Il Blog delle Stelle
In Europa per i diritti delle piccole e medie imprese italiane

In Europa per i diritti delle piccole e medie imprese italiane

Author di Luigi Di Maio
ore 16:13
Dona
  • 15

L'intervento di Luigi Di Maio alla Assemblea nazionale di Confartigianato

di Luigi Di Maio, ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico

Vengo da una famiglia che ha fatto impresa per trent'anni, piccola impresa, e so che chi è imprenditore in questo Paese nella piccola impresa e anche un dipendente che ci lavora ogni giorno e chi è dipendente si sente anche un po' imprenditore, altrimenti il miracolo del made in Italy nel mondo non lo avremmo mai fatto, non l'avremmo mai portato ovunque.
Questo valore di mettere insieme chi dà lavoro e chi lavora, all'interno dell'impresa, è un concetto che abbiamo messo insieme con questi due ministeri: quello del Lavoro e quello dello Sviluppo Economico.
Da una parte, a volte, affronti delle grandi vertenze su dei grandi problemi occupazionali, ma dall'altra puoi produrre quelle norme, quelle politiche per evitare che quelle aziende continuino nelle loro crisi o nelle loro difficoltà.

È il primo punto che porteremo avanti come politica di governo è proprio la fine alla guerra tra poveri, quando si prova a contrapporre il piccolo imprenditore e i suoi dipendenti: queste due persone queste due figure sono quelle che ci hanno fatto grandi nel mondo, che hanno fatto il miracolo dell'export.
Io credo che la piccola impresa italiana abbia il valore di trasmettere un concetto: il profitto non è fine a se stesso, il profitto serve allo sviluppo economico a migliorare la qualità della vita e soprattutto a sviluppare l'economia reale italiana. Certo, il livello di tassazione rispetto ai servizi è veramente ridicolo, e bisogna lavorare in questo senso. A partire dall'idea della Flat Tax che abbiamo messo nel contratto.

C'è un punto fondamentale che dobbiamo cambiare: utilizzare le imprese per fare cassa, questo principio non è più un principio attuale, ma soprattutto è diventato un terrore continuo dei professionisti dei piccoli imprenditori, ma anche dei medi e dei grandi.
È stato introdotto tanto in questi anni: spesometro, redditometro, split payment, studi di settore. E noi siamo impegnati proprio in queste ore a scrivere un primo decreto legge che si chiama decreto dignità che affronta tutti questi temi.
C'è un concetto che ho molto a cuore e faccio questo appello al Parlamento da Ministro: dobbiamo toglierci dalla testa l'illusione che, in questo Paese si possa regolare tutto con le leggi non sono le leggi gli unici strumenti che possono regolare la vita quotidiana delle imprese e dei cittadini, anzi il fatto che si possa pensare sempre ad una nuova legge per ogni problema non ha fatto nient’altro che creare un tale groviglio di leggi per cui ormai ogni cittadino ha sempre paura di dimenticarne una delle centinaia di migliaia che ci sono vigenti e che a volte si contraddicono tra di loro.

Quindi l’appello che faccio ai Parlamentari è: fate poche leggi ma buone e abolite le tante che non servono, lavorate su questo fronte. Ogni volta che si fa una nuova legge, bisogna indicare almeno due o tre leggi inutili da abolire così da tenere sempre il saldo in attivo contro la burocrazia e questo ci può aiutare molto in quello che è un meccanismo che oggi ha portato nell'ultima legislatura una nuova legge ogni due giorni e mezzo.
Le nomine che si andranno a fare nei prossimi giorni, nei prossimi mesi in questi importanti polmoni economici del Paese come cassa depositi e prestiti possono essere un'opportunità di individuare una mission che è quella prima di tutto di lavorare per ridurre e eliminare il debito che lo Stato ha nei confronti delle imprese. Questo debito purtroppo ha portato al fallimento di tante aziende.
Lavoreremo sull'impignorabilità vera della prima casa e anche su un'altra cosa che è lo strumento del DURC su cui dovremo fare un po’ di chiarezza, perché quello strumento oggi entra in questo meccanismo infernale dei debiti-crediti e non permette alle aziende neanche di trovare nuove occasioni con lo Stato per riuscire ad affrontare la mancanza del pagamento.

Noi non dobbiamo combattere il fatto che le aziende siano piccole, noi dobbiamo considerare quelle come la nostra principale risorsa. Io so quali sono le remore che tutti mi dicono sul riservare una buona parte degli appalti pubblici alle piccole imprese, alle medie imprese, le remore sono tutte legate a una serie di normative europee che riguardano i sistemi di concorrenza. Ma sono tutte normative che non hanno mai tenuto presente che cosa fosse l'Italia dal punto di vista produttivo e allora io vi dico questo: ci sono tante battaglie da fare in Europa, ma è chiaro che quella più importante passa per rimettere la piccola impresa col suo modello, quello italiano, al centro di queste normative e quello che sta succedendo sull'immigrazione è solo l'antipasto delle battaglie che faremo per le imprese economiche a livello europeo. Poi è chiaro che dobbiamo proteggere il nostro tessuto produttivo anche da una serie di trattati o di concessioni che si stanno facendo. Oggi abbiamo un paese come gli Stati Uniti che ha parlato e ha affrontato il tema dei dazi, la Cina sta rispondendo con dei contro-dazi e noi siamo qui in mezzo a discutere di come aprire a tutti questi mercati: io sono per il massimo dialogo internazionale, non per l'isolamento dell'Italia, ma pure noi come Italia con un sistema produttivo così particolare dei prodotti così unici non dobbiamo aver paura di affrontare in Unione Europea il tema dei dazi per proteggerci. Questo non vuol dire isolarsi significa cominciare ad aprire i rubinetti con Paesi che ci rispettano economicamente, rispettano le nostre specialità, ma a chiudere i rubinetti con altri paesi che, invece, non rispettano le nostre specialità e rappresentano una minaccia con i loro prodotti a basso costo e a bassa produzione.

Noi siamo impegnati in questi giorni a fare due cose: la Camera è pronta ad abolire i vitalizi agli ex parlamentari e io a fare una legge sulle pensioni d'oro, ovviamente su questo ci sarà chi dirà che stiamo tagliando pochi soldi io non credo che saranno pochi soldi ma soprattutto stiamo dicendo finalmente che uno Stato che in passato ha chiesto sacrifici ai cittadini per finanziare i privilegi tagli ai privilegi per ridare soldi ai cittadini e secondo me questo aiuterà molto di più di tante leggi impositive nello Stato.
Sono d'accordissimo nel modificare il codice degli appalti, nel semplificarlo, ma dobbiamo rivedere anche un'altra cosa e su questo lo dico nel massimo della collaborazione con le associazioni che rappresentano tutto il mondo delle cooperative; dobbiamo fermare una serie di finte cooperative, che negli appalti la fanno sempre da padrone, anche per premiare e per valorizzare tutto il mondo delle cooperative vero che porta avanti e crede nei valori del mondo delle cooperative.

Poi un tema generale del Ministero dello Sviluppo Economico, concepito come Industria 4.0, che poi sono contento sia diventato impresa 4.0 e deve diventare sempre di più impresa 4.0. Su questo io sono a disposizione di tutti per lavorare a eliminare un po’ di burocrazia per l'accesso a questo strumento in modo tale da permetterne una maggiore fruibilità, però dobbiamo dirci pure un'altra cosa che questa impresa 4.0 non può funzionare senza l'apporto di strumenti della nostra istruzione fondamentale, perché io quando incontro tante aziende che hanno i macchinari di impresa 4.0 mi dicono: abbiamo i macchinari ma abbiamo difficoltà a reperire il personale che lavora. Perché è vero che quei macchinari hanno sostituito delle persone che lavoravano ma abbiamo bisogno di altre persone specializzate per maneggiare questo nuovo sistema di tecnologie. Ed è importante, allora, ripartire dagli istituti tecnici che prima funzionavano e oggi sono diventati la Cenerentola dell'istruzione italiana. Spero col Ministro Bussetti di potermi mettere al lavoro su questo il prima possibile.

Un passaggio su un altro tema: le bollette energetiche. Per quanto riguarda le tariffe energetiche siamo in un sistema fuori controllo. Rimetteremo al centro le esigenze delle imprese del cittadino, perché se a volte le nostre imprese non sono competitive uno dei principali problemi è proprio il costo energetico

Infine, un richiamo ai paradisi fiscali. Sappiamo che se in Europa esistono i paradisi fiscali la concorrenza è necessariamente sleale, perché se alcune big company hanno sede in alcuni paesi che sono di fatto dei paradisi fiscali e allora continueremo a dover rispettare la normativa europea, ma allo stesso tempo continueremo ad avere concorrenza sleale su alcuni prodotti. Quindi anche sul tema dei giganti del web mettiamoci al lavoro, con la consapevolezza che quello su cui non siamo d'accordo delle direttive europee dei regolamenti europei ricordiamoci sempre che siamo la seconda forza manifatturiera d'Europa e quindi ci dobbiamo far rispettare se dobbiamo cambiare qualcosa lo cambieremo.

Io non vi assicuro che faremo subito tutto, però sono qui per prendere sicuramente un impegno con voi ogni volta che avrete bisogno in questo governo e nello specifico dei ministeri che rappresento troverete sempre una porta aperta anche per dirmi che non siete, ma io ci sarò sempre per lavorare insieme e trovare la soluzione migliore.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

26 Giu 2018, 16:13 | Scrivi | Commenti (15) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 15


Tags: burocrazia, confartigianato, di maio, imprese, pmi

Commenti

 

AVANTI TUTTI UNITI

Oggi abbiamo avuto la certezza che dietro ai fenomeni aberranti che hanno coinvolto l'Europa: dalla devastazione della Grecia e più in generale degli Stati a sud dell'Europa; ma verosimilmente anche la situazione degli istituti di credito; per finire al traffico dei chiedenti asilo politico, minoranza rispetto ai clandestini irregolari sbarcati in Italia e non solo: c'era anche il gioco sporco dell'attuale classe dirigente politica tedesca.
La cricca che per i suoi scopi supporta e utilizza la figura della Merkel è molto grossa, e la Germania non è l'unica dietro a queste nefandezze. Una cosa è certa e desta forti sospetti: molte navi utilizzate dalle organizzazioni non governative, come quella dirottata in spagna dal Governo Conte, in origine appartenevano alla capitaneria di porto, guarda caso, tedesca; ceduta poi e trasformata appositamente per il traghettamento dei migranti da far sbarcare in Italia. Speriamo che la Merkel, figura presta immagine collusa con il malaffare, venga presto sconfitta e destituita dal suo incarico e che si possa avere presto un governo tedesco che non sia corrotto e implicato in tutte queste angherie che stanno devastando equilibri e le economie europee. Ottimo il Governo Italiano, anche perché ha fatto uscire i nodi al pettine di tutta la mala e fraudolenta gestione dell’Unione Europeo. Rimaniamo solidali con il Governo Conte, M5S e LEGA.

SOLIDALI PARANDO I COLPI AL PREMIER E AI SUOI MINISTRI: AVANTI TUTTA.

friso r. Commentatore certificato 29.06.18 02:34| 
 |
Rispondi al commento

Sottoscrivo ogni parola. La guerra tra poveri, le troppe e inutili leggi e norme fini a se stesse, con sanzioni punitive ecc.. tutto vero! I datori di lavoro delle piccole e medie imprese sono anch'essi lavoratori come i loro dipendenti. Tutti trattati malissimo. Portati sull'orlo della chiusura, eppure sono loro che ancora creano un po' di lavoro ed economia in questa nazione massacrata di tasse, leggi, norme e burocrazia varia fine a se stessa. Favorire e semplificare l'inserimento di giovani apprendisti nelle aziende per "imparare il mestiere" è importantissimo. Con un po' di formazione, molta pratica e un piccolo compenso in denaro toglierebbe molti giovanissimi dalla strada, li avvierebbe al mondo del lavoro e ne farebbe i futuri lavoratori e imprenditori. Grazie Luigi, grazie a tutti voi. Non mi sembra vero di avere un governo che si occupa dell'italia e degli italiani con coraggio, intelligenza e buon senso. Grazie Luigi, grazie a tutti voi

Nicoletta 28.06.18 12:56| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Di Maio. Salvini nel suo settore e tu per quello economico state iniziando bene.
Avete davanti una intera legislatura. Per l’amor del cielo state uniti per 5 anni e passo dopo passo potete risollevare l'Italia.
I cittadini comprano dai negozi dove si compra a meno prezzo.
In un mondo globalizzato le aziende vanno dove pagando meno tasse e vanno via dall'Italia e nessuno glielo può impedire. Se ne fregano se creano tanta disoccupazione in Italia.
Far pagare di più ai ricchi? Se i ricchi sono le aziende che vanno via? …
Le migliaia di aziende che sono andate via dall'Italia danno adesso zero euro alla nostra agenzia delle entrate. La grossa sfida sarà quella di far rientrare le aziende Italiane facendogli pagare meno ed eliminando la burocrazia ed i posti di lavoro aumenteranno a valanga.
Buon Lavoro!

Domenico de santis 27.06.18 09:32| 
 |
Rispondi al commento

Ebergia e cosri per i cittadini: il,prossimo anno finirà la maggior tutela e le aziende si fanno la guerra per accaparrarsi la. clientela, promettendo sconti per tutti!! Due anni fa circa ci ero cascato, ma controllando sul sito internet dell'azienda a cui mi ero rivolto si diceva chiaramente che abrei pagato il 15% in più!! Ho esercitato il recesso e, per ora, sono ancora nella maggior tutela. Ma la sostanza è che si vogliono aumentare i prezzi alle famiglie per scontarlo ai grandi consumatori. E' da considerare equo un meccanismi tale di scarica barile sui soliti noti? Inoltre con le politiche di incentivo all'acquisto di elettrodomestici sempre meno energivori, a cosa serve offrire agli utenti offrire opzioni di consumi maggiori? Magari a giustificare fatturati più alti e bonus per il top management sempre più alti?? Per favore intervenite sul problema tariffario e sul "libero mercato": se il mio fornitore vorrà applicarmi uno sconto lo DELIBERASSE, visto che è una azienda ed il nelle sue disponibilità offrire tariffe, NON sottoponga al cliente uncontratto lungo 10 pagine con clausole scritte in carattere microscopico! BASTA! Avanti tutta e GRAZIE

Francesco Piccolo 27.06.18 09:28| 
 |
Rispondi al commento

NON PERMETTIAMO ALLA STAMPA DI INFANGARE IL VOTO DEGLI ITALIANI

lorenzo rivelli 27.06.18 00:14| 
 |
Rispondi al commento

Per il discorso Aziende le migliaia di imprenditori ripetono da anni le stesse parole ai dipendenti "Per ognuno di voi devo pagare due stipendi, uno a voi, che meritereste di più e uno allo Stato" Come minimo bisogna alleggerire del 50% altrimenti non si decolla. Smettere di foraggiare enti "inutili e poco produttivi" come i SINDACATI!! Avanti così, ho l'impressione dal silenzio mondiale che si sente, che stiamo facendo da APRI-PISTA alla caduta di un MURO- GLOBALE!!

Dall'Olio Ermes 26.06.18 23:43| 
 |
Rispondi al commento

Il primo luglio entra in vigore l"obbligo del pagamento del salario ai dipendenti tramite bonifico o assegno.
Per noi artigiani è L"ennesima palla burocratica.
Per cortesia bloccate questa legge.
Grazie

salvatore castellano, genova Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 26.06.18 21:02| 
 |
Rispondi al commento

Nel bel mezzo della mia attività di lavoratore autonomo negli anni 2002/2005 sottoposti agli studi di settore, nonostante lavoravo per una azienda alla quale fatturavo mensilmente quanto percepivo, l'ufficio delle Imposte mi ha convocato per ben 2 volte per inutili controlli, ma come era ovvio riscontrava tutto regolare.
Ora finalmente è cambiata la musica.
BRAVO LUIGI!!! Sempre così.

Pier Franco Gnesotto, Roma Commentatore certificato 26.06.18 20:44| 
 |
Rispondi al commento

Gentile ministro Di Maio, in qualità di ministro dell'economia e del lavoro si occupi anche della riforma, da tempo avviata, sulle banche di credito cooperativo non lasci la questione in mano alla Commissione Finanza. Le Banche di Credito Cooperativo sono realtà che solo marginalmente fanno Finanza e che storicamente hanno finanziato le economie locali. Sarebbe opportuno rinnovare e modernizzare il sistema, spesso clientelare, facendo riconoscere alla Bce, attualmente organo di Vigilanza, la natura di banche di sostegno finanziario alla economia locale e non di banche volte alla speculazione finanziaria. La moratoria potrebbe essere una scusa degli attuali assetti che hanno il solo interesse a mantenere il proprio status. La riforma va pensata sapientemente facendo in modo che il rinnovamento sia efficace. Giuseppina Ziantoni.

Giuseppina Ziantoni 26.06.18 20:13| 
 |
Rispondi al commento

Sosterrò sempre Luigi Di Maio e il Movimento 5 Stelle del quale io faccio parte come attivista sin dal suo nascere e non posso che sentirmi vicino benevolmente a tutti quelli che il Movimento lo hanno fatto diventare grande. Mando a tutti il mio caloroso abbraccio,sentito. Ciao!

vincenzo tuccio (vtuccio) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau 26.06.18 19:55| 
 |
Rispondi al commento

A prescindere se si riuscira' a realizzare il programma. Ma la cosa importante che sia cambiata la modalita' nell'affrontare i problemi.

Roberto Maccione Commentatore certificato 26.06.18 19:47| 
 |
Rispondi al commento

l'europa siamo noi. Dovete dirlo a tutti.

Flavio Guglielmetto-Mugion, Torino Commentatore certificato 26.06.18 19:15| 
 |
Rispondi al commento

Per velocizzare i tempi senza sprecare ulteriori risorse vanificando
i tagli ai privilegi dobbiamo uscire al più presto dalla moneta unica. Prima o poi tutte le risorse acquisite finiranno e non avremo nulla da tagliare e ci indebiteremo ancora di più per pagare l'affitto delle banconote europee e i gli interessi sul debito. Inoltre una banca nazionale dovrà acquistare tutti i titoli di stato non venduti

DinoTarquini 26.06.18 19:05| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di "COOPERATIVE", trascuro quelle fasulle perché non hanno ragione di esistere, ma mi riferisco a quelle mega-cooperative che svolgono fatturati enormi e che per la loro figura giuridica beneficiano delle numerose agevolazioni sia fiscali che contributive.
Bisogna fare come si è fatto nella riforma delle Banche Popolari cioè quelle entità che superano un certo fatturato o altro parametro di bilancio, devono trasformarsi in SPA.
Anche nelle SPA i soci "cooperatori" possono partecipare all'attività sociale, ma almeno agiscono nell'ambito della libera concorrenza fra imprese.
Le Grosse Cooperative, praticano concorrenza sleale sul mercato, quindi vanno trasformate in altra forma giuridica, perché non rispecchiano lo spirito cooperativo voluta dal legislatore che le ha istituite.
G.Mazz.

gianpiero m., Bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 26.06.18 19:00| 
 |
Rispondi al commento

PER FARE TUTTO SUBITO BISOGNA USCIRE DALLA MONETA UNICA

francesca Marcellino, roma Commentatore certificato 26.06.18 18:32| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori