Il Blog delle Stelle
Raccolta differenziata: a Torino obiettivo 100%

Raccolta differenziata: a Torino obiettivo 100%

Author di Chiara Appendino
ore 17:30
Dona
  • 19

di Chiara Appendino

Quella della corretta gestione dei rifiuti è una sfida che nessuno di noi può permettersi di perdere. Come tutte le tematiche ambientali, si tratta di una responsabilità che abbiamo nei confronti delle generazioni future e dell’intero Pianeta.

Per questo motivo quello della riduzione dei rifiuti – e in particolare della componente indifferenziata – è stato un tema che abbiamo affrontato in maniera insistente durante la campagna elettorale e sul quale ci siamo adoperati sin dal giorno del nostro insediamento.

Proprio in questi mesi stiamo vedendo il frutto di questo lavoro. Attualmente l’estensione della raccolta differenziata è in corso nei quartieri di San Salvario, Santa Rita e Vanchiglietta-Regio Parco.

Successivamente a questa fase verrà avviato un piano per estendere la raccolta porta a porta in tutti i restanti quartieri, anche prevedendo diversi metodi di raccolta laddove quello di cui sopra non sia applicabile. Così facendo prevediamo di raggiungere altri 400mila residenti, applicando il modello del porta a porta in tutta la Città.

Tutto questo è stato definito nell’ambito di un accordo quadro con il gruppo Iren, con una modifica al contratto di servizio tra Città di Torino e Amiat SpA. A quest’ultima l’Amministrazione riconoscerà 11 milioni di euro annui, in aggiunta a quanto previsto dal contratto in essere e in maniera progressiva negli anni di estensione.

Ringrazio l’Assessore all’ambiente della Città di Torino, Alberto Unia, Amiat e tutte e tutti i cittadini che hanno a cuore questo importante tema per la Comunità e che si adoperano per effettuare al meglio la raccolta differenziata.

Andiamo avanti con l’obiettivo di ridurre quanto più possibile i rifiuti in Città.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

11 Apr 2018, 17:30 | Scrivi | Commenti (19) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 19


Tags: appendino, chiara, Indifferenziata, Torino

Commenti

 


Aiuto ai poveri

Siamo un'agenzia di micro finanze ed assegniamo prestiti ai privati aventi
fonti di reddito sicure a tassi d'interesse ragionevoli del 3% con una
durata da 5 a 20 anni e che rispettano le norme in materia d'usura. Se le
vostre necessità di denaro riguardano uno dei suoi settori non esitare a
noi inviate una domanda: * Finanziare * prestiti immobiliari * prestiti
all'investimento * prestito automobile * debito di consolidamento * margine
di credito * seconde ipoteche * riacquisto di credito * prestiti personali
e le banche rifiutano di concedervi il credito le contattate per
soddisfazione totale. aiutomondiale@gmail.com


cordialmente

Valentina Sillato 13.04.18 21:06| 
 |
Rispondi al commento

Cara Chiara, auspico che tale programma possa trovare applicazione quanto prima, come cittadino di Torino sono a disposizione per ogni azione e supporto allo sforzo che verrà richiesto per raggiungere tale ambizioso risultato, per una città più bella e vivibile.

roberto sabbatini 12.04.18 18:39| 
 |
Rispondi al commento

"Raccolta differenziata: a Torino obiettivo 100%"
Ovviamente il 100% è un limite che non sarà possibile, una boutade politica.
Infatti, chi fa il porta a porta da 20 anni, ha l'obbiettivo "di raggiungere il 97% entro il 2022." http://academy.contarina.it/
Questa ditta, propietà dei comuni, fa anche insegnamento alle varie società, per raccogliere e riciclare i rifiuti.
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 12.04.18 09:56| 
 |
Rispondi al commento

Sono abbastanza perplesso che Torino non avesse il porta a porta, già nella mia zona da 15 anni....

http://www.contarina.it/ è una delle ditte venete che fannoi il porta a porta, inoltre, hanno altri servizi, x esempio la raccolta degli assorbenti e il riciclo degli stessi, che in Italia normalmente vanno bruciati / interrati.

Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 12.04.18 09:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cara Chiara,

l'obiettivo 100% di raccolta differenziata è il massimo che si possa chiedere.

Tuttavia mi sfugge qualcosa -del resto mancano diversi elementi per dare un contributo di idee-, per questo ti chiedo, perché i costi per l'Amministrazione (cittadini) "aumentano anche progressivamente" anziché diminuire visto che, i rifiuti, specie quando separati, hanno un valore aggiunto?

Buon lavoro.

Beppe

giuseppe belotti 12.04.18 09:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ieri si parlava della plastica, degli involucri di questo materiale che avvolge qualsiasi cosa. La plastica è indistruttibile e nessuno ci ha mai spiegato il male che ci fanno le particelle di questo materiale che senz'altro ingeriamo. Possiamo accostare la plastica all'amianto?
Oltre a differenziare, per un possibile recupero di materiali, si devono fare leggi per impedire l'uso della plastica come materiale di confezionamento prodotto.
Detto ciò ricordo che, all'inizio del secolo scorso e anche prima, non esisteva il rifiuto.
Tutto era riciclato. La carta era usata per la combustione, il cibo avanzato, come alimento di animali da cortile o buttato nei letamai e riciclato come concime. Il vetro lavato per poi riutilizzarlo. Gli abiti venivano riciclati ai membri più giovani, oppure per rattoppare altri abiti logori o come stracci per la pulizia. Ogni tanto si vendevano i ferri vecchi a chi recuperava i metalli.
Certamente non possiamo tornare a quei tempi, ma dobbiamo ragionare per recuperare tutto e non finire sommersi dai nostri stessi rifiuti.

Paola 12.04.18 09:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Allora in Italia ogni comune fa come gli pare, chi porta a porta, chi mette la tessera, chi fa isole, molti comuni partono con un sistema poi lo cambiano e poi lo ricambiano ancora insomma un caos nazionale
Ma mai nessuno che guarda fuori dall'Italia per copiare sistemi che funzionano come in Germania.
Poi diciamo che il modo per coinvolgere i cittadini alla raccolta estrema si può fare solo premiando i virtuosi, premiando chi ricicla, la tassa poi va calcolata in base al reddito. Metri quadri, numero di componenti son tutte boiate senza senso.
Vi espongo il mio esempio reale:
La mia famiglia 3 persone di cui un bimbo piccolo, siamo in affitto, piccolo appartamento 50m2 pago 105 euro anno.
I mie genitori casa molto grande e singola, in due con una sola pensione modesta pagano circa 400 euro anno.
se guardiamo i rifiuti io ne produco almeno il doppio e pago un quarto e ne son felice ma non è per nulla equo. il mio reddito è maggiore dei miei genitori...
Anche un bambino capisce che il potere inquinante di creare rifiuti e dato dal potere di acquisto che il nucleo familiare dispone.Boh a me sti governanti, amministatori, dirigenti, sindaci, consorzi o ditte che gestiscono i rifiuti mi sembrano un po rintronati e poco inclini a cambiare veramente il sistema, così com'è non funziona e iniquo ma vanno avanti a testa bassa, poi si vedono i turisti del cassonetto che vanno nel paese vicino dove possono conferire tutto nel bel cassonetto indifferenziato.... È TEMPO DI CAMBIARE TUTTO MA PROPRIO TUTTO

giorgio 11.04.18 20:47| 
 |
Rispondi al commento

Perche non fate come in germania, e bottiglie plastica e baratolli con 25 centessimi se si portano indietro al negozio cosi non si perde nella natura e viene Recycling.

undefined 11.04.18 18:51| 
 |
Rispondi al commento

Col M5S ai governi locali e nazionale, le città e l'Italia intera rifioriscono.

Giuseppe C. Budetta 11.04.18 18:27| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti! Questi si che sono temi importanti, il pianeta collassa sotto tonnellate di rifiuti ma, incredibilmente!!, in alcuni paesi se porti le immondizie in discarica ti fanno il terzo grado: ma e' una ditta o un privato? Ma ha la tessera ? Ma sono sue o di suo nonno?? Ma lei risiede in questa provincia?????Ma ca..o! Ti porto carta cartone metallo e pet ben divisi a e mi rompi anche i c......i???? E se risiedo in un'altra provincia devo buttarla nei campi? Figuriamoci i Rom e i milioni di stranieri, sono costretti a buttarla per strada!Comunque si vede la differenza, dove c'e' un sindaco a 5 stelle tutto incomincia a funzionare.

Indipendent 11.04.18 18:09| 
 |
Rispondi al commento

Stamane vedevo un reportage sui rifiuti nei campi nomadi di ROMA , dove qualcuno ne scarica a tonnellate, e dove si brucia con l'evidente e pesante inquinamento ambientale . Un vigile diceva che loro non possono entrare in questi luoghi ,e lo possono fare solo le forze dell'ordine. E' evidente, vedendo le immagini, che occorre un intervento , che non puo' fare solo il comune per evidenti pericoli di varia natura, ma con un piano ben studiato tra comune regione e forze dell'ordine /esercito. Ma cosa si aspetta ? Magari dare tutta la colpa al sindaco ?

Francesco De Rita 11.04.18 17:38| 
 |
Rispondi al commento

Silvio va bene anche nella differenziata e' riciclabile all'infinito😵😵😵

Luca livorno 11.04.18 17:33| 
 |
Rispondi al commento

Un'altro problema da affrontare non secondario è legiferare per imporre a monte, tipologie di imballaggio e confezionamento 100% riciclabili, con stampato chiaramente il tipo di rifiuto, facilmente identificabile. In modo da agevolare la separazione dei materiali da parte dell'utente.
Esistono ancora troppe confezioni miste (carta/ plastica) o comunque realizzate con materiali non riutilizzabili.

Daniele Menegatti 11.04.18 17:22| 
 |
Rispondi al commento

Quello a cui bisogna tendere e' a non produrre materiali inquinanti. Bisogna imparare a fare i conti con le multinazionali. Chimera?

Roberto Maccione Commentatore certificato 11.04.18 16:57| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori