Il Blog delle Stelle
No agli sciacalli della Sanità Pubblica

No agli sciacalli della Sanità Pubblica

Author di Alfonso Bonafede
ore 10:00
Dona
  • 51

di Alfonso Bonafede, Ministro della Giustizia

Ruberie e raggiri in un'azienda sanitaria su quattro. Danni per circa 6,4 miliardi di euro. Quella nella sanità è una delle forme più spregevoli della corruzione, perché lucra sulla salute dei cittadini. Si bara sulle spese per beni e servizi, sulla realizzazione delle opere e sulle assunzioni clientelari. Si gonfiano le fatture per mense, lavanderie, riscaldamento e beni in genere. Si acquistano senza gara dispositivi medici che non servono, come ha sottolineato anche il Tribunale dei diritti del Malato. E seppure tante strutture pubbliche hanno provato ad arginare il fenomeno - adottando codici di comportamento aggiuntivi a quelli per i dipendenti pubblici, con regolamentazioni più stringenti e trasparenti delle procedure e l'introduzione del whistleblowing - i piani anticorruzione sono spesso rimasti più degli adempimenti formali che sostanziali. Del resto, i 110 miliardi circa di spesa pubblica sulla sanità fanno gola a molti.

Esiste una definizione in natura per queste persone: sciacalli. La legge anti-corruzione del MoVimento 5 Stelle conterrà tutti gli strumenti per combattere questo fenomeno. Perché la corruzione è grave di per sé, toglie risorse ai servizi per i cittadini e comprime copiosamente gli investimenti, ma se questa avviene sulle spalle della nostra salute, impedendo magari a qualche cittadino di guarire e vivere bene, allora è ancora più grave e odiosa. Del resto il Governo si è già impegnato a sganciare le nomine in sanità dalla politica: un modo per prevenire in nuce la corruzione. E se questa deve stare lontana dai luoghi pubblici, a maggior ragione non deve esistere laddove il cittadino si rivolge allo Stato per bisogno, chiedendo semplicemente di guarire.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

8 Lug 2018, 10:00 | Scrivi | Commenti (51) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 51


Tags: bonafede, m5s, sanità pubblica, sciacalli, tribunale malato

Commenti

 

Come dice Strada dividere nettamente sanità pubblica da sanità privata. Aziende"cliniche/laboratori di analisi e medici debbono scegliere o il pubblico o il privato. Poi, il resto verrà da se.

MauCu 10.07.18 15:10| 
 |
Rispondi al commento

La legge sui vaccini obbligatori è una vera stronzata e puzza molto di corruzione... Una legge fatta per interessi economici, non certo per reale necessità sanitaria...

Freeman 10.07.18 13:34| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti. Io sono un medico ospedaliero e volevo evidenziare che in questo quadretto descritto cosi bene, essendo i dirigenti di secondo livello ( ex primari )ed i capodipartimento la longa manu del direttore generale, i concorsi per queste figure professionali sono una farsa in quanto i vari curricula vengono stracciati, non valgono più nulla ed è il direttore generale che arbitrariamente nomina primario o capodipartimento chi vuole lui in base a criteri partitici. Anche da questo nasce clientelismo e corruzione. Quando nel 1991 le USL diventarono ASL con la riforma De Lorenzo la politica fu sdoganata nella santità pubblica. Bisogna cambiare la riforma.

flavio59 10.07.18 08:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Attenzione ai direttori generali e consulenti del ministro. Verificate bene le posizioni e se esistono indagini in corso, non si possono fare ingenuità.Roma insegna .....buon lavoro! Ci avete ridato un po' di fiducia

Roberta Giulietti 10.07.18 06:15| 
 |
Rispondi al commento

“FUORI I MASSONI DALLE ISTUITUZIONI”
Petizione pubblica per far rientrare il Giudice Carreri scomodo all’ex Procuratore.

MALEDETTI E STRAPAGATI NELLA FALSA GIUSTIZIA AMMANICATA CON I CAMICI BIANCHI AFFILIATI

Il giudice Carreri che indagava su Zonin?
ROVINATA dalla massoneria infiltrata nelle Procure Venete ammanicate con i camici bianchi affiliati nei nosocomi.
Il Giudice Cecilia Carreri è stata rovinata dopo aver provato a fermare le catastrofi di Gianni Zonin, impegnata nel tentativo di salvare gli azionisti dal crac finanziario della Banca Popolare di Vicenza.
“NON C’È SPAZIO PER QUEL GIUDICE” trattato anche da: Il Fatto Quotidiano.
La Giudice iniziò ad indagare ad inizio anni 2000 sull’istituto in questione prima di essere fermata da dei provvedimenti che sarebbero stati emessi in seguito a dei problemi alla schiena accusata di “aver messo sotto sforzo la schiena affetta da discopatie con attività sportive ritenute estreme”. Da quel dì è fuori dalla magistratura (circa 17 anni) dopo aver rigettato la richiesta di archiviazione di un’inchiesta sull’ex presidente Zonin e sulla gestione della banca. Le accuse erano pesantissime: falso in bilancio, false comunicazioni sociali, appropriazione indebita, truffa e altri reati. La Giudice affermò “si capiva perfettamente, leggendo gli atti, che il Procuratore non aveva voluto andare avanti, approfondire”.
L’allora Capo della Carreri fece delle pressioni per archiviare il caso (sotto diktat di Venerabili?). Questo ex Capo del Giudice, da lui allontanato, andò poi a gestire una azienda controllata al 100% dallo stesso Zonin.
Zonin era accusato di “usare la banca come cassaforte personale. Balza in evidenza l’assoluta mancanza di controlli istituzionali su quella gestione: un collegio sindacale completamente asservito, un Cda che non faceva che recepire le decisioni di quell’imprenditore delinquente e affiliato, padrone incontrastato della banca. Nessuno si opponeva a Zonin, nessuno osava avanzare contestazioni.

friso r. Commentatore certificato 09.07.18 23:51| 
 |
Rispondi al commento

Togliere subito il conflitto d'interessi che si è creato concedendo l'intramoenia ai medici pubblici che hanno tutto l'interesse per fare salire la domanda e fare così anche i medici privati. E l'indennità di disponibilità va verificata perchè spesso non ci sono nemmeno durante il normale orario.
Andrebbe verificato anche se gli introiti delle macchine usate in intramoenia coprano l'usura delle stesse, pagate da tutta la collettività.
Mi piacerebbe sapere se gli interventi chirurgici plaudano in qualche modo gli interventisti.

simonetta r., Roma Commentatore certificato 09.07.18 19:46| 
 |
Rispondi al commento

Il movimento deve cominciare a parlare di salute partendo dal cibo, la salute e l'alimentazione bisogna inserirla nelle scuole come materia di studio e ci consentiranno se fatte bene di risparmiare tanti soldini in medicine.
E mi raccomando cominciate a guardare bene le etichette e vi accorgerete che state introducendo di tutto tranne che vero cibo per il nostro corpo, SVEGLIA perché già siamo un popolo malato e dobbiamo domandarci se tutte queste malattie provengono o meno dal cibo.


Togliere premi e incentivi ai medici per il raggiungimento di obbiettivi. Come possono esserci incentivi per le percentuali di pazienti vaccinati? Il medico vaccina i pazienti se la valutazione del suo stato clinico lo consiglia. Per quale altro motivo deve essere incentivato?
E ciò è ancora più ripugnante quando si tratta di bambini!

Lucia Timpone 09.07.18 16:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In generale nel comparto pubblico esiste la corruzione e clientelismo ma nella sanità lucrare sulla salute è da bestie anche perché di fronte a persone malate o parenti di esse è facile indurle a fare qualunque cosa senza protestare avendo solo la preoccupazione di vedere guarire

Antonio D., CARRARA Commentatore certificato 09.07.18 15:03| 
 |
Rispondi al commento

La sanità nel senso di applicazione di tutto cio' che serve a migliorare la
salute della gente ha rappresentato e rappresenta interessi piu' svariati
che comunque conducono tutti a flussi finanziari ingenti che dalle lobby
industriali farmaceutiche alla politica con i suoi apparati locali
(regioni, ASP, ASL) trovano un punto di contiguità spesso poco trasparente
nella gestione della salute pubblica. Le pastoie burocratiche, la nebulosa
che avvolge il sistema degli acquisti dei presidi medicali e delle
apparecchiature a prezzi diversi tra regioni e regioni, il legame
incestuoso tra politici e direttori generali delle aziende sanitarie,
espressione questi degli stessi politici locali, fanno si che le loro
azioni sono rivolte ad accrescere il potere e favorire i loro sporchi
interessi; interessi che sfociano sempre piu' in casi di corruzione o di
malgoverno della cosa pubblica ridotta a espressione privatisca di gruppi
di potere anche nell' assunzione concorsuale e nella carriera del personale
medico e non. Il conflitto di interessi tra pubblico e privato inoltre
rappresenta un terreno fertile al dilagante malcostume, alle lunghe liste
di attesa, all'arricchimento illecito del privato, favorito dal
deprezzamento e svilimento dell' assistenza pubblica. Soltanto voltando
pagina, rivedendo certe anomalie e disfunzioni (legami affaristici ecc...)
e avendo chiaro il quadro attuale del SSN italiano si potranno con la
massima trasparenza attuare quei correttivi improcrastinabili necessari
alla ripresa di una sanità pubblica volta sempre piu' al servizio dei
cittadini. Paolo (PALERMO)"

PAOLO CARUSO 09.07.18 12:20| 
 |
Rispondi al commento

Ministro, anche se non è lo spazio giusto, mi permetto di chiederle di metter mano quanto prima al blocco e disorganizzazione totale della giustizia, ci sono processi anche per casi economici come nel mio caso ( diritto dei consumatori )quindi non reati gravi, ma di semplice risoluzione che vanno avanti tra vari rinvii per sovraccarico del sistema da 12 anni e piu... è assolutamente scandaloso e ridicolo in un paese sviluppato che si debba subire tale umiliazione, visto che tutti i tribunali d'Italia sono intasati e in cronica carenza di giudici e personale, assumete e fate lavorare le migliaia di laureati in legge a spasso, che potrebbero essere utili a sbloccare la situazione e lasciare questo livello da 4 mondo, basta giudici precari e sfruttati e demotivati dallo stato !! Grazie buon lavoro.

Antonio.PG 09.07.18 09:14| 
 |
Rispondi al commento

Bravi, era ora....
Barra a dritta e avanti a tutta forza.

Antonio.PG 09.07.18 08:56| 
 |
Rispondi al commento

Il problema sta tutte nelle nomine politiche ai vertici delle Aziende Sanitarie Locali.

Non si capisce perche' i politici (o i sindacati) debbano decidere chi guida una ASL.
A decidere devono essere le persone competenti in materia.

La selezione per la direzione delle ASL deve essere fatta con metodi moderni di gestione, ad esempio affidando ad aziende specializzate nella selezione del personale l'esamina dei curricula.
Inoltre la segreteria del presidente della ASL non puo' avere piu' persone rispetto al numero di medici ed infermieri.
Ci sono ASL dove la segreteria del presidente supera in numero di risorse umane quelle direttamente dedicate al core business.

Se si evita di dare la presidenza della ASL al politico trombato molti dei problemi attuali scompariranno.

Ciro 09.07.18 08:00| 
 |
Rispondi al commento

Bene, lotta durissima alla corruzione, al più presto! Buon lavoro al movimento 5stelle

Freeman 09.07.18 07:07| 
 |
Rispondi al commento

Ottimo! Vi siete dimenticati di sottolineare il GRAVISSIMO DANNO delle assunzioni clientelari (un incapace che prende il posto di un capace costretto ad andare all'estero o fare il barista)

Dall'Olio Ermes 09.07.18 00:03| 
 |
Rispondi al commento

IO VOGLIO LE STESSE PENE CHE CI SONO NEGLI USA PER TUTTI I REATI ECONOMICI. NIENT`ALTRO!

CORRUZIONE 30 ANNI DI CARCERE, E COSÌ VEDIAMO QUANTI MISERABILI PARASSITI RIMANGONO A SUCCHIARE IL SAMGUE...

Franz M., Here&There Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 08.07.18 23:40| 
 |
Rispondi al commento

bene ministro bisogna iniziare con una grande pulizia come in una casa dove la sporcizia la fa da padrone , aprire le finestre fare entrare aria pulita e riordinare tutto l'interno con dirigenti nuovi e motivati senza fare sconti a nessuno .Bisogna liberare risorse di decine di miliardi sottraendole alla corruzione del sistema , la fotografia che ne' viene della situazione nella sanità di questi anni è devastante , il sistema così comè è marcio iniziamo a cambiarlo.

francesco bruschi 08.07.18 22:11| 
 |
Rispondi al commento

Ministro ,siamo d'accordo !
MUOVIAMOCU E INVERTIAMO LA ROTTA!
Eliminiamo tutte quelle cooperative che sottopagano i lavoratori nelle strutture ospedaliere : assunti come portantini e co stretti a fare gli infermieri.
È l'affare delle cooperative rosse a cui molti manager non sanno e non vogliono dire di no ! Ministra Grillo bisognerebbe visitare gli ospedali in forma anonima e discreta per vedere in che stato di precarietà e disorien tamento spesso si trovano i reparti delle strutture ospedaliere .
Certo non tutte! Ci sono degli eccellenti Ospedali ampiamente funzionali.
Ma in generale e nella maggior parte dei casi, non è cosi.La curruzione è dilagante, il menefreghismo imperante, maggiormente al centro-sud . Alla Ministra pentastella consiglierei umilmente di avviare discre tamente personali iniziative atte a toccare con mano le diverse e degradanti realtà della sanità pubblica.
È ancora, è il ruolo del medico ospedaliero che va rivisto nel suo complesso.E nn solo quello. Ad esempio non sarebbe male, anzi è d'obbligo, un approccio di maggiore uma nità - umanizzazione verso l'ammalato - il paziente. Rivedere quindi in primis lo status ed il ruolo professionale del medico ospe daliero e di famiglia !
Inoltre cosa molto importante sarebbe ridurre il grande mercato affaristica del farmaco. E ancora, occorre mutare filosofia e approccio medico-terapico: più che della medicina che cura gli effetti della malattia (cosa molto conviente per multinazionali
farmaceutiche) è utile, necessario, indispen sabile e prioritario sconfiggere le cause
dell'insorgere della malattia.
Ministra pentastellata, per favore, metta in campo una Taske Force di validissimi me dici e altre alte professionalità e chieda lo ro di ridefinire ruolo e funzione del medico ospedaliero, di famiglia, dello specialista , ecc. Ne abbiamo un grandissimo bisogno: meno farmaci, più dialogo coi pazienti sempre più anziani.INVERTIAMO la rotta come chiede il M5S: AL CENTRO I CITTADI NI E LA LORO SALUTE.

Salvatore Cannatà (salvo niketeras), Mentana Commentatore certificato 08.07.18 20:30| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno,
Non ci vuole molto ad allontanare questi soggetti sostituendoli con dei ragazzi,
Basta cominciare , fatti e non chiacchere.
Cordiali saluti.
Francesco

Francesco Costantini 08.07.18 19:30| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Alfonso

scipione SCAPATI, CERVIGNANO DEL FRIULI Commentatore certificato 08.07.18 19:10| 
 |
Rispondi al commento

vedi formigoni e associati ..come esempio

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 08.07.18 18:42| 
 |
Rispondi al commento

il massimo della corruzione si realizza attraverso le convenzioni tra servizio sanitario pubblico e strutture private: occorre intervenire abolendo tali convenzioni e sottoponendo quelle indispensabili ad un costante preventivo controllo di reale necessità per il pubblico

maria t., olbia Commentatore certificato 08.07.18 18:37| 
 |
Rispondi al commento

occorre riportare gli stipendi dei manager a equità retributiva a quelli di un normale impiegato pubblico o privato e secondo ore di lavoro. stiamo assistendo da troppi anni a questo ingiustizia. Ero piccola e ricordo la fuga dei direttori di fabbriche con il 'malloppo pubblico' ma colpevolizzando e accusando gli operai meridionali di essere incapaci e colpevoli di fallimento delle fabbriche. È un tumore che va definitivamente estirpato

Anna Trotta, giffoni sei casali Commentatore certificato 08.07.18 18:11| 
 |
Rispondi al commento

Chi si macchia di questo reato potrebbe essere accusato di tentato omicidio. Sottrarre soldi pubblici investiti nella sanità potrebbe essere la causa della morte di un paziente perché curato male o in ritardo. Condanne esemplari caro ministro. Dalle parole ai fatti.

Maurizio Rizzi 08.07.18 17:20| 
 |
Rispondi al commento

UN MODO EFFICIENTE PER COMBATTERE LA CORRUZIONE, è quello di dare un premio sostanzioso, in termini economici, oltre una forma di protezione da eventuali ritorsioni, ai dipendenti e cittadini che denunciano. Provare per credere.

Giuseppe Stramaglia, Foggia Commentatore certificato 08.07.18 17:01| 
 |
Rispondi al commento

LA MALASANITÀ STA DENTRO LE
STRUTTURE PRIMA CHE FUORI.
Purtroppo lo sappiamo bene il malaffare si insinua dappertutto e da sempre.
Se poi trova terreno fertile all'interno delle strutture pubbliche ( vedi sanità), tutto è più semplice.
Allora:.
- contrastiamo la burocrazia amministra
tiva dove si annidano corrotti: perseguia
moli penalmente e amministrativam.
- delegiferiamo e semplifichiamo le proce
dure per acquisti ( altro che Consip: una
truffa legalizzata, appannaggio di alcuni )
- Si assuma personale per i meriti, capaci
ta' conpetenze alte.
- Si abolisca davvero il nepotismo: a casa
quei dottoroni collusi con la politica e per
ciò padroniindiscussi degli Ospedali .
- Si stabiliscano criteri di rotazione nei ruo
lì e incarichi manageriali e di governo-
amministrazione di strutture pubbliche.
- Sì controllino periodicamente , con criteri
validissimi di efficienza e produttività, i
processi di crescita, di funzionalità, di effi
cientamento, stante le finalità e gli oobiettivi
dati .
- Si accerti sistematicamente ogni 3/5 anni
livello professionale del dirigente, il suo
C.V., le accresciute competenze profess.
le attitudini/ capacità dirigenziali/manage
riali.
- infine, a 65 anni tutti a casa ! Largo alle
giovani promesse che per fare carriera
sono state costrette a fuggire dall'Italia
- Aboliamo duramente quella odiosa cultu
ra in auge nel sistema italiano : politio-accademico-lobbystico quisitamente
baronale e nipotistico. Per cui solo i figli
dei Primari e dei Prof. universitari hanno la strada libera.
Caro ministro come vedi è una malapianta che va estirpata dalla radice. Non è cosa semplice ,ma almeno incominciamo a mandarli in pensione a 65 anni e a selezio nare badando a merito e competenze- capacità. In questo modo, faranno meno danni al Paese e alla Comunite cittadine e recupereremo un po' di fiducia nelle iistituz.
Che ne dici .
Tuo sostenitore m5s

Salvatore Cannatà (salvo niketeras), Mentana Commentatore certificato 08.07.18 16:40| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Alfonso. Sei sulla buona strada. La sanita' e' un punto debole e delicato del sistema pubblico!

Angelo Trainotti 08.07.18 15:00| 
 |
Rispondi al commento

Hanno esternalizzato tutti i servizi dell sanità, andando a spendere di più di quanto costava fornire i servizi con proprio personale interno.
Con il blocco delle assunzioni fanno contratti con cooperative esterne per la fornitura di personale.
Logicamente i dipendenti prendono uno stipendio inferiore di quello che la Asl, paga alla cooperativa.

newmail ***** Commentatore certificato 08.07.18 14:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come leggo dai commenti la DISUMANITA' regna sovrana ni NOSOCOMI( manicomi) e testimone per confermare tutto. Ci vorra' una SEVERITA' che chi non ha havuto esperienze dirette. E parafrasando il titolo del blog SCIACALLI DELLA SANITA'PUBBLICA BISOGNA ANDARE NEI REPARTI IN INCOGNITO. TOCCHERETE CON MANO.

Roberto Maccione Commentatore certificato 08.07.18 14:43| 
 |
Rispondi al commento

E chissà chi ci ha mangiato...?
NON oso fare nomi di partiti o nomi.
Tanto....oramai....
Ladroni....E Li dobbiamo mantenere su quelle poltrone calde calde....comodo eh!!
Ma non c'è possibilità di chiedere i danni?
Altro che ripescare ricordi di 10 anni fa.
Qui si parla del periodo che parte da 1 mese fa e a ritroso per alcuni anni.
Si faccia chiarezza e si proceda nelle sedi civili e penali!!!
Questo Ti chiediamo caro Alfonso Ministro Bonafede, senza tentennamenti.
Non se ne può più di sentire di queste ruberie dei codardi che ancora blaterano per coprire le loro malefatte.

Pier Franco Gnesotto, Roma Commentatore certificato 08.07.18 14:39| 
 |
Rispondi al commento

una riflessione sul whistleblowing :
Lo Stato chiede ai cittadini di denunciare i casi di corruzione proteggendoli dalle conseguenze del loro " eroico " gesto cioè quello di aver PARLATO.
Ma perchè il cittadino oltre a non essere tutelato dallo Stato contro i corrotti dovrebbe pure rischiare il posto di lavoro( non è che abbondi il lavoro) il mobbing, la deportazione o trasferimento, la derisione, l'isolamento ? Oltre il danno anche la beffa!
E' questo un provvedimento apparentemente contro la corruzione, in realtà è l'ennesimo comportamento " mafioso". Il messaggio che arriva è : " Prova a parlare poi vedi cosa ti aspetta..." . Deve essere lo Stato a controllare e punire la corruzione non il cittadino .

silvana 08.07.18 13:14| 
 |
Rispondi al commento

bravissimi, lo sfascio criminale è davanti agli occhi di tutti, umiliante, quattro anni fa ho dovuto pagare il solito politico per far dare l'accompagnamento a una povera donna 95% invalida, aveva fatto 4 visite in commissione, sempre rifiutata, poi in Calabria ho dovuto andare dal solito ''amico'' per farla dializzare, ho visto con i miei occhi come stanno messi, da galera. Continuate azzerateli tutti

nico cerni, Dublino Commentatore certificato 08.07.18 12:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'unico modo per eliminare la corruzione occorre una pena secca di 30 anni di galera e confisca di tutti i beni.

Giuseppe Totaro 08.07.18 12:22| 
 |
Rispondi al commento

C'è un fenomeno, non saprei se esiste anche in altri paesi, per cui tanti medici in Italia utilizzano il pubblico solo per procurarsi malati per i loro studi privati. A chi non è capitato di fare una visita ad esempio dall'oculista pubblico, che, a parte i pochi comandi ha impiegato tutto il tempo a parlare di cucina con l'infermiera, oppure l'esame alla fine del quale l'infermiera ben addestrata ti propone la visita privata magari cantando le lodi del medico che ti ha appena fatto l'esame e che fino a quel momento non ti ha degnato neppure di uno sguardo, se ti vuoi togliere qualche soddisfazione.
Il metodo del feed back per me sarebbe vincente anche in questo caso.
Basterebbe un questionario alla fine della prestazione. Il paziente non potrà valutare nel merito le capacità del professionista ma dal punto di vista umano potrà essere molto utile per capire che tipo di lavoro svolge quel medico e la dedizione dimostrata verso il SSN o verso il paziente o verso il proprio tornaconto!

Pantomima Rossa Commentatore certificato 08.07.18 12:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Controllate il polo oncologico di lecce perche'il primario e' un ex politico.perche' e' uno schifo.abbandonano I pazienti, ridono se muore qualcuno etc etc.

Cristina andriani 08.07.18 11:50| 
 |
Rispondi al commento

Mentre rubano nella sanità.... Però tagliano personale nelle corsie nelle terapie intensive compromettendo la professionalità degli infermieri non tutelando i pazienti a causa di perso Ale stanco e sfruttato non facendo coprire unità mancanti. Tutto questo per abbattere i costi. Un infermiera nauseata dal sistema.

Catia grassi 08.07.18 11:44| 
 |
Rispondi al commento

la legge anti-corruzione si deve rendere efficace prima di tutte le altre iniziative, si deve approvare una legge che toglie TUTTO a chi viene preso in flagrante, sia beni materiali sia licenze, lavoro, radiato da ogni tipo di albo, chi corrompe o si fa corrompere, dovrà finire in mezzo ad una strada ma nel vero senso della parola, altrimenti non si riuscirà a debellare questo cancro. Buon lavoro, ragazzi, siete la speranza di un intero popolo.

giulio 08.07.18 11:34| 
 |
Rispondi al commento

Giacomo Tocco
1 min ·
Azz ... un saccheggio vero e proprio nelle ASL italiane !!!!!
Incredibile e sconcertante quanto postato dal Ministro della Giustizia Bonafede (M5S). Immaginavo una cosa del genere ma mai di queste proporzioni !!!!
Possibile che l'ANAC di Cantone, la GdF, la Corte dei Conti non si siano accorti di nulla ????
Ci sarà in questo Paese un qualcosa che non sia corrotto e/o compromesso ????
La terza Repubblica ha molto da cambiare ed augurarle un incoraggiante BUON LAVORO è il minimo da fare !!!!!

Giacomo Tocco, Bari Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau 08.07.18 11:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Una su quattro"? Diciamo otto su dieci. Sia nelle ASL, sia in altri enti dello Stato, si ruba a più non posso. Da sempre. Glielo dice un ex dipendete del Servizio Sanitario Nazionale. Al sud in particolare, rubano tutti. Dagli amministratori all'ultimo dipendente di basso livello. Ovviamente, i livelli più bassi si accontentano delle "briciole" (carta asciugamani, toner per stampanti, cancelleria, garze, disinfettanti e quant'altro). non esagero. E' così!

Giuseppe Stramaglia, Foggia Commentatore certificato 08.07.18 11:14| 
 |
Rispondi al commento

Nella Sanità come negli altri ambiti dello Stato i dipendenti devono lavorare a tempo pieno. Non si può servire due padroni perché né deriverebbero danni ad uno dei due. E sappiamo già in anticipo chi sarebbe. G.Mazz.

gianpiero m., Bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 08.07.18 10:48| 
 |
Rispondi al commento

Fondamentale è anche l'abrogazione dell'intramoenia, cosi da sviluppare il SSN ed evitare che noi cittadini cadiamo nel ricatto morale quando siamo costretti a servirci della sanità pubblica.

ALFREDO DI LORENZO, napoli Commentatore certificato 08.07.18 10:34| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori