Il gioco d’azzardo nuoce gravemente alla salute: stop spot!

di Vito Crimi

Il gioco d’azzardo “nuoce gravemente alla salute“, questo è chiaro al MoVimento 5 Stelle e tutti ne devono essere consapevoli. Finalmente abbiamo la possibilità di dire “stop alla pubblicità del gioco d’azzardo” e sarà fatto nel decreto dignità annunciato dal ministro Luigi Di Maio. La lotta alla povertà passa anche dalla lotta al gioco d’azzardo e alla sua diffusione, ed è arrivato il momento di dire basta alla sua diffusione tra le fasce più deboli sfruttando i canali della sponsorizzazione e della pubblicità.

Un giro d’affari multimiliardario, che si stima dirotti 20 miliardi di euro dall’economia reale al profitto di multinazionali, la maggior parte delle quali hanno sede all’estero. Un fattore che uccide l’economia, che crea depressione dei consumi, che frena la produzione e le opportunità di impiego.

Non ci sono più scuse e giustificazioni nei confronti di questa vera e propria sciagura che si abbatte su un intero popolo, e chi resiste lo fa sicuramente per un interesse personale. Ma i cittadini sono sempre più dalla nostra parte. Sono infatti sempre di più i commercianti, gli albergatori, i ristoratori che hanno capito: ogni euro scommesso è un euro in meno al commercio e all’indotto industriale.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr