Il Blog delle Stelle
Copyright, dalla UE una minaccia alla libertà di Internet

Copyright, dalla UE una minaccia alla libertà di Internet

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 67

di Guido Scorza, avvocato e docente di Diritto delle nuove tecnologie

A decidere se un contenuto debba, o non debba, essere rimosso dalla rete non deve mai essere un filtro, non deve mai essere una società privata. Ma un giudice o un’autorità amministrativa indipendente.

Il diritto d’autore è l’architrave normativa della circolazione dei contenuti online e offline. Decide quali sono i diritti che spettano a chi crea dei contenuti; quali sono i diritti che toccano a chi di quei contenuti fruisce; quali sono le responsabilità di chi sta nel mezzo.

Nel 2016, l’Unione Europea, resasi conto della straordinaria evoluzione dei tempi e delle tecnologie, ha messo mano a una proposta di direttiva che nelle intenzioni dovrebbe governare i nuovi fenomeni del diritto d’autore in vista del cosiddetto mercato unico digitale: la circolazione transeuropea dei contenuti della musica, dei film, degli articoli di giornale.

La direttiva dell’Unione Europea – quella sul diritto d’autore nel mercato unico digitale – è una buona cosa nelle intenzioni, è un mix di buone intenzioni. Con essa, il legislatore dell’Unione Europea si vuole fare carico di problemi che, effettivamente, sono sul tavolo.
È pessima dal punto di vista dell’esecuzione, dal punto di vista del linguaggio e delle scelte che si stanno compiendo.
In particolare, con riferimento a due aspetti: l’attività di indicizzazione dei contenuti online, l’idea che utilizzare un link a un contenuto, ai fini dell’indicizzazione, significhi utilizzare un diritto d’autore, è naturalmente sbagliata e fa a cazzotti con uno dei principi fondamentali della rete, nonché la libera circolazione dei link. E, inoltre, la responsabilità degli intermediari nella comunicazione: chi non produce un contenuto ma si limita a mettere a disposizione del pubblico un contenuto prodotto da terzi non dovrebbe essere chiamato a risponderne in prima persona.

Il problema che la proposta di direttiva europea vuole affrontare è chiamare Google, Facebook e gli altri grandi a rispondere di più quando pubblicano un contenuto pirata posto in condivisione da un singolo utente. Il proposito è corretto ma la direttiva è scritta contro, è scritta pensando che la rete sia fatta da oligopolisti e monopolisti di contenuti digitali, mentre la rete, per fortuna, è fatta da centinaia di milioni da startup che ogni giorno si affacciano sul mercato e provano a rendere più plurale l’informazione online.

Quando la direttiva vorrebbe stabilire che i grandi user generated content, che le grandi piattaforme che aggregano contenuti per conto di terzi devono rispondere per quei contenuti anche se a produrli e a pubblicarli sono stati gli autori, e quando stabilisce che il gestore della piattaforma dovrebbe istallare un filtro che in maniera automatica impedisca la pubblicazione di un contenuto pirata, dimentica che questi obblighi e questa responsabilità sono incompatibili per la maggior parte delle startup.
Google, YouTube, Facebook e gli altri hanno le tasche sufficientemente profonde per farsi carico di risarcire i titolari dei diritti nell’ipotesi di violazione. Una startup no. Google e gli altri possono decidere di correre il rischio che un contenuto pirata resti online se quel contenuto per loro ha valore, i piccoli no.

Il risultato finale rischia di essere un boomerang per il legislatore stesso, perché potremmo avere una rete meno libera, una rete meno corale, una rete meno plurale, nel senso che i soggetti in condizione di adeguarsi a quelle regole potrebbero essere sempre di meno. Ecco perché è una direttiva buona nelle intenzioni ma pessima nell’attuazione.
La proposta di direttiva dell’UE ha due macro problemi di metodo. Il primo è quello che si inserisce in un processo normativo che continua a pretendere di governare il futuro attraverso regole di dettaglio: questa proposta di direttiva è datata 2016 e nella migliore delle ipotesi diventerà legge nei singoli paesi membri nel 2021. È ovvio che le tecnologie che questa direttiva vorrebbe tutelare, nessuno di noi è in condizione di dire se nel 2021 esisteranno ancora e che ruolo avranno sui mercati. Quindi un primo aspetto centrale è che bisogna smetterla di scrivere leggi, o direttive, che non siano tecnologicamente neutrali. Nelle leggi vanno lasciati soltanto i principi e poi il resto va demandato a strumenti di soft law.

Il secondo aspetto cruciale di questa direttiva è che segue un equivoco sempre più diffuso in Europa, e cioè che la soluzione corretta per riprenderci la rete, e per garantire la libertà online, sia quella di chiamare i più grandi, Google, Facebook e gli altri, a rispondere in maniera severa delle condotte dei loro utenti. È accaduto con il diritto all’oblio, sta accadendo con le fake news e adesso è la volta del diritto d’autore. È un concetto pericoloso e sbagliato. Se io stabilisco una regola secondo la quale YouTube piuttosto che Google piuttosto che Facebook rispondono del contenuto - non ha importanza sotto quale profilo - postato in rete dall’utente, l’unico effetto che ottengo è quello di trasformare YouTube in una sorta di giudice privato, di censore. E l’effetto immediatamente successivo è che YouTube, evidentemente, continuerà a fidarsi e continuerà a lasciare pubblicare agli utenti che hanno una certa solidità economica e che potrebbero in ogni caso tenerlo indenne da ogni responsabilità, mentre restringerà, sempre di più, la possibilità per i più piccoli di dire per davvero attraverso la rete quello che pensano.

È la strada assolutamente sbagliata. Non è responsabilizzando gli intermediari che risolveremo il problema. Viceversa, consegneremo sempre più potere agli intermediari come la storia degli ultimi anni ci insegna.

A decidere se un contenuto debba o no essere rimosso dalla rete non deve mai essere un filtro, non deve mai essere una società privata deve sempre essere un giudice o un’autorità amministrativa indipendente. Se c’è un problema di tempi investiamo sulla giustizia e puniamo la incondizione.
In casi eccezionali di correre ancora più veloce. Ma non deleghiamo a un privato un compito che è parte integrante, negli stati democratici, della giustizia nell’accezione più ampia e più alta possibile.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

27 Giu 2018, 09:35 | Scrivi | Commenti (67) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 67


Tags: copyright, diritto d'autore, europa, guido scorza, Internet, m5s, Ue

Commenti

 

È una vergogna questa direttiva. Spero venga respinta. Il diritto d' autore dovrebbe proteggere le idee, ma dovrebbe permetterne la diffusione.

Lorenzo Testa 03.07.18 22:04| 
 |
Rispondi al commento

siamo alla frutta! prima il reddito di cittadinanza, non divaghiamo.

Luigi Di Leonardo 03.07.18 09:32| 
 |
Rispondi al commento

una mia risposta era solo un indirizzo non si possono oscurare le verita per solo vantaggio, ritengo che i maxi media abbiano capito che per loro sia un danno perche basta un clik al posto del loro telecomando delle fake news televisive o peggio ancora non portare a conoscenza le azioni che si propongono
ad oggi unica cosa che si possa dire e la trasparenza di questo Governo nel Suo agire nell informare il suo percorso mai avvenuto in passato

Antonio L., Anzio Commentatore certificato 01.07.18 14:00| 
 |
Rispondi al commento

PD & FORZA ITALIA, “NAZIONE ISOLATA!”

A detta del Pd e Fi, per la bacchettata data dall’Italia a Francia e Germania, ora gli italiani sarebbero sempre più isolati. In realtà gli italiani oltre a essere finalmente rispettati, anche dai mondiali con la metafora calcistica nell’occasione del tracollo tedesco, risultano invece uniti e determinati più che mai. E ora, a poche decine di minuti dalla partita Francia contro l’Argentina, proprio per la politica scorretta di Macron nei confronti delle frontiere con l’Italia e nei dialoghi con il dott. Conte durante gli incontri sostenuti, i nostri connazionali tutti compatti si ritrovano a tifare per una squadra americana piuttosto che per quella francese europea.

Questo per far notare che razza di Europa è divenuta l’Unione Europea quando gli Stati sono diretti da governi scriteriati; e non certo per colpa del Governo del dott. Conte: anzi, se certi governi di illustri paesi lo ascoltassero di più, a livello nazionale e internazionale avrebbero solo da guadagnare e farebbero una, più, bella figura.

ANDIAMONE FIERI DEL GOVERNO DEL DOTT. CONTE CON I SUOI MINISTRI DI M5S E LEGA: AVANTI TUTTA E TUTTI UNITI ben lontani da Tg e giornali.

friso r. Commentatore certificato 30.06.18 16:03| 
 |
Rispondi al commento

AVANTI TUTTI UNITI

Oggi abbiamo avuto la certezza che dietro ai fenomeni aberranti che hanno coinvolto l'Europa: dalla devastazione della Grecia e più in generale degli Stati a sud dell'Europa; ma verosimilmente anche la situazione degli istituti di credito; per finire al traffico dei chiedenti asilo politico, minoranza rispetto ai clandestini irregolari sbarcati in Italia e non solo: c'era anche il gioco sporco dell'attuale classe dirigente politica tedesca.
La cricca che per i suoi scopi supporta e utilizza la figura della Merkel è molto grossa, e la Germania non è l'unica dietro a queste nefandezze. Una cosa è certa e desta forti sospetti: molte navi utilizzate dalle organizzazioni non governative, come quella dirottata in spagna dal Governo Conte, in origine appartenevano alla capitaneria di porto, guarda caso, tedesca; ceduta poi e trasformata appositamente per il traghettamento dei migranti da far sbarcare in Italia. Speriamo che la Merkel, figura presta immagine collusa con il malaffare, venga presto sconfitta e destituita dal suo incarico e che si possa avere presto un governo tedesco che non sia corrotto e implicato in tutte queste angherie che stanno devastando equilibri e le economie europee. Ottimo il Governo Italiano, anche perché ha fatto uscire i nodi al pettine di tutta la mala e fraudolenta gestione dell’Unione Europeo. Rimaniamo solidali con il Governo Conte, M5S e LEGA.

SOLIDALI PARANDO I COLPI AL PREMIER E AI SUOI MINISTRI: AVANTI TUTTA.

friso r. Commentatore certificato 29.06.18 02:32| 
 |
Rispondi al commento

LA RETE HA CREATO
UNA NUOVA COSCIENZA

UN'ONDA INARRESTABILE

...E LORO LO SANNO....

BUM BUM 28.06.18 10:38| 
 |
Rispondi al commento

Molto bene, prof. Guido Scorza.
Qualsiasi attacco alla libertà di Internet è un attacco al MoVimento 5 Stelle, perché la democrazia diretta si è resa possibile tramite Internet. Difendere la libertà di internet è fondamentale, anche perché è difendere il MoVimento 5 Stelle .
Sarebbe da promuovere una petizione internazionale contro questa “riforma del copyright” (chiedo scusa nel caso la petizione internazionale ci sia già e mi sia sfuggita).

Santo Mazzotti, Remedello Commentatore certificato 28.06.18 10:08| 
 |
Rispondi al commento

a
La discussione europea sui migranti minaccia di essere arroventata e di far saltare la fragile struttura europea. E' chiarissimo che tutti parlano di solidarietà a patto che i migranti sbarchino tutti in Italia e se li ciucci la sola Italia. Renzi e Gentiloni hanno accettato questa turpe condanna che non sta né in cielo né in terra, non sappiamo in cambio di cosa, e ora che questa proterva sudditanza è saltata, salta tutto l'equivoco equilibrio europeo. Perché una cosa è lampante: i migranti non li vuole NESSUNO e gli attacchi ai 5stelle e a Salvini a cui il Pd si è appeso come a una ciambella di salvataggio hanno dimostrato solo l'enorme ipocrisia dell'intera Europa e del Pd in primis, il quale, sconfitto su tutta la linea e di fronte a un Governo che con metodica precisione sta smantallendo tutte le perverse riforme di Renzi, non ha altro programma che ribadire Dublino e Triton, sventolando falsi ideali cristiani ma tentando in pratica di inchiodare l'Italia ad essere l'UNICO approdo di TUTTI i migranti del mare, il che come minimo non mostra molta solidarietà verso gli italiani e non è una soluzione che può essere mantenuta a lungo sotto l'urto di migliaia e migliaia di profughi che arrivano ogni giorno.
Dove manca l'equità e si penalizza il proprio Paese, invocare valori etici diventa la maschera che copre una truffa nel vuoto assoluto di un partito che ha fagocitato se stesso.
Intanto in Europa tutto precipita. Il veto di Salvini è stato la cartina di tornasole che ha rivelato al mondo l'insussistenza dell'Ue, come unione di popoli mentre non era altro che l'accostamento di egoismi.
Oggi si apre il Consiglio europeo ma saranno cavoli amari. Conte è decisissimo a superare il regolamento di Dublino, ma il problema gravissimo è che rischia di spaccarsi la Germania.


segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.06.18 08:50| 
 |
Rispondi al commento

A un incontro presso la sede del Consiglio d'Europa a Venezia ho sentito proporre addirittura la creazione di un'agenzia europea dell'informazione!

Marcello 27.06.18 22:50| 
 |
Rispondi al commento

La libera informazione fà paura a questa Europa, il ministero della verità europeo non può più permettesi governi di volontà popolare come quello 5 stelle-Lega.
NO ALLA CENSURA DI INTERNET.

Raffaele Strazzera 27.06.18 21:20| 
 |
Rispondi al commento

L'internet e la rete funziona bene e permette a tutti di informarsi liberamente però quando le cose vanno bene il politico di turno deve distruggere, tassare, imporre leggi e divieti, brava Europa fai sempre più schifo, a quando l'uscita? Anzi direi che il popolo non ha deciso di farne parte quindi senza il nostro consenso non può esistere l'Europa ne può esistere l'impossibilità di uscirne, se il popolo sovrano è unito si può mandarli a quel paese e se hanno problemi se la prendano con chi ha firmato la nostra condanna, noi popolo non abbiamo firmato nulla, non abbiamo deciso nulla, non ci hanno chiesto il consenso.

Giorgio 27.06.18 20:42| 
 |
Rispondi al commento

Difendiamo la libertà di parola e di informazione - stop alla censura imposta dalla solita Europa. Grazie ragazzi per quello che fate. Grazie per la chiusura dei porti, grazie per lo stop ai vitalizi ecc..

Nicoletta 27.06.18 16:52| 
 |
Rispondi al commento

Leggo attacchi a Gentiloni per il tratto di mare venduto ai francesi. Cosa c'entra Gentiloni? Il trattato di di Caen è del 2'015, cosa c'entra Gentiloni? E' stato Renzi a vendere parte del nostro mare alla Francia

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 27.06.18 13:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sanzioni alle aziende che delocalizzano. Multe a chi non rispetta il divieto di pubblicità del gioco d'azzardo. Abolizione del redditometro e dello spesometro. Stretta sui contratti a termine. Questi fascisti provocano: sembrano di sinistra,

#decretodignita.

[@LVIX1]

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 27.06.18 13:34| 
 |
Rispondi al commento

IL CYBERSPACE E' DI TUTTI

Questa Europa, madre di civiltà, deve cambiare verso una migliore democrazia che ascolti il popolo e non agisca contro uno dei mezzi più efficienti di diffusione di conoscenza e delle idee nel CyberSpace, come INERNET.

Giuseppe C., Sinalunga Commentatore certificato 27.06.18 13:08| 
 |
Rispondi al commento

Anch’io credo che Lei abbia perfettamente ragione, sig. Enzo Rossi; siamo già troppo abitati a norme con una motivazione ufficiale dabbene, ma con una motivazione reale inconfessabile. Quindi sono anch’io poco propenso a credere nella buona fede di chi ha scritto questa proposta di direttiva.

Santo Mazzotti, Remedello Commentatore certificato 27.06.18 13:00| 
 |
Rispondi al commento

Bravissimi!!!

Paolo V 27.06.18 12:41| 
 |
Rispondi al commento

Concordo appieno con il commento di Enzo Rossi!
Chiamiamo il nemico per nome, stanno attaccando il pluralismo della rete e non c'è nessuna "buona intenzione" nelle loro menti, solo ipocriti pretesti.
Mi meraviglio della loro stupidità, credono di poter fermare l'acqua con le mani...... non hanno nessuna idea di che cosa può scatenare il popolo del web se si irrita. Sono preoccupati per 'Panama Papers' o 'Wikileaks' e poi dichiarano guerra a tutti gli ''acari'' del mondo..... poveri strò!

Il Barone Zazà 27.06.18 12:32| 
 |
Rispondi al commento

Zingaretti: “Un ciclo storico è chiuso”.
Ma i renziani difendono il leader: “Visto? Si perde anche senza di lui”.
Sì, ce ne eravamo accorti che aveva scelto dei palloni gonfiati mezze pippe a sua immagine e somiglianza.

[@LVIX1]

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 27.06.18 12:25| 
 |
Rispondi al commento

Renzi condurrà un programma TV: la Ruota della Sfortuna.

[@giulysua]

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 27.06.18 12:23| 
 |
Rispondi al commento

I RE DELLE DOMANDE SBAGLIATE
Il Pd si interroga dopo aver perso Terni, Ivrea, Cinisello e i centri rossi in Toscana: "che ha fatto oggi la Raggi?"

[@antonio_carano]

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 27.06.18 12:22| 
 |
Rispondi al commento

Il neoliberismo pure nella comunicazione.
Iniziato con la Stampa e la TV ora si riversa sulla Rete.
Il controllo delle masse!
Dobbiamo preoccuparci di ciò che non ci dicono e di ciò che non è palese al raziocinio umano!
Fare il contrario di ciò che ci impongono è la vera libertà!

oreste *****, sp Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 27.06.18 12:17| 
 |
Rispondi al commento

Evviva il populismo- Tommaso Merlo
Togliere di mezzo Pd e Forza Italia è stata dura per il popolo italiano. Per decenni l’Italia è rimasta prigioniera della farsa destra-sinistra, illusa da quella trappola ipocrita che era il bipolarismo. E cioè due schieramenti che facevano finta di essere diversi, litigavano in campagna elettorale e poi andavano al potere e non cambiava mai nulla. Farsa che succede ancora in molte democrazie e in Italia era recitata da Pd e Pdl, i due poli. Farsa svergognata quando i cittadini italiani hanno smesso di crederci e Pd e Forza Italia sono stati costretti ad inciuciare tra loro pur di sopravvivere. Lo hanno fatto dimostrando che erano in realtà la stessa cosa, un emerito nulla. Gruppi di potere, élite in competizione per qualche poltrona nel redditizio business della politica che sfruttavano vaghi retaggi ideologici del passato a fini di potere. Sommersi dal crollo del fasullo bipolarismo, Pd e Forza Italia si sono uniti contro il “populismo” inteso in senso dispregiativo ovviamente. Inteso come politica che risponde alla pancia della plebaglia, agli istinti peggiori, ai bisogni più elementari, alle paure più becere. Populismo inteso come politica dai modi bruschi e dalle intenzioni sovversive e retrograde (a seconda della convenienza) proprie della gentaglia ignorante e rozza. Per Pd e Forza Italia – per tutta la vecchia politica – rappresentare sentimenti e necessità del “popolo sovrano” così come emergono, non sarebbe democraticamente sacrosanto ma un qualcosa di negativo, qualcosa addirittura di pericoloso e che svilisce la nobiltà della politica. Uno snobismo elitario che colpisce ancora di più se proviene da partiti che si definiscono di sinistra e cioè partiti che storicamente si ergevano a paladini degli ultimi, dei più deboli ed oggi invece disprezzano le istanze che emergono dal popolo. Le guardano dall’alto verso il basso, con la puzza sotto il naso e una volta entrati nei palazzi le tradiscono puntualmente

segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 27.06.18 12:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Egr. Prof. Guido Scorza,
il suo post è molto interessante e tocca temi fondamentali per lo sviluppo umano nel futuro. Mi permetto solo di dubitare molto che chi sta preparando questa nuova normativa sia "animato di buone intenzioni" che sono tradotte male nei fatti. Credo che a quel livello, le VERE intenzioni, non quelle dichiarate, Siano COERENTI coi fatti che producono: verticalizzazione e oligopolizzazione della rete, forti barriere all'entrata, stretto controllo sui contenuti da parte dei (pochi) grandi operatori.
Distinti saluti

Enzo Rossi 27.06.18 11:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

gli e lo volete dire a SOROS una volta per sempre anche con le cattive maniere che le ''risorse boldriniane''nessuna nazione li vuole piu'!(fare come Ungheria chiudere le imprese in Italia di SOROS)

Mirko V., Solofra (Av) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2017 27.06.18 11:34| 
 |
Rispondi al commento

http://webtv.senato.it/webtv_live#


http://webtv.camera.it/home


dirette Camera e Senato

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 27.06.18 11:21| 
 |
Rispondi al commento

Io sarei interessato ma di tutto il discorso molto tecnico ci ho capito poco. Io faccio informazione via web, fare un reportage interessante costa e ci vuole testa se uno ha piacere di avere un testo, delle foto o altro per ottenere più visibilità nella propria piattaforma-web direi che è giusto che quattro soldi li paghi. Quello che assolutamente bisogna fare è punire chi offende, insulta, racconta bugie (fake) a scopo di lucro ecc. Ma non c'è bisogno di "fucilazioni" o pene capitali varie, chi sbaglia; piccola o media multa in danaro, chiusura sito web per 30 giorni e se c'è anche il cartaceo sigilli alle rotative e uffici redazionali sempre 30 giorni.A decidere una autorità competente in ogni Nazione! Tanto tutto il "maccherone" è predisposto per le "Caste" che non vogliono lavorare e sudare 8 ore al giorno ma vogliono continuare a fare i nababbi con i soldi altri senza faticare!

Dall'Olio Ermes 27.06.18 11:05| 
 |
Rispondi al commento

E' partita l'operazione 'pulizia in Rai'! L'ideale sarebbe che questa pulizia cominciasse ad arrivare anche su La7 la cui condotta unilaterale, insultante, diffamatoria e nemica del Governo e di 18 milioni di italiani sta tracimando contro ogni principio di verità e giustizia. Non sono più tollerabili soggetti faziosi oltre ogni limite del possibile come Gruber, Merlino, Zucconi, Giannini, Fornero, Severgnini, Migliore, Esposito, Cazzola.. E non è più tollerabile che esista in Italia un uomo che è sceso in politica conservando tre televisioni e troppi giornali! Questa è una cosa che non esiste in nessuna parte del mondo. E quando si intervista un politico non deve essere più permissibile che contro di lui ci sia un plotone di esecuzione, o, come empre accade nei talk show, che non ci sia equilibrio tra le parti politiche partecipanti tenendo conto delle proporzioni elettorali. La televisione deve essere uno strumento di conoscenza, di informazione e di confronto. Deve esserre uno strumento di pluralismo democratico e non vogliamo più vedere tg schierati e pronti a spammare menzogne. La tv non può essere un'arma usata in modo unilaterale da un solo schieramento politico per insultare e diffamare il Governo e i suoi elettori e per dare il massimo della visibilità non a chi ha vinto ma a chi ha perso rovinosamente mandando dalla parte contraria 5 milioni di elettori.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 27.06.18 11:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

3
Eccezionalmente le previsioni nere di Oxford e de lavoce.info potrebbero non avverarsi, con un’operazione a costo (e cemento) quasi zero, perché a Torino il danno ormai è fatto, e tanto vale farlo fruttare. Cosa che non accadrebbe a Milano e Cortina, che dovrebbero ricominciare tutto daccapo.
Eppure non sono bastati nemmeno il via libera di Grillo e gli interventi dei ministri Fraccaro e Toninelli per far ragionare i consiglieri ribelli, pronti a mettere a repentaglio addirittura la (loro) giunta Appendino per un’ostilità ideologica che non trova riscontro nei numeri e nella realtà. Se si tratta solo di discuterne in Consiglio comunale, come chiedono alcuni dissidenti, lo si faccia subito, possibilmente entro il 10 luglio quando il Coni dovrà inviare la proposta al Cio. Ma poi si decida, possibilmente sulla linea della sindaca e di tutte le persone ragionevoli. Il guaio è che spesso, tra i 5Stelle, c’è chi compie sforzi disumani non per marcare sacrosantamente la propria “diversità” dalle lobby degli affari e del cemento. Ma per somigliare al ritratto fumettistico e macchiettistico che del M5S fanno i giornaloni: un’accozzaglia di mezzi matti che dicono di no a tutto perché non sanno fare nulla. Lo si disse della giunta Raggi, quando salvò la Capitale dal disastro delle Olimpiadi 2024. E quando poi dimostrò di non essere pregiudizialmente ostile alle opere pubbliche (lo stadio della Roma, opportunamente dimagrito), si trovò il modo di fucilarla lo stesso.[…]

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 27.06.18 10:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

2
Dimostra che negli ultimi 50 anni i Giochi hanno registrato uno sforamento medio del 257% fra budget iniziale e costo finale, sia per le edizioni estive, sia per quelle invernali (796% Montreal, 417 per Barcellona, 321 Lake Placid, 287 Londra, 277 Lillehammer, 201 Grenoble, 173 Sarajevo, 147 Atlanta, 135 Albertville, 90 Sydney, 82 Torino, 51 Rio). Gli extra-costi non ricadono mai sul Cio, l’unico a guadagnarci sempre e comunque, ma sugli Stati e le città ospitanti, i cui residenti han dovuto ogni volta sobbarcarsi imposte e balzelli aggiuntivi nei 20 o 30 anni successivi per assecondare le fregole faraoniche dei loro governanti.
Gli esperti la chiamano “maledizione del vincitore”: chi vince la candidatura perde miliardi e va in rovina, e per una manifestazione certamente bella, ma di brevissima durata (15 giorni o un mese).
Un altro studio, quello dei ricercatori Massiani e Ramella per lavoce.info, esaminano le Olimpiadi invernali di Torino 2006. Tra il 2001 e il 2007 il Pil del Piemonte era cresciuto del 6,4%, contro il 9,1 dell’Italia intera. Passata la festa, dal 2008 al 2013, il divario anziché ridursi si allargò vieppiù: l’economia italiana calò dell’8,5% e quella piemontese dell’11,6. Intanto Torino divenne la seconda città più indebitata d’Europa (5 miliardi di buco) e fu costretta a tagliare i servizi e alzare le tasse. Per questi motivi, la Raggi rinunciò alla candidatura olimpica. Ora invece l’Appendino chiede al Coni e al governo di candidare Torino, e non Milano o Cortina, per i Giochi invernali del 2026, perché una volta tanto il rischio di andare in profondo rosso in nome del panem et circenses è scongiurato in partenza: Torino potrebbe riutilizzare nel 2026 le strutture costruite per il 2006 (e da allora perlopiù inutilizzate e abbandonate) e anzi ammortizzare con i nuovi finanziamenti del Cio i costi altissimi di manutenzione e ristrutturazione.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 27.06.18 10:50| 
 |
Rispondi al commento

1
Marco Travaglio: “L’Olimpiade dei cretini”
Oltre a tutti i problemi che conosciamo – l’alleanza con Salvini, le scarse risorse per mantenere le promesse, la penuria di classe dirigente e democrazia interna, l’ostilità preconcetta dell’establishment che si butta a pesce sulla Lega per sopravvivere – i 5Stelle ce la stanno mettendo tutta per crearsene di nuovi. Il più evidente è quello che Fruttero e Lucentini chiamavano “la prevalenza del cretino”. Intendiamoci bene, a scanso di equivoci e di querele: non stiamo dando del cretino a nessuno, stiamo parlando del cretinismo imperante che diventa sottofondo, scenografia, atmosfera sommando dichiarazioni, annunci, voci dal sen fuggite, scelte politiche. Prendiamo i consiglieri comunali che votano la proposta del cdx di intitolare una strada di Roma al fascistissimo Giorgio Almirante. Primo sputtanamento. Poi la sindaca Virginia Raggi blocca tutto (si spera che ci riesca) e chi ha votato sì si giustifica col fatto di non aver capito chi fosse Almirante a causa della giovane età. Secondo sputtanamento. Ora, benedetti ragazzi: è tanto complicato digitare “Giorgio” e “Almirante” su Google? O alzare il telefono a chiamare qualcuno che sappia chi era?
Prendiamo il neosottosegretario all’Interno Carlo Sibilia. Da quando, nel 2014, definì “una farsa” lo sbarco sulla Luna, è ricordato da tutti per quella bella uscita. E ha avuto 4 anni per prepararsi un po’ meglio. Risultato: alla prima intervista da sottosegretario, ribadisce che l’allunaggio è “un episodio controverso”. Non c’è nemmeno bisogno di tendergli trabocchetti: ci pensa lui da solo. Ora si fanno avanti una decina di consiglieri comunali a Torino, che da mesi mettono in croce la sindaca Appendino per la candidatura alle Olimpiadi invernali 2026, portandola sull’orlo delle dimissioni. Quel che pensiamo delle Olimpiadi l’abbiamo scritto mille volte, non per simpatie o antipatie, ma sulla scorta di studi scientifici come quello celeberrimo di Oxford.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 27.06.18 10:49| 
 |
Rispondi al commento

Sono Imole Amare(un pensiero per l’intellighenzia della “sx" italiana)
Beppe Grillo
Riconosco che la parte del leone, nel togliere di mezzo il PD dai comuni di quasi tutto il paese, non è stata nostra, non è una vittoria del MoVimento. Questa constatazione paradossalmente solleva un pò; perché la rabbia disperata dei sodali dell’intellighenzia piddina è davvero impressionante.
Il livor furioso che si è scatenato nei cervelli che fiancheggiano la sinistra sta tracimando oltre ogni ragionevolezza. Sono talmente arrabbiati che pregano per le disgrazie, le invocano, tifano per le buche a Roma e guardano al mondo con la stessa fregola degli appassionati di B Movie Horror, roba che indurrebbe alla scaramanzia persino l’aspirapolvere per il popcorn.
Quale cortocircuito cerebrale li ha trascinati dalla fantasia di “stare a guardare con il popcorn” alla rabbia cieca, così, all’unisono?
Fosse possibile restituirgli Imola,quasi quasi…
Sarà forse per via della decidofobia,la fobia per le decisioni;quella stessa paura che ha tenuto il paese nel limbo di una rovinosa adolescenza geriatrica agli ordini dei banchieri riducendoci ad una enorme bisca che la loro rabbia esplode così furiosa?
Gli intellettuali della sx mostrano i canini e ringhiano che siamo fascisti,hanno perso qualunque forma di contegno e questo non è bello
Macron ci insulta pure lui e tutti quanti confidano nelle differenze fra noi e la Lega, perché sono come fantasmi che non riescono a toccare palla nel mondo reale:non gli resta che sfogarsi e invocare disgrazie,come quel premio strega che si augurava morisse un bambino sull’Aquarius,credevo fosse soltanto un brutto scherzo del web.
Ma dopo neppure 10 giorni si stanno albinatizzando tutti quanti,una trasformazione che fa pensare più al finale di mezzogiorno e mezzo di fuoco che ad un paese ed un partito democratico.Gente che campa pubblicizzando il gioco d’azzardo augura a noi ogni male possibile, non vogliono vivere in un paese con i porti chiusi

segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 27.06.18 10:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sig.Guido Scorza
leggo: Copyright, dalla UE una minaccia alla libertà di Internet
'autorità amministrativa indipendente' europea ? o Stati Nazione europei ?
DIGITAL IN 2018 REPORT: GLI UTENTI INTERNET NEL MONDO SUPERANO I 4 MILIARDI. IN ITALIA SONO PIÙ DI 43 MILIONI

846 27.06.18 10:31| 
 |
Rispondi al commento

Fabrizio Leoni.
Migranti, il patto con la Libia è inumano. L’Onu denuncia, governo e maggioranza restano in silenzio. A volte il silenzio di molti, cattolici, Pd, maggioranza ed opposizione, è più eloquente di tante parole in libertà, specie di chi strumentalizza interessato e perfino stravolge le parole di molti che predicano bene e razzolano davvero male. Dov'è stata l'Onu per tutto questo tempo!? Le andava bene che si stracaricasse la sola Italia del problema! Per cui non può ora lamentarsi della condotta dell'Ue, quando per mesi non ha detto proprio nulla. Ed ora lancia una condanna all'Europa perché l'Italia intenda, ancora una volta, a quanto pare, come se non bastasse davvero quanto fin qui fatto! Più di mezzo milione di clandestini negli ultimi tre anni sul nostro suolo, altro che ius soli! Non si comprende piuttosto perché ancora così tanti migranti clandestini siano ancora stipati e schiavizzati in Libia, quando le condizioni di soppravvivenza nel paese arabo nordafricano e mussulmano, sono proibitive e disumane per loro! Od è invece una notizia gonfiata ad arte, come al solito, per gli allocchi creduli nostrani, buonisti accoglitori italiani ed internazionali, che si servono dell'ospizio Italia per rinfrescare la loro sete di umanità ad ogni costo? Che abbiano qualche peccato originale da scontare costoro! Si muova l'Onu piuttosto e faccia sentire la sua voce, se ne ha una, in Libia, più che prendersela in modo ben codardo con l'Italia e l'Europa! O indirizzi meglio i suoi strali

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 27.06.18 10:29| 
 |
Rispondi al commento

Genesio Nardoni
Non possiamo farci macchiare,come popolo,di colpe che credevamo appartenessero al passato;oltretutto le politiche minnitiane non servono che agli ex scafisti convertiti in gestori
di lager . Non si fanno patti,ma soprattutto non si pagano criminali, altrimenti si è loro complici. La prima cosa da fare è chiudere con le guerre e poi togliere le grinfie dall'Africa .C'è persino un progetto UE restato lettera morta per non disturbare le multinazionali, anche nostre, le compagnie petrolifere e le varie holding che si sono appropriate del continente africano e del medio e vicino oriente. La catastrofe che stiamo contribuendo ad aumentare in Africa non risparmierà nessuno. Fermare gli enormi flussi migratori non significa mettere i migranti nei lager ma fare politiche eque in africa e non essere complice né delle tribù predatorie libiche né delle oligarchie corrotte africane .

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 27.06.18 10:27| 
 |
Rispondi al commento

Stiamo vedendo più cose giuste in pochi giorni di Governo Lega-5stelle che in 3 anni di Governo di Renzi.
Intanto il Ministro dell'Educazione sta smantellando 'la Buona Scuola' di Renzi che tanto buona non era.
Basta col sindaco-sceriffo che faceva la chiamata diretta degli insegnanti, e che per es. aveva subito fatto la chiamata diretta all'insegnamento della moglie di Renzi, si torna alle graduatorie. Basta coi bonus di merito solo per chi è di ruolo, ne avranno diritto anche i precari con corsia preferenziale per l’assunzione di chi supera i 36 mesi di insegnamento. E' finito lo scandalo di chi aveva 35 anni di insegnamento ed era ancora precario. Si spera che sia stato sotterrato anche l'algoritmo inpazzito per cui chi era di Palermo veniva assegnato a Udine e chi era di Udine a Palermo.
Il ministro Marco Bussetti ha preso le sue decisioni al tavolo con le organizzazioni sindacali. I docenti che dovranno essere ricollocati su scuola, non dovranno più inviare il curriculum e attendere il colloquio con il dirigente ma tornerà a valere il criterio del maggior punteggio.Chi ha già fatto tre anni di insegnamento verrà inserito in una corsia preferenziale per l'assunzione.
Mi pare dalle decisioni prese finora, ed è solo qualche settimana, che questo Governo Lega-M5S abbia “ingranato molto bene la marcia”.
Ci sono delle ottime premesse che queste due Forze politiche, insieme, facciano qualcosa di veramente buono per questo sfortunato Paese.
Pare si respiri addirittura un’aria nuova, molto diversa, migliore da quella che si respirava con il Governo a guida Pd.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 27.06.18 10:20| 
 |
Rispondi al commento

CHI E' TRA I PIDDINI CHE ELOGIAVA L'OPERATO DI MINNITI CHE AVEVA RIDOTTO GLI SBARCHI, PAGANDO I GOVERNI LIBICI AFFINCHE' GETTASSERO I MIGRANTI NEI FEROCI LAGER DELLA LIBIA?
Il patto stretto con Tripoli dal governo Gentiloni per conto dell’UE “è disumano e la sofferenza dei migranti detenuti nei campi in Libia è un oltraggio alla coscienza dell’umanità.Si tollerano le torture pur di gestire il fenomeno migratorio ed evitare gli sbarchi”.Sono le parole durissime dell’Alto commissario Onu per i diritti umani sull’accordo stretto dal governo italiano con quello di Fayez Al Sarraj
“La politica Ue di assistere le autorità libiche nell’intercettare i migranti nel Mediterraneo e riportarli nelle terrificanti prigioni in Libia è disumana. La sofferenza dei migranti detenuti in Libia è un oltraggio alla coscienza dell’umanità”. "Gli osservatori dell’Onu inviati in Libia a verificare la situazione sono rimasti scioccati da ciò che hanno visto: migliaia di uomini denutriti e traumatizzati, donne e bambini ammassati gli uni sugli altri, rinchiusi dentro capannoni senza la possibilità di accedere ai servizi basilari”. "L’Ue non ha fatto nulla per ridurre gli abusi perpetrati sui migranti”. “Non possiamo rimanere in silenzio di fronte a episodi di schiavitù moderna, uccisioni, stupri e altre forme di violenza sessuale pur di evitare che persone disperate e traumatizzate raggiungano le coste dell’Europa”.
“I campi di detenzione in Libia devono essere chiusi perché “la situazione è inaccettabile”
Tajani: “Quanto abbiamo visto accadere in Libia per i rifugiati e per i profughi è assolutamente inaccettabile, una delegazione dell’Europarlamento si recherà in Libia per verificare la situazione.L’azione forte contro l’immigrazione illegale non può essere confusa con la violazione dei diritti umani.Tutto ciò che si deve compiere deve essere fatto nel rispetto dei diritti delle persone”
Nessuno dal governo Renzi o Gentiloni ha mai voluto commentare o rispondere alle accuse

segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 27.06.18 10:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OMONIMO-
Ci sono ragazzi già laureati.
Pur di non rimanere inattivi, stanno fuori casa per studiare o a fare master o altre lauree.
Le 8 ore lavorative per il reddito di cittadinanza, non deve essere obbligatoriamente fatto presso il comune di residenza ma presso qualsiasi altro comune indicato dallo studente.
In merito alla visita del presidente Mattarella, alle comunità di recupero, ribadisco il mio antiproibizionismo e legalizzazione e regolamentazione libera della droga. Lo Stato ammetta la sua sconfitta totale su questo punto.
GRILLO GIUSEPPE

papillon 27.06.18 10:09| 
 |
Rispondi al commento

DROGHE: Ritorno al passato-presente -----e futuro,possibile. (1)Come liberare l'Italia dalle mafie e ritrovare serenità e sanità sociale.Un bel problema?. "La parola a chi un pò ne capisce e esprime un opinione. (Premessa, quello che esporro non è vanto, "ma una storia di vita", e una risposta ad un appello,fattomi da un omonimo, tale(GRILLO GIUSEPPE). Prologo:Ora ho sessantadue anni e abitatavo per i mei primi 32 anni a Milano...La mia "Storia-avventura"nel mondo tossico fatto di "pere" è iniziata all'età di 17 anni 1973.Ma ho visto "bambini" già uomini "maturi" più di un cinquantenne cominciare molto prima) ho assistito in diretta (e senza redermene conto) allo "steminio" di un intera generazione.Ho perso molto, un fratello, una splendida e bellissima donna con "cervello buono" che c'era soltanto da ringraziare dio di averla creata.Ho perso anche tanti amici, e mi sono perso, io, stesso. Adesso pago con l'età, miei casini ma non ha importanza.( questo è secondario).Sono riuscito a salvarmi quasi per caso. "pulito" da 30 anni e vivo benissimo. Non mi sono fatto, solo "pere" nella vita.per fortuna( anche tanto carcere e per reati insignificanti.Tipo (trovato con bustina da ben 0,000025g. La bustina era leggera la pena non altrettanto 2 anni..(se vi sembrano pochi,non lo sono, ve lo assicuro) (questo è un esempio, la lista è lunga)Poi sono rinsavito, mi sono trovato un lavoro (che avevo imparato,bene) che mi piaceva, e lo facevo alla grande,lavori grandi e fantastici.Ho portato avanti le cose meglio che potevo,diventando una persona "onesta".Le comunità di recupero possono servire ma non risolvono il problema.Chi ne rimane fuori, continua a morire e a emarginarsi e fare casini.Penso che la soluzione sarebbe la legalizzazione totale de

papillon 27.06.18 10:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

(2)Assunzione sotto controllo medico o altro operatore ,togliere qualche diritto agli assuntori tipo patente e altro che adesso non riesco a valutare.Segare il piedistallo, dove si ergono, spacciatori,politici e anche forze dell'ordine.Che fanno i grandi con i piccoli e convivono alla grande con i grossi spacciatori,arricchendosi.Liberare l'Italia dalle "mafie" o ridimensionarle, non è poi cosi difficile .

papillon 27.06.18 10:08| 
 |
Rispondi al commento

(3)Riposto una cosa che avevo gia scritto,e a mio giudizio molto esplicativa - Droghe:Non credo che molti capiscano. Molti vedono le droghe come il male assoluto.Ma circolano (le droghe) lo stesso e in maniera "libera" roba sporca.Dandola free in maniera legale eviterebbe a tante merde di arricchirsi.Eviterebbe anche il contagio da terribili malattie, si eviterebbero tanti reati. (Commessi alla droga,(RUBARE-RAPINARE ECC.ECC per procacciarsi il denaro, per acquistarla.)(Legalizzare.) Equazione di legalizzare:+salute-delinquenza-meno spese sanitarie+pace sociale e via discorrendo.... A Napoli la camorra rimarrebbe con, un cazzo da fare,disoccupata(ho quasi)finirebbero le"stese"delle baby gang (bambini diventati "grandi" troppo presto) perchè non ci sarebbe più niente da stendere.Allo zen i bambini potrebbero tornare a giocare per strada e non tra le siringhe.Il giambellino, finalmente liberato dopo 45 anni di "storie di merda" (Perchè il "tossico"oltre a rovinare se stesso, rovina anche quello che gli sta vicino,famiglia vicinato e società)."Tanti partiti non sopravviverebbero, senza dazioni occulte,provenienti da quel mondo ( è anche abbastanza noto).Solo i ciechi e sordi non lo sanno".(politica e giornali in comunione, hanno messo il problema sotto il tappeto)Le carceri si libererebbero di tanti "disperati"...e libererebbero il posto, per chi veramente meriterebbe di stare lì.et voilà ecco risolto il problema del sovraffollamento carcerario. Si potrebbero riempire di colletti bianchi e affini.A ostia gli spada potrebbero tornare da dove sono venuti, dal nulla.

papillon 27.06.18 10:08| 
 |
Rispondi al commento

(4)Prima di proseguire vorrei puntualizzare alcune cose: (Per alcuni,"le conclusioni" risulteranno irritanti ad altri comprensibili.)A parziale discolpa:Da giovane mi piacevano le polverine..non potevo farci niente.(Quando ci entri dentro, sono loro che comandano(le polverine)e non più tu). Non sono per il giustizialismo assoluto,(lo subito) lo trovo aberrante. Chi infrange le leggi è giusto che paghi ma i luoghi di detenzione devono avere almeno una sostanziale parvenza di, luoghi civili.Le cose dovrebbero valere per i potenti che per i poveri cristi, indistintamente.( per la cronaca i potenti, comunque se la cavano bene, sempre e lo stesso, anche se rinchiusi,tranquilli...).Sia nelle pene che nei processi,"stessa regola".Le cose dovrebbero essere come si legge nelle aule di tribunale,"la legge è uguale per tutti". Così non è stato fino ad adesso.E forse non lo sarà mai. Ci vorrebbe un miracolo.

papillon 27.06.18 10:08| 
 |
Rispondi al commento

(5)Saluto tutti i miei compagni suicidi"gli impiccati",suicidi per sfuggire alla bruttura delle carceri.Vi assicuro sono veri "gironi infernali", non si scherza.(Hai miei tempi era così e credo non sia cambiato molto.Lì dentro il tempo è come sospeso all'infinito un vero mondo a parte..difficile da capire). Saluto anche le centinaia di ragazzi che ho visto morire e che erano persone straordinarie molto più di quanto si giudica e creda.(Salutandoli mi tocca pure dirgli, che abbiamo perso ("la nostra guerra")ce la siamo giocata alla grande.Ma abbiamo perso). Nella vita, questo è sicuro, si può sbagliare e più facilmente di quanto si creda.A volte addirittura è solo il caso a decidere di rovinarti. Ma caso o destino, non credo stia a noi giudicare,ma alla legge.Rispetto, un eventuale giudizio sulla mia condotta di vita lascio il libero arbitrio, non me ne frega molto. La vita è troppo imprevedibile per chi cerca e vuole, viverla, ti può portare da qualsiasi parte....che sia bella o brutta.Sono arrivato alla conclusione che non abbia molta importanza. A volte rifletto sul mio passato?Ma non gli do peso.Troppa gente fa la morale, a mio parere da quattro soldi e riguardo a tanti ex o ex ex,di qualcos’altro. C'è gente che ha neanche mai provato a essere una persona veramente libera (e non libera così,così). Non mi pento di niente di quello che ho fatto, ho sempre nuotato contro corrente, e fatto quello che i tempi mi richiedevano.

papillon 27.06.18 10:08| 
 |
Rispondi al commento

(6) (Prendo A prestito prendo alcuni suggerimenti amonimi....La mia proposta: soluzione di liberalizzarla la droga sotto il controllo statale e sotto stretta sorveglianza(parlo delle pesanti). Prezzo di mercato, tassazione per combattere la dipendenza della droga e i suoi danni alla salute.
Schedatura di chi si vuole drogare. Non gridate al pazzo al pazzo, serve la schedatura perchè ad un drogato dareste un aereo da portare, un tir, un treno? Io nemmeno una bicicletta per il suo bene.
Poi ricordo che alcool e fumo si vendono liberamente e fanno danni e danni. Per quello che mi riguarda io schederei anche loro. Sono pazzo ma ad un alcoolizzato un aereo non lo farei pilotare.

papillon 27.06.18 10:08| 
 |
Rispondi al commento

(7) P.s(1)Una postilla, a quello sopra detto:A volte ho incontrato (e molto spesso) gente più onesta buona e migliore nelle mie esperienze da "dannato" carcerato, di quanta ne abbia incontrate da uomo libero. Non so bene perchè esprimo questo!.Ma un motivo ci sarà. P.s(2)Anche se può sembrare inverosimile, (e per questo che lo dico) In vita mia non ho torto un capello a nessuno- mai usato violenza contro nessuno (neanche in casa) -mai usato armi....mi arrangiavo, ero un piccolo mago in questo!.P.s(3)Aggiungo,(a mio parere) che liberalizzando le droghe se ne diminuirebbe il consumo...Non essendo più cosa "proibita".P.s(4) Nonostante tutto quello scritto...nel mio "abito" mi ci trovo ancora bene a mio agio e nel mio tempo (questo forse, farà incazzare molti...ma è così)

papillon 27.06.18 10:07| 
 |
Rispondi al commento

(8)Questo post,probabilmente irriterà,altri capiranno....Ma quello che importa è evidenziare che c'è un mezzo per uscirne e farlo vedere.
(questo è lo scopo)Per venirne fuori e per il bene di tutti.Legalizzare TUTTO legalizzare:+salute-delinquenza-meno spese in generale, un e.s.(meno polizia e affini impegnate su un fronte perso in partenza)-meno spese sanitarie contagi da hiv e altre faccende + pace. Mettendo in pratica un piano simile ci avvicineremmo a delle civiltà evolute, il che è un tutto dire.Usciremmo (finalmente)dalla rumenta che a volte questo paese offre. -LEGALIZZARE-(Qualsiasi droga) Non ci sarebbe più acqua per far nuotare qualsiasi mafia o delinquentello o squalo.E i "ragazzi", "uomini" e "donne", che cadrebbero nella tentazione, non avrebbero la vita rovinata e per sempre.

papillon 27.06.18 10:07| 
 |
Rispondi al commento

(9) Scusate per i punti e virgola e la mia lungaggine.(L'argomento era ostico) Ps. Quello che è successo a me potrebbe succedere hai vostri figli,nipoti ecc,ecc..legalizzare le droghe e sotto stretta sorveglianza (le pesanti) Risolverebbe parecchie cose P.s Adesso potete pure madarmi affanculo se credete. Ma quel che ho detto è verità.So che con una cosa così si potrbbe favorire una migrazione di tossici.Bisogna studiare un sistema che eviti un nuovo mercato nero.E questo si che è un casino e problema vero, la schedatura è necessaria di sicuro, tutto il resto lo lascerei a tecnici esperti qualcuno con la capoccia, che sappia evolvere un idea simile.Ci vuole anche qualcuno con il coraggio di farlo.Ma si può fare...Sarebbe una rivoluzione(molto sgradita a mafia e chiesa cattolica e opinione pubblica, ma così è)Per chi sgarra pene pesantissime dai 30 anni in su.Non si può accontentare tutti.L'alternativa è lasciare le cose come stanno e subirne le conseguenze o tentare qualcosa di utopistico.E a scanso di equivoci,non tornerei mai alla mia vita precedente e per nessun motivo al mondo.Dopo una cosa così, non so come salutare..tralascio. Spero di aver fatto almeno un quadro d'insieme.e dato indicazioni alternative , mi chiedo anche perchè lo faccio?.Saluti.P.s ognuno ha i suoi campi per le ricette, questo è il mio.Quello che auguro è che non succeda più a nessuno quello che è successo a me per, solidarietà umana. (Questo è solo un tentativo).Non sono un illuso..... Ma diventare tossicomani è una delle peggiori disgrazie che nella vita possa capitare ad, un uomo.Spigarlo "bene" forse servirà a far si, che si creino le condizioni per mitigare e eliminare i danni del fenomeno.E mo basta.Saluti

papillon 27.06.18 10:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buongiorno, io non credo che questa cosa del Copyright non sia importante ma credo che dopo un mese di insediamento del governo e dopo quattro mesi dalle votazioni noi elettori vorremmo poter leggere titoli come: Da oggi leggi contro lo sfruttamento dei lavori - Da oggi leggi a favore del lavoro giovanile - da oggi inizia la riforma della giustizia - Da oggi finalmente è iniziata la lotta alla povertà - Da oggi sappiamo i nomi di chi ha portato l'Italia allo sfacelo (la famosa apertura della scatola del tonno). Rendiamo reali tutte le promesse elettorali, siete stati mandati lì per lavorare su quello che si era detto in campagna elettorale e allora lavorate, cambiate i vertici RAI e date una informazione libera al nostro paese risaliamo la classifica della libertà di stampa. Lasciamo questi articoli che a noi popolo non interessano agli esperti. Forza muoversi!!!

Daniele P., Perugia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 27.06.18 09:46| 
 |
Rispondi al commento

:O)

Alessandro L., Milano Commentatore certificato 27.06.18 09:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori