Il Blog delle Stelle
Nomine pubbliche: onestà e competenza le nostre stelle polari

Nomine pubbliche: onestà e competenza le nostre stelle polari

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 109

di Andrea Roventini, candidato ministro dell'economia del MoVimento 5 Stelle

Una società sana premia il merito, rimuove le disuguaglianze, punisce i disonesti ed investe sui propri talenti, sull’istruzione e sull’innovazione. Nei prossimi mesi ci sarà da affrontare ed indirizzare il futuro di tante società partecipate pubbliche: competenza, trasparenza, ed onestà saranno le nostre stelle polari per raggiungere l’obiettivo di una nuova crescita sostenibile ed inclusiva, guidata dall’innovazione e dallo sviluppo tecnologico.

Si tratta di più di 60 aziende partecipate pubbliche, che complessivamente hanno un fatturato superiore a 120 miliardi di Euro, e che impiegano 105 mila dipendenti. Il 70% del fatturato totale è nel settore “Energia, petrolio e gas”, con 14 aziende, per un fatturato di circa 84 miliardi di Euro: cifre importanti che possono influenzare ed indirizzare la crescita italiana verso la sostenibilità, in linea con il piano energetico nazionale a 5 stelle. Due aziende sono del settore “Spazio aereo e difesa” e contano 45 mila dipendenti con specializzazioni professionali di altissimo livello ed un potenziale di crescita ed innovazione patrimonio del Paese. Infine, più di quindici aziende appartengono invece al settore “Logistica/Trasporti”. Quasi il 40% delle nomine coinvolgono donne, forza trainante della nostra società.

Le nomina non sono un’occasione per fare tabula rasa. Invece, bisognerà pragmaticamente verificare i risultati ottenuti dai vertici uscenti caso per caso, considerando gli obiettivi ed il contesto competitivo e normativo. Non si dovrà avere paura di riconfermare i manager che hanno ben operato e di congedare quelli che hanno deluso. Tutto ciò dovrà avvenire nella massima trasparenza, evitando logiche politiche spartitorie che possano promuovere manager appartenenti a circoli di potere, che affondano le radici nella Prima e Seconda Repubblica, e cercano di riciclarsi anche oggi, o fornire una comoda poltrona agli amici degli amici, o un buen retiro per i soggetti (es. capi di gabinetto, consiglieri di stato, direttori generali, etc.) non più graditi e privi delle competenze necessarie. Le Istituzioni devono infatti poter respirare e operare anche, e soprattutto, in questa fase di concertazione per la formazione del Governo e devono poterlo fare in piena trasparenza anche utilizzando strumenti già esistenti, come il portale CROS del MEF.

Alla luce di queste considerazioni, un governo dimissionario, la cui maggioranza politica è stata così pesantemente ridimensionata dagli elettori, non può decidere da solo. Nei casi in cui la nomina dei vertici d’imprese di rilievo nazionale non possa attendere la nascita del nuovo governo, come nel caso di Saipem, sarà necessario procedere con intese di carattere generale che coinvolgano l’esecutivo uscente e l’attuale Parlamento nel quadro degli obiettivi delle nostre istituzioni democratiche e dei criteri sopra enunciati.

Tra le imprese strategiche per il nostro Paese vi è la Cassa Depositi e Prestiti (CDP) che raccoglie il risparmio postale degli italiani e che può diventare veicolo d’innovazione e crescita, contribuendo allo sviluppo industriale e tecnologico dell’Italia. Purtroppo, negli anni la CDP non ha contribuito come avrebbe potuto al raggiungimento di tali obiettivi, per mancanza di un chiaro indirizzo da parte del potere esecutivo. A volte, la CDP è stata mal-utilizzata dai governi e dagli organi dirigenti, come nel caso gli investimenti effettuati nel sistema alberghiero, che non hanno seguito logiche di economicità e non hanno contribuito in alcun modo alla realizzazione degli obiettivi strategici di politica industriale del nostro Paese. La CDP è una risorsa dell’Italia che può assumere il ruolo di banca di sviluppo per stimolare l’innovazione, lo sviluppo tecnologico e aiutare le nostre imprese sul mercato nazionale e su quelli esteri.
La CDP può e deve assumere un ruolo chiave nello sviluppo industriale dell’Italia. Le politiche industriali, soprattutto se mission-oriented, possono liberare nuovamente la creatività industriale italiana, permettendo al nostro Paese di tornare protagonista in Europa. Tali politiche devono anche essere un’occasione per sviluppare le aree depresse del nostro Paese, supportate dalla rivoluzione digitale che deve trasformare e migliorare la pubblica amministrazione. A tal fine, la CDP ha sempre finanziato gli enti locali e può pertanto promuovere lo sviluppo delle opere e competenze necessarie. Questi obiettivi possono essere conseguiti sfruttando le sinergie tra CDP e Invitalia.

Le nomine riguarderanno anche i vertici della SOGEI, società che presta servizi informatici per la pubblica amministrazione, in particolare per il Ministero dell’Economia e Finanze e per le Agenzie Fiscali. In questo caso, scelte mirate e meritocratiche avranno l’obiettivo di realizzare la banca dati unica del fisco, per combattere l’evasione fiscale in maniera efficiente senza danneggiare le nostre imprese ed i contribuenti onesti.

In Italia vi è sempre stata la difficoltà di promuovere i talenti ai vertici delle organizzazioni pubbliche, valorizzandone le competenze. Tale nomine sono un’occasione per sviluppare una visione strategica per raggiungere una nuova crescita sostenibile, inclusiva, e guidata dall’innovazione. Il Movimento 5 Stelle ha sempre privilegiato l’onesta e la trasparenza, il merito e le competenze ed è quello che continuerà a fare, poiché è in gioco lo sviluppo dell’Italia e il nostro futuro.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

28 Mar 2018, 09:53 | Scrivi | Commenti (109) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 109


Tags: Andrea Roventini, cassa depositi e prestiti, lavoro, nomine pubbliche, sogei

Commenti

 

BENE!
FINALMENTE SI PARLA DELLE NOMINE,che sono i VERI CENTRI DICISIONALI dei NOSTRI investimenti.
Ottima l'idea della trasparenza delle nomine,ma ora ci aspettiamo che prima che siano nominati,ci SIA UNA DISCUSSIONE in merito.
Ottimo l'obbiettivo dell'incremento delle competenze ,delle meritorieta' e dei profitti,ma se uso questi capitali per investire in armamenti,o opere coloniali di desertificazione o sfruttanento,per esempio in AFRICA,allora,della trasparenza NON CE NE FACCIAMO NULLA.
Non vorremmo sentire ancora la gente comune,prendersela col negro per colpa di NOMINE DICIAMO POCO ATTENTE ,PER NON DIRE FORTEMENTE RESPONSABILI DEL DISAGIO SOCIALE COMPLESSIVO.
Per cui,MONITORIAMO,E SOPRATTUTTO,TRASPARE ZA PRIMA DI NOMINARE,POI SI DISCUTE E POI SI NOMINA!
GIUSTO?
ESEMPIO,se uso Cassa Depositi e Prestiti per riappropriarmi del 5% di Tim,con i soldi NOSTRI,devo spiegare al cittadino perche' Tim,prima,sia stata VENDUTA E DOVE SONO FINITI I SOLDI,tra l'altro ,operazione con insider trading di amministratori dimissionari.
Ce ne SIAMO ACCORTI e non siamo piu disposti a SPERPERARE RISORSE PER POI SCATENARE GUERRE DISTRATTIVE TRA POVERI!
ATTENZIONE!
QUESTI MILIARDI CI SERVONO..BASTA MANGIARE A SBAFFO E CREARE PROBLEMI IN MEZZO MONDO.
TRASPARENZA PREVENTIVA!

Luca Fini 24.06.18 19:56| 
 |
Rispondi al commento

A BEPPE CON SIMPATIA:
nessuna alleanza con chi ha truffato il popolo italiano,con chi ha rubato,con chi ha speculato sulla pelle dei lavoratori, con chi ha promesso e non ha mantenuto perche non interessato a tutelare gli interessi ed i bisogni reali della popolazione nessuna alleanza con chi non sta dalla parte del popolo e non fa niente per creare occupazione lavorativa a tempo indeterminato e dignitosa nel rispetto della persona, non vogliamo piu che si muoia sul lavoro E' INTOLLERABILE, IL LAVORE SERVE PER VIVERE NON PER MORIRE PER IL GUSTO DI PRODURRE PROFITTO AI PADRONI:
CON SIMPATIA ROBERTO

Roberto Masi Masi, Sesto Fiorentino (FI) Commentatore certificato 04.04.18 17:15| 
 |
Rispondi al commento

.... in linea con il piano energetico nazionale a 5 stelle. ... ?

Se così fosse, allora staremmo davvero freschi !

Leggendolo (quel documento), ci si renderebbe conto della demagogia e dei tantissimi luoghi comuni che l'hanno ispirato, evidentemente concepito con poca cognizione di merito!

Rinaldo Sorgenti 01.04.18 20:02| 
 |
Rispondi al commento

Carissimi,
Vogliamo definire ,per ogni PROGETTO (che ad esempio la ENI,o LEONARDO,o CDP devono affrontare) un APPOSITO Rapporto di FATTIBILITA' di Ogni Aspetto :"dalla Geografia ,all'Ecologia,alle Risorse .a Materie Prime ed Energia, all' Occupazione,................"................... Cioè TUTTO ciò che Rende Possibile ed Attuabile il PROGETTO.!
Sembra una cosa ovvia,ma è difficile per quelli che l'hanno provata
Grazie

alberto grotti 31.03.18 06:18| 
 |
Rispondi al commento

La nomina di tutti i Manager delle società pubbliche e/o partecipate, devono essere fatte con l'assunzione dei criteri meritocratici di cui il Movimento 5 Stelle ne fa uno dei sui punti di forza.Non vogliamo più vedere che alla guida di dette società,vengano paradossalmente nominati personaggi spesso dotati di cv privi di titoli e competenze necessarie, il cui unico merito sarebbe solo quello di essere amici degli amici del potente di turno. E' ora di dire basta a questo scempio che perdura da troppi anni.

Michele Cotugno 29.03.18 16:39| 
 |
Rispondi al commento

ORA LE DESTRE FILO LEGHISTA PRO BERLUSCONI PER PROVOCARE DICONO, CHE IL M5S DOVREBBE GOVERNARE CON IL PD PER DARE IL REDDITO DI CITTADINAZA E PER USCIRE DALL'EURO.
Allora gli si spiega:

Da sempliciotto caro elettore della Lega il discorso non fa apparentemente una piega: in realtà il movimento non essendo di cultura statalista come i Partiti, Leghisti compresi, le cose che dici invece si fanno predisponendo le basi sull'economia, quindi; lotta alla corruzione; allo spreco; alle mafie; alla massoneria istituzionale che arraffa decine e decine di milioni in un sol giorno per 360 giorni all'anno, e stop alle infrastrutture inutili che servono per distribuire tangenti a politici e partiti.

Detto e fatto quanto scritto, i soldi nel sociale arrivano; le tasse si abbassano; e l'apparto statale e politico inizia a funzionare, facendo ripartire famiglie e imprese che si trovano il laccio al collo finalmente allenato per il rigore che il M5S imprime, non tanto sui conti ma, sui reati che commettono uomini e dipendenti dello Stato (a tutti i livelli).

Solo a questo punto lo Stato si regge sulle sue gambe e non sui prestiti dati a debito da Bruxelles per la gioia dei Partiti Statalisti.

PER FARE CIO' NON SERVE ESSERE LUMI E INTELLIGENZE COME BRUNETTA, TREMONTI, MARIO MONTI, PADOAN, LA FORNERO; basta essere degli stupidi come il sottoscritto.

Roberto Padova 28.03.18 22:35| 
 |
Rispondi al commento

ATTENZIONE...APRITE BENISSIMO OCCHI E ORECCHIE SU QUESTO ARGOMENTO!!!!LAVORO IN UNA PARTECIPATA....SONO IN CORSO GLI ULTIMI PIAZZAMENTI POLITICI CON COLPI DI CODA IN TUTTE LE PUBBLICHE E LE PARTECIPATE !!!!
RIBADITE A tv , parlamento e media spiegati che i piazzamenti in corso devono aspettare il nuovo governo!!!!STANNO FACENDO TABULA RASA!!!! Poi voglio vedere come si rimuovono e si promuove l’onestà e la competenza!

Alberto Comune 28.03.18 21:25| 
 |
Rispondi al commento

Luigi...

OBBLIGATE SALVINI AD USCIRE DALLA 'TANA'...!!!

a quel punto deve sganciarsi da Silvio, e sarà costretto a fare una scelta: Noi o il Caimano.

Se sceglie noi, si salva lui e tutta l'Italia,
se sceglie il Caimano, elezioni anticipate
e la Lega precipita con Silvio e PD.

Massia Ellecibò, Veneto Commentatore certificato 28.03.18 20:10| 
 |
Rispondi al commento

Non lasciamoci condizionare da Bce, Commissione Europea, Fmi. Tutti I trattati e gli accordi sottoscritti dai precedenti governi sono incostituzionali. Troviamo un accordo sostenibile con Salvini e facciamo le cose che vanno fatte. Punti di convergenza ve ne sono parecchi...a cominciare dalla realtà quotidiana...
Questo è ciò che conta. Tutto il resto sono pippe mentali.
Salvini, ovviamente, deve mollare la cariatide, ma penso sia in grado di farlo.renzi e cariatide andranno per conto loro.
Se no, accordo per nuova legge elettorale, e subito a votare.

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 28.03.18 19:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Oggi il MEF ha bandito un concorso per l'assunzione di 400 (quattrocento) funzionari.
Ma non si poteva aspettare il nuovo Governo?
Ma di personale non ce ne già troppo e bastava riorganizzarlo?
Ma al MEF sanno cos'è la spending review?
Nuovi Parlamentari 5 Stelle andate a verificare e cominciate da qui i risparmi!
G.Mazz.

gianpiero m., Bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 28.03.18 19:09| 
 |
Rispondi al commento

Si dovrà dare un forte impulso anche al turismo promuovendo l'iniziativa privata ( sburocratizzazione ) e combattendo fortemente la microcriminalità eliminando i benefici di legge , l'impunibilità dei minori e i 4 anni di non carcerabilità .

vincenzo di giorgio 28.03.18 19:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

fffffffffffff

Marco F., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 28.03.18 18:47| 
 |
Rispondi al commento

Al comando delle navi e aerei ci devono essere bravi comandanti/piloti.
Altrimenti fanno la fine della costa concordia di schettino!
Bravissimo Andrea. Si respira aria nuova. Speriamo che riusciamo a convincere altri politici onesti e responsabili come i 5*****. Chi sono?
Di Maio sa come navigare ed eviterà tutti gli scogli maledetti come il PD/dc e FI:

mauro caputo 28.03.18 18:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Egr. Prof. Roventini,
Ho cercato di leggere, anche se in modo non approfondito, alcuni suoi scritti, e ho avuto la sensazione, rinforzata anche da questo post, che il suo linguaggio è permeato di un antiquato economicismo e neoplatonismo in salsa gentiliana (in virtù del quale vengono prima le idee astratte, i “modelli teorici” e poi la realtà come ci si offre ai sensi, che , se non rispecchia i primi, si considera “sbagliata”). Anche Padoan credo abbia lo stesso background. Quindi modelli economicistici imperituri risalenti ad Adam Smith (che peraltro non si sognava minimamente di pretendere la imperiturità ed eternità dei suoi modelli che lui basava su osservazioni empiriche, senza alcuna pretesa di metastoricità. Purtroppo questo è un tipico difetto del sistema formativo italiano, tutto orientato, in particolare dalla ultima vera riforma (la riforma Gentile) in poi, nel trasmettere ai discenti “la verità”, idee imutabili, sempiterne, “vere”, metastoriche. Quindi il lavoro forzato come destino ineluttabile dell'uomo (che vuoi, è una condanna divina...), il destino umano come solo votato al soddisfacimento stentato dei bisogni materiali con risorse limitate (economicismo) etc. etc. Anche lei trascura la portata dell'automazione, della finitezza delle risorse e dei bisogni umani (anche solo considerando il tempo limitato per soddisfarli), la non desiderabilità di un eccesso di beni economici rispetto a pregnanti relazioni sociali, con tutto ciò che ambientalmente ne consegue.
Cordiali saluti

Enzo Rossi 28.03.18 17:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL mio misero parere conta poco caro Di Maio,
penso però che se il Movimento permettesse a Salvini di essere Premier, si potrebbe costituire un governo efficiente, sganciato da FI e compagni,con il PD non è possibile nessun accordo li metto sullo stesso piano del caimano e amici.

Non ti invidio,
sono sicuro però che troverai la giusta soluzione per il bene di questa meravigliosa Italia.

W M 5 * * * * *

Enz 28.03.18 17:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lasciamo da parte i soliti rosiconi del pd e gli anti 5S della Stampa , io ho una curiosita', gradieri una risposta seria.
Ma Roberto Fico non ha diritto ad una scorta? Un diritto irrinunciabile a quanto ne so', visto che va tutelato occupando egli un importante istituzione?
Ha potuto rifiutare la scorta ? Mi sembra strano. Non gli e' stata assegnata , mi sembra ancor piu' strano. La scorta lo segue sul bus, mi sembra impossibile , visto che c'e' chi sale e chi scende. Come si farebbe a tutelare la sua incolumita' in queste condizioni?
I soliti FdP stornano l'attenzione da quello che e' un dubbio che andrebbe chiarito.
Non oso immaginare che Roberto abbia seminato la scorta, mi sembrerebbe troppo per lui e per la scorta . Per lui perche' allora e' andato a scuola dal Mossad, per la scorta perche' perche' era composta da giovani lupetti dei boy scout. Magari il capo scorta era matteo da rignano. E tutto si spiegherebbe.
Vota M5S.

Gennaro Esposito Mileto (gerryesposito), Napoli Commentatore certificato 28.03.18 17:46| 
 |
Rispondi al commento

Questa mail per le mie orecchie è come musica e finalmente si sente un'aria diversa fresca, anzi per dirla come Grillo uno Tsunami, e vai...............................................

Silvano Bovi, Scanzorosciate BG Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2017 28.03.18 17:39| 
 |
Rispondi al commento

DEDICATO AGLI "STERCORARI" CHE QUOTIDIANAMENTE VENGONO AD ABBEVERARSI AL BLOG

GIORNALISTI E CONDUTTORI TELEVISIVI SONO COME GLI SCARABEI STERCORARI, MA...

Gli stercorari sono a caccia di merda per farne palline, tutto il giorno, per portarle nelle loro tane per poi mangiarla. I giornalisti e i conduttori televisivi cercano la merda tutto il giorno per scagliarla contro il M5S: uso improprio della merda con cui hanno giocato!
DOBBIAMO COSTRINGERLI A MANGIARSI LA MERDA CHE HANNO SCAGLIATO E CONTINUANO A SCAGLIARE SUL M5S!
Alcuni/e sono talmente sfacciati/e con il loro comportamento infame, che meriterebbero un trattamento "Erdogan".

Max Stirner Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 28.03.18 17:07| 
 |
Rispondi al commento

Leggo nel post
"Una società sana premia il merito, rimuove le disuguaglianze"
Le disuguaglianze possono essere date dal merito, esempio Maria Franca Fissolo ( ferrero, la nutella ) Patrimonio (in miliardi di dollari) 25,2 Posizione mondiale 30 o Leonardo Del Vecchio ( luxottica ) 17,9 / 37 da “Lista degli uomini più ricchi d'Italia secondo Forbes”
https://it.wikipedia.org/wiki/Lista_degli_uomini_pi%C3%B9_ricchi_d%27Italia_secondo_Forbes

Si, c'è pure B., ma non è terzo, ma....

Allora livelliamo Ferrero e Del Vecchio e...?
Solo per info!
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 28.03.18 16:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una proposta per il governo. Berlusconi e Meloni FUORIIIII! Il primo perché impresentabile, falso, bugiardo e interessato solo alle sue proprietà, la seconda perché inutile e amica dei privilegi. Quindi patto scritto tra lega e cinquestelle dando a quest’ultima pari dignità. Programma sottoscritto e scandito per tempistica. Cambio della legge elettorale offrendo un pari premio alla coalizione arrivata prima e al partito arrivato prima. I primi tre anni a Luigi come Premier e i restanti due Salvini e viceversa. Salvini accettera’ e per non essere da meno appoggerà tutte le riforme per tagliare tutti i privilegi. QUESTA E’ L’UNICA SOLUZIONE POSSIBILE.


800 miliardi fatti svanire nelle tasche degli oligarchi infiltrati nella ''politica'' e ''affari'' ; politica e affari intesi come sistema collaudato, privo di rischi (nessun banchiere va in galera) e immunità di vario tipo.

http://www.wallstreetitalia.com/italia-nel-2018-una-stangata-da-11-miliardi-di-euro/

eiopagoeiopagoo 28.03.18 16:49| 
 |
Rispondi al commento

A PROPOSITO DI PARTECIPATE STATALI , CHE DIRE DEL MONTE DEI PASCHI DI SIENA , I CUI TITOLI STANNO PERDENDO CONTINUAMENTE IN BORSA , ALLA FACCIA DELLO STATO CHE GLI HA IMPRESTATO I NOSTRI SOLDI


Io penso che dobbiamo essere chiari con Salvini e dire che noi siamo completamente diversi.Noi vogliamo rovesciare la "piramide" e cominciare dal basso, dai più deboli.Qunidi l'unica cosa raggiungibile che abbiamo in comune è di ritornare al voto, senza prima il dover fare aggiustamenti sulla legge elettorale e togliere i fastdiosi privilegi che ancora impediscono a questa Italia un pricipio sacrosanto che : SAMO TUTTI UGUALI!

osvaldo g., vigevano Commentatore certificato 28.03.18 16:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

le indicazioni sono condivisibili in linea generale pero....
iniziamo dal merito;come lo valutiamo in base a cosa e soprattutto chi lo valuta; valutare un merito significa riconoscerne l'importanza profondamente per cui la prima cosa è stabilire le commissioni atte a farlo;
poi per merito cosa s'intende? secondo me l'aspetto fondamentale(tralascio quelli comportamentali che dovrebbero essere dati per acquisiti)è l'esperienza molto di più della competenza perché è patrimonio unico e personale di ogni singolo;ed ha un valore inestimabile perché non scambiabile,ne comprabile ne trasferibile mentre le competenze sono in generale concetti e modus operandi meccanicamente acquisibili,acquistabili e in breve tempo fatti propri; e l'esperienza aumenta con il numero di azienda per le quali hai lavorato,il numero degli anni lavorati per ognuna delle aziende, aver vissuto in città diverse,estero,confronti con realtà diverse....per me è il valore tecnicamente fondamentale per una prima scrematura sulle scelte;
poi per quanto riguarda i vertici delle aziende pubbliche-partecipate va fatta tabula rasa ai livelli alti-altissimisenza se e senza ma;tutti coloro che hanno avuto responsabilità che hanno indirizzato l'azienda sia dal punto di vista economico-finanziario-di sviluppo-di investimenti tecnici- sicuramente appartengono a cordate più o meno palesi strettamente legate alla politica-sindacali;ed anche i risultati anche se positivi vanno ben intepretati ed analizzati a fondo prima considerarli effettivamente positivi;per cui senza perdere tempo bisogna cambiare;far emergere le centinaia di persone valide messi in un angolo soltanto perché non allineate;
pero aggiungo che prima di fare riferimento a legittimi indirizzi di sviluppo tecnologico abbiamo bisogna di ripristinare tutte le infrastrutture di base:
strade-ferrovie-mobilità marittima-edilizia scolastica che ad oggi sono a livello se non peggiore di realtà africane;
saluti

oreste palmieri 28.03.18 16:09| 
 |
Rispondi al commento

Ieri sera parlavo con un attivista del movimento, durante una riunione : si parla, si discute, siamo tutti un po' in attesa degli eventi. Lui diceva : se facciamo governo con la Lega perdiamo tutti i voti degli elettori ex PD. Io non so se abbia ragione, ma penso che se un elettore invece di votare PD ha votato M5S o Lega, e basta guardare i flussi elettorali per vedere che tanti ex elettori PD hanno votato Lega, se noi gli proponiamo un governo M5S-PD, cioè quello stesso partito che ha rifiutato, non andiamo lontano, forse perdiamo più voti che con un governo di scopo Lega M5S che faccia un paio di provvedimenti utili ai cittadini per poi tornare al voto. Fare un governo con il PD sarebbe possibile solo se fosse un altro partito, non solo senza Renzi ma senza tutti i suoi fedelissimi che si è portato in parlamento. Possibile? Forse ancora non ci si è resi conto che gli elettori magari sono più avanti, al solo sentir parlare un Andrea Romano qualsiasi di sinistra, fuggono fra le braccia non solo del movimento o della Lega, ma persino della Meloni, fiamma tricolore, che però qualcosa di rosso ancora ha, almeno nell'icona. Il voto del 4 marzo è sociale , non ideologico, e l'auspicata fine della finta opposizione dx sn è maturata negli elettori, sopravvive ancora solo fra giornalisti e opinionisti, ancorati all'unico schema che conoscono e che ha dato loro lavoro per anni. Forse il vero cambiamento è culturale, e politico solo in maniera secondaria, l'esito non la causa. Noi ci arrabattiamo fra ipotesi e convergenze prigionieri di schemi ideologici magari obsoleti per i cittadini che ancora una volta si dimostrano più lungimiranti e pratici dei politici : "datemi qualcosa per migliorare la mia vita e da qualunque parte arrivi , partito, movimento, icona, simbolo, fosse anche l'associazione di una bocciofila, avrà il mio voto. Poi voi continuate pure a disquisire su dx o sn, intanto io combatto per la sopravvivenza e voto chi mi aiuta. Punto. ".


Si stanno facendo tante supposizioni sul come e con chi e quando...
Ripeto che va bene cercar di immaginare... ma solo martedì prossimo Mapparella chiamerà qualcuno per le prime consultazioni esplorative. Possono cambiare molte cose.
Se chiamasse per primo Di Maio,io rimango del parere che non sarebbe male far notare al PdR che la vergognosa legge elettorale vigente è stata architettata per favorire le coalizioni e ci sembra giusto lasciare il primo tentativo alla coalizione maggiore, cioè a Salvini. Poi al M5S.

Ovvio che per quanto ci riguarda: da un lato Berlusconi e i suoi seguaci non ci vanno bene; dall'altro Renzi e i suoi renziani ancor meno.

A meno di novità dell'ultima ora... bisognerà pensare allora con Salvini quanto prima a:

1- Reddito di cittadinanza
2- Vitalizi
3- Legge elettorale

ed andare alle urne al più presto

Giuseppe Flavio, vicenza Commentatore certificato 28.03.18 15:38| 
 |
Rispondi al commento

L'epoca degli streaming è finita?

Fredianoleuzzi@gmail.com Fredianoleuzzi@gmail.com, Gallipoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 28.03.18 15:37| 
 |
Rispondi al commento

Preciso,concreto e chiaro.
Grazie per l'intervento.

gianluigi d uva 28.03.18 15:12| 
 |
Rispondi al commento

Ottimo articolo Andrea!
L'ho letto tutto, ma in verità solo le prime righe già inquadrano correttamente il problema delle Società partecipate; laddove scrivi "Una società sana premia il merito, rimuove le disuguaglianze, punisce i disonesti ed investe sui propri talenti..."
Sei anche un generoso quando dici che non bisogna necessariamente fare tabula rasa. Io non conosco tutte le partecipate, ma conosco a sufficienza quella dove lavoro e ti assicuro che sono riusciti a fare uno scempio senza precedenti. Per l'attuale management il merito, il riconoscimento dei talenti l'esperienza ecc. non hanno alcun valore. L'unico valore che conoscono è quello della poltrona e purtroppo anche delle poltroncine, visto fino a che livello si sono spinti a piazzare le figure a loro gradite. Una lottizzazione che è arrivata fino alla umiliazione vera è propria di chi non era legato a nessuna cordata. Però tutto questo rappresenta il passato. Adesso leggendo il tuo articolo, in particolare, ma in generale tutti i vari scritti che vedo sul nostro blog, mi sta tornando di nuovo un po di entusiasmo. E ti assicuro non è poco. Senza sogni siamo finiti.
Quindi avanti così, la strada è quella giusta. E se c'è bisogno di aiuto per realizzare questo sogno, io ci sono.

Fiorenzo 28.03.18 15:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Boeri il "due di briscola" del PD!
Poverino ancora abbarbicato al sistema!
Paura di essere estromesso?
Tranquillo..quelli che hanno fallito li metteremo fuori!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 28.03.18 14:23| 
 |
Rispondi al commento

O con il PD magari ma epurato dal renzismo...
O con la Lega ma da sola...

Visto che il pd è renzizzatissimo l'unica via resta la lega!

Penso che se offriamo la poltrona di premier a Salvini questo potrebbe vacillare!

Conta solo il programma e se c'è spazio per fare qualcosa di buono per gli italiani allora offriamogli sta poltrona!!!!

Conta ciò che si realizza alla fine!

E sembra che Salvini sia abbastanza concreto!!!

Certo su alcuni temi c'è distanza ma si possono affrontare e realizzare importanti questioni.

Salvini deve capire che la lega unita al centrodestra non conta un cazzo mentre con il M5S governa!
Altri slogan servono solo per pigliare per il culo!

Paolo . Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2017 28.03.18 14:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciò che mi fa imbestialire è che proprio alla situazione attuale intendevano pervenire questi farabutti, votando la peggiore legge elettorale della storia, con 8 voti di fiducia ed a fine mandato parlamentare.
Miravano a determinare una situazione senza via d'uscita per il M5S.
O ti accordi con noi, caro Di Maio, o facciamo la grande coalizione come in Germania e resti fuori per altri cinque anni.
Ma non hanno fatto i conti col trentadue e passa per cento del risultato elettorale, che da al M5S la facoltà di stare alla finestra guardandoli infilarsi in un ginepraio dal quale usciranno a pezzi: PD, PDL e Lega.
Se Salvini non ha istinti suicidi, accetterà una modifica veloce alla legge elettorale ed il ritorno al voto in Autunno.
Di Maio non deve schiodarsi di un millimetro dalle proprie posizioni, perché questa volta il M5S ha il coltello dalla parte del manico. Comunque vada, grande coalizione Pd-Pdl-Lega o ritorno al voto, il M5S ne ricaverà un vantaggio in termini di consensi, e loro lo sanno bene.
Se si azzardano a fare un mega inciucio, alle prossime Europee il M5S prenderà il 50% o forse più. Se torniamo al voto, il M5S vedrà crescere di parecchio il proprio consenso. Qualunque cosa succeda il M5S guadagna voti. Può perderne soltanto accordandosi al ribasso con Salvini/Berlusconi o con il PD renziano. Al M5S in questo momento conviene rimanere inamovibile, proponendo un programma marcatamente a 5 Stelle e minacciando di sfilarsi nel caso di un rifiuto.

Aberto O., BERGAMO Commentatore certificato 28.03.18 14:01| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Professore, chiaro e condivisibile da chiunque segua ragionamenti logici ed onesti.
Buon lavoro e Complimenti!
Paolo Croce

Paolo Croce 28.03.18 13:55| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti, quello che scrive Rovantini non solo è corretto, dovrebbe essere scritto nella Costituzione ( in realtà c’e), ma come la mettiamo con il Contratto di lavoro della RAI ( Fico e’ , o era, il presidente della Commissione di Vigilanza) che prevede il passaggio di padre in figlio del posto di lavoro in determinate circostanze? Un esempio della meritocrazia genetica?
Graziano

Graziano Vignali 28.03.18 13:52| 
 |
Rispondi al commento

PERDONATEMI IL FUORI PISTA, ma è contestuale alla gente di cuore e con testa.

Giovanni cap.15, versetto13.
"Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici".

Sarebbe cosa buona e giusta che si aprisse il processo di canonizzazione per il Gendarme Arnaud Beltrame, già Santo agli occhi di Dio e degli uomini, e della donna alla quale ha protetto la vita.


L'epoca degli streaming è finita


Credo che li abbiamo spiazzati tutti solo con questo paletto del nostro statuto: " due mandati"....per chi è una vita che è in politica con i risultati che vediamo.

ps: Felpina quanti mandati farai?

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 28.03.18 13:29| 
 |
Rispondi al commento

centra poco con il post ma vorrei esprimere la mia personale preoccupazione per una alleanza col pd renziano ,meglio andare alle urne o cercare punti di incontro con la lega ma MAI con questo pd che è peggio di forza italia,anzi è la stessa cosa. penso che molti la pensino come me

franco bertocci, taranto Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 28.03.18 13:28| 
 |
Rispondi al commento

OT POSTELETTORALE
In Streaming gli incontri e si sappia chi non li vuole!
In Streaming gli incontri e si sappia chi non li vuole!
In Streaming gli incontri e si sappia chi non li vuole!
In Streaming gli incontri e si sappia chi non li vuole!
In Streaming gli incontri e si sappia chi non li vuole!
In Streaming gli incontri e si sappia chi non li vuole!
In Streaming gli incontri e si sappia chi non li vuole!
In Streaming gli incontri e si sappia chi non li vuole!
In Streaming gli incontri e si sappia chi non li vuole!
In Streaming gli incontri e si sappia chi non li vuole!
In Streaming gli incontri e si sappia chi non li vuole!
In Streaming gli incontri e si sappia chi non li vuole!
...Pronto Gigi ... ci sei?...sei connesso?...avanti tutta!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 28.03.18 13:16| 
 |
Rispondi al commento

E soprattutto è ora di inaugurare la fine della svendita di assets strategici, che devono rimanere pubblici e nazionali.
Recuperando, ove possibile, tutto il tempo perduto e svenduto, superando le perverse politiche a favore del mercato anzichè dello Stato Italiano (che siamo noi cittadini).

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 28.03.18 13:05| 
 |
Rispondi al commento

Il nuovo è M5S-Lega,FI è un vecchio intruso come il PD e vogliono solo privilegi,pensioni d'oro e clientelismo,cioè non cambiare nulla.
Sui territori ci sono M5S e Lega gli altri partiti sono scomparsi,sono stati assimilati dal sistema 20 anni fa.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 28.03.18 12:42| 
 |
Rispondi al commento

Si bene. Che sia competenza vera però.

danilo montanari 28.03.18 12:36| 
 |
Rispondi al commento

CDP può essere l'interfaccia dell'Italia nel finanziarsi da BCE consentendo risparmi per circa 80 Miliardi di Euro sugli interessi sul Debito Pubblico. In alternativa al passaggio che oggi avviene attraverso il Sistema Bancario.

Vincenzo Cirigliano (), Moliterno (Potenza ) Commentatore certificato 28.03.18 12:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando il M5S chiederá pubblicamente a Gentilini cosa intende fare con il Monte dei Paschi che sta distruggendo i nostri soldi

Gianfranco Pedrocchi 28.03.18 12:13| 
 |
Rispondi al commento

Tra Lega e PD preferisco Lega e come disse Scalfari il PD preferisce Berlusconi a Di Maio.
E' una semplice proporzione.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 28.03.18 12:12| 
 |
Rispondi al commento

STAMPA ACCATTONA

Il Sole 24 Ore,giornalaccio degli accattoni della politica degli incompetenti e degli opinionisti bocconiani,mette in risalto che Fico nel 2013 aveva reddito 0 ed ora è Presidente della Camera.
Come avrà fatto uno con reddito 0 e sopratutto senza conoscenze politiche e tradizioni clientelistiche a diventare Presidente?
Piuttosto c'è da chiedersi come Il Sole 24 ore navighi nei debiti nonostante i cospicui finanziamenti di Confindustria e fior fiori di "competenti" non riesce ad essere un giornale di qualità e come accumuli sprechi da decenni.
Fico non ci è costato niente ad oggi mentre Il Sole 24 ore ha accumulato debiti per quasi 50 milioni di euro gonfiando i dati dei lettori digitali per mantenersi vivo ma è morto da tempo.
L'aria sta cambiando fatevene una ragione,contano i curriculum e l'impegno,fuori dalle palle le mezze seghe professionisti della politica.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 28.03.18 12:10| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il Fatto Quotidiano, a firma Fabrizio d'Esposito, scrive una grossa menzogna: "La maggioranza dei grillini preferisce stare col Pd" (???). D'Esposito, cerca di scrivere le cose come stanno e non quelle che fanno piacere al tuo direttore! La maggioranza dei grillini non vorrebbe stare con nessuno, mentre Grillo ha dato il suo okei a Di Maio e ai suoi tentativi di intesa con Salvini. Più ragionevole è il costituzionalista Pasquino che del Pd nemmeno parla, tanto si è suicidato da solo, considera solo Pd e Lega e dice che ci vorranno molto tempo e molte trattative "fino a rendere possibili scenari che sembrano irrealizzabili" ma più tempo passa più sarà possibile trovare un accordo. La base comune è che sia M5S che Lega partono da un forte attacco al sistema dominante Un programma comune nascerà da lunghi negoziati. Non mancheranno le persone capaci di prendere in mano il cambiamento, si troverà il coraggio alla fine per farlo.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.03.18 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Ieri il Cons. Del. di Ferrovie dello Stato certo Mazzoncini, si è autoincensato per i risultati di Bilancio 2017 e ha sbandierato dati straordinari in tutti i comparti.
Non ha ricordato che appena due mesi fa ha dovuto scusarsi con i cittadini per l'incidente di Pioltello.
Ogni giorno ritardi e soppressione di treni sulle linee pendolari (Bergamo-Brescia- Lecco-Milano) e non racconto le condizioni in cui si viaggia.
Il sig. Mazzoncini negli ultimi mesi è andato ad investire all'estero: Gran Bretagna, Grecia, Olanda, India, ecc., dimenticandosi dei problemi della Rete ferroviaria italiana.
Ha esaltato l'utile realizzato di 552 Milioni, dimenticandosi che le aziende di servizi statali devono chiudere in pareggio e quel avanzo andava usato per migliorare le prestazioni per i viaggiatori: ma forse i suoi incentivi erano proprio legati a quel risultato!
Per quanto sopra è il primo manager da sostituire subito.
Altri due esempi sono la Marcegaglia presidente di ENI e Profumo - banchiere - a capo di Finmeccanica.
Buon lavoro Roventini.
G.Mazz.

gianpiero m., Bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 28.03.18 11:55| 
 |
Rispondi al commento

Tutto bello, anche se ci si dimentica che gli stipendi di questi "dirigenti" devono essere ridimensionati sulla base di un rapporto più equo con quelli medi degli italiani, diversamente aumentiamo quelli dei cittadini comuni.

Altro punto è la responsabilità dei dirigenti quando sbagliano per corruzione, familismo, clientelismo ecc.. in questo caso devono essere mandati nelle pubbliche galere e non ai domiciliari o in prescrizione: facciamo per questi pubblici amministratori delle corsie giudiziarie preferenziali. Solo garantendo il carcere sicuro si potrà migliorare la società: partendo dall'alto.

Beppe

giuseppe belotti 28.03.18 11:53| 
 |
Rispondi al commento

Mi risulta che la CDP non finanzi più gli Enti Locali,ma i privati!
E questo grazie a un decreto(di cui non ricordo la data) approvato dal Nano malefico.

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 28.03.18 11:50| 
 |
Rispondi al commento

Temi e discorsi mai sentiti fino ad oggi. È il vento del cambiamento. Avanti cosí!!!

Fabrizio G. 28.03.18 11:48| 
 |
Rispondi al commento

4
E chi potrebbe obiettare se una parte delle misure per disoccupati e pensionati fossero finanziate con una patrimoniale? Dal 4 marzo si leggono curiose giaculatorie sui conti pubblici che “rischiano di saltare” e sugli “impegni con l’Europa” a rischio. Il bello è che vengono da ministri e tifosi degli ultimi governi che hanno sempre tradito gl’impegni con l’Ue elemosinando proroghe, deroghe e “flessibilità”. Gentaglia che ha infilato nella Costituzione il demenziale pareggio di bilancio, salvo poi aumentare il deficit e il debito. Carlo Calenda, ministro per fortuna uscente dello Sviluppo (per mancanza di voti), minaccia preventive procedure d’infrazione Ue (per il buco lasciato dal suo governo). E intima dalle colonne del Corriere della Sera: “I populisti dicano se sfonderanno il deficit”. Se no?

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.03.18 11:41| 
 |
Rispondi al commento

3
. Ma il reddito di cittadinanza, comunque lo si voglia chiamare, esiste da anni in tutti i Paesi d’Europa tranne il nostro e la Grecia: perché dovrebbe essere uno scandalo? Costa 30 miliardi l’anno, la metà dei soldi spesi una tantum dagli ultimi governi per le banche decotte. Quanto alla Fornero, impone una delle età pensionabili più alte d’Europa, in un Paese che ha gli orari di lavoro fra i più alti d’Europa in cambio di salari fra i più bassi d’Europa. Questa Europa vale sempre, o solo quando fa comodo a lorsignori? Poi, certo, c’è il problema delle coperture: infatti abbiamo scritto e ripetiamo che un governo 5Stelle-Lega (peggio mi sento se con l’aggiunta del Delinquente) sarebbe demenziale anche per questo: non si possono fare insieme reddito di cittadinanza, flat tax e riforma della Fornero. Ma il terrorismo sulle coperture, sempre calcolate sui massimi (come se si volesse fare tutto subito), per concludere che non si può fare mai niente di nuovo, fa ridere. Pare quasi che tutto quanto fatto fin qui fosse un dogma di fede, intoccabile e immodificabile. E chi l’ha detto? Se la sovranità appartiene al popolo e il popolo boccia da cinque anni chi governa da 24, vuol dire che il nuovo governo non solo può, ma deve cambiare registro.
Chi l’ha detto che bisogna continuare a rinunciare ai 4 miliardi l’anno di Imu sulle prime case? Chi l’ha stabilito che si devono continuare a gettare dalla finestra 10-12 miliardi l’anno per gli 80 euro a chi già lavora, anziché destinarli a chi non ha nulla? Dov’è scritto che si deve continuare a buttare miliardi in opere inutili come il Tav Torino-Lione? Ce l’ha ordinato il medico di scialare decine di miliardi in esenzioni e regalie alle imprese e in bonus inutili? E quale norma vieta di recuperare decine di miliardi (veri) dall’evasione e dalla corruzione alzando le pene e dunque il rischio-galera (oggi pari a zero), per tosare un po’ di ladri in guanti gialli che si pappano 2-300 miliardi all’anno?

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.03.18 11:41| 
 |
Rispondi al commento

2
Ora, per dire, si è scoperto – come se fosse una novità – che Fico si è laureato (per davvero, non per finta come la ministra per fortuna uscente dell’Istruzione Valeria Fedeli) a Trieste in Scienze della comunicazione con una tesi sull’“Identità sociale e linguistica della musica neomelodica napoletana” (se invece, puta caso, si fosse occupato degli Inti Illimani, cambiava tutto). Scandalo, occhiatine d’intesa, risolini di commiserazione, conditi da altre ironie sul fatto che ha lavorato in un ristorante e poi in un call center. Come se non bastasse quello zotico di Di Maio, che faceva lo steward allo stadio San Paolo e sbaglia pure i congiuntivi. Tutto questo a opera di insigni giornalisti e pensatori “de sinistra”, così de sinistra da sbeffeggiare due ragazzi del Sud perché non hanno trovato un lavoro stabile e da non rendersi conto che i 5Stelle sono stati votati anche o proprio per questo: perché non sono figli di politici o di papà e, con o senza titolo di studio, si sono arrabattati per campare come milioni di loro concittadini nella famosa Repubblica fondata sul lavoro, anzi – grazie al cosiddetto centrosinistra – sul Jobs Act, sul precariato e sui voucher. Questo sì che è progresso.
Un altro mantra di chi cerca invano parole e argomenti su 5Stelle e Lega è che sono “putiniani”: come se non fossimo stati già governati da amici (Prodi e Renzi) o compari (B.) di Putin. Dov’erano allora le vergini violate? Altro refrain, sempre salmodiato col sorrisetto furbo di chi la sa lunga: “Dove trovano i soldi per fare il reddito di cittadinanza e abolire la Fornero?”.
Ma la vera domanda è un’altra: il reddito di cittadinanza e la Fornero sono buoni o cattivi? E, se l’uno è cattivo e l’altra buona, perché tanta gente ha votato per l’uno e contro l’altra? Si dirà: troppo comodo promettere più soldi e meno lavoro. Vero, infatti non parliamo di flat tax che, oltre a creare voragini nei conti, aggraverebbe le diseguaglianze in un fisco già iniquo.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.03.18 11:40| 
 |
Rispondi al commento

1
Non ho mai sopportato gli incoerenti, e Travaglio con questa sua fissazione che ci dobbiamo alleare col Pd sta dimostrando la massima incoerenza. In questo articolo,dopo aver detto peste e corna del Pd e dei suoi disastri, di nuovo ricade nel vizio ormai ossessivo di dirci che dovremmo allearci col Pd. Ora, i casi sono due: o Travaglio si dichiara un piddino 'dormiente' e la pianta di cazziare il Pd, o si dimostra nemico del Pd e la pianta di cazziare noi perché non ci alleiamo col Pd. Io continuo a considerarlo il migliore giornalista d'Italia, ma, per carità, faccia pace con se stesso!!

LE VERGINI VIOLATE
di Marco Travaglio, 28 marzo 2018
Siccome il Fatto, secondo alcuni buontemponi, sarebbe l’organo dei 5Stelle, è stato l’unico quotidiano a infischiarsene del presidente della Camera Roberto Fico sull’autobus e sulla metro. Una breve in cronaca, giusto per la curiosità del presunto evento, che all’estero è normale e solo nell’Italia del vippume autoblumunito e scarrozzato diventa notizia sensazionale. Titoloni, dibattiti, polemiche, stupori, leccate di culo e disquisizioni sul fatto che però altre volte Fico prendeva il taxi e lo metteva in nota spese con tanto di ricevute, come tutti i lavoratori in trasferta di questo mondo. Un gigantesco chissenefrega, che però diventa la cartina al tornasole del totale spiazzamento-spaesamento di chi dovrebbe commentare e soprattutto spiegare la vittoria elettorale e le prime mosse dei due partiti cosiddetti “antisistema” che, nel giro di tre settimane, hanno messo nel sacco quelli che avevano retto 24 anni di Seconda Repubblica. Mancano proprio le parole, le categorie, gli schemi mentali e lessicali.


segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.03.18 11:39| 
 |
Rispondi al commento

Leggo nel post
“….Invece, bisognerà pragmaticamente verificare i risultati ottenuti dai vertici uscenti caso per caso, considerando gli obiettivi ed il contesto competitivo e normativo...”
Bello. Ma chi è in grado di valutare?
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 28.03.18 11:23| 
 |
Rispondi al commento

FINALMENTEEEEEE!
Perchè con i miei 80 anni non ho mai sentito un discorso del genere....dai CAPACI?????

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 28.03.18 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Tra i nomi che circolano tra vicepresidenze questori segretari alla camera e al senato non c'è un sardo.. E dire che in sardegna il movimento 5 stelle ha fatto il pienone..Noto con grande ramarico che cambia il colore ma la sardegna rimane sempre fuori dai giochi..Una colonia dove razziare voti" Tito Tivio parlava dei di "Sardi venales"da vendere a basso prezzo come schiavi.Di peggio scrisse M.T Cicerone nell'oratoria in difesa di scauro "Pro M. Aemilio Scauro oratio" definendo i sardi mastrucati latrunculi" inaffidabili ladri coperti di pelli ed aggiunge "Qua re cum integri nihil fuerit in hac gente piena, quam ualde eam putamus tot transfusionibus coacuisse? E allora, dal momento che nulla di puro c’è stato in questa gente nemmeno all’o­rigine, quanto dobbiamo pensare che si sia inacetita per tanti travasi? In altre parole dei sardi bastardi senza patria ne dignità" Un retaggio che semgra essere anche dei vertici 5S....che con grande ipocrisia parlano di trasparenza e volonta dei cittadini..Io sono iscritto ai 5 stelle ed ho votato e fatto votare ma mi sento offeso nella dignità .. non considerare i parlamentari sardi degni di alcuna carica

Pier luigi 28.03.18 11:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PERFETTO!!!

ROSSANA I., ROMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 28.03.18 11:13| 
 |
Rispondi al commento

"E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’uguaglianza dei cittadini, impediscE’ compito di rimuovere gli ostacoli che impediscono il pieno sviluppo della persona umana: quindi dare lavoro a tutti, dare una giusta retribuzione a tutti, dare una scuola a tutti, dare a tutti gli uomini dignità di uomo. Soltanto quando questo sarà raggiunto, si potrà veramente dire che la formula contenuta nell’art. primo: "L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro" corrisponderà alla realtà. Perché fino a che non c’è questa possibilità per ogni uomo di lavorare e di studiare e di trarre con sicurezza dal proprio lavoro i mezzi per vivere da uomo, non solo la nostra Repubblica non si potrà chiamare fondata sul lavoro, ma non si potrà chiamare neanche democratica perché una democrazia in cui non ci sia questa uguaglianza di fatto, in cui ci sia soltanto una uguaglianza di diritto, è una democrazia puramente formale, non è una democrazia in cui tutti i cittadini veramente siano messi in grado di concorrere alla vita della società, di portare il loro miglior contributo, in cui tutte le forze spirituali di tutti i cittadini siano messe a contribuire a questo cammino, a questo progresso continuo di tutta la società. ono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese".

francesca marcellino 28.03.18 11:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lo spoil system è invece fondamentale anche per dare una lezione a quelli
che si sono troppo genuflessi al potere. Salvo qualche raro caso
eccezionale occorre cambiare tutti gli amministratori...

EMILIANO SPAZIANI 28.03.18 10:58| 
 |
Rispondi al commento

Le nomine di tali società sono più importanti di quelle del Parlamento.
La dirigenza delle aziende pubbliche partecipate ha condizionato l'andamento economico ed occupazionale del paese per decenni,in peggio naturalmente.
I partiti hanno lottizzato tutto con i loro uomini impostando politiche energetiche ed industriali mediocri ed antieconomiche per non parlare dell'informazione o della CDP che è usata come qualsiasi forma di garanzia per indebitare il paese.
Se fosse per me farei proprio una tabula rasa,ma ci sono sicuramente delle competenze che devono essere salvate e rivalutate ma i carrozzoni degli sprechi vanno sfoltiti.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 28.03.18 10:55| 
 |
Rispondi al commento

Gentile Andrea Roventini , per garantire la trasparenza e la competenza sarebbe giusto affidare le nomine - nelle società partecipate pubbliche nonché negli incarichi pubblici di varia tipologia comprese le selezioni di candidati all' interno del nostro movimento pentastellato - alle agenzie " esterne " specializzate alla selezione di soggetti qualificati in modo da assicurare scelte a favore del bene comune e quindi dell' ulteriore crescita del M5S .Cordialità Bruno Tozzi Salerno , 3387026014 , tozzi49@yahoo.it


Una Società Sana applica i princìpi della sua Costituzione. Una Società Sana deve ritornare a essere Sovrana della sua propria moneta. Il Reddito di cittadinanza, almeno quello per cominciare, deve essere pagato con una Nostra Moneta complementare o parallela all'euro. E anche la ricostruzione delle zone terremotate ... Con i tagli ai costi della politica e con la lotta all'evasione fiscale ci rilanciamo invece lo sviluppo delle imprese e la ripresa dell'occupazione. Bisogna battere MONETA . Punto !

massimo beltrami 28.03.18 10:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le competenze specifiche dovrebbero essere il requisito essenziale, purtroppo, come sempre accade, nelle aziende di Stato vengono "piazzati" gli amici degli amici o i trombati alle elezioni.
Per fare un esempio, nelle aziende che si occupano di "Spazio aereo e difesa", non sarebbe giusto richiedere, come requisito essenziale, titoli aeronautici ed operativi inerenti il tipo di attività che verrebbe svolta?
Non si può mettere a capo di una azienda aeronautica persone che hanno volato solo per andare in vacanza, sarebbe come mettere a capo di una banca un perito elettrotecnico (con tutto il rispetto per i periti elettrotecnici), ma ognuno deve essere utilizzato per le proprie competenze.
Mi viene in mente un ragionamento che mi fecero anni addietro quando, a seguito delle mie perplessità sulla nomina in un settore aeronautico di una persona che di volo non capiva nulla, mi risposero: "vuoi mica che mettevano uno che ci capiva...... poi rompeva i c......

VINCENZO ANTONA, Vercelli Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 28.03.18 10:29| 
 |
Rispondi al commento

...principi sacrosanti e ragionamento ineccepibile...avanti così!!...

GIOVANNI INVERNIZZI 28.03.18 10:27| 
 |
Rispondi al commento

Accidenti! Il nostro Roventini è riuscito a farmi capire, in modo semplice, un intero Programma di Governo del Ministero dell'Economia. Eh sì Luigi, tu Premier e se poi vorranno riprendere il dialogo mettendo dei veti hai Ministri della nostra Squadra, dovranno davvero trovare proposte convincenti per darne motivazione. Un abbraccio.

Claudio Secchi 28.03.18 10:26| 
 |
Rispondi al commento

ot

marcotravaglio:

"Ma la vera domanda è un'altra: il reddito di cittadinanza e la Fornero sono buoni o
cattivi? E, se l’uno è cattivo e l’altra buona, perché tanta gente ha votato per l’uno e contro l’altra?
Si dirà: troppo comodo promettere più soldi e meno lavoro. Vero, infatti non parliamo di flat tax che, oltre a creare voragini nei conti, aggraverebbe le diseguaglianze in un fisco già iniquo. Ma il reddito di cittadinanza, comunque lo si voglia chiamare, esiste da anni in tutti i
Paesi d’Europa tranne il nostro
e la Grecia: perché dovrebbe essere uno scandalo? Costa 30 miliardi l’anno, la metà dei soldi spesi una tantum dagli ultimi governi per le banche decotte.
Quanto alla Fornero, impone una delle età pensionabili più alte d’Europa, in un Paese che ha gli orari di lavoro fra i più alti d’Europa in cambio di salari fra i più
bassi d’Europa. Questa Europa vale sempre, o solo quando fa comodo a lorsignori? Poi, certo, c’è il problema delle coperture: infatti abbiamo scritto e ripetiamo che un governo 5Stelle-Lega
(peggio mi sento se con l’a ggiunta del Delinquente) sarebbe demenziale anche per questo: non si possono fare insieme
reddito di cittadinanza, flat tax e
riforma della Fornero. Ma il terrorismo sulle coperture, sempre calcolate sui massimi (come se si volesse fare tutto subito), per concludere che non si può
fare mai niente di nuovo, fa ridere. Pare quasi che tutto quanto fatto fin qui fosse un dogma di fede, intoccabile e immodificabile. E chi l’ha detto?"

"il reddito di cittadinanza, comunque lo si voglia chiamare, esiste da anni in tutti i
Paesi d’Europa tranne il nostro
e la Grecia: perché dovrebbe essere uno scandalo?"...

ergo matteodue stia buono... :)

pabblo 28.03.18 10:03| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori