Il Blog delle Stelle
Tutto quello che c'è da sapere sul Decreto Dignità che oggi arriva in Aula alla Camera

Tutto quello che c'è da sapere sul Decreto Dignità che oggi arriva in Aula alla Camera

Author di Luigi Di Maio
Dona
  • 113

di Luigi Di Maio

Oggi è un giorno molto importante per il Governo del cambiamento. Oggi arriva in aula il decreto dignità, il primo provvedimento economico di questo Governo. È un giorno importante anche per il Movimento 5 Stelle e per tutti quelli che ci hanno supportato in questi anni perché dentro il decreto dignità ci sono alcune delle nostre battaglie storiche: la lotta al precariato, la lotta all'azzardopatia, la lotta alle delocalizzazioni e la lotta alla burocrazia.

Finalmente tutti questi argomenti possiamo affrontarli come Governo e come maggioranza e dare il via a una nuova stagione per gli italiani. Finalmente l'aula della Camera che negli scorsi anni è stato teatro di tanti voti vergogna che abbiamo sempre e puntualmente denunciato perché era utilizzata per fare gli interessi di chi era al Governo e non dei cittadini (ricordate ad esempio i 7 miliardi alle banche), torna a occuparsi dei bisogni concreti delle persone. Quello che arriverà oggi alla Camera è un Decreto Dignità 2.0, perché è stato migliorato grazie agli emendamenti dei parlamentari delle commissioni riunite finanze e lavoro che ringrazio per il loro prezioso lavoro. Dei contenuti di questo decreto che restituisce dignità alle persone abbiamo già parlato tante volte.

Oggi vorrei solo sfatare alcuni falsi miti e vere e proprie bufale diffusi ad arte per screditare questo provvedimento. E allora rispondiamo a tutto a testa alta.

Numero uno: con il decreto dignità ci sarà' un calo dei posti di lavoro. Assolutamente no! È falso.
Le stime che sono girate nei giorni scorsi sono campate per aria. Per noi non hanno alcun fondamento. Come si fa a prevedere 8.000 posti di lavoro in meno nel 2027, come se in 10 anni le condizioni economiche non cambiassero. E infatti alla stessa conclusione è arrivato il ministro Tria e anche i tecnici della Camera. L’occupazione dipende dall’andamento dell’economia. Le norme creano o distruggono diritti, e quello che facciamo con il dl dignità è creare nuovi diritti, ma è il livello dei consumi che convince le imprese ad assumere o licenziare un lavoratore. Tante persone in queste anni sono state rinnovate decine di volte dalla stessa multinazionale o centro commerciale, da adesso se questi signori vogliono delle competenze che il lavoratore ha ormai acquisito dovrà dargli un contratto degno. Questo è sacrosanto.
Invece negli ultimi anni si era sancito il principio che uno dovesse rimanere precario a vita e quindi sempre meno persone si possono permettere di acquistare, di farsi una famiglia, di comprare una casa, un’auto. Le stime pessimistiche servono solo a spaventare le imprese e i lavoratori, ma sono fantascienza. Il decreto vuole fare una cosa sola: favorire il lavoro stabile rispetto a quello a termine. Perché pensiamo che chi ha un lavoro stabile possa anche programmare degli acquisti, e quindi possa contribuire a rilanciare l’economia. Di chi vi fidate? Di noi o di quelli che vi hanno distrutto la vita con il Jobs Act? O di quei media che vi avevano nascosto la verità sull’airforce renzi? Perchè sono quelli che stanno attaccando questo decreto.

Numero due. gli imprenditori non potranno assumere perché' i contratti sono più costosi. Anche questa è una bufala.
In realtà il decreto dignità prevede l’estensione dello sgravio per i contratti a tempo indeterminato per i giovani fino ai 35 anni di età fino al 2020. Sgravi che potenzieremo ulteriormente con la prossima legge di bilancio. Il contratto a tempo indeterminato sta diventando sempre più conveniente per le imprese e tornerà di moda, vedrete.

Numero tre. Ci sarà' caos nelle norme perché l'imprenditore ha già stipulato dei contratti a termine. Questo era un rischio e quindi abbiamo pensato anche a questo, naturalmente.
Il decreto conterrà una norma secondo cui chi ha già assunto a tempo determinato prima dell’entrata in vigore del decreto si regola secondo le norme precedenti, fino al 31 ottobre 2018. Evitiamo così alle imprese ogni tipo di caos o disagio.

Numero quattro. Il decreto dignità e' contro gli imprenditori. Questa è la balla più grande. No, nel modo più assoluto.
Anzi: il decreto dignità è il primo passo di un patto tra lavoro e impresa di cui l’Italia ha bisogno come il pane. Noi non facciamo altro che intervenire per limitare gli abusi sui contratti precari e diamo alle imprese tutti gli strumenti, anche economici, per passare a contratti più stabili. Per le imprese, poi, ci sono le novità sulle delocalizzazioni e la semplificazione. In pratica, le imprese che investono e rimangono in Italia le stiamo tutelando dalla concorrenza sleale di chi prende i soldi pubblici per comprare i macchinari e poi li porta in paesi dove il costo del lavoro è più basso.

Se tu multinazionale, prendi i soldi pubblici dello Stato Italiano, magari con quei soldi compri dei macchinari, e poi sposti tutto all’estero, e lasci i lavoratori italiani disoccupati, questo non ci sta bene. Devi restituire quei soldi fino all’ultimo centesimo e pagare anche una sanzione pari a 4 volte i soldi che hai preso.

Io con gli imprenditori ci parlo ogni giorno. Ci parlavo prima da deputato e a maggior ragione adesso da ministro. E gli imprenditori delle PMI che sono il cuore dell'impresa italiana mi dicono che vogliono essere lasciati in pace dalla burocrazia. E infatti per ora abbiamo disattivato sia lo spesometro che il redditometro, due adempimenti vecchi e inutili che ogni imprenditore conosce bene, purtroppo. E poi non dimentichiamo una categoria massacrata negli anni come le partite iva: a loro abbiamo tolto lo split payment.

Quando abbiamo pensato a questo decreto, abbiamo pensato anche ai vantaggi per gli imprenditori. Se il singolo imprenditore assume lavoratori precari pensa di avvantaggiarsene, ma se lo fanno tutti gli imprenditori crollano i consumi e migliaia di imprese sono costrette a ridurre la produzione o chiudere i battenti. Quelle che per anni hanno venduto agli imprenditori come grandi soluzioni per le imprese, non hanno fatto altro che creare un mercato di persone con lavori instabili che non si può permettere di acquistare niente o quasi niente. Cioè hanno fatto il contrario di quello che vuole un imprenditore. La precarietà è una sciagura non solo per il lavoratore, ma anche per l’intera economia, perché non permette di spendere quanto si potrebbe se solo si avesse un contratto stabile. A creare disoccupazione e sottoccupazione non è certo il decreto dignità, ma la precarietà selvaggia che stiamo combattendo.

Questo era tutto quello che dovevate sapere sul decreto dignità. oggi, come vi ho detto prima, cominciano le votazioni in aula. So che è estate e che molti di voi sono già in ferie, ma vi chiedo comunque di seguirci, di informarvi, di rimanere appassionati alla nostra azione per il cambiamento del paese. Oggi posiamo la prima pietra di una nuova Italia che mette al centro il cittadino e i suoi diritti. Io ne sono orgoglioso e altrettanto dovete esserlo voi, perché senza di voi nulla di tutto ciò sarebbe mai stato possibile. Ciao!



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

30 Lug 2018, 09:00 | Scrivi | Commenti (113) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 113


Tags: azzardopatia, burocrazia, Decreto Dignità, Decreto Dignità 2.0, delocalizzazione, governo del cambiamento, Luigi Di Maio, MoVimento 5 Stelle, precariato

Commenti

 

DOPO LA CAPRIOLA DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE LAZIO, CHE COSA SI FA? SI CONTINUA CON L'APPOGGIO PIU' O MENO MANIFESTO PER AVER OTTENUTO TRE PRESIDENZE DI COMMISSIONE?

Giovanni V., Rocca Priora Commentatore certificato 06.08.18 10:34| 
 |
Rispondi al commento

Al Ministro Di Maio e al Ministro Salvini.
Perchè avete messo il limite di età fino a 35 anni? Questa è una vera e propria discriminazione. Che fine faranno i giovani over 35 che hanno alle spalle già esperienze di lavoro a tempo determinato? Andranno tutti a casa visto che le aziende assumeranno "solo" gli ander 35.
Fate qualcosa anche per gli over 35 affinchè la loro gavetta non venga buttata al vento. Forse vi è sfuggito che intorno a questa fascia di età i giovani pensano di mettere su famiglia. Adesso con queste prospettive che speranza hanno? Tenete presente che quando dei ragazzi decidono di vivere insieme per forza di cosa devono acquistare ciò che serve per allestire un'abitazione; tutto questo non fa altro che creare benessere economico per tutti. Fa bene all'economia dell'Italia. Tutto questo con il vostro Decreto viene meno. Vi prego a nome di tanti giovani di 35 anni ed oltre di pensare anche a loro, alla loro formazione professionale e ai tanti sacrifici che hanno fatto per ritrovarsi adesso con un pugno di mosche in mano.

Natalia Lauriola 03.08.18 14:35| 
 |
Rispondi al commento

Salve, avrei bisogno che spiegaste bene il motivo per cui si è votato contro la reintroduzione dell'art.18. Molte persone non sanno i giochetti che avvengono in parlamento.
grazie

Arnaldo Firmani 02.08.18 09:27| 
 |
Rispondi al commento

Anche io sono deluso, moltissimo. Direi che ROtondi aveva ragione: anche M5S si pone sullo stesso piano degli altri, non c'è differenza. Non li voterò più. Addio.

Alberto Deveri 01.08.18 23:50| 
 |
Rispondi al commento

Ultima ora: i 5stelle votano contro l'emendamento che ripristina l'art.18.
Non riesco a capire il senso di questa decisione.
Sono molto deluso.

R. Magri 01.08.18 16:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A Beppe con Simpatia:
Approposito di DIGNITA;anche gli emigrati hanno una dignita da difendere e soprettutto la loro integrita fisica dalle aggressioni fisiche e verbali: una silente ma non troppo latente e strisciante politica razista si sta insinuando nella mentalita di una parte degli Italiani, fermiamola prima che sia tardi: cosa propone l'onorevole Matteo Salvini, cosa aspetta a esprimere esplicitamente una ferma condanna di tutti i fatti avvenuti di recente in questi giorni, perchè dobbiamo lascire che siano altri partiti a speculare ideologicamente quando in realta non hanno fatto niente di positivo quando ne avevano l'opportunita ed i mezzi per farlo.Non lascimo gettare discredito in maniera strumentale da chi dovrebbe tacere per buon gusto.
Con simpatia
Roberto

Roberto Masi Masi, Sesto Fiorentino (FI) Commentatore certificato 01.08.18 00:58| 
 |
Rispondi al commento

Chi ha paura del lupo cattivo?!!??

Settimo C. Commentatore certificato 31.07.18 13:28| 
 |
Rispondi al commento

Quello che sbagliare è la comunicazione. Si chiama decreto dignità no decreto occupazione. È ovvio che se si disincentivano i contratti a tempo determinato ci sarà un minor ricorso a quella forma contrattuale, tutto da vedere poi se il mercato di stabilizzerà in altro modo o se si perderanno posti di lavoro. Ma non è questo lo scopo del decreto, è stato pensato per ridare dignità ai lavoratori no per aumentarne o diminuirne il numero. Dignità significa condizioni di lavoro migliori e futuribili no occupazione in crescita o diminuzione. Dovete migliorare la comunicazione sennò la TV e i quotidiani vi mangiano

Andrea Gualtierotti 31.07.18 11:18| 
 |
Rispondi al commento

Sicuramente un buon inizio, complimenti. Sappiamo bene quanta strada abbiamo ancora da percorrere sui diritti del Lavoro dopo tre decenni di demolizione scientifica operata dai precedenti governi.
Ora, si dovrebbe iniziare a studiare come intervenire nel mondo tutto opacità e precarietà delle COOPERTATIVE, perché li si nascondono sfruttamento, elusione fiscale e, in alcuni casi anche crimine organizzato. Appalti e Subappalti sfruttati anche dalle grandi aziende che mostrano una facciata "falsamente etica" e poi appaltano lavori alle COOP di ogni colore con tutto quello che sta dietro... Disponibile a dare una mano per lo studio della materia.
Per ora in bocca al lupo!!!

Andrea Humel 31.07.18 10:45| 
 |
Rispondi al commento

A mia moglie è già stato comunicato che se passa il decreto di Maio da Gennaio è a casa. Quindi quando dici che non ci saranno perdite di posti di lavoro so che TU stai dicendo balle! Qual è la dignità di essere licenziati dopo due anni invece che 3? É un inutile spot pubblicitario a spese di chi lavora, cosa che tu non hai mai fatto. Per quanto riguarda spesometro e redditometro: non sono strumenti per combattere l'evasione fiscale? Con cosa li sostituite? Ah già nel paese dei balocchi far pagare le tasse toglie voti . Purtroppo ridurrete questo paese in macerie.


Come e' posdibile! Nei talk non ce mai un rappresentante dei LAVORATORI che possa dar voce alla parte debole. Lo scandalo e' la Rai. Riformatela subito!

Roberto Maccione Commentatore certificato 30.07.18 20:06| 
 |
Rispondi al commento

grande Di Maio,andate avanti,avete il nostro appoggio e arriverà la resa dei conti,il PD ormai non c'è più,e gli altri non esistono,dopo di voi il nulla,nessuno potrà mai fare un GOVERNO.

cosimo bulzis, ostuni Commentatore certificato 30.07.18 19:03| 
 |
Rispondi al commento

L'unica cosa che non riesco a capire è se nel bonus under 35 c'è ancora la clausola che impedisce, a chi è stato indeterminato almeno una volta nella vita lavorativa di accedervi, per ora è un mistero.

Lorenzo D., Treviso Commentatore certificato 30.07.18 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno
sono contenta di sapere che ,finalmente ho votato chi mi può rAppresentare al meglio al governo.Sono con lei On. Di Maio seguo il vs lavoro perchè auspico che presto tutto ciò che avete programmato ,venga concretizzato a favore degli italiani.Di tutti ,perchè tutti possano vivere una vita dignitosa ,e non lavorare per correre dietro a tutti pagamenti.
Buon lavoro e grazie per il vs impegno

Diana Trovò, ge Commentatore certificato 30.07.18 16:13| 
 |
Rispondi al commento

nuovo post.
Oggi non ci si risparmia!!

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 30.07.18 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Oggi si lavora, e si lavorerà per tutta l'estate, da precario come da cinque anni ad oggi. Tutto questo a 54 anni. Ma non è per questo che vi esorto di andare avanti e di portare fino in fondo la parita. Io Sono ormai abituato, ma non rassegnato. Fatelo per i ragazzi, che più ragazzi non sono, ma che continuano a chiamarli così, perché, altrimenti gli uomini vanno pagati come tali. Ha tutto il mio appoggio, come lo avete sempre avuto da quando ci siete, fin da quando non sapevo neanche chi era lei..... Andate avanti fino in fondo per dare un futuro ai nostri giovani, a voi che siete il nostro futuro, al quale, con molte scuse da parte mia, non abbiamo lasciato un compito facile. Avete tutto il mio appoggio, e fin da metto a mia disposizione la mia piccola esperienza, se lo vorrete. Buon lavoro, che sia proficuo.

Alberto C., Pescara Commentatore certificato 30.07.18 14:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I media e gli oppositori attaccano il Decreto Dignità vaticinando – come gli stregoni a corte - crollo dell’occupazione e perdite di posti di lavoro a iosa; si appellano alle cifre e alle statistiche, anche a quelle “autorevoli” di Tito Boeri (Presidente Inps parziale o imparziale?), che… danno proprio i numeri! Infatti paventano (anzi spaventano) 8.000 posti di lavoro in meno ogni anno (ovvero il 10% su 80.000) per 10 anni! Intanto va detto che questi calcoli sono stati già contraddetti dal Servizio Bilancio della Camera; poi non tengono in considerazione il fatto che, nel tempo, ci sono sempre degli imprevisti e delle variabili che intervengono a modificare il quadro generale della situazione. Personalmente penso che offendano anche la categoria degli imprenditori , pensati come valutatori del solo fattore “pecunia” o mero costo del lavoro, dunque non amerebbero davvero il Paese come dichiarano ai quattro venti, ma sarebbero scaltri e profittatori, disposti a lasciare – per un pugno di euro - i loro dipendenti in mezzo a una strada nell’incertezza, senza sapere dove andare, cosa fare, senza poter programmare nulla per la vita. Io penso, invece, che i “veri imprenditori”, se hanno il coraggio di rischiare in proprio per intraprendere un’attività, sono persone ottimiste, con il pensiero “positivo”, e sanno benissimo che la “forza lavoro” è la prima ricchezza di cui dispone la loro azienda e che va remunerata in modo giusto e dignitoso per entrambe le parti. In tal caso sono imprenditori che abbandonano un po’ di egoismo per far posto ad un sano altruismo che darà buoni frutti in campo sociale, economico, umano.

m.rita nucci Commentatore certificato 30.07.18 14:31| 
 |
Rispondi al commento

Leggo sul post
“Numero uno: con il decreto dignità ci sarà' un calo dei posti di lavoro Assolutamente no! È falso.”
Prevedere è difficile, specie il futuro.
Aspetterò per vedere se sei uno statista o no. Sono passati tanti presidenti del consiglio in Italia, sarà interessante vedere un presidente che è là per non fare niente, mentre i vice dovranno fare molto, e positivo; Andreotti poteva dire di tirare a campare senza problemi!
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 30.07.18 14:21| 
 |
Rispondi al commento

Molti politici "vecchia guardia", probabilmente, sono andati a cercare sul vocabolario cosa voglia dire "dignità". Di sicuro parola a loro sconosciuta.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 30.07.18 14:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se qualcuno mi legge, ho letto sul sole 24 ore la brouchure di arcelor per ilva taranto.
Mi chiedo arcelor vuole una cabina di regia per i controlli ambientali su ilva - dove sta il sano conflitto di interessi tra la pubblica amministrazione-arpac regione provincia etc - e privato che è tenuto ad operare nell'ambito della normativa.In italia abbiamo già avuto storie di controlli preventivamente annunciati e pilotati , vedasi inchieste sui rifiuti. . La salute prima , poi i soldi . su questo non si può cedere.

antonio de santis 30.07.18 13:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie Luigi, vi Sosteniamo da anni e non ci fermeremo ora che state risanato l' Italia dopo la catastrofe dei lobbisti e appecoriti dei politici al soldo delle multinazionali. W il M5S.

scipione SCAPATI, CERVIGNANO DEL FRIULI Commentatore certificato 30.07.18 13:56| 
 |
Rispondi al commento

Luigino.. guarda che minchiolini è ancora a piede libero.....pronto per direzione tg1 tanto caro al nano....o direzione tg1 o GALERA.....
APERTO REFERENDUM SUL BLOG.... VOTATE..

aniello r., milano Commentatore certificato 30.07.18 13:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per rilanciare i consumi interni e quindi favorire la creazione di nuovi posti di lavoro bisogna restituire fiducia agli italiani. E per far cio' prima di tutto dare uno stipendio adeguato ai lavoratori, pensioni dignitose, liberare posti di lavoro per le nuove generazioni modificando la legge Fornero. Si e' creata una situazione di pessimismo per il futuro tra la popolazione che frena i consumi interni. Un'altra problema sono le alte tariffe delle utenze (Energia, Acqua, ecc.) che falcidiano gli stipendi. Poi bisogna mettere mano alle tariffe dell'RCA Auto che sono oltre ogni limite rispetto ad altri Paesi.

Luciano C. 30.07.18 13:43| 
 |
Rispondi al commento

Di Maio in diretta dalla Camera per il Decreto Dignità:

https://it-it.facebook.com/LuigiDiMaio/videos/1831348596901678/

Roberto ., Roma Commentatore certificato 30.07.18 13:36| 
 |
Rispondi al commento

Grande Luigi!
Il percorso è lungo ma è già iniziato.
Tieni duro e ricorda i fonfamenti del
movimento.
Non fate come Dedalo.
La base. È tutto.

Angelo vitulano 30.07.18 13:35| 
 |
Rispondi al commento

Attiviamoci anche sui debiti ex equitalia , sulla proposta di eliminare i contenziosi con il pagamento del dieci per cento sotto i centomila euro . Milioni di persone attendono questa soluzione che rende la loro vita angosciante che li espone alla spada di Damocle di sequestri e pignoramenti per cifre che , pur essendo relativamente basse , sono fuori dalla portata di tanti ! Chi ha contenziosi oltre i ventimila euro rischia di vedersi portare via la casa o , più spesso , la casetta o altro . Gente che ha dovuto scegliere tra pagare il bollo auto o comprare la benzina per andare al lavoro , o mangiare , vittime di un fisco indifferente e stupido che non considera l'impoverimento delle ex masse lavoratrici che o non lavorano più , o sono sottopagate ! Il carico fiscale è addirittura superiore a quelli antecedenti , quando era possibile pagare gli innumerevoli balzelli che questo Stato impietoso ci impone !

vincenzo di giorgio 30.07.18 13:35| 
 |
Rispondi al commento

Luigi,per quanto mi riguarda a me non devi spiegare niente. l'unica cosa che posso dire ,è che prima del privato, sarei intervenuto sul pubblico impiego , dando un occhiata ai vari privilegi ,assunzioni raccomandate, ecc.

paolo b., ancona Commentatore certificato 30.07.18 13:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In merito all'incontro al Mise tra Di Maio, Arcelor Mittal, le varie associazioni e sindacati, vorrei chiedere ai cittadini
di Taranto se si sentono "degnamente" rappresentati dal loro primo cittadino che non ha voluto presenziare al tavolo al Mise, arrampicandosi sugli specchi con farneticanti affermazioni quando il vero motivo della sua mancata presenza è che avrebbe fatto la sua "brava" figura maleodorante per conto dei pidioti
che hanno gestito la gara dell'Ilva da sqaullidi inetti e che se ci saranno altre "magagne" sul bando di gara, Di Maio ha detto che porterà i documenti del bando di gara Ilva in Procura!

Credo che a Taranto saranno molti i cinema che proietteranno questo film con Albertone Sordi
con questo trailer...appropriato:

https://www.youtube.com/watch?v=_nqKIO1XsCw

Roberto ., Roma Commentatore certificato 30.07.18 13:29| 
 |
Rispondi al commento

Ferrovie dello Stato, nomine di Toninelli:Battisti AD e Castelli presidente. Due manager interni . Toninelli :"Alla faccia di chi ci accusava di voler occupare delle poltrone, ai primi due gradini abbiamo messo due eccellenti manager interni all’azienda".
caro Toninelli : ‘A lavà a capa ‘o ciuccio se perde l’aqua e ‘o sapone !! Che pensi che riconosceranno la loro mala fede ? la loro faziosità ? la loro difesa dei privilegiati , raccomandati , parenti , amici e mafi.... ?? Vedrai che troveranno una pagliuzza a cui appigliarsi , e se proprio non c'è ,se la inventeranno . Fanno questo da che esiste il M5S . Gli zerbini di renzusconi combatteranno fino all'ultima tangente , all'ultimo voto di scambio , dopodichè proveranno tutti in massa a diventare 5S da bravi venduti.

ciro r., napoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 30.07.18 13:21| 
 |
Rispondi al commento

Non vi era nessun dubbio sulle cose buone che state facendo e che continuerete a fare.
Bravissimi.
È il caso che queste cose che si dicono nel blog si divulghino anche alla tv

Gianluigi D'uva, San polo matese Commentatore certificato 30.07.18 12:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se per governare devo essere complice di fascisti, razzisti, e leghisti non ci sto....addio

giuseppe mugo 30.07.18 12:47| 
 |
Rispondi al commento

Queste le dichiarazioni di Di Maio dopo l'incontro avvenuto per l'Ilva:

https://it-it.facebook.com/LuigiDiMaio/videos/1831260996910438/

Roberto ., Roma Commentatore certificato 30.07.18 12:45| 
 |
Rispondi al commento

soltanto gli stolti abbeverati dai media e i detrattori professionisti non colgono o non vogliono cgliere l'importanza del decreto.
Mettiamocela tutta e non curiamoci di loro, guardiamo e passiamo.

mzee.carlo 30.07.18 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Riforma Pensioni, iniziamo con il privato , poi in una seconda fase estendiamo al pubblico.in questo modo l'impatto è graduale

Sandro Colella, Roma Commentatore certificato 30.07.18 12:29| 
 |
Rispondi al commento

Bravissimi!!!

Paolo V 30.07.18 12:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SE SI POTESSE RESTITUIRE L'ART. 18 DELLO STATUTO DEI LAVORATORI

francesca Marcellino, roma Commentatore certificato 30.07.18 12:19| 
 |
Rispondi al commento

Decreto dignità per giustissimo! dato che i governi precedenti ce l'hanno levata la dignità.. avanti così Ministro Di Maio per fortuna chi crede ancora alla piccola opposizione è una piccola minoranza

Cristian 30.07.18 12:15| 
 |
Rispondi al commento

Di Maio avrebbe accettato un eventuale referendum in Piemonte per dire un definitivo SI o NO al Tav.
Detto che sono assolutamente favorevole alla decisione diretta dei cittadini vorrei chiedere al Chiampa perché mai non ci fecero votare nei giorni della decisione. Oggi servirà per spiegare a tutti le ragioni di un NO ad una spesa folle e inutile!

Giovanni Baroso, Torino Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 30.07.18 11:56| 
 |
Rispondi al commento

per tornare al discorso di prima, abbiamo avuto un ministro che affermava che le donne sulla loro fortuna ci si siedono sopra, e un ministro dell'economia che diceva che con la cultura non si mangia.

un esponente di livello di un partito, oggi ministro, che cantava vesuvio lavali col fuoco.

non siamo messi bene, hanno rotto il vaso di pandora e la merdazza straborda senza ritegno.

carlo 30.07.18 11:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dal momento che il buon Governo ce l'ho permette diamo speditamente il via al cambiamento. Il cittadino avendo l'opportunità di leggere le cose che gli riguardano, non deve restare disinformato. Affettuosamente ricevetevi l'abbraccio di chi vi vuol bene.

vincenzo tuccio (vtuccio) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau 30.07.18 11:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da quello che ho capito, dopo tutte le TV che possiede, il Caimano, sta facendo ricatti sulle nomine alla RAI, per aver una rete insieme al suo compagno di merende di Rignano. Dopo la militaresca occupazione delle TV da parte del precedente Governo, adesso si grida allo scandalo. Non cedete di un millimetro, e se in qualche modo dovessero averla vinta, un minuto dopo la legge sul conflitto di interessi ma veramente fatta come si deve. Buon lavoro.

Guerriero G. 30.07.18 11:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OT sul discorso c'era piu' rispetto delle istituzioni una volta (discorso che considero importante per capire meglio i tempi particolarmente gravi di oggi):

"Dagli anni 70 ne ho viste di tutti i colori dalla corruzione...legalizzata, spartizione tacita tra le varie aziende delle gare pubbliche statali dove le allora poche Aziende ovviamente con "lealtà" non si facevano la guerra, pranzi, cene e colazioni ad orde di funzionari statali, liste di regalucci natalizi con lingottini d'oro, impianti stereo e...bustarelle a go go......etcetc......."

--------------------------------------------------------------------

non voglio dire che una volta si stava nel paese dei campanelli, ma che oggi stiamo vivendo un momento di degradazione delle istituzioni gravissimo.

lo dimostra ad esempio il parlamento:

una volta c'erano i vari andreotti e cossiga, senz'altro, ma oggi, oltre ad esserci tenuti gli andreotti e cossiga, quelli sono rimasti, si sono aggiunti corrotti, nani, ballerine, incapaci dichiarati, rei confessi etcetc.

berlusconi ad esempio in una passata tornata elettorale fece eleggere come senatore uno come ciarrapico, condannato addirittura per sfruttamento del lavoro minorile.

c'e' gente nel parlamento attuale che fa schifo alla madre. gente cosi' una volta non entrava neanche nel bar del parlamento.

tornando a berlusconi, nella sua azienda vuole manager capaci, genrte che sa fare il suo mestiere. il parlamento italiano lo ha veramente riempito di robazza.
un autentico sfregio delle istituzioni che una volta non sarebbe mai passato.

gli argini della decenza si sono rotti anche nella vita sociale, dove ai vizi passati si sono aggiunti la spudoratezza e la mancanza di un minimo di pudore. un vero e proprio attacco alla diligenza, spesso addirittura istituzionalizzato.

mi sembra inutile stare a dire che pero' una volta c'era questo o quello ed elencare robazza. c'erano, ma mai cosi' radicati e impuniti e cosi' senza un minimo di pudore come oggi.

carlo 30.07.18 11:48| 
 |
Rispondi al commento

Avanti ragazzi senza mollare di un centimetro su tutto.
P.S. bisogna cominciare a fare pulizia.
Grazie

Stefano 30.07.18 11:43| 
 |
Rispondi al commento

_____


Per chi è bloccato all'aeroporto Internazionale di Rodi Grecia chiama
dall'Estero +39 06 98956666 o sede di Milano +39 02 5858 7119 o sede di Roma +39 06 655081
I you are stuck in Rhodes International Airport bound for Italy call the airline on +39 06 98956666 or Milan branch +39 02 5858 7119 or Rome branch +39 06 655081
https://www.blue-panorama.com/main
___
https://www.blue-panorama.com/faq
Nel caso di ritardi prolungati, cancellazioni non comunicate con preavviso, overbooking o negato imbarco, il passeggero potrà avanzare reclami inviando una formale richiesta scritta a mezzo posta alla sede del vettore (Blue Panorama Airlines S.p.A. Viale delle Arti, 123 – 00054 Fiumicino Roma). Sarà necessario allegare la carta d’imbarco e la conferma di prenotazione, onde consentire al vettore stesso le necessarie verifiche in ordine alle cause originanti il disservizio. Qualora ne ricorrano i presupposti, verrà riconosciuto l’indennizzo già pre-determinato in misura fissa dal Regolamento UE n. 261/2004.
https://goo.gl/maps/pC1ksX6V7B62

John Buatti 30.07.18 11:38| 
 |
Rispondi al commento

Forza ragazzi!!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 30.07.18 11:31| 
 |
Rispondi al commento

Forza Movimento! Forza Di Maio! Forza Conte!
In questi giorni dobbiamo stabilizzare e rendere forte un Governo che durerà e farà tante cose essenziali per il nostro Belpaese! Vi abbraccio tutti per questo immane impegno contro i distruttori della democrazia e i traditori della patria.

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 30.07.18 11:15| 
 |
Rispondi al commento

Dal sito di Repubblica
Migranti, Mattarella: "Sono i nuovi schiavi,
disperati e sfruttati. Non si può guardare altrove"

Signor Presidente con tutto il rispetto il popolo sovrano il 4 marzo ha deciso diversamente. Anzi le diro' che voltarci verso la Spagna e affidare il problema al compagno Sanchez e alla sindaca Colao e' la miglior soluzione possibile. Gli elettori dic M5S e lega cosi' hanno deciso. Il problema con un voto democratico e' stato cosi' deciso.
Non deroghiamo ne' concediamo nulla alla via maestra imboccata. Spero vivamente che gli operai dell'Ilva conservino il posto, spero gli diano pure un aumento, che si risolva per il meglio la TAV il TAP e pure l'Alitalia, ma veda Presidente questi sono argomenti secondari.
Ognuno di questi, a cominciare dal problema dei clandestini, ci servono come grimaldelli per scassare e corrodere dall'interno questa Europa che non ci piace. Scassata La UE l'euro seguira'.
Lei non sara' d'accordo e ha le sue idee e le sie prerogative che nessuno le nega di esercitare. Ma dopo il "palo in faccia" di Cottarelli io ci andrei cauto. Tria e' avviato alla sudditanza o alle dimissioni. Bagnai lo aspetta in commissione egli riscrive la legge di bilancio come piu' ci aggrada. Tria non ha un partito ne' una corrente , non ha nemmeno il suo voto, visto che non e' parlamentare. Lei Signor Presidente cosa fa? Non firma e ci porta all'esercizio provvisorio? Ma e' una fortuna per noi, che sapremo ben cavalcare questa fase che vedrebbe il LEI il referente politico dei poteri forti , delle elite, di Bruxelles? Vuole "recitare" questa parte ? Puo' anche mettere Monti al MEF dopo le dimissioni di Tria, sara' tutto grasso che cola per noi sovranisti.
Signor Presidente non si opponga alla storia che ha virato. Non ricorda Fanfani che fine fece con il referendum sul divorzio per non aver capito che vento tirava ? La politica arriva sempre in ritardo, per una volta che Salvini e Di Maio hanno capito il popolo cosa vuole Lei che fa? Si oppone?

Antonio G., Napoli Commentatore certificato 30.07.18 11:02| 
 |
Rispondi al commento

Condivido il pensiero di viviana vivarelli (o chi per lei): più ascolto il 1° Ministro il dr. Conte e più mi piace...un vero Signore così diverso dalla sterpaglie indegna che l'ha preceduto...evviva il Mov. 5 Stelle!!!

Antonio Melis 30.07.18 10:58| 
 |
Rispondi al commento

Luigino...un grande buongiornooo!!!
Grandissimo orgoglio e oggi sarà una giornata piena di entusiasmanti novità è che perciò saranno moltissimi a fare brutte facce sul travolgente "cambiamento" che investirà l'Italia...

rolando c. Commentatore certificato 30.07.18 10:58| 
 |
Rispondi al commento

Gentili Di Maio e Salvini,
se possibile, cercate di applicare da gennaio 2019 la quota 41 o massimo 42, perché ci sono milioni di elettori che da troppo tempo stanno aspettando...!
Un cordiale saluto.

Matteo Segafreddo 30.07.18 10:55| 
 |
Rispondi al commento

Benissimo, Ministro Di Maio. Speravo solo che l'articolo riguardante l'azzardopatia entrasse in vigore più presto. Ma capisco che ci sono tempi tecnici e contratti in essere che hanno bisogno di tempo per essere rivisti o cancellati.
Vorrei vedere i centri dell'impiego ristrutturati, finalmente capaci di fare corsi di riqualificazione dei disoccupati. Io ci spero.

Gioacchino Palazzo 30.07.18 10:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

bellissimo ma la cosa che mi fa proprio incavolare è perchè mettete sempre i limiti di età come under 35 ma perchè chi è over 35 ad esempio chi ha 36, 37, 38, 42, 50,... sono da buttare? da dimenticare? queste leggi che mettono limiti di età è proprio discriminzazione.

davide m., adrano Commentatore certificato 30.07.18 10:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Molto bene, speriamo che venga il approva prima possibile, andiamo avanti con gli altri provvedimenti.

Saluti

Francesco Corrao 30.07.18 10:27| 
 |
Rispondi al commento

Due parole sul gioco d'azzardo, no?

Remigio Del Grosso 30.07.18 10:24| 
 |
Rispondi al commento

Importare è crederci ed andare avanti...BRAVI TUTTI..... IGNORIAMO QUELLI CHE CERCANO DI SCREDITARVI...

Severina Masia , Tissi Sassari Commentatore certificato 30.07.18 10:13| 
 |
Rispondi al commento

Mentre in Italia, grazie a Luigi, c'è il decreto Dignità, in...Vaticano la dignità viene sempre meno perchè...meglio ridere che piangere, con tutti gli insegnamenti sul nostro prossimo e l'attenzione che la Chiesa ci chiede di fare sui gravi problemi che affliggono l'umanità, c'è il Cardinale Sepe che a Dimaro, nel ritiro del Napoli Calcio ha detto:

" CR7? Ma quale Cristiano, i veri cattolici siamo noi del...Napoli!" aggiungendo: " Chi non salta, juventino è "!

Roberto ., Roma Commentatore certificato 30.07.18 10:11| 
 |
Rispondi al commento

gentiloni l'ultimo dei piddini..ex aequo con orlando.... fa pronostici sulla durata del governo....il pd è pieno di profeti....
fassino- docet

aniello r., milano Commentatore certificato 30.07.18 10:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CONTE: più lo conosco, più mi piace.

L'Ue continua a ignorare la questione immigrati.
Contro le richieste dell'Italia, la Commissione europea propone di darci 6.000 euro a immigrato a ogni richiesta d'asilo accolta. Un escamotage per lavarsene le mani e rilasciare il peso degli sbarchi tutto all'Italia.
Bellissima la risposta del premier Conte:
"Non è mai stata fatta una questione di soldi. La solidarietà europea non ha prezzo. Non è una logica corretta".
Nobile e fiero.
Scrive Veronica Gentile (IFQ): "L'Unione europea sembra proprio non arrivarci: continua a trattare i singoli Stati con le loro esigenze pratiche, culturali, gestionali come se fossero mignotte da mettere a tacere a suon di quattrini".

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.07.18 10:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La vera DIGNITA' si crea con il lavoro, cosa che non esiste più in Italia. I sindaci esistono solo per prendersi gli stipendi, rubare e per tornaconti vari personali, lo stesso dicasi per i consiglieri regionali e i parlamentari. Lo stato è assente o meglio lo è solo per garantire gli stipendi ai politici, tutto viene scaricato alle imprese, ma nei periodi di recessione per far ripartire l'economia tutti dobbiamo fare la nostra parte, e per primo lo Stato riducendo le tasse, aumentando la spesa pubblica e favorendo gli investimenti. Se l'Europa ci impone un taglio della spesa pubblica e maggiori tasse le conseguenze saranno sicuramente negative per la nostra economia, e quindi dico basta a questa inutile istituzione. Grazie Europa

Fabio sardegna 30.07.18 09:56| 
 |
Rispondi al commento

Giunio Panarelli (IFQ)
20 luglio 2015, Mohamed, bracciante sudanese, muore nelle campagne leccesi stroncato da un malore dovuto al caldo e alle condizioni disumane nelle quali i caporali lo avevano costretto a raccogliere pomodori. L'unico effetto di questa tragedia dell'epoca fu quello di accelerare il processo Sabr che con la sentenza dello scorso anno ha appurato come, dal 20019 al 2011, i braccianti siano stati "ridotti in schiavitù" dai caporali venendo sottoposti a turni di lavoro nei campi di almeno 10-12 ore, al caldo torrido, senza riposo settimanale, per una paga di 20-25 euro, quasi sempre in nero.

(Però io non ho visto copertine di Famiglia Cristiana contro questo scempio né magliette rosse e nemmeno mi è parso che un qualsiasi membro del Governo Renzi se ne sia dato pena, né ho visto pattuglie di preti da barricata insorgere contro un tale scempio e prestare opera di soccorso a questi sventurati, né ho visto magnati Speculatori alla Soros arrivare con ONG da terraferma o sindacati lottare a difesa di un lavoro da schiavi, e non ho nemmeno sentito omelie del Papa ma avevo visto il precedente Ministro degli Interni Maroni mandare la polizia a smantellare le sciagurate baracche di lamiere e cartone che nemmeno in Africa...Ora sono diventati tutti 'umanitari' e 'misericordiosi' ma a parole sono buoni tutti, a parole, in un Paese dove l'umanità è ricercata solo quando diventa un'arma politica sennò crepi)

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.07.18 09:56| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente DIGNITA' per i lavoratori, giovani, famiglie, pensionati, disoccupati e sottooccupati, ecc..
Con i disonesti e delinquenti dei governi PD/dc-FI e vermi al seguito, ci vergognavamo di essere italiani!
Con il GOVERNO DI CAMBIAMENTO dei cittadini onesti, chiesto a gran voce il 4 marzo, cominciamo a sentirci ONORATI, DIGNITOSI E RISPETTATI!
Grazie Presidente CONTE, ministri e tutti i responsabili di questo esecutivo che hanno un arduo lavoro da fare per ripristinare la LEGALITA', la GIUSTIZIA, 'l'ONORE, la DIGNITA', valori sociali distrutti dai MAFIOSI E MASSONI PD/dc-FI, con i vermiciattoli al seguito, dei disonesti governi degli ultimi venti anni!

giova31 30.07.18 09:54| 
 |
Rispondi al commento

Cofferati (il tra parentesi è mio)
"Il dibattito su Marchionne è stato indecente. Il silenzio sarebbe stato la cosa migliore da parte di tutti. Il modello di relazioni industriali imposto da Fiat non solo non è stato condiviso dal sindacato ma non è divenuto modello, fortunatamente, per altre aziende.
Marchionne ha reso inutile Confindustria, sfilando la Fiat ma pare che Confindustria se ne sia dimenticata. Gravissima la cancellazione della contrattazione nazionale (e per fortuna che Renzi disse che Marchionne era l'italiano modello!). Senza sindacato si evita che la competizione tra le imprese sia perseguita riducendo i diritti dei lavoratori (Renzi ha fatto leggi sul lavoro senza nemmeno sentire i sindacati ed è stata la prima volta che accadeva. Il suo disprezzo per i lavoratori o i loro rappresentanti è stato meno di zero). Con Renzi e Marchionne c'è stato un evidente fastidio sia verso i sindacati che verso i diritti dei lavoratori. La politica per il lavoro col Governo Renzi è stata pessima: non solo per l'abolizione dell'art. 18 (ricordate la marcia dei 3 milioni a Roma quando B tentò di eliminarlo?) ma tutto il Jobs act è fondato sul presupposto che per far ripartire la crescita sia necessario ridurre i diritti dei lavoratori (e però la Camusso ha taciuto sul Jobs act e si è svegliata di colpo contro il Decreto Dignità di Di Maio!!)
Nessuno del Pd ha mai preso in considerazione il fatto che la crescita è data dal combinato di investimenti e innovazione.

(Belle parole, però io Cofferati l'ho conosciuto quando contribuii, come fuori partito, da eletta per la Bolognina a preparargli il programma per Bologna, e posso dire che è uno che parla bene ma pratica malissimo).

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.07.18 09:44| 
 |
Rispondi al commento

Spett.le ministri Di Maio mi raccomando inseriamo sgravi agli over 35 come ha detto ieri sul corriere .
Per quanto riguarda la lotta al precariato mi aspetto presto il decreto dignità 2 che si concentra sulle false partite iva sulla totale ebolizione dei conttatto a progetto ( es call center come da proposta di legge nella scorsa legislatura del sottosegretario caminardi) e del lavoro a chiamata e introduca il salario minimo e soprattutto il reddito di cittadinanza.

Paolo Graziosi, Roma Commentatore certificato 30.07.18 09:40| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente diamo un Lavoro alle persone, non una speranza di lavoro.
Unico dubbio che ho riguardo al punto due: sgravio sui contratti a tempo indeterminato fino ai 35 anni. Per la fascia di età 35-50 non si è previsto nessuno sgravio? Sono già svantaggiati nella ricerca del lavoro per via dell'età, magari avvantaggiare con ulteriori sgravi la loro assunzione.

Michela Carota, Macerata Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 30.07.18 09:26| 
 |
Rispondi al commento

Cito Salvatore Cannavò da IFQ
"Dall'anomalia del dopoguerra quando l'Italia era il Paese col più grande partito comunista d'Occidente, siamo all'anomalia opposta: quella del Paese senza sinistra.
L'assenza di idee e di iniziativa di quella che stata la sx italiana è sotto gli occhi di tutti. La cecità e l'arroganza del gruppo dirigente del Pd hanno dato il colpo di grazia a una situazione provocata dai gruppi di dirigenti storici e che sembra irrecuperabile perché quello che è evidente a tutti - il Pd deve cancellare le facce e le idee degli ultimi 10.20 anni - è indigesto e osteggiato da chi sta assiso al vertice di quel partito.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 30.07.18 09:24| 
 |
Rispondi al commento

"Tanti nemici, tanto onore!". Salvini cita Mussolini nel giorno della nascita del Duce.:Chiedersi dove stiamo andando mi sembra ormai doveroso.Vivere in un paese dove quattro energumeni si sentono i giustizieri della notte,ho dove ci sono dei novelli cecchini giustificati. Ho altri coglioni come a Macerata che sparano a cazzo sulla folla e viene dichiarato eroe. Scegliete voi.Ma scegliete in fretta io non ho votato per essere governato dall'estrema destra.E non voglio essere complice di questa merda

m.m 30.07.18 09:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grande Di Maio!

Fabrizio Pia 30.07.18 09:19| 
 |
Rispondi al commento

Giggi, stando a la TV, pare che er Decreto sia quarcosa che sta tra 'e sette piaghe d'Egitto, 'a peste bubbonica e 'a terza guera mondiale: fateve un po' vede a spiega' 'a faccenda, chè sinnò, quarche anima semplice, ce crede pure...

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 30.07.18 09:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

DECRETO DIGNITÀ MOLTI LO CRITICANO MA POCHI LO CONOSCONO

- Indennità per i licenziamenti
Aumenta il valore dell'indennità per i lavoratori licenziati “ingiustamente”, da 24 mesi a un massimo di 36 mesi. che aumenta le mensilità degli indennizzi a favore dei lavoratori che vengono licenziati ingiustamente.

Penalizzazioni per chi delocalizza
Alle aziende che hanno ricevuto aiuti di Stato che delocalizzano le attività prima che siano trascorsi 5 anni dalla fine degli investimenti agevolati arriveranno sanzioni da 2 a 4 volte il beneficio ricevuto.

Stop alla pubblicità sui giochi
È blocco totale agli spot sul gioco d'azzardo, che dal 2019 scatterà anche per le sponsorizzazioni e «tutte le forme di comunicazione» comprese «citazioni visive ed acustiche e la sovraimpressione del nome, marchio, simboli».

A chi non rispetta il divieto arriverà una sanzione del 5% del valore della sponsorizzazione o della pubblicità comunque di «importo minimo di 50.000 euro»
Split payment non applicabile ai professionisti
Nella sua ultima versione il pacchetto fisco prevede una revisione del redditometro e l'abolizione del trattenimento diretto dell'Iva da parte dello Stato nei rapporti con i soli professionisti

PD E' CONTRO IL DECRETO DIGNITÀ E' MOSTRA LA SUA VERA FACCIA E' CONTRO LA CLASSE LAVORATRICI E IL CETO MEDIO IL BERSAGLIO DEL CAPITALISMO FINANZIARIO

Shir akbari 30.07.18 09:15| 
 |
Rispondi al commento

ot

"Come dice Bersani, che meno conta e più diventa lucido, la strategia di chi spera nello schianto del governo per ritrovare gli elettori perduti è votata al fallimento: tale è il discredito di chi c’era prima che solo un azzeramento totale del passato e delle sue facce, nel Pd, nella sinistra e in FI, potrebbe invertire la rotta. Chi accusa i fan del governo di ripetere a ogni errore o scandalo giallo-verde “e allora il Pd?” o “e allora B. ?” non si accorge che quelle domande sono nella testa della gente."
marcotravaglio 26 o 27 luglio, non ricordo...

insomma in sintesi: non gli crede più nessun elettore...ovvero pochi e in calo costante :)

pabblo 30.07.18 09:13| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori