Sicuri in città, la rivoluzione della mobilità a misura di persona

di Diego De Lorenzis, vicepresidente della Commissione Trasporti alla Camera dei deputati

La cronaca e la narrazione politica di questi ultimi anni, mesi e settimane ci parlano di città insicure. C’è una forma di insicurezza su cui non si concentra l’attenzione nonostante i numeri impietosi. Una strage si consuma silenziosa tutti i giorni ed è quella dei pedoni e dei ciclisti che perdono la vita travolti dai veicoli a motore mentre circolano sulle strade cittadine. I dati ufficiali non distinguono tra le vittime che guidano mezzi a motore e quelle che invece sono in biciletta, ma le collisioni che coinvolgono pedoni e ciclisti sono da anni un autentico bollettino di guerra. 

Ciò nonostante è  palese il grande errore di percezione del pericolo, ma se non vediamo il problema non cerchiamo le soluzioni. Non ci potrà mai essere alcuna città sicura, bella e vivibile, come quelle che spesso ci piace visitare all’estero, senza una diffusione dell’uso capillare e quotidiano delle biciclette, che non sono soltanto il mezzo di trasporto sostenibile per eccellenza, ma sono anche il mezzo per attuare questa rivoluzione.

Per rendere davvero le nostre città più sicure dobbiamo discutere di come si può e si debba cambiare la mobilità urbana e migliorare la qualità della vita: per avere una mobilità nuova, intesa come servizio e non come possesso di un mezzo o come status sociale, bisogna dimezzare le auto e ridurne drasticamente la velocità.

Non ce lo chiede l’Europa, ma le migliaia di famiglie che perdono una persona cara a causa di una collisione con le auto in città e i milioni di italiani di tutte le età che hanno il diritto a spostarsi in città ogni giorno senza doversi proteggere con una corazza di acciaio da 1.000 kg per fare pochi chilometri.

Per raggiungere questo obiettivo sono necessarie regole diverse, che fanno tesoro delle numerose buone pratiche già sperimentate in Italia e all’estero. “Sicuri in città. Interventi per una mobilità a misura di persona” è il titolo del convegno che si svolgerà presso la Sala della Regina della Camera dei deputati (Piazza Montecitorio) lunedì 23 luglio dalle ore 14. Al convegno parteciperà, tra gli altri, il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli, che ha annunciato l’imminente presentazione di un pacchetto di misure per favorire la mobilità sostenibile e la sicurezza stradale. 

Parleremo delle modifiche al codice della strada che aspettiamo da anni e delle altre soluzioni utili per rendere l’Italia un Paese europeo, un Paese ciclabile, quindi un Paese realmente più sicuro. Questo convegno, insieme alle misure che il governo si accinge a varare, sono il segno tangibile del nuovo corso che stiamo inaugurando anche in materia di mobilità e sicurezza stradale.

Per partecipare è  necessario iscriversi entro le ore 13.00 di giovedi 19 luglio al seguente link: bit.ly/SICURIINCITTA.


Sostieni la campagna ContinuareXCambiare. Per arrivare in Europa, abbiamo bisogno anche del tuo aiuto. Dona ora e diventa parte del cambiamento: dona.ilblogdellestelle.it