Il Blog delle Stelle
La lotta all'azzardopatia non si ferma con i ricorsi

La lotta all'azzardopatia non si ferma con i ricorsi

Author di Virginia Raggi
Dona
  • 19

di Virginia Raggi, sindaco di Roma

La nostra lotta all’azzardopatia va avanti e faremo il possibile per arginare una piaga sociale che sta impoverendo tanti cittadini, mettendo a rischio la loro salute.

Un’associazione che rappresenta gli operatori del gioco ha fatto ricorso al Tar contro la mia ordinanza che limita le fasce orarie di funzionamento delle slot e delle altre apparecchiature da gioco negli esercizi commerciali o nelle sale dedicate. Il Tribunale per il momento ha respinto la richiesta di sospensiva dell’ordinanza. È una prima vittoria ma attendiamo rispettosamente che i giudici si esprimano nel merito.

Quel che conta è ribadire che non ci fermeranno i ricorsi o l’opposizione di chi afferma che a Roma non ci sia un fenomeno rilevante di dipendenza patologica dal gioco d’azzardo. Noi continueremo a tutelare la salute e la qualità della vita dei cittadini e delle loro famiglie.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

15 Lug 2018, 11:00 | Scrivi | Commenti (19) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 19


Tags: azzardopatia, MoVimento 5 Stelle, Virginia Raggi

Commenti

 

Brava Sig.ra Sindaco. Questa lotta al gioco d'azzardo va fatta su tutti i fronti. Grazie per il vostro Impegno.

ROBERTO MUSCO, SIRACUSA Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 18.07.18 08:43| 
 |
Rispondi al commento

GIOCO D'AZZARDO UN'OPPORTUNITÀ PER LE MAFIE

Il gioco d'azzardo, oltre che risorsa fiscale, è una risorsa per le mafie. Lo dimostra anche la notizia odierna, circa l'utilizzo fatto dalla 'ndrangheta del Superenalotto, come strumento di riciclaggio. Un altro esempio di come mafia e gioco d'azzardo siano legati.

L'ultimo numero di Narcomafie - mensile edito dal Gruppo Abele - entra nel dettaglio di queste relazioni pericolose. Sorprendenti i numeri dell'inchiesta: dal 2003 si è assistito a un incremento della spesa delle famiglie destinata al gioco: dai 17,3 miliardi del 2003 ai 54,4 del 2009, il 2010 60 miliardi.

Un'industria del calibro di Fiat, Telecom e Enel, con un fatturato che nel 2009 ha raggiunto il 3,7% del Pil ma di cui solo 8,8 miliardi di euro sono tornati all'erario. La crescita delle entrate dello Stato è inversamente proporzionale allo sviluppo del gioco: si è vista una riduzione del prelievo erariale dal 29% nel 2004 sino al 16% del 2009. Le newslot - videopoker e simili - , capaci di raccogliere nell'ultimo anno oltre 25 miliardi di euro, raccolgono il doppio della cifra, ma gli altri 25 miliardi sfuggono alle registrazioni.

Il business delle macchinette alterate riguarda 300 mila postazioni, ed è quasi impossibile controllarlo. La regolazione del gioco in Italia è talmente contraddittoria che la criminalità organizzata non si preoccupa neppure di imbastire un sistema di gioco d'azzardo illegale: le basta infiltrarsi nei circuiti legali. Sono stimati in 2 miliardi e mezzo gli introiti della "mafia da gioco" nel solo 2009. Basta guardare al numero di Procure impegnate su questo tema nell'ultimo anno, ben 12, in ogni parte d'Italia. Un business che sembra non conoscere confini..

È nuovo record per l’azzardo in Italia 2016 “giocato” ben 95 miliardi di euro: 260 milioni al giorno, 3.012 euro al secondo. Malgrado crisi e problemi economici, o forse proprio per questo, c’è stato un aumento di 7 miliardi, l’8% in più rispetto agli 88 miliardi

Babak 16.07.18 07:10| 
 |
Rispondi al commento

Brava Virgina.
Devono chiudere!!!

undefined 15.07.18 20:26| 
 |
Rispondi al commento

Brava Virginia, saluti da Cagliari

patrizia v., cagliari Commentatore certificato 15.07.18 17:35| 
 |
Rispondi al commento

digli che si preparino
-
al prossimo giro , le eliminiamo del tutto.

FABIO B., bologna 15.07.18 15:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ottimo il senatore Endrizzi questa mattina a omnibus sull'azzardo:
https://www.youtube.com/watch?v=5qAzOeVyufM

Alfredo 15.07.18 15:06| 
 |
Rispondi al commento

Invece di cercare regolamenti che ne dite di proibire nei bar il gioco d'azzardo come si faceva fino a pochi anni fa. Altri discorsi o distinguo sono solo fuffa. Sarete valutati anche per questo.

FRANCO BERTOLINI 15.07.18 14:31| 
 |
Rispondi al commento

A questi personaggi bisogna attaccarli sul piano della legalità. Mandiamo una visita fiscale e finanziaria per verificare la loro attività e come hanno accumulato la ricchezza. Solo con controlli capillari possiamo pulire la ns società. Brava Virginia. G.Mazz.

gianpiero m., Bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 15.07.18 14:05| 
 |
Rispondi al commento

Non facciamoci intimidire !!!
Il gioco d'azzardo è nelle mani di evasori fiscali e di mafiosi che trovano accoglienza presso i vecchi Partiti : vi ricordate quando alcuni Comuni volevano proibire le sale gioco vicino alle scuole? Una deputata di Forza Italia ha presentato una proposta di legge per ridurre a quei Comuni parte dei contributi statali.
Stupidità o sostegno alla mafia del gioco d'azzardo?
Spazziamoli via tutti

Roberto C., Venezia Commentatore certificato 15.07.18 13:44| 
 |
Rispondi al commento

Brava Virginia

scipione SCAPATI, CERVIGNANO DEL FRIULI Commentatore certificato 15.07.18 13:32| 
 |
Rispondi al commento

giocare per scommettere una vincita è di fatto un atto irrazionale se ripetuto più volte , denota la psicologia del perdente , l'illuso , che trova conforto nel gioco , accorgendosi troppo tardi che è solo un' illusione , la collettività dovrà farsi carico delle problematiche di queste persone , e lo Stato è un' irresponsabile continuando a plagiare milioni di persone in un modo cosi meschino , se poi ci sarà qualche migliaio di posti di lavoro in meno , sempre meglio dei milioni di malati psichici da curare

angelo miccinilli Commentatore certificato 15.07.18 12:45| 
 |
Rispondi al commento

Fanno il loro gioco Virginia. Tu non mollare e vai avanti per la tua strada, ci proveranno sempre e comunque, gli affari non si fermano davanti a nulla, neanche a vite e famiglie distrutte dal gioco!

Pasquale M., Airola Commentatore certificato 15.07.18 12:43| 
 |
Rispondi al commento

Provvedimenti giusti. Gli italiani si aspettano questo.

Maurizio Rizzi 15.07.18 12:43| 
 |
Rispondi al commento

Dare tempo 24 max. 36 mesi per chiudere tutte la sale da gioco presenti in città e provincia (ce ne sono centinaia) e autorizzare l’apertura di una unica struttura (casinò), magari in zona litorale, polifunzionale che sia non accessibile ai residenti di Roma e provincia e che abbia il divieto di ingresso per i minori di 21 anni …

Armando 15.07.18 12:42| 
 |
Rispondi al commento

e a chi piange (da ipocrita qual è) la perdita di posti di lavoro, gli si ricordi (ma lo sa) la morte di tante persone rovinate dal gioco d'azzardo !
Chi rimane senza lavoro può rifarsi prima o poi, mentre chi è morto dopo aver rovinato se stesso e la famiglia rimane sulla coscienza di questi cosiddetti IMprenditori dell'azzardo..
Gli orrifici BASTARDI e FALSI che ora piangono e fanno i ricorsi, sono dei banditi di strada senza pudore; ladri matricolati al soldo di tante forme di mafia se non mafiosi loro stessi anche se col colletto bianco degli 'affari'; e si chiamano 'affari' lo spremere fino al midollo tutti i cittadini italiani e non, che capitano fra le loro grinfie prensili !
ora che qualcuno cerca nel cambiamento di controbattere questa delinquenza. sono fuoco e fiamme, ma non ci tireremo indietro...
VIVA il CAMBIAMENTO ! VIVA il MOVIMENTO 5 STELLE ! VIVA la LIBERTA' !

PIO Z., Trento Commentatore certificato 15.07.18 12:38| 
 |
Rispondi al commento

Come al solito questi MAIALI frappongono sempre ostacoli al buon andamento dell'Amministrazione.
Ma che dio vi fulmini!
In Italia ci sono ancora troppi STRONZI!

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 15.07.18 12:20| 
 |
Rispondi al commento

Benissimo, Sindaco.

La strada è quella giusta, quindi, avanti senza se e senza ma.

Le lobby del gioco dovranno farsene una rapida, inevitabile ragione e cominciare a cercarsi un'altro lavoro.

Vincenzo C., Strambino Commentatore certificato 15.07.18 11:54| 
 |
Rispondi al commento

Brava virginia!!!

Cristina andriani 15.07.18 11:35| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori