Il Blog delle Stelle
Il ministero dell'ambiente sarà il primo ''Plastic free'' della storia

Il ministero dell'ambiente sarà il primo ''Plastic free'' della storia

Author di MoVimento 5 Stelle
ore 11:18
Dona
  • 63

di Sergio Costa, Ministro dell'Ambiente

Lotta alle ecomafie e riduzione dell'impronta ecologica, a partire proprio dal nostro palazzo. In questi primi giorni di governo al Ministero dell'Ambiente, che vorrei diventasse la "casa degli italiani", abbiamo iniziato subito a lavorare sodo. Abbiamo incontrato i direttori generali: sono ai vertici degli uffici che poi concretamente si occupano di parchi, biodiversità, acqua, territorio, sostenibilità, specie protette, inquinamento, valutazioni di impatto ambientale. E' stata una settimana molto importante, che è coincisa con due celebrazioni, la Giornata mondiale dell'Ambiente e quella degli Oceani.

I nostri oceani sono ricettacolo di rifiuti. Si conta che circa l'85% dei rifiuti in mare sia costituito dalla plastica. Non potevamo quindi non partire con un atto simbolico ma importante: rendere il nostro ministero "plastic free".

Chiedo a tutti di fare attenzione ai piccoli gesti quotidiani ed eliminare l'usa e getta dalle nostre vite.
Quando passeggiamo sulle spiagge, vicino ai fiumi, in mare, raccogliamo uno dei tanti rifiuti di plastica che sicuramente incontreremo. Se lo facessimo tutti in un giorno ci sarebbero 60 milioni circa di rifiuti in meno.
Stiamo lavorando anche per stringere ancora di più il cerchio intorno agli ecomafiosi. Uno dei primi atti sarà un intervento normativo sulla Terra dei fuochi. Anzi, sulle terre dei fuochi d'Italia. Ci saranno molte novità.
Un pensiero inoltre agli abitanti di Bussoleni: alle 150 famiglie sfrattate per la frana,causata dal maltempo ma anche dal terreno depauperato dagli incendi. La messa in sicurezza del territorio, a partire dalle aree più a rischio è la prima grande opera pubblica di cui il Paese ha bisogno.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

9 Giu 2018, 11:18 | Scrivi | Commenti (63) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 63


Tags: ambiente, ministro, oceani, plastica, sergio costa, terra dei fuochi

Commenti

 

La plastica deve sparire dal territorio italiano. Torniamo al vetro ed al cartone. Non c'è alternativa!
Eliminare la plastica implica la riconversione di molte aziende ed una radicale riorganizzazione dei comportamenti. Operazione complessa, ma indispensabile!
Eliminare la plastica è un dovere!

Conte Gian Battista 14.08.18 11:11| 
 |
Rispondi al commento

Egregio Ministro Costa, avrei un suggerimento sul problema della plastica. Io ho adottato da qualche mese il riutilizzo dei contenitori usa e getta dei detersivi. Ho trovato dei negozietti per la vendita a spillo, però non capisco perché questo non possa essere obbligatorio in tutti i supermercati e centri commerciali e potrebbe essere esteso ad altri prodotti come gli shampoo. Questo porterebbe a meno costi di produzione sul prezzo finale del prodotto. Il prodotto deve essere molto caro all acquisto se questo viene acquistato con imballo riutilizzabile.

Claudio . Commentatore certificato 27.07.18 13:42| 
 |
Rispondi al commento

grande iniziativa

franco bazzani (), seregno Commentatore certificato 13.06.18 12:20| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna fare le fabbriche per la conversione e riciclo del rifiuto e così dare posti di lavoro oltre che guadagnare per poter abbassare la tassazione sui rifiuti che è sempre più alta.

Massimiliano C., Nuoro Commentatore certificato 12.06.18 15:17| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me se venite a dare 1 occhiata a Brescia trovate tanto marcio sottoterra....

Samuele galli 12.06.18 00:44| 
 |
Rispondi al commento

Sig .Ministro le auguro veramente di cuore nel riuscire nel suo programma , coraggio cercheranno di remarle contro ma non molli , siamo con lei, guardi quello che stanno facendo alla Raggi e ne faccia tesoro. Con affetto e stima Nicola.

nicola resciniti, roma Commentatore certificato 11.06.18 21:44| 
 |
Rispondi al commento

egregio generale Costa, a Lido dei Pioni, Anzio vi è una isola ecologica rara, con una pineta protetta e strade fiancheggiate da pini. Io, pensionata di 75 anni anni invalida con accompagno, ho dovuto far abbattere un pino alto 4 piani perchè era già caduto un ramo,ed ho affidato ilavori ad una ditta indiana che ha eseguito il lavoro a mano, perchè le macchine non arrivavano dalla strada,con4 lavoratori.
Io pagavo in contanti i pattuiti 850 euro nella giornata stessa, non mi rilasciavano ricevuta fiscale, ma sopratutto cominciavano a dire che il trasporto dell'albero tagliato non era incluso nel prezzo: Mai e poi mai ho firmato un contratto in tal senso,non me lo aspettavo perchè alla stessa data sborsavo 700 euro per una dentiera completa, sotto e sopra, eperciò comunque non avevo quella somma. Insistevano che dovevo aggiungere non sò quanto, non li ascoltavo nemmeno perchè
1) i pezzi erano enormi, soltanto 4 uomini potevano sollevarli
2) per errore avevano anche abbattuto un albero vicino, che mi serviva proprio per l'ombra, visto che il pino spariva
3) chiaro perciò che il cumulo era grandissimo, ed il comune di Anzio non offre il servizio ingombranti a domicilio.
io mi sono gelata, perchè non ho nemmeno i soldi per un avvocato che mi difenda, ma sopratutto alla mia età, la giustizia non sarebbe arrivata in tempo per darmi
1) rimozione dei tronchi,2) riimpianto di un altro albero alto tre piani come quello per errore abbattuto3) riimpianto del prato danneggiato irreparabilmente,4)tempi utili per poter usufruire della casa, bloccata letteralmente, e che nei mesi estivi si sarebbe potuta affittare, i danni. Chiedo che tutta questa operazione sia svolta in mio favore come reddito di cittadinanza, cioè non chiedo ai colpevoli di rifare un opera fatta male e con estorsione, bensì chiedo che il lavoro venga affidato nell'ambito del reddito di cittadinanza a degli italiani se gli indiani per un giorno hanno intascato 850 euro, allora qui c'è il lavoro per gli italiani

LAURA VIOTTI 11.06.18 14:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

egregio ministro dott. Costa,volevo segnalare,un fatto molto grave che sta accdendo in sabina (prov Rieti e Roma nord) nel comune di Ponzano Romano, nella valle del Tevere.Il comune di Ponzano ha deliberato l'autorizzazione ,per la costruzione di una centrale BIO GAS o similare,in prossimita' del fiume Tevere,viene tutto spiegato nel sito TVT TUTELA VALLE DEL TEVERE....i cittadini e i sindaci dei comuni limitrofi sono in disaccordo con tale opera,in quanto sia le sostanze cancerogene emesse nell'atmosfera,le polveri sottili e il danno a livello pesaggistico,vincoli idrogeologici,vincoli per esondazione,comprometterebbero l'esistenza armonica e naturale di cui gode l'intera area, va segnalato che il sito in questione interessa piu' di 30 comuni,e con il vento le polveri attraverso la valle del Tevere arrivverebbero a inquinare il centro di Monterotondo,Settebagni fino ad arrivare a Roma, e cosa importante il sito in oggetto dista solo 1,5-2 km dall'oasi naturale del Farfa ,fiore all'occhiello per la su biodiversita',di tale progetto si sta gia' occupando il vostro portavoce alla regione Lazio il sig Marco Cacciatore presidente della decima commissione (rifiuti-urbanistica)

antonio pompili, tarano Commentatore certificato 11.06.18 12:24| 
 |
Rispondi al commento

illustre ministro,volevo segnalare un fatto molto grave che sta accadendo in Sabina , nel comune di Ponzano Romano,hanno presentato presso la regione Lazio un progetto per la realizzazione di una centrale a bio gas o similare, trova tutto spiegato nel sito "TUTELA VALLE DEL TEVERE", di questo si sta' gia' occupando il vostro portavoce alla regione Lazio il sig Marco Cacciatore Presidente della decima commissione. con tale opera la nostra zona, che comprende circa 40 comuni, verra' invasa da polveri sottili e sostanza inquinanti e cancerogene,inoltre bisogna tener conto che il sito in questione dista circa 1,5-2 km dall'oasi naturale del Farfa ,fiore all'occhiello per la sua biodiversita', aiutateci

antonio pompili 11.06.18 11:40| 
 |
Rispondi al commento

Signor Generale,Signor Ministro, Carissimo Sergio,
io e tantissimi italiani aspettavamo un Ministro come Te, Sei arrivato. Sono sicurissimo che farai benissimo. Un grande in bocca al lupo.
Davide

Davide Mernone 11.06.18 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Sono molto felice che Lei sia il nuovo ministro dell’ambiente. Finalmente una persona competente in un ministero chiave per la vita è il futuro del nostro paese.

Giuseppe paris 10.06.18 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Diminuire l'uso di plastica non biodegradabile , e cercare di raccoglierla massivamente in terra e mare, sono le azioni primarie anti inquinamento.
Ma nel contempo, occorre uno sforzo ( direi a livello mondiale ) per affinare la produzione di plastiche biodegradabili a base naturale (PLA ), ed evitare che si usino le biodegradabili di origine petrolchimica (PBAT-PBS_PCL ).

Francesco De Rita 10.06.18 12:37| 
 |
Rispondi al commento

Felice di sentire tante belle frasi che speriamo non restino nel borsone delle frasi di circostanza e della demagogia pre e post elettorale. Vorrei solo ricordare che siamo un un paese dove da un lato manca una consapevolezza del bene comune e dall'altro lato c'è la convinzione che ci vuole un regime di polizia. Nulla di più sbagliato. Ci vuole cultura ambientale e collaborazione fra tutti i soggetti, controllati e controllori. Le istituzioni devono aiutare e non vessare , devono incentivare la crescita culturale e non lavarsi la faccia ricorrendo a sanzioni e multe che, guarda caso colpiscono il malcapitato di turno e non il mafioso. In un paese privo di controlli tutto questo è ridicolo e storie come la terra dei fuochi ne è il segnale. Paradossalmente il Italia chi paga il malaffare ambientale è chi si espone, chi cerca di essere trasparente e che pertanto può sbagliare. È su questi soggetti che spesso si accanisce il sistema, perennemente alla ricerca di un capro espiatorio. Si ricordi caro ministro che tutto questo ha portato alla creazione di aberrazioni come il Sistri, un sistema che voleva risolvere il problema dei rifiuti e che è a distanza di anni resta inutilizzato ma obbligatoriamente oggetto di tassazione a carico delle imprese. Un servizio pagato ma mai ricevuto si chiama frode. Ma qualcuno pensa che l'ecomafioso chieda le autorizzazioni per quello che fa? O forse fa tutto nell'ombra più assoluta? Chi corre i rischi alla fine è solo chi nel fare commette un errore.
Le auguro buon lavoro ma spero che non decida di fare solo il carabiniere e che crei un sistema in cui il controllore abbia prima di tutto la funzione di aiutare e poi di punire chi consapevolmente sbaglia.

Giovanni Guarnieri 10.06.18 02:10| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera
Sig.Ministro si può pensare di chiedere Delle fideiussione di garanzia a tutti coloro che vogliono rinnovare le concessioni o autorizzazioni di smaltimento rifiuti a loro e a tutti i componenti famigliari.
Si possono tracciare tutti i veicoli addetti allo spostamento dei rifiuti, si possono obbligare le aziende di utilizzare contenitori diversi ,si possono obbligare gli importatori di articoli in plastica'"contaminata" difettosi di riprendersi indietro e smaltire nello stato di produzione, immaginate quanti articoli giornalmente vengono venduti a basso costo non funzionanti, articoli che vanno ad intasare le nostre discariche.
Sig.Ministro lei sa benissimo cosa fare,
Buon lavoro.
Francesco

Francesco Costantini 10.06.18 00:17| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera
Ministro Costa e sindaco Raggi,
Quando si dice che i piccoli gesti quotidiani
Possono fare la differenza mi viene spontaneo pensare che a Roma si organizzasse la raccolta differenziata pagandola con servizi, faccio un esempio,
Io senza tetto o persona qualsiasi o pensionato raccogliessi 10 kg di plastica o alluminio o cartoni e mi recarsi presso un centro di raccolta,ecocentro, di quelli a scomparsa, pesassi la mia raccolta e in cambio ricevessi uno scontrino_bonus da utilizzare come 2pasti caldi da consumare
Presso x o 3 notti con posto letto presso il dormitorio x con questo sistema , probabilmente,si può fare tanto.
Sindaco Raggi è una scommessa ci provi,
Trovi le persone adatte a sviluppare il progetto .
Il risultato è garantito.
Buon lavoro.


Buonasera
Credo che in Italia non ci siamo più cantoniere o manutentori Delle strade
Si è deciso di appaltare questi servizi a
Società che nessuno controlla e i risultati sono di accendere il fuoco, ogni anno, per pulire le strade.
Se i signori controllori venissero trasferiti dopo 5 segnalazioni di inefficienza a 500 km.di distanza e dopo 10 segnalazioni a 1000 km di distanza sicuramente sarebbero più attenti.
Quindi rendiamo partecipi i cittadini nel controllo del territorio e tutte le segnalazioni devono essere oggetto di verifica con pubblicazione su siti specifici.
Il problema dell'Italia era "chi controlla i controllori" bene oggi abbiamo la possibilità di controllare tutti i soggetti aventi responsabilità di controllo.
Se si lavora in questo senso dopo 12mesi
I furbetti spariranno come neve al sole.
Buon lavoro.
Francesco

Francesco Costantini 09.06.18 23:29| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Generale per i primi atticome ministro dell'Ambiente e per i suggerimenti per la tutela del nostro bel Paese che è poi la casa di tutti. Un suggerimento però lo voglio dare anch'io: coinvolgiamo la grande distribuzione nella raccolta di bottiglie/flaconi/lattine di vetro/plastica/alluminio con il meccanismo del vuoto a rendere/cauzione come già fanno in Germania. Non è giusto che la raccolta differenziata ricada solo sulle spalle dei cittadini/utenti finali ma è giusto che anche la grande distribuzione faccia la sua parte. Ne trarremmo vantaggio tutti.

Roberto P. Commentatore certificato 09.06.18 22:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Meraviglioso, leggere questo post è meraviglioso perché sono convinto che non sono solo parole o buoni propositi. So che oggi si è liberi di agire di non dover dar conto di non preoccuparsi di calpestare i piedi a qualche serbatoio di voti.Buon lavoro di vero cuore

Aniello Robustelli 09.06.18 20:46| 
 |
Rispondi al commento

questo è da diffondere e da far pervenire a Virginia Raggi : solo nel comune di Roma gli autobus che bruciano fanno grande notizia di rilievo nazionale; GLI AUTOBUS ANCHE ALTROVE BRUCIANO !!
http://www.torinotoday.it/video/Venaria-incendio-autobus-15-gennaio.html

http://www.giornaletrentino.it/cronaca/trento/l-autobus-va-a-fuocopaura-a-villazzano-1.1027657

ed è di oggi, la notizia diffusa al giornale radio locale, che un autobus urbano di Trento ha preso fuoco all'improvviso ed è completamente bruciato !!

PIO Z., Trento Commentatore certificato 09.06.18 20:30| 
 |
Rispondi al commento

Grazie mille per il #PLASTICFREE, proteggere il nostro ambiente e il nostro mare è una priorità assoluta! Auguri Ministro Costa, lei è il uomo giusto nel posto giusto! #VIVAMOVIMENTOCINQUESTELLE
🌟🌟🌟🌟🌟

Ilen 09.06.18 19:06| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno e auguri Ministro, a lei e a tutti noi.
Spero che qualcuno, altre a noi grillini, legga queste note. Mi sembrano tutte molto sensate e condivisibili quelle che ho letto.
Aproposito della plastica voglio dire tre cose:
1) sono d'accordo con tutti coloro che chiedono una legislazione favorevole alla riduzione della produzione di imballaggi;
2) ritengo che sarebbe di grande importanza creare a Roma un centro di ricerca per lo smaltimento definitivo della plastica. So che è stato trovato un enzima che metabolizza la plastica: facciamolo studiare anche a Roma, sarebbe un grande servizio reso non solo all'Italia ma al nostro pianeta;
3) Ministro, lei è una persona intelligente e coraggiosa: abbia il coraggio di eliminare anche l'inquinamento da inglese, non ne possiamo più! Passi per "mouse" ma perchè non si può dire: "senza plastica" anzichè "Plastic free"? Consideri che usare l'inglese rappresenta il modo più facile per essere antidemocratici: perchè usare un linguaggio che non si capisce significa violare il diritto di tutti i cittadini a comprendere quello che dite.
Le faccio i miei migliori auguri.
Grazie
Gabriella Bianchini

gabriella bianchini, roma Commentatore certificato 09.06.18 19:03| 
 |
Rispondi al commento

Quello che dice il ministro Costa (sul pulire la spiaggia) è più importante di quel che possa sembrare. Sono un paio d'anni che io attuo questo comportamento quando vado in ferie. Praticamente ripulisco dalla plastica e dai mozziconi di sigarette tutto il tratto che scelgo per sostare. Tutto intorno e fino al mare. Non avete idea della quantità di rifiuti che pochi metri quadri possano contenere, compresi molti pezzi di vetro acuminati. Invito tutti a perdere dieci minuti ogni giorno del proprio tempo per un bene comune troppo prezioso...casa nostra. Anche perché è l'unica che abbiamo!

Markingegno 09.06.18 18:42| 
 |
Rispondi al commento

Al ministro Costa chiedo: possiamo eliminare dal commercio in Italia piatti, posate e bicchieri di plastica?

Giuseppe Salvo 09.06.18 17:08| 
 |
Rispondi al commento

UNA SFIDA DI CIVILTA’ RECUPERANDO IL RISPETTO PER L’AMBIENTE

Grazie al nuovo governo Conte noi cittadini non possiamo che essere onoratissimi ad avere alla guida del dicastero dell'ambiente un uomo di indiscusso valore dalla personalità irreprensibile come il Generale Sergio Costa, e che si addice a un Paese che vuole riconquistare la sua civiltà fondata sul rispetto e la buona gestione del territorio: un rispetto che ora, grazie al nuovo membro del governo, si esige anche dai malintenzionati.
Buon lavoro sig. Ministro, simo tutti con Lei.

AVANTI TUTTI UNITI CON IL GOVERNO CONTE, I SUOI VICE, E I SUOI MINISTRI TUTTI.

friso r. Commentatore certificato 09.06.18 16:59| 
 |
Rispondi al commento

Sono piu' di 40 anni che differenzio,preferendo vetro, coltivando biologigamente. Un Generale Ministro dell'Ambiente non puo' far altro che ben sperare in una lotta contro le multinazionali.

Roberto Maccione Commentatore certificato 09.06.18 16:22| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente un ministro dell'ambiente che si occupa...di ambiente! Fino ad ora sembravano occuparsi di altro...
Mi permetto un suggerimento: se vogliamo eliminare o ridurre significativamente la plastica non possiamo affidarci soltanto alla buona volontà dei cittadini sensibili, ma dobbiamo tassare gli imballaggi in plastica, a cominciare dalle bibite, in modo tale che diventi conveniente acquistare vetro, magari a rendere ( esiste, per es. a Naturasi`) o bioplastiche, e non più costoso! Tassando le multinazionali che invadono il mondo con la plastica (per es. una nota marca italiana che per confezionare 20 cioccolatini non trova niente di meglio di una volgare scatola di plastica dura) non si deprime l'economia, anzi si premia l'economia buona, che punta su innovazione e sostenibilità!
Inoltre, ci decidiamo a far pagare alle grandi aziende di imbottigliamento dell'acqua minerale ( che dovrebbe essere un bene comune ) qualcosa di più dell'affitto del terreno? In questo la mia regione, la Toscana, è una delle più generose nel regalare enormi profitti alle varie Panna, Tesorino, Uliveto ecc., senza che i cittadini abbiano nulla in cambio se non il problema dello smaltimento della plastica!!!

Marta Buscioni 09.06.18 16:07| 
 |
Rispondi al commento

carissimo generale ministro dell'ambiente, ho scritto varie volte alla conad nel mio quartiere Trullo (ce ne sono 3 dislocate in tre punti diversi) per poter mettere un reparto con i dispenser manuali o automatici per prodotti liquidi per la casa per la lavatrice per il mangiare secco dei gatti o per i legumi secchi o riso o vino così per altri alimenti e prodotti. purtroppo hanno incentivato invece l'imballaggio di quasi tutto su vaschette di polistirolo o plastica che si aggiunge agli altri prodotti che non si trovano con ricarica o dispenser. insomma un macello. invece di diminuirla si fa più contenitori. prendo una mozzarella al banco e me la mettono in una vaschetta di plastica. così non se ne esce. vado dagli arabi che posso mettere frutta e verdura nelle buste di carta. spero che farà delle politiche per promuovere e incentivare un minor uso di involucri che sarebbe un sogno finalmente come aspetto da anni. un saluto e buon lavoro.

Grazia Steri Maria 09.06.18 16:01| 
 |
Rispondi al commento

la questione dell'acqua e delle gestioni passate
dai Comuni alle società perdura da anni e sebbene il referendum ad oggi non brilla ancora la stella che rimane ancora oscurata .Risultati ancora ZERO?lA RIPUBBLICIZZAZIONE DELL'ACQUA COSTITUIREBBE LA TENUTA DI BUONA PARTE DELL'ELETTORATO E IL IL SUO INCREMENTO!
LA NUOVA SUBENTRATA GESTIONE DEL SERVIZIO COMPORTA MOLTE IRREGOLARITA AMMINISTRATIVE E CONTABILI SULLE BOLLETTE CHE DIVENGONO SEMPRE PIU' INSOPPORTABILI

gennaro amich 09.06.18 15:09| 
 |
Rispondi al commento

Generale buon giorno , buon lavoro. Siamo tutti e tutte orgogliosi di avere un rappresentante dell'arma dei carabinieri che ci rappresenta come ministro dell'ambiente. Non abbia pietà dei criminali è delinquenti che rovinano il paesaggio è distruggono il turismo , agricoltura, mare ecc ecc. Siamo è saremo sempre nei secoli fedeli.

gianluigi f., pandino Commentatore certificato 09.06.18 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Un enorme problema è dato anche dall'inquinamento dell'aria: nella Pianura Padana c'è un grande inquinamento atmosferico. Le cabine di monitoraggio le hanno ubicate nei parchi, lontane da strade e fonti di inquinamento. Le rilevazioni non sono mai disponibili in tempo reale, non di sabato e domenica. Si vocifera che ci siano enormi sforamenti dei valori normali, però nessuno ne parla.
L'europarlamentare Pedicini ha evidenziato che solamente alcuni metalli inquinanti vengono monitorati, mentre altri inquinanti sono esclusi dalle rilevazioni.
Onorevole, fate funzionare seriamente queste attività, in queste zone si muore per l'aria pesante.

Paola 09.06.18 14:12| 
 |
Rispondi al commento

Propongo una riflessione sui supermercati con i prodotti da banco che vengono dati in imballaggi di plastica o addirittura misti carte dei salumi).
Alla Coop da cui mi servoho chiesto di poter portare da casa i miei recipienti ma mi è stato risposto che non è possibile per una questione di igiene.
Certo, é meglio inquinare.
Da notare che ad Amsterdam é nato il primo supermercato senza plastica.
Vuol dire che si può, con un po' di buona volontà

Federica 09.06.18 14:10| 
 |
Rispondi al commento

Onorevole Costa, ormai sappiamo che la plastica è quasi indistruttibile, eppure è utilizzata per avvolgere qualsiasi oggetto, anche i prodotti che noi mangiamo.

Nessuno ci ha mai detto quale impatto hanno sul nostro organismo, le particelle di plastica. che senz'altro ingeriamo. Servirebbero degli studi e ricerche.

Parimenti si dovrebbero attivare ricerche per individuare prodotti alternativi alla plastica, innocui alla salute e di facile distruzione. Arrivando poi a proibire gli involucri di plastica. Sarà un percorso un po' lungo, ma bisogna pur iniziare da qualche parte. Senz'altro ce la si dorà vedere con le multinazionali che lavorano il petrolio e non sarà facile, gli interessi sono enormi.

paola 09.06.18 13:58| 
 |
Rispondi al commento

Auguri Ministro. Ottima partenza
Ma occhio alle norme. Lì c'è l'origine delle molte cose che non funzionano. La sanatoria di questi aspetti è a costo zero.

Benny 09.06.18 13:48| 
 |
Rispondi al commento

Credo che entro il prossimo fine settimana la BCE fermerà i famosi quantitative easing,ci lasceranno senza denaro così il debito ci schiaccerà, spero che il premier conte abbia un piano per affrontare la situazione che si potrebbe verificare. Forse una forte alleanza con gli USA da sempre ostili alla Germania potrebbe giovarci nel momento del bisogno.
Sta per cominciare una guerra vera e propria, speriamo bene


Bravissimi!!!

Paolo V 09.06.18 12:33| 
 |
Rispondi al commento

BENVENUTO MINISTRO.
Lei sa' meglio di noi che il Suo ministero e' AD OGGI, IL MINISTERO PIU' IMPORTANTE,anche se la politica da' urgenze ad altro.
Essere ambientalista non e' piu' una specificita' ma DEVE ESSERE LA NORMALITA',deve rientrare nella NORMALE EDUCAZIONE DI TUTTA LA CITTADINANZA,per cui,bisogna partire dalla scuola d'infanzia.
Rivediamo anche GLI ACCESSI AI CONCORSI DELLA FORESTALE-CARABINIERI,che non mi risulta LIMPIDA!
L'Italia ha 4 risorse sue e non coloniali.
ARTE-CULTURA
TERRITORIO-MARI
AGRICOLTURA DOC e km zero.
SONO TUTTE SUE MANSIONI.
Pieno appoggio personale e del movimento.
NON TEMA NULLA E PRENDA TUTTI I PROVVEDIMENTI NECESSARI PER LA TUTELA E L'INVESTIMENTO NON SPECULATIVO DI QUESTE RISORSE.
GRAZIE

Luca Fini 09.06.18 12:31| 
 |
Rispondi al commento

Quindi, la plastica sarà offerta GRATIS?
E smettiamola di adoperare l'inglese.
Non abbiamo ancora imparato che Jobs Act vuol dire SODOMIZZAZIONE, Spending Revue vuol dire Sodomizzazione con Vasellina, Escort vuol dire Puttana?

Antoniò D., Carrara Commentatore certificato 09.06.18 12:13| 
 |
Rispondi al commento

Ringrazio il ministro Costa per le poche ma sensate parole relative l'inquinamento da plastica.

Credo, però, che oltre i cittadini anche l'industria dell'imballaggio debba dare il suo contributo: evidenziare il tipo di materiale che compone l'imballo per separarlo facilmente e limitarne l'uso.

Beppe

Giuseppe belotti 09.06.18 12:09| 
 |
Rispondi al commento

ho fatto un viaggio in Giappone ad aprile e sono restata basita per il senso civico dei giapponesi: vige il rispetto assoluto nei rapporti interpersonali, nei confronti sia degli animali che dell'ambiente. Se, come risulta viaggiando, sia in Giappone che in altri molti paesi non c'e' burocrazia, i treni sono in orario, i servizi pubblici tutti sono veramente servizi per i cittadini: PERCHE' IN ITALIA E' TANTO COMPLICATO? PERCHE' NON POSSIAMO IMPARARE?

Grazia C., Romans d'Isonzo Commentatore certificato 09.06.18 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Grande di maio ieri sera a brindisi, una serata piena di emozioni.mentre andavi via in quella confusione mi hai dato la mano.sei mitico grande, ti ammiro immensamente!!! Wdi maio!!! Wm5stelle!!!

Maria assunta Soleti 09.06.18 11:25| 
 |
Rispondi al commento

dovete da subito con decreto bloccare sacchetti e bottiglie di plastica . i sacchetti di carta e bottiglie di vetro.

MARIO SELCIA, MUGNANO DI NAPOLI Commentatore certificato 09.06.18 11:23| 
 |
Rispondi al commento

Si stanno svegliando da un lungo sonno e iniziano forse a spare meno cazzate:
Governo, l’editore del Foglio scrive al Foglio: “Dar fiducia a Conte, le critiche arrivano da consorterie di interessi”
Valter Mainetti scrive al quotidiano di cui è azionista: "L'opposizione di Pd e Forza Italia destinata a essere insignificante. Più la maggioranza è ampia e unita più le elezioni si allontanano, più si prospetta una stagione ben difficile per quel sottobosco burocratico, vero potere e piaga di questo paese, che imprenditori e cittadini subiscono da tempo

m.m 09.06.18 11:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bisognerebbe consentire la vendita solo di contenitori di plastica biodegradabili o sostituti. Limiterei la vendita della plastica solo quando non sostituibile da altri prodotti.

Luca G. Commentatore certificato 09.06.18 11:13| 
 |
Rispondi al commento

Eppure penso che quel "..lo posso dire.." che il Prof. Conte a rivolto a Di Maio sia un gesto di umiltà e un segno di saggezza.
E' cosciente della responsabilità del ruolo e,da buon Professore,sa' perfettamente che un qualsiasi Alunno all'inizio del corso ha sempre bisogno di ascoltare consigli da chi ne sa' più di lui.
Il Prof. Conte è all'inizio del suo primo anno Accademico da Presidente del Consiglio,non
ho dubbi sulle sue qualità di Uomo e che sia circondato da ottimi Maestri e Consiglieri e che,come dire,saprà certamente crescere politicamente e farsi le ossa.
Ricordiamoci sempre che una delle armi principali in mano ai Restauratori,è colpire l'avversario non solo nel Contradditorio Politico,ma anche e principalmente cercare di delegittimarlo con argomenti di propaganda su un qualsiasi "batter di ciglia d'ingenuità" che gli possa sfuggire in momenti..diciamo..sbagliati,riuscendo poi a far passare un gesto di umiltà e saggezza come un segnale di sudditanza e debolezza.
Piena fiducia al Prof.

Claudio Secchi 09.06.18 11:09| 
 |
Rispondi al commento

Nella recente campagna elettorale e in questi brevi giorni di governo ho sentito pontificare su tutto: ricchi e poveri, banchieri e senza tetto, africani migranti e italiani emigrati...non ho sentito una sola parola né una intenzione dichiarata sugli animali. Quelli che ci nutrono e quelli che ci fanno compagnia. Quelli allevati in condizioni feroci che vedono il macello come una liberazione, quelli tenuti legati, picchiati, affamati, torturati, abbandonati.
Nessun governante ne tiene conto. Perché?
Fate qualcosa, fate leggi nuove e fatele rispettare.
La mia esperienza è che né gli ordini costituiti, né i veterinari rispettano il diritto alla vita e alla salute degli animali , tantomeno la loro dignità. lasciando tutto alla mercé della benevolenza o malevolenza dei singoli.

Il mondo sta cambiando, la coscienza del singolo e delle masse è in evoluzione. Io spero che chi ha il compito di governare lo stato delle cose volga il suo sguardo agli animali, figli di Dio che donano solo amore.


Odio la plastica ,sono già anni che cerchiamo in famiglia di contenerne l'acquisto ,io vedo unica soluzione di non produrla più o deve essere riciclabile ,sennò non ne usciamo più fuori .Grazie al ministro costa e a tutti i cittadini che cambieranno abitudini a riguardo 😊💪🇮🇹

Sergio Dottor, Latina Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 09.06.18 10:54| 
 |
Rispondi al commento

Il ministro dell'ambiente promette bene, bravo

Alessandra Padiglione 09.06.18 10:47| 
 |
Rispondi al commento

Sergio Costa, Ministro dell'Ambiente:Mai scelta fu così oculata...finalmente. E grazie della chiarezza..Seriamo che il suo esempio, faccia sparire, l'uomo e la donna (chissenefrega)dell'ambiente.Grazie

m.m 09.06.18 10:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Roberto Fico, dopo aver incontrato Amnesty e Medici senza frontiere ha detto: “Chi fa solidarietà deve avere tutto il supporto dello Stato. Lo Stato deve stare vicino a chi aiuta gli ultimi, la loro sofferenza è la mia sofferenza, la loro ricerca di una dignità è la mia».

E cosi, dopo il Senato regalato ad una dipendente della mummia di Arcore, ci siamo giocati anche la Camera, con uno che parla come l'erede della Boldrini...

Colpo su colpo 09.06.18 10:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori