ansaldo.

Il video della colonna che va giu
https://youtu.be/yRWoT4fnH7w


posizione di chi la filmava
https://goo.gl/maps/erqdxYzXQbp

Altra cosa che noto che sotto la colonna ci sono telecamere di sorveglianza perlomeno nel 2015

almeno che l'hanno tolte ci dovrebbe essere un filmato almeno della base:
https://goo.gl/maps/JZ2WLXN3cyP2

Qui altre due telecamere di cui una verso il ponte
https://goo.gl/maps/grBe8dBt3Km

John Buatti 15.08.18 17:46| 
 |
Rispondi al commento

Bene, è il Popolo che grida a gran voce "BASTA". Che questi signori siano associati a congregazioni "paramafiose" non deve essere uno "scudo" che riesca a renderli "intangibili". Bisogna abolire, costi quello che costi, ogni intangibilità a qualsivoglia livello. Nessuno dovrà più essere sicuro di riuscire a non pagare il fio dei suoi orrendi peccati. Bisogna eliminare qualsivoglia associazione che abbia il fine di proteggere il "malaffare". Solo distruggendo l'origine del male si potrà eliminare "il male". credo fermamente di essere nel giusto. Grazie, Pensoeragiono.

luigi dentico 15.08.18 17:40| 
 |
Rispondi al commento

Se la gestione e i ricavi dei pedaggi delle autostrade tornasse allo Stato, con gli enormi utili, sai quanti lavori stradali si potrebbero fare ogni anno! Ma e' mai possibile che gli automobilisti pagano tasse sui carburanti, bollo di circolazione, pedaggi e non debbano viaggiare in sicurezza? Ciao

undefined 15.08.18 17:40| 
 |
Rispondi al commento

_____

..ho individuato la posizione da dove ha filmato cioè da
una finestra di questo palazzo https://goo.gl/maps/RcmWtFkhzvq

dove si vede il tetto di Ansaldo verso la colonna https://goo.gl/maps/erqdxYzXQbp

dal quale si vede che la colonna centrale è stata l'ultima a cedere o la parte piu alta

è stata l'ultima a cedere poi i lampi chiamati fulmini mentre crolla non è altro

che i cavi della linea elettrica della ferrovia sotto che va in cortocircuito.

Perciò se la colonna centrale è stata l'ultima a cedere a me indica

uno dei tratti sospesi tra le colonne si è rotto sulla giuntura ed è caduto

sbilanciando la colonna che poi cede anche per poco cemento armato nel suo interno

da quello che vedo sui TG. Tirante che si è rotto improbabile !

Vedi qui la colonna o le due parti di essa che cedono per ultimo e la posizione da

dove filmava cioè una finestra del palazzo adiacente ad Ansaldo.

Il video della colonna che va giu
https://youtu.be/i6VdCw0ULRU


posizione di chi la filmava
https://goo.gl/maps/erqdxYzXQbp

Altra cosa che noto che sotto la colonna ci sono telecamere di sorveglianza perlomeno nel 2015

almeno che l'hanno tolte ci dovrebbe essere un filmato almeno della base:
https://goo.gl/maps/JZ2WLXN3cyP2

Qui altre due telecamere di cui una verso il ponte
https://goo.gl/maps/grBe8dBt3Km

John Buatti 15.08.18 17:40| 
 |
Rispondi al commento

Ora basta con le grandi opere costose e poco utili.
È giunto il tempo di ammodernare e revisionare le infrastrutture del nostro paese, rendendole sicure e confortevoli.
Subito Stop alla TAV, si usino quei soldi stanziati per aggiustare strade, ponti, gallerie, e scuole già esistenti.
La Tav può aspettare
Ci sono cose più urgenti da fare

Remo D., Atri Commentatore certificato 15.08.18 17:39| 
 |
Rispondi al commento

Ci vuole una faccia come il c...o ad andare a rivangare i comitati no gronda incolpandoli di quanto è successo oggi. Sotto quel ponte dove oggi c'è l'impianto dell'AMIU (gestione rifiuti), esisteva la squadra rialzo delle ferrovie dello stato dove venivano riparati i carri ferroviari. Mio marito ci ha lavorato dal 1972 al 1993, proprio lì sotto. Ricorda che già allora c'erano lavori di manutenzione perenne, non si riuscivano mai a finire, c'era sempre qualcosa che non andava, per non parlare di quanto cadeva da quell'altezza, addirittura una volta finì di sotto la punta di un martello pneumatico che forò il pavimento di un carro merci in manutenzione (pensate se fosse caduto sulla testa di chi lavorava là sotto). Poi si parlò della gronda, si fece un dibattito pubblico che avrebbe dovuto essere uno scambio di opinioni tra la cittadinanza e le istituzioni per valutare la soluzione migliore. Naturalmente dell'opinione dei cittadini non fregò nulla a nessuno, visto che tutto era già stato deciso sulle spalle di chi avrebbe perso la casa, subìto espropri di terreni, per non parlare dei problemi causati alla salute pubblica dovuti dall'amianto e dallo smarino. I cittadini forti di progetti presentati da persone competenti, proposero un tunnel sotto il Polcevera che però a detta di quelle grandi teste non si poteva fare! Il tunnel sotto la Manica si, ma sotto il Polcevera no!, Però contemporaneamente si parlava di sostituire la sopraelevata con un tunnel sottomarino. Giornalai e giornaloni piantatela di dire cazzate! Di Maio, Toninelli, portiamo avanti questa grande opera di pulizia delle segrete stanze. Ormai ci siete solo voi che potete salvare l'Italia.

Rosa Angela Romeo, Genova Commentatore certificato 15.08.18 17:26| 
 |
Rispondi al commento

Condivido l'analisi fatta.

Roberto Chicca 15.08.18 17:23| 
 |
Rispondi al commento

avanti tutta Luigi fate uscire nomi e cognomi dei colpevoli

patrizia v., cagliari Commentatore certificato 15.08.18 17:20| 
 |
Rispondi al commento

La storia si ripete;
Ogni volta che si presenta il problema,
È caduto l'autobus sull'autostrada per Avellino, 40 morti, le barriere non hanno retto l'urto, storia aperta in tribunale.
L'anno scorso mancava l'acqua a Roma, di nuovo discussione aperta sulla manutenzione e concessionario.
Adesso questa tragedia.
Per non dimenticare... Una seria rivisitazione delle convenzioni in concessione delle reti pubbliche, telefoniche, elettriche, idriche, energetiche, di trasporto, va fatta.


Mi chiedo, alla luce della tragedia e dell' incidente a Bologna: perchè i vari terroristi non usano le grandi infrastrutture per mettere in ginocchio qualsiasi stato occidentale?

Basterebbe minare senza problemi una diga, una stazione di trasformazione elettrica, metanodotti...; pensate cosa succederebbe d'inverno senza elettricità in una regione, migliaia di morti per il freddo! Non ci arrivano?
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 15.08.18 17:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non potrei non essre d'accordo. Pero' e' importante che Voi publichiate almeno sul blog i documenti di ogni atto che apre alla trasparenza. Senza dimenticare di far pagare il conto in mofo retroattivo.

Roberto Maccione Commentatore certificato 15.08.18 17:07| 
 |
Rispondi al commento

Avanti tutta!!! Qualcuno dovra' pagare!!!

Sandy***** S., Sandonaci Commentatore certificato 15.08.18 17:05| 
 |
Rispondi al commento

Coedoglio per le vittime che non ci sarebbero mai dovute essere nel 2018 in un paese come il nostro! Bene Ministro! Avanti così ❤️🙏

Pasquale Vassalluzzo, Battipaglia Commentatore certificato 15.08.18 17:03| 
 |
Rispondi al commento

LUIGI BEN DETTO
adesso mi aspetto che i contratti stipulati con i Benetton siano resi pubblici, che si facciano inchieste sulle mancanze degli accordi presi, che si facciano perizie sulle modalità di costruzione, che si indaghi su tutti i contratti stipulati con i privati e segretati. Il M5S non è ricattabile quindi può andare avanti senza tema. Tutti i gruppi di potere possono soffiare sul fuoco quanto vogliono ma la verità verrà fuori.

giovanni ., Roma Commentatore certificato 15.08.18 17:02| 
 |
Rispondi al commento

Andrà a finire come col Vajont. La colpa non è di Autostrade, per quanto siano detestabili i Benetton: è dei politici. Il ponte andava abbattuto già nei '90 ma nessuno se l'è sentita di assumersi la responsabilità. I morti erano messi in conto, ma non credo la magistratura potrà trovare colpe oggettive se non a carico di gente morta e sepolta da tempo.

Z 15.08.18 16:56| 
 |
Rispondi al commento

Si faccia tutto quello che si deve sul piano amministrativo e SI FACCIA IN FRETTA !! I procedimenti in sede civile e penale arriveranno con i tempi della giustizia . Avanti tutta !!

alesca 15.08.18 16:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il gravissimo crollo ha risparmiato fortunatamente per pochi metri, i palazzi costruiti sotto il Ponte Morandi ma, dalle ultime notizie, per l'aggravarsi della stabilità di quello che è rimasto in piedi, è stata allargata la fascia di sgombero delle persone di quei palazzi e si parla di demolirli. Io, però, mi chiedo come sia stato possibile autorizzare la costruzione di tutti quei palazzi e capannoni per attività lavorative sotto un ponte e non dico per un potenziale rischio crollo, ma solo per il potenziale rischio che, "ogni giorno", ci sia
un incidente che faccia precipitare dal ponte un qualsiasi mezzo pensando, soprattutto, ai mezzi che trasportano grandi carichi, sulle costruzioni sottostanti con le conseguenze del caso.

Auspico che si faccia una Legge molto più restrittiva in merito su dove si possono costruire case, capannoni per attività lavorative se sussistono oggettivi e potenziali pericoli sulla sicurezza non dimenticando che, in questa zona del crollo del Ponte Morandi a Genova, si è costruito vicino anche ad un torrente il Polcevera che oggi è in secca ma che, purtroppo, è spesso alluvionale e vedremo se l'inchiesta accerterà la possibilità che queste alluvioni possono aver minato la stabilità del pilone, molto vicino al letto del Polcevera, ed essere una delle cause del crollo.

Roberto ., Roma Commentatore certificato 15.08.18 16:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PER I POLITICI CORROTTI
NON ESISTE LA VERGOGNA

DICIAMOCELO,LA COLPA È SEMPRE DEGLI ALTRI.

È L'OPERATO ALTRUI, NON IL PROPRIO,CHE VA
CONDANNATO SENZA MEZZI TERMINI.

ORA, È COLPA DI QUESTO GOVERNO SE È CROLLA TO IL PONTE.

DICIAMOCELO PURE, IL PD DALL'ALTO DELLA SUA AUTOREFERENZIALITA'HA SEMPRE DA DIRE
LA SUA, FIGURIAMOCI IN QUESTO CASO !

POVERA ITALIA... SE NON CONTRASTIAMO DA SUBITO IL RENZISMO E IL BERLUSCONISMO SI RISCHIA DI VANIFICARE TUTTI GLI SFORZI E LE AZIONI CHE IL GOVERNO STA METTENDO IN ATTO .
MUOVIAMOCI IL PAESE NON PUÒ PIÙ ATTENDERE
Il CAMBIAMENTO E LO SVILUPPO .

Salvatore Cannatà (salvo niketeras), Mentana Commentatore certificato 15.08.18 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Io abito in Toscana ... abitualmente mi metto in viaggio in gallerie e viadotti autostradali che secondo me, da cittadino utente , sono veri e propri pericoli ...
Ma i tecnici gli ingegneri progettisti, i collaudatori della sicurezza, i politici che hanno competenze e devono decidere e controllare , che ci stanno a fare se si mette la vita dei cittadini e la loro stessa vita in pericolo?
Faccio solo tre esempi

1) la bretella Lucca Viareggio senza corsia di emergenza dove nel silenzio della politica e dei media sono morte decine di persone in questi anni ...

2) la nuova galleria della A1 in curva per 2/3 km , che va dal casello di Firenze Impruneta ( ex Casello Certosa)
senza corsia di emergenza ....
Se si ferma una macchina che succede con due camion in sorpasso ?
Io ho paura a farla con il camion e ora anche in auto ...
Ma che ci voleva a farla a due corsie e lasciare la terza per emergenza se si voleva risparmiare i soldi degli scavi per l'ampliamento ?

3) sempre sulla A1 andrebbe monitorato il tratto vecchio autostradale Calenzano Sasso Marconi l viadotti vecchi di anni e anni ... in località Castagnolo , comune di Castiglione da un viadotto cascano pezzi di cemento sulla statale sottostante... tutti sanno, tanto e' vero che ci sono le reti di protezione a fermare questi pezzi ... ma se piove e tira vento e casca il ponte, come a Genova, chi si assumerà la colpa ?

Alessio. Santi., Vernio Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 15.08.18 16:41| 
 |
Rispondi al commento

Questo è il governo del coraggio, di coloro che sono liberi e non ricattabili. Solo così può essere perguito l' interesse di tutti, soprattutto degli "ultimi". Avanti così, con coraggio e dedizione.

raffaella cioffi, cervinara (AV) Commentatore certificato 15.08.18 16:38| 
 |
Rispondi al commento

A quando la costruzione di nuove carceri?
Siamo tutti in fremente attesa di ospitare nuovi galeotti anche dai nomi altisonanti!

stefanodd 15.08.18 16:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Avanti tutta, è il buon senso che ce lo chiedo. È la memoria delle persone che ce lo chiede. È il senso di giustizia nei confronti dei miliardi delle nostre tasse con cui si sono costruite infrastrutture poi regalate ad una società privata. È il futuro dei nostri figli che ce lo impone.


Di Maio sono d'accordo in toto su quello che hai scritto e detto nelle varie interviste. Dopo questa tragedia cerchiamo di farla finita di adoperare il fioretto soppesare tutte le parole ma fare e dire a muso duro che ora ci deve essere una rivoluzione Copernicana e la gente vi ha votato perchè era stufa di questi politici collusi e rispondete anche a questi giornalisti genuflessi che non fanno più informazione basta vederli o ascoltarli nei TG. ma anche per esempio quando leggono e commentano i quotidiani.
Un altra cosa come questa mattina, leggo sul Fatto Quotidiano che lo Stato su alcuni contratti con privati e concessionari mettere il Segreto di Stato come la difesa della Patria (siamo una repubblica delle banane).
I Soldi Pubblici spesi debbono essere scritti in un libro APERTO E TRASPARENTE.
Ecco cosa voglio dal cambiamento e dai 5S e se la confindustria strilla e gli imprenditori si INCAzz..o vuol dire che siamo sulla strada giusta (certo prima con Monti Letta Renzi Gentiloni ma il migliore di tutti rimane Berlusconi e sarà insuperabile era tutto un pur parlè e una mano lava l'altra ecco perchè non si INCAzz....o).
E vi ricordate e avrete visto come me Berlusconi in una trasmissione da Vespa, ormai datata, con la cartina dell'Italia sottolineava tutti i lavori da fare e la grande opera del PONTE SULLO STRETTO.
Oggi viene da piangere perchè ridere non è di buon gusto perciò meno guanti bianchi e giù diretti.

FRANCO GIACOMUCCI, ANCONA Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 15.08.18 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Dopo decenni di polemiche l'Italia ottime l'Ok dell'Europa per il progetto Gronda, la serie di gallerie e tunnel per 50 km nell'entroterra genovese , che avrebbe dovuto spostare parte del traffico dal ponte Morandi su queste bretelle...
Costo stimato INIZIALE dell'opera 5 miliardi di euro

L'Italia con il pareggio di bilancio in costituzione e i vari vincoli di questa Europa nn ce li ha ...
Allora si propongono direttamente i concessionari per fare i lavori In cambio della proroga di 4 anni delle concessioni autostradali dal 2038 al 2042

Le norme europee sulla concorrenza prevedono la gara di appalto aperta ... ma l'Unione Europea da l'ok mettendo una serie di vincoli , fra cui che max il 20 per cento delle opere sia fatto in house, da imprese appartenenti al concessionario, pena una serie di sanzioni
Così dal 2014 si sono fatte una serie di accordi per derogare le norme comunitarie ...
Ultimamente il codice degli appalti ha alzato da 20 al 40 per
cento la quota di lavori da assegnare alle imprese del concessionario
Cosa deciderà il M5s ora al Governo dopo questa tragedia?
Come si fa ad assegnare la manutenzione delle gallerie a chi nn fa neanche la manutenzione dei viadotti ?
O la fa in modo insufficiente e/o tardivo?

Alessio. Santi., Vernio Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 15.08.18 16:29| 
 |
Rispondi al commento

Quando hanno tirato le monetine a CRAXI
perlopiù erano LEGHISTI
e i ladri si sono spaventati
che il popolo avrebbe prima o poi tagliato teste
e così se li sono comprati
ora tocca ai 5 stelle - ci riusciranno?

Mauro Magni 15.08.18 16:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve,

Alla luce della straziante tragedia del crollo del ponte a Genova a parte che la magistratura che ha il compito di indagare sulle responsabilità di chi doveva provvedere ad assicurare la manutenzione e il deterioramento dello stesso, è doveroso che chi aveva il vigilare sulle condizioni precarie del ponte, e disporre dell' eventuale chiusura per evitare la tragedia di ieri così come tutte le infrastrutture che con il passare del tempo, sono soggetti ad invecchiato e cedimento strutturali, la cosa che mi indigna maggiormente è quella di continuare a pagare sapendo che ancora oggi ci sono ponti, viadotti e quant'altro che sono ad alto rischio di crollo quindi si paga per percorrere gli stessi per morire??? È veramente allucinate che un paese come l' Italia nel 2018 si ritrova ad affrontare problematiche del genere quando chi ha il compito di mettere in sicurezza tali infrastruttura pensa solo ai propri interessi e se ne frega se chi viene coinvolto incolpevole in una tragedia cosii immane pagando sia con il danaro " pedaggio " ma sopratutto con la morte.
Auspico a questo governo di andare fino in fondo alla ricerca dei colpevoli, ma in particolare di vigilare sull' assegnazione della ricostruzione e della messa in sicurezza, applicando regole chiare e nel rispetto della legalità per evitare che chi si aggiudicherà l' appalto dei lavori faccia il lavoro senza scopo di lucro ed impedendo eventuali rischi di soggetti pronti a farsi corrompere pur di fare il lavoro solo per arricchirsi.

Conto sulla professionalità e il buon senso di questo nuovo governo

Saluti

Francesco Corrao 15.08.18 16:17| 
 |
Rispondi al commento

VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA

È PROPRIO VERO: L'ITALIA NON È DEL POPOLO ITALIANO MA DEI PRENDITORI DISONESTI E AFFARISTI .

RIAPPROPRIAMOCI DELLO STATO PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI E VIGILIAMO TUTTI SU OGNI COSA .

L'ITALIA HA BISOGNO DI UOMINI ONESTI E PER BENE NON DI POLITICANTI E PRENDITORI DEGENERATI .

Salvatore Cannatà (salvo niketeras), Mentana Commentatore certificato 15.08.18 16:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Leggo il commento della piddina morani:
"Crollo del ponte Morandi per il M5S è 'una favoletta'...
Mi è venuta voglia di dar fuoco alla sede di quei traditori, vigliacchi e schifosi.
RICORDO A QUELLE MERDE, che hanno governato Genova dal 1948 al 2017 ININTERROTTAMENTE (PCI, PDS, DS, PD) e QUASI ININTERROTTAMENTE la Regione Ligura!
Ricordo anche A QUELLE MERDE le interrogazioni parlamentari fatte 2016, col governo renzi, e cioè pd, bellamente ignorate... avevano altro a cui pensare.
piddini, buttatevi in mare, seppellitevi, andate affanculo, quello che volete ma CAZZO, CHIUDETE QUELLE FOGNE SCHIFOSE!!!

Anna M. 15.08.18 16:08| 
 |
Rispondi al commento

Fate molta attenzione, già oggi sta iniziando la disinformazione: riguardate il servizio appena passato su La7 e l'attacco al Movimento.
Se il post dei no Gronda era solo ospitato-su un blog riconducibile a passati esponenti del M5*-, non deve essere attribuito al Movimento!!!

antonella g. Commentatore certificato 15.08.18 16:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il gruppo Maletton Ed IL suo United colors of... Un messaggio subliminare per prepararti all'immigrazione di Massa.

Davide Strozzi 15.08.18 16:03| 
 |
Rispondi al commento

.... poi si scopre che c'era una gara da 20 milioni di euro per rifare la manutenzione al ponte ...
Il crollo ha dimostrato che si e' fatta o una manutenzione insufficiente o tardiva ...
Come si fa a lasciare le autostrade a chi ci ricava solo profitti privati e nn fa le adeguate manutenzioni e se le programma arriva in ritardo rispetto a tragedie annunciate
Con interrogazioni parlamentari a Del Rio gia nel 2015 e 2016 sui giunti che avevano ceduto?
Perché i Benetton nn hanno investito in sicurezza sul ponte Morandi ?
Possono considerarsi inadempienti da un punto di vista contrattuale ? COsa dicono i contratti delle concessioni autostradali ? Quali penali sono previste in questi casi di stragi con 39 morti e una trentina di dispersi sotto le macerie?

Alessio. Santi., Vernio Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 15.08.18 15:53| 
 |
Rispondi al commento

Si ora finalmente tirate fuori Tutti i documenti segretari e attaccateli tutti i giornalisti che li difendono I Benetton già In TV tipo La Sette Canale 5 Rai tre stanno facendo parlare Ingegniere che difendono I Benetton dicendo che I Fulmini la pioggia si devono vergognare tutti i Leccogiornalisti che ora sono a Capri a godersi i soldi che fanno loro Confindustria e Dite al Presidente Fico di non partecipare alle feste Del Pd perché il maiale Sallustri ha dato la colpa ai Grillini per il crollo del ponte

Aldo Lanzetta (pasena), Sarno Commentatore certificato 15.08.18 15:52| 
 |
Rispondi al commento

E da anni che mi solo che grido che per colpa dei governi truffaldini precedenti in Italia non c'è più sicurezza in nessun campo non è mai stata fatta manutenzione seria controlli seri i soldi se li sono mangiati adesso arriva il conto ne paghiamo le conseguenze

Guerino Caccia 15.08.18 15:51| 
 |
Rispondi al commento

Io vi ho votato e quindi spero che sia così

Matteo Gallo 15.08.18 15:49| 
 |
Rispondi al commento

Ma se nel 2012 la società autostrade con gli igegnwri e i dirigenti dichiarqva che il ponte Morandi sarebbe rimasto ponte per altri 100 anni, che cosa doveva dire i 5 stelle di Genova, se nn dirsi contrari a una bretella che a Monte di Genova tagliava con tunnel e gallerie le montagne con le società dei Benetton a fare i lavori e vedersi prorogati dal 2038 al 2042 le concessioni autostrali ?
La colpa e' dei 5 stelle o dei comitati che difendono o territori o di chi dovrebbe fare manutenzione ma nn garantisce poi nulla e nn la fa?
I ponti sono crollati perché il M5s gestiva la manutenzione di autostrade spa?

Alessio. Santi., Vernio Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 15.08.18 15:42| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno
Chi lavora rubando in modo spropositato
Mettendo a repentaglio la sicurezza dei cittadini italiani deve essere messo al cogna privandoli di tutte le proprietà a lui riconducibili o a persone vicine che hanno beneficiato di tale attività.
Forza sign.Ministro diamo un taglio netto anche a questi Privilegi nascosti.
Cordiali saluti
Francesco

Francesco Costantini 15.08.18 15:42| 
 |
Rispondi al commento

ot

"lo fai anche tu l'imprenditore così"

dice il cofondatore nel video che trovate al link sotto...

non è un problema di veneti o non veneti... bisogna rinazionalizzare... non solo autostrade

https://telegra.ph/lo-fai-anche-tu-limprenditore-cos%C3%AC-08-15

pabblo 15.08.18 15:40| 
 |
Rispondi al commento

La mia visione della tragedia è questa:
A) Il ponte non è stato costruito/progettato bene, altrimenti non servivano sempre le manutenzioni straordinarie.
B) I partiti che hanno governato non hanno avuto i coglio** di fermare la città e rifarlo. Sinceramente aver il coraggio di bloccare per rifarlo, per esempio x anni il raccordo di Bologna, costerebbe la mai più rielezione di un qualsiasi partito su scala nazionale.
C) La società Atlantia di Benetton al 30% http://www.atlantia.it/it/il-gruppo/azionariato , non ha avuto buoni tecnici, da quanto ne ho capito. Costava di più fare sempre le manutenzioni che rifarlo, il ponte, e Atlantia ha la concessione per 40 anni c.a.; se i tecnici capivano che il ponte stava collassando, avrebbero dovuto andare dai carabinieri, se Atlantia non voleva fermare il traffico, e sarebbe costato meno; per assurdo Atlantia avrà un assicurazione, ogni vittima, ogni mezzo, tutto costa e paga l'assicurazione, ma quando ti si macchia l'affidabilità costa di più; Atlantia avrà difficoltà nei nuovi investimenti e nella borsa.
D) Chi NON ha fatto la Gronda, ovvero i partiti all'opposizione;"Il crollo del ponte Morandi è una favoletta": lo diceva.... http://www.polisblog.it/post/399635/crollo-ponte-morandi-favoletta-m5s


Giusto che Giggino incolpi A,B e C, ma il NON fare è in concausa; ovvero D ha da domandarsi se dire sempre NO è la soluzione.
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 15.08.18 15:39| 
 |
Rispondi al commento

quel bastardo si è fatto l'aeroplanino gigante
e NOI paghiamo -abbiamo pagato e pagheremo

Quella MUMMIA BASTARDA mafiosa ha speso 600 MILIONI di EURO (non lirette ne scudicchi padani)

per fare il palazzo del G8 alla MADDALENA IN SARDEGNA
E noi paghiamo- abbiamo pagato e pagheremo
In pensione con 43 anni di contributi lavorativi.

Mauro Magni 15.08.18 15:36| 
 |
Rispondi al commento

Dove hanno portat i dividendi i Benetton ?
In sicurezza e manutenzione in Italia
O all'estero, in Patagonia o in Spagna per comprarsi le concessioni delle Autostrade spagnole ?

Alessio. Santi., Vernio Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 15.08.18 15:36| 
 |
Rispondi al commento

Persone giuste nei posti giusti vi faranno scoprire i vasi di pandora. A proposito di cose ingiuste, c 'è una "LEGGE AD PERSONAM" (decreto legislativo del 21 marzo che è stato varato da Gentiloni due giorni prima dell' insediamento del vostro governo che ancora non avete esaminato. Vorrei tanto sapere cosa ne pensate! Io la penso così :RIPRISTINO DELL'ARTICOLO 646 DEL CODICE PENALE. SUBITO!

Maurizio Rizzi 15.08.18 15:31| 
 |
Rispondi al commento

Se siamo arrivati a questo è perchè negli ultimi trentanni ci siamo creati la cultura della disonestà e del privato e personale, il contrario dell`onestà e beni comuni. Queste sono le conseguenze di tutti i mali del nostro paese, metterei nel conto anche il ponte perchè quel ponte non era un bene privato ma un bene che apparteneva a tutti gli italiani.

gennaro a., carrara Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 15.08.18 15:25| 
 |
Rispondi al commento

Crolla il ponte Morandi 36 morti
E' colpa dell'Europa che ci impone l'austerity

Non possiamo spendere per colpa della MERKEL
e intanto le colossali opere ITALIANE inutili vanno avanti Con quali soldi?
austerità dove fa comodo e sperpero di denaro pubblico dall'altro?
Italianissimi farabutti ci stanno spolpando da una vita ma E' colpa dell'Euro ....
E' meraviglioso

Mauro Magni 15.08.18 15:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OLTRE HA QUELLO CHE HA DETTO IL NOSTRO CARO E BUONO DI MAIO LA VERA COLPEVOLE E' L' AUSTERITÀ' E IL RIGORE DEI CONTI PUBBLICI I VINCOLI DEL PATTO DI STABILITA' INTERNO CHE HA VIETATO AI COMUNI OGNI SPESA - IL FISCAL COMPACT E IL PAREGGIO DI BILANCIO INSERITO PERSINO NELLA COSTITUZIONE

francesca Marcellino, roma Commentatore certificato 15.08.18 15:20| 
 |
Rispondi al commento


ot :)

"Benetton, the global Italian fashion brand, currently owns 2.2 million acres of land in Argentina, an area the size of Puerto Rico."

!an area the size of Puerto Rico!

che tradotto suona meglio:

"un'area delle dimensioni di Portorico." wow

tutto regolare eh..

http://www.coha.org/benetton-in-patagonia-the-oppression-of-mapuche-in-the-argentine-south/#_edn9

qui sotto cosa dice benetton...

http://www.benettongroup.com/it/media-press/comunicati-statements/posizione-benetton-riguardo-alcune-rivendicazioni-di-popolazioni-autoctone-argentine/

pabblo 15.08.18 15:20| 
 |
Rispondi al commento

BOICOTTIAMO I RESPONSABILI!

Luca Fini, Brescia Commentatore certificato 15.08.18 15:15| 
 |
Rispondi al commento

Il Bischero quando disse: "toglieremo il segreto di stato su molte malefatte.... si eccome no... vedi anche questa.
Contratti con gara pubblica ed finanche europea(perchè siamo in europa) segretati!
hahha: LADRI!
Solo LADRI di denaro pubblico con relativi aumenti annuali ingiustificati!
Ma dove erano i capaci in tutti questi anni?
Si nelle tasche di Beneton,Fiat,Alitalia,MPS,Etruria,Banche popolari,Società farmaceutiche e dulcis in fondo in CL e opere Pie!
Ultima organizzazione UNICEF...e io paga,e io dono!
Ma andate a fare in culo....LADRI,solo LADRI!

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 15.08.18 15:05| 
 |
Rispondi al commento

CONFLITTI DI INTERESSI GRANDI COME MONTAGNE.

GIUDICI CHE NON CONDANNANO MAI NESSUN COLLETTO BIANCO/IMPRENDITORE, PERCHÉ? FORSE SONO COLLUSI?

TONINELLI È VERO CHE RECENTEMENTE HAI RINNOVATO, SENZA APPALTO, LA CONCESSIONE DELL' AUTOSTRADA DEL BRENNERO PER UN NUMERO INFINITO DI ANNI? SONO CHIARE LE COMPETENZE, OPPURE GLI UTILI LI INTASCA IL GESTORE E LE SPESE GLI ITALIANI?

SE NON FATE UN PO' DI PULIZIA, NON ANDIAMO DA NESSUNA PARTE.

INFINE CI VUOLE UNA MARCIA IN PIÙ.

giuseppe belotti, ranica -bg- Commentatore certificato 15.08.18 15:03| 
 |
Rispondi al commento

Benetton o non Benetton, Gedi o non Gedi, FCA o non FCA, Cimmino o non Cimmino............. la Storia s'e' messa a correre.
Quando la Storia inizia a correre puo' travolgere tutto e tutti. Anche chi l'ha evocata e messa in moto.
Maximilien François Isidore Robespierre DOCET.
E a chi interessa ? Gli tagliarono la testa e la Storia prosegui' il suo cammino. Potrebbe capitare che qualche novello Robespierre si trovasse nella spiacevole situazione di essere , non ghigliottinato, tranquilli , ma di essere preso a calci nel sedere, questo si. E a chi interessa? La Storia quando si mette in moto tutto travolge e il muro di Berlino cade tutto in una notte.
Anche qui la Storia s'e' messa in moto e i Benetton che ci apprestiamo a travolgere sono un nulla , solo un piccolo mattoncino di una costruzione che nessuno puo' ora intravvedere nella sua grandezza. La Storia s'e' messa a correre, lo dico con affetto al ministro Tria , se non se la sente di dimetta ora. Oppure taccia ed esegua e quando non sa bene cosa scrivere nel DEF chieda consiglio al Professor Alberto Bagnai. Sono sicuro che quando in consiglio dei ministri dira': "Su consiglio del collega Prof.re Bagnai ho scritto nel DEF...... " , tutti annuiranno e tutto si approvera' in un minuto. Sara' piu' il tempo che impieghera' Giorgetti a scrivere il verbale che la discussione vera e propria. La storia insegna che in fase di discussione della tesi di laurea di un certo Enrico Fermi la commissione di laurea capi' poco o nulla di quanto esposto dal futuro premio Nobel. Prof. Tria non si scandalizza nessuno se lei non capira' quello che il Professor Alberto Bagnai scrivera' per lei nel DEF.
Se poi vuole andare la porta e' aperta , sempre quello che scrive Bagnai sara' approvato.
Come diceva Eduardo De Filippo : "Tu manda la gallina, io mi faccio il brodo vegetale".
Ubi maior minor cessat.
Tria decida per se stesso, decida per il suo meglio.
La Storia non aspetta lei , la Storia non aspetta nessuno. e' gia' tutto deciso.

Mileto Riccardi, Bolzano Commentatore certificato 15.08.18 15:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la magistratura in Italia si muove sempre dopo il popolo
E solo se ci sono riflettori accesi
In tutti gli altri casi prova a fare una causa
qualsiasi
si cercheranno tutti gli azzeccagarbugli per fartela perdere
così impari a disturbarli.

Mauro Magni 15.08.18 14:59| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno puo' dire a BENETTON che forse e' meglio continuare a fare i maglioni che gestire le autostrade.
Cosi come qualcuno puo" dire a Fabrizio Landi di continuare a fare medicine piuttosto che stare in finmeccanica.
Oppure qualcuno potrebbe dirci ,quando va' a votare,se e' CONSAPEVOLE di chi sta dietro a quel voto,chi lo finanza e il perche' entra in politica,con quali soldi e con quali fini.
La prova?
Cosa ci fanno persone sbagliate negli affari di stato?
Di chi erano le autostrade?
Di chi era Cassa depositi e prestiti o Banca italia o Tim ecc?
A quanto sono state cedute a PRIVATI?
Perche' fanno utili che si spartiscono gli azionisti e amministratori,e QUANDO ERANO NOSTRE andavano APPARENTEMENTE MALE,tanto da venderle in totalita' o parzialmente?
Chi ha votato coloro che fanno queste scelte?
In che anno SONO INIZIATE QUESTE PRIVATIZZAZZIONI?( 1982)
Chi le ha SDOGANATE?( Craxi- Berlusconi-Ochetto)
Quale partito fino al 4 Marzo ha fatto qualcosa per cambiare rotta?
Perche' sono state fatte?
Per ridurre il debito?
Si e' ridotto?
Dove sono finiti quei soldi?
Dove sono i soldi del gioco d'azzardo?
In 30 anni di Tav,come mai essa sta costando 8 volte il preventivo iniziale e perche' non e' ancora finita?
Con CHE PELO FANNO OPPOSIZIONE?
Con che pelo e PERCHE' ,AD OGGI,ANCORA QUALCUNO LI VOTA?
Chi li vota,e' in pasta?
Oppure sa' darci spiegazioni di DOVE SONO FINITI I SOLDI?
A questo punto,RIPRENDERSI I PUNTI CHIAVE D'INVESTIMENTO DEL PAESE ,e pagare tutti,una cifra moderata di tasse,non sarebbe piu' opportuno,mettendo CONTROLLI SEVERISSIMI E CONDIVISI AGLI AMMINISTRATORI E DELEGATI?
Perche' qualcuno si oppone?
Che interesse, da CITTADINO ,HA CHI SI OPPONE?
L'Italia siamo noi..noi ci teniamo al nostro paese.
Gente come Marchione,Monti ecc..hanno vissuto principalmente all'estero,vissuto e lavorato per Holding straniere che hanno interessi OPPOSTI al nostro paese,e chi li comanda,ha interesse ad INFILTRARLI per mettere una faccia CREDIBILE per CONTINUARE L'ESTORSIONE.

Luca Fini, Brescia Commentatore certificato 15.08.18 14:56| 
 |
Rispondi al commento

Le autostrade più care del mondo
fanno pagare il motociclo come fosse una macchina o camioncino
Neanche uno strozzino
è il loro guadagno e poi c'è la manutenzione.....

Mauro Magni 15.08.18 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Ecco perché c è tanto timore nei confronti del M5S, ma sono più pericolose le lobby o la voglia di trasparenza?

Giovanni . Commentatore certificato 15.08.18 14:54| 
 |
Rispondi al commento

Era ora. Ieri sera ho sentito che la banca Carige ha promosso una raccolta fondi. Per le stesse ragioni suesposte non credo sia serio affidare ad una banca salvata da Renzi e vicino al crack la raccolta fondi per questa catastrofe. L' ho gia segnalato anche a esponenti del governo in quota Lega. Non potete creare voi o dare affidamento voi a qualcuno di super partes e integerrimo di seguire la raccolta ? Credo che tanti come me vorrebbero aiutare ma, dati gli scandali terremotati, unicef etc vorrebbero essere sicuri che gli aiuti vadano a chi sono destinati. Spero in una risposta. Buon lavoro.


"Sono coperti dal segreto di Stato. Contratti di concessione che riguardano tutti, eppure mai pubblicati. Nonostante l’Authority dei Trasporti abbia più volte espresso chiaramente la necessità di renderli pubblici in un’ottica di maggiore trasparenza nei confronti degli utenti delle arterie autostradali del Paese. Sono i contratti di concessione delle autostrade. Che regolano il rapporto tra il concedente — in passato l’Anas, ora il ministero dei Trasporti guidato da Graziano Delrio — e i concessionari, tra cui Autostrade per l’Italia, il gruppo Gavio, il gruppo Toto solo per citarne alcuni. Dal 1° gennaio gli utenti stanno vedendo rincarare in media del 2,74% il conto al casello.
Comprensibile se almeno i cittadini fossero in grado di visionare questi piani con cui le società mettono nero su bianco gli investimenti sulla rete e quelli che hanno in programma di fare. Per fare un esempio l’Enac, l’Ente nazionale per l’aviazione civile, ha di recente pubblicato sul proprio sito gli atti concessori degli Aeroporti di Roma per chiarire i contenuti del rapporto tra l’ente vigilante e la società di gestione.

Al netto dei distinguo tra i vari sistemi di tariffazione e di remunerazione dei gestori in Francia tutti i contratti di concessione del settore autostradale sono stati pubblicati sul sito del ministero. In Italia la gran parte di queste concessioni è stata stipulata alla fine degli anni 90 e rinnovata tra il 2008 e il 2010. Quest’anno a trainare gli aumenti più significativi sono state soprattutto le pronunce giudiziarie arrivate a fronte di ricorsi della società contro il blocco degli aumenti disposti dal ministero dei Trasporti nel 2014. Il dicastero avrebbe voluto parametrarli soltanto all’inflazione, ma quei contratti sono molto «vincolanti». Pertanto è materia semplice per gli avvocati di parte portare avanti le ragioni delle Concessionarie. Ragioni segrete".

Da Il "Corriere Economìa".

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 15.08.18 14:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La famiglia Benetton deve pagare . E' ora che le famiglie capitalistiche italiane imparino a pagare.
Non dimentichiamo che siamo una grande forza, una forza non solo politica ma anche e soprattutto economica. Il destino degli altri e' nelle nostre mani.
SIAMO CONSUMATORI.
Prima che i Benetton delocalizzino li possiamo far chiudere quando vogliamo. Se Luciano Cimmino il padrone di Carpisa YamamaY ha secondo voi, da deputato del partito di Monti lavorato contro i pensionati, contro i piu' poveri, se ha aumentato la precarieta' e creato, con i suoi voti a favore del governo Monti-Fornero-Riccardi, gli esodati allora noi possiamo punire i Benetton e i Cimmino. E gli altri signori dell'industria e della finanza capiranno e si adegueranno.
Non compriamo piu' niente piu' in un negozio Benetton e in un negozio Carpisa e/o YamamaY.
Siamo consumatori, siamo una grande forza, abbiamo in mano il destino dei singoli e del Paese.
Altro che chiacchiere , educhiamo coloro che pensano solo ad arricchirsi nascondendosi dietro sigle e costruzioni societarie fatte come scatole cinesi.
Non dimentichiamo il vertice di Leonardo. Ieri Gianni DE Gennaro : 14 agosto 1948 (età 70 anni), Reggio Calabria .
PENSIONE. E' ora di pensionare costui , non dimentichiamo l'ex capo della polizia dei tempi del G7 di Genova Gianni di Gennaro.
Ieri ha compiuto 70anni a che eta' andra' in pensione ? Deve lasciare la presidenza di Leonardo. Di Maio sveglia. NON dormire. Come hai detto oggi in TV che non abbiamo preso soldi dai Benetton e quindi possiamo ritirargli la concessione , cosi' immagino non abbiamo preso soldi dal Leonardo e possiamo sfiduciare De Gennaro. O mi sbaglio?
Non intendo fondare il partito dei consumatori, sarebbe una cosa senza senso. Un partito nasce da esigenze e con modalita' diverse. Ma nemmeno possiamo disperdere, davanti a singoli casi, la nostra forza intrinseca che puo' annientare chiunque. Ancora non ho sentito una parola dalla famiglia Benetton, nemmeno di cordoglio. VERGOGNA

Mileto Riccardi, Bolzano Commentatore certificato 15.08.18 14:45| 
 |
Rispondi al commento

Bravissimi !è ora di finirla di usare i soldi pubblici per far fare i profitti ai privati!Benetton & Company a casa!

Lorenzo 15.08.18 14:42| 
 |
Rispondi al commento

In questo paese tutto o quasi è stato gestito in combine tra massoni, partiti,mafie e preti.Vi state infilando in un ginepraio di lobbies che guidano il pensiero degli Italiani sui giornali ed in televisione. Forza e coraggio! Se volete recuperare risorse considerate anche di eliminare l'esenzione ticket per gli over 65 che magari hanno una pensione inferiore al limite lordo annuale ma hanno in banca depositi, fondi e immobili a iosa. Non si prendano in considerazione solo i redditi da pensione o stipendio per regalare esenzioni-

donatella colombo 15.08.18 14:42| 
 |
Rispondi al commento

Ennesima prova delle infami connivenze tra una maleodorante casta politico-editoriale e il mondo imprenditoriale italiano!

Ormai non è possibile che anche la magistratura stia alla...finestra come troppo spesso è stata nel passato e spero che il ministro Bonafede attui tutti i suoi "democratici" poteri per intervenire non solo su questa sciagura ma a 360° e che una volta accertate responsabilità
politiche, ci sia una formale denuncia nelle sedi competenti per questo che ,imho, sembra essere l'ennesimo "alto tradimento" fatto al Popolo italiano da...diavoli con la maschera da... santarelli, per i loro squallidi intrallazzi politico-economici con...amichetti da foraggiare lautamente e che oggi, "tutti" loro, hanno sulla loro sporca coscienza la perdita di tante vite umane e le tragiche conseguenze per questo crollo.

Roberto ., Roma Commentatore certificato 15.08.18 14:37| 
 |
Rispondi al commento

E ancora paghiamo x IL PONTE DI MESSINA
grazie BERLUSCONI
E ancora paghiamo LA TAV?
qualcuno disse be perché non finirla? ormai
ORMAI??? imbecille pagala TU'
e come uno che si taglia le p...le e quando si accorge dell'assurdità si dice da se

be tagliati anche l'ucc..lo
Ormai. Poveri ITALIoti dimm..da.

Mauro Magni 15.08.18 14:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Purtroppo questa cricca ha un nome: si chiama MAFIA.
Ed è il motivo per cui in questo paese dal dopoguerra non si riesce a sviluppare e far crescere NULLA. Mettetevelo in testa! PARTITI - GIORNALI - REDAZIONI TG - SOCIETA' di COSTRUZIONI - APPALTI - ENTI PUBBLICI.......TUTTO.

TUTTO E' NELLE MANI DELLA MAFIA!!!!

Potete cercare i responsabili finché volete, ma chi COMANDA DAVVERO non è nei consigli di amministrazione e nemmeno a capo di partiti politici.....LORO sono SOLO ESECUTORI di ORDINI.

Forse faranno prima a scoprire la cura del cancro, mentre noi italiani saremo ancora alle prese con la metastasi mafiosa!

Dave 15.08.18 14:29| 
 |
Rispondi al commento

Mesi fa un ponte storto sulla MILANO - LECCO
ammazzò persone
Lo sapevano i gestori che quel cavalcavia era pericoloso....
nessuna fatalità -- nessuna fatalità
Cari giudici Italiani
Mi aspetto che i responsabili di stragi per incuria-malversazione-occultamento-dolo
MARCISCANO IN GALERA

Mauro Magni 15.08.18 14:23| 
 |
Rispondi al commento

Contratti di Autostrade secretati?!?! E da chi?
Chi secreta contratti che devono essere pubblici?

Per caso se uno fa una rapina in banca non si può sapere il nome perchè c'è la "privacy"?

E i girnali hanno la faccia tosta di dirci che in Italia c'è la Democrazia?

Bene, in questa "democrazia" se un poveraccio affamato ruba una scatoletta di tonno in un supermercato finisce in galera, se un milionario ruba milioni allo Stato finisce ai Servizi Sociali. (Sempre se lo beccano)
Questo tipo di "democrazia" mi fa schifo.

Vediamo di darci un taglio.

giorgio peruffo Commentatore certificato 15.08.18 14:17| 
 |
Rispondi al commento

idee per riqualificare genova? Con tutto quello che stiamo scoperchiando e la rivoluzione in atto hai bisogno che qualcuno ti d