Il Blog delle Stelle
Torino prosegue il percorso di candidatura intrapreso, ma a determinate condizioni, secondo il nostro modello

Torino prosegue il percorso di candidatura intrapreso, ma a determinate condizioni, secondo il nostro modello

Author di MoVimento 5 Stelle
ore 19:09
Dona
  • 9

di Chiara Appendino

Torino prosegue il percorso di candidatura intrapreso, ma a determinate condizioni, secondo il nostro modello.

Come noto, il Coni ha deliberato delle linee guida per la valutazione dei progetti di candidatura alle olimpiadi invernali 2026, tra cui quello di Torino e delle sue valli.
Durante la prossima seduta del Consiglio Comunale, voteremo in aula una delibera contenente le condizioni, già note al Coni e a tutti gli interessati, da noi ritenute imprescindibili che sono:
una analisi costi/benefici per tutte le candidature italiane.
no debito per gli enti locali coinvolti no a candidature spalmate su più territori il rispetto dei requisiti già presenti nel dossier

Il dossier che abbiamo presentato al Coni è stato ampiamente discusso con tutti i territori interessati e largamente condiviso fino ad ottenere il supporto di tutti i sindaci dell’area montana che ringrazio per l’impegno profuso e il lavoro fin qui svolto.
La delibera successiva del Coni, come ampiamente rilevato dagli organi di stampa, conterrebbe alcuni “assist” a favore di Milano.
Il punto 12, infatti, auspicherebbe una candidatura spalmata su più territori, ma Torino ha giá tutto quello che serve, impianti, infrastrutture, esperienza e, soprattutto, le montagne.
Perché mai dovremmo accettare di fare da stampella a Milano, la cui area metropolitana è situata al centro della Pianura Padana e il cui comune più d’alta quota è Rescaldina con i suoi 220mslm?
Come gestire, poi, da un punto di vista operativo, logistico, ambientale ed economico le gare di Bob e Salto a St. Moritz in uno stato extra-UE?
Perchè gestire le gare di sci a Bormio e Santa Caterina, situati a quasi 4 ore di percorrenza e 200km di strada statale dalla loro medals plaza, quando Sestriere e Bardonecchia distano meno della metà da Torino?

Qualsiasi soluzione alternativa a una candidatura compatta come la nostra, sarebbe un compromesso al ribasso che renderebbe il progetto meno credibile anche a livello internazionale e meno sostenibile sia dal punto di vista ambientale che economico.
Al punto 4, poi, viene richiesta l’acquisizione della delibera piena e incondizionata(!) da parte dei Consigli Comunali.
Come riportato nella delibera che porteremo in votazione, è bene sottolineare che sulla base dei principi espressi dal nostro ordinamento democratico, il Consiglio Comunale di Torino, essendo un ente democraticamente eletto dai cittadini, è sovrano nelle proprie decisioni.
La scelta definitiva, infine, dovrà essere ponderata, basata su dati completi e credibili e supportata da un’analisi costi/benefici, terza e oggettiva.

Siamo fermamente convinti che il modello proposto e che porteremo in votazione sia il migliore possibile per la nostra Città e per il Paese, perchè basato sul recupero e sul riutilizzo dell’esistente, senza consumo di suolo vergine e per tutte le ragioni contenute nel dossier presentato, inclusa la sua sostenibilità ambientale ed economica.
Valuti poi, chi è deputato a farlo, quale sarà la soluzione migliore per il Paese e la giustifichi, assumendosene ogni responsabilità, davanti a tutti i cittadini.

13 Lug 2018, 19:09 | Scrivi | Commenti (9) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 9


Tags: Chiara appendino, M5S, Olimpiadi, Torino

Commenti

 

Si, l' Appendino che ha trascinato davanti al giudice il medico Silvana de Mari , andate a leggere su questo, non votero' mai piu m5stelle , delusione totale su tutti i campi


Le Olimpiadi 2026 di Torino hanno diviso il popolo a 5 stelle e i cittadini tutti! Inutilmente è stato chiesto ad Appendino di riflettere e di non rinchiudersi nel fortino delle decisioni. In spregio alla democrazia diretta propugnata giustamente dal Movimento come il vero cambiamento Torino ha proposto la decisione UNICA del sindaco contro il buon senso. Sarebbe stato sufficiente far decidere i torinesi! Invece il Sindaco oggi è schiavo dei voti dell'opposizione! Una occasione persa! Ricordo che nel programma di Olimpiadi non c'era menzione! Peccato ! Sto ancora cercando di capire che significa democrazia diretta !

Giovanni Baroso, Torino Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 14.07.18 16:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Visto che con le Olimpiadi si investono in infrastutture che servono a valorizzare il territorio forse senza EGOISMI sarebbe opportuno collaborare con le zltre candidate per maggiore equita'

Roberto Maccione Commentatore certificato 14.07.18 12:32| 
 |
Rispondi al commento

....Riportiamo il CONI, e non solo,nell'inquadramento disciplinato, che occorre, poiché; in questi ultimi anni, ha saputo promuovere, per se, una politica di centralità, anche a base di affarismi per nulla chiari....gestendo un insieme di eventi con eccessive autonomia pur vivendo di soldi pubblici; pur contestando spesso le autorità costituite, e con cariche altisonanti e stipendi da favola.....mentre il resto dei cittadini debbono essere tenuti solo come inerme supporto.....!

Francesco Talucci, Napoli Commentatore certificato 14.07.18 08:18| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra giusto! Torino può gestire autonomamente l'evento, tra l'altro l'ha già fatto in tempi abbastanza recenti e con ottimi risultati. Si potrebbe pensare ad una qualche "pressione" politica, probabilmente di marca leghista, per fare in modo di attrarre l'attenzione internazionale su Milano che ormai esercita una sorta di monopolio di città-simbolo del produttivo nord Italia. Può essere opportuno "vederci chiaro"!

Pasquale M., Airola Commentatore certificato 13.07.18 20:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori