Il Blog delle Stelle
Lotta alle mafie: più poteri alla Commissione Speciale Antimafia

Lotta alle mafie: più poteri alla Commissione Speciale Antimafia

Author di MoVimento 5 Stelle
ore 10:00
Dona
  • 20

di MoVimento 5 Stelle

Mettere fine alla parola “mafia” è sempre stato un faro che ha guidato il MoVimento sin dal suo inizio. Noi non stiamo perdendo tempo, e in Parlamento abbiamo già avviato in tempi brevissimi i lavori per la costituzione della Commissione Antimafia, presentando una proposta di legge del MoVimento 5 Stelle, che si prevede andrà in aula già la prossima settimana. Abbiamo proposto delle importantissime novità che consentirebbero un ampliamento dei poteri della Commissione su più fronti, in particolare riguardo a:

- vittime di estorsione e usura e, in generale a tutte le vittime delle mafie;
- rapporto tra mafie e informazione, in considerazione dell’elevato numero di pressioni ed intimidazioni a cui sono sottoposti i giornalisti;
- controllo sull’adeguatezza della normativa sulla confisca di beni di appartenenza alle cosche, così che i proventi illeciti siano utilizzati in modo più proficuo nell’interesse della collettività;
- estensione degli strumenti di lotta al terrorismo anche alle mafie.

La mafia è un fenomeno che per essere arginato necessita di un lavoro congiunto a tutti i livelli della società. Già nella precedente legislatura, abbiamo dimostrato come questo sia un tema che ci sta particolarmente a cuore, e ora è una priorità del contratto di Governo.

È giusto e doveroso parlare di rilancio dell’economia del Paese, di sostegno ai giovani lavoratori ma non possiamo rimanere indifferenti di fronte a fenomeni come l’acquisto di voti per poche centinaia di euro: è inaccettabile. Sono queste le situazioni che uccidono la democrazia, sfruttando la disperazione e la condizione di povertà di una fetta grandissima del Paese. Bene, noi vogliamo mettere fine a tutto ciò e abbiamo già proposto, tra l’altro, un ampliamento del reato di “patto di scambio politico-mafioso”. Sappiamo quanto sia lunga la strada, ma come ha detto “qualcuno”, “la mafia è un fenomeno umano e come tutti i fenomeni umani ha un principio, una sua evoluzione e avrà quindi anche una fine”.

E nella stessa direzione opererà oltre alla Commissione antimafia, anche la Commissione Ecomafie, anche questa pronta a partire, più forte ed efficace. Tra i nuovi compiti attribuiti alla Commissione Ecomafie c'è quello di indagare sui tanti, troppi incendi negli impianti di gestione dei rifiuti e nei siti abusivi, sugli illeciti relativi allo smaltimento dell’amianto e di verificare l’attuazione della legge sugli “ecoreati” del 2015. Questo ci consentirà di stare al passo con le evoluzioni del fenomeno, attribuendo ai commissari poteri anche nel campo della prevenzione degli illeciti, per metterli in condizione di valutare quanto essi siano sensibili alle infiltrazioni malavitose.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

6 Lug 2018, 10:00 | Scrivi | Commenti (20) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 20


Tags: commissione antimafia, ecomafie, mafia, parlamento

Commenti

 

DIAMO UN OCCHIO AL PORTO DI GIOIA TAURO..oppure siamo diventati tutti ciechi?

Luca Fini 07.07.18 23:14| 
 |
Rispondi al commento

LA DISONESTA' e la CORRUZIONE sono nel DNA del PD-FI (PARTITI dei DELINQUENTI)!
Ogni giorno arrivano le conferme che il PD/dc sia il partito dei MASSONI che, con l'altro partito FI dei MAFIOSI della mummia berlusconi,
gestiscono la delinquenza e la corruzione in Italia!

Il procuratore capo di Matera PIETRO ARGENTINO, ha parlato apertamente di sciacallaggio di potere e condizionamento sociale. Parole forti anche in virtù del fatto che MARCELLO PITTELLA viene descritto come la persona che influenza pesantemente le scelte gestionali delle aziende sanitarie e ospedaliere lucane nell’ambito dei concorsi indetti per la selezione di personale.

Dobbiamo accontentare tutti, diceva in un’intercettazione.
Frasi che rivelano, secondo le indagini della Guardia di Finanza, come il presidente
della Regione cercasse di gestire nomine e concorsi pubblici.
Gli accertamenti eseguiti dalla Procura e dalla Guardia di Finanza hanno evidenziato il totale condizionamento della sanità pubblica da parte di interessi privatistici e da logiche clientelari politiche.
Altre 29 misure restrittive sono state eseguite nei vertici delle aziende sanitarie lucane e Asl di Bari che riguardano persone coinvolte “a vario titolo in fatti riconducibili a reati contro la Pubblica amministrazione“.

Grazie ai MAGISTRATI ONESTI, ancora tante porcate del PD/dc-FI verranno ALLA LUCE, in tutto il paese.
Ma sarà la TOSCANA del RENZI giglio GEL-LI a dare le SORPRESE più infamanti che porteranno alla SCOMPARSA del PARTITO PD/dc.
AMEN!

giova31 07.07.18 17:10| 
 |
Rispondi al commento

Certo che la liberazione di Dell'Utri sembra fatta apposta per metterci in difficoltà con la lotta alla mafia potevano liberato con i precedenti governi .Ho visto mentre usciva e sono sicuro che restano in galera gente più malata emeno pericolosa di lui già a suo tempo fuggito all'estero

Antonio D., CARRARA Commentatore certificato 07.07.18 14:03| 
 |
Rispondi al commento

Salve Sig. & Sig.ra

Faccio prestiti a privati che vanno da 2000€ à 10.000.000€, concedo investimenti tra privati ed ogni tipo di prestito. Inoltre, faccio prestiti a corto, medio e lungo termine. Le mie transazioni sono assicurate da una banca che fornisce una sicurezza di quest'ultime, tutto ciò con un tasso d'interessi del 2%.Se siete interessati, contattatemi, per tutte le vostre richieste e proposte riguardo il tasso d'interesse ed i pagamenti secondo le vostre capacità.
Contattatemi via mail: corinneberthier007@gmail.com

whatsapp:0033756858871

Dorel N., milano Commentatore certificato 07.07.18 03:53| 
 |
Rispondi al commento

PRIMA DEI PROCLAMI
GUARDIAMOCI ATTORNO

Per favore, PENTASTELLATI cerchiamo di stare coi piedi per terra !

Sappiamo bene quanto sia enormemente complicato, particolarmente difficile mette re insieme leggi e norme efficaci che agiscano quanto meno da deterrente, da freno. Certo nulla su questa terra è impos sibile, quindi è bene sperare e provarci .

Allora, se proprio lo Stato, il Governo, il Parlamento, la Commissione Antimafia, le Istituzioni ecc. pensano veramente di avviare un serio processo di contrasto serio, concreto, effettivo alle MAFIE, bene si inizi da noi stessi incoraggiando com portamenti critici e pro-attivi dinanzi a tale fenomeno che corrode dalle basi la nostra Società.
Si affronti il problema partendo dalla COR RUZIONE nelle pubbliche Amministrazioni, nelle Forze dell'ordine, nei posti chiave e di comando. Sì dia un chiaro e concreto segnale di inversione di tendenza.

Le mafie vanno combattute dal di dentro, là dove si annidano e si alimentano grazie alla complicità di non pochi e al silenzio, indifferenza di molti .
Non a caso si parla di cultura e ambienti mafiosi. Allora contrastiamo le mafie partendo da qui: promuoviamo ed erigiamo a sistema, nel nostro tessuto sociale, nelle scuole, nelle PP.AA.nei luoghi di lavoro, nelle aule di tribunale la cultura dell'antima fia.
Mi rendo conto che è un lungo processo di acculturazione e crescita civile, sociale, ma è l'unica via praticabile assieme alla crescita occupazionale nel Sud e nelle regioni più a rischio.
Le mafie, è risaputo, la sociologia ce lo insegna, attecchiscono ancor di più e meglio dove c'è miseria, sottoccuopazione, sottocultura, fame di lavoro.

Diamo risposte adeguate alle richieste di giustizia sociale, di dignità umana, di lavoro e avremo si conseguentemente meno rischi d'involuzione sociale, di sviluppo delle criminalità organizzate, di delinquen za comune.
IO CI CREDO FERMAMENTE e voglio stare dalla parte del mio MOV. PENTASTELLATO.

Salvatore Cannatà (salvo niketeras), Mentana Commentatore certificato 07.07.18 00:03| 
 |
Rispondi al commento

I soldi sono alla base di tutto, quindi anche delle Mafie.
Non ho mai capito perché quando arrestano un mafioso, si legge, che gli vengono sequestrati numerosi c/c bancari, aziende, terreni, immobili, ecc. molte volte intestati a prestanome.
Come è possibile nel momento in cui per una legge del 1991 è vietato alle istituzioni compiere atti giuridici con soggetti mafiosi?
Ecco il rimedio che propongo.
Alle banche compiacenti che hanno aperto rapporti, oltre l'aspetto penale per i dipendenti, bisogna chiudere lo sportello e revocare il C. d. Amministrazione.
Per gli Avvocati, i Notai ( che costituiscono le varie società), per i commercialisti che danno consigli per evadere le tasse e altri professionisti che sono in contatto con i mafiosi, vanno cancellati dagli Ordini.
Per combattere le mafie, bisogna creare il vuoto attorno alla loro operatività e i consigli sopra espressi sono l'unica cura per estinguerle sul nascere.
G.Mazz.

gianpiero m., Bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 06.07.18 19:55| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici "Pentastellati", l'unico modo per eliminare le mafie DEFINITIVAMENTE è questo: chiunque venga arrestato con imputazione di essere un mafioso, gli si farà un processo regolare, ma alla fine se il tribunale lo condannerà per essere un mafioso... la sua condanna dovrà essere l' ERGASTOLO. Il colpevole perderà tutti i diritti e verrà posto in completo isolamento. Nessun contatto con familiari e altri.
Nessuno sconto, nessuna attenuante. Solo certezza della pena.
Stessa sorte toccherà a tutti gli affiliati del mafioso: galoppini, tirapiedi, guardaspalle... se verranno riconosciuti colpevoli di appartenere alla mafia... anche per loro ERGASTOLO. Questo servirà a spezzare definitivamente la catena degli accoliti che subito vorrebbero sostituire il mafioso arrestato. Non bisogna dare alcuna via di scampo a quelli che seguono. Chi ha a che fare con la mafia ('ndrangheta, camorra e sacra corona unita) tutti con l'ERGASTOLO.
Chi avrebbe voluto intraprendere la "carriera" del mafioso... ci penserà mille volte.
Se occorrerà, bisognerà costruire un vero carcere di massima sicurezza, molto capiente.
Io sarei per la pena di morte... ma si dice che non è civile.
Solo con l'applicazione delle pene appena descritte, si riuscirà a STRONCARE DEFINITIVAMENTE la mafia. Altrimenti, nel 3000, se la razza umana esisterà ancora, i nostri post-posteri dovranno ancora a combattere queste organizzazioni criminali, che hanno seminato male, rovina, dolore e morti.

Enrico Visetti 06.07.18 18:48| 
 |
Rispondi al commento

E' da circa 60 anni che sento parlare di lotta alla mafie. E sempre con le stesse prerogative. Questa Piaga Nazionale ha fatto si che i Governi riversassero risorse sui vari territori distogliendoli da territori onesti. Forse bisognerebbe cambiare atteggiamento.

Roberto Maccione Commentatore certificato 06.07.18 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Adesso che abbiamo un governo vero, NON come i precedenti che erano in combutta con le mafie, la trattativa Stato-Mafia può andare anche al diavolo. Sarà un lavoro immane, lungo e faticoso a cominciare dal parlamento, ma se mai si comincia mai si finisce. A voi l'onore di passare alla Storia a noi il sollievo di liberarci da quei maledetti vampiri succhiasangue!
SPERO CHE NON RESTINO SOLO PAROLE!

Dar T., dartes Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 06.07.18 17:56| 
 |
Rispondi al commento

Decenni di malgoverni ci avevano indotto a pensare che nulla si poteva contro le mafie. Ma ora qualcosa sembra muoversi

Stefano de matteis 06.07.18 17:11| 
 |
Rispondi al commento

LE MAFIE UNITE D'EUROPA E L'ECONOMIA INQUINATA

“Le mafie italiane non sono più le sole all'interno dell'Unione europea”, esiste oramai internazionale del crimine in Europa che tende a colonizzare un territorio, a creare dei punti di contatto per traffici e investimenti. Le mafie non si sparpagliano a caso, ma tendono a seguire direttrici specifiche dettate dalle opportunità di traffici e guadagni.

Una prima direttrice è infatti la penisola iberica, snodo del traffico di stupefacenti. La seconda è rappresentata da Germania-Belgio-Paesi Bassi, per la presenza dei porti di Rotterdam eAnversa. Arrivano migliaia di container al giorno, impossibile intercettare carichi di cocaina in assenza di segnalazioni precise. “I criminali, clan albanesi, russi, nigeriani, turchi e cinese. il 75% degli immobili di lusso a Londra fa capo a società estere”. I buchi neri, come i Paesi dell'Est dove la corruzione dilaga.

Il pericolo per l’Europa, il riciclaggio “che inquina l’economia legale” infiltrazione nelle banche dove approfittano il momento di difficoltà che stanno attraversando con la loro disponibilità di contanti. La droga resta il maggiore mercato illecito dell'Unione, a cui si dedica un terzo dei gruppi, per un valore al dettaglio stimato in 24 miliardi di euro l'anno.

Il traffico di migranti e alla tratta di esseri umani e la prostituzione destinati allo sfruttamento sul lavoro nero, Spaccio, accattonaggio specialità dei nigeriani valore 90 milioni al mese. la contraffazione e prostituzione gruppi cinesi, un solo sequestro di merci per 11 milioni di euro.

L'Europa incapace di affrontare il problema, il reato di associazione mafiosa, è previsto solo in Italia con l'articolo 416 bis del codice penale, non esiste strategia comune e se la criminalità continua a crescere significa che le leggi e strumenti organizzativi non sono sufficienti.

L'OFFSHORE E' TEMA CENTRALE LA CRISI AIUTA LA CRIMINALITÀ' A CRESCERE

Babak 06.07.18 16:00| 
 |
Rispondi al commento

IL DRAMMA DEGLI INCENDI DEI BOSCHI!
Molti sono programmati, provocati, ordinati e pagati da mafie, bande e clan a delinquere!
La legge n. 353 del 2000 e Nota a consiglio di stato-Sez. V- Sentenza 1 luglio 2005, n. 3674 (dieci anni di divieto di edificare,ecc..) NON sono sufficienti a contenere gli incendi voluti!
OGGI POSSONO COSTRUIRE NELLE ZONE INCENDIATE DIECI ANNI FA!
Le mafie sanno aspettare!
Dove incendiano OGGI, costruiranno fra 10 anni!
Innalziamo a 100 anni e finiscono gli incendi dolosi o almeno diminuiscono!

giova31 06.07.18 15:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ASPETTO VOSTRE COMUNICAZIONI IN MERITO .

Flavio Guglielmetto-Mugion, Torino Commentatore certificato 06.07.18 15:21| 
 |
Rispondi al commento

“Salvini: 42 milioni di euro spostati dall’accoglienza ai rimpatri volontari”

Bravo Salvini, mi sembra il minimo dopo quello che è emerso dal business dell'immigrato alimentato dai trafficanti, dalla mafia, politici corrotti, e gli "accoglienti", che, come disse Buzzi: "rende più della droga".

Avanti tutta, tagliamo la malapianta che cresce e si arricchisce con i soldi dello Stato sulla pelle dei disperati.

OTTIMO IL GOVERNO CONTE: OTTIMI I SUOI MINISTRI

friso r. Commentatore certificato 06.07.18 13:40| 
 |
Rispondi al commento

occorre perseverare, bravi e avanti tutta.

mzee.carlo 06.07.18 13:30| 
 |
Rispondi al commento

Ci sarà una fine, certamente ma come si sol dire: il pesce quando inizia a puzzare, inizia dalla testa, dal cervello ossia i capi, i pesci grossi, i politici italiani senatori europei di Forza Italia e PD in primissima c'è Tajani FI,Pittella, Fedeli Elisabetta Trenta, Nadia Ginetti, in attuazione Trattato di Lisbona”, concordata come cooperazione strutturata permanente (PESCO).
Venendo al mio discorso trattasi di più pesci ♓ in faccia a loro.
A presto

David Catalano 06.07.18 12:20| 
 |
Rispondi al commento


esiste solo un modo per debellare definitivamente le mafie e liberare il sud da questa calamità,applicare il codice dei romani ossia reintrodurre l'esilio forzoso.Primo:togliere la cittadinanza ai mafiosi conclamati,e si sa chi sono,poi esiliarli forzatamente a 21 miglia dalle coste italiane in modo che non possano far più ritorno.

roberto c., desio Commentatore certificato 06.07.18 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Benissimo aspetterò gli sviluppi nelle prossime settimane perché non saprei a quale santo rivolgermi.
Praticamente la mafia si è impossessata di un casa e dei miei terreni in Sicilia.
Sono un iscritto al M5S.

A.A.S. 06.07.18 11:29| 
 |
Rispondi al commento

Bravi! Avanti cosi'! Grazie!!!

Cristina andriani 06.07.18 11:02| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori