Il Blog delle Stelle
Raccolta differenziata porta a porta: per Torino obiettivo 100% di copertura

Raccolta differenziata porta a porta: per Torino obiettivo 100% di copertura

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 23

di Chiara Appendino

Quella della corretta gestione dei rifiuti è una sfida che nessuno di noi può permettersi di perdere. Come tutte le tematiche ambientali, si tratta di una responsabilità che abbiamo nei confronti delle generazioni future e dell’intero Pianeta.

Dove vogliamo arrivare
Per questo motivo, la riduzione dei rifiuti – e in particolare della componente indifferenziata – è stato un tema che abbiamo affrontato in maniera insistente durante la campagna elettorale e sul quale ci siamo adoperati sin dal giorno del nostro insediamento, dichiarando l’obiettivo di raggiungere il 65% di raccolta differenziata.

Da dove partiamo
Ad oggi, e ormai da troppi anni, la raccolta differenziata a Torino è sostanzialmente ferma al 42% dei rifiuti prodotti. Ciò significa che la maggior parte dei rifiuti non viene riciclata, con evidenti ricadute sul territorio in termini ambientali.

Come vogliamo raggiungere il 65% di raccolta differenziata
Il modo più efficace per aumentare la percentuale di raccolta differenziata a Torino è ampliare il servizio domiciliare, meglio conosciuto come «raccolta porta a porta». L’impatto positivo di questo metodo risulta evidente dai dati, che ci mostrano come nei quartieri in cui la raccolta differenziata viene effettuata con il porta a porta, la percentuale è superiore al 57%, mentre nei quartieri in cui si effettua la raccolta stradale dei rifiuti ci si ferma al 31% di differenziata.

Proprio in questi mesi stiamo vedendo il frutto del nostro lavoro. Attualmente l’estensione della raccolta differenziata è in corso nei quartieri di San Salvario, Santa Rita e Vanchiglietta-Regio Parco. Successivamente a questa fase verrà avviato un piano per estendere il porta a porta in tutti i restanti quartieri, anche prevedendo diversi metodi di raccolta laddove questo non sia applicabile. Così facendo prevediamo di raggiungere altri 400mila residenti, applicando il modello del porta a porta in tutta la Città.Mappa raccolta differenziata porta a porta torino

Quali progetti speciali stiamo portando avanti
Sempre insieme a Amiat, stiamo portando avanti due progetti speciali.
Da un lato, il progetto «Quadrilatero della Movida di San Salvario» che prevede importanti novità, in funzione della particolare conformazione del territorio, delle peculiarità delle utenze commerciali presenti e degli orari di massima frequentazione dell’area.
Nello specifico, l’attivazione di nuove ecostazioni stradali (vale a dire aree in cui sono presenti contenitori stradali per la raccolta di carta, imballaggi in plastica, vetro e imballaggi in metallo), la sostituzione di piccoli cassonetti per la raccolta vetro e imballaggi in metallo con campane stradali più capienti e l’attivazione di un nuovo servizio di raccolta cartone (Cartamovida), studiato appositamente per l’area interessata dalla movida notturna.

Il progetto ha previsto anche un piano di comunicazione e di sensibilizzazione dedicato sia alle utenze domestiche che non domestiche: operatori incaricati da Amiat hanno consegnato casa per casa lettere, locandine e opuscoli dedicati, tradotti anche in francese e inglese in considerazione dell’alta concentrazione di residenti stranieri nella zona.

In altri quartieri cittadini in cui impedimenti logistici o mancanza di spazi interni idonei a posizionare le attrezzature generano difficoltà nell’applicare il modello di raccolta porta a porta, verranno sperimentate «ecoisole smart» dedicate con controllo degli accessi.

Quali tempistiche ci siamo dati
Entro il 2023 in tutti i quartieri ancora serviti dalla raccolta stradale sarà attivato il servizio domiciliare. Nei casi in cui non sarà possibile attuare il porta a porta, come il centro storico o i quartieri con alta densità e forte sviluppo verticale, saranno comunque individuate soluzioni ad hoc in modo da migliorare le attuali performance di raccolta.Cronoprogramma raccolta differenziata porta a porta torinoTutte queste importanti e positive novità sono state definite nell’ambito di un accordo quadro con il gruppo Iren, con una modifica al contratto di servizio tra Città di Torino e Amiat SpA. A quest’ultima l’Amministrazione riconoscerà 11 milioni di euro annui, in aggiunta a quanto previsto dal contratto in essere e in maniera progressiva negli anni di estensione.

Ringrazio l’Assessore all’ambiente della Città di Torino, Alberto Unia, Amiat, Conai, il Presidente della Commissione Ambiente Federico Mensio, l’intera maggioranza e tutte e tutti i cittadini che hanno a cuore questo importante tema per la Comunità e che si adoperano per effettuare al meglio la raccolta differenziata.

Andiamo avanti con l’obiettivo di ridurre quanto più possibile i rifiuti nella nostra Città.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

30 Apr 2018, 09:53 | Scrivi | Commenti (23) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 23


Tags: Chiara Appendino, innovazione, MoVimento 5 Stelle, raccolta porta a porta, rifiuti, Torino

Commenti

 

attaccapanni che sembra un omo col trucco, deve raccogliere se stessa e buttarsi nela pattumiera

quandoseibruttacomelafame 03.05.18 12:04| 
 |
Rispondi al commento

In merito a le domande di CHIARAMENTE

Non ho tutte le risposte, ma ne ho qualcuna:

Prima, la tassa sui rifiuti costava meno, perché i rifiuti venivano gettati in discarica e lì finiva tutto. Oggi le discariche sono piene anche perché molte aziende per non pagare le tasse, hanno smaltito i rifiuti illecitamente, anche e soprattutto rifiuti tossici e ad alta infiammabilità. Non potendo più utilizzare le discariche, neanche quelle di Napoli, ragione per la quale si pagava poco, oggi i rifiuti, anche quelli urbani necessitano di trattamenti che costano.....
Inoltre grazie al fatto che il Polpo italiano ha votato 'A CAZZO' negli ultimi 25 anni, ci siamo riempiti di inceneritori, la cui costruzione è onerosa e i cui ricavi devono essere garantiti per legge. Infatti i nostri illuminati governanti parassiti, hanno sottoscrittto contratti, in base ai quali, se l'azienda che gestisce l'inceneritore non raggiunge determinati ricavi, saranno le istituzioni comunali e regionali a pagare il necessario; guadagno garantito!
Inoltre finché non avremo un buon numero di aziende che reciclano, non ci sarà mai concorrenza sul mercato dei prezzi e quindi neanche una convenienza economica per i comuni.
Ora qualcuno si chiederà: "perché non ci sono abbastanza aziende nel settore del reciclaggio?"
perché siamo un popolo di stronzi che votano delle latrine da 30 anni!

Per tutti quelli che storcono il loro delicato naso quando leggono 'parole forti', potrei addurre giustificazioni del tipo che sono Napoletano e l'argomento mi brucia il culo ecc. invece voglio invitarvi a visionare i nomi dei ministri per l'ambiente degli ultimi 25 anni, così anche voi potrete dare libero sfogo alle 'parole forti':
Altero Matteoli, AN, governo Sberla I
Edo Ronchi, Verdi, gov. Prodi I
Willer Bordon,
Altero Matteoli, AN.
A. Pecoraro Scanio, Verdi.
Stefania Prestigiacomo, PDL
Corrado Clini, governo Monti
Andrea Orlando, PD
Gianluca Galletti, UDC

adesso avete un motivo vero per storcere il naso!


Il Barone Zazà 02.05.18 08:50| 
 |
Rispondi al commento

per i rifiuti sono d'accordo, dovrebbero farlo seriamente da tutte le parti. Ma viaggiando in auto per per Torino ho perso qualche pezzo della macchina! anche a 10Km/h i limitatori di velocità avvallati, storti e deformati creano più danni che altro! la prossima volta anzichè con una Mito verro con il fuori strada!

andrea bergonzi 01.05.18 19:29| 
 |
Rispondi al commento

La foto dell' Appendino è in una scala, e la sta scendendo.
Se fosse una star a Sanremo andrebbe bene, ma in politica chiama sfiga.
Spero di non sbagliarmi, ma ho l'esperienza del manuale di http://www.jobmagazine.net/utility/Leggi-Di-Murphy.pdf
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 01.05.18 11:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Carissima,aggiungo anche per Lei mia opinione
espressa qvalche giorno fa per il caso analogo di Livorno:
Inceneritori SOLO per rifiuti igienicamente pericolosi (ospedalieri o assimilabili).
Discariche moderne e controllate per i NON riciclabili.
Conferimento dei rifiuti da parte dei cittadini ad appositi siti,proporzionalmente dimensionati alla popolazione interessata,aperti e CONTROLLATI (se del caso h24) proprio per distinguere la roba riciclabile correttamente separata,con rilascio tramite apposito codice di piccolo incentivo individuale a riduzione dei costi annuali tassa rifiuti.
Qvesto sistema consentirebbe,a mio modestissimo parere,di abbattere i costi di raccolta sul
territorio e a coinvolgere i cittadini riservando il cd."porta a porta" esclusivamente a casi limite.
Saluti e cordialità dalla Romagna.

enzo bargellini, Santarcangelo di Romagna Commentatore certificato 01.05.18 08:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chi e' cosi' stupido da non avere ancora capito I risultati del Friuli?? Di Maio deve immediatamente chiedere pubblicamente scusa a tutti li elettori del movimento del fatto che ha provato a fare un governo con il vomito renzi. Altrimenti e' finita.

Tutti gli altri argomenti sono del tutto inappropriati in questo delicato momento. Ora Di Maio e company ci hanno messo in un bel casino volendo fare un governo con il vomito renzi. Chiedete anche Voi tutti a gran voce di chiedere scusa a tutti gli elettori del movimento, prima delle elezioni.... fatelo o sara' la fine !!!!

Daniele Dosi 30.04.18 22:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il settore della gestione del rifiuti è molto strano. Tutti si improvvisano competenti, persino i sindaci, e danno il loro parere e consigli. In realtà si tratta di tematiche molto complesse che richiedono professionalità molto spinte. Alcuni esempi
La raccolta porta a porta non può essere praticata nelle residenze condominiali con più di 3 o 4 abitazioni. Basta riflettere un po' per capire i motivi. Non viene praticata in nessuna parte d'Europa dove non esistono nemmeno azienda come le nostre società in house (ex municipalizzate) definite dagli studiosi "mostri giuridici". Si potrebbe continuare a lungo ma abuserei della pazienza del lettore. Cara sindaca, si affidi ai professionisti che pur essendo pochi non mancano e lasci stare il passa parola per capire qualcosa.


CARA CHIARA
PERCHE' NON APRI UNA DISCUSSIONE SULLE ADOZIONI PER LE COPPIE DELLO STESSO SESSO?
IL 90% DEI CITTADINI ITALIANI È CONTRARIO, TU E VIRGINIA AVETE VOLUTO IMPORRE, E SENZA UNA LEGGE,LE ADOZIONI E LEGALIZZARE DI FATTO GLI UTERI IN AFFITTO. ....BRAVE!!!
CREDETE VERAMENTE CHE FAR NASCERE BAMBINI PER SODDISFARE LE ESIGENZE DI PERSONE MAGGIORENNI SIA UN PROGRESSO, UNA MATURITÀ UMANA?
QUESTO È IL CAMBIAMENTO DEL NOSTRO MOVIMENTO SENZA ASCOLTARE LA VOCE DEI CITTADINI?
ASPETTIAMO, CHIARA!!!


Mi auguro che tutti gli spunti e i suggerimenti siano stati e siano presi in considerazione, di sicuro il sistema di gestione dei rifiuti attuale necessita di essere cambiato, anzi il concetto di rifiuto deve essere superato nell'ottica di riduci-ricicla-riusare.
Va rivisto tutto il ciclo, ma niente funziona se il singolo cittadino non è partecipe e non contribuisce, è in questo son d'accordo con il premiare chi adotta comportamenti "virtuosi".

roberto sabbatini 30.04.18 18:27| 
 |
Rispondi al commento

Ovunque, in Italia, la gestione dei rifiuti è fallimentare. Anni fa si buttavano i rifiuti di ogni genere tutti assieme e si pagava, diciamo, 100. Oggi si fa la differenziata, plastica da una parte, carta dall'altra, umido, alluminio delle lattine, vetro e chi più ne ha più ne metta tutto separatamente. La famiglia è impegnata a raccogliere per bene i propri rifiuti come se fosse un'Azienda, con una parata di bidoni e bidoncini in casa e li conferisce anche con impegno fisico e mentale (si pensi agli anziani e alle date da rispettare). Il riciclo dovrebbe pure fruttare qualche ricchezza a chi lo fa e, invece, per gli stessi rifiuti di anni fa oggi si paga non più 100 ma 300 in termini reali. Qualcuno sa spiegare il perchè, se non che qualcuno ci si arricchisce illecitamente?

Chiara Mente Commentatore certificato 30.04.18 16:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E giustoooo!!!!

Rebani Mohammed 30.04.18 16:19| 
 |
Rispondi al commento

Esiste un sistema piu semplice, efficace e meno costoso della raccolta porta a porta.
Si mettano nei parcheggi dei supermercati dei punti di raccolta x vetro, plastica e carta.
La gente porta i vuoti e riceve in cambio buoni sconto.

Questa sarebbe vera innovazione




Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori