Il Blog delle Stelle
Processo Borsellino fra depistaggi e occultamenti. I cittadini hanno diritto alla verità

Processo Borsellino fra depistaggi e occultamenti. I cittadini hanno diritto alla verità

Author di MoVimento 5 Stelle
ore 09:39
Dona
  • 32

di Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli, capigruppo M5S di Camera e Senato

Le motivazioni della sentenza ‘Borsellino quater’ confermano ulteriormente il clamoroso depistaggio sulla strage di via D’Amelio, costata la vita a Paolo Borsellino e ai cinque agenti della sua scorta.

Secondo la Corte d'Assise di Caltanissetta le dichiarazioni di Vincenzo Scarantino sono state al centro di uno dei più gravi depistaggi della storia giudiziaria italiana. Per la Corte, presieduta da Antonio Balsamo, il depistaggio è stato compiuto da uomini dello Stato. Tra questi, Arnaldo La Barbera, funzionario di Polizia che coordinò le indagini sull’attentato. Le motivazioni della sentenza hanno certificato che esiste una parte 'malata' dello Stato che si è servita di Cosa nostra. Secondo la Corte, infatti, chi aveva il compito di condurre le indagini sulle stragi del ’92 ha indirizzato l’inchiesta, costringendo Scarantino a raccontare una falsa versione della fase esecutiva dell'attentato.

Nelle 1865 pagine di motivazione si parla anche di un collegamento tra il depistaggio e l'occultamento dell'agenda rossa di Paolo Borsellino, da sempre uno dei più grandi misteri italiani. Appare evidente, secondo la Corte, che l'agenda di Borsellino sia stata fatta sparire da esponenti dello Stato e non di Cosa nostra.

Negli anni troppe persone hanno perso la vita per combattere la mafia e i suoi costanti collegamenti con parti delle istituzioni, cittadini onesti morti per difendere il nostro Paese. Avere la certezza che importanti personalità dello Stato abbiano esercitato in modo distorto i loro poteri, ci trasmette ulteriore rabbia.

Il MoVimento 5 Stelle non ha mai smesso di seguire con attenzione il dibattimento del processo ‘Borsellino quater’, così come gli altri importanti processi sulle stragi. Nel corso degli anni abbiamo fatto diverse interrogazioni parlamentari perché, a nostro avviso, c’erano troppi passaggi poco chiari in questa assurda vicenda.

I cittadini hanno il diritto di sapere la verità e devono potersi fidare dello Stato
. Per tale motivo ci batteremo con tutte le nostre forze affinché venga fatta chiarezza, e giustizia, sulla strage di via d’Amelio.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

2 Lug 2018, 09:39 | Scrivi | Commenti (32) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 32


Tags: borsellino, depistaggio, processo, via d'amelio

Commenti

 

Un saluto a tutti.
É la prima volta che in Italia quando sento parlare di politica, capisco di cosa si parla.

É la prima volta che sento parlare di mettere a posto le finanze dello Stato e si incominciano a togliere i vitalizi e le pensioni d'oro.

É la prima volta che sento parlare una persona di "pensiero marcio" nella politica e supera le barriere dei partiti.

É la prima volta da 30 anni che sono in Svizzerra di pensare "forse ho sbagliato ad andare via; dovevo restare e combattere in Italia"

Magari lo si può sempre fare!

Antonio Lacorte 05.07.18 06:34| 
 |
Rispondi al commento

Devo dire che è una vergogna che Ingroia sia senza scorta mentre tanti esseri insignificanti vadano al supermercato con agenti che spingonon il carrello. Io ho visto. Vergogna!!!!

Anna C. Commentatore certificato 04.07.18 09:00| 
 |
Rispondi al commento

UN UNICO PROGETTO COMPIUTO IN DUE TEMPI PER UN'UNICA STRAGE

Questa fu la via obbligata divenuta urgente da parte dello stato/mafia, quale risposta al massiccio processo (maxiprocesso di Palermo) istruito da Falcone nell'Aula Bunker dell'Ucciardone contro l'organizzazione Cosa nostra e gli affiliati appartenenti alle Istituzioni provenienti da: mondo politico; forze dell’ordine e mondo giudiziario: le tre componenti deviate dello Stato divenute organiche a Cosa nostra.

La strage progettata per fermare lo Stato Legale avverso allo stato/mafia fu compiuta in due tempi.

Già nella seconda, quella di Borsellino e la sua scorta, troviamo che il massacro è riconducibile a dei corrotti intermediari tra il politico e il mafioso, mascherati sotto mentite spoglie di una divisa, e che erano in forza alla squadra mobile di Palermo, i quali affidarono ai mafiosi le due stragi perché Falcone (formato professionalmente dal magistrato Antonino Caponnetto ideatore del pool antimafia), con il maxi processo stava dando l'opportunità al Paese di mettere in luce che i soldi del mezzogiorno, stanziati dal Governo Centrale agli amministratori locali prevalentemente Palermitani, in particolare quelli vicini ad Andreotti (vedi Salvo Lima ma poi Dell'Utri), venivano presi in carico dai mafiosi grazie a degli appalti pilotati e, successivamente, quota importante dell'utile, veniva riciclata al nord in un giro che vedeva coinvolte banche e società al di sopra di ogni sospetto: alcune delle quali riconducibili all'entourage in area politica di Bettino Craxi.

friso r. Commentatore certificato 04.07.18 00:43| 
 |
Rispondi al commento

Sintesi dell’intrecci mafia stato deviato prodotto dal POOL del dott. FALCONE:

Antonino Caponnetto:
«A differenza delle organizzazioni…. la mafia ha come sua specificità un rapporto privilegiato con le élite dominanti e le istituzioni (in questo caso si riferiva al governo centrale), che le permettono una presenza stabile nella struttura stessa dello Stato…..
La mafia è l'estensione logica e la degenerazione ultima di una onnicomprensiva cultura del clientelismo, del favoritismo, dell'appropriazione di risorse pubbliche per fini privati (soldi stanziati per il sud riciclati con investimenti al nord)”.»

friso r. Commentatore certificato 04.07.18 00:36| 
 |
Rispondi al commento

Due cose molto semplici se mi permetto....la presidenza del copasir a Forza Italia? Come mai si ha paura di dissecretare documenti? Adesso sarebbe ora di dire hai signori pentiti che se vogliono i privilegi devono dire tutti basta dire solo ciò che pare basta con questi non ricordo! Altrimenti dritti in cella pugno duro con questi signori che rendono dichiarazioni a loro piacimento!!!

Giuseppe 03.07.18 20:51| 
 |
Rispondi al commento

Ringrazio il presidente della camera Fico che ha dato la sua solidarietà ad Antonio Ingroia che ha il merito di aver combattuto realmente la mafia e che merita di non essere abbandonato da uno Stato dove ora governano dei parlamentari onesti come quelli del movimento 5 stelle. Sarebbe giusto ricordare a Salvini che lui essendo Ministro dell'interno non può lasciare solo un servitore dello stato. Quando la mafia minaccia di morte qualcuno, la minaccia non cade mai in prescrizione.

luciano l., Roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 03.07.18 18:50| 
 |
Rispondi al commento

Nell'intervista nascosta di Paolo Borsellino è molto importante sentire attentamente l'ultima parte dove parla di Berlusconi e dell'Utri, dicendo che nei fogli si fa riferimento ai loro affari. Paolo Borsellino dice ai giornalisti che lui non potrebbe consegnare quei fogli, ma glieli da lo stesso raccomandandosi di non dire che glieli ha dati lui. Risulta poi che i due giornalisti incontrarono uomini di mediaset vicini a Dell'Utri e Berlusconi. Dopo circa 50 giorni Borsellino è stato ammazzato. Si è indagato in maniera approfondita nel merito?
https://www.youtube.com/watch?v=WezFE-yCCOU

luciano l., Roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 03.07.18 18:11| 
 |
Rispondi al commento

Paolo borsellino - l'intervista nascosta youtube video completo

luciano l., Roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 03.07.18 17:51| 
 |
Rispondi al commento

M5S, BORSELLINO E FALCONE STAVANO ASPETTANDO A VOI PER FARGLI GIUSTIZIA....A QUESTI 2 EROI GLIELO DOVETE, FATTE TUTTO IL POSSIBILE PER SCOPRIRE LA VERITA', IN NOME DI TUTTA L' ITALIA...LA NOSTRA VERA ITALIA...

Gian Luca Puddu Commentatore certificato 03.07.18 14:57| 
 |
Rispondi al commento

E ci volevano decenni per "scoprire" quello che ogni persona informata conosce da tempo? Troppo comodo prendersela con funzionari dello Stato, peraltro defunti. Quelli che l'Italia onesta vuole conoscere sono i nomi dei mandanti, soprattutto dei politici, anche se pure loro defunti.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 03.07.18 14:46| 
 |
Rispondi al commento

BONAFEDE DEVE ANDARE A PALERMO A INCONTRARE I FAMILIARI DI BORSELLINO. NON CI SONO SCUSE. QUI SIAMO AD UNA SVOLTA DI QUELLA VICENDA E NOI DOBBIAMO DIMOSTRARE CON I FATTI CHE SIAMO DIVERSI. È UN ATTO POLITICO INDISPENSABILE. LA MORTE DI FALCONE E BORSELLINO ESIGONO RISPOSTE. OGGI DOBBIAMO DARLE NOI.

Enrico Bandiera 03.07.18 10:31| 
 |
Rispondi al commento

La verità sulle stragi di ogni tipo non si è mai voluta trovare. Perchè uno Stato dispone di infinite risorse per arrivare alla verità. Purtroppo il nostro corpo politico, composto da molti inetti, ci ha portato sin qui. Personalmente non nutro nessuna fiducia. Ma aspetto e spero. Sarò contento il giorno in cui potrò dirmi: avevi torto!

Umberto Sivieri (santommaso), Castrovillari Commentatore certificato 03.07.18 08:31| 
 |
Rispondi al commento

bisogna sciogliere i servi segreti italiani,collusi da sempre con tutte le mafie,sono sempre stati un ostacolo a tutte le indagini .

elio 03.07.18 07:16| 
 |
Rispondi al commento

finché permetteremo che qualcuno agisca in segreto, questi trattamenti della gente come ' massa ignorante ' continieranno ad essere la normalità, nulla di cui sorprendersi.

Andrea Lauri 02.07.18 22:09| 
 |
Rispondi al commento

Oltre le scatole di sardine, ci sono anche grandi contenitori di SEGRETI (DI STATO???) da scoprire! Il traditore pdr del popolo italiano e politicanti PD/DC/FI con loro parassiti, avevano tutte le loro buone ragioni di NON svelare forse per sospetti coinvolgimenti di organi istituzionali dello stato e di potenti personalità politiche (napoletano?) ed economiche (berlusconi?)
Gli italiani onesti hanno il diritto di sapere le verità ed il M5* (ministro BONAFEDE) ha il DOVERE di fare il massimo possibile per farle scoprire.
Molti responsabili sono ancora vivi e vegeti e dovrebbero confessare ed AUTOACCUSARSI dei crimini commessi per ONORE e DIGNITA', parole scomparse nel panorama delle ISTITUZIONI e della vecchia politica corrotta PD/DC/FI ed affini!
Forse NON lo faranno ma c'è sempre la giustizia divina che li giudicherà e condannerà!

ivan rosso, bari Commentatore certificato 02.07.18 18:53| 
 |
Rispondi al commento

Senzacollo a sottiletto "vai tu a fare il p.d.c. per un anno così nessuno sospetterà di me quando Paolo salterà in aria"!

Dar T., dartes Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 02.07.18 18:02| 
 |
Rispondi al commento

Solita dose di banalità che leggo in questo blog!
1) Visto che adesso siete arrivati al governo perchè non diffondete le notizie coperte da segreto di stato?? Forse perchè sapete bene (e concordo su questo) che i segreti di stato vanno mantenuti per l'esistenza stessa dello stato;
2) ancora la sentenza non è definitiva e ci sono indagini in corso, dovreste imparare a rispettarla non solo quando conviene a voi!

Giuseppe G 02.07.18 17:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A leggere bene la notizia e vedendo le immagini in televisione del poliziotto che porta via la borsa del giudice Borsellino, si potrebbe facilmente dedurre che quel poliziotto era sul posto solo per portare via la borsa e l'agenda, cioè era informato della morte di Borsellino prima ancora che avvenisse. Per queste ragioni non è difficile immaginare che quelle persone fossero complici (o autori?) di chi aveva organizzato l'attentato.

SILVIO P., ORISTANO Commentatore certificato 02.07.18 16:37| 
 |
Rispondi al commento

Faccio parte del meetup di un paese in provincia di Verona, cioè sono la base del movimento, sarebbe la pancia che parla. Ma non mi metto di dare i consigli, criticare e ancora meno di chiedere qualcosa. Vorrei semplicemente esprimere la mia gratitudine ai nostri parlamentari che veramente ci mettono tutta per cambiare e sistemare il nostro paese. E in particolare il mio GRAZIE MILLE va a Luigi Di Maio, ha saputo pazientare, studiare, incazzarsi, convincere di fare questo governo. Il mio modesto parere andava anche contro degli altri membri del gruppo sul fare o no governo con Salvini( o con chiunque, usando il programma e non l’alleanza), ero e resterò convinta di questa scelta , perché questo era un momento giusto di andare a governare. Lenin, parlando del momento giusto della la rivoluzione russa nel 1917, ha sottolineato che era il momento da non perdere, perché “ Il ritardo è simile alla morte”, lo scriveva al inizio di ottobre e il 25 hanno con l’avviso del cannone di “Aurora” hanno cominciato l'assalto al Palazzo Invernale a San Pietroburgo. Credo in movimento, ma non sono sicura che con le nuove elezioni, correndo da soli, potevamo arrivare alla netta maggioranza . Perciò la lungimirante politica di Luigi e la sua visione del futuro viene premiata in tutti i modi.

Viktoria Vlasovskaia (wiky96), Erbezzo Commentatore certificato 02.07.18 16:24| 
 |
Rispondi al commento

FA BENE LA MEMORIA AI POSTERI ?

Flavio Guglielmetto-Mugion, Torino Commentatore certificato 02.07.18 16:07| 
 |
Rispondi al commento

Fino a quando i nostri Servizi segreti saranno collegati alla NATO faranno sempre gli interessi della NATO (leggi USA) e non quelli dell'Italia.

Se vogliamo Servizi segreti che facciano gli interessi dello Stato bisogna scollegarli dall'Alleanza arlantica, unico modo per essere indipendenti.

giorgio peruffo Commentatore certificato 02.07.18 15:57| 
 |
Rispondi al commento

Ma Arnaldo La Barbera da chi riceveva gli ordini? Non avrà agito di sua iniziativa personale.
Poi, Nell'Ultima intervista a Borsellino da parte di giornalisti francesi, esce il nome di Berlusconi.

newmail ***** Commentatore certificato 02.07.18 15:33| 
 |
Rispondi al commento

Un problema immenso per l'Italia e' proprio l'infedelta' Istituzionale.

Roberto Maccione Commentatore certificato 02.07.18 15:12| 
 |
Rispondi al commento

Una delle pagine più vergognose della storia italiana, lo Stato che avrebbe dovuto proteggere il suo servitore più fedele lo ha ucciso due volte.
Adesso speriamo in una nuova epoca, quella della legalità.

raffaella cioffi, cervinara (AV) Commentatore certificato 02.07.18 14:15| 
 |
Rispondi al commento

per prima cosa pubblicare le intercettazioni con dentro Napolitano, non le hanno distrutte ci sono due copie.....chiedere ai servizi, ingiungere a Mozzarella di intervenire....

nico cerni, Dublino Commentatore certificato 02.07.18 12:52| 
 |
Rispondi al commento

NON PARLINO PIù DI MIGRANTI;MA DI SCHIAVI DI PAESI EUROPEI

franco bazzani (), seregno Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 02.07.18 12:31| 
 |
Rispondi al commento

BUONA PARTE DELLE NAZIONE EUROPEE SONO SCHIAVISTE E COSTRINGONO GLI AFRICANI ALLA SCHIAVIT§ E ALLA POVERTà:SIAMO NEL 2018ed esiste ancora la schiavitù.:viva nelson mandela

franco bazzani (), seregno Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 02.07.18 12:29| 
 |
Rispondi al commento

Ma anche la magistratura siciliana non ne esce bene ,la sinistra ha creato i pentiti ma senza mettere dei paletti,adesso dovremmo risarcire le persone condannate.troppa gente si preoccupa di fare il professionista dell'antimafia,anche i 5stelle non si devono far strumentalizzare da nessuno...compresi alcuni magistrati .


Strage di stato ovviamente, Borsellino sapeva troppe cose, era troppo pericoloso per il sistema marcio criminale...ergo doveva essere eliminato al più presto.

Freeman 02.07.18 10:41| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori