Il Blog delle Stelle
L’azzardo: moltiplicatore negativo dell’economia

L’azzardo: moltiplicatore negativo dell’economia

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 30

di MoVimento 5 Stelle

Lo stop alla pubblicità ed alle sponsorizzazioni legate al settore dell’ azzardo previsto nel Decreto Dignità è il primo passo fondamentale per combattere un fenomeno che è anche un moltiplicatore negativo dell’economia. Dopo la liberalizzazione selvaggia degli ultimi 15 anni è necessario che il settore rientri nei limiti fisiologici. Le liberalizzazioni selvagge iniziate nel 1999 e proseguite negli anni, nel 2017 hanno portato a dati allarmanti: 102 miliardi di euro azzardati, con solo 9 miliardi di entrate per lo Stato, dal settore online addirittura solo un ottantesimo torna alle casse pubbliche. L’Italia è il paese europeo dove si ‘azzarda’ di più in Europa, e il quarto al Mondo. Un record negativo.

E’ un settore che colpisce sempre più il reddito delle famiglie, con danni pesanti anche per l’ economia sana e produttiva. Vediamo il perché. A tutti sarebbe utile approfondire, quanto spiega da anni il professor Maurizio Fiasco della Consulta anti-usura della Cei con ricerche indipendenti.

L'azzardo è un moltiplicatore negativo dell'economia : in termini di depressione dei consumi, mancati stimoli alla produzione, distruzione di opportunità d'impiego. Più il settore si allarga e meno l’economia reale cresce rallentando l’uscita dalla crisi. Fiasco nel 2013 ha calcolato che l’ azzardo allunga i tempi della crisi economica. Cinque anni fa, ed oggi i dati sono vertiginosamente peggiorati, si calcolava che con l’ espandersi dell’ azzardo si sono persi 115.000 posti di lavoro (90.000 nel commercio e 25.000 nell indotto industriale). Nel 2013 ‘azzardopoli’ dirottava 20 miliardi di euro dall’ economia reale sottraendoli così al commercio. Oggi sono molti di più! Tutto questo bruciando 70 milioni di ore di lavoro.

Questo è un dato che sempre più commercianti, albergatori, ristoratori, l’indotto industriale produttivo collegato, capiscono perfettamente. Ogni euro gettato nel “tentar la sorte” è un euro in meno al commercio ed al suo indotto industriale. Tutto ciò con un mancato incasso in Iva sui consumi che si aggira intorno ai 3,5-4 miliardi. Quindi altri danni per lo Stato.

Vietare pubblicità e sponsorizzazioni libererà media, sport, cultura ed anche chi cura i malati di azzardo(!) dai condizionamenti del settore.

A chi parla di “populismo” ricordiamo che la Corte di Giustizia Europea nel gennaio 2015 ha stabilito che uno Stato può “vietare totalmente o parzialmente” il gioco d’azzardo o limitarlo con “modalità di controllo più rigorose”, perché ciò è “giustificato da motivi di interesse generale, quali la tutela dei consumatori nonché la prevenzione delle frodi e dell’incitamento dei cittadini a spese eccessive legate al gioco”. Nello specifico della normativa italiana si sottolinea che “l’obiettivo attinente alla lotta alla criminalità collegata a tali giochi è idoneo a giustificare le restrizioni delle libertà fondamentali derivanti da tale normativa”. E si riconosce anche un “ampio potere discrezionale che si basa sulla propria scala di valori di ordine morale, religioso e culturale”.

In queste giorni, mentre le lobby dell’azzardo e chi incassa i loro finanziamenti ha trovato spazio su giornali e tv, decine di associazioni confessionali e laiche e personalità si sono espresse praticamente nel silenzio a favore dell’abolizione totale di pubblicità e sponsorizzazioni.

Chissà perchè coloro che ricevono le pubblicità, che andremo ad abolire con il Dl Dignità, non riportano con lo stesso spazio le loro ragioni. Le ricordiamo e ringraziamo:
Consulta anti-Usura della Cei con Monsignor D’Urso (https://agensir.it/quotidiano/2018/6/28/divieto-pubblicita-azzardo-mons-durso-consulta-nazionale-antiusura-senza-se-e-senza-ma-societa-sportive-e-media-non-si-oppongano/)
quotidiano Avvenire (www.avvenire.it )
Vita.it – rivista del Terzo Settore (www.vita.it)
Settore Movimento No Slot (http://www.vita.it/it/article/2018/06/29/movimento-no-slot-avanti-col-decreto-dignita-e-lo-stop-alla-pubblicita/147412/)
Campagna ‘Mettiamoci in Gioco (Tra i firmatari della campagna figurano Acli, Adusbef, Anci, Arci, Auser, Avviso Pubblico, Azione Cattolica, Cgil, Cisl, Uil, Cnca, Missionari Comboniani, Salesiani, Federconsumatori, Gruppo Abele, Lega Consumatori, Libera contro le mafie, Legautonomie-Terre di mezzo, Uisp)
Conagga (https://www.gioconews.it/politica-generale/57362-conagga-per-gioco-e-tabacchi-trattamenti-similari-su-pubblicita)
Slot Mob (https://twitter.com/Slotmob )
Caritas Roma (https://twitter.com/CaritasRoma/status/1011611305906704384)



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau


bannerrousseau.jpg

1 Lug 2018, 15:30 | Scrivi | Commenti (30) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 30


Tags: azzardo, gioco

Commenti

 

eliminare le slot machine,i gratta e vinci,per il lotto è sufficiente una estrazione a settimana.Questi erano i provvedimenti da prendere,bastava un pò di coraggio,ancora una volta ci dobbiamo ACCONTENTARE.

alfredo l., macerata Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 03.07.18 17:16| 
 |
Rispondi al commento

Io e mio marito se entriamo in un locale che ha slot machine usciamo spiegando che non gradiamo come clienti la presenza di quelle macchinette.

Questoè un vito a fare con l'esempio.
Paola

Paola Fortini, Roma Commentatore certificato 03.07.18 10:53| 
 |
Rispondi al commento

Le macchinette sono la conseguenza della politica balorda dei compagni ,D'Alema cominciò con le salle Bingo ve le ricordate le fecero passare per una ricreazione per anziani,fu fondata Lottomatica ,amici degli amici con generosi contributi al Pds o come diavolo si chiamava allora e da quellisi passò alle slot che devono restituire il 75% in vincite e ogni tot giocate devon0 scaricare e allora che succede i cinesi titolari di bar e comunque anche gli italiani vedon0 qual'è la macchina che gioca di più e dopo la chiusura prendono qualche euro e scaricano cosicché la mattina dopo riarrivano i polli e si ricomincia da capo non sono giochi di abilitàa quel punto è meglio provare con un ternoal Lotto anche se anche là non è tutto chiarissimo.

ALBERTO G., Teolo Commentatore certificato 02.07.18 22:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

--------ho visto vecchiette che stavano alle 4 del mattino
totalmente imbarlate
sperando di recuperare
i soldi sottratti con il trucco
per rubare ai poveri per dare ai ricchi
agi e privilegi_
non avrebbero mai immaginato i gestori vari
che in quesri vent'anni sarebbe piovuta una
tale manna dal cielo_
ed eccoli tutti addannati a scaraventare fuori dai bar agran velocità, biliardi e tavolini dove giocare a quei tre giochi di carte non vietati, con tanto di regolamento appeso al muro con elenco sanzioni-
ed eccole comparire magiche macchinette
luccicanti
che poi dentro covasse la peste, non importa affatto_
tutti lo sanno e tutti lo sapevano
e nessuno si è mosso, per carità
sennò addio MANNA

FABIO B., bologna 02.07.18 14:31| 
 |
Rispondi al commento

tempo fa parlavo con uno che ogni tanto giocava ai cavalli.

mi diceva che andava all'ippodromo, e con 10 mila lire (allora c'era la lira) passava una giornata all'aria aperta divertendosi. se oltretutto vinceva, bene. se perdeva, non sarebbe stato un incubo.

la stessa cosa si puio' fare in un casino', si va con 50 euro e si passa la serata, in un ambiente e in un'atmosfera particolari e belli.

portare il gioco d'azzardo in un bar o in una sala corse, perde completamente quel fascino, atmosfera e aspetto ludico che hanno invece casino' e ippodromo. tutte cose che nobilitano il gioco d'azzardo e lo fanno essere degno di essere vissuto.

che brutta immagine invece quella della vecchietta che si spara la pensione nella macchinetta del bar sotto casa. brutta immagine, deleteria sotto tutti i punti di vista. chiaro che la macchinetta da bar e' fatta solo per essere una "mangiasoldi" spietata, una trappola a danno poi dei piu' indifesi. non c'e' aspetto ludico, piacere, possiamo anche dire "cultura". quel tipo di gioco d'azzardo va combattuto.

carlo 02.07.18 09:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Secondo me le persone e non le lobby o le gigantesche macchine da soldi che si celano dietro a questa piaga sono al 100% per la totale abolizione del gioco d'azzardo
Fate un referendum allora
Vedrete

Ricordiamo che si tratta di un fenomeno che non genera alcun posto di lavoro o ben pochi in proporzione al fatturato.
Tutto l'online viene gestito automaticamente e se ci sarà qualcuno che segue non è dicerto in Italia
Le schifosissime sale giochi quanto personale impiegano e a che condizioni?
se la gente spendesse i suoi soldi invece diversamente genererebbe certamente più posti lavoro
Il gioco di azzardo online che non so se possa essere vetamente abolito dovrebbe essere tassato al 60%.

Dani Cap 02.07.18 09:33| 
 |
Rispondi al commento

Lo penso e lo sempre sostenuto che quelle macchine rubba soldi vanno eliminate da tutti i locali pubblici. Stanno continuando a distruggere gli italiani facendo leva sulla miseria e sulla fragilita, perché non c'è lavoro la gente tenta la fortuna o forse meglio la rovina

Fabio sardegna 02.07.18 09:23| 
 |
Rispondi al commento

secondo me le cifre sono maggiori,provate ad andare in una sala VLT tutto il giorno e vi accorgete di quanti soldi SPRECATI ,senza le slot la gente avrebbe piu' soldi in tasca e l'economia girerebbe diversamente.Controllate chi negli anni passati a fatto dichiarazione TOMBALE per sanare guadagni provenienti da slot.Lo slogan di qualche anno fa era che creavano posti di lavoro,nuove sale,nuovi bingo.Ma quante persone si sono rovinate e tuttora non fanno girare l'economia perche' come una droga li spendono li .Perche' non abolirle ??

Luca Vaccaro 01.07.18 22:49| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera, infinite grazie per le battaglie che state portando avanti. Penso che comunque il gioco d'azzardo andrebbe abolito del tutto. Ciao a tutti.

ROBERTO MUSCO, SIRACUSA Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 01.07.18 17:01| 
 |
Rispondi al commento

c'e' un modo
_obsolescenza_

nessun proibizionismo

fate un decreto con giocata massima a 0,10 centesimi
e vincita massima di 20/25 euro-

si auto-elimina la questione in 2 settimane_

certamente arriveranno le bische
ed allora i controlli serviranno a qualcosa

FABIO B., bologna 01.07.18 15:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Piaga sociale con danni enormi di capitali e persone. Di difficile soluzione, anzi, in continuo incremento anche tra categorie di persone che fino a qualche anno fa resistevano meglio quali donne e anziani. L'impoverimento seguito alla crisi ha peggiorato notevolmente la situazione.

Pasquale M., Airola Commentatore certificato 01.07.18 14:58| 
 |
Rispondi al commento

ma pensiamo di risolvere eliminando la
PUBBLICICTA' ???

FABIO B., bologna 01.07.18 14:56| 
 |
Rispondi al commento

Come se il gioco d'azzardo facesse PIL perchè entrato nel cosiddetto " Paniere ", calmiere dei Prezzi, tra gli Articoli più " venduti " ed utilizzati.....#cheschifo!!!!!!

Maurizio De Tomasi, Alghero Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 01.07.18 14:21| 
 |
Rispondi al commento

Il gioco d'azzardo prolifera dove ce poverta'. Per cui il primo provvedimento e' dare lavoro e dignita'.

Roberto Maccione Commentatore certificato 01.07.18 13:51| 
 |
Rispondi al commento

#boycottPrezziCheFinisconoIn_9

Pierpaolo W., Trieste Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 01.07.18 13:01| 
 |
Rispondi al commento

PS BOYCOTT I PRODOTTI CON I PREZZI CHE FINISCONO CON ...9 OPPURE ...9,99. CAMPAGNA PER I PREZZI CHIARI E TONDI! #boycot9

Pierpaolo W., Trieste Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 01.07.18 12:54| 
 |
Rispondi al commento

Voglio raccontarvi una breve storia mia personale. All'inizio degli anni '70 avrò avuto 13 anni, e nei bar apparvero i primi ingenui giochi a premio. Si trattava di cartoni, posti in verticale, nei quali erano inseriti 100 rotolini di carta che potevano essere presi e aperti con la spesa di 100 lire ognuno, un caffè o poco più. a fianco c'era una vetrinetta con una decina di premi in cui il più alto era un orologio bello, ma di poco valore. Più rotolini venivano comprati dai clienti del bar,più il cartone rimaneva pieno di buchi lasciati dai rotolini già estratti (per questo il gioco veniva chiamato 'i buchi') e meno premi rimanevano nella vetrinetta. Una cosa ingenua. Tuttavia, a discapito della mia giovane età, dopo averci giocato per qualche tempo, intuii l'andazzo e, genietto quale ero, precognizzai che prima o poi si sarebbe fatta una Finanziaria sui giochi d'azzardo. Negli anni '80 ciò avvenne davvero! Per farla breve, da allora non giocai mai più d'azzardo, mai più, neanche un euro. Non accetto buoni, promozioni, gratta e vinci offerti al supermercato, fideizzazioni, ecc. Chi tenta la sorte non è più pronto a lottare e pretendere uno stipendio dignitoso. Chi accetta di vincere soldi non dà più valore al giusto guadagno, quello basato sulla dignità. Chi accetta sconti e promozioni non capisce più che i prezzi devono essere giusti, trasparenti e confrontabili. Chi gioca diventa schiavo, non solo e non tanto del gioco, ma del 'Mercato' selvaggio, incontrollabile e truccato. Chi gioca d'azzardo diventa uno 'stupido sociale'. Chi gioca d'azzardo non andrà in piazza a protestare. Diventa, pian piano marcio dentro e dannoso a tutti gli altri, diventa, a sua insaputa, un vero e proprio nemico del popolo.

Pierpaolo W., Trieste Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 01.07.18 12:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Parlate di gioco con la stessa competenza con cui io potrei parlare di fisica nucleare: per slogan e senza considerare le dinamiche del comparto. Un intervento è necessario, addirittura indispensabile ma dovrebbe essere concordato con le parti e guidato verso l'obiettivo. L'obiettivo del governo non mi è chiaro e, stando alle dichiarazioni di Di Maio, non è chiaro neanche a lui: il divieto di pubblicità non elimina le decina di migliaia di locali in cui puoi giocare d'azzardo nè limita il fenomeno dell'online che si sposterà su canali non normati e dove il Governo non ha potere di regolamentazione. A giugno 2018 c'è stato un Bando e sono state assegnate 80 licenze per il gioco a distanza, il bando delle agenzie fisiche di scommesse è scaduto a giugno del 2016 ma tutte continuano ad operare con la vecchia licenza. A breve verranno indette le Gare per il Bingo...Se si vuole limitare il gioco bisogna conoscere l'impianto concessorio che ha determinato diritti e doveri tra aziende, Stato e cittadini. Comprendo che ragionare è più complesso che annunciare tramite slogan ma è necessario. Su questo tema, il M5S rischia la brutta figura addirittura nel breve periodo perchè quel mercato è molto fluido e dinamico e si adatta rapidissimamente. Dopo 3 mesi sarà sotto gli occhi di tutti il disastro di aver deregolamentato attraverso il proibizionismo: sembra una contraddizione ma non lo è. Il M5S ha pieno diritto di avere un'idea contraria al sistema concessorio ma deve accompagnare i processi. Pensare, riflettere, discutere, agire e non agire e poi pensare.

daniele toscano 01.07.18 12:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

FICO CON LE SUE DICHIARAZIONI SULLE ONG E SPADAFORA CON LE SUE DICHIARAZIONI SUL GAY PRIDE A POMPEI (SVOLTOSI PER GIUNTA IN PIENA SFIDA E DISPREZZO DELLA SACRALITA' DEL LUOGO), SONO DUE PERSONAGGI A DIR POCO AMBIGUI CHE, COME TALI, DANNEGGIANO TANTISSIMO IL MOVIMENTO 5 STELLE.

SE CADESSE IL GOVERNO E SI DOVESSE ANDARE AD ELEZIONI ANTICIPATE, SALVINI ASFALTEREBBE ANCHE IL MOVIMENTO 5 STELLE CON RELATIVA FACILITA'.

ALTI DIRIGENTI PENTASTELLATI, PRENDETE PUBBLICAMENTE E VEEMENTEMENTE LE DISTANZE DA PERSONAGGI SIMILI, SE AUSPICATE NON DICO L A SOPRAVVIVENZA, MA LA PROSPERITA' POLITICA DEL MOVIMENTO.

IL TUTTO PER IL BENE DELL'ITALIA.

VERCINGETORIGE 01.07.18 12:22| 
 |
Rispondi al commento

il gioco d'azzardo è veramente uno schifo e in più lo stato non incassa nulla.

Paolo 01.07.18 12:15| 
 |
Rispondi al commento

Giuseppe Cracchiolo: Sono fiero di NON aver dato in affitto un mio locale che si trova accanto ad un pub a roma, a san giovanni a gente che avrebbe messo le slot machine Preferisco tenerlo sfitto che sentirmi complice della rovina delle persone Fiero di non averlo ceduto anche se mi avevano proposto un canone raddoppiato

Giuseppe Cracchiolo 01.07.18 12:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Avevo letto che Adam Smith diceva che il gioco d'azzardo e una tassa sulla stupidita, secondo me va nazionalizata e poi tolta di mezzo.

Mose Franco 01.07.18 11:31| 
 |
Rispondi al commento

Quando, in Italia, nel 1999 sono arrivate le liberalizzazioni, noi italiani non avevamo gli anticorpi per affrontare i pericoli insiti nelle liberalizzazioni stesse. E mi riferisco allo Stato assistenziale e al clientelismo che ci hanno diseducati ad essere quantomeno diffidenti. Pensavamo che tutto restasse come prima. Abbiamo atteso che smantellassero lo Stato sociale pezzo per pezzo prima di accorgerci che su di noi non c'erano più ombrelli protettivi. Poi siamo entrati nell'euro e nella UE, con Prodi che ci ha legato mani e piedi a una moneta forte e alle economie del nord Europa che invece avevano gli anticorpi per affrontare il libero mercato.

martamaria 01.07.18 10:51| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori