Il Blog delle Stelle
Nel Lazio taglieremo l'addizionale Irpef. E lo faremo così

Nel Lazio taglieremo l'addizionale Irpef. E lo faremo così

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 3

di Roberta Lombardi

La famiglia è una delle priorità contenute nel programma del MoVimento 5 Stelle per la Regione Lazio e se diventerò presidente, tra le varie misure sul tavolo, c'è anche quella di cancellare l'addizionale Irpef. Si può fare, ho messo a punto con un team di esperti una manovra che mira a produrre infrastrutture riducendo le tasse dei cittadini laziali, che sono le più alte di Italia.

Oggi su ciascuna famiglia del Lazio grava un debito pubblico regionale di circa 15.000 euro, su cui la Regione paga cospicui interessi e che contribuisce a determinare i circa 1000 euro di addizionali regionali che ogni anno tutti noi siamo costretti a pagare. Ebbene, il nostro progetto è istituire un fondo regionale che ripristini il rapporto tra le famiglie e il loro territorio e che potrà emettere anche titoli di debito regionale, attraverso cui riusciremo a realizzare grandi infrastrutture ferroviarie (come la metropolitana leggere sulla Pontina) e l’aeroporto di provincia. Parliamo di investimenti pubblici che mirano a offrire nuovi servizi alla cittadinanza.

Oggi gran parte delle famiglie investono i propri fondi in banche che nel migliore dei casi gli attribuiscono degli interessi, e che nel peggiore vengono salvate dallo Stato con i soldi degli stessi risparmiatori. Vedi Banca Etruria e il caso che ha coinvolto Maria Elena Boschi. Noi vogliamo invece dare la possibilità alle famiglie laziali di dirottare una piccolissima parte di quei soldi dalla banca, dove sono fermi, al fondo della Regione Lazio che vogliamo istituire partecipando così alla redditività che quella infrastruttura sarà in grado di produrre ed avendo comunque il capitale investito garantito dalla Regione.

Non solo. In cambio, a seconda della partecipazione al fondo, sarà applicata una riduzione progressiva dell'addizionale Irpef, fino a un azzeramento totale. Insomma, quello che faremo sarà offrire finalmente una scelta a migliaia di cittadini: avere dei soldi fermi in banca continuando a pagare tasse altissime, oppure partecipare al rendimento del Fondo infrastrutture della Regione Lazio con una minima parte e decidere di non pagare più l'addizionale.

Ve l'ho detto, si può fare!
Le famiglie sono la risorsa più importante della nostra Regione. Le dobbiamo sostenere introducendo un quoziente familiare, il reddito di cittadinanza e l’azzeramento, appunto, delle addizionali regionali. Così potranno tornare a spendere e a fare economia. Così, finalmente, si riparte insieme.

SOSTIENI IL RALLY PER ANDARE AL GOVERNO CON UNA DONAZIONE:

scopriprogramma.jpg



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

1 Mar 2018, 11:40 | Scrivi | Commenti (3) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 3


Tags: addizionale, irpef, lazio, lombardi, m5s

Commenti

 

C'era una volta il contributo al Servizio Sanitario Nazionale. Una parte la pagavano i datori di lavoro e una parte i lavoratori, che allora non si chiamavano ancora risorse umane. Poi il contributo è stato abolito (forse era il primo passo per abolire il Servizio..) ed è stato sostituito dall'IRAP e dall'addizionale regionale.
Le denominazioni dei nuovi tributi sono così distanti dallo scopo per cui erano stati istituiti, che è stato facile dimenticarselo.
E allora tutti a parlare dell'iniquità dell'IRAP e a chiederne la riduzione, se non addirittura l'eliminazione; e ora anche dell'addizionale regionale in cambio del dirottamento dei risparmi (per chi li ha) al fondo regionale per infrastrutture. E la sanità?
E i titoli del debito regionale hanno scadenza? chi li paga? Quanto all'esposizione dell'ente in che cosa sono diversi dal debito pubblico regionale?
Quanto al quoziente familiare è un vecchio pallino della Meloni, dai tempi del governo Berlusconi.
Andate a chiedere un aumento tasse a chi e sceso da due figli a uno perché uno lo ha perduto, purtroppo capita anche questo, oppure a chi figli non ne ha avuti non per scelta.
Solo per capire, cordialmente

Piero Pistolesi

piero pistolesi 02.03.18 21:14| 
 |
Rispondi al commento

E' un'ottima idea quella di far partecipare i cittadini al finanziamento della Regione, evitando l'onerosa intermediazione del sistema finanziario. Ciò produce risparmi per l'Ente e un congruo compenso per i cittadini che Vi contribuiscono.
Questa interessante idea va segnalata al nascente nuovo Governo 5 Stelle affinché la utilizzi, su larga scala, anche per i fabbisogni finanziari del Paese, svincolandoci dall'intervento dei finanziatori esteri (che acquistano i nostri titoli di stato) che poi ci tengono sotto ricatto con lo "spread".
Complimento Roberta e tantissimi auguri per un Lazio 5 Stelle.
G.Mazz.

gianpiero m., Bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 01.03.18 19:13| 
 |
Rispondi al commento

È tanto che non arrivo uno.

D. Pavan Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 01.03.18 11:42| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori