Il Blog delle Stelle
Pronta la tempesta perfetta su NPLs e banche italiane

Pronta la tempesta perfetta su NPLs e banche italiane

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 46


di MoVimento 5 Stelle Europa

La pubblicazione dell'addendum alle linee guida sugli NPL (i famosi crediti deteriorati) da parte della BCE a distanza di un giorno dalla pubblicazione del pacchetto legislativo della Commissione rappresenta senz'altro il più grave attacco mai visto al credito. Si tratta di due iniziative parallele e sovrapposte portate avanti dalle due istituzioni europee per rincarare la dose contro il sistema del credito. Le proposte impongono alle banche di mettere a copertura dei crediti deteriorati accantonamenti progressivi di capitale che arrivano sino alla copertura integrale del 100% del prestito dopo 8 anni per i crediti garantiti, e dopo soli 2 anni per quelli non garantiti. Ciò significa che se un cittadino o un'impresa non dovesse rimborsare un mutuo nei tempi, la banca sarebbe costretta a immobilizzare sempre più capitale sino ad arrivare ad accantonare il 100% della somma prestata in modo automatico e vincolante.

Il pacchetto della Commissione riflette il contenuto delle linee guide BCE pubblicate in un documento chiamato "addendum" che pone condizioni ancora più severe: 7 anni invece di 8 e l'applicazione a tutti i nuovi NPLs, anche quelli sui crediti già concessi. Anche se la banca non poteva prevedere, dunque, all'epoca della concessione del credito, ora al generarsi di un NPL dovrebbe teoricamente sottostare alle nuove regole. La prima versione dell'addendum era stata pubblicata a novembre scatenando un vero scontro istituzionale. La Banca Centrale Europea fu già criticata per aver scavalcato i limiti del suo mandato adottando regole "prudenziali" che soffocano l'economia reale. Comportandosi di fatto come un legislatore e ignorando le innumerevoli critiche da parte di tutti i soggetti coinvolti, cittadini compresi.

Si tratta di requisiti di capitale pesantissimi che hanno l'obiettivo di favorire la crisi del sistema del credito e il suo accorpamento nei colossi bancari "too big to fail" e di accelerare le liquidazioni di NPLs a prezzi di saldo, a tutto vantaggio dei fondi speculativi in cerca di affari. Per sfuggire a requisiti di capitale così massacranti, le banche si ritroverebbero infatti costrette a liberarsi al più presto dei loro crediti deteriorati svendendoli ai fondi avvoltoio internazionali che dominano il mercato opaco dei crediti deteriorati e che sono liberi di speculare sul prezzo di acquisto degli NPL e quindi guadagnare incredibili profitti attraverso la gestione del recupero crediti, sulle spalle sia delle banche, sia delle imprese, sia dei cittadini.

Ad esempio, se un prestito vale 100, la banca riuscirà a venderlo massimo a 20 a un fondo specializzato che ne recupererà 50 dal debitore e in questo modo conseguirà un guadagno netto di 30. Questo meccanismo perverso chiaramente si traduce in una pesantissima svalutazione nei bilanci delle banche (dove il credito con un valore nominale di 100 verrà contabilizzato a 20) con conseguenti richieste di ricapitalizzazione da parte delle autorità sempre più insostenibili per le banche, ed espone famiglie e imprese alle procedure fredde standardizzate delle società esterne di recupero crediti, minando quel poco di fiducia tra banche e cittadini rimasta dopo gli scandali di questi anni. La banca diventerebbe così una sorta di sportello automatizzato e inumano.

Per un sistema bancario fortemente esposto sul credito come il nostro, in cui la proporzione tra attività di credito e finanza speculativa è pari a 80:20, a differenza dei sistemi bancari del Nord che all'opposti sono esposti 80 su finanza e 20 su credito, questo pacchetto di misure rappresenta un vero e proprio attacco diretto con le nostre banche e contro l'economia di tutto il Sud Europa, e al contempo un enorme vantaggio competitivo alle banche del Nord Europa.

Come denunciamo da tempo, infatti, dietro l'imposizione di requisiti di capitale sempre più asfissianti e insostenibili sul rischio di credito e la grave sottovalutazione del rischio derivati, c'è il subdolo disegno politico di mettere in crisi il sistema bancario del Sud Europa e di far sparire le banche piccole e medie, ancorate sul territorio, per darle in pasto alle grandi banche d'affari "too big to fail", facilitando in questo modo l'ulteriore concentrazione del settore bancario. Abbiamo già avuto modo di sperimentare sulla pelle dei cittadini le prime applicazioni di questo schema infernale con i bail-in Italia e in Spagna. Il prossimo passo sarà chiedere la copertura sul rischio sovrano e a quel punto l'economia dei Paesi del Sud sarà ridotta in ginocchio mentre le grandi banche d'affari e le economie del Nord continueranno a prosperare.

Stiamo lavorando per proteggere il modello di banca commerciale tradizionale e facilitare la concessione di più prestiti a famiglie e PMI attraverso proposte concrete e costruttive (riduzioni sostanziali di requisiti di capitale per prestiti retail e alle PMI, incentivi per prestiti a imprese sociali e investimenti verdi, un nuovo Glass Steagall Act per separare il credito dalla finanza). Provvedimenti come quelli esposti in apertura tagliano di fatto le gambe a chi vuole migliorare la situazione. Sono il frutto di un peso del Governo italiano in Europa praticamente inconsistente, incapace d'intercettare e condizionare i provvedimenti nell'interesse nazionale e dei cittadini. Al contrario di quello che fanno altri Paesi come Germania e Francia.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

19 Mar 2018, 10:08 | Scrivi | Commenti (46) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 46


Tags: banche, draghi, europa, italia, ue

Commenti

 

Quello che vedo e che ci sono paesi come germania francia e compagnia che pagano il debito publico con meno interessi. La scusa e che sono a meno rischio con un AAA e noi in Italia con un BBB. Ma non siamo nell'EURO anche noi? Allora perche ci sono differenze di percentuale del debito? Mi spiego meglio. Se un mutuo e al 5% per il signor Bianchi perche per lo stesso mutuo e dalla stessa Banca per il signor verdi e al 8%? Questo e il problema diverse percentuali di pagamento verso il debito publico e privato. Soluzioni come i paesi piu ricchi devono pagare il debito dei paesi piu poveri e completamente ridicolo. Ma pagare le stesse percentuali sul debito (nella zona Euro) questo si che aiuta i paesi piu "poveri". Sono sicuro che questo spiegato bene ai capi di stato una soluzione che beneficcia tutti si trova.

antonio lampis 22.03.18 16:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fuori dall'euro e dall'UE.

Zampano . Commentatore certificato 22.03.18 15:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

i burocrati finanziari proteggono sempre il capitale di poche persone, solitamente banche ma essendo 'istituzionali' il beneficio deva essere di tutta la comunità ed occorre colpire chi ha creato tale situazione volutamente truffaldina. chi ha creato il danno non lo risolve !

mario di genova 22.03.18 12:37| 
 |
Rispondi al commento

Prendete due criminali, metteteli uno vicino all'altro, scattategli una foto e... voilà!
Vedrete le facce di Draghi e Juncker.

Zampano . Commentatore certificato 22.03.18 11:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La separazione tra finanza e credito realizzata dopo la crisi del 1929 ha
permesso di avere un sistemo bancario sano per molto tempo. Le
deregulations partite con la Reganomics hanno portato al destro del 2008-9.
Sarebbe ora di ricominciare ad impedire agli speculatori di usare i soldi
dei risparmiatori


La divisione tra finanza e credito realizzata dopo la crisi del 1929 ha permesso di avere un sistemo bancario sano per molto tempo. Le deregulations partite con la Reganomics hanno portato al destro del 2008-9. Sarebbe ora di ricominciare ad impedire agli speculatori di usare i soldi dei risparmiatori.

Maurizio Tosatto 20.03.18 23:31| 
 |
Rispondi al commento

L'Euro non è irreversibile, come dice un certo Draghi, di irreversibile c'è solo la morte.
Se uno vuole strangolarti reagire è legittima difesa, altro che Europa unita, è unita solo per farci fuori.

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 20.03.18 22:01| 
 |
Rispondi al commento

Era già tutto scritto: si è iniziato a fondare l’europa dalla moneta, che dovremmo chiamare con il suo vero nome : euromarco. Prima si sarebbero dovuto uniformare le legislazione in materia di diritti doveri dei cittadini , disciplinare le tassazioni dei redditi, delle imprese e dei capitali, armonizzare il diritto del lavoro in modo da avere una legislazione comune a tutti i paesi, evitando ,ad esempio, che un’impresa potesse spostare la produzione in paesi dell’unione dove i lavoratori godono di minori tutele e stipendi più bassi, sfruttando di fatto il lavoro con l’avallo delle politiche europee pro multinazionali e contro la dignità dei lavoratori . In questo modo si che sarebbe nata una giusta Europa che avrebbe messo al primo posto le istanze dei cittadini, invece, partendo dalla moneta, si è costruita l’europa delle multinazionali e della finanza: è come se per costruire una casa si fosse partiti dal tetto invece che dalle fondamenta. Quindi non c’è alcuna possibilità di modifica, questa europa va demolita e se possibile rifondata partendo dal basso. Il M5S sta sbagliando con questa gente: i burocrati di Bruxelles, non c’è da accreditarsi c’e solo da contrastarli e smontare le loro nefandezze , NPL e legislazione in tema di banche ne sono un esempio.

Giuseppe Paris 20.03.18 17:09| 
 |
Rispondi al commento

due idee, due leggi, un disegno:
1- Introdurre in costituzione il divieto per governi e parlamenti di sottoscrivere trattati e accordi che siano incompatibili con i principi della Costituzione.
2- Una legge antitrast del settore bancario, che impedisca la formazione di grosse banche e quindi, obblighi quelle già esistenti a ridimensionarsi ed inoltre, vieti ad aziende, famiglie, società, che sono presenti nel C.D.A. di un istituto bancario, di avere altri ruoli manageriali e/o conflitti di interessi con altre banche.
Queste due leggi impedirebbero la concentrazione di troppo potere economico nelle mani di pochi soggetti che così, non potrebbero più condizionare la politica; al tempo stesso impedirebbe alla politica corrotta di violare i diritti costituzionali dei cittadini.

Siano maledetti per sempre Prodi, Ciampi, Draghi, Monti, Andreatta, Amato, Napolitano....... e tutti i collaborazionisti dei nostri oppressori!

Il Barone Zazà 20.03.18 07:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il vero problema è il governo italiota incapace, appunto. Forza 5stelle, unica speranza per questo paese.

max 20.03.18 05:39| 
 |
Rispondi al commento

Altra operazione importantissima è vietare le aziende di recupero crediti

Gianluca Cancelli 19.03.18 21:22| 
 |
Rispondi al commento

Voglio proprio vedere quello del recupero crediti andare a bussare da De Benedetti e dirgli: mi restituisca 600milioni, sono proprio curioso di sapere come va a finire, da svegliarsi dal ridere...


Proteggere le banche italiane vuole solo allungare una agonia. Il nuovo governo deve legiferare una obbligazione di non vendita dei debiti insoluti delle banche, che saranno costrette a convivere con i propri errori, io la vedo una buona opportunità per proporre una subeconomia Nazionale indipendente ma collaborativa, accettare l'euro ma ripristinare la Lira come valuta sociale e nazionale. E promuoverla nei paesi poveri come Africa, Sudamerica e Asiatici. Così si faremmo paura al sistema corrotto. E potremmo risolvere il problema dell'immigrazione pagandoli con una nostra moneta gestita dal Governo è un po' complicato da intendere ma c'è l'ho chiarissimo.


Si parla con una certa continuità di Europa "SI" ed Europa "NO". Da quanto si legge sopra è indubbio che è forte la tentazione per Europa "NO". Insomma, questi farabutti vorrebbero scavalcare il Parlamento, sia quello Nazionale che quello Europeo, unici autorizzati a legiferare, ponendo in atto un vero "colpo di stato" a favore della finanza becera e speculativa contro il "risparmio avveduto" del Popolo. E' questo un vero atto da "MAFIOSI" che bisogna rintuzzare in ogni modo. Si deve quindi formare il nuovo Governo Italiano con estrema urgenza tenendo fuori quanti, in un recente passato, hanno fatto credere che l'Italia era talmente imbecille da farsi mettere i piedi in testa dal "Capitalismo dei ladri" esportatoci dall'America. Reagiamo possibilmente facendo in modo che sia l'Europa dei disonesti a fare retromarcia, riportando le Banche al loro ruolo di casseforti del Popolo e separando la "finanza d'assalto" dal risparmio. Poi, chi vuole suicidarsi si butti nella finanza ma avvisiamolo che in quel mondo ci guadagnano solo i perversi ed i disonesti. Grazie Penso e Ragiono

luigi dentico 19.03.18 19:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

come vostra elettrice e presidente di Movisol, il movimento che fa capo all'economista americano LaRouche, che promuove il ripristino della legge Glass-Steagall al Congresso USA, ritendo che su questo punto sia possibile un accordo di governo, anche con la Lega se necessario, per evitare l'ennesimo governo tecnico imposto dalla BCE


Al punto in cui siamo ora, farsi prendere da fretta e paure varie può essere solo controproducente.Ne abbiamo conferma da quello che sta succedendo nel Regno Unito che ha ancora la sua moneta ed una economia più solida di quella italiana.
Dobbiamo subito riprenderci il peso che ci spetta nell'Unione e recuperare il terreno perso da chi non ha saputo guidare il nostro Paese. È il momento di fare e di osare: piangersi addosso additando chi è responsabile della nostra crisi lo abbiamo già fatto per troppo tempo ed ora, se abbiamo l'opportunità di governare, abbiamo il dovere di fare quello che ci siamo ripromessi perseguendo il bene maggiore, ma se non è possibile, cercheremo di ottenere il male minore.

AngeloA Alessandri 19.03.18 15:24| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno più esperto ed informato sul tema, può spiegare se questa politica dei dazi di Trump può nuocere all'Italia o solo a Francia e Germania. Lo scossone all'Europa e all'euro potrebbe venire da lì, noi esportiamo acciaio e alluminio? Automobili? Una Germania che ha avuto un gran successo economico grazie all'euro, moneta costruita ad immagine e somiglianza con il marco, avrà ancora interesse a difendere l'euro in questa guerra economica dichiarata da Trump? O l'euro morirà di morte naturale vista la fine del suo scopo, cioè creare un 'Europa a trazione francotedesca in concorrenza economica con gli altri stati membri, svantaggiati da questa moneta, e con un surplus economico costante grazie ad esportazioni interne ed esterne all'Europa ? Mantenere buoni rapporti con la Russia, contrastando le sanzioni, che danneggiano le nostre imprese, non è l'unica strada percorribile? Noi abbiamo risorse come cultura, bellezza, città d'arte, mare e paesaggi unici al mondo, non esportabili e non soggetti a dazi. Abbiamo valori inestimabili e l'incapacità di metterli a reddito?


- ; Solo degli sprovveduti possono non aver capito la GARROTA messa al collo
dell’Italia, a partire da tempi lontani. Tenete presente che siamo solo
all’inizio delle danze e il vero balletto macabro inizierà nei primi del
2020. Dovrebbe essere chiaro come il sole e a tutti, anche a chi non è
esperto, che stanno preparando l’assalto finale all’economia privata, che
in Italia è ancora molto importante. Il processo di crescente
impoverimento cui siamo stati sottoposti, col placet di una classe politica
incapace oltre che pavida e servile, ne era ed è un chiaro segno.
Purtroppo chi dovesse governare, se non prenderà immediatamente posizioni
chiare nei confronti di un’Europa bancocratica la cui preoccupazione è
incassare l’interessi su debito, che non ha possibilità di scendere, e
spolpare fino all’osso quei paesi, inetti e in incapaci, che hanno ceduto
la loro sovranità, non solo monetaria, alla bancocrazia che sta facendo,
indisturbata, carne di porco dei nostri diritti, del nostro lavoro, della
nostra dignità, del futuro dei nostri figli. Credo ormai sia chiaro a tutti
che questa non è l’Europa dei popoli ma delle banche. Quello che non è
chiaro, a me personalmente ma credo ai più, cosa intende fare e come il
M5S di fronte a questi epocali e vitali problemi. Personalmente mi alleerei
anche col diavolo pur di mettere mano a questa situazione.

Eticomorale 19.03.18 12:46| 
 |
Rispondi al commento

Guardate che se il M5S non prenderà una posizione netta contro l'Unione Eurocratica e l'Euro, le prossime elezioni le vincerà Salvini.
Accantonare il referendum sull'uscita dall'Eurozona è stato un errore, e Salvini ringrazia di cuore.
Cosa sia l'Unione Eurocratica, quali interessi tuteli e quali fini persegua, tutto ciò è chiaro a chi non voglia nascondere la testa sotto la sabbia.
L'Unione Europea è un organismo oligarchico il cui scopo primario è ricattare i popoli e scipparli delle loro prerogative democratiche. L'Unione Europea è uno strumento delle classi dominanti, d'ispirazione fascista, che trova nella massoneria internazionale il suo humus, brandito contro il progresso civile e sociale delle masse.
Stiamo legittimando un mostro autocratico che porterà soltanto a conflitti e violenza.
La storia non ci ha proprio insegnato nulla?
Quando il M5S accetterà la discussione sull'Italexit? Quando sarà troppo tardi?

Aberto O., BERGAMO Commentatore certificato 19.03.18 12:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

mi auguro che i cittadini truffati trovino giustizia
stefano un cittadino

stefano viola 19.03.18 11:56| 
 |
Rispondi al commento

cosa aspettiamo a uscire da questa europa che non fa altro che roderci le ossa?se siamo vicini al baratro ficcatevi bene in testa che i tedeschi l'unico aiuto che ci danno e di buttarci dentro .

andrea a44, genova Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 19.03.18 11:17| 
 |
Rispondi al commento

come dice la famosa regola popolare di buon senso commerciale:
"mai fare una società con chi ha più soldi di te. prima o poi andrà a finire che quello più ricco ti fagociterà.."

Gianluca S., Prato Commentatore certificato 19.03.18 11:00| 
 |
Rispondi al commento

quindi non basterà uscire dall'euro?
dovremmo pure uscire dalla UE?
:-(

p.s. tanto la Germania è sempre stata guerrafondaia in tutta la sua storia. lo hanno nel sangue il fatto della razza suprema e della supremazia sul mondo intero. Solo da provincia romana stavano al loro posto... :-(

Gianluca S., Prato Commentatore certificato 19.03.18 10:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori