Il Pd e i chip sui lavoratori

di Luigi Di Maio

È bene fare chiarezza: se in Italia si possono mettere dispositivi addosso ai lavoratori è grazie al Jobs Act. È incredibile che il Pd, che ha fatto la legge per mettere i transponder addosso agli esseri umani, adesso critichi Amazon.

Quando si discutevano i decreti attuativi del Jobs Act, il MoVimento 5 Stelle fu l’unica forza politica a protestare contro i metodi invasivi di controllo a distanza che il governo Renzi stava approvando.

Io, naturalmente, come tutti gli altri portavoce del MoVimento, sono contro quel provvedimento che permette ad aziende – anche partecipate dallo Stato – di mettere chip nelle scarpe dei lavoratori o braccialetti al polso dei dipendenti. La nostra posizione rimane la stessa del 2015, eravamo contrari allora e lo siamo ancora adesso.

Sono invece curioso di sapere cosa ne pensano tutti gli esponenti del Partito Democratico che oggi urlano allo scandalo e attaccano Amazon per una legge che loro hanno voluto, scritto e votato. Come al solito, pur di raccattare qualche voto, continuano a coprirsi di ridicolo.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr