Il Blog delle Stelle
Sei povero anche se lavori. Il triste primato italiano in Europa

Sei povero anche se lavori. Il triste primato italiano in Europa

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 43

di Laura Agea, EFDD - MoVimento 5 Stelle Europa

È l'ennesima stortura di un mondo del lavoro precarizzato ai limiti della sopportazione. E forse anche oltre. Se lavori otto ore al giorno rischi comunque di essere povero: secondo i dati Eurostat, in questa disumana classifica l'Italia si posiziona al primo posto con più di tre milioni di lavoratori a rischio, seguita da Spagna con 2,9 milioni e Romania con 1,6 milioni. In generale, poi, il Paese dell'Unione europea con maggiore rischio di povertà lavorativa è la Romania (18,9%), seguita da Grecia (14,1%), Spagna (13,1%), Lussemburgo (12,0%). L'Italia (11,7%) si posiziona al quinto posto in questa seconda terrificante classifica.

La povertà è un problema europeo causato da anni di politiche e scelte sbagliate, sia comunitaria sia nazionali. Pensiamo all'immobilismo di Bruxelles sulle delocalizzazioni che bruciano posti di lavoro, sui paradisi fiscali interni all'UE, sul surplus tedesco che impoverisce e prosciuga il Sud, e sull'altro lato della medaglia le scelte di governi marionetta che hanno scelto di distruggere il welfare dei loro Paesi. Non andiamo troppo indietro nel tempo, pensiamo al Jobs Act che sta creando un'intera generazione di precari.

L'ultima speranza per mettere un freno all'emergenza della povertà è la volontà da parte di tutti i Paesi di adottare un reddito minimo che restituisca vita e dignità ai quasi 120 milioni di cittadini europei che non riescono più ad arrivare alla fine del mese. L'Europa non deve più restare indifferente di fronte alle richieste di aiuto che le famiglie e le imprese ci rivolgono. La Commissione Europea affronti senza indugio la questione del reddito minimo presentando quanto prima la proposta di una direttiva vincolante.

Oggi, secondo l'Osservatorio sociale europeo diverse forme di sostegno al reddito esistono già in 26 Stati membri e non serve aggiungere che il mio Paese non prevede nessun tipo di sostegno. Noi vogliamo che l'Europa intervenga immediatamente con un quadro comune di norme che permetta l'armonizzazione dei diversi regimi vigenti con criteri di accesso comuni e validi per tutti: come ad esempio basare il calcolo del reddito da erogare sulla soglia di povertà che Eurostat fissa al 60% del reddito medio nazionale.

Non esistono cittadini di serie B! Tutti devono poter beneficiare allo stesso modo dei regimi di reddito minimo. Le parole non bastano più! Bisogna mettere a disposizione le linee di bilancio del fondo sociale europeo e del programma europeo per l'occupazione e l'innovazione sociale per aiutare gli Stati membri a implementare regimi di Reddito minimo. Si tratta di un approccio strategico e di visione che consenta una vera integrazione sociale. Non solo di soldi! I cittadini non chiedono elemosina ma politiche di dignità. Se si trovano i soldi per salvare le banche, tanto più pretendo che si trovino risorse per i figli di questa Europa che è vittima troppo spesso di interessi scellerati.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

20 Mar 2018, 09:56 | Scrivi | Commenti (43) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 43


Tags: europa, lavoro, m5s, povertà, reddito minimo

Commenti

 

In Italia esiste un patto implicito fra multinazionali e imprese subappaltatrici criminali che usano lavoro nero, spesso immigrati ( importati per lo scopo dalle mafie ), schiavizzati, per lucrare e far lucrare le multinazionali. Queste imprese sono in grado di fare tariffe ben inferiori al normale e guadagnare sulla pelle dei lavoratori e le grandi imprese appaltanti ne escono pulite in quanto " ignare " dei metodi. Bel servizio ieri sera su Piazza Pulita sulle guarnizione in plastica lavorate in Italia a prezzi stracciati e rivendute a marchi come la Porsche. La cosa più tremenda e che tutto questo è agli occhi di tutti: tutti sanno e tutti vedono il lavoro nero nei campi al sud, il lavoro nero delle industrie tessili cinesi a Prato e quelle del servizio di Piazza Pulita. Nessuno controlla: né gli ispettori del lavoro, né i sindacati, né le sinistre operaie ormai dalla parte delle lobbies, né la Guardia di Finanza e quanto meno la magistratura. Perché ? Tutti sanno inoltre che grandi imprese delocalizzano in paesi come Cina, Moldavia, India costruendo imprese lager dove lavorano veri e propri schiavi per poi importare in Italia i loro prodotti che per la legge italiana non sarebbe possibile produrre in quelle condizioni. Ora non è questa la globalizzazione che si voleva. Occorre debellare questa nuova schiavitù che accresce sempre di più il divario fra ricchissimi e poverissimi senza lasciar più nulla nel mezzo. Occorrono nuove regole o i nostri giovani saranno i nuovi schiavi.

ROBERTO SCANNAPIECO, ROMA Commentatore certificato 23.03.18 10:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un governo 5stelle è l'unica speranza per questo paese. Io aspetto ancora poco...

max 23.03.18 01:08| 
 |
Rispondi al commento

...se sono poveri quelli che hanno un lavoro, figurarsi i disoccupati, come me,56 anni, troppo giovane x andare in pensione, troppo vecchio, evidentemente, x lavorare, visto che, nonostante tutte le domande che inoltro,nessuno mi assume. Un reddito minimo servirebbe, si,ma soprattutto cambiare un sistema improntato sulle agenzie interinali, inutili,dannose e incompetenti, così come inutili, burocratizzati ,sono i centri x l'impiego.

Adamo Gianluca Francia 22.03.18 10:39| 
 |
Rispondi al commento

Reddito minimo garantito magari indipendente dalla euro, in moneta virtuale garantita e coniata dallo Stato valido nei paesi che la accettino e scendendo a patti con loro in questioni di immigrazione e crescita comune.
Con controlli efficienti sul suo uso e limitarne l'uso per acquisti solidali sani e logicamente ponderati (ad esempio niente droghe o vizi vari...). Così si creerebbe una seconda economia che in breve farebbe riflettere al mondo intero.

Gianluca Cancelli 22.03.18 00:45| 
 |
Rispondi al commento

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/03/21/elezioni-marescotti-vs-migliore-sono-di-sinistra-ho-votato-m5s-per-rovesciare-il-tavolo-voi-del-pd-andate-via-per-favore/4242621/

FABIO B., bologna 21.03.18 23:21| 
 |
Rispondi al commento

Oggi su skytg24 ho visto il programma che ha messo in campo il pd per contrastare i 5stelle. Se il RdC è legato al lavoro, ci si lamenta che non pensa ai poveri (e perciò non è assistenzialista). Se il RdC pensa ai poveri, ci si lamenta che non si aiuta la gente con l'assistenzialismo.
Già li vedo, per i prossimi cinque anni non faranno altro che strillare "populisti, incompetenti, populisti, incompetenti..." etc.
A questi una sventola sulla bocca non è bastata per capire che con la propaganda non si combina nulla.
E su Repubblica si definiscono intellettuali? Bella ciurma di cretini, questi intellettuali. LoL

Gianni Carlone 21.03.18 19:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Carissimi amici tutto questo è una triste realtà sono un papà di due bambini con un faldone addosso di circa 25 mila euro (equitalia) da un anno però...una azienda mi ha assunto felicissimo della cosa...mi sentivo un re poi la triste delusione....stipendio del mese scorso 668 euro.....è campa va giuro so ca... amari Scusate lo sfogo ma è una miseria speriamo che cambi qualcosa in modo che posso avere la possibilità di saldare il mio debito con lo stato in queste condizioni giuro non mi è possibile

Scala Alessandro 21.03.18 19:02| 
 |
Rispondi al commento

per chi guadagna uno stipendio medio di 1200 euro al mese, in Italia, è collocabile praticamente nella soglia di povertà.....e' un dato di fatto...
perche' nel mese in cui ha una spesa imprevista, un frigorifero rotto, una multa, la macchina rotta, e privandosi comunque delle spese cosiddette "secondarie" (vestiti, vacanze, spese per il tempo libero, hobby, etc,etc) ha di fatto la mancanza dei fondi necessari anche per far mangiare la sua famiglia.....
questo accade perchè lo stipendio medio di 1200 euro, non è conforme con il costo reale della vita, tipo il cibo di qualità, e non quello dei discount, o il costo dell'asilo per i figli, il costo del mantenimento dei figli, i libri di scuola, le loro attività extrascolastiche, le loro vacanze etc.etc.....
in tutto questo, ci sono famiglie con stipendi enormememte piu' alti, che possono invece fare tutte queste cose a dismisura, in eccesso, addirittura alla noia.....
bisogna quindi riportare più equità in tutto questo....il ceto medio italiano, distrutto da politiche non sbagliate, ma "mirate"... a creare questo solco sociale, deve ritornare ad avere la dignità che il lavoro dovrebbe dare, partendo dall'importo netto in busta paga, con meno tasse......
e per fare questo, serve non sprecare risorse,
serve che sia dato il mandato di governare al Movimento5Stelle.......

fabio S., roma Commentatore certificato 21.03.18 18:39| 
 |
Rispondi al commento

Se non sei già povero, farai in tempo a diventarlo molto presto.
Fino a quando si accetteanno passivamente le porcate più grosse e infami, la strrada della povertà sarà garantita.
O ci diamo una mossa o questo percorso non avrà fine.

Eticomorale 21.03.18 14:47| 
 |
Rispondi al commento

Il reddito minimo esiste in tutta Europa tranne l'italia, dove i poveri sono molti milioni purtroppo. Un governo 5stelle è l'unica speranza per questo paese.

max 21.03.18 09:09| 
 |
Rispondi al commento

Sono molto favorevole al reddito di cittadinanza, ma soltanto per coloro che dovessero rimanere fuori dal seguente percorso: per uscire dalla Crisi, per far lavorare tutti , giovani e vecchi, attualmente senza lavoro, dobbiamo subito fare una legge per ridurre l'orario di lavoro per tutti i dipendenti, e portarlo a 6 ore gg, pari a 30 ore settimanali a parità di retribuzione. Le ore di straordinario debbono essere pagate il 30% in più ed anche tutti i contratti a termine o altre forme di contratto diverse dal tempo indeterminato. Sgravare alle imprese il costo equivalente al salario per ogni nuovo assunto. Per ogni 3 dipendenti che passano dalle 8 alle 6 ore al giorno, si crea un nuovo posto di lavoro, che le aziende dovranno coprire con una nuova assunzione. Soltanto con queste semplici nuove regole riparte l'Italia, con un volano dell'economia mai visto prima. Tutto ciò è più facile di qualsiasi altra manovra, e migliora la vita Delle persone in maniera oggettiva. Non servono grandi investimenti e non bisogna riformare nell'immediato i centri per l'impiego per farlo partire. Grazie per l'attenzione Pasquale Monaco.


ma sono in tanti quelli contrari al rdc...tutti quelli con il c...al sicuro guarda caso ...

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 20.03.18 20:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per risolvere il problema della povertà in Italia bisogna annullare la gran parte dei provvedimenti presi dai Governi negli ultimi 20 anni.
Faccio un esempio:
Domenica il Sole 24Ore sbandierava lo stacco di 17,5 Miliardi di dividendi delle società quotate in Borsa, evidenziando che è un record storico.
Questo in un periodo di crisi storica.
Vi spiego il retroscena di quel dato.
Nel 2017 il Governo del Menomato ha ridotto l'IRES alle società dal 27,5% al 24%.
Questo provvedimento ha permesso maggiori utili che verranno distribuiti a quel 5% di ricchi che possiedo il 30% della ricchezza nazionale, mentre il FISCO, ha incassato meno entrate che vanno a scapito di provvedimenti in favore delle classi povere.
Questo e molti altri provvedimenti dei Governi precedenti, vanno annullati, dal ns. Governo 5 Stelle, se vogliamo veramente ripristinare un minimo livello di giustizia sociale.
G.Mazz.
P.S.: le entrate da IRES sono le più basse in valore assoluto rispetto alle altre imposte (IRPEF) che incassa lo Stato: i ricchi pagano poco e la povera gente è tartassata.

gianpiero m., Bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 20.03.18 19:37| 
 |
Rispondi al commento

La nazione Italia, a differenza di altri paesi, non ha un corrispettivo univoco di popolo, essendovi invece più popoli, più culture regionali che si possono considerare come accorpate in un Nord , un Centro e un Sud. Un contesto del genere ha favorito, nella storia dall'unità in poi, un proliferare di discriminazioni e di ingiustizie sociali che hanno dato luogo a situazioni di infelicità, profondo scontento e, cosa più grave, di povertà. Se tutto ciò, durante il periodo del benessere economico, rimaneva latente e tollerato dalle categorie non protette, adesso in tempo di crisi è un bubbone infetto e scoppiato con conseguenze invero nefaste. Quanti schiaffi ancora devono prendere le persone deboli che non hanno modo alcuno di difendersi? Perciò, il M5S si affretti, non c'è più tempo da perdere! L'acqua ha già colmato le gole innocenti! Saluti a tutti.


Lavorare 8 9 ore e ci pagano 6 ore 40 includono ferie permessi tfr tutto in busta io come cameriera non si a diritto a niente perche ti dicono ce la fila puro schiavismo autorizzato

Carmelina Grimaldi 20.03.18 15:58| 
 |
Rispondi al commento

Sono pienamente d'accordo. Però,se vedo il mio caso, la povertà viene anche dai dipendenti della p.a.. ho vinto una causa contro l'INPS...ho inviato le notifiche ho atteso 120 GG non ho avuto riscontro ho inviato il precetto e aspettato 10 GG...senza risposte...ho inoltrato il pignoramento.....ma niente muta. È dal 2014 che va avanti questa storia ...oggi siamo a 4 anni. La sede Romana !!!!! A cosa serve??????poi si dice che sei un malvivente se ti rivolgi a modo di camorrista. Ho provato a farla breve ma non vi dico come la mia dignità sia stata calpestata dai "signori" della sede Inps di Aversa.

Nicola Purificato 20.03.18 14:31| 
 |
Rispondi al commento

siamo nella zona del pianeta a livello sociale piu' civilizzata e moderna. soprattutto nei tanto vituperati paesi del nord europa, germania, olanda, danimarca, svezia etcetc. come l'europa nel mondo non c'e' nessuno. un po' simile e' il canada, forse l'australia, per il resto e' buio profondo.

quindi non trovo giusto i continui attacchi che alcuni partiti e tuttologi vari al loro seguito fanno all'europa. se usassero lo stesso metro di giudizio per l'italia dovrebbero suicidarsi in diretta. invece, scaricano colpe e nefandezze sull'europa.

certo, va considerato che non e' perfetta, non e' il paese dei campanelli, ma tutto si puo' migliorare se ci si mette a lavorarci sopra, senza immaginare guerre economiche e/o odi etnici vari.

se chi pensa in quel modo si trovasse dall'altra parte, cioe' fosse ad es un tedesco, come minimo vorrebbe bombardarci. avendo per malasorte sua come socio chi attenta (e sin dall'inizio smerdava) alla sua moneta rimanendo cocciutamente e costantemente sull'orlo della bancarotta. che gioca costantemente al ribasso le regole sociali e del welfare in europa (in italia lo sta gia' facendo). un paese (l'italia) dove mafia, corruzione e sprechi la fanno da padroni. che ha sposato senza se e senza ma (e senza dirlo ai suoi cittadini) la politica neocon bushiana, e i suoi media sostengono quel sistema senza nessuna vergogna. dove i suoi politici sono come minimo degli incapaci e il piu' delle volte in malafede e venduti a poteri forti senza un minimo di umanita'.

e ce ne sarebbe da scrivere. basta vedere cosa succede nella terra dei fuochi.

ripeto, l'europa non e' perfetta e non lo sono i paesi europei, ma bisognerebbe evitare di cercare la pagliuzza nell'occhio dell'altro quando si ha una trave su per il sedere.

l'europa avrebbe da insegnarci tanto, a cominciare ad es col reddito di cittadinanza. invece, la si attacca, usando come scusa menate futuristico-allucinato-sballate tipo l'euro tedesco e altre amenita'.

carlo 20.03.18 13:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sembra che il ballottaggio sia incostituzionale. pero' lo abbiamo anche per altre elezioni, ad es per il sindaco della citta'.

a me sembrava che fosse incostituzionale il premio di maggioranza, ma non il ballottaggio.

siccome i contendenti sono vari, non ci sono solo due poli, il ballottaggio e' l'unica soluzione possibile. oppure un proporzionale secco, dove poi, dopo le elezioni, i partiti faranno le loro alleanze per andare al governo.

carlo 20.03.18 13:22| 
 |
Rispondi al commento

; Siamo una da nazione da primati:
1° per corruzione, malversazione, collusione
1° per vessazione della pubblica amministrazione verso i cittadini
1° per scadimento del’istruzione
1° in senso negativo nella libertà di stampa
1° per disoccupazione giovanile
1° nel taroccare i dati sull’occupazione
1° nella crescita della povertà
Se ci fossero le olimpiadi del peggio. L’Italia fare il pieno di medaglie, tabula rasa, non lasceremmo niente a nessuno. Vi sembra poco?

Eticomorale 20.03.18 12:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ancora ieri sera in TV tutti a screditare il rdc, provvedimento assistenziale quando invece ci vuole lavoro! E a ribadire il concetto era Toti, esponente di un partito che pur governando per anni non è stato in grado di creare nuovi posti di lavoro. Negli ultimi 20 anni si sono persi posti di lavoro, i salari sono diminuiti tanto che sei povero anche se lavori, le disuguaglianze sono aumentate, e chi ha avuto responsabilità di governo ci ripropone le solite fallimentari ricette del milione di posti di lavoro del 1994 come se non fosse una necessità impellente prima pensare alle persone e al modo di sostenerle dignitosamente, poi a creare lavoro, e ci vorranno anni. Freccero giustamente ha ribadito che se non si interviene sul problema più urgente, cioè la povertà, gli italiani vi vengono a prendere con i forconi! Poi la solita maestrina di economia ad attaccare il rdc ma a difendere l'aliquota unica al 25% : in alcuni paesi funziona! Peccato si sia sorvolato un particolare che con l'aliquota unica, come ha riferito un giovane architetto a Praga, paghi poco di tasse ma circa il 30% del tuo reddito va a coprire un'assicurazione sanitaria perché con questo tipo di tassazione il sistema sanitario universale e gratuito te lo scordi. Se il rdc costa troppo in soldi, quanto costa questa proposta fiscale in termini di minori diritti come sanità, scuola e previdenza ? Dicano chiaramente che per far risparmiare ed arricchire i soliti si aumenta il numero dei poveri, di chi non può curarsi ed istruirsi, una moltitudine di diseredati che però dovrebbero continuare a consumare, perché se crollano i consumi già in crisi, crolla tutto il loro sistema! Il capitalismo, così come era previsto , si sta avvitando su se stesso e purtroppo come la storia insegna, userà l'unico modo che conosce per uscirne, il metodo collaudato : una guerra.

Alessandra Ruspetti 20.03.18 11:53| 
 |
Rispondi al commento

O bisogna arricchire i già ricchi,mafiosi,massoni e caste privilegiate,cioè la politica dei governi PD/dc-FI e parassiti/sanguisughe varie dei monti, letta,renzi, gigli magici e famiglie,ecc..........
O bisogna aiutare i poveri cittadini onesti e le loro famiglie alla disperazione, privati della dignità e della speranza di vivere.
Questa è la scelta che chi ha votato il 4 marzo ha fatto: O AIUTARE I POVERI o ARRICCHIRE I RICCHI!
Chi ha votato il M5***** lo ha fatto per salvare e migliorare l'Italia e gli italiani.
Chi ha dato il voto ai vecchi partiti, PD/dc-FI e parassiti associati, ha votato contro i cittadini onesti ma a favore dei mafiosi e delinquenti.

m 20.03.18 11:47| 
 |
Rispondi al commento

È alla Hartz 4 che vuoi arrivare Laura Agea?
È questo il vostro scopo che tu nascondi con le tue parole mascherandolo da aiuto alla povertà?
Il reddito universale è il vero aiuto alla vita dell'essere umano.
Muovetevi in questa direzione o anche voi fate parte di un disegno volto al ricatto e al controllo dell'individuo.

Cestaro Diego 20.03.18 10:51| 
 |
Rispondi al commento

Allora perché non promuoviamo una legge al Parlamento europeo affinché sia un diritto per tutta la comunità?




Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori