Il Blog delle Stelle
250 kg di plastica al secondo finiscono negli oceani

250 kg di plastica al secondo finiscono negli oceani

Author di MoVimento 5 Stelle
ore 10:30
Dona
  • 9

di MoVimento 5 Stelle Europa

La plastica è il nemico maggiore degli oceani e delle forme di vita che li popolano. Bisogna prendere un impegno ben preciso per salvaguardare la salute dei nostri mari, minacciati quotidianamente da un flusso d'inquinamento divenuto ingestibile. Una missione che deve essere intrapresa non soltanto dei cittadini, ma anche e soprattutto dalla politica, attraverso l'introduzione di provvedimenti mirati a diminuire la produzione è il consumo di plastica nella vita quotidiana di tutti quanti noi.

Al Parlamento europeo è in corso un'iniziativa di Sky e WWF che invita i cittadini a fare piccoli cambiamenti nelle loro abitudini per portare grandi cambiamenti nel quotidiano. Davanti alla sede principale, infatti, è stata installata una balena di plastica chiamata "Plasticus", che rappresenta la quantità di plastica che viene gettata ogni secondo nell'oceano. Il quantitativo è impressionante, parliamo di ben 250 chilogrammi ogni secondo. E sappiamo tutti come la plastica nell'oceano sia ormai diventata un problema enorme: si calcola che nel 2050 la questo materiale riversato in mare peserà di più di tutti quanti i pesci messi insieme. È necessario quindi un impegno internazionale per trovare una soluzione mondiale a questa drammatica minaccia.

La ragione per cui questa balena di plastica è stata installata è semplice: gli eurodeputati stanno lavorando ad una direttiva sulla plastica, la prima nel suo genere. Noi stiamo lavorando ad una strategia per ridurre il consumo di plastica e per sostituire quella tradizionale - derivata dal petrolio - con materiali sostenibili, biodegradabili e anche compostabili. Più di cento eurodeputati hanno già firmato l'impegno, lavoreremo con loro e con altri membri del Parlamento europeo affinché si affronti il problema della plastica monouso rimuovendola e sostituendola con prodotti più sostenibili. Ci stiamo impegnando concretamente con una serie di provvedimenti mirati, ad esempio, al riuso degli imballaggi oppure all'introduzione di sistemi obbligatori di vuoto a rendere.

Pensiamo che questa sia un'opportunità economica, una cosa giusta da fare per l'ambiente e la salute dei cittadini e dell'ecosistema e, al contempo, una scelta che delineerebbe una strada grandiosa per l'Europa. Ogni singolo cittadino deve dare un contributo a questa battaglia, noi dobbiamo fare altrettanto all'interno delle istituzioni.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

26 Mag 2018, 10:30 | Scrivi | Commenti (9) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 9


Tags: europa, inquinamento, oceano, plastica, wwf

Commenti

 

Anziché "lavorare" bisogna agire. Vuoti a rendere e differenziata, imposte di scopo che esistono in molti paesi sulla produzione degli imballaggi in plastica. Adesso siete al governo, basta chiacchiere!

Giovanni Polenghi 09.06.18 09:45| 
 |
Rispondi al commento

Grazie M5S Europa

“Il cambiamento più importante riguarda il modello di business. Se continuiamo con la globalizzazione, aumentando il commercio internazionale su scala globale, incrementeremo le emissioni climalteranti. Dobbiamo lavorare con le economie locali cogliendo le opportunità dei territori. Non ha senso utilizzare merci che provengono dall’altro capo del mondo, quando si possono produrre vicino a noi.

Abbiamo bisogno di lavorare come opera la natura. Dobbiamo trasformare tutti i modelli di business in ecosistemi che sono molto più efficienti di quanto pensiamo. Anzi lo sono più di qualsiasi sistema pensato dagli ingegneri e dai manager.

Prima di tutto dobbiamo rispondere ai bisogni locali con soluzioni locali, quando è possibile. È necessario creare sviluppo economico non grazie alle esportazioni, ma agendo sulle necessità locali. La natura lo fa da sempre. Gli ecosistemi rispondono ai bisogni locali con le risorse locali. Dobbiamo imparare a vivere con dei limiti, il che non significa tornare al medioevo all’età della pietra e vivere in povertà.

Penso che come padre la più grande responsabilità che ho non è quella d’insegnare cose ai miei figli, ma quella di ispirarli. Noi dobbiamo stimolare i bambini con idee che oggi non sono in televisione, che non sono pubblicizzate.

Siamo diventati esperti nel diffondere, anche ai nostri figli, solo cattive notizie, come l’estinzione di molte specie, la distruzione di intere foreste alle quali ora si aggiungono quelle sull’economia, sul lavoro. L’urgenza verso la prossima generazione è quella di raccontare le cose incredibili che sono possibili e che la nostra generazione non ha fatto.

Dobbiamo dedicare ogni giorno tre minuti a ispirare i bambini, per narrare storie, per condividere. Credo che questo mondo possa andare nella direzione giusta se noi ci lasciamo alle spalle i politici internazionali, i banchieri, i trader di Borsa. E iniziamo a ispirare i nostri bambini" (G. Pauli).

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 26.05.18 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Ridurre consumo significa ridurre produzione; la formula quindi è: - consumo - produzione= + riciclo.👍

Pasquale M., Airola Commentatore certificato 26.05.18 14:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Perchè non bandire la plastica dalle aziende di confezionamento?
Perchè continuare a produrre plastica?

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 26.05.18 12:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ma se le multinazionali mettono a mercato merce di plastica, o altro veleno, il consumatore compra, usa e getta ! ma allora tutta la politica di riciclare ? forse una piccola % ma la maggioranza va nella discarica terrestre, vista l'affermazione del titolo.

mario d., orbetello Commentatore certificato 26.05.18 12:29| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori