Il Blog delle Stelle
Web tax, le multinazionali devono pagare le tasse dove generano i profitti

Web tax, le multinazionali devono pagare le tasse dove generano i profitti

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 5

di Marco Valli, EFDD - MoVimento 5 Stelle Europa

La web tax proposta dalla Commissione europea è una buona soluzione che tampona le lacune generate dalle imprese digitali che sfuggono alla tassazione degli Stati. È un problema enorme a cui l'esecutivo comunitario cerca di mettere una pezza proponendo l'applicazione di una tassa del 3% sui ricavi di quei colossi del web che superano i 750 milioni di Euro di fatturato a livello globale e i 50 milioni di Euro a livello UE. Parliamo solo di circa 120-150 società.

La web tax sarebbe solo una soluzione temporanea
, da realizzare in attesa di trovare un accordo politico a livello internazionale o almeno europeo su una vera riforma del sistema di tassazione delle multinazionali. Questa proposta non impedirà certamente ai colossi del web di continuare a evadere miliardi di Euro ogni anno e lascia scoperto il problema di un sistema fiscale globale che incoraggia l'elusione, con paradisi fiscali presenti anche all'interno della stessa UE (come Irlanda, Lussemburgo, Olanda, Malta).

Per questo, il pacchetto presentato in questi giorni comprende anche una soluzione di riforma di lungo periodo che possa consentire agli Stati membri di tassare i profitti generati dalle società multinazionali nel loro territorio sulla base della sola presenza digitale. Quindi anche in assenza di un reale stabilimento fisico. Questa proposta andrebbe eventualmente a integrarsi alla cosiddetta CCCTB (Common Consolidated Corporate Tax Base), ora in discussione a livello di Stati membri e che abbiamo negli scorsi mesi fortemente sostenuto al Parlamento europeo. Soluzione al contempo osteggiata da quegli Stati che operano come paradisi fiscali di fatto all'interno dell'UE.

C'è il pericolo concreto che questa web tax rimanga però una proposta isolata e porti alla fine ad abbandonare le soluzioni più concrete, soprattutto la riforma onnicomprensiva del sistema di tassazione corporate (come detto la CCCTB), che impedirebbe una volta per tutte i meccanismi elusivi e risolverebbe alla radice il problema dei paradisi fiscali. Da questo punto di vista, la CCCTB deve proseguire con più impeto e dovrebbe riguardare la maggior parte delle imprese multinazionali, non solo quelle con fatturato superiore ai 750 milioni di Euro come previsto attualmente. Al contrario, ci si dovrebbe concentrare su tutte le grandi imprese multinazionali che fatturano oltre 50 milioni o 40 milioni a livello globale, utilizzando quella linea di demarcazione secondo cui, per diritto europeo, si viene riconosciuti come grande impresa. Esattamente in linea con la nostra proposta.

Sarà inoltre fondamentale assicurare che il gettito generato dalla CCCTB venga redistribuito equamente tra tutti gli Stati membri in cui la multinazionale svolge l'attività economica e che ogni contributo al bilancio europeo sia compensato da una corrispondente riduzione dei contributi nazionali. Si tratterebbe di un passo in avanti che, purtroppo, è ancora poco credibile in un'Europa che è riuscita a presentare una "blacklist dei paradisi fiscali" senza i principali attori protagoniste degli illeciti e senza predisporre sanzioni deterrenti adeguate. E non sarebbe comunque abbastanza, perché non si può pensare di risolvere un problema di natura globale senza spingere su soluzioni intercontinentali, concordate con tutti i Paesi, inclusi quelli in via di sviluppo che sono sinora rimasti esclusi da tutti i forum fiscali internazionali.

Il principio fondamentale di giustizia fiscale, che vede le multinazionali pagare le imposte dove svolgono l'attività economica e dove generano i profitti, contribuendo così come tutte le PMI tradizionali, viene calpestato da anni. La conseguenza è che miliardi di risorse vengono continuamente e impunemente dirottate dalle tasche dei cittadini a quelle dei "tax heavens". Considerato che in sede di Consiglio europeo siedono almeno quattro capi di Stato rappresentanti paradisi fiscali di fatto (Lussemburgo, Olanda, Irlanda, Malta), abbiamo forti dubbi che si riusciranno a fare concreti e veloci passi in avanti.

Anche in questo caso un Governo forte e legittimo deve far sentire la sua voce per impedire la stipula dei cosiddetti "rulings". Tre anni dopo lo scandalo LuxLeaks, infatti, il numero di accordi fiscali segreti tra i governi e i colossi industriali continua ad aumentare: secondo l'ultimo rapporto della Commissione europea sono cresciuti dai 1.252 del 2015 ai 2.053 del 2016.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

23 Mar 2018, 09:36 | Scrivi | Commenti (5) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 5


Tags: europa, m5s, Marco Valli, multinazionali, profitti, tasse, web tax

Commenti

 

Il problema sono appunto i governi amici delle multinazionali... Un governo 5stelle è l'unica speranza per questo paese.

max 24.03.18 06:57| 
 |
Rispondi al commento

Sì, tutto giusto. Ma se aspettiamo l'Europa stiamo freschi! l'Europa è uno dei centri di potere delle lobbies finanziarie e delle corporazioni che "hanno creduto, cercato e voluto che fosse così!". Sono proprio loro che hanno voluto la globalizzazione e l'hanno voluta proprio a questo fine. Sono loro, i sacerdoti della religione neoliberista, che vogliono sottomettere l'umanità e condizionarne i diritti al dio Denaro.

Non possiamo aspettarci nulla dall'Europa in questo senso. Spetta a noi, nazione sovrana, prendere l'iniziativa e poi altre seguiranno l'esempio.

Il Barone Zazà 24.03.18 03:34| 
 |
Rispondi al commento

Giusto che si faccia pagare la web tax nei paesi dove le miltinazioli fanno profitto. Non trascurando il problema Privacy.

Roberto Maccione Commentatore certificato 23.03.18 11:03| 
 |
Rispondi al commento

In Italia esiste un patto implicito fra multinazionali e imprese subappaltatrici criminali che usano lavoro nero, spesso immigrati, schiavizzati, per lucrare e far lucrare le multinazionali. Queste imprese sono in grado di fare tariffi ben inferiori al normale e guadagnare sulla pelle dei lavoratori e le grandi imprese appaltanti ne escono pulite in quanto " ignare " dei metodi. Bel servizio ieri sera su Piazza Pulita sulle guarnizione in plastica lavorate in Italia a prezzi stracciati e rivendute a marchi come la Porsche. La cosa più tremenda e che tutto questo è agli occhi di tutti: tutti sanno e tutti vedono il lavoro nero nei campi al sud, il lavoro nero delle industrie tessili cinesi a Prato e quelle del servizio di Piazza Pulita. Nessuno controlla: né gli ispettori del lavoro, né i sindacati, né le sinistre operaie ormai dalla parte delle lobbies, né la Guardia di Finanza e quanto meno la magistratura. Perché ? Tutti sanno inoltre che grandi imprese delocalizzano in paesi come Cina, Moldavia, India costruendo imprese lager dove lavorano veri e propri schiavi per poi importare in Italia i loro prodotti che per la legge italiana non sarebbe possibile produrre in quelle condizioni. Ora non è questa la globalizzazione che si voleva. Occorre debellare questa nuova schiavitù che accresce sempre di più il divario fra ricchissimi e poverissimi senza lasciar più nulla nel mezzo. Occorrono nuove regole o i nostri giovani saranno i nuovi schiavi.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 23.03.18 10:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori