Il Blog delle Stelle
Il discorso del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte per la fiducia al Governo del Cambiamento

Il discorso del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte per la fiducia al Governo del Cambiamento

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 361

Di seguito le dichiarazioni ufficiali, in formato integrale, del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte oggi al Senato, per la fiducia al Governo del Cambiamento.

Signora Presidente, Onorevoli Deputate e Onorevoli Deputati,

desidero innanzi tutto rivolgere un saluto al Presidente della Repubblica, che rappresenta l’unità nazionale e che ha accompagnato le prime - non facili - fasi di formazione di questo Governo.
Entrando per la prima volta in quest’aula e nel parlarVi oggi, avverto pesante la responsabilità per ciò che questo luogo rappresenta. Esso conserva la memoria di molti e significativi passaggi della nostra istituzionale.
Ma la maniera migliore che abbiamo, oggi, di onorare questa nobile tradizione è offrire risposte concrete ai bisogni dei cittadini. La crescente disaffezione verso le istituzioni, la progressiva perdita di prestigio di chi ha l’onore di ricoprire cariche al loro interno devono spingere tutti noi ad un supplemento di responsabilità che passa necessariamente attraverso una maggiore apertura nei confronti delle istanze reali che vengono da chi vive fuori da questi palazzi.
Il ruolo e l’autorevolezza di Governo e Parlamento non possono basarsi esclusivamente sugli altissimi compiti che ad essi assegna la nostra Carta fondamentale, ma vanno conquistati giorno dopo giorno, operando con “disciplina e onore”, mettendo da parte le convenienze personali e dimostrando di meritare tali gravose responsabilità.

Il contratto.
Con questo spirito e questa consapevolezza, oggi ci presentiamo a Voi per chiedere la fiducia a favore non solo di una squadra di governo, ma anche di un progetto per il cambiamento dell’Italia. Un progetto che è stato formalizzato sotto forma di contratto dalle due forze politiche che formano la maggioranza parlamentare, composto a partire dai programmi elettorali presentati alle elezioni e votati dalla maggioranza degli italiani, nonché ulteriormente legittimato dalle votazioni a cui le due forze politiche hanno chiamato i rispettivi iscritti e sostenitori.
Il programma di governo, i cui contenuti anche chi Vi parla ha condiviso – pur in via discreta – sin dalla fase della sua elaborazione, è quindi forte di una duplice legittimazione, formale e sostanziale.
Gli obiettivi che la nostra squadra di governo si ripromette di raggiungere sono affidati alla pagina scritta, perché le forze politiche che compongono la maggioranza li hanno dichiarati in modo trasparente, vincolandosi ad adottare tutte le iniziative e le misure necessarie a perseguirli. Solo una volta messi a punto i contenuti del contratto, entrambe le forze politiche, in seguito alle vicissitudini che ben conosciamo, hanno deciso, di comune accordo, di proporre al capo dello Stato il mio nome per assumere la guida del Governo.
Sono grato a chi, rinunciando a legittime ambizioni personali, ha saputo porre davanti a tutto l’interesse generale, per un progetto che supera le persone chiamate a portarlo avanti, e che mi fa avvertire, ancora più intensamente, la responsabilità che mi sono assunto, ben consapevole delle prerogative che l’art. 95 della Costituzione assegna al Presidente del Consiglio dei Ministri.
Come è noto, non ho pregresse esperienze politiche. Sono un cittadino che, in virtù dell’esperienza di studio e professionale maturata, si è dichiarato disponibile, nel corso della campagna elettorale, ad assumere eventuali responsabilità di governo con una delle due forze politiche e, successivamente, ad accettare l’incarico di formare e dirigere il Governo, rendendosi anche garante dell’attuazione del “Contratto per il Governo del cambiamento”.
Assumo questo compito con umiltà, ma anche con determinazione; con la consapevolezza dei miei limiti, ma anche con la passione e con l’abnegazione di chi comprende il peso delle altissime responsabilità che gli sono affidate. Non sono mosso da null’altro che da spirito di servizio. Sono profondamente onorato di poter offrire il mio impegno e le mie competenze per difendere gli interessi dei cittadini di questo meraviglioso Paese. Come già ho avuto modo di anticipare, mi propongo a Voi e - attraverso Voi - ai cittadini, come l’avvocato che tutelerà gli interessi del popolo italiano.

Il cambiamento.
Qualcuno ha considerato queste novità in termini di netta cesura con le prassi istituzionali che sin qui hanno accompagnato la storia repubblicana, quasi un attentato alle convenzioni non scritte che hanno caratterizzato l’ordinario percorso istituzionale del nostro Paese.
Tutto vero. Dirò di più. Non credo si tratti di una semplice novità. La verità è che abbiamo apportato un cambiamento radicale del quale siamo orgogliosi: rispetto a prassi che prevedevano valutazioni scambiate nel chiuso di conciliaboli tra leader politici, perlopiù incentrate sulla ripartizione di ruoli personali e ben poco sui contenuti del programma, noi inauguriamo una stagione nuova, non nascondendo le difficoltà e le rinunce reciproche, nel segno della trasparenza e della chiarezza nei confronti degli elettori.
Presentarsi oggi nel segno del cambiamento non è, quindi, un’espressione retorica o propagandistica, ma una scelta fondata sulla necessità di aprirsi al vento nuovo che soffia da tempo nel Paese e che ha prodotto, all’esito delle elezioni politiche dello scorso 4 marzo, una geografia del consenso politico completamente inedita.

Vecchie e nuove categorie politiche.
Non esistono più forze politiche che esprimono, come un tempo, complessive visioni del mondo, che ispirano la loro azione - vale a dire - in base a sistemi ideologici perfettamente identificabili.
Il tramonto delle ideologie forti risale a decenni or sono ed è dimostrato dal fatto che gli ultimi governi hanno promosso iniziative politiche di difficile collocazione secondo le categorie politiche più tradizionali.
Il contratto posto a fondamento del nostro governo è stato giudicato, a seconda dei punti di vista, di destra o di sinistra.
Rispettiamo chi ha voluto svolgere tali analisi, ma non possiamo che segnalarne l’insufficienza, l’incapacità di comprendere i bisogni profondi che vengono dal Paese. Personalmente ritengo più proficuo distinguere gli orientamenti politici in base all’intensità del riconoscimento dei diritti e delle libertà fondamentali della persona.
Vero è che noi vogliamo rivendicare, per l’azione di governo, nuovi criteri di valutazione: pragmaticamente ci assumiamo la responsabilità di affermare che, qui e oggi, ci sono politiche vantaggiose o svantaggiose per i cittadini e per il nostro Paese, politiche che riescono ad assicurare il benessere e una migliore qualità di vita dei cittadini e politiche che invece compromettono questi obiettivi.
Le forze politiche che integrano la maggioranza di governo sono state accusate di essere “populiste” e “anti-sistema”. Sono formule linguistiche che ciascuno può declinare liberamente.
Se “populismo” è l’attitudine della classe dirigente ad ascoltare i bisogni della gente – prendo spunto da riflessioni di Dostoevskij tratte dalle pagine di Puskin –, se “anti-sistema” significa mirare a introdurre un nuovo sistema, che rimuova vecchi privilegi e incrostazioni di potere, ebbene queste forze politiche meritano entrambe queste qualificazioni.
Ma a voler leggere con attenzione il contratto di governo, emerge come questa attenzione ai bisogni dei cittadini sia condotta nel segno alto della Politica, con la - P – maiuscola, con l’obiettivo di dare concreta attuazione ai valori fondanti della nostra Costituzione.
Nel contratto, accanto a misure più immediate, sono presenti anche più profonde riforme di carattere strutturale.
Se vogliamo restituire all’azione di governo un più ampio orizzonte di senso, dobbiamo mostrarci capaci di alzare lo sguardo, sforzandoci di perseguire i bisogni reali dei cittadini in una prospettiva di medio-lungo periodo. Diversamente la politica perde di vista il “principio-responsabilità”, che impone di agire - come il filosofo Jonas invitava a considerare - non solo guardando al bisogno immediato, che rischia di tramutarsi in mero tornaconto, ma progettando anche la società che vogliamo lasciare ai nostri figli e ai nostri nipoti.

Cambiamento nel metodo.
Il cambiamento non sarà solo nelle parole e nello stile, ma soprattutto nel metodo e nei contenuti.
Dal punto di vista metodologico, la nostra iniziativa si articolerà su tre fronti.
L’ascolto. Perché prima di tutto vengono i bisogni dei cittadini. In questo, ovviamente ci aiuteranno anche il Parlamento e i nuovi strumenti di democrazia diretta che il contratto si propone di introdurre.
L’esecuzione. Vogliamo essere pragmatici. Se una norma, un ente o un istituto non funziona è giusto abolirlo, se funziona è giusto potenziarlo, se manca è giusto crearlo.
Il controllo. I provvedimenti che adotteremo hanno degli obiettivi che devono essere raggiunti: saremo i primi a monitorare con severità e rigore la loro efficacia, intervenendo immediatamente con le necessarie correzioni.
Ascolto, esecuzione, controllo. Saranno questi i tre pilastri dell’azione di governo, nel segno della piena trasparenza.

Cambiamento nei contenuti.
Il cambiamento, come appena anticipato, sarà anche nei contenuti. Cambia ad esempio il fatto che la prima preoccupazione del Governo saranno i diritti sociali, che nel corso degli ultimi anni sono stati progressivamente smantellati con i risultati che conosciamo: milioni di poveri, milioni di disoccupati, milioni di sofferenti. E’ ora di dire che i cittadini italiani hanno diritto a un salario minimo orario, affinché nessuno venga più sfruttato, che hanno diritto a un reddito di cittadinanza e a un reinserimento al lavoro qualora si ritrovino disoccupati, che hanno diritto a una pensione dignitosa, che hanno diritto a pagare in maniera semplice tasse eque. C’è di nuovo che il debito pubblico lo vogliamo ridurre, ma vogliamo farlo con la crescita della nostra ricchezza, non con le misure di austerità che, negli ultimi anni, hanno contribuito a farlo lievitare.
Il cambiamento è in una giustizia rapida ed efficiente e dalla parte dei cittadini, con nuovi strumenti come la class action, l’equo indennizzo per le vittime di reati violenti, il potenziamento della legittima difesa. Cambia che metteremo fine al business dell’immigrazione, cresciuto a dismisura sotto il mantello di una finta solidarietà. Cambia che combatteremo la corruzione con metodi innovativi come il “daspo” ai corrotti e con l’introduzione dell’agente sotto copertura. Cambia che vogliamo un Paese a misura dei cittadini diversamente abili - e sono alcuni milioni - che troppo spesso si ritrovano abbandonati a se stessi e alle loro famiglie. Cambia che vogliamo rescindere il legame tra politica e sanità, per rendere quest’ultima finalmente efficiente su tutto il territorio nazionale. Cambia che aumenteremo fondi, mezzi e dotazioni per garantire la sicurezza in ogni città. Cambia che presteremo adeguata attenzione alle famiglie, specialmente quelle in difficoltà. Ho richiamato solo alcune parti del contratto, ma se anche realizzassimo solo le innovazioni che ho appena enunciato, i cittadini percepirebbero immediatamente che il vento nuovo non ha soffiato invano.
Percepirebbero che il vento del cambiamento sta soffiando dappertutto: nelle grandi città e nei piccoli comuni. Percepirebbero che la loro qualità della vita è migliorata e si sentirebbero anche più uniti e orgogliosi di vivere in questo nostro bellissimo Paese. Questo è in definitiva il nostro obiettivo.

Su alcuni specifici temi.
Non mi soffermerò in dettaglio a illustrare tutti i singoli obiettivi che abbiamo posto a fondamento di quest’azione di governo e che sono indicati nel contratto.
Di seguito, tuttavia, riassumerò alcune indicazioni su alcuni temi più rilevanti e anticiperò anche in quale direzione si esplicherà il mio personale e più specifico contributo.

Lavoro.
In questo tempo di crisi e difficoltà ci impegniamo a dare sostanza alla previsione contenuta nel primo articolo della nostra Costituzione, che fonda la Repubblica sul lavoro. Vogliamo costruire un nuovo patto sociale trasparente ed equo, fondato sulla solidarietà ma anche sull’impegno, consapevoli che solo con la partecipazione di tutti allo sviluppo del Paese potremo garantire un futuro di prosperità anche ai nostri figli.
Vogliamo dare voce ai tanti giovani che non trovano lavoro: a quelli che sono costretti a trasferirsi all’estero e a quelli che rimangono qui inattivi, che si rinchiudono in se stessi e si avviliscono.
In un caso come nell’altro finiamo per dissipare preziose risorse del nostro Paese.
Vogliamo dare voce alle tante donne, spesso più istruite e tenaci degli uomini, e che sul posto di lavoro sono ancora inaccettabilmente discriminate e meno pagate, e che si sentono sole quando decidono di mettere al mondo un bambino.
La diffusione di nuove tecnologie e dell’economia della condivisione crea nuove opportunità imprenditoriali e rende disponibili servizi innovativi per i cittadini, ma apre anche a rischi di marginalizzazione e a nuove forme di sfruttamento: dobbiamo farci carico di tali trasformazioni, non per combattere uno sviluppo per molti versi irreversibile, ma per assicurare in ogni caso il rispetto dei diritti essenziali dei lavoratori e per garantire che il lavoro sia sempre strumento di realizzazione personale e umana.

Ambiente.
L’azione di governo sarà costantemente incentrata sulla tutela dell’ambiente, sulla sicurezza idro-geologica del nostro territorio, sullo sviluppo dell’economia circolare.
Con le nostre scelte politiche ci adopereremo per anticipare i processi, peraltro già in atto, di “decarbonizzazione” del nostro sistema produttivo.
Non vogliamo assistere passivamente all’evolversi della realtà che ci circonda, magari assecondando gli interessi particolari di singoli attori economici, ma ci impegniamo a governare questi processi aperti all’innovazione tecnologica, nel segno dello sviluppo al servizio dell’uomo. Vogliamo rivendicare, anche in questo campo, il ruolo “alto” della politica, che sia capace di orientare e governare i cambiamenti della realtà sociale, economica e culturale.
Non siamo disponibili a sacrificare l’ambiente e il progetto di una blue economy per altri scopi. Dobbiamo misurarci da subito con i dilemmi della intelligenza artificiale e utilizzare i big data per cogliere tutte le possibilità della sharing economy.

Scenari internazionali, mercati e sicurezza
Intendiamo preliminarmente ribadire la convinta appartenenza del nostro Paese all’Alleanza atlantica, con gli Stati Uniti d’America quale alleato privilegiato.
Saremo fautori di una apertura alla Russia, che ha consolidato negli ultimi anni il suo ruolo internazionale in varie crisi geopolitiche. Ci faremo promotori di una revisione del sistema delle sanzioni, a partire da quelle che rischiano di mortificare la società civile russa.
Come è noto, i processi di integrazione dei mercati che si sono realizzati negli ultimi anni hanno operato una completa ridefinizione dei rapporti tra politica, diritto, economia.
Nel nuovo spazio globale, l’economia o, meglio ancora, la finanza ha conquistato una posizione di preminenza: è divenuta, come ha osservato Hillman, la vera religione universale del nostro tempo.
La politica, ma anche il diritto, hanno perso terreno. Abbiamo difficoltà a perseguire forti e coerenti azioni politiche, come pure a realizzare efficaci e armoniose discipline giuridiche.
La politica, in particolare, stenta a governare processi sociali ed economici così complessi e integrati.
Ma la risposta non è negare le difficoltà. Dobbiamo trovare il modo di rafforzare, all’interno delle strutture sovranazionali, i processi di legittimazione democratica, potenziando le istituzioni rappresentative della volontà dei popoli.

L’Europa.
L’eliminazione del divario di crescita tra l’Italia e l’Unione Europea è un nostro obiettivo, che dovrà essere perseguito in un quadro di stabilità finanziaria e di fiducia dei mercati.
Il debito pubblico italiano è oggi pienamente sostenibile; va comunque perseguita la sua riduzione, ma in una prospettiva di crescita economica.
La politica fiscale e di spesa pubblica dovrà essere orientata al perseguimento degli obiettivi richiamati di crescita stabile e sostenibile.
In Europa verranno portati con forza questi temi per un adeguamento della sua governance, un adeguamento già al centro della riflessione e della discussione di tutti i paesi membri dell’Unione. Siamo ottimisti sul risultato di queste riflessioni e fiduciosi della nostra forza negoziale, perché siamo di fronte a una situazione in cui gli interessi dell’Italia, in questa fase della costruzione europea, coincidono con gli interessi generali dell’Europa e con l’obiettivo di prevenire un suo eventuale declino.
L’Europa è la nostra casa. Quale Paese fondatore abbiamo il pieno titolo di rivendicare un’Europa più forte e anche più equa, nella quale l’Unione economica e monetaria sia orientata a tutelare i bisogni dei cittadini, per bilanciare più efficacemente i princìpi di responsabilità e di solidarietà.

Privilegi della politica.
Negli anni a noi più prossimi abbiamo visto ridurre gli investimenti pubblici e comprimere i servizi fondamentali. Sono rimasti intatti, tuttavia, i privilegi della politica e i suoi sprechi.
Questo Governo intende agire con risolutezza. La lotta ai privilegi della politica e agli sprechi non è una questione meramente simbolica. Se i comuni cittadini affrontano quotidianamente mille difficoltà e umiliazioni perché non hanno un lavoro, hanno una pensione al di sotto della soglia della dignità, lavorano guadagnando un salario irrisorio, non è tollerabile che la classe politica non ne tragga le dovute conseguenze in ordine al proprio trattamento economico. Diversamente, si rompe il patto di fiducia dei cittadini nei confronti delle proprie istituzioni.
Occorre operare un taglio alle pensioni e ai vitalizi dei parlamentari, dei consiglieri regionali e dei dipendenti degli organi costituzionali, introducendo anche per essi il sistema previdenziale dei normali pensionati. Le cosiddette pensioni d’oro sono un altro esempio di ingiustificato privilegio che va contrastato. Interverremo sugli assegni superiori ai 5.000 euro netti mensili nella parte non coperta dai contributi versati.
Opereremo risparmi in tutte le sedi possibili e sono convinto che ci ritaglieremo ampi margini di intervento e conseguiremo risultati significativi.

Giustizia.
In questa materia il nostro obiettivo è ricostruire il rapporto di fiducia dei cittadini nei confronti del “sistema giustizia”. Più di recente si è registrato un declino delle iniziative di tutela giudiziaria. In realtà, non è venuta meno la domanda di giustizia, ma piuttosto i processi costano troppo e durano troppo a lungo. Questo vale per i cittadini e per le imprese, con la conseguenza che la scarsa efficienza del “servizio giustizia” si sta rivelando un limite alla crescita economica e un deterrente nei confronti degli investitori stranieri. Nell’economia contemporanea, come ricorda il sociologo Ulrick Beck, il vero pericolo è la «minaccia di non invasione da parte degli investitori, oppure la loro partenza».
Nel contratto di governo sono indicati alcuni precisi obiettivi: la semplificazione e la riduzione dei processi, l’abbassamento dei costi di accesso alla giustizia, il rafforzamento delle garanzie di tutela dei diritti e degli interessi dei cittadini.
Inaspriremo le pene per il reato di violenza sessuale oltre all’equo indennizzo a favore delle vittime. Assicureremo la “certezza della pena” onde evitare che i cittadini onesti perdano fiducia nella giustizia.
Ove necessario, aumenteremo il numero di istituti penitenziari anche al fine di assicurare migliori condizioni alle persone detenute, ferma restando la funzione riabilitativa costituzionalmente prevista per la pena, che impone di individuare adeguati percorsi formativi e lavorativi.
Riformeremo anche la prescrizione, che deve essere restituita alla sua funzione originaria, non più ridotta a mero espediente per sottrarsi al giusto processo.

Contrasto della corruzione e dei poteri criminali.
Rafforzeremo le strategie di contrasto della corruzione e dei poteri criminali.
Contrasteremo la corruzione che si insinua in tutti gli interstizi delle attività pubbliche, altera la parità di condizioni tra gli imprenditori, degrada il prestigio delle funzioni pubbliche.
Aumenteremo le pene per i reati contro la pubblica amministrazione, con introduzione del “daspo” per corrotti e corruttori. Rafforzeremo l’azione degli agenti sotto copertura, in linea con la convenzione di Merida. Saranno maggiormente tutelati coloro che, dal proprio luogo di lavoro – sia esso privato o pubblico –, denunceranno i comportamenti criminosi compiuti all’interno dei propri uffici.
Contrasteremo con ogni mezzo le mafie, aggredendo le loro finanze, le loro economie e colpendo le reti di relazioni che consentono alle organizzazioni criminali di rendersi pervasive nell’ambito del tessuto socio-economico.

Conflitto di interessi
Il conflitto di interessi è un tarlo che mina il nostro sistema economico-sociale fin nelle sue radici, e impedisce che il suo sviluppo avvenga nel rispetto della legalità e secondo le regole della libera competizione. Soggetti che sono istituzionalmente investiti dell’obiettivo di perseguire interessi collettivi, e che dovrebbero improntare le loro iniziative a una logica imparziale, in realtà, vengono sovente sorpresi a perseguire il proprio tornaconto personale.
Rafforzeremo la normativa attuale in modo da estendere le ipotesi di conflitto fino a ricomprendervi qualsiasi utilità, anche indiretta, che l’agente possa ricavare dalla propria posizione o dalla propria iniziativa. Occorre rafforzare, inoltre, le garanzie e i presidi utili a prevenire l’insorgenza di potenziali conflitti di interesse.

Reddito e pensione di cittadinanza.
Anche in Italia, come in altri paesi, le diseguaglianze si sono aggravate e le povertà si sono moltiplicate. A coloro che vivono condizioni di disagio socio-economico è preclusa la possibilità di sviluppare appieno la propria personalità e di partecipare in modo effettivo all’organizzazione politica, economica e sociale del nostro Paese, come previsto dal secondo comma dell’articolo 3 della nostra Costituzione.
L’obiettivo del Governo è assicurare un sostegno al reddito a favore delle famiglie più colpite dal disagio socio-economico. Il beneficio verrà commisurato alla composizione del nucleo famigliare e sarà condizionato alla formazione professionale e al reinserimento lavorativo.
Ci proponiamo, in una prima fase, di rafforzare i centri per l’impiego, in modo da sollecitare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro con la massima efficienza e celerità possibili. Nella seconda fase, verrà erogato il sostegno economico vero e proprio.
Ci premureremo di intervenire anche a favore dei pensionati che non hanno un reddito sufficiente per vivere in modo dignitoso, introducendo una pensione di cittadinanza.
Immigrazione
Un primo banco di prova del nuovo modo in cui vogliamo dialogare con i partner europei è certamente la disciplina dell’immigrazione. È a tutti evidente come la gestione dei flussi migratori finora attuata ha rappresentato un fallimento: l’Europa ha consentito chiusure egoistiche di molti stati membri che hanno finito per scaricare sugli stati frontalieri, ed in primo luogo sul nostro Paese, gli oneri e le difficoltà che invece avrebbero dovuto essere condivisi.
Per questo chiederemo con forza il superamento del Regolamento di Dublino al fine di ottenere l’effettivo rispetto del principio di equa ripartizione delle responsabilità e realizzare sistemi automatici di ricollocamento obbligatorio dei richiedenti asilo. Fin dal primo, positivo colloquio che ho avuto con la cancelliera Angela Merkel ho rimarcato l’importanza di questo tema e le successive dichiarazioni rilasciate dalla medesima durante lo scorso fine settimana dimostrano come si stia affermando la piena consapevolezza che l’Italia non può essere lasciata sola di fronte a tali sfide.
Non siamo e non saremo mai razzisti. Vogliamo che le procedure mirate all’accertamento dello status di rifugiato siano certe e veloci, anche al fine di garantire più efficacemente i loro diritti.
Difendiamo e difenderemo gli immigrati che arrivano regolarmente sul nostro territorio, lavorano e si inseriscono nelle nostre comunità rispettandone le leggi e dando un contributo decisivo allo sviluppo. Ma per garantirne l’indispensabile integrazione, dobbiamo non solo combattere con severa determinazione le forme più odiose di sfruttamento legate al traffico di esseri umani, perpetrate da scafisti privi di scrupoli, ma anche riorganizzare e rendere efficiente il sistema dell’accoglienza, assicurando trasparenza sull’utilizzo dei fondi pubblici ed eliminando ogni forma di infiltrazione della criminalità organizzata.
Ove non ricorrano i presupposti di legge per la loro permanenza, ci adopereremo al fine di rendere effettive le procedure di rimpatrio e ci adopereremo affinché anche in sede europea tutti i Paesi terzi che vorranno stringere accordi di cooperazione con un Paese membro dell’Unione acceda alla sottoscrizione di accordi bilaterali di gestione dei flussi migratori.
Una riflessione merita la vicenda tragica e inquietante occorsa qualche giorno or sono. Sacko Soumayla è stato ucciso con un colpo di fucile: era uno tra i mille braccianti, con regolare permesso di soggiorno, che tutti i giorni in questo paese si recano al lavoro in condizioni che si collocano al di sotto della soglia della dignità. A lui e ai suoi familiari va il nostro commosso pensiero. Ma questo non basta. La politica deve farsi carico del dramma di queste persone e garantire percorsi di legalità, che costituiscono la stella polare di questo programma di governo.

Riforma tributaria
Il nostro sistema tributario è datato e non rispecchia più l’attuale realtà socio-economica. Le grandi società, che operano nello spazio transazionale, riescono a nascondere le loro ricchezze nei paradisi artificiali, mentre le piccole aziende e i piccoli contribuenti rimangono schiacciati da un’elevata pressione fiscale.
Ha ragione Kotler: occorre ripensare il capitalismo.
Nel frattempo, ci ripromettiamo di introdurre misure rivoluzionarie che conducano a una integrale revisione del sistema impositivo dei redditi delle persone fisiche e delle imprese.
La nostra pressione fiscale, unita a un eccesso di burocrazia, infatti, incidono negativamente sulla qualità del rapporto tributario tra lo Stato e i contribuenti, nonché sulla competitività del nostro Paese.
L’obiettivo è la “flat tax”, ovvero una riforma fiscale caratterizzata dall’introduzione di aliquote fisse, con un sistema di deduzioni che possa garantire la progressività dell’imposta, in piena armonia con i principi costituzionali. Solo così sarà possibile pervenire a una drastica riduzione dell’elusione e dell’evasione fiscale, con conseguenti benefici in termini di maggiore risparmio di imposta, maggiore propensione al consumo e agli investimenti, maggiore base imponibile.
È insomma necessario rifondare il rapporto tra Stato e contribuenti, all’insegna della buona fede e della reciproca collaborazione tra le parti.
Ma un concetto deve essere qui ribadito con assoluta chiarezza: occorre inasprire l’esistente quadro sanzionatorio amministrativo e penale, al fine di assicurare il carcere vero per i grandi evasori.

Ricerca scientifica
Siamo orgogliosi che quest’anno ben undici fra giovani ricercatrici e ricercatori italiani saranno insigniti nei prossimi giorni, alcuni per la seconda volta, col prestigioso riconoscimento (Merit Award 2018 della Conquer Cancer Foundation), che li individua fra i migliori nel mondo per i loro lavori condotti sul cancro. Spiace però constatare che molti di loro, al pari di tanti colleghi che si fanno onore a livello globale nei diversi settori della ricerca scientifica, siano stati costretti ad abbandonare il nostro paese per operare in università e centri di ricerca stranieri. Le nostre scuole e università sono in grado di formare eccellenze assolute in tutti i settori, ma purtroppo non siamo in grado di mantenerli nel nostro paese, con un deficit che è insieme culturale ed economico.
Vogliamo invertire la rotta, offrire ai migliori dei nostri ricercatori - come pure ai ricercatori stranieri, nei confronti dei quali dobbiamo essere attrattivi - concrete possibilità di proseguire le proprie attività nel nostro Paese, così formando altri scienziati ed insieme trasferendo il frutto dei loro lavoro nel nostro tessuto economico e produttivo. Solo attraverso lo sviluppo delle attività più avanzate e innovative potremo mantenere in Italia le filiere produttive che oggi costituiscono l’ossatura su cui si fonda la nostra ricchezza, regalando un futuro di sviluppo e crescita ai nostri figli e nipoti.

Sanità.
Il documento di economia e finanza già deliberato prevede una contrazione della spesa sanitaria. Sarà compito di questo Governo invertire questa tendenza per garantire la necessaria equità nell’accesso alle cure. Le differenze socioeconomiche non possono, non devono risultare discriminanti ai fini della tutela della salute per i cittadini del nostro Paese.
Perseguiremo una maggiore efficienza nell’erogazione dei servizi, sia in ordine ai volumi, alla qualità e agli esiti delle cure, sia in ordine alla gestione dei conti.
Il Governo lavorerà d’intesa con le regioni e le province autonome per implementare modelli organizzativi più efficaci, in grado di garantire una corretta presa in carico dei pazienti, favorendo la promozione e la prevenzione della salute attraverso l’integrazione dei servizi socio-sanitari oltre che il potenziamento della medicina del territorio.
Vogliamo ottenere la riduzione dei tempi delle liste d’attesa e vogliamo che le nomine apicali delle strutture manageriali nel mondo della sanità avvenga in base a criteri esclusivamente meritocratici, rigorosamente al riparo da indebite influenze politiche.

Internet.
La società del domani sarà sempre più caratterizzata da Internet: uno spazio pubblico infinito, che facilita la produzione e l’accesso alla conoscenza, crea opportunità di innovazione, riduce la distanza tra i cittadini e i luoghi della democrazia e aumenta la trasparenza dei processi decisionali.
Siamo però consapevoli che la direzione verso cui questo progresso tecnologico si sviluppa non è neutra. Dobbiamo far si che questa direzione di sviluppo sia pienamente compatibile con la tutela dei diritti fondamentali della persona e con le esigenze della collettività.
Dobbiamo rafforzare alcune garanzie, giuridiche e istituzionali, in modo da consentire la definitiva affermazione della cittadinanza digitale.
L’accesso a Internet va assicurato a tutti i cittadini in quanto diritto fondamentale e precondizione dell’effettivo esercizio dei diritti democratici, ai sensi del secondo comma dell’art. 3 Cost.
Occorre però assicurare un elevato livello di protezione dei dati personali, in quanto sussiste un circolo virtuoso tra tutela dei diritti, uso della rete, inclusione sociale e crescita economica.

Sussidiarietà e terzo settore.
L’azione di governo sarà sensibile anche al principio di sussidiarietà, che impone di limitare l’azione dei pubblici poteri quando l’iniziativa dei privati, singoli oppure organizzati in strutture associative, possa rivelarsi più efficiente.
Siamo consapevoli che il terzo settore e tutti gli organismi che lo affollano (associazioni di volontariato, di promozione sociale, di cooperazione sociale, che perseguono la solidarietà sul piano internazionale) offrono modelli di sviluppo sostenibile, che contribuiscono a realizzare un circuito di solidarietà che favorisce le persone fragili e più bisognose.
Le iniziative non profit sovente si inseriscono negli spazi della nostra società dove più intensa si avverte la sofferenza: contribuiscono a ridurre le diseguaglianze, a rafforzare la coesione sociale, aiutano a disegnare un futuro migliore.
Intendiamo porre in essere tutti i provvedimenti, anche correttivi, che consentano la piena realizzazione di una efficace riforma del terzo settore, che sia effettiva anche sul piano delle ricadute fiscali.
Vorrei qui ricordare, in particolare, il contributo al miglioramento della qualità della vita offerto dalla pratica sportiva e assicurato dalle esperienze di volontariato, attraverso migliaia di piccole associazioni sportive dilettantistiche.
E’ questa una dimensione del mondo dello sport che intendiamo tutelare e valorizzare.

Imprese e sviluppo.
Siamo consapevoli che il rilancio della nostra economia passa attraverso lo spirito di iniziativa e le qualità di tanti piccoli imprenditori, professionisti, commercianti artigiani, i quali, attraverso mille difficoltà, tengono alta la tradizione di impegno e laboriosità che costituisce una delle caratteristiche più autentiche del nostro tessuto produttivo, a tutti i livelli, in tutti i settori.
Ci proponiamo di creare per loro un contesto favorevole, operando in modo che la pubblica amministrazione non sia un avversario da cui difendersi, ma un alleato con cui cooperare.
Agiremo in modo da favorire le imprese che innovano, che assumono nuovo personale, che rispettano le regole della libera competizione.
Intendiamo promuovere le imprese che adottano prassi socialmente responsabili, che improntano le loro iniziative economiche al principio di precauzione, in modo da prevenire l’impatto negativo delle loro azioni sull’ambiente e da assicurare un ambiente idoneo a tutelare i diritti dei lavoratori.
Promuoveremo una disciplina che riveda integralmente la tradizionale legge fallimentare, nel segno di un approccio ben più ampio, che abbandonando una logica meramente sanzionatoria, valga a disciplinare e definire, in modo organico, il fenomeno della cosiddetta “crisi di impresa”.

Dialogo con le parti sociali.
Questo Governo si propone di recuperare in forme nuove e più efficaci il dialogo sociale con le varie associazioni rappresentative dei lavoratori e delle imprese. Dovremmo ridefinire, sulla base dei criteri oggettivi, il principio di rappresentatività, in piena trasparenza.
Per questa via otterremo che tutti siano invitati, ciascuno in base alle proprie sensibilità e competenze, a ridare un nuovo slancio alle proprie iniziative, nella consapevolezza che il loro impegno e le loro proposte, se ispirate all’interesse generale del Paese e delle varie comunità anche locali, saranno apprezzate e tenute in considerazione.
Occorre rimettere in moto, in maniera corale, tutte le molteplici energie positive del nostro Paese. Restituire vitalità all’industria, specialmente esportatrice, al tessuto delle innumerevoli piccole e medie imprese nell’ambito del commercio, dei servizi e dell’artigianato, alle cooperative autentiche, al mondo agricolo e alle sue filiere che promuovono il made in Italy nel mondo, alle banche trasparenti e al servizio della economia reale.

Semplificazione, deburocratizzazione, digitalizzazione.
Dedicheremo molta attenzione alla semplificazione, alla deburocratizzazione e alla digitalizzazione.
Riassumo solo una battuta al tema degli appalti pubblici. Dobbiamo ridare slancio agli appalti pubblici, che possono diventare una leva fondamentale della politica economica del Paese, garantendo sviluppo sostenibile e aumento dell’occupazione. Negli ultimi anni questo settore sta attraversando una fase di arresto, determinata per buona parte anche dalle incertezze interpretative e da talune rigidità generate dal nuovo codice dei contratti pubblici.
Dobbiamo superare il formalismo fine a se stesso che ancora domina largamente la disciplina degli appalti, poiché la forma non può essere scambiata per legalità: troppo spesso gare formalmente perfette nascondono corruzione e non impediscono la cattiva esecuzione.
Dobbiamo assicurare il rigoroso rispetto dei tempi di consegna delle opere ma anche la qualità dei lavori e delle forniture e l’efficienza dei servizi.

Sul sistema di voto all’estero e sulla salvaguardia delle Regioni ad autonomia speciale.
Il Governo presterà la dovuta attenzione anche alle legittime istanze che verranno dai Parlamentari eletti all’estero. Abbiamo già iniziato a meditare sulle criticità del sistema di voto all’estero e sulla necessità di introdurre misure adeguate a prevenire il rischio che alle votazioni si accompagnino brogli.
Ci adopereremo per salvaguardare le Regioni ad autonomia speciale, del Nord e del Sud del Paese, nella convinzione che la prossimità, la sussidiarietà e la responsabilità, ove localmente concentrate, possano contribuire a migliorare la qualità di vita dei nostri cittadini.

Sulla centralità del Parlamento e sui gruppi parlamentari di opposizione.
Una specifica considerazione rivolgo ai gruppi parlamentari che si collocheranno all’opposizione.
Questo governo non è espressione del Vostro sentire, ma si apre anche alle Vostre valutazioni. Nel rispetto dei ruoli, qualora confermerete di non appoggiare questa iniziativa di governo, vi chiedo però di esercitare le vostre prerogative di opposizione in modo costruttivo e leale. Le istituzioni non sono il patrimonio di una sola forza politica ma sono la casa di tutti gli italiani e segnano la qualità del nostro ordinamento giuridico e del nostro vivere civile.
Una opposizione anche ferma, ma leale e costruttiva è il sale della dialettica politica e serve per il buon funzionamento dell’“istituzione parlamentare” e dell’intero sistema democratico.
Anche al fine di onorare la centralità del Parlamento, Vi anticipo sin d’ora che è mia intenzione applicare l’istituto delle interrogazioni a risposta immediata, in accordo con le previsioni regolamentari di Camera e Senato.
Per questa via, potremo confrontarci costantemente e attraverso la vostra mediazione mi sarà consentito di interloquire con i cittadini da Voi rappresentati.
La presenza del Governo nelle Aule e nelle Commissioni Parlamentari sarà inoltre assicurata, con forza, da tutti i Ministri, i quali, in base alle rispettive competenze, risponderanno alle Vostre domande.
Personalmente, mi impegno a rispettare le opinioni dissenzienti e le valutazioni contrarie che si leveranno da questi scranni e a veicolare anche all’interno della compagine di governo le posizioni che torneranno utili a offrire maggiore solidità ed efficacia alle azioni del Governo.
Saremo disponibili anche a valutare, in corso d’opera, l’apporto di gruppi parlamentari che vorranno condividere il nostro cammino e, se del caso, aderire successivamente al contratto di governo, offrendo un apporto più stabile alla realizzazione del nostro programma.

Dedico un pensiero finale ai terremotati. La mia prima uscita pubblica, in Italia, sarà dedicata a loro.

Sono giunto alla fine del mio discorso. Il popolo si è espresso e ha chiesto il cambiamento. Adesso la parola sta a Voi. Il Vostro voto di oggi sarà parte della storia del Paese. Grazie a tutti.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

5 Giu 2018, 11:57 | Scrivi | Commenti (361) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 361


Tags: conte, discorso, fiducia, presidente, senato

Commenti

 

Alcune fonti commentano un'imprecisione nel discorso di Conte, quando cita Dostoevskij. Citazioni imprecise si ritrovano in Plutarco e in Machiavelli. Anche Dante non tiene sempre conto dei dati sensibili. Gli Antichi non avevano connessioni, e anche libri e antesignani non erano sempre sottomano. Oggi la situazione è diversa ma sono attuali citazioni anche molto antiche. Come: “Hic Rhodus, hic salta”. Io l'interpreterei: “Ora sei qui, datti da fare”; anche improvvisando una citazione, così come capita.

Giuseppe Paolo Mazzarello 11.06.18 19:04| 
 |
Rispondi al commento

Ritengo che il cambiamento più importante che il nuovo governo M5S dovrebbe apportare sia quello di finanziare adeguatamente il sistema scolastico italiano. Il sistema scolastico pubblico è stato attaccato negli ultimi 15 anni da governi successivi, e ora è quasi al punto di crollare in città come Napoli. Il futuro dell'Italia sta nell'educazione della sua popolazione, specialmente nelle aree povere del sud. Possiamo capire chiaramente questo se guardiamo a quello che è successo in Irlanda. Alla fine degli anni '70, l'Irlanda aveva un enorme debito e l'economia era un disastro,in grosso modo lo stesso di quello che affrontiamo ora in Italia. Investendo nell'istruzione e facendo un uso intelligente dei fondi dell'UE, gli irlandesi hanno usato l'istruzione per uscire dal disastro economico che stavano affrontando.

********

I consider that the most important change which the new M5S goverment should make is to properly fund the Italian school system. The public school system has been attacked over the last 15 years by successive goverments, and now it's almost at the point of collapse in cities like Naples. The future of Italy lies with the education of it's population, especially so in impoverished areas of the south. We can clearly understand this if we look at what happened in Ireland. In the late 70s, Ireland had a huge debt and it's economy was a disaster, roughly the same as what we face now in Italy. By investing in education and making intelligent use of EU funds, the Irish educated their way out of the economic disaster that they were facing.

Stephen Howe 10.06.18 05:32| 
 |
Rispondi al commento

VEDO TUTTO LE TRASMISSIONE SENTO DIRE DA TUTTI GIORNALISTI UN UOMO NON SI CONOSCEVA.LORO DOVE ERANO DI COSE' SI OCCUPAVANO.MI RISULTA PARECCHIE ECCELLENZE LAVORINO IN SORDINA.DOVE DANNO UN CONTRIBUTO AL NOSTRO PAESE. VEDO I POTERI FORTI SI SONNO MESSI IN MOTO,IL GOVERNO DEL CAMBIAMENTO FA PAURA.GLI AUGURO UN BUON LAVORO CHE FA LA STORIA CHE RIMANE NELLA STORIA.

Giuseppe Schicchi 07.06.18 17:56| 
 |
Rispondi al commento

Il discorso del Presidente Conte racchiude tutti i valori,gli ideali e le battaglie del Movimento 5 Stelle:è la base di un vero Governo del cambiamento

Rino Siconolfi, Ferrara Commentatore certificato 07.06.18 16:09| 
 |
Rispondi al commento

Un discorso SUBLIME!!

Una lode particolare a chi ha scovato il migliore presidente del consiglio mai visto (io di anni ne ho abbastanza per poterlo dire!) Abbiamo qui una persona pacata ma assolutamente ferma e risoluta, il tutto unito a uno spessore culturale e di pensiero che si fanno assolutamente notare! Capisco la rabbia dei piddini, la differenza non potrebbe essere piú grande!!

fabio 07.06.18 15:30| 
 |
Rispondi al commento

Sto guardando L'ARIA CHE TIRA su LA7 condotta da Marta Merdino.
Tale giornalista Giannini sta sproloquiando sul PREMIER Conte per aver dimenticato il nome del Mattarella ucciso dalla mafia, ma nessuno in studio ha ricordato il non ricordo di DEL RIO davanti ai giudici che non ricordava chi era GRANDE ARACRI ( noto 'ndranghettista di CUTRO (CALABRIA) dove DEL RIO ha partecipato alla processione del santo patrono e dal quale 'ndranghetista ha comprato la sua casa.dimenticando anche quanti sono i corrotti e condannati del PD.
IN ALTO I CUORI
W il M5S
Osvaldo Chiarelli
M5S Firenze

osvaldo chiarelli, firenze Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 07.06.18 11:42| 
 |
Rispondi al commento

Consideravo quelli della Lega primatisti nello sparare baggianate colossali ma ormai è da un bel po' che tal primato è stato conquistato da quelli del PD. Devo dire che sono positivamente sorpresa dalla Lega. Il contratto va più che bene, è perfetto e dato che la perfezione non è umana sarebbe già un grosso miglioramento se venisse realizzato per il 50%. Per carità, continuate a snobbare i salotti TV, non ci servono. Accettate solo inviti mirati ad informare i cittadini sul vostro operano non per battibeccare con la spazzatura politica e intellettuali eunuchi.

FC 07.06.18 10:42| 
 |
Rispondi al commento

ATTENZIONE A CHI AFFIDATE LE TELECOMUNICAZIONI E LA COMMISSIONE DI VILANZA RAI.
W IL M5S
Osvaldo Chiarelli
M5S Firenze

osvaldo chiarelli, firenze Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 07.06.18 10:08| 
 |
Rispondi al commento

Raga scusatemi continuate ad anticipare ma non vedete oltre la dinamica dei fatti... Il M5S e la Lega sono due realtà i n c o m p a t i b i l i , sono contrattualmente insieme per scongiurare una grande crisi economica e sociale; ripeto sociale perchè lega al nord e M5S al sud!! Il leader Leghista fa in fretta a fare le valigie se non vengono realizzate le sue intenzioni, ed è quello che farà presto; la sua riserva lo aspetta a braccia aperte; e noi che riserva abbiamo? E' così intuitiva l'intenzione leghista che lo capisce pure mia figlia che ha 11 anni!! Vedete quando si dice una "cosa" e la si ripete 10-100-1000-1000.000 di volte in luoghi e contesti diversi, attraverso manifestazioni giornali tv radio web ecc. quella "cosa" diventa credibile e vera all'opinione pubblica, alla gente si appannano gli occhi e vedono in quella "cosa" una realtà che di reale non ha nulla; (manipolazione di massa), e i politici lo sanno bene! S. da anni sbraita contro gli immigrati a destra e sinistra, ora la gente ci crede e diventa un allarme, un pericolo da sradicare subito, quando in effetti questa non è la priorità in primis; il lavoro è la priorità!! Discorso che lui mette in secondo piano... Ma lo vedete quando parla di immigrati l'odio che esce dai suoi occhi, che mi ricorda tanto un suo predecessore che sbraitava contro i meridionali!! S. ha nel sangue la rabbia per quelli che hanno una cultura diversa dalla sua, e questo è razzismo allo stato puro; chiusura mentale ristretta... I problemi degli Italiani sono anche questi, (anche) ma prima serve risolvere problemi molto più importanti in maniera civile ed educata e non ringhiando ai 4 venti!! Qualcuno gli dia il manualetto di istruzioni per favore!! W il M5S!!

Lina B. 07.06.18 00:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Spero che non ci stamo rimangiando le promesse della campagna elettorale. Subito abilizione della "Fornero", "Buona scuola" e "Jobs act". Si vedranno subito alle prossime elezioni i primi risultati.

Marcello 06.06.18 22:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bene ! Mi sono segnato oltre 25 punti par a 25 obiettivi del Governo. Stranamente mancano alcuni temi storici dei cinquestelle quali ambiente, rinnovabili, mobilita', infrastrutture, critica al capitalismo e al libero mercato (vi ricordate Beppe Grillo ?)
Comunque ora il Governo deve dare ai cittadini degli strumenti di monitoraggio di concrete proposte e azioni del Governo stesso, cioe' il come e quando raggiungere tali generici obiettivi.
Di "grandi" discorsi alla Renzi siamo veramente stanchi. Credo sia una occasione storica di cambiamento. Ma deve essere una occasione concreta e realizzabile.

STEFANO MATTIELLO 06.06.18 22:44| 
 |
Rispondi al commento

A me piace Conte , dal '94 è il primo pdc che ritengo serio e anche vicino alla gente. Ho dei dubbi sulla lega e che duri.

Bruno C., Brescia Commentatore certificato 06.06.18 21:07| 
 |
Rispondi al commento

*°* Ho ascoltato con attenzione e grande apprezzamento i due discorsi del Presidente Conte al Senato ed alla Camera, viceversa sono rimasto DISGUSTATO delle dichiarazioni MENZOGNERE e FARNETICANTI esplicitate da FI, PD ed altri personaggi quali ad esempio la Lorenzin. Hanno toccato il fondo per l'atteggiamento assunto da false vittime o pseudo difensori della Costituzione e dei Cittadini ma soprattutto mi ha disgustato l’atteggiamento "da rosiconi perdenti". FI ha forse dimenticato i 34 procedimenti penali del suo fondatore, salvatosi con le prescrizioni e leggi ad-hoc. I forzisti hanno dimenticato le figuracce che il loro ex presidente del consiglio, a livello internazionale, ha fatto subire a noi Italiani quando nel giardino di Villa Certosa veniva fotografato con il “pistolino” in bella mostra davanti alle sue giovani ospiti, attività propedeutica alle "cene eleganti". E cosa dire degli ex DC travestiti da comunisti, che non conoscono neanche i principi filosofici a cui dovrebbero essere ispirati, ovvero protezione del popolo e dei deboli . Il PD di Renzi, Del Rio, Martina e company, gli amici degli amici, il giglio fiorentino, i raccomandati sistemati prima delle ultime votazioni. etc etc
DI COSA HANNO PAURA ??? Parlano del Governo di GIUSTIZIALISTI, di FORCAIOLI, e ALLORA ??? Io AFFERMO: SE sei stato o sei un disonesto allora DEVI PREOCCUPARTI ! Se sei contro la GIUSTIZIA e la LEGALITA’, allora probabilmente SEI un LADRO, un CORROTTO o un DELINQUENTE.
RISTABILIAMO TUTTI i PRINCIPI LEGALI e MORALI, QUESTO DEVE ESSERE IL NUOVO PRESENTE ed IL NUOVO FUTURO di QUESTO PAESE ! VOI VECCHI "POLITICI MESTIERANTI e MENTECATTI" TORNATE A CASA !

Valter Introno Commentatore certificato 06.06.18 20:49| 
 |
Rispondi al commento

Ho sempre votato per il Movimento,il superamento della legge Fornero era uno dei punti fondamentali nel programma di governo.Quota 100, si dice che bisogna avere o 41,5 anni di contributi oppure 64 anni di età,max 2 anni di contribuzione figurativa.Se avviene questo si stravolge tutto.Il mio voto come quello di moltissimi altri andra'altrove.Spero che la coerenza e l'onesta intellettuale prevalgano.

carlo sergiampietri 06.06.18 18:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OMONIMO
Sacko Soumali, 29 anni, originario del Mali, ucciso da una fucilata alla testa.
Lascia una moglie ed un bimba di cinque anni.
Prego i Presidenti Mattarella, Conte ed il Ministro Salvini di accertare subito come e perchè c'è stato questo omicidio di un sindacalista.
Beppe Grillo se è stato ucciso per la sua attività va inserito nei santi laici ma sopratutto, accertata la verità va data Cittadinanza Onoraria e reale alla vedova ed alla figlia ed alle due si anticipi subito il reddito di cittadinanza, anche con sottoscrizione collettiva sul blog per reperirne i fondi.
Grazie dell'attenzione.
Chi ha ucciso ha offeso il Creatore che gli ha dato vita. Non toccate comunque Caino, anche il creatore non lo ha fatto per dargli la possibilità ed il tempo di redimersi.

grillo giuseppe 06.06.18 18:19| 
 |
Rispondi al commento

OMONIMO
Oltre al voto all'estero, preoccuparsi anche di chi si trova fuori sede comunale e non può votare.
Mi riferisco agli studenti ed ai lavoratori, specie gli stagionali, per qualsiasi ragione fuori sede e nell'impossibilità di votare.
Sono già intervenuto su questo tema e basta poco.
O viene in aiuto elettronica o si obbliga il Presidente del Seggio Elettorale alla verifica del cittadino presso il Comune di residenza, con la relativa trascrizione, cartacea ed elettronica dell'esercitato diritto di voto.
Maggiori dettagli sono facili facili.
Anche questa piccola legge è a costo zero.
E' giusto e giustissimo occuparsi del voto all'estero ed aggiustare le sue distorsioni macroscopiche, ma anche questa garantisce i diritti politici ed elettorali.
Saluti

grillo giuseppe 06.06.18 17:06| 
 |
Rispondi al commento

OMONIMO - Buongiorno:
Sto ascoltando su La7 il discorso del Primo ministro.
Propongo qualche legge transitiva e provvisoria.
Divieto assoluto di qualsiasi forma di pubblicità per i giochi d'azzardo, statali e non statali, in attesa di regolamentarli in modo che non distruggano le famiglie coinvolte. Bastano quattro parole.
Prima legge sociale senza costi.
Questa legge deve essere intesa come propedeutica ad una seria riforma di questa materia.


grillo giuseppe 06.06.18 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Innanzi tutto desidero esprimere al PdC Prof. Giuseppe Conte tutto il mio sostegno ed ammirazione.
Si stanno tagliando i privilegi ad una casta.
Non sarebbe opportuno remunerare i ns. parlamentari in base alla presenza in aula?
Quando decidi di candidarti lo fai per servire la nazione, in cambio di un buon stipendio ed anche dell'onore di rappresentare l'Italia, il tuo impiego viene salvaguardato, lo stato ti versa i contributi, abbiamo visto fulminee carriere ai danni dell'erario provinciale e non solo, se andare in aula è un Hobby, almeno non lo sia a carico del contribuente, sarebbe, a mio avviso, dopo n assenze opportuno il decadimento dalla carica.
Rinnovo al PdC Prof. Conte ed a tutti noi i migliori auguri

fiorangelo forno Commentatore certificato 06.06.18 15:10| 
 |
Rispondi al commento

*°* ATTENZIONE NON PASSIAMO DALLA PADELLA ALLA BRACE PER LE PENSIONI di VECCHIAIA con ALMENO 20 ANNI di VERSAMENTI .
Annullare la riforma Fornero e’ una buona cosa ma prima di tale riforma erano TUTELATI anche coloro che avevano almeno 20 anni versamenti, naturalmente dovevano aspettare l’eta’ giusta.
ricordiamoci che molti cittadini hanno versato contributi minimi e sono magari disoccupati da anni vivendo alla meno peggio. Che facciamo li vogliamo penalizzare fino a farli morire ? oppure manteniamo la PENSIONE di VECCHIAIA con il minimo di almeno 20 e l’eta’ corretta ante fornero ? !
I requisiti prima della Legge Fornero: pensione di vecchiaia
Per quanto riguarda la pensione di vecchiaia, sino al 2011 era possibile raggiungere il trattamento con 20 anni di contributi (come ora) ma con:
• 65 anni di età per gli uomini;
• 61 anni di età per le lavoratrici pubbliche;
• 60 anni di età per le lavoratrici del settore privato.

Valter Introno Commentatore certificato 06.06.18 15:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CHE DIO BENEDICA IL NOSTRO PRESIDENTE E L'ITALIA TUTTA.

Antonio Maria Jaci 06.06.18 13:21| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente, il ritorno della SOCIETA' CIVILE.
Siamo tutti con voi, auguri e buon lavoro.

Raffaele . Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2017 06.06.18 13:21| 
 |
Rispondi al commento

Anch'io ho seguito con ammirazione il discorso del Presidente del Consiglio.
Questo governo, da lui ben rappresetato, sta restituendo dignità e credibilità a questa nostra Patria bistrattata. GRAZIE.

Spero che si trovi anche il modo di restituire alla televisione pubblica, una vera pluralità nell'informazione, ormai impantanata nello sterco del PD.

Anna M. 06.06.18 13:16| 
 |
Rispondi al commento

Cadere più in basso di così con la Flat Tax non credevo. Non fatemi pentire del voto dato al movimento da sei anni. NO FLAT TAX non è e non sarà mai nel programma del movimento.

Nicola 06.06.18 12:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Presidente Conte, le mie più sincere congratulazioni per il suo discorso veramente equilibrato di ieri al Senato. Ne ho condiviso forma e sostanza e in particolare ho apprezzato l'apertura finale rivolta all'opposizione; ciò ritengo abbia già dato i primi frutti, in occasione della votazione per la fiducia.

Gianni M., Cagliari Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 06.06.18 12:29| 
 |
Rispondi al commento

Conte ha detto “Ci adopereremo per salvaguardare le Regioni ad autonomia speciale, ….” Ricordo che il Veneto e la Lombardia, hanno fatto un referendum per avere più autonomia, avvallate sia dalla lega che dal M5S locale.
W M5S
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 06.06.18 11:53| 
 |
Rispondi al commento

LEGGO sull' intervento di Conte:
“Non siamo e non saremo mai razzisti.”
Penso che parli di tutti gli italiani. Allora devo informare Conte, che negli stadi, per esempio, c'è qualche turbolenza fra nord e sud ; non sono italiani quelli?
E per quanto riguarda i neri, c'è una barzelletta che gira da anni; “io non sono razzista, sono loro che sono negri” e non si scandalizza nessuno. Ma tranquilli, in Africa sono molto più razzisti che in Italia; non si deve andare solo a fare turismo, ma viverci un po', così si capisce la mentalità.
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 06.06.18 11:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vedo che non c'è una data nel discorso di Conte ( altro che nei rapporti fra ditte; se non le rispetti, scattano le penali ); spero che il reddito di cittadinanza sia fatto come la proposta di legge del 2013 http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/17/DDLPRES/0/814007/index.html?part=ddlpres_ddlpres1 e velocemente, diciamo 5,6 mesi.
W M5S
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 06.06.18 11:33| 
 |
Rispondi al commento

Come tanti ho ascoltato con piacere e sorpresa lo "sconosciuto" prof. Giuseppe Conte.
Il Presidente del Consiglio è migliore di quanto Renzi e Brunetta con altri, purtroppo per loro, potessero prevedere.
A chi cercava il pelo nell' uovo, (neanche finito di giurare già pretendevano le leggi del ... fare), ha replicato sereno e sicuro con realismo, mai con noiosa banalità.
Un piacere ascoltare, un piacere vedere, e questo è già un bel cambiamento.
Troppo serio, troppo preparato, troppo perbene ora, per deludere !

Maria Luisa Vargiu, Cagliari Commentatore certificato 06.06.18 11:29| 
 |
Rispondi al commento

Prof. Conte è l'uomo giusto al posto giusto, un signore, un presidente attento e sensibile, ha fatto un discorso molto bello sotto tutti i punti di vista.
Complimenti e buon lavoro a tutti

Giovanna C., Trieste Commentatore certificato 06.06.18 10:46| 
 |
Rispondi al commento

Tutte le sere nelle trasmissioni politiche esponenti del PD o della Lega.
Ma noi ? Ci servirebbe il Dibba ma visto che non c'è,cosa facciamo lasciamo la scena a loro ? la lega ci si mangia .....

marco d., norma Commentatore certificato 06.06.18 10:40| 
 |
Rispondi al commento

Grazie di cuore, Presidente.
Mi sono commossa.

Francesca M 06.06.18 10:30| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente i 5 Stelle al governo, ho da fare una richiesta che interessa moltissime persone che soffrono di dolori cronici e malattie gravi, avere la possibilità di coltivare la cannabis in casa propria per uso personale. Ora, per comprare i prodotti legali, ci vuole un'importante quota dello stipendio e molte persone non possono permetterselo, ma se potessimo coltivare delle piantine in proprio sarebbe davvero una grande cosa. Ho letto che c'è una legge ferma in parlamento che consente di avere fino a 5 piante, potete riprenderla per approvarla così da venirci incontro? Fareste davvero una grande azione di umanità e vi fareste sentire più vicini alle persone che soffrono, oltre a togliere soldi alla criminalità ed a fare rientrare nella legalità persone che, per necessità, non lo sono più.
Un grazie di cuore

Sergio Cicu 06.06.18 10:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Stiamo attenti ai tentacoli di berlusconi sull' informazione.
Non vogliamo un altro Violante che protegge tutto l' abuso dello spazio dei media ( TV, radio, stampa, case editrici) berlusconiano in cambio di una opposizione a doppia facciata. Un ruggito ogni tanto e poi, ricevuti i favori, una opposizione a parole. DIAMO UN MESSAGGIO CHIARO

Flavia Donati 06.06.18 10:15| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno , so che il tema della legge Fornero non è ancora stato affrontato, e mi riferisco al modo con cui superare tale legge, ma vorrei porre l'attenzione sulla quota cento con un minimo di 64 anni di età. L'approvazione di tale norma e più specificatamente all'età minima 64 risulterebbe alquanto discriminatoria per i cittadini oltre che dannosa, Io ho 60 anni e 40 anni di contribuzione, con la proposta di quota cento ed età minima 64 personalmente andrei in pensione più tardi che applicando l'attuale legge Fornero, il che sinceramente mi sembra una vera assurdità, Soprattutto tenendo conto che quarantanni fa l'età in cui si cominciava a lavorare era circa 20 e non 28 o 30 come oggi. L'introduzione anche della quota 41 servirebbe a riparametrare l'uscita dal lavoro, ma nelle ultime dichiarazioni non ne sento più parlare.
Mi auguro che si faccia un pensiero su quanto ho appena esposto. Grazie

Renato Dal Cin 06.06.18 09:56| 
 |
Rispondi al commento

Stamattina su AGORÀ il giornalista Riccardo ha sputato veleno a tutto spiano dicendo enormi cazzate, e lo pagano?
È un mentecatto che anbrebbe ricoverato.
La trasmissione dovrebbe selezionare gli ospiti in base ad una minima intelligenza ed eliminare i cervelli da gallina.
NON vorrei che la trasmissione si certifichi come una bolgia faziosa e disequilibrata.
Comunque scandaloso sentire commenti senza senso. Fastidiosi.
Mi auguro che il Governo prenda seri provvedimenti.
NON ne possiamo più di certe chiacchiere antidemocratiche e dementi.

Pier Franco Gnesotto, Roma Commentatore certificato 06.06.18 09:54| 
 |
Rispondi al commento

Spero che prima o poi si ponga all'attenzione di tutti, il vergognoso atteggiamento dei dirigenti RAI, dei loro direttori e dei conduttori di programmi spudoratamente di parte. Abbiaamo bisogno di critiche costruttive, non palate di fango gratuite da parte dei servi del buffone toscano. Diamoci una svegliata, trattiamo questi parassiti nello stesso modo che hanno trattato noi per anni, fate pulizia di questa banda di cialtroni servi, via subito anche i contributi hai giornali.

antonio sperandio, Assemini Commentatore certificato 06.06.18 09:51| 
 |
Rispondi al commento

Salvini sta da tutte le parti tv radio social è pazzesco!! Il suo stile di comunicazione assomiglia parecchio a quello di dibba a volte pronuncia gli stessi concetti con le stesse frasi,avrà visto migliaia di interventi del dibba!!!ciò lo sta portando a raggiungerci in percentuale nei sondaggi.
Fatevi vedere spesso in tv che gli italiani dimenticano in fretta!!!

Apapaia TheOriginal () Commentatore certificato 06.06.18 09:21| 
 |
Rispondi al commento

Preg.mo Sig. Presidente del Consiglio,
Le auguro buon lavoro, nell'interesse di tutti gli italiani. In questi giorni è nato il nuovo ordinamento repubblicano che riprende nello spirito il consolato repubblicano dell'antica Roma. Vi sono i capi politici dei principali partiti al governo che detengono il potere reale del governo stesso, vi è lei che rappresente una sintesi di entrambi ma che dovrà consultarsi comunque con i "consoli" prima delle decisioni più importanti. Ha un forte sostegno popolare come accadeva in epoca repubblicana romana. Ritengo che questo modello sarà adottato anche dai suoi successori. Quindi non sarà scandaloso se anche i prossimi presidenti del consiglio saranno dei garanti rappresentatitivi dei partiti al governo indipendentemente dalla loro personale legittimazione elettorale. E' molto più democratico del sistema verticistico che vigeva in epoca berlusconiana e in epoca renziana. Non più un solo uomo al comando ma un "duunvirato" ed una "tavola rotonda" di pari ruolo più o meno indipendenti. Certo il rischio di costiuire nuove oligarchie è reale ma esse saranno molto precarie in caso di malgoverno, stante la rapida e capillare diffusione delle notizie via internet. E stante la permanenza di una massa popolare che estremamente precarizzta nel lavoro e con esigenze sanitarie molto pressanti e condizionanti potrebbe, come è successo, ribaltare i gruppi di potere nell'arco di pochi anni o peggio con "tumulti". Ritengo che per le future elezioni europee a prevalere saranno le forze più convintamente europeiste. In ambito locale invece prevarranno le figure più rappresentative indipendentemente dallo schieramento politico, come accaduto a Roma, Napoli, Palermo e Milano, come nuovi tribuni, per fare degli esempi sul modello repubblicano romano. Quindi dei nuovi equilibri fra uomini e poteri. Quindi l'esperimento politico in atto è molto interessante e farà scuola. Cordiali saluti.
dott. massimo m. alosi

massimo m. alosi 06.06.18 09:12| 
 |
Rispondi al commento

Ma il bomba ancora parla?
E quel bel gingillino di Marcucci che ieri sera era anche da Vespone......avete straziato un paese che dal 40% che avevi siete dimezzati nei consensi.
Voi che avete la pretesa di fare politica di sinistra e che avete distrutto alcuni capisaldi del lavoro; voi che avete graziato le banche e penalizzato i risparmiatori truffati; voi che avete attuato politiche di ristrettezza ma il paese è ancora più in ginocchio, con molta meno sicurezza ed il debito è cresciuto; voi che avevate studiato una legge appositamente per non far vincere il M5S visto che voi non potevate vincere; voi che avreste voluto, dopo una constatata ingovernabilità, essere chiamato dal PDR per dare un governo al paese insieme allo psiconano; voi che, PER SENSO DI RESPONSABILITÀ:):):), avreste accettato per continuare a farvi i cazzi vostri come dal 2011 in poi; voi che date del non eletto a Conte quando il Prof. incensurato (è bene ricordarlo) è solo il prodotto necessario di una legge elettorale distorta partorita da voi e dai vostri finti nemici di FI; voi che siete stati dalla parte di chi ha dato dei barbari ai partiti eletti democraticamente dal popolo; voi che forse considerate democratico solo un governo del PD sia oottenuto con i voti sia tramite governo tecnico che poi tecnico non lo è; voi che l'avete preso nel .... perché il Governo è sorto ugualmente ed allora ora vi preoccupate delle risorse necessarie per fare questo e quello (ma le risorse per regalare i soldi alle banche oppure alle società che gestiscono il gioco d'azzardo da dove venivano?); voi che occupate i salotti televisivi ospitati dai vostri servi, spesso senza un degno contraltare che vi ricordi chi siete......e voi siete ciò che avete fatto in questi anni.....ed i cittadini se ne sono ricordati alle urne punendovi giustamente per le tante zozzerie fatte.
Voi che schiumate di rabbia ed è un piacere vedervi gonfiare come rospi.....ABBIATE LA DECENZA DI TACERE E ROMPETE MENO I COGLIONI!

Gianluca Petrini (mister g.), Siena Commentatore certificato 06.06.18 09:01| 
 |
Rispondi al commento

Nessuno lo dice che FI perde 1% di consensi al mese, per fine anno saranno al livello di Liberi e Uguali.
B. ma non hai ancora preso in esame la possibilità di ritirarti a vita privata e smettere di rompere i Co. . .ni.

W M 5 * * * * *

Vincenzo S., Verona Commentatore certificato 06.06.18 08:55| 
 |
Rispondi al commento

IVA!!!! il primo tema da affrontare.... sbrigatevi!!!...se ci sarà l'aumento dell'aliquota saremo nei guai tutti...Buon lavoro!

ANTONIO M. 06.06.18 08:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sig. Presidente grazie per il discorso veramente all'altezza delle aspettative, un grazie anche a Di Maio e Salvini.

Non sarà facile e neanche veloce, (Roma insegna) ma con costanza e risolutezza tutto o quasi si realizzerà.
Non fate caso a chi parla al vento sparando caz..te che al massimo possono andare bene al bar dell'angolo, gli Italiani hanno capito e nessuno li potrà fermare.

W M 5 * * * * *

Vincenzo S., Verona Commentatore certificato 06.06.18 08:48| 
 |
Rispondi al commento

UN SISTEMA ARROCCATO CHE SPARA LE ULTIME CARTUCCE

Ad un certo punto i padri si sono visti affiancati i figli nel loro lavoro quotidiano ma invece di accoglierli li hanno emarginati credendosi superiori alle loro capacità.E così è nato il sistema e l’antisistema,i dotti e i barbari,i politici e gli incompetenti,i vecchi saggi e i giovani irruenti.
La verità è che i “sapienti” non vogliono lasciare le loro poltrone e le loro posizioni di potere per cui oggi l’opposizione è la mera rappresentazione del risentimento e dell’invidia verso la nuova maggioranza e null’altro.
Lo si è visto in questo discorso di insediamento di Conte come Presidente del Consiglio dove le farneticanti opposizioni si sono opposte a tutto,al programma,alla persona di Conte,alla Lega,al M5S e ai loro capi politici.
I dotti politici e i loro cani ammaestrati hanno fatto man bassa in tutte le trasmissioni televisive per parlare del nulla:nel discorso mancano i fondamentali,Conte è al servizio di Salvini e Di Maio,le coperture che non ci sono,sta per arrivare la Troika e poi il capolavoro nel definire questo esecutivo un governo della destra.
Boom!E da li tutti a santificare il M5S come ultimo argine contro la destra dilagante rappresentata dalla Lega che si mangerà in un sol boccone il Movimento per poi diventare tutti fascisti.
Salvini parla con Orban ma il democratico Minniti pagava la Libia per imprigionare gli immigrati,torturarli,violentarli ed ucciderli prima di poter prendere il largo.
State tranquilli non abbiamo bisogno delle vostre raccomandazioni da finta sinistra o del discorso del padre previdente che si preoccupa del destino dei figli anche perché come padri avete ben poco per cui andare fieri.
Il M5S e la Lega rappresentano 20 milioni di elettori che vanno a destra?E se così fosse vi rendete conto della pochezza politica di questi decenni rappresentata da quelle figure che ancora si pavoneggiano in Parlamento e che osano definirsi opposizione?

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 06.06.18 08:47| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

finitela con proclami e parole al vento(vedi Salvini) poche chiacchi👍✌️ere ma fatti.Leggo e sento di un provvedimento di condono fiscale,ma state scherzando! non si può iniziare alla stregua di un B.qualunque,per rispetto degli onesti. Fate in modo che il premier sia autonomo e non appaia sorretto/controllato a vista da te e Salvini,non solo nella forma ,ma soprattutto nella sostanza,quindi rinunciate alla vice-presidenza e dedicatevi al vostro specifico lavoro.Conte sa il fatto suo,sarà un parvenu politico,ma rispetterà il contratto che avete sottoscritto.Buon lavoro

emanuele meli, catania Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 06.06.18 08:41| 
 |
Rispondi al commento

Hahaha...che bei commenti:
Lei Presidente deve fare questo,ma come nel programma non c'è quest'altro.
Adesso voglio vedere se farete questo....
In uganda fanno così,non si potrebbe....
Si le pulci,le pulci... ma c'è ancora da votare la Fiducia alla Camera!
Si c'è ancora da votare alla Camera ...testine!
Qualcuno ha aperto involontariamente la bocca e subito.... ma cosa dice,hhhaaaa,sono in contraddizione,c'è poco da fidarsi,il governo si scioglierà da solo.
Belin debbono ancora avere la fiducia,debbono ancora operare e già c'è chi rompe i COGLIONI!
Ma andate a fare in culo(ai troll)!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 06.06.18 08:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Finalmente ci siamo! Fiducia incassata e governo del cambiamento partito! Buon lavoro a tutti e mi raccomando, COERENZA TRASPARENTE!
Immagino che la situazione economica sia tale da non consentire la immediata realizzazione di tutti i punti del contratto, ma se iniziando dai quelli a costo zero saprete risolvere quei vizi del nostro sistema fiscale e giudiziario che secondo me sono la principale causa della mancanza di lavoro in Italia i risultati sarebbero immediati!
Mi spiego meglio; la pressione fiscale e la pressoché totale assenza di controlli anti evasione, forniscono l'alibi ad alcuni imprenditori di offrire lavoro in nero o peggio di delocalizzare. I fenomeni di sfruttamento nei riguardi degli immigrati sopratutto al sud ne sono la prova più evidente! Bisognerebbe rendere meno gravoso economicamente assumere i dipendenti, rendendo appetibile l'Italia anche agli imprenditori stranieri che potrebbero tornare a produrre qui, dopodiché facendo una lotta severa a chi non paga le tasse li si obbligherebbe a preferire la legalitá al lavoro nero. Se allo stato attuale ad un ragazzo disoccupato ad esempio di Rosarno venisse in mente di provare a trovare un impiego da bracciante agricolo, non troverebbe lavoro.
Chi ha un azienda agricola a fronte di guadagni bassissimi, (in agricoltura il prezzo dei prodotti lo fá chi compra e non chi produce) ha la possibilità di reclutare all'occorrenza decine di immigrati che terrebbe a lavorare anche 12 ore per 20/30€ rischiando pochissimo! A fronte di questa situazione i nostri ragazzi giustamente preferiscono fare la valigia e andare altrove.
Non è vero che gli Italiani non vogliono fare piú i lavori "umili", gli Italiani non vogliono essere schiavizzati! Infatti partono e all'estero vanno a fare, con diritti garantiti,quei mestieri che in Italia oramai si offrono solo in nero!
Fin quando in Italia, ci si rivolgerá ad un commercialista per farsi consigliare come non pagare le tasse non ci potrà essere ripresa economica!

D'Alessio David 06.06.18 08:20| 
 |
Rispondi al commento

Signor Presidente del Consiglio, innanzi tutto Grazie! Ho letto il suo discorso e lo condivido, ma leggo anche i commenti dei tanti italiani che permangono intrisi di rabbia e delusione dovuti alla situazione attuale e alle precedenti gestioni politiche. Nessuno ha la bacchetta magica ma ciò che mi auguro è che veramente da oggi, anzi da ieri, sia iniziato un nuovo modo di gestire "la cosa pubblica". In Italia è ormai radicata l'idea che ciò che è pubblico, non è mio, quindi è qualcosa di estraneo, da usare, svilire, magari approfittarsene. Questo lo si vede dall'arroganza con cui certa parte dirigenziale pubblica guarda il normale cittadino ma lo si vede anche nel come trattiamo i nostri parchi, le nostre scuole, le nostre strade. La dirigenza politica in questi decenni ci ha dato l'esempio di come si poteva approfittare della "cosa pubblica" e ce lo hanno dato con tanti esempi al punto che i cittadini sono diventati parte dello sfruttamento di ciò che non è propietà privata. Oggi ci attendiamo da voi l'inversione di marcia, consapevoli che la stessa inversione andrà fatta da tutti noi, e cambiare non sarà facile, ma è di certo necessario. Ascolto, azione, controllo. Aggiungeteci educazione, nel senso più ampio del termine, e forse arriveremo ad una vera rivoluzione pacifica, arriveremo a cambiare il modo di porsi dei singoli nei confronti di un Paese meraviglioso come il nostro. Grazie e buon lavoro a tutti.

massimiliano g. Commentatore certificato 06.06.18 07:57| 
 |
Rispondi al commento

""Se “populismo” è l’attitudine della classe dirigente ad ascoltare i bisogni della gente, se “anti-sistema” significa mirare a introdurre un nuovo sistema, che rimuova vecchi privilegi e incrostazioni di potere, ebbene queste forze politiche meritano entrambe queste qualificazioni.""
Presidente Conte, sei un grande faro. Ieri al Senato hai illuminato l'emiciclo, mostrando i roditori rimasti senza argomenti.

martamaria 06.06.18 07:42| 
 |
Rispondi al commento

Buona giornata pentastellata a tutti. Che dire.... Andate sempre avanti, W il M5S!

Alfia Sanfilippo 06.06.18 07:26| 
 |
Rispondi al commento

Ma non eravate il nuovo? Invece storpiate anche voi v la Lingua Italiana ! "signora presidente" va veramente ridere !

Walter Pietro Pastorino , Cogoleto Commentatore certificato 06.06.18 07:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LE LISTE CIVICHE FIANCHEGGIATRICI DEI PARTITI SONO UNA ANOMALIA GENETICA DELLA DEMOCRAZIA

Le liste civiche “fiancheggiatrici” servono in campagna elettorale per occupare in forma invasiva e preponderante tutti gli spazi pubblici atti alla propaganda politica. Cercano poi di dare l'impressione di “potenza”, di “preveggenza” e di “consenso” e di “ autonomia ” ; ma tutt'altro una miriade di liste civiche, il prossimo 10 giugno, appoggeranno sia il candidato di centrosinistra come quello di centrodestra, con i programmi quasi simili.
Con le predette liste civiche si otterranno così quei voti che altrimenti sarebbero loro preclusi, sono un serbatoio e un sottobosco elettorale per i partiti e le coalizioni lacerati, per gli opportunisti che colgono l'occasione di entrare in politica, approfittatori della democrazia, riaffiorano prima delle lezioni e spariscono giorno dopo.

NEGLI ULTIMI VENTENNI OGNI VITTORIA DELLE SINISTRE E DELLE DESTRE E' STATA UNA SCONFITTA PER LE CLASSE LAVORATRICI E PER LA CITTÀ TERNI

Shir akbari 06.06.18 06:49| 
 |
Rispondi al commento

Sono davvero curioso di vedere se ridurrete gli stipendi vergognosi di chi lavora in Senato e Camera ! ... E quelli di Deputati e Senatori, ovviamente... Vi ricordo che il Parlamentare svedese, ad esempio, va al lavoro in bicicletta e viene pagato un quarto dei Deputati e Senatori italiani !

Walter Pietro Pastorino , Cogoleto Commentatore certificato 06.06.18 06:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ora dobbiamo ripartire e ricostruire il futuro che una scellerata classe politica ha spazzato via tra connivenze, corruzione, malversazioni, a partire dall’esercizio delle attività che eroga il sistema pubblico. Prime fra tutte quelle attività che si amministrano nei Palazzi della Giustizia attualmente compromesse dalla corruzione, che dovranno ritornare ad esercitare la giustizia in nome del popolo italiano con la massima professionalità, e non viceversa allearsi con chi commette crimini per dividersi la refurtiva: e per i più recidivi di qualsiasi ordine e grado dell’organo giudiziario, si aprano serenamente e con fermezza i tempi della reclusione, quale periodo non solamente punitivo, ma anche per favorire il ravvedimento, il pentimento sul male fatto al paese e ai suoi cittadini.
Grazie onorevole Conte, grazie onorevole Di Maio, grazie onorevole Salvini e a tutti i vostri Ministri: noi saremo al vostro fianco, a fianco del Paese, a fianco della Cittadinanza più bisognosa e delle sue Istituzioni.
"Grazie anche a te Ale, e al Dio che tutto vede e sa: riversi ora e sempre la nostra riconoscenza a Gianroberto che in questo passaggio terreno fu strumento mite e umile di cuore nelle sue mani diventando dono per l'intero Paese: grazie".

friso r. Commentatore certificato 06.06.18 01:46| 
 |
Rispondi al commento

DISCORSO: UN MAGISTERO DA PORTARE DENTRO LE NOSTRE SCUOLE

L'alto discorso fatto oggi 5 giugno dal Capo del Governo Conte e i concetti in esso contenuti, che spaziano tra lo stato di diritto e i doveri che abbiamo quali cittadini, dovrebbe essere studiato e insegnato ai nostri ragazzi fin dalle scuole.
Mi chiedo: cosa potrebbe essere il paese in termini di prosperità se fosse stato regolamentato il conflitto di interessi nel pubblico, nella politica; se avessimo avuto una giustizia sana e non collusa con i malviventi appartenenti alle bande deviate presenti all’interno delle nostre istituzioni; se avessimo avuto la lotta sistematica contro la corruzione e le varie forme di criminalità organizzata?
Quante vite stroncate dal suicidio favorito dalle vessazioni sarebbero ancora qui tra noi; quante imprese portate al fallimento sarebbero ancora funzionali all’economia; quante morti in mare avremmo evitato se dietro agli esodi di massa preordinati non ci fosse stato il malaffare?

friso r. Commentatore certificato 06.06.18 01:45| 
 |
Rispondi al commento

Roma LADRONA??? e... Milano
Stanno facendo la LINEA 4 collegamento aeroporto chi paga?
La Germania? La troika? L'Unione Europea? I Milanesi?
Noi tutti Italiani Paghiamo A DEBITO paghiamo

E La dovremo pagare.. perchè non si è voluto prolungare la veloce ed efficiente LINEA 3 da San Donato alla pista di LINATE
1200 metri sempre dritto tutto all'aperto quanto costava?
troppo poco. Questa è 1 storia

Mauro Magni 06.06.18 01:35| 
 |
Rispondi al commento

Abbiamo aziende pubbliche e partecipate piene di poltrone doppie e triple e quadruplicate

Dove i lavoratori sgobbano e i dirigenti raddoppiano ogni 5 anni
hanno il vice e il vice AGGIUNTO il capufficio il vice coordinatore figure improduttive, dannose o anche moleste
Consigli di amministrazione elefantiaci pieni di gente annoiata o esaltata, che va a bagasce (scusate) per tirare sera.
Noi paghiamo con i debiti e gli INTERESSI per tutto questo e
nessuno ce li toglie altro che TROIKA...NESSUNO

Mauro Magni 06.06.18 01:16| 
 |
Rispondi al commento

"Io sono uno Spagnolo integrale e mi sarebbe impossibile vivere fuori dai miei limiti geografici; però odio chi è Spagnolo per essere Spagnolo e nient'altro, io sono fratello di tutti e trovo esecrando l'uomo che si sacrifica per una idea nazionalista, astratta, per il solo fatto di amare la propria Patria con la benda sugli occhi. Il Cinese buono lo sento più prossimo dello spagnolo malvagio. Canto la Spagna e la sento fino al midollo, ma prima viene che sono uomo del Mondo e fratello di tutti. Per questo non credo alla frontiera politica."

[Federico García Lorca]

heavenly box 06.06.18 01:02| 
 |
Rispondi al commento

Bisognerebbe
spendere e sprecare, molto ma molto meno della spesa attuale
risparmiare e razionalizzare su tutto

bisognerebbe
liberarsi di una corruzione diffusa

liberarsi dal parassitismo e dei settori improduttivi con conseguenti dolorosi ma necessari licenziamenti in massa

Ridare certezza delle pene annichilire i corrotti e corruttori
c'è sfiducia nella GIUSTIZIA
ed è forse la piaga più grave perché ognuno di noi è toccato sente che non c'è giustizia per nessuno che i magistrati fanno quello che vogliono che si muovono sempre dopo IL POPOLO

Che i farabutti la fanno franca e chi appena si barcamena viene rovinato
questo sentimento ci tocca tutti è una ENORMITA'

Mauro Magni 06.06.18 01:01| 
 |
Rispondi al commento

scusatemi eh, ma ho il problema di dover convincere anche il nostro neo Presidente del Consiglio, sarà lui a portare avanti le nostre proposte in Europa
non c'è posto per tutti qualcuno lo devo delegare

Alex Scantalmassi 06.06.18 00:56| 
 |
Rispondi al commento

Ottimo ed esaustivo il discorso programmatico del Presidente Conte. Ora occorre limitare, con cautela ma con decisione, la straripante attività di Salvini che pensa di essere la prima-donna. Che dedichi le sue energie ai progetti leghisti senza invadere il territorio pentastellato la cui cultura profondamente etica è ben distante da conservatorismo reazionario della Lega .

Luigi Gf. Consiglio (mazziniano), Palermo Commentatore certificato 06.06.18 00:38| 
 |
Rispondi al commento

adesso, per cortesia, non andare in Europa sbracando sullla spesa corrente, qui dobbiamo agire sulla rendita politica che quello si è un problema nostro
con loro se vogliono l'Europa devono smettere di speculare con l'anatocismo sul nostro debito pubblico


ovviamente la banca europea poi, dopo la direttiva Scantalmassi, non farà più gli stessi profitti, profitti che comunque non erano destinati a noi, ma alla Germania e ai suoi paesi europei satelliti
ma a noi questo non deve interessare, il loro destino con noi sarà alla pari o non sarà, noi siamo capaci di produrre reddito ugualmente, noi non abbiamo bisogno che gli altri siano più deboli di noi per produrre ricchezza

Alex Scantalmassi 06.06.18 00:12| 
 |
Rispondi al commento

i nostri politici devono presentarsi in europa con lo stesso spirito del comune cittadino che si presenta in banca, forte del suo reddito, per ricontrattare un mutuo che intende pagare ma non al tasso che la banca pretende
banca, attenzione, di cui è azionista anche lui, il nostro cittadino, e in misura non irrilevante

Alex Scantalmassi 06.06.18 00:02| 
 |
Rispondi al commento

un augurio di cuore al nuovo Governo del Cambiamento!
tutti ci aspettiamo tanto da voi....impegno, coerenza, ascolto, e saggia competenza.....
la curiosità è tanta , come anche la speranza!

fabio S., roma Commentatore certificato 05.06.18 23:56| 
 |
Rispondi al commento

in poche parole, l'Italia è perfettamente in grado di onorare i propri debiti ma a tasso di interesse europeo fisso e non a tasso variabile a causa dello spread rispetto al tasso tedesco
immaginatevi un mutuo prima casa dove il tasso cresce di continuo e vi mettono continuamente in mora con interessi su interessi perchè il vostro reddito non arriva alla rata mensile
l'Italia è nella stessa condizione, vogliamo pagare lo stesso tasso fisso che pagano i tedeschi perchè anche noi siamo propritari della banca europea

Alex Scantalmassi 05.06.18 23:52| 
 |
Rispondi al commento

Vi ricordo i paesi europei che sono sulla nostra stessa strada e che sono condannati dalla loro realtà di finanza pubblica a condividere la mia Direttiva sulla condivizione dello spread_
Italia
Francia
Spagna
Portogallo
Grecia
Cipro
e ci seguiranno altri fra pochi anni

Alex Scantalmassi 05.06.18 23:43| 
 |
Rispondi al commento

grande discorso di conte oggi, complimenti

alex 05.06.18 23:40| 
 |
Rispondi al commento

Draghi di più non può fare, il nostro debito aumenta comunque per questo invoca la crescita da noi
Diciamo che abbiamo mandato sino a ieri in Europa soggetti politici che nemmeno si azzarderebbero a pensare di proporre la Direttiva Europea Scantalmassi

Alex Scantalmassi 05.06.18 23:38| 
 |
Rispondi al commento

esordire con un condono
è la cosa più convenzionale
altro che terza repubblica

Roberto 05.06.18 23:35| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra davvero ottima l'alleanza con Orban. E' infatti assoluto
interesse di Orban (e nostro ca va sans dire) che non si rinegozi
Dublino e che i clandestini, diocenescampi, non siano divisi tra i
paesi UE in proporzione al PIL, ma che piuttosto si provveda ai
RESPINGIMENTI per i quali l'Ungheria, che come noto non e' troppo
distante dal mediterraneo, sara' piu' che disposta a contribuire
grazie alla sua poderosa flotta lacustre. Orban non lascera' solo il
camerata italico, sfortunatamente affacciato sul mediterraneo, contro
le orde degli scafisti o dei vicescafisti, c'e' da scommetterci il cuxo.

P.S. Come tutti sanno, se non ci fossero gli "scafisti" sobillati da
Soros, a nessuno verrebbe in testa di scappar via, ne da Raqqa, ne' da
Asmara, ne' dal Boko Aram ne' dal Califfato ovunque si trovi.

gino 05.06.18 23:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la Merkel dice: si alla solidarietà e no al debito pubblico comune
perfetta, io voglio condividere in europa solo lo spread con il debito tedesco
il debito pubblico in conto capitale siamo in grado di pagarcelo da soli


Come sempre lo zerbino Floris chiama a raccolta a #diMartedì i soliti Damilano, Giannini, Sallusti, Franco e via mentendo, per tre ore di applausi a comando, propaganda di regime e pensiero unico mainstream, contro le forze antisistema che li costringerebbero a trovarsi un nuovo lavoro...

Colpo su colpo 05.06.18 23:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

No ci siamo:con i vitalizi si incassano 150 milioni di euro con la flat tax restituiamo loro
750 milioni.Con il contributo di solidarietà si sarebbe potuto eliminare questo squilibrio: vergognoso.Abbassare le pensioni dei lavoratori per finanziare il reddito di cittadinanza è scandaloso.

deluso 05.06.18 23:03| 
 |
Rispondi al commento

Ancora un Dimartedì dove non è visibile nemmeno un 5stelle e dove le battute migliori devono uscire nelle lotte tra berlusconiani e piddini e dove dobbiamo subire l'eterna tortura di Giannini e di una Fornero che non sparisce mai..
Semplicemente miserevole l'intervento vacuo e privo di contenuti del povero Martina.

Trovo certe uscite di Renzi bislacche e inquietanti, come quella, prima della votazione al Senato, in cui ha detto: "Dietro a Di Maio c'è Davigo. Io sto dalla parte di Tortora". Ora, tutti sanno che Davigo gode di una amplissima popolarità in Italia come il Magistrato ideale ma è anche odiatissimo da Berlusconi che lo attacca coma il diavolo l'acqua santa. Cosa voleva dire dunque Renzi? Dare una strizzatina d'occhio a Berlusconi, oppure presentarsi come una vittima precostituita, uno che ha subito, lui e la sua famiglia, un attacco iniquo da parte della Magistratura (cosa abbastanza risibile considerando i soggetti in questione).
Davigo ha scritto un libro che ha avuto grande successo in cui spiega come negli ultimi anni il sistema si è stratificato in in modo tale per cui chi trasgredisce la legge viene premiato e chi la osserva viene punito. L'Italia ha il tasso di corruzione più alto d'Europa proprio grazie a un sistema premiante per i trasgressori. Chiunque capisce che, se invece dei vari condoni edilizi si fossero immediatamente abbattute le case dei trasgressori, le costruzione abusive sarebbero subito state stoppate. Lo stesso vale per gli evasori fiscali o per i costi delle opere pubbliche che sono due o tre volte di più di qualunque altro Paese europeo. Non c'è nulla di più devastante dei condoni.
Si è parlato a torto di giustizialismo come se applicare la giustizia dovesse avere un senso dispregiativo.
In quanto al Governo nascente, Davigo ha detto: "Ne ho viste tante in passato che dubito che si possa fare peggio dei predecessori".
Elogia le operazioni sotto copertura e ricorda che sono previste dai trattati internazionali

sege sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.06.18 23:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la proposta Scantalmassi per il paese e per l'Europa è per me ottima ovviamente, ve la riassumo_
proporre in europa un contributo in conto interessi sul debito pubblico pari allo spread btp/bund tedesco e cosi per gli altri paesi che hanno debiti pubblici in aumento solo a causa degli interessi e con pil che cresce meno del tasso di interesse sul loro debito
da attuare solo per i paesi in avanzo primario, come noi, cioè per i paesi che al netto degli interessi sul debito spendono meno di quanto incassano
da penalizzare chi spende di più, cioè chi è in disavanzo sulla gestione corrente, non avrà il contributo
in Italia questo significherebbe vedrere calare il debito pubblico ogni anno continuando a spendere quanto spendiamo oggi (su come spendere meglio vedere il contratto di governo)

Alex Scantalmassi 05.06.18 22:52| 
 |
Rispondi al commento

Tutta dritta è iniziata la rivoluzione politica nella nostra ITALIA.
Ma poverini a quelli non gli va giù di stare in panchina,non gli va proprio giù che il governo finalmente è fatto da gente del popolo.
Stanno confermando ancora una volta di essere falsi,ladri e corrotti.
Il vecchio di Arcore che dice che stanno governando partiti non eletti dal popolo...aahahah ma dove era il 4 marzo a villa certosa a fare il bunga bunga?
Quell'altro di Gasparri dice che abbiamo rubato tutte le idee al PD...aahahah .... e perché non le hanno messe in pratica durante il loro governo?
Renzi il solito pagliaccio stupido e arrogante che ha finito di far fare figure di merda all'Italia e agli Italiani ai congressi Euro.
Salvini non mi fido al 100% ma credo abbia visto l'onestà,la serietà e la trasparenza del movimento.
Si sa solo gli stupidi non cambiano mai idea e spero dal più profondo del cuore che in Italia ci siano sempre più meno stupidi.
FORZA ☆☆☆☆☆ GRAZIE GRILLO!

Domenico Di Franco 05.06.18 22:50| 
 |
Rispondi al commento

Il nano in seconda, Brunèttolo, ha appena finito su RAI3 di vomitare le solite minchiate contro un Governo appena nato; salutato da smortissimo applauso, la figlia naturale del povero Enrico, annuncia che a ruota, lo seguirà il nano Calèndolo, per proseguire la consueta serie di critiche, frecciate ed indirette assurde accuse riguardo lo sfascio delle Istituzioni: "a Bari celebrano le udienze sotto una tenda!!" annuncia scandalizzata la Bianca Teresa, come se la colpa di ogni puttanata commessa e di ogni cosa non fatta sia da addebitare immantinente al nuovo Governo appena insediato: attorno a lei, non sfugge la "claque" fatta soprattutto di anziani, i partigiani gabbati dall'ultimo imbonitore, comparse-rottame di un mondo in estinzione, servi fedeli di un ideale finito senza avvedersene; una pena infinita: sembrava di guardare la TV libica fedele a Gheddafi mentre i rivoltosi entravano armati nella sede della Televisione.....

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.06.18 22:46| 
 |
Rispondi al commento

stupendo!!!orgoglioso dei nostri ragazzi!grazie!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 05.06.18 22:40| 
 |
Rispondi al commento

Bellissimo discorso! Da domani i fatti. I primi passi del nuovo governo saranno i più importanti, quelli che imprimeranno la direzione, ad iniziare dalle centinaia di caselle da occupare nei gangli vitali della macchina statale. Dal Presidente in giù i politici di turno, prescindendo dalle buone intenzioni, da domani, con scelte sbagliate, correranno il rischio di girare in tondo, di fare “ammuina”.Gran parte, se non tutto, dipenderà dalle persone di cui sin dai prossimi giorni si circonderanno. La prima prova del Governo del cambiamento sarà dunque saper imporre il nuovo a tutti i livelli.

Marco Bonacina , Londra Commentatore certificato 05.06.18 22:37| 
 |
Rispondi al commento

I cani alzano la gamba per fare pipi'cosi' dovremmo fare quando parlano quelli del pd. (Sta parlanu li piddini? Ausa l'anca e pescia!!!)


Ma che le ha preso alla Prof. Fornero?
Sta' facendo un tour in tutte le TV a difendere la sua sciagurata riforma.
Ma vogliamo davvero che sia soltanto un lontano ricordo?
E mo' caro Luigi te la do io la dritta risolutiva.

1) Abolizione della Legge Fornero.

2) Quota cento per chi ha 40 anni di contributi
senza paletti di età.

3) Riportare l'età pensionabile a 65 anni e
per chi volesse andare in pensione ci va'
con il calcolo dei contributi versati.

4) Per chi ha 65 anni ma non ha contributi versati
riceverà la Pensione di Cittadinanza che
possa garantirgli un minimo di dignità senza
costringerlo ad andar per cassonetti.
Un abbraccio a tutto il MoVimento.

Claudio Secchi 05.06.18 22:21| 
 |
Rispondi al commento

Stiamo attenti a Salvini :
E' sempre in televisione a parlare e sparlare.
Cerchiamo di essere NOI più visibili di Lui.
Ricordiamogli che noi abbiamo il DOPPIO dei voti della Lega.
Che non cerchi di fare il gallo del pollaio, potrebbe risvegliarsi Cappone.

Roberto C., Venezia Commentatore certificato 05.06.18 22:19| 
 |
Rispondi al commento

Attenzione a Monti, sembrereb be non portare fortuna o quanto meno essere presagio di sventure: ha parlato e lo spread è tornato a salire...... segni apotropaici !!!

Carlo D'Ottone, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 05.06.18 21:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ottimo il discorso programmatico sul codice degli appalti coinvolgere gli scudi della rete specializzati nei contratti d'appalto

Nunzio Roberto Valenza 05.06.18 21:49| 
 |
Rispondi al commento

Su La7 non si danno per vinti, le solite facce da culo a sparlare del nuovo governo.

I loro discorsi producono la diarrea...

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 05.06.18 21:38| 
 |
Rispondi al commento

A volte i miracoli accadono...e questo è un meraviglioso miracolo tutto italiano....siamo una nave che parte con i motori al minimo (con le vele non ancora spiegate...) ma quando saremo fuori dal porto, potenti alisei ci sospingeranno in alto mare dove dimostreremo che uniti si può raggiungere quello che gli Italiani aspettano (sino ad ora invano) da tanti tanti anni...auguri vivissimi di ottima navigazione!

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 05.06.18 21:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MInniti: "Il PD va smontato e rimontato". Ci vorrà un po' di tempo a ricomporre un puzzle di 15 mila pezzi senza un'immagine di riferimento.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.06.18 21:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

cara Ilona Staller o come ti chiami veramente
EX "onorevole del CAZZO (chiedo scusa)

EX "membro" del partito radicale...
(e hai detto tutto)

Prendi Solo" 1700 Euro al mese?
MA quanto hai versato in tutto?
per quanti anni hai versato?
da che età percepisci questi soldi?

P.S. per favore facciamola finita con il titolo di ONOREVOLE

Mauro Magni 05.06.18 21:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

175 voti favorevoli (la maggioranza richiesta era 158)
117 contrari
25 astenuti
Il Senato approva
Il Governo Conte parte con una buona solidità.

Per avere la fiducia dal parlamento il governo Conte deve ottenere almeno 316 voti alla Camera e 158 al Senato.

Alla Camera il Governo Conte può contare su una maggioranza ampia, con un totale di 352 deputati su 630. Di questi 222 sono deputati del M5s, 124 della Lega e 6 del gruppo Misto.

Al Senato la maggioranza è apparsa inizialmente più risicata, ma si è rafforzata nel corso della trattativa M5s-Lega.
Si stimava che il nuovo esecutivo avesse proprio i voti di 171 senatori su 315, di cui 58 della Lega e 109 del Movimento 5 stelle, cui si sarebbero aggiunte 4 preferenze espresse nel corso delle consultazioni del premier Conte (gli ex grillini Maurizio Buccarella e Carlo Martelli e i due esponenti del Movimento per gli italiani all’Estero Ricardo Antonio Merlo e Adriano Cario).

Come anticipato, i parlamentari del gruppo delle Autonomie (Svp-Patt-Union Vadotaine) potrebbero aggiungersi alla maggioranza, perché hanno lasciato aperta la porta a Conte dopo le ultime consultazioni, anche se la Svp sembra orientata all’astensione.

Anche Fratelli d’Italia, il partito guidato da Giorgia Meloni, che conta 18 senatori e 32 deputati, si asterrà sulla fiducia. Si tratta di una mossa di apertura verso il governo, perché in base alla riforma del regolamento al Senato l’astensione non vale più come voto contrario, ma come astensione appunto, come già accadeva alla Camera.

Hanno annunciato invece il loro voto contrario Forza Italia, i cui parlamentari sono stati eletti insieme alla Lega e a Fratelli d’Italia nella coalizione di centrodestra, il Partito democratico e Liberi e Uguali, che in totale contano 230 deputati alla Camera e 117 senatori a Palazzo Madama.


viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.06.18 21:09| 
 |
Rispondi al commento

TERMINI STRAVOLTI DALLA PROPAGANDA ELETTORALE

Giustizia->giustizialismo
Democrazia->populismo
Diminuzione delle differenze sociali->pauperismo
Democrazia diretta->colpi di click
Sincero->incompetente
Esperto politichese->capace
Precariato->occupazione
Privilegi->diritti acquisiti
Perdita di diritti->riforme
Oligarchia presidenziale->governo
Talk show->informazione
Intrattenimento->telegiornale
Internet->fake news
Merito->figlio d’arte
Reddito di cittadinanza->assistenzialismo
Elemosina->aiuti ai disagiati
Salario->800 euro
Pensione->500 euro
Criminale->prescritto
Che tradisce la nazione->europeista
Inquinamento->posti di lavoro
Svendita aziendale->occasione proficua
Azienda del preside->buona scuola
Vendita di armi->missioni di pace
Immigrazione->business dell'accoglienza
Precario universitario->ricercatore
Giovane disoccupato->bamboccione
Emigrante->turista
Azienda in profondo rosso per sempre->impresa fondamentale
banche decotte->istituti da salvare
Faccia da culo->coerenza

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 05.06.18 21:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

175 voti favorevoli (la maggioranza richiesta era 157)
117 contrari
25 astenuti
Il Senato approva
Il Governo Conte parte con una buona solidità.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.06.18 20:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


governo renzi fiducia al senato 169 sì e 139 no

governo gentiloni fiducia al senato 169 si e 99 no

governo conte fiducia al senato 171 si e 117 no

per tutti quelli che "avranno una maggioranza risicata"...

pabblo 05.06.18 20:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Centosettantuno a FAVORE!
Grazie SENATORI avanti con il cambiamento!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 05.06.18 20:48| 
 |
Rispondi al commento

Un solo piccolo appunto Professore,prima della fiducia Senatoria che sarà,anche abbondante,fra qvalche minuto.
Gli "statuti speciali" dovevano essere temporanei mentre nel 2001,con referendum Costituzionale omologato addiruttura a "minoranza",si sono di fatto allargati anche alle altre regioni...una materia tutta da rivedere.
Saluti e cordialità dalla ROMAgna.

enzo bargellini, Santarcangelo di Romagna Commentatore certificato 05.06.18 20:46| 
 |
Rispondi al commento

Intervento della senatrice Taverna
https://www.youtube.com/watch?v=v-nDP2L1rpk

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.06.18 20:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Presidente Conte con il suo discorso il Paese è rinato, le parole hanno ridato vita ad una nazione, riemersa dalle ceneri di una politica costruita sulla corruzione e inganno. Buon lavoro Presidente.

NICOLINO DE NAPOLI, acquaviva delle fonti Commentatore certificato 05.06.18 20:32| 
 |
Rispondi al commento

USB: Indire una manifestazione contro le disuguaglianze a Roma, con un governo, che ancora non governa è semplicemente, ridicolo.Contenti voi

m.m 05.06.18 20:31| 
 |
Rispondi al commento

Il mio migliore augurio a tutti i nostri rappresentanti nel governo e a tutti i nostri parlamentari. Il discorso di Conte mi è piaciuto, sia nella forma che nei contenuti. Sulle opposizioni lasciamo perdere, ma mi soffermerei sulle parole della Bernini e di Renzi, che non a caso rivendicano il loro giustizialismo. Con la distorsione di questa parola hanno reso la vita della gente onesta impossibile. Attenzione a non demordere sulla giustizia e sulla lotta alla corruzione, che sono stati i nostri cardini e che credo rimangano i veri nodi da affrontare con la lega. Credo che la nostra credibilità e la tenuta di questo governo si misurerà su questo.

Mauro Pollio, Caserta Commentatore certificato 05.06.18 20:18| 
 |
Rispondi al commento

Monti:un vero menagramo...minaccioso.

m.m 05.06.18 20:15| 
 |
Rispondi al commento

però il pensiero che continuiamo a mantenere questi parassiti, strafottenti, si permettono pure di fare battute ....axxxxx...non ci posso pensare...mi manda in bestia...e quanti sonoooo

silvana 05.06.18 20:11| 
 |
Rispondi al commento

Orgoglioso del nostro presidente del consiglio. Ancora più orgoglioso di essere nato a san severo ( FG). Giornata storica, come quella di domani alla camera, questi giorni entreranno nella storia del paese.

gianluigi f., pandino Commentatore certificato 05.06.18 20:09| 
 |
Rispondi al commento

RICOSTRUIRE 50 ANNI DI MACERIE

L’impegno di questo Governo è gravoso sotto tutti i punti di vista ed il nostro impegno sarà quello di collaborare davvero ad un cambiamento epocale per cui è richiesta pazienza e perseveranza.
Non si tratta di rifare una mano di vernice ma di ristrutturare la base e le metodologie applicative per ottenere risultati che siano duraturi nel tempo e quindi strutturali non più emergeniziali.
Il semplice esempio delle buche di Roma e dello smaltimento dei rifiuti è l’emblema di ciò che si propaganda e ciò che si realizza nel tempo per renderlo virtuoso .Cittadini che vorrebbero vedere risolti subito i loro problemi non sanno cosa si cela dietro ad un appalto per rifare un manto stradale o per affidare il servizio di smaltimento ad una ditta piuttosto che ad un'altra ed è per questo che la Raggi viene attaccata di continuo complice la strumentalizzazione mediatica.Il sindaco di Roma ha scelto la strada più difficile,quella di cambiare mentalità nella scelta dei matriali e delle metodologie di appalto per assicurare un servizio che non preveda continue emergenze ma che assicuri un risultato a lungo termine.
Per farlo bisogna mettere le mani nelle partecipate lottizzate da decenni dalla politica del voto di scambio,nelle aziende di servizi,in quelle dello smaltimento che fino ad oggi si sono solo servite di discariche private senza alcun piano di differenziazione.Bisogna combattere contro le infiltrazioni criminali,le amministrazioni compiacenti,la corruzione divenuta cronica,il sistema delle conoscenze che mortifica il merito,la sanità anch’essa terra di conquista di manager politicizzati che hanno favorito il privato.
Quanti soldi sono stati incanalati nelle mani di chi ha sempre vinto con l’inganno e la propaganda ma che ha letteralmente massacrato il paese?
Se tale governo ha la maggioranza degli Italiani vuol dire che siamo pronti a cambiare e questa volta ciò che veramente è messo alla prova è la nostra resilienza.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 05.06.18 20:08| 
 |
Rispondi al commento

O.T. ma mica tanto:
LORO,difendono l'ambiente ed hanno fatto il seguente provvedimento:
Un pescatore salpa le reti; attaccate alla rete, pezzi e bottiglie di plastica; lui le porta in porto, LORO, anziché premiarlo,gli fanno pagare lo smaltimento.
Indovinate cosa fa il pescatore.
Bravi, avete indovinato.
MA MANDIAMOLI TUTTI A CAGARE, LORO, E LA LORO BUROCRAZIA.

Antoniò D., Carrara Commentatore certificato 05.06.18 20:02| 
 |
Rispondi al commento

Ringrazio internet che mi ha fatto seguire, il tutto senza commentatori.

m.m 05.06.18 20:01| 
 |
Rispondi al commento

DI CERTA mi correggo!

ROSSANA I., ROMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.06.18 19:41| 
 |
Rispondi al commento

COMPLIMENTI PROF. CONTE OTTIMO PROGRAMMA!
Purtroppo LA MALEDUCAZIONE DICERTA GENTE E'ORMAI CONCLAMATA DA DECENNI!!!

ROSSANA I., ROMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.06.18 19:39| 
 |
Rispondi al commento

Certe persone, che siedono in parlamento,le loro "dichiarazioni di voto"le dovrebbero fare in un tribunale, davanti a dei giudici.Questi orrendi personaggi, che si definiscono i professionisti della politica,sono coloro che in questi 25 anni, ci hanno fatto precipitare all' "ULTIMO" posto in Europa ,ma,al primo per corruzione,evasione,gioco d'azzardo,clandestini,mafie e lobby del malaffare.Quando poi, il solito cazzaro,traditore,spergiuro e strafottente dice(a Conte):noi le garantiamo che la nostra opposizione non occuperà mai i banchi del governo non insulterà mai i ministri della repubblica"conoscendolo ..appena, appena, come è suo solito, farà come sempre, l'esatto contrario.

Canzio R. Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 05.06.18 19:37| 
 |
Rispondi al commento

Anna Maria Bernini,ma quante cazzate dici? incomprensibile? Dove trovano il "coraggio" di parlare, dopo tutti i danni che hanno fatto? Mistero...buffo

m.m 05.06.18 19:34| 
 |
Rispondi al commento

cavolo e come rosicano . Tutti a chiedere : e le coperture ? Di maio se la ride sotto i baffi . Le coperture ci sono ma non glielo può dire in faccia che saranno proprio loro ed i loro amici corrotti e mafiosi a pagare il reddito di cittadinanza e la flat tax :
- 60 miliardi all'anno il costo della corruzione politica , dati corte dei conti che sono amici loro , quindi almeno il doppio
- 1.200.000 italiani vivono di sola politica , se aggiungiamo parenti amici e commare che si portano dietro , sono un esercito di mangiapane a tradimento .
- 300 miliardi che le mafie sottraggono al bilancio dello stato . basterà non farci più campagna elettorale insieme , niente più fritture di pesce.
- Le opere pubbliche in Italia costano mediamente 5 volte più che negli altri paesi europei .
Mi sa però che lo hanno capito per questo gli brucia il ma@@o e si sbattono tanto .

ciro r., napoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 05.06.18 19:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quante falsità le opposizioni,d'altra parte è giustificabile... che altro potevano dire.
Siiii,una cosa potevano dirla..."siamo stati dei cazzoni"...non abbiamo capito che ci allontanavamo dai cittadini,ma il nostro egoismo non ha ...LIMITI!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 05.06.18 19:29| 
 |
Rispondi al commento

Bilderberg 2018: i temi trattati

Di cosa si parlerà? Lo precisa lo stesso sito ufficiale del Club Bilderberg. I principali argomenti di discussione di quest’anno sono i seguenti:

Populismo in Europa
La sfida della disuguaglianza
Il futuro del lavoro
Intelligenza artificiale
Gli Stati Uniti prima di mezzanotte
Libero scambio
La leadership mondiale degli Stati Uniti
Russia
Calcolo quantico
Arabia Saudita e Iran
Il mondo “post-verità”
Eventi di attualità

Degli incontri non vengono redatti né pubblicati verbali e non viene scritta alcuna relazione, né vengono proposte deliberazioni, votazioni e non vengono rilasciate dichiarazioni programmatiche.

I partecipanti italiani

Ogni anno l’Italia è rappresentata con una serie di personaggi dal mondo accademico, politico, industriale e anche della stampa. I partecipati italiani all’evento Bilderberg 2018 sono:

Alberto Alesina, professore di Economia all’Harvard University

Lucio Caracciolo, editor-in-Chief di Limes

Elena Cattaneo, direttrice del Laboratorio di Biologia di cellule staminali all’Università di Milano

Vittorio Colao, CEO di Vodafone Group

John Elkann, presidente di Fiat Chrysler Automobiles

Lilli Gruber, giornalista e presentatrice di “Otto e mezzo”, La7 TV

Mariana Mazzucato, professore di Economia all’University College London (UCL)

Salvatore Rossi, direttore generale di Bankitalia.

Tra i partecipanti anche Pietro Parolin, cardinale e segretario dello Stato Vaticano.


La lega? Andrei cauto con l'entusiasmo. Speriamo in bene.

m.m 05.06.18 19:21| 
 |
Rispondi al commento

W IL MOVIMENTO, AVANTI COSÌ ⭐⭐⭐⭐⭐

Angelo Callisto 05.06.18 19:17| 
 |
Rispondi al commento

Marcucci: un incubo anche per se stesso...impalpabile

m.m 05.06.18 19:10| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera,
ottimo inizio, e, naturalmente, tutti ci aspettavamo i veleni dell’opposizione.
Ma qualcuno ha detto a Matteo Renzi che si trova all’opposizione perché gli italiani non hanno apprezzato il suo raffazzonato modo di governare. Che fosse l’emblema stesso del narcisismo si sapeva già, ma qualcuno dovrebbe aiutarlo .... A lui seguono i suoi “colleghi”, anche di FI e, come prevedibile, un Mario Monti che difende disperatamente il proprio operato (ma non era il Premier tecnico al SERVIZIO del Paese, che non si sarebbe mai candidato? Invece ....).
Mah! La poltrona di palazzo fa sempre questo effetto: chi è costretto a rinunciarvi va incontro a gravi crisi di astinenza.
Spero che non sarà il caso anche di questo governo, perché è una cosa così degradante!
Spero fermamente nella fiducia e .... Buon lavoro a tutti!
Marina M.

Marina M. 05.06.18 19:08| 
 |
Rispondi al commento

Caro Presidente non c'è un punto del tuo discorso che non abbia il mio plauso sono consapevole che il programma del tuo Governo è gravoso ma non ti preoccupare il popolo italiano è con te vai avanti complimenti e buon lavoro a tutti QUESTO È IL GOVERNO DEL CAMBIAMENTO CHE ASPETTAVAMO E VOLEVAMO AUGURI

Gualtiero Silvestro Marras, ORTOVERO Commentatore certificato 05.06.18 19:06| 
 |
Rispondi al commento

..l'attacco di confindustria, tramite le sue reti, verso il governo giallo-verde, continua..utilizzando l'insulto,lo scherno...ogni modo per loro è lecito..Oggi abbiamo avuto, in senato, un esempio di una ''opposizione'' condotta da bestie..e come tali vanno trattate..le bestie non possono e non devono occupare le sedi istituzionali appartenenti al popolo,alla nazione..se un popolo, uno stato indipendente, libero lo permettesse, ne sarebbe colpevole..

Tony 05.06.18 19:04| 
 |
Rispondi al commento

ringrazio il Presidente
qualcuno non ha afferrato il discorso di questa mattina, cio e comprensibile, il Presidente ha parlato in lingua italiana, che molti parlamentari di ieri si erano dimenticati, in sintesi ha specificato che chi governa e innanzitutto chi a governato in precedenza come costituzione prevede si fa nell interesse della Nazione e non per meri scopi personali, il p e d chiedono poltrone per loro, continuate a seguire la diretta di fiducia

Antonio L., Anzio Commentatore certificato 05.06.18 19:02| 
 |
Rispondi al commento

Farsi una canna e ascoltarli, non ha prezzo.

m.m 05.06.18 19:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E proprio vero come ha detto Beppe, un mondo nuovo contro un mondo vecchio,su chi vincerà non ci sono dubbi... e non sarà neanche, cosi dura, come molti prospettano.

m.m 05.06.18 18:57| 
 |
Rispondi al commento


dopo queste toccanti parole:

Renzi : "Noi le garantiamo che la nostra opposizione non occuperà mai i banchi del governo non insulterà mai i ministri della repubblica,"

in senato un senatore renzista ha mostrato un cartello non proprio british style..

niente... il 4 marzo non ha insegnato niente...

pabblo 05.06.18 18:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A mantovà...discorsone ...PUFF!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 05.06.18 18:51| 
 |
Rispondi al commento

Un discorso che non si era mai sentito. Grazie Signor Presidente. Chi oggi è all'opposizione ha molto da imparare da un discorso così chiaro e semplificato, e non distrugga questo modo di governare (finalmente) solo per: invidia, malcostume ed ipocrisia. Ovviamente il compito di tutti è quello di vigilare e segnalare tutte le migliorie possibili. Buon Lavoro.

Gaetano Di Domenico 05.06.18 18:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

FINALMENTE!!!!!
Cerchiamo di far durare il Governo l'intera legislatura...e poi anche la successiva....
I risultati si vedranno eccome. Cercate di non litigare e di appianare sempre gli eventuali dissidi. Cercate le cose che uniscono...
Aspettavamo questo momento da 30 anni!
Mantenete la rotta, uniti si vince qualsiasi ostacolo!
In alto i cuori, grazie e buon lavoro!

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 05.06.18 18:34| 
 |
Rispondi al commento

Sono così terrorizzati perché, ormai la notte sognano solo, pane e acqua...e in continuazione.

m.m 05.06.18 18:30| 
 |
Rispondi al commento

Grande discorso, lungo ma mai noioso, e grande PdC. Questa volta credo, dopo oltre 30 anni di attesa, che finalmente alle parole seguiranno i fatti, auspicando che NESSUNO, direttamente o indirettamente, metterà I BASTONI TRA LE RUOTE! 👍5🌟🇮🇹

Dar T., dartes Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 05.06.18 18:24| 
 |
Rispondi al commento

Hanno trovato pane per i loro denti. Speriamo che il pane, sia pane, molto,molto,duro.

m.m 05.06.18 18:15| 
 |
Rispondi al commento

Presidente conte sei semplicemente straordinariooooo!!!

Maria assunta Soleti 05.06.18 18:12| 
 |
Rispondi al commento

Sara' anche stato un altissimo discorso ma..
"Italy’s New Prime Minister Unnerves Investors With ‘Revolutionary’ Agenda", parola
di Bloomberg, lo house organ del TYRANNOSAURUS REX. Mi sa che domani, il meteo spread prevede
al brutto....

gino 05.06.18 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Vedere le facce del sistema livide di paura e rabbia non ha prezzo, avanti così spazziamoli via tutti!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 05.06.18 18:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ronzulli,il perfetto discorso minaccioso e paramafioso, pensato sicuramente da una mente bicefala....una vera attrice.( impossibile che creda a quello che dice)

m.m 05.06.18 18:01| 
 |
Rispondi al commento

che brutto posto....tutti quei discorsi da vecchia politica....ma vecchiavecchiavecchia....pomeriggio perso....fatto bene luigi ad andarsene al ''lavoro''....star li ti vien subito l'odor di muffa e di rancido...puahhh...ma non ce li toglieremo mai i ''La Russa, santanchè''....possibile che non ci sia un sistema??....mettete

silvana 05.06.18 18:00| 
 |
Rispondi al commento

Brava taverna sei tutti noi!!!

Maria assunta Soleti 05.06.18 17:57| 
 |
Rispondi al commento

Devo dire, Conte mi è piaciuto tantissimo, mi sembra veramente un' ottima persona, equilibrata, informata, chiara. Allora rimboccatevi le maniche, Conte mi sembra determinato al punto giusto e forza perché c'è tantissimo da fare e sicuramente sarà dura, Ma tenete a botta e se vi comportate bene io personalmente sarò sempre con voi e con le giuste cause! Gli italiani, popolo di sognatori, hanno bisogno di lealtà e di tornare a sognare!!
Con i sogni abbiamo sempre realizzato grandi cose!!!

emanuela gualdi 05.06.18 17:55| 
 |
Rispondi al commento

Ringrazio in anticipo chi mi vorrà rispondere;
Sotto ogni commento si legge la dicitura" Vota commento"" segnala.." "rispondi"; io solitamente clicco il " vota" quando il commento mi piace e lo condivido; però, non vedendo mai altri voti che il mio, non è che sbaglio?

Anna cardia 05.06.18 17:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ben detto Presidente. Discorso condivisibile in pieno, alto nel tono ed analitico nei contenuti. Una sola postilla. Il ruolo della cultura umanistica DEVE essere promosso dal governo, ribaltando le prassi di formazione aziendalistiche che hanno danneggiato le stesse aziende, consegnando loro lavoratori e quadri pressoché analfabeti.
Per questo, il posto della Storia deve tornare ad essere centrale. Solo studiando la storia antica si capisce la politica, l'arte della polis.
Solo studiando il Medioevo si comprende il sorgere dell'uomo contemporaneo
Solo tornando sulle navi di Colombo ci si apre alla globalizzazione in modo consapevole e non passivo.
Solo ripercorrendo quello che è successo dopo il 1945 e dopo il 1989, scopriamo i motivi della crisi di oggi.

Per tutta questa conoscenza, certo, ora partirà l'Open Academy del sito Rousseau. Ma ci vuole anche una costante tensione del Governo verso la meritocrazia nelle Università.
E' il punto di partenza.

Lo so. Ci aspettiamo tutti moltissimo dal Governo del Cambiamento. Ci aspettiamo una palingenesi forse impossibile.
Ma Presidente Lei ha dimostrato che ci prova seriamente. Avrà da subito tutto l'appoggio dei sostenitori del M5S e, piano piano, quello di tutti gli altri cittadini.
In bocca al lupo (e viva il lupo, simbolo di forza, audacia e inclinazione al lavoro di "branco")

Giampiero B. 05.06.18 17:54| 
 |
Rispondi al commento

sono orgogliosamente POPULISTA!
in alto i cuori; w il *****!

daniele g., CORTONA Commentatore certificato 05.06.18 17:53| 
 |
Rispondi al commento

Un discorso di alto livello, ha posto degli accenti assolutamente giusti su alcune questioni importantissime: mafie, corruzione, dignità del lavoro, sviluppo scientifico e tecnologico.
Evviva l'Italia nuova, evviva la Repubblica, evviva Conte. Il primo capo del governo che col suo discorso mi ha commosso.

Giuseppe M., Perugia Commentatore certificato 05.06.18 17:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il discorso del primo ministro, Giuseppe Conte, a me è piaciuto; mi sembra chiaro, esauriente e condivisibile in tutto; non capisco perchè il senatore Paolo Romano , a Tagadà, l' abbia criticato e abbia fatto sarcasmo fuori luogo.
La conduttrice Panella rideva, tanto che ho subito cambiato canale.
Meglio guardare il servizio sull' Himalaya che perdere tempo ad ascoltare un senatore condannato , che sparla, che rosica e che si augura che il governo durerà poco.
Il governo non si è ancora insediato e chi ha ridotto l' Italia molto male si permette di fare accuse preventive.

Anna cardia 05.06.18 17:32| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto l'articolo di Socci (postato su questo blog) su Trump ed il
mercatismo e penso in tutta sincerita' quel discorso faccia schifo da
quanto e' ipocrita. Socci era un dei massimi paladini del mercatismo
ai tempi del berlusca, approvava entusiasta i celerini che
manganellavano senza pieta' i ragazzini antiglobabilizzazione a
Genova. Adesso, dopo i fuochi, Socci si sveglia e pontifica
sull'orrore della globablizzazione e sulla carica rivoluzionaria di
uno suoi (ex) campioni, Trump, che adesso vi si oppone semplicemente
mettendo dazi perche' gli americani sono delle pippe a fare l'acciaio.
Esistono una miriade di personaggi simili a Socci oggi, ipocriti senza
confini che sono stati una vita per il mercato e che oggi lo ripudiano
in nome del "sovranismo": Meloni, Salvini, LePen e moli altri
raccattati. Pero', ragazzi miei, bisognava che voi foste tra quelli
manganellati a genova nel 2001 o a Seattle nel 1999, e non tra quelli
che sparano caxxate oggi, nel 2018, quando il mondo che avete sempre
voluto si e' finalmente realizzato. Che vi piaccia o no, e' infatti
esattamente questo il mondo per cui vi siete tanto battuti, il mondo
dove i sindacati non rompono piu' i coxioni, dove si puo' pagare tre
euro l'ora uno solo perche' giovane o negro. Era questa, esattamente
questa, la LIBERTA' di intraprendere (e di fare soldi soldi soldi) che
volevate. Che c'e', adesso non vi piace piu' tutta questa liberta'?
Forse tra 1994 ed il 2001, quando si imponevano a tappe forzate nel
mondo gli accordi di libero scambio, qualcosa si poteva ancora fare.
Adesso che quel mondo e' arrivato da oramai un decennio, NON SI TORNA
INDIETRO, punto e basta. Avete vinto, fatevene una ragione. Chi
comanda sta dappertutto ed in nessun posto, perche' chi comanda oggi
sono solo i soldi che passano da Dubai a NY con un click del mouse per
uno starnuto di Conte.

gino 05.06.18 17:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Renzi parla. Sento solo bla bla blablabla.
Incredibile! Eppure ci sento bene!

maria s., ancona Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 05.06.18 17:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Renzi,ha,ha,ha,ha incommentabile

m.m 05.06.18 17:25| 
 |
Rispondi al commento

La Russa, la credibilità di uno zerbino.

m.m 05.06.18 17:19| 
 |
Rispondi al commento

L'ipocrisia di Grasso è scandalosa,ha superato
la sua degna compagna (Boldrina)

m.m 05.06.18 17:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sta parlando Grasso (LeU) e lo condivido in toto.

marina s. 05.06.18 17:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grande Presidente. Tutti noi del M5S saremo al vostro fianco per sostenere ogni azione governativa che andrà nella direzione del cambiamento.
Grazie. A riveder le stelle

Giuseppe C., ROMA Commentatore certificato 05.06.18 17:09| 
 |
Rispondi al commento

Molto bene, Presidente Conte! E’ vero che il discorso non è corto, ma non mi ha annoiato per niente.

Santo Mazzotti, Remedello Commentatore certificato 05.06.18 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Il senatore Monti, "il salvatore della Patria" nel suo discorso evoca il rischio Troika per l'Italia, ricordando a tutti che lo spread è a 235, nella Spagna senza Governo sotto 100, e in Portogallo a 130, solo grazie al QE della BCE che presto cesserà e questi valori sono molto simili ai 537 del 2011. La minaccia è chiara faremo la fine della Grecia. Ricordo tutto questo agli economisti M5S e a Borghi e a Bagnai della Lega che senza andare alla radice del problema, se non abbiamo il coraggio di dire la verità saremo sempre sotto ricatto e a Sovranità limitata:
Di chi è la proprietà della moneta Euro?
Di chi è la proprietà della BCE?
Che cosa è realmente il QE, se non la creazione dal nulla di denaro da parte della BCE?
E perchè, in questo sistema distorto dove la moneta viene creata ed è di proprietà di privati anziche dello Stato sovrano, si dovrebbe decidere di non acquistare più parte dei titoli di Stato attraverso il QE, se non per abbattere governi non graditi e impoverire e stritolare i popoli?
Gradirei risposte sincere.

stefanodd 05.06.18 17:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chi manovra lo spread? La BCE lo manovra attraverso il QE, ovvero
compra BPT italiani sul mercato secondario per mantenerne -
artificialamente - alta la domanda e quindi il prezzo. Se la domanda
calasse, una volta finito il QE, il prezzo del BPT inesorabilmente
scende e lo spread inesorabilmente sale. Dunque lo spread, che si
traduce nel prezzo di vendita di un BpT in essere (cioe' sul mercato
secondario), non e' altro che un effetto della legge della domanda e
dell'offerta: piu' lo spread sale e piu' alta e' la quota di detentori
di BPT che vorrebbe disfarsene (e che quindi sarebbero disposti a
venderlo ad un prezzo inferiore a quello di emissione) rispetto a
quelli che vorrebbero acquistarli. Supponiamo che ognuno in questo
blog abbia un BpT a 10 anni comprato il 4 marzo a 10000 E con lo
spread a 140. Con lo spread attuale (240 punti base), quel BpT vale
oggi circa 9000 E. Dunque se uno di noi blogger lo vendesse adesso
perderebbe 1000 E. Che fare? Aspettare o vendere? Occorre valutare,
razionalmente, se si ritiene piu' PROBABILE che il BpT si deprezzi
(cioe' lo spread salga) o se si ritiene invece piu' PROBABILE che si
apprezzi (cioe' lo spread scenda). Nel discorso di Conte, a fronte
delle spese previste, la parola "coperture" non e' mai stata
pronunciata. Le intenzioni del governo sembrerebero quindi quelle di
espandere il debito, rendendolo meno sostenbile. Dunque, io blogger 5S
o lega, sulla base di queste considerazioni, benche' io continui a
supportare in toto il programma del governo Conte (ci mancherebbe),
decido di vendere il BpT pensando al mio proprio orticello da 9000 E:
meglio perdere 1000 E oggi che 3000 domani, se non addiritture vedermi
convertiti i miei Euri in Lire svalutate/svalutabili. Se faccio cosi,
induco il blogger accanto a me a fare altrettanto e cosi' via in modo
tale che tutti noi blogger del M5S o della lega (pur supportando in
toto il programma) contribuiamo ad alzare lo spread. Ecco come (non) si
manovra lo spread.

gino 05.06.18 16:59| 
 |
Rispondi al commento

A Che fuori tempo che fa Crozza prende per il culo Conte:Ma Crozza e il demente, con la ridarella(Fazio) hanno mai sentito parlare di sinergie? Fazio e Crozza, si loro sono abituati al telecomando,dello share e dei loro padroni di turno.Mi sento di dire....un sentito e sincero, andate a vaff...

m.m 05.06.18 16:57| 
 |
Rispondi al commento

Bel discorso spero riusciate ad attuare e mantenere almeno le cose più importanti ma la flat tax sicuri che non aiuti solo le grandi imprese? RICORDATEVI del sistema elettorale, sia della legge che delle modalità, sarebbe corretto se si potesse votare online possibilmente senza brogli

BUON LAVORO

Jessica R., Verbania Commentatore certificato 05.06.18 16:54| 
 |
Rispondi al commento

Madonna Maria Elena sta "opeando" la causa dei tiro-lesi a Bolzano.

La vedrei bene con l'abito tipico che gorgheggia una bella canzoncina fra le valli insieme alle mucche:

Io ho le emorroidi, io ho le emorroidi, quando mi siedo vedo gli asteroidi e faccio stronzi come i Meganoidi

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 05.06.18 16:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Aspettiamo: un bel discorso è sempre un bel discorso. Ma rimane un discorso. Sono curioso. A mio parere questo movimento non doveva stare insieme alla lega, ci sono troppe differenze di vedute, ma se sis tratta di portare a casa qualcosa, allora forse val retalivamente la pena. Ma la smettano di fare discorsi e proclami.Forse sarebbe stato meglio scrivere il tutto, farlo passare in giro e dire: abbiamo poco tempo per parlare, ci mettiamo al lavoro e leggetevi tutto.

Felice L., estero Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.06.18 16:46| 
 |
Rispondi al commento

Bel discorso Presidente Conte, io non voglio far parte di quei criticoni che adesso rimarcano il fatto che non sia stato citato nel discorso la riforma sul superamento della legge fornero, riforma sull'istruzione e buona scuola e riforma sulla legge elettorale, anche perché so che passo dopo passo voi vi dedicherete anche su tutte quelle riforme che i cittadini si aspettano con piena fiducia da voi w il movimento

Angelo Callisto 05.06.18 16:43| 
 |
Rispondi al commento

Domanda, se i parlamentari del movimento si sono ridotti gli stipendi, era certo per indicare quanto fossero alti...pertanto dovrebbero essere ridoti, se ne deduce: perché non si sente nulla al riguardo? Per non disturbare i leghisti che non vorrebbero mai questo? Leggo di vitalizi ma non degli stipendi (se ho letto bene, altrimenti mi scuso). Ancora, essere addolorati per la morte di Soumayla Sacko uno dei braccianti agricoli che per paghe da fame raccolgono le verdurine che si acquistano allegramente nei mercati è una cosa, ma ben altro far entrare nel cervello della gente che la vita non è sbranarsi a vicenda e usare altri come schiavi. La scuola... da un film tratto da un libro di Sciascia: l'Italiano non è l'"italiano" .... è il ragionare. La scuola non è semplicemente la scuola, ma ben altro e la cultura va ben oltre la scuola. Ha forse il movimento a cuore l'essenza, la madre di tutti i problemi: l'ignoranza, l'insensibilità, ma sopratutto un volgare modo di esistere, una superficialità estrema, un rimbecillimento mediatico, incluso telefonini e, i "media sociali" (suona male in italiano eh: la vacuità tradotta). Bene risolto questo avrete tutto funzionante, altrimenti solo proclamie chi ci ha guadagnato saranno i soliti furbi e i politici.

Felice L., estero Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.06.18 16:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Discorso davvero "alto" : abituato ai vari Signor Mezzapippa ed alle loro ipocrite esternazioni di prammatica, mi sembra sia un ottimo inizio: auguri, Prof. Conte.....

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.06.18 16:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Signor Presidente,
Grazie per il Suo bellissimo discorso.
Ho letto che lei è un devoto di Padre Pio. Ebbene, se così è, continui sempre ad affidarsi alle grazie che promanano da questo meraviglioso e ineguagliabile Santo, specialmente nelle situazioni di difficoltà, che sicuramente non mancheranno considerato il delicatissimo compito cui è chiamato ad adempiere, le sarà di insostituibile aiuto e conforto.
Saluti a tutti.

Gianluca S. Commentatore certificato 05.06.18 16:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le dichiarazioni del presidente Conte mi hanno fatto sentire parte di un'antica cultura, congelata da lunghi tempi ma che adesso aspetta fiduciosa di tornare in vita.

Giuseppe Maritati 05.06.18 16:10| 
 |
Rispondi al commento

Discorso di altissimo profilo, orgoglioso di essere italiano! Se verranno poste efficacemente in essere le politiche indicate, assisteremo ad un nuovo Rinascimento e sarà di propulsione ad un decisivo miglioramento dell'Unione Europea.

Ferruccio B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.06.18 16:06| 
 |
Rispondi al commento

Emozionante discorso del Pres. Conte, sono sicuro che farete cose che i Cittadini aspettano da oltre 30Anni.
Grazie a voi tutti l'Italia sarà sicuramente migliore.
Vi abbraccio tutti.
W il M5S.

ANTONIO CONVERSANO, Taranto Commentatore certificato 05.06.18 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Grazie! 🙏🇮🇹❤️

Pasquale Vassalluzzo 05.06.18 15:54| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Presidente! 🙏🇮🇹❤️

Pasquale Vassalluzzo 05.06.18 15:52| 
 |
Rispondi al commento

LORO hanno cricato il discorso di Conte; troppo lungo.
LORO:
Sarò breve;
- nel mezzo del cammin di nostra vita, mi ritrovai per una........

Antoniò D., Carrara Commentatore certificato 05.06.18 15:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LORO Supercritici.
Conte:
Vi prometto che lavoreremo 60 giorni all'anno e 300 di riposo.
LORO: sì, vabbè, ma di ferie non ne ha parlato.

Antoniò D., Carrara Commentatore certificato 05.06.18 15:46| 
 |
Rispondi al commento

Il meglio sono i due bamboccioni del tg 24 Sky che se ne escono a dire: "Ma cosa aspettando questi nuovi Ministri a farci sapere cosa pensano? Chi sono? Cosa intendono fare?"
Già, magari facciamo tacere un pochettino certi altri come la Fornero, Cazzola, Sallusti, Floris, Merlino, Formigli, Giannini, Franco, Da Milano, Severgnini, Gelmini....

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.06.18 15:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quello di Conte e' stato un grandissimo discorso, ho apprezzato molto il richiamo a Dostoevskj sul populismo, la lotta alla corruzione, la riforma della prescrizione (al berlusca gli si e' gelato il sangue nelle vene), l'apertura alla Russia, il taglio dei vitalizi. Adesso dopo le parole aspettiamo i fatti.

kinoman 05.06.18 15:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non mandiamolo in Francia da solo che ce lo rubano.p

Roberta da padova 05.06.18 15:06| 
 |
Rispondi al commento

Si riparte da 20 anni di macerie professor Conte! C'è tanto da fare, ma le cose viste da "una diversa prospettiva" infondono coraggio e fiducia. Il popolo ha atteso a lungo questo momento, non deludetelo! Buon lavoro a tutti voi.

Pasquale M., Airola Commentatore certificato 05.06.18 15:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un discorso di una persona che da l'impressione di serieta' e voglia di mantenere quello che dice.
Sarebbe stato utile aggiungere qualcosa di concreto sulla scuola , sicurezza sui luoghi di lavoro.
Mi lascia perplesso la salvaguardia delle autonomie regionali, molto spesso fonte di egoismi e sperperi di danaro .

Francesco De Rita 05.06.18 15:02| 
 |
Rispondi al commento

Bravo il nostro premier Conte. Discorso serio e assolutamente condivisibile. Purtroppo , siamo circondati da un'infinità di gente da poco, polemica e invidiosa, parlo della stampa e di quella miriade di "intellettuali" esperti che popolano le trasmissioni di attualità, compresi molti conduttori e conduttrici. Io sono certa che andrà tutto bene e in molti dovranno ricredersi, perché vince sempre chi è onesto e coerente. Graziella roma

Maria Grazia Ferrarelli 05.06.18 14:58| 
 |
Rispondi al commento

____

...i Globalist ed il New World Order che include la Francia e la Germania

senza perdere tempo hanno mandato il loro rappresentante Soros in Italia

con il pretesto di una fiera guarda caso organizzato dalla sinistra

che camuffa la presenza dei veri motivi per il quale è in italia...cioè

destabilizzare il Nuovo Governo e farlo cadere con i suoi miliardi...

usati per inondare l'Italia con i barconi pieni di immigranti studiato per collassare la società Italiana ..(che questo Governo vuole fermare..)

distruggendo gli stipendi a favore della schiavitù per un pugno di euro

che va a braccetto con le Multinazionali che Soros rappresenta e guadagna da esse...

Soros usa la scusa favorita dei Democrats di Hillary ed Obama accusando Salvini di aver preso soldi da Putin e la sua Russia come hanno fatto con Trump quando sappiamo bene

che Mueller dopo 1 anno e mezzo di indagini e avendo speso 17 milioni di Dollari delle tasse degli Americani

non ha trovato niente di illegale sulle elezioni USA 2016..e lo dissi a suo tempo che non avrebbe trovato nulla per un semplice fatto che le circa 8000 macchine per votare sparse per gli USA sono Off-Line cioè non sono connesse all'internet !

Ora bisogna cacciare questo Nazista Soros che ha collaborato con i Nazisti facendo la spia su dove si trovavano i giudei...

che ora ha ordini dalla UE di Junker altro Nazista di far cadere il nuovo Governo accusando Salvini di menzogne ! Non vogliono che la Russia prosperi..e con essa l'Italia...perciò attenti..!

Napolitano invitò Soros a casa sua con il PD.....

ps
il viaggio di Soros a questa Fiera ho sentito che è stato pagato dalle tasse italiane ....


Eliminare l'aggettivo onorevole con signore o deputato o senatore o quello che sia ! Onorevole non c'entra niente !

vincenzo di giorgio 05.06.18 14:56| 
 |
Rispondi al commento

...PIU' CHE DESTRA O SINISTRA..VALUTO L'INTENSITA SUL RISPETTO DELLA PERSONA...

QUESTO E' IL FULCRO DI TUTTO.
GRANDE CONTE..SIAMO CON- TE!

Luca Fini 05.06.18 14:49| 
 |
Rispondi al commento

ottimo discorso, molto impegnativo, ma sono convinto che se lavorerete bene, presentando dei disegni di legge che vadano incontro alle necessità degli italiani, le opposizioni avranno difficoltà a votare contro e se lo faranno se ne prenderanno la responsabilità.
Per quanto riguarda i terremotati è bene evidenziare che sono trascorsi quasi due anni dal primo sisma e che la ricostruzione non è ancora partita.

mzee.carlo 05.06.18 14:47| 
 |
Rispondi al commento

la commentatrice della rai...''qualche segno di insofferenza ancheeeee...per la lunghezza del discorso''.....gentile signora, i discorsi non sono nè lunghi, nè corti, si dice ciò che è necessario comunicare, ed il proff non ha detto neppure MEZZA PAROLA INUTILE....sapeva benissimo che durava molto, ma aveva tutta l'aria di dire...''se qualcuno non ha capito rcomncio da capo''.....ohhhh...non stiamo mica raccontando barzellette....perlamiseriaaaa

silvana 05.06.18 14:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Berlusconi si sarà sentito gelare.
Lotta dura alle mafie, carcere ai grandi evasori, rigidità sul conflitto di interesse.. saranno state tante pugnalate a morte.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.06.18 14:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una solo parola. GRANDIOSO!
Buon lavoro Presidente e Grazie per farci sentire, tutti noi Cittadini, parte integrante del Governo del Cambiamento. Alziamo la Testa! W IL GOVERNO DEL CAMBIAMENTO.

Massimo M., Messina Commentatore certificato 05.06.18 14:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buon pomeriggio. Discorso strepitoso! Dico anche,ora i fatti. Buon lavoro a tutti.
Stefano.

Stefano 05.06.18 14:33| 
 |
Rispondi al commento

Buon lavoro Presidente e Collega Avvocato, che le Sue parole diventino fatti, che il M5S per la prima volta possa con Lei dimostrare di essere stato istituito per rendere un servizio di progresso culturale, economico e sociale alla Nazione Italia che da troppo tempo aspetta l'attuazione della sua carta fondamentale

Adriana Chiera 05.06.18 14:31| 
 |
Rispondi al commento

Se non altro Conte si è subito qualificato come persona colta. Dostoevskij, Puskin, Hillman, Jones...
Abbiamo chiuso con le somarate di Berlusconi e col rignanese che citava una poesia e ne sbagliava subito l'autore.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.06.18 14:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Avanti Presidente!

giuseppe d., roma Commentatore certificato 05.06.18 14:28| 
 |
Rispondi al commento

Auguri Presidente, un discorso meraviglioso. Mi sono sentito orgoglioso di questa nostra Italia. Dopo anni di attivismo nel M5S nel gruppo " Movimento 5 stelle Italia" ho assistito finalmente alla nascita di un mondo nuovo dalla parte dei Italiani. Le faccio tanti tantissimi auguri di buon lavoro e, in alto I cuori

scipione SCAPATI, CERVIGNANO DEL FRIULI Commentatore certificato 05.06.18 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Passaggio assolutamente bellissimo!

"Le forze politiche che integrano la maggioranza di governo sono state accusate di essere “populiste” e “anti-sistema”. Sono formule linguistiche che ciascuno può declinare liberamente.
Se “populismo” è l’attitudine della classe dirigente ad ascoltare i bisogni della gente – prendo spunto da riflessioni di Dostoevskij tratte dalle pagine di Puskin –, se “anti-sistema” significa mirare a introdurre un nuovo sistema, che rimuova vecchi privilegi e incrostazioni di potere, ebbene queste forze politiche meritano entrambe queste qualificazioni."

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.06.18 14:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A me sto presidente me fa rizzà o cazz.

Simone Apuleo 05.06.18 14:22| 
 |
Rispondi al commento

GRANDE DISCORSO, GRANDE CONTE.
BUON LAVORO A QUESTO GOVERNO

Mario 05.06.18 14:19| 
 |
Rispondi al commento

Ecco, siete passati da deputato e senatore a "onorevoli" ... avevo creduto foste diversi e lo si è, in primis, anche nel linguaggio o non lo si è... "la forma è sostanza" !... e quelli che gli stavano di fronte, per la metà quasi, onorevoli non sono !
Spero di non dover rivedere , in quello che verrà, il comportamento dei vicerè gattopardeschi di Tomasi di Lampedusa !

Walter Pietro Pastorino , Cogoleto Commentatore certificato 05.06.18 14:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Più il PDC CONTE continuava il suo discorso, più ero emozionato ed orgoglioso di LUI e di chi lo ha eletto alla carica (M5*-LEGA e alla fine anche il PDR).
Da avvocato e professore navigato, il pres. CONTE ha onorato il suo ruolo, quello del governo di cambiamento, quello della sovranità popolare, quello della sovranità nazionale e quello della sovranità parlamentare e democratica!
Grazie presidente Conte ed un IN BOCCA AL LUPOa lei ed al governo di cambiamento!

p.s.: le inquadrature che hanno tanto STONATO, ROVINATO E DISONORATO le riprese TV:
-l'imbecille servo dei poteri occulti MONTI m.!
-il vile imbroglione dei cittadini RENZI m.!

Per fortuna abbiamo scampato le inquadrature PEGGIORi e più VERGOGNOSE:
-il peggior pdr di sempre: NAPOLITANO g.
-il delinquente per antonomasia: BERLUSCONI s.

Mi sento in dovere di ringraziare MADRE NATURA e la GIUSTIZIA ITALIANA!

giova31 05.06.18 14:17| 
 |
Rispondi al commento

In questo discorso i punti di grande novità sono moltissimi, e proprio per questo i nostri nemici insisteranno a dire che "non c'è nulla di nuovo", che "Conte non ha fatto che dire cose vecchie e stantie che sono state dette e ridette". Ma va???? E si ripeterà fino allo sfinimento che "le risorse non ci sono". Quando poi alla voce 'conflitti di interesse' un piddino idiota ha sbottato dicendo "E Casaleggio?", il Pd ha toccato proprio il fondo della stupidità.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.06.18 14:15| 
 |
Rispondi al commento

qui il resoconto stenografico

http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=hotresaula

pabblo 05.06.18 14:14| 
 |
Rispondi al commento

Avanti con intransigente giustizia ! Molte cose devono essere messe a posto , lo si faccia mettendo i giovani di fronte alla prospettiva di un lavoro dignitoso che gli permetta di fare una vita normale . Si rende necessario un grande impegno nella lotta alla delinquenza tutta , dai parassiti ai furbetti , dai mafiosi ai corrotti ! Solo così potremo ridare dignità e democrazia al Paese .

vincenzo di giorgio 05.06.18 14:14| 
 |
Rispondi al commento

In questo bellissimo e lunghissimo discorso di una cosa ho sentito fortemente la mancanza: un nuovo sistema elettorale finalmente costituzionale che garantisca la rappresentanza e la governabilità, cosa di cui dopo tre sistemi elettorali indecenti penso ci sia enorme bisogno per non tornare a votare col Rosatellum che dei tre è sicuramente il più indecente.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.06.18 14:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grande discorso Sig. Presidente , aria completamente nuova in parlamento e nel nostro Paese , grazie al movimento 5 stelle e agli Italiani che lo hanno votato .....Grazie infinite a GRILLO .
Non mollate mai da voi ci aspettiamo molte cose positive......in bocca al lupo!!!!!!!!

Sandro Vanello 05.06.18 14:08| 
 |
Rispondi al commento

E ADESSO L'AMBASCIATA A GERUSALEMME
STEFANO UN CITTADINO

stefano viola 05.06.18 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Tav, Chiamparino: “Prima di bloccarla
il Governo deve passare sul mio corpo”....Tranquillo Chiamparino ci passeremo...

m.m 05.06.18 14:06| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi è ancora tramortito dopo una serie di uno due da parte del Prof.Conte dalla prescrizione ''non deve essere usata per non pagare il giusto avendo fatto un reato'' al conflitto di interesse ,alla corruzione e per il Pd che non ha capito metà del discorso avendo pronunciato parole per loro incomprensibili ,li ha tenuti al chiodoper un'ora e venti senza pensare ai tg o all'ora di pranzo ,signori è l'ora della serietà basta balletti e minuetti e discorsi solo di facciata ,anche l'Europa comincia a capire che la musica è cambiata e che esiste un governo con una vera linea politica tesa alla difesa degli interessi del Paese e cittadini come d'altronde fanno gli altri non si capisce perché dobbiamo sempre subire.

ALBERTO G., Teolo Commentatore certificato 05.06.18 14:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

UN MAGISTERO DA PORTARE DENTRO LE NOSTRE SCUOLE

L'alto discorso fatto oggi 5 giugno dal Capo del Governo Conte e i concetti in esso contenuto, che spaziano tra lo stato di diritto e i doveri che abbiamo quali cittadini, dovrebbe essere studiato e insegnato ai nostri ragazzi fin dalle scuole.
Mi chiedo: cosa potrebbe essere il paese in termini di prosperità se fosse stato regolamentato il conflitto di interessi nel pubblico; se avessimo avuto una giustizia sana e non collusa con i malviventi appartenenti alle bande deviate presenti all’interno delle nostre istituzioni; se avessimo avuto la lotta sistematica contro la corruzione e le varie forme di criminalità organizzata?
Quante vite stroncate dal suicidio favorito dalle vessazioni sarebbero ancora qui tra noi; quante imprese portate al fallimento sarebbero ancora funzionanti nell’economia; quante morti in mare avremmo evitato se non ci fosse stato il malaffare dietro agli esodi di massa preordinati?
Ora dobbiamo ripartire e restituire il futuro che una scellerata classe politica ha spazzato via tra connivenze, corruzione e malversazioni a partire dall’esercizio delle attività dentro i servizi che eroga il sistema pubblico. Prime fra tutte quelle attività che si amministrano nei Palazzi della Giustizia attualmente compromessi dalla corruzione, che dovranno ritornare ad esercitare la giustizia in nome del popolo italiano con la massima professionalità, e non viceversa allearsi con chi commette crimini per dividersi la refurtiva: e per i più recidivi di qualsiasi ordine e grado, appartenenti all’organo giudiziario, si aprano serenamente e con fermezza i tempi della reclusione, quale periodo non solo punitivo, ma anche per ravvedersi e favorire il pentimento sul male fatto al paese e ai suoi cittadini.
Grazie onorevole Conte, grazie onorevole Di Maio, grazie onorevole Salvini e a tutti i vostri Ministri: noi saremo al vostro fianco, a fianco del Paese, a fianco della Cittadinanza e delle sue Istituzioni.

friso r. Commentatore certificato 05.06.18 13:55| 
 |
Rispondi al commento

Eccellenti dichiarazioni d'intenti Professor Conte.
A voto "secretato" otterrebbe probabilmente molte "Fiducie" Parlamentari sommative a lega e 5S ...ma forse qvalcuna in più anche...palesemente!
Saluti e cordialità dalla ROMAgna.

enzo bargellini, Santarcangelo di Romagna Commentatore certificato 05.06.18 13:53| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente si cominciano a riveder le stelle e a respirare un pò di aria pulita.
Oggi sono molto felice.
Grazie Signor Presidente

Michele M. Commentatore certificato 05.06.18 13:53| 
 |
Rispondi al commento

Leggo su un giornale :
Nel documento che Falomi ha consegnato a Fico si sollevano una serie di obiezioni tecniche (fra cui l’incostituzionalità di un taglio “retroattivo”) e il “no” a “qualunque misura che direttamente o indirettamente miri a svuotare di significato la centralità del Parlamento, la sua autonomia e la sua libertà“.
Ora aggiungo alcuni commenti all'articolo che condivido:Corrado S. 4 giugno 2018

cioè trattare gli ex parlamentari come tutti gli altri cittadini Italiani sarebbe un intervento punitivo!!! ma ci rendiamo conto di cosa dicono? e poi, visto i danni causati dalla classe politica, e i debiti che hanno caricato sulle generazioni future (e attuali), direi che si, dovrebbero essere puniti. quindi non solo ricalcolo contributivo..... ma anche trattenuta del quinto!! come qualsiasi altro cittadino debitore.


Paolo 5 giugno 2018

come sostengono alcuni giuristi, qui non si tratta di "diritti acquisiti" ma di "benefici usurpati" che lor signori si sono auto votati a maggioranza alla faccia di tutti gli altri cittadini normali. E' costituzionale trattarsi differentemente dagli altri cittadini non parlamentari?


paola barile 4 giugno 2018

Tutti i lavoratori hanno dovuto confrontarsi con un cambiamento di regole in corso d'opera. Non sono figli dell'oca bianca, e alcuni hanno pure rubato

Valentina B., Colloredo di Monte Albano Commentatore certificato 05.06.18 13:52| 
 |
Rispondi al commento

Discorso limpido, lineare ,chiaro a tutti dove sono state affrontate le principali problematiche. Sicuramente non deve essere stato di buon auspicio per coloro che hanno basato il loro credo sulla Corruzione, l'illegalità assoluta.

Claudio Chiani 05.06.18 13:48| 
 |
Rispondi al commento

GRAZIE INFINITE SIGNOR PRESIDENTE CHE DIO LO BENEDICA E LO PROTEGGA SEMPRE

francesca Marcellino, roma Commentatore certificato 05.06.18 13:44| 
 |
Rispondi al commento

Che gioia e che orgoglio sentire un presidente parlare così. Forse adesso saremo rispettati anche in Europa. Se penso a chi ci ha rappresentato fino adesso...

Valentina B., Colloredo di Monte Albano Commentatore certificato 05.06.18 13:44| 
 |
Rispondi al commento

alla fine del discorso , ho capito perchè si chiamano pidioti .

paolo b., ancona Commentatore certificato 05.06.18 13:41| 
 |
Rispondi al commento

Discorso generalista egregio copre tutti i punti di crisis : alto momento del ricordo di Sacko ma rilevo la paurosa assenza della cultura. Nessuno può esimersi dal trattare il tema pena il fallimento delle politiche di cambiamento.Ci sarebbe qualche ulteriore considerazione ma "mi taccio" per l'odierna costernazione.

Libero Rossi 05.06.18 13:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho 67 anni ho ascoltato il discorso del presidente Conte, ha detto delle cose così belle che mi sembra un sogno, spero di non svegliarmi....

Giuseppina Cecchini 05.06.18 13:39| 
 |
Rispondi al commento

C O M P L I M E N T I! ! ! ! !
MERAVIGLIOSO DISCORSO, CON SOTTOLINEATURE ED ENFASI NEI PUNTI CHIAVE!
NON VEDO L'ORA DI VEDERE ALL'OPERA(CON I SUOI RISULTATI DI CAMBIAMENTO!)QUESTO GOVERNO...
RAGAZZI BUON LAVORO A TUTTI NOI! (A TUTTI NOI: PERCHÉ SIAMO CHIAMATI IN CAUSA TUTTI, PER ONESTÀ ED ALTRUISMO!)
AVANTI TUTTA!

marina 05.06.18 13:38| 
 |
Rispondi al commento

Per la prima volta il popolo italiano afferma la sua volontà di Repubblica Parlamentare. Sulla questione dell’esecuzione della volontà che avviene con la trasmissione del potere di eseguire la propria volontà (non potendo fare altro che ricorrere alla praticità), si riconosce pure la differenza tra potere e potenza. Avere la volontà è avere la potenza; quest’ultima come qualità intercambiabile può essere prestata temporaneamente per eseguire dei compiti: potere esecutivo. La volontà è e rimane intrasmissibile, essendo la qualità intrinseca dell’identificazione della simultaneità intenzionale tra la persona una e la persona collettiva. C’è di più! Ma questa identicità è ancora il proprio della molteplicità dell’uno che è il popolo; il popolo, infatti, come etnia di simili e assimilabili, essendo tale per le istituzioni di cui si dota, è pure volontà generale, cioè, dell’uno come della moltitudine

Domenico Pasquariello, Paris Commentatore certificato 05.06.18 13:38| 
 |
Rispondi al commento

Discorso davvero toccante, spero davvero possano seguire i fatti.
Vi auguro un buon lavoro! Mi raccomando onestà!!! Non fatemi pentire di credervi e crederci

Alessandra Mameli, Bologna Commentatore certificato 05.06.18 13:36| 
 |
Rispondi al commento

"Grande discorso...chiaro e pulito.Una cosa mi ha stupito, ma gli
zombi(pd+fi) di solito non si agitano?Va bè abbiamo scoperto gli zombi (i
non morti) paralizzati....Speriamo a vita."

m.m 05.06.18 13:36| 
 |
Rispondi al commento

"TOGLIERE RISORSE ECONOMICHE ALLE MAFIE"
Nel discorso del nostro Presidente del Consiglio Conte
Cosa succede in Aula?:
Tutti in piedi!!!
Tranne le Opposizioni.
Grande Spettacolo
Grazie Presidente

Antonio B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 05.06.18 13:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fine

Paul Bairoch, nel libro “Economia e storia mondiale”, scrive: “nelle regioni che vennero gradualmente a comporre il mondo sviluppato, il protezionismo fu la politica commerciale dominante. Tale fu soprattutto il caso degli Stati Uniti che, lungi dall’essere un paese liberista come molti pensano, può essere definito ‘la culla e il bastione del protezionismo’ ”.
Nessuno può negare che questa scelta protezionista abbia portato la massima prosperità agli Usa. Del resto che il mercatismo non sia automaticamente sinonimo di prosperità, ma anzi possa portare nel baratro è dimostrato per l’Europa da questi decenni (e specie dalla crisi finanziaria 2007-2008).
Lo avevano già capito nell’Ottocento. Bairoch citando Disraeli, nello storico dibattito del 1846 sul sistema di libero scambio e il protezionismo, evoca l’esempio dell’Impero ottomano dove “con un’applicazione totale e prolungata nel tempo del sistema della concorrenza illimitata” si è distrutto uno dei sistemi manifatturieri “più belli del mondo”.
La lezione che dunque ci arriva da Trump è questa. Dopo essere stati ammorbati per anni dal dogma mercatista, secondo cui occorreva inchinarsi al totale arbitrio dei mercati e del libero scambio, scopriamo che – se non vogliamo soccombere – il primato spetta agli Stati, cioè ai popoli, non ai mercati. E la bussola delle politiche pubbliche deve essere la difesa dell’interesse nazionale.
Anche questo è un tema a cui il nuovo governo dovrebbe essere sensibile. I governi che si sono succeduti finora a Roma lo avevano dimenticato.

Antonio Socci

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 05.06.18 13:31| 
 |
Rispondi al commento

3^ Parte

Ma finora la UE si è ben guardata dal “punire” la Germania, come invece minaccia sempre di fare con l’Italia se osasse trasgredire il parametro del deficit. E gli Stati Uniti, con l’Amministrazione Obama, si sono limitati alle critiche e alle proteste verbali verso Berlino.
Invece Trump è passato alla guerra commerciale, come aveva promesso in campagna elettorale. Naturalmente i dazi statunitensi ora danneggeranno anche (in parte minore) l’Italia che – per l’incapacità dei suoi governi – ha pagato finora l’arroganza imperiale tedesca e paga adesso la ritorsione americana verso l’UE.
Tuttavia il ridimensionamento della Germania e il conflitto euroamericano potrebbe destabilizzare “questa” Unione Europea e l’euro nella direzione auspicata dal nuovo governo Lega-M5S.
Perciò l’Italia avrebbe tutto l’interesse a stabilire una forte alleanza politica e commerciale con gli Stati Uniti di Trump. E il nuovo esecutivo Conte ha l’ottica giusta per farlo non essendo succube della Merkel come i precedenti governi.
La “guerra commerciale” appena scoppiata fa anche capire un’altra cosa preziosa.
Negli ultimi 25 anni l’ideologia economica iperliberista – che Tremonti chiama “mercatismo” – ha assunto i tratti di un dogma teologico indiscutibile ed è alla base dei Trattati di Maastricht.
Sembra che l’assoluto dominio dei mercati sia il Bene metafisico e comporti l’automatico progresso dell’umanità. Mentre ciò che (specie per l’esistenza degli Stati, dei governi e della democrazia) impedisce il loro totale arbitrio pare rappresentare il Male metafisico e il regresso nella miseria più oscura.
Adesso scopriamo che invece non è così e che le categorie liberismo/protezionismo sono solo due possibili opzioni che gli Stati adottano a seconda dei momenti storici, perseguendo anzitutto il loro interesse nazionale. E lo si vede soprattutto nella storia americana.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 05.06.18 13:30| 
 |
Rispondi al commento

2^ Parte

E’ evidente infatti che l’euro così come è stato realizzato e i Trattati di Maastricht hanno avvantaggiato enormemente la Germania e hanno svantaggiato molti altri (in primis l’Italia).
Savona spiegava che invece dell’armonica crescita comune
“ora prevale la competizione conflittuale. Ma ancora più grave è il riproporsi, per fortuna in forme non militari, ma più subdole, della competizione conflittuale che ha causato le drammatiche vicende della guerra (…). Dai vostri recenti comportamenti collettivi”, scrive ai tedeschi, “viene il sospetto che stiate scivolando nuovamente sul piano economico nella direzione proposta dal Piano Funk (dal nome dell’allora ministro delle Finanze tedesco, ndr) del 1936. La politica economica che voi suggerite getta le basi per una disgregazione del sogno europeo di pace e di un comune progresso civile. Il Piano Funk prevedeva che la Germania divenisse il ‘paese d’ ordine d’Europa’ ed è quello che ora proponete; che le monete nazionali ‘confluissero nell’ area del marco’ ed è ciò che desiderate e, in parte, avete ottenuto; che lo sviluppo industriale fosse di vostra esclusiva pertinenza, solo affiancati dall’ alleato ‘storico’ del vostro paese, la Francia, una soluzione che il mercato comune europeo e la moneta unica sta causando”.
Queste preveggenti parole di Savona, tornate d’attualità nei giorni della formazione del governo, sono preziose anche per capire la concomitante iniziativa di Trump che, proprio nelle stesse ore, ha stabilito dazi commerciali per acciaio e alluminio provenienti dalla Ue, mirando così a colpire soprattutto la Germania (con cui gli Usa hanno 75 miliardi di deficit commerciale).
L’eccessivo surplus commerciale tedesco – che supera perfino quello cinese e che da anni trasgredisce le regole europee – provoca enormi squilibri, sia a scapito degli altri paesi europei sia a scapito degli Stati Uniti.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 05.06.18 13:28| 
 |
Rispondi al commento

1^ Parte

COSA SI NASCONDE DIETRO LA GUERRA COMMERCIALE FRA USA E UNIONE EUROPEA. ECCO COME C’ENTRA CON IL NUOVO GOVERNO ITALIANO

La “guerra economica” scoppiata fra gli Stati Uniti e l’Unione Europea è molto di più di una controversia dovuta all’inaudito surplus commerciale tedesco. Molto più di una questione di dazi: è il ritorno della Storia.
Infatti la Germania, che di certo è un grande Paese, ora è tornata ad essere anche un grande problema. Non solo per l’Europa, ma pure per gli Stati Uniti. E Trump ha tutta l’intenzione di vincere il braccio di ferro con la Merkel, ridimensionando i disegni imperiali tedeschi (già la Brexit è andata in questa direzione: la Gran Bretagna è storicamente ostile agli imperi continentali).
La Germania perderà il confronto con gli Usa e potrebbe essere un duro colpo per tutta l’attuale Unione Europea di Maastricht (da non confondere con la Comunità europea originaria).
Le leggi della geopolitica sono fatali e le nazioni che tendono alla supremazia continentale, come la Germania, dovrebbero imparare dagli errori del passato.
Era questo l’ammonimento che Paolo Savona nel 2012 aveva intelligentemente espresso nel libro “Lettera agli amici tedeschi e italiani”, uno scritto che – rilanciato nelle settimane scorse – ha suscitato le ire dell’establishment germanico ed è costato a Savona il posto di ministro del Tesoro.
Savona voleva “sollecitare” gli amici tedeschi per avere
“un vostro maggiore impegno nell’evitare che l’Europa si infili in una nuova tragedia – quella del ritorno alla povertà di alcuni popoli con gli odi e i conflitti che seguirebbero – operando in modo tale da garantire non solo una continuazione della crescita per il vostro paese, ma anche per tutti gli altri, in uno sforzo cooperativo”.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 05.06.18 13:27| 
 |
Rispondi al commento

UN DISCORSO MOLTO EFFICACE ED ESAUSTIVO, ANCORA MEGLIO DI QUANTO MI ASPETTAVO!
complimenti e buon lavoro

GIORGIO C., bergamo Commentatore certificato 05.06.18 13:26| 
 |
Rispondi al commento

CHE BELLOOOOOOOO!!!!

Alessandro D., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 05.06.18 13:24| 
 |
Rispondi al commento

Sì Prof. Conte mi ha convinto.
Un discorso Storico e grazie a Lei abbiamo finalmente un cittadino Presidente del Consiglio,al Servizio dei Cittadini.
Che gioia!!
Un abbraccio a tutto il MoVimento.

Claudio Secchi 05.06.18 13:23| 
 |
Rispondi al commento

sto ascoltando il discorso del Premier, Conte. Sono profondamente commossa ascoltando la Politica con la P maiuscola che da decenni non sentivo piu. Detto cio' butto li un'idea per i centri per l'impiego. Ho letto che farete assunzioni per farli funzionare ed e' sacrosanto. Ma chiedete aiuto anche a noi pensionati "giovani" , si fa per dire, ma non rimbambiti che hanno lavorato per anni e vogliano SU BASE VOLONTARIA mettere al servizio paese e del Movimento le loro capacita'

paola 05.06.18 13:20| 
 |
Rispondi al commento

ARIA NUOVA IN ITALIA

Bravi. Evviva il Governo del cambiamento. Questo Governo sia d'esempio in Europa.

Giuseppe C., Sinalunga Commentatore certificato 05.06.18 13:19| 
 |
Rispondi al commento

Quelli del pd sono vergognosi, non applaudono mai nemmeno su temi cari a tutti, su certi temi non esiste ne destra ne sinistra.

Giampaolo 5 Stelle Commentatore certificato 05.06.18 13:07| 
 |
Rispondi al commento

Forza presidente Conte, il popolo Italiano è con voi.

Giampaolo 5 Stelle Commentatore certificato 05.06.18 13:04| 
 |
Rispondi al commento


non vorrei sbilanciarmi troppo...

ma si può già dire che sta facendo un buon discorso...

pabblo 05.06.18 12:31| 
 |
Rispondi al commento

miiiii....robustino il discorso fino ad ora ..e se continua cosi prevedo VOLATILI PER DIABETICI ...E MI AUGURO SIANO VERAMENTE TANTI I VOLATILI

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 05.06.18 12:25| 
 |
Rispondi al commento

Anch'io solo deluso dalla Flat Tax (non era nel programma 5 stelle). Non è giusta e non deve passare assolutamente. Però ho fiducia in Di Maio e Fico speriamo siano vicini al popolo come hanno detto durante la campagna elettorale. No alla flat tax e si alla quota 100. Ho quasi 64 anni desidero andare in pensione e riposarmi con una pensione di 1050 al mese. Ci sono già tante diseguaglianze in Italia con la flat tax aumenterebbero.

Nicola 05.06.18 12:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono un Cittadino di 66 anni tutt'ora lavoratore dipendente che,con 18 anni di contributi versati nella Cassa dell'INPS più altri 3 versati nella Cassa dei Dipendenti Pubblici piu
un altro in quella dell'Agricoltura e che,dopo aver fatto la domanda per l'unificazione in un'unica Cassa e aver fatto i conti di quanto avrei percepito mensilmente, mi sono sentito rispondere: 490 euro...e che con tale somma non avevo il diritto ad accedere all'Ape Volontaria.
E poi dicono largo al giovani? Bah!
Avrei voluto dire al mio interlocutore che nel calcolo degli anni di lavoro della mia vita ce ne erano anche altri 9,però senza versare contributi perchè svolti in nero perchè non c'era altro e che per altri 6 ho dovuto abbandonare l'attività che svolgevo come operaio per dedicarmi in H24 alla Famiglia, colpita da seri problemi sanitari ma poi...poi ho pensato,no non è la persona giusta per dire ste' cose...e poi?...a chi può interessare questo urlo al vento?
Non ho intenzione di fare vittimismo ne lamentarmi in quanto sono sufficentemente sereno nella vita e felicissimo della nostra vittoria,ma piuttosto domandarsi: quanti altri sono stati esclusi e colpiti da quella famigerata Legge Fornero?
Un abbraccio a tutto il Movimento.


Il 10 giugno si vota in 772 Comuni.
Andranno a votare 6,8 milioni di elettori.
114 comuni “superiori”, cioè con più di 15.000 abitanti e 21 capoluoghi di provincia.
Tra le principali città interessate: Ancona, Avellino, Barletta, Brescia, Brindisi, Catania, Imperia, Massa, Messina, Pisa,
Ragusa, Siena, Siracusa, Sondrio, Trapani, Treviso, Udine, Vicenza e Viterbo.
Di Maio e Salvini correranno separati.
Il nodo sarà il Centrodestra, quasi dovunque assieme con Salvini, Berlusconi e Meloni che potrebbe essere d’ostacolo all’ingresso dei voti grillini a sostegno in un ipotizzabile Consiglio Comunale post-voto: gli elettori però dicono diverso dai partiti e spingono per questa soluzione, come riportano i sondaggi di Euromedia.
I votanti Lega al 52,5% sono favorevoli ad un cartello elettorale (il 38,5% contrari) mentre addirittura i grillini sono ben più convinti del Carroccio ad andare insieme, il 67,8%, contrario solo il 6,8% (il 25,4% non sa o non vuole rispondere). Se si guarda però al totale degli elettori anche di altri partiti, le percentuali calano con il 34,1% favorevole a vedere Salvini e Di Maio insieme anche alle Amministrative, mentre il 35,9% è contrario (il 30%, altissimo, non sa o non vuole rispondere).

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.06.18 12:01| 
 |
Rispondi al commento


ehilà beppe... :)

pabblo 05.06.18 12:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori