Il Blog delle Stelle
La clausola anti defezione e i finti esperti di Costituzione

La clausola anti defezione e i finti esperti di Costituzione

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 16

di Ugo Grassi, candidato MoVimento 5 Stelle al Senato

È noto che il M5S ha chiesto ad i suoi candidati di sottoscrivere una clausola anti “floor crossing” (in italiano: clausola anti defezione). Il tema è più complesso di quanto credono quei commentatori a digiuno di storia delle Costituzioni e prima di prendere per i fondelli il Movimento sarebbe bene studiare un po’ (studiare fa sempre bene; se i nostri avversari lo facessero, sarebbero un po’ più competenti ed il dialogo democratico ne trarrebbe giovamento).

Com’è noto l’art. 67 cost. dispone che “Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato.” Il mio Maestro, autore dei libri sui quali mi sono formato, fu tra i primi, se non il primo, a sostenere la diretta applicazione della Costituzione ai rapporti privatistici. La clausola penale prevista dal Movimento, in caso di cambio di gruppo parlamentare, è un accordo privatistico. Sì che proprio la dottrina sulla quale mi sono formato potrebbe fornire la strumentazione teorica per far concludere ad un lettore superficiale che la clausola prevista dal M5S è nulla per diretta violazione dell’art. 67 cost. Per coloro che amano i tecnicismi: si dovrebbe dire che la clausola è nulla in forza del combinato disposto tra l’art. 1418 c.c. e l’art. 67 della Costituzione. La conclusione sarebbe tuttavia affrettata e la questione, molto più complessa, banalizzata.

Sempre il mio Maestro ci ammoniva nel senso della necessaria lettura sistematica delle norme: nessuna disposizione è una monade, ognuna fa parte di un sistema e soltanto guardando al sistema nel suo complesso può comprendersi il vero significato della norma. È in questa prospettiva che va analizzata la questione della validità del mandato imperativo. Quest’ultimo è definito quale limite alla rappresentatività dell’eletto, il quale, nell’assemblea legislativa, ha il potere di assumere decisioni solo nell’interesse del gruppo di cittadini che lo ha votato. Tale limite va tuttavia coordinato con la nozione di partito politico, sì che il mandato imperativo può avere diverse gradazioni di rigidità: può imporre al singolo eletto di votare in ubbidienza della volontà del partito il quale a sua volta è limitato a rappresentare solo la classe sociale che lo ha eletto; oppure il mandato imperativo può lasciare libertà di scelta al singolo con esclusione, però, del potere di disattendere, del tutto, le macro scelte politiche alla base della sua elezione sino a poter passare al gruppo avversario.

Il mandato imperativo, agli albori della nascita delle moderne democrazie, apparve subito come incompatibile con il funzionamento della democrazia stessa: se l’eletto è vincolato agli interessi del gruppo sociale che lo ha eletto egli non può esercitare quella mediazione tra opposti interessi che è il vero fulcro della democrazia e che permette alle assemblee legislative di giungere alla migliore soluzione possibile nell’interesse della nazione tutta. L’intralcio di un simile limite apparve evidente quando, durante la rivoluzione francese, il Terzo stato degli Stati Generali (esso rappresentava solo il ceto popolare, con esclusione del clero e dell’aristocrazia) si autoproclamò “Assemblea Nazionale” cioè Camera legislativa di tutta la nazione francese. Nessuno degli eletti poteva considerarsi portatore degli interessi del solo terzo stato e dunque nessuno degli eletti poteva considerare il suo mandato limitato nelle decisioni da assumere.

Com’è stato esattamente osservato, il principio del divieto di mandato imperativo ha un valore in funzione del confronto democratico tra le varie forze politiche organizzate in partiti. Da qui la dottrina costituzionalistica ha osservato che il principio di cui al nostro art. 67 cost. non è altro che una descrizione simbolica del rapporto tra l’eletto ed il partito. In altri termini: il divieto di mandato imperativo deve coniugarsi con una leale tutela delle posizioni politiche del proprio gruppo di riferimento (da intendersi sia quale partito sia quale porzione della società). E qui arriviamo al nodo: il divieto di mandato imperativo reca con sé il principio di lealtà verso le idee politiche difese in campagna elettorale ed in forza delle quali si è stati votati. Il civilista, qual io sono, non ha difficoltà a ricordare che qualunque contratto deve essere eseguito secondo correttezza e buona fede. Dunque il principio di cui all’art. 67 cost. ha un suo interno limite: quello della lealtà verso l’elettore.

Per comprendere se i limiti interni alla libertà di mandato siano essenziali al funzionamento di quella stessa democrazia che della libertà di mandato si nutre, torna assai utile leggere qualche passo della sentenza con cui la Corte Costituzionale sudafricana affrontò il tema. All’epoca l’African National Congress era il partito di assoluta maggioranza e con pratiche di floor-crossing poteva impedire agli altri partiti di dar vita ad un vero dibattito democratico. In pratica le clausole antidefezione previste dalla legislazione erano ritenute valide in un momento di emergenza democratica giacché servivano a rendere palese quell’implicito principio di lealtà che ho sopra menzionato.

“Le parti hanno sostenuto che nelle condizioni prevalenti in Sudafrica la clausola anti defezione fosse una previsione essenziale per promuovere la democrazia. Questo avviene perché noi siamo una democrazia nuova e fragile nella quale il partito di governo controlla quasi i due terzi dei seggi dell'assemblea e ciò comporta che il partito di maggioranza abbia capacità di attrarre i membri di altri partiti offrendo loro incentivi. Si sostiene quindi che se vieni ammessa la defezione è molto probabile che venga indebolita la posizione dei piccoli partiti e dunque la democrazia stessa.” (Constitutional Court of South Africa, case CCT 23/02, october 4, 2002)

Può apparire sorprendente ma la situazione attuale italiana è forse anche più grave di quanto si possa immaginare. Com’è noto, l’attuale legge elettorale contiene le stesse ragioni di illegittimità costituzionale della legge precedente. La dottrina costituzionalistica da sempre sostiene che la reiterazione di leggi già dichiarate incostituzionali costituisce un atto di rottura del patto costituzionale; cioè si tratta di eventi eversivi. La realtà drammatica, dunque, è che in questo momento tutte le forze partitiche tradizionali hanno dato vita ad un tradimento costituzionale che ha condotto il paese in uno condizione di sospensione della democrazia. Detto in modo brutale: in Italia si è instaurata una forma di dittatura silenziosa. Questo blocco unitario di potere (non richiede dimostrazione il fatto che le forze politiche di destra e di sinistra costituiscono in realtà un partito unico al potere) ha quella forza attrattiva e corruttiva attribuita dalla Corte Costituzionale sudafricana all’ANC.

In un simile frangente, dunque, esplicitare il contenuto di lealtà e correttezza connaturato alla libertà di mandato di cui all’art. 67 cost. non è una violazione dell’articolo stesso, bensì una riconferma di esso, anche e soprattutto in ragione del valore fondante dell’art. 1 che ci ricorda che la sovranità appartiene al popolo.

Non sarei allora così sicuro che la clausola anti defezione prevista dal nostro regolamento possa un giorno essere considerata nulla. Non posso prevedere quale sarebbe l’esito finale di un procedimento (di certo lungo) chiamato a giudicare la validità della nostra clausola interna. Per ora quel che è certo è che i nostri avversari studiano poco…

SOSTIENI IL RALLY PER ANDARE AL GOVERNO CON UNA DONAZIONE:

scopriprogramma.jpg



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

23 Feb 2018, 10:05 | Scrivi | Commenti (16) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 16


Tags: anti defezione, clausola, costituzione, ugo grassi

Commenti

 

Egr.Ugo Grassi, mi permetto umilmente di discutere alcune sue affermazioni lette nell'articolo in questione a favore del vincolo di mandato.
Ha scritto: …L’eletto ha il potere di assumere decisioni solo nell’interesse del gruppo di cittadini che lo ha votato. - No, assume decisioni solo nell’interesse della Nazione, che possono coincidere con l’interesse del gruppo di appartenenza.
Ha scritto: il principio del divieto di mandato imperativo ha un valore in funzione del confronto democratico tra le varie forze politiche organizzate in partiti. - NO, ha un valore in funzione del confronto tra “i membri del Parlamento” vedi Art. 68 della Costituzione.
Poi prosegue con: la dottrina costituzionalistica ha osservato che il principio di cui al nostro art. 67 cost. non è altro che una descrizione simbolica del rapporto tra l’eletto ed il partito. - NO, gli Art. 67 e 68 parlano solo del rapporto tra l’eletto e la Nazione.
Ha scritto: il divieto di mandato imperativo reca con sé il principio di lealtà verso le idee politiche difese in campo. - NO, non reca con sé nessun principio.
Ha scritto: Dunque il principio di cui all’art. 67 cost. ha un suo interno limite: quello della lealtà verso l’elettore. - NO, casomai verso la Nazione, ma l’Art. 68 precisa che gli eletti “non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nell’esercizio delle loro funzioni”
Ha scritto: dunque, esplicitare il contenuto di lealtà e correttezza connaturato alla libertà di mandato di cui all’art. 67 cost. non è una violazione dell’articolo stesso, - SI’, esplicitare è una violazione.
Ha scritto: in ragione del valore fondante dell’art. 1 che ci ricorda che la sovranità appartiene al popolo. - OK, E qui siamo al nodo cruciale, il popolo deve scegliere i propri rappresentanti sulla scheda, non come ora che sono scelti da altri.
Cordiali saluti.

Gianni Gasparini 26.02.18 10:14| 
 |
Rispondi al commento

Senza dire del valore politico niente affatto marginale dell'impegno, è importante evidenziare che la clausola anti-defezione (anche astrattamente considerata nella presente sede teorica e non giudiziaria), nella preclara lettura datane dal prof.Ugo Grassi, aggiunge un limite pattizio volto a combattere l'effettivo svuotamento, largamente praticato da più parti proprio nell'ultima legislatura, del mandato di rappresentanza democratica;
tale rappresentanza necessita, invero, di essere rafforzata in tutti i modi possibili se si intende contrastare il sempre maggior concentrarsi del potere decisionale in sedi politico-economiche oligarchiche: questa è la partita che si sta giocando nell'attuale fase politica, che può indirizzarsi verso il consolidamento di un formalismo vieppiù vuoto oppure può evolvere nel senso dell'affermarsi di una democrazia effettiva.

atgis 25.02.18 20:03| 
 |
Rispondi al commento

Chiarissimo Professor Ugo Grassi,
alcuni Suoi rilievi sono condivisibili (sull’emergenza democratica per esempio) pur essendoci una debolezza strutturale nelle Sue argomentazioni (la “floor crossing” sudafricana è una norma presente all’interno della legislazione elettorale di quel Paese, non un patto privato come per il M5s) ed alcune lacune:

- Patti pre-elettorali tra partito e candidati sono ammissibili in astratto ma solo in rapporto al loro tenore si può valutare la loro legittimità costituzionale; io non sono stato in grado di ottenere dalla rete il concreto contenuto dei patti proposti o imposti (di cui Lei non ci fa sapere nulla) dal M5s ai suoi candidati e per questo non sono in grado di valutarli da nessun punto di vista (ma pure la Sua difesa è aporetica se non accenna nemmeno un minimo al contenuto).

- Come Lei ha osservato uno degli elementi di dubbia costituzionalità della legge elettorale sono proprio le liste bloccate in quanto accentrano troppo potere (sia prima che dopo le elezioni) nelle mani del capo-partito: eventuali patti antidefezione possono aggravare questo vulnus alla democrazia.

Ringraziando dell’attenzione

Giancarlo D'Anna 24.02.18 15:17| 
 |
Rispondi al commento

musica per le mie orecchie:"il divieto di mandato imperativo reca con sé il principio di lealtà verso le idee politiche difese in campagna elettorale ed in forza delle quali si è stati votati". Cosa hanno da dire gli SLEALI TRADITORI che hanno lasciato il M5s e se ne sono andati nei vari partiti?

Maria P., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 24.02.18 11:05| 
 |
Rispondi al commento

Non sono in grado di esprimere un parere tecnico, dico solo che sarebbe curioso se i Padri Costituenti avessero scritto l'art. 67 con l'intenzione di permettere a un Razzi di farsi ''li razzi sua''

Ma tutto è possibile, magari erano spiritosi.......

fatevi 'na risata!
Zazà

Il Barone Zazà 24.02.18 06:03| 
 |
Rispondi al commento

Egregio,senza inoltrarmi in complicati tecnicismi mi limito ad osservarLe che l'art.67C.; nella estrema semplicità deGli Editori Costituenti;pone semplicemente la NAZIONE al di sopra dei partiti di cui al precedente art.49C.,eletti i propri rappresentanti con metodo Democratico Essi devono schierarsi nelle prime sedute in gruppi dopodichè se desiderano cambiar...partito...Devono ripassare a nuovo vaglio elettorale.
Il fatto che la situazione sia a qvesti punti è,secondo mio modestissimo parere,frutto di "interpretazioni" come ad esempio sui cd.referendum "senza qvorum"...ma Le sembra normale che per modificare leggi ordinarie Costituzione imponga due vincoli mentre per leggi rango superiori ne basti uno solo...?
Eppure nel 2001 fù omologato un referendum Costituzionale con i si di poco più di metà d'un terzo di partecipanti.
Saluti e cordialità dalla Romagna.

enzo bargellini, Santarcangelo di Romagna Commentatore certificato 23.02.18 15:53| 
 |
Rispondi al commento

Grazie per questo approfondimento.
Risultato siamo dietro al Sudafrica!
Da notare che noi abbiamo da che fare con giudizi"postumi" della Corte Costituzionale,che nel frattempo permette ai Governi illegittimi di approvare leggi nefaste per il popolo(perdita di potere e quindi di democrazia)

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 23.02.18 14:29| 
 |
Rispondi al commento

I nostri avversari studiano anche la notte, ma solo per inventare leggi a favore dei loro interessi!

vincenzo roca, foggia Commentatore certificato 23.02.18 12:29| 
 |
Rispondi al commento

Il partito unico al potere è il vero grande cancro di questo paese, speriamo che la gente italiota abbia finalmente capito...
Forza 5stelle, unica speranza.

max 23.02.18 12:26| 
 |
Rispondi al commento

Alla luce di questi chiarimenti, forse sarebbe il caso di iniziare a chiedere di pagare le penali e i danni a ai voltagabbana e a coloro che hanno tradito il m5s.

Paola 23.02.18 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Un partito unico al potere, con le facce di pd, fi e soci. Forza 5stelle, unica speranza per questo paese.

Luca Freeman Commentatore certificato 23.02.18 11:50| 
 |
Rispondi al commento

POTREBBE ANCHE ESSERE CHE CHI VUOLE CAMBIARE CASACCA DEVE PRIMA CHIEDERE AL SUO ELETTORATO L'APPROVAZIONE. SI FA UNA VOTAZIONE ONLINE NEL TERRITORIO, SE PRENDE LA MAGGIORANZA SE NE VA SE PERDE LASCIA IL POSTO AL PRIMO NON ELETTO

Poiex Xeiop Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 23.02.18 11:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E tutto questo con la benedizione di Mattarella, depositario e custode della nostra democrazia.
Dovrà dare molte spiegazioni agli italiani.

Paola 23.02.18 11:42| 
 |
Rispondi al commento

Però, potrebbe anche essere che, magari, lo sanno benissimo ma, pur di intorbidare le acque, di dare fastidio, di inventarsi qualsiasi cosa che possa mettere in cattiva luce il MoVimento, fanno finta di non saperne niente.

Ricordiamoci che, da sinistra e da destra, per costruire bugie, false notizie, hanno assoldato dei professionisti.

Vincenzo C., Strambino Commentatore certificato 23.02.18 11:40| 
 |
Rispondi al commento

Bellissimo articolo.....
.....SEMPRE PIU' MOVIMENTO5STELLE!!!!!

ANNA PONISIO Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 23.02.18 11:23| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori